Che cos’e’ la mafia

4,794 views
4,276 views

Published on

0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
4,794
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
98
Actions
Shares
0
Downloads
48
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Che cos’e’ la mafia

  1. 1. ISTITUTO MAGISTRALE G. MARCONI INDIRIZZO SOCIO PSICO PEDAGOGICO ANNO SCOLASTICO 2004/2005 ESAME DI MATURITA’ LORENA ESPOSITO CLASSE 5^A
  2. 2. LA MAFIA: IL CANCRO DELL’ITALIA
  3. 3. CHE COS’E’ LA MAFIA? <ul><li>MODO DI CONCEPIRE LA VITA, INTESA COME SODDISFACIMENTO DEI PROPRI DESIDERI, EGOISMI CONTRO GLI INTERESSI DELLA COLLETTIVITA’ E DELLO STATO. </li></ul>
  4. 5. RAPPORTI MAFIA - POLITICA <ul><li>“ E’ L’ESSENZA STESSA DELLA MAFIA CHE COSTRINGE L’ORGANIZZAZIONE A CERCARE IL CONTATTO CON IL MONDO POLITICO ” </li></ul><ul><li>Paolo Borsellino </li></ul><ul><li>Mafia dentro e con lo stato: COLLUSIONE </li></ul><ul><li>- verso l’economia; </li></ul><ul><li>- verso la politica; </li></ul><ul><li>- verso la giustizia; </li></ul>
  5. 6. “ Non c’è una supercupola, formata da qualche decina di persone misteriose, che impartisce ordini; c’è invece una serie di relazioni che vanno dall’identificazione tra politici, alta e media borghesia e mafiosi, alla contiguità e allo scambio… Non siamo di fronte ad un’isola, ad un arcipelago o ad un continente.” Umberto Santino
  6. 7. RAPPORTI MAFIA – SOCIETA’ <ul><li>ELEVATO TASSO DI OMERTA’ </li></ul><ul><li>“ Uno stato è davvero forte soltanto quando alla lotta contro il crimine unisce la lotta contro le cause sociali, diventando così uno strumento di coerenti riforme sociali.” Herman Hess </li></ul>
  7. 8. ORGANIZZAZIONI CRIMINALI IN ITALIA <ul><li>COSA NOSTRA (Sicilia) </li></ul><ul><li>- Struttura unitaria e piramidale ; </li></ul>FAMIGLIA FAMIGLIA - Capo Famiglia - Capo Famiglia - Uomini d’onore - Uomini d’onore CUPOLA CUPOLA - Capo Commissione - Capo Commissione - Capi Mandamento - Capi Mandamento
  8. 9. <ul><li>- Proprio ordinamento di leggi orali </li></ul><ul><li>Controllo totale del territorio </li></ul><ul><li>- Uso sistematico della violenza </li></ul><ul><li>della coercizione </li></ul><ul><li>dell’ intimidazione </li></ul><ul><li>Esecutore di “delitti eccezionali” </li></ul>
  9. 10. STRAGE DI CAPACI: 23 MAGGIO 1992
  10. 12. STRAGE DI VIA D’AMELIO: 19 LUGLIO 1992
  11. 13. <ul><li>LA CAMORRA (Campania) </li></ul><ul><li>struttura pulviscolare </li></ul><ul><li>LA ‘NDRANGHETA (Calabria) </li></ul><ul><li>impianto familiare </li></ul><ul><li>SACRA CORONA UNITA (Puglia) </li></ul><ul><li>(simile al gangsterismo urbano) </li></ul>
  12. 14. IL NARCOTRAFFICO <ul><li>ANNI ’70 Ingresso della mafia nel </li></ul><ul><li>traffico degli stupefacenti </li></ul><ul><li>DROGA: dall’olandese “droog” – “cosa secca” </li></ul><ul><li>DROGHE LEGALI E ILLEGALI </li></ul><ul><li>AREE DI PRODUZIONE </li></ul>
  13. 15. <ul><li>MODALITA’ DI TRASPORTO </li></ul><ul><li>VOLUME D’AFFARI </li></ul><ul><li>STRATEGIE DI OPPOSIZIONE </li></ul>
  14. 16. IL MUTAMENTO DELLA DEVIANZA CRIMINALE <ul><li>FATTORI ORGANIZZATIVI FUNZIONALI: </li></ul><ul><li>1) Strutture; </li></ul><ul><li>2) Funzioni; </li></ul><ul><li>3) Leggi e regolamenti </li></ul><ul><li>FATTORI DELLA STRATEGIA OPERATIVA: </li></ul><ul><li>1) Caratteri e modalità operative; </li></ul><ul><li>2) Coesione del gruppo mafioso; </li></ul><ul><li>FATTORI DELLA STRATEGIA OPERATIVA: </li></ul><ul><li>1) Caratteri e modalità operative; </li></ul><ul><li>2) Coesione del gruppo mafioso; </li></ul><ul><li>3) Gli aspetti del sostegno </li></ul>
  15. 17. <ul><li> GLI ASPETTI DEL SOSTEGNO: - Sostegno attivo; - Sostegno dei fiancheggiatori; - Sostegno legale; - Sostegno degli opportunisti; - Sostegno degli indifferenti; - Sostegno della mentalità mafiosa </li></ul>“ La mafia dà lavoro.”
  16. 18. LA STORIA DELLA QUESTIONE MERIDIONALE FINO AI NOSTRI GIORNI <ul><li>“ L’ Italia meridionale è stata per secoli, un paese in preda alle usurpazioni e prepotenze baronali, povero, con agricoltura primitiva, con scarsissima ricchezza mobiliare, con diffuso servilismo e congiunta ferocia, e, insomma, in condizioni tutt’altro che prospere, eque e benigne.” </li></ul><ul><li>Benedetto Croce </li></ul>
  17. 19. <ul><li>Prima del 1861: DIVARIO TRA NORD E SUD </li></ul><ul><li>Dopo del 1861: - nel NORD Milano </li></ul><ul><li>Torino Genova </li></ul><ul><li>- nel SUD: brigantaggio </li></ul><ul><li>1950: CASSA PER IL MEZZOGIORNO </li></ul><ul><li>(cattedrali nel deserto) </li></ul>
  18. 20. LEGGE ROGNONI LA TORRE <ul><li>Legge 1423/1956 </li></ul><ul><li>Legge 575/1965 </li></ul><ul><li>Legge Reale 152/1975 </li></ul><ul><li>LEGGE ROGNONI LA TORRE: </li></ul><ul><li>13 SETTEMBRE 1982 </li></ul><ul><li>introduzione dell’ art. 416 bis </li></ul>
  19. 21. L’EDUCAZIONE AI VALORI MORALI <ul><li>“ La lotta alla mafia non deve essere soltanto una distaccata opera di repressione, ma un movimento culturale e morale, anche religioso, che coinvolga tutti, che tutti abitui a sentire la bellezza del fresco profumo di libertà che si oppone al puzzo del compromesso morale, dell’indifferenza, della contiguità, e quindi della complicità.” Paolo Borsellino </li></ul>
  20. 22. - ASPETTI PROBLEMATICI DELLA CONDIZIONE ADOLESCENZIALE gregarismo indifferenza verso un sistema morale - EDUCARE LA PERSONA ritorno al significato ontologico dell’uomo con MARITAIN
  21. 23. “ Il giovane deve crescere in modo che nel futuro, quando sarà cittadino a pieno titolo, non sia soggetto alla tentazione di gridare:<<La mafia dà lavoro.>>” P.B.
  22. 24. SOREN KIERKEGAARD <ul><li>- Filosofia del SINGOLO </li></ul><ul><li>ESISTENZA COME POSSIBILITA’ </li></ul><ul><li>“ Nella possibilità tutto è ugualmente possibile e chi fu realmente educato mediante la possibilità ha compreso </li></ul><ul><li>tanto il lato terribile quanto quello </li></ul><ul><li>piacevole di essa.” Kierkegaard </li></ul>
  23. 25. - GLI STADI DELL’ ESISTENZA: 1) Vita estetica; 2) Vita etica; 3) Vita religiosa - L’ ANGOSCIA: rapporto dell’ uomo con il mondo - LA DISPERAZIONE: rapporto dell’ uomo con se stesso antidoto: FEDE IN DIO
  24. 26. LA CONDIZIONE MERIDIONALE NELLA NARRATIVA DI VERGA <ul><li>VERISMO: - teorico LUIGI CAPUANA </li></ul><ul><li>- esponente GIOVANNI VERGA </li></ul><ul><li>ECLISSE E REGRESSIONE dell’ autore </li></ul><ul><li>IMPERSONALITA’ </li></ul><ul><li>REALTA’ IMMODIFICABILE </li></ul><ul><li>PROTAGONISTI: I VINTI </li></ul><ul><li>TECNICA DELLO STRANIAMENTO </li></ul><ul><li>PROTAGONISTI: I VINTI </li></ul>
  25. 27. - ROSSO MALPELO (1878): effetto di straniamento “Malpelo si chiamava così perché aveva i capelli rossi; ed aveva i capelli rossi perché era un ragazzo malizioso e cattivo…” - I MALAVOGLIA (1881): 1) Lotta per i bisogni materiali; 2) Struttura bipolare; 3) Tempo ciclico e storico; 4) Effetto di straniamento
  26. 28. GOODFELLAS <ul><li>ORIGINAL TITLE: Goodfellas </li></ul><ul><li>NATION: U.S.A. </li></ul><ul><li>YEAR: 1990 </li></ul><ul><li>DIRECTION: Martin Scorsese </li></ul><ul><li>CAST: RAY LIOTTA </li></ul><ul><li>ROBERT DE NIRO </li></ul><ul><li>JOE PESCI </li></ul><ul><li>PAUL SORVINO </li></ul><ul><li>LORRAINE BRACCO </li></ul>

×