Infermieristica Disabilità Informatica - Tech vs Digital Divide

  • 662 views
Uploaded on

Tecnologie innovative per promuove l’accettazione dinamica delle barriere digitali …

Tecnologie innovative per promuove l’accettazione dinamica delle barriere digitali

  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
662
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0

Actions

Shares
Downloads
10
Comments
0
Likes
0

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. Infermieristica Disabilità Informatica Tech vs Digital Divide Tecnologie innovative per promuove l’accettazione dinamica delle barriere digitali Roberto Mancin - Dipartimento di Pediatria Salus Pueri Centro d’Ateneo di Servizi e Ricerca per la Disabilità, la Riabilitazione e l’Integrazione Corso di Laurea Triennale in Infermieristica
  • 2. Slide on-line www.pediatria.unipd.it Dipartimento Servizi di supporto Servizio informatico Informatica pediatrica
  • 3.
    • … responsabile del processo di assistenza che si realizza attraverso interventi specifici, autonomi e complementari di natura:
      • intellettuale,
      • *tecnico-scientifica* ,
      • gestionale,
      • relazionale,
      • educativa.
    • Le principali competenze e attività dell'infermiere riguardano dunque:
      • *l'assistenza ai malati e ai disabili di tutte le età*,
      • la prevenzione delle malattie,
      • l'educazione sanitaria.
    L'infermiere è il professionista sanitario … Da it.wikipedia.org/wiki/Infermiere
  • 4.
    • Il processo di assistenza consiste nella presa in carico dell'individuo che presenti un bisogno di salute ; possiede le seguenti caratteristiche:
      • è un modello logico e si basa sulla metodologia scientifica del problem-solving
      • è ordinato e sistematico;
      • è interdipendente (team work);
      • offre assistenza individualizzata;
      • * è centrato sul paziente e sui suoi punti di forza;*
      • il suo uso è appropriato in tutto l'arco della vita;
      • può essere usato in tutti gli ambienti.
    • Il processo d'assistenza ha come importanza:
      • *Promuove la collaborazione* tra le varie discipline e figure professionali,
      • * Incoraggia la partecipazione del paziente e promuove la sua autonomia,*
      • Spiega agli altri le funzioni di un infermiere,
      • Promuove l'assistenza personalizzata,
      • * È efficiente* (miglior rapporto costo-beneficio).
      • * È efficace* (qualità prestazione sanitaria oggettiva e soggettiva)
    … responsabile del processo di assistenza Da it.wikipedia.org/wiki/Infermiere
  • 5.
    • Il processo di assistenza
    • centrato sui punti di forza (logica ICF)
    • dei clienti del servizio infermieristico
    • promuove e incoraggia:
      • accettazione dinamica del “Digital Divide”
      • conseguente efficace superamento
    • in ogni età
    • attraverso tecnologie di qualità
    Sommario
  • 6. 1 Il processo di assistenza infermieristica
  • 7.
    • 1 Processo di assistenza infermieristica
      • 1.1 Efficiente (automatizzata costi/benefici)
      • 1.2 Efficace (qualità)
        • 1.2.1 oggettiva (medico-scientifica)
        • 1.2.2 soggettiva percepita
          • 1.2.2.1 Implicita o attesa (pulizia, pasti caldi)
          • 1.2.2.2 Esplicita (richieste)
          • 1.2.2.3 Latente (attenzione, reciprocità, empatia)
    • N.B. Un assistenza infermieristica non efficiente comporta non di rado l'impoverimento della competenza professionale dell'infermiere e la sua sostituzione con personale meno qualificato.
    Il processo di assistenza infermieristica
  • 8. 2 Centrato sui punti di forza (Logica ICF)
  • 9.
    • L' ICF è la classificazione del funzionamento, disabilità e della salute, adottata dall'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) il 22 maggio 2001.
    • La classificazione ICF completa la classificazione ICD-10 che contiene informazioni sulla diagnosi e sulle cause delle malattie.
    • L'ICD-10 e l'ICF usati in modo complementare forniscono un quadro globale della malattia e del funzionamento dell'individuo.
    • Il funzionamento e la disabilità sono viste come una complessa interazione tra le condizioni di salute dell'individuo e l'interazione con i fattori ambientali e personali.
    ICF International Classification of Functioning, Disability and Health Da http://it.wikipedia.org/wiki/International_Classification_of_Functioning,_Disability_and_Health
  • 10.
    • L'ICF è strutturato in 4 principali componenti:
      • Funzioni corporee (funzioni mentali, sensoriali, motorie, genitourinarie, …)
      • Strutture corporee (sistema nervoso, occhio, orecchio, muscolatura, …)
      • Attività (attività e partecipazione in relazione a capacità e performance)
      • Fattori ambientali (supporto, servizi, politiche, relazioni, tecnologie)
    • La classificazione utilizza questi 4 spazi come dinamici e in interazione, non come statici.
    • L’ICF è uno strumento usato dal 2001 soprattutto da chi lavora nel campo della disabilità (psicologi, legislatori, ass. sociali, ..)
    • Essendo la disabilità è un'interazione con l'ambiente , l'L'ICF è applicabile da tutti a tutte le persone
    ICF International Classification of Functioning, Disability and Health Da http://it.wikipedia.org/wiki/International_Classification_of_Functioning,_Disability_and_Health
  • 11.
    • “ Quei cittadini infelici e minorati che la natura ha creato diversi e dipendenti dagli altri: handicappati, non vedenti, sordomuti… il cui recupero è oggi affidato in prevalenza ad uomini e donne di buona volontà.” da una mozione presentata il 21 aprile 1994 in Senato
    • Il processo di assistenza infermieristica si deve attuare secondo un approccio globale, che prenda in considerazione la persona con le sue abilità, il contesto e le sue dinamiche, le funzioni attese e i fattori ambientali
    • Questo si sposa quindi con le dimensioni che ICF definisce come "attività" e "partecipazione", esplorate in rapporto al contesto sociale, culturale ed economico in cui si colloca la persona.
    • Il tutto nella logica di un intervento adeguatamente evolutivo e modulabile.
    Centrata sui punti di forza
  • 12. 3 Dei clienti/utenti con disabilità o momentaneamente abili (TAB temporaly abled bodied) dei servizi infermieristici
  • 13.
    • Deprecabile + handicappato, disabile, orbo, sordomuto, mongoloide, psico-nano
    • Deprecabile paziente confinato o ridotto su una sedia a rotelle
    • Deprecabile paziente portatore di disabilità o handicap
    • Deprecabile paziente diversamente abile o diversabile
    • Tollerabile paziente disabile
    • Universale persona con disabilità (with a disability)
    • ICF OK persona con una ridotta funzionalità delle strutture corporee collegate alla deambulazione
    Centrata sui punti di forza
  • 14.
    • 4
    • promuove e incoraggia
            • autonomia e partecipazione attiva
            • pronta accettazione delle barriere
  • 15.
    • Vinton Gray Cerf nasce il 23 giugno del 1943 a New Haven, nello stato del Connecticut. In realtà sarebbe dovuto nascere alla fine di Luglio ma già alla nascita Vint si dimostrò un grande anticipatore.
    • E' probabile che tanta fretta di nascere e le conseguenti 6 settimane trascorse in incubatrice gli abbiano danneggiato l'udito tanto che a 13 anni inizia ad utilizzare degli apparecchi acustici per curare la sua sordità.
    • Nel 1972 finisce il dottorato presso il dipartimento di informatica dell'Universita di California ma continua a lavorare al progetto ARPAnet ed a collaborare con Robert Khan e sarà con lui che nel 1974 pubblica un articolo "storico" dal titolo "A Protocol for Packet Network Intercommunication", nel quale veniva specificato un protocollo estremamente innovativo - denominato Transmission-Control Protocol (TCP). Per chi non lo sapesse la suite di protocolli TCP/IP ancora oggi permette ad Internet di funzionare e per questo Cerf e Khan sono chiamati " i padri di Internet "
    Pronto ed efficace superamento
  • 16.
    • Da http://it.wikipedia.org/wiki/Digital_divide
    • Il digital divide è il divario esistente tra chi ha accesso effettivo alle tecnologie dell'informazione (in particolare personal computer e internet) e chi ne è escluso, in modo parziale o totale. I motivi di esclusione comprendono diverse variabili: condizioni economiche, livello d'istruzione, qualità delle infrastrutture, differenze di età o di sesso, appartenenza a diversi gruppi etnici, provenienza geografica.
    accettazione dinamica del “digital divide”
  • 17. 5 in ogni età
  • 18. In ogni età Ieri: SOLO se adulti e sani Età % Normalità
  • 19. Età In ogni età Oggi: quasi per tutti (universis) % Normalità
  • 20. Età In ogni età Domani: (universis) per tutti % Normalità
  • 21. 6 Attraverso tecnologie Innovative e di qualità
  • 22. Tecnologie per la comunicazione di qualità con “chi poco si muove”
  • 23. Tu sei libero di riprodurre, distribuire, esporre in pubblico quest'opera; alle seguenti condizioni: BY - Attribuzione. Devi attribuire la paternità dell'opera. NC - Non commerciale. Non puoi usare quest'opera per fini commerciali. SA - Condividi nello stesso modo. Se alteri o trasformi quest’opera usa una licenza identica o equivalente. Licenza di utilizzo CC- BY-NC-SA
  • 24. Tu sei libero di non seguire questi consigli nel creare contenuti digitali; alle seguenti condizioni: Spreco . Creare oggetti intrinsecamente accessibili evita costosi adeguamenti. Miopia . Ogni “normodotato” è abile solo temporaneamente e relativamente. Inciviltà . Violazione legge 4/2004 e standard internazionali ISO/W3C Licenza di *non* utilizzo
  • 25. con l’accetta (se serve) Buona Accettazione www.pediatria.unipd.it Dipartimento Servizi di supporto Servizio informatico Informatica pediatrica