Programma elettorale 2009 della lista civica Rinnovamento e Sviluppo

4,355 views
4,183 views

Published on

Programma elettorale 2009 della lista civica Rinnovamento e Sviluppo

0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
4,355
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
27
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Programma elettorale 2009 della lista civica Rinnovamento e Sviluppo

  1. 1. 14 Punti per rinnovare Castellazzo Bormida
  2. 2. 1 Prosecuzione dell’opera di valorizzazione delle coltivazioni locali, attraverso la creazione di una dettagliata cartellonistica, e promozione di un’agenzia territoriale per la valorizzazione del comparto agricolo, incentrata sulla promozione del territorio e sul riconoscimento delle sue “tipicità”. Censimento delle coltivazioni tipiche e impegno attivo nell’ottenimento della denominazione DOC per i prodotti già ritenuti idonei. Valorizzazione delle fasce agricole di rispetto e incentivazione, da subito e con premi in denaro, agli agricoltori i cui terreni vi rientrano e che promuovono particolari colture e/o tecniche innovative di coltivazione. Sostegno alle iniziative legate all’agriturismo, come strumento importante per la valorizzazione dei fabbricati rurali e del paesaggio. Un’attenzione particolare verrà dedicata ai residenti delle località extra-urbane solitamente trascurate dai programmi amministrativi, i quali avranno nel consigliere delegato un referente per tutte le problematiche emerse nel corso del mandato, che verranno, in tal modo, portate all’attenzione del Consiglio Comunale. Agricoltura e territori extra-urbani
  3. 3. 2 Commercio e artigianato Promozione della risorsa commercio locale attraverso il patrocinio di iniziative ed eventi volti a far conoscere l’offerta commerciale del paese. Estendere, nei periodi di particolare rilievo, la conoscenza della risorsa locale alla Provincia attraverso il “Programma Comunale di Valorizzazione del Commercio e dell’Artigianato”. Promozione del comparto attraverso la rivisitazione dello sportello unico per le imprese, per l’avvio e la gestione delle attività commerciali e artigianali, con il compito di risolvere le maggiori difficoltà di natura informativa. Creazione dell’Albo Locale delle Imprese, il cui sportello aggiornerà costantemente su tutte le agevolazioni finanziarie (Stato, Comunità Europea) mirate al potenziamento produttivo del territorio comunale e all’aumento occupazionale. L’obiettivo sarà stimolare la crescita commerciale a favore degli investimenti nel paese. Attivazione dell’iniziativa “Compra a Castellazzo” a favore della spesa scontata e della valorizzazione dei prodotti tipici locali: i commercianti che vi aderiranno otterranno un rimborso della tassazione da parte del Comune.
  4. 4. 3 Riqualificazione e potenziamento del sistema acquedotto, rifacimento dei tratti maggiormente datati e miglioramento della rete fognaria dal concentrico alla periferia, con pulizia programmata dei fossi di scolo e caditoie come importante prevenzione da alluvioni e inondazioni. I lavori pubblici dei prossimi cinque anni saranno incentrati sulla ristrutturazione del patrimonio pubblico, con particolare riguardo alle strade prive di adeguata manutenzione ed ai consorzi di gestione delle strade rurali che verranno adeguatamente finanziati al fine di favorire una corretta fruibilità da parte degli operatori agricoli, nonché sulla promozione e valorizzazione dei percorsi verdi e naturalistici del nostro Comune. Considerata la presenza sul territorio comunale di circa 47 chilometri di strade, realizzeremo da subito un particolareggiato “piano asfalti” e un “piano neve” che consentano la giusta cadenzialità nel rifacimento del manto stradale ed un tempestivo intervento di sgombro della neve da tutte le arterie comunali, con particolare attenzione a marciapiedi e camminamenti pedonali. Rivalutazione del complesso cimiteriale, della viabilità e del servizio di raccolta rifiuti al suo interno, con previsione di ampliamento e la realizzazione di un’area per lo spargimento delle ceneri funerarie. Realizzazione della necessaria opera di manutenzione della rete stradale comunale nel rispetto della struttura architettonica già esistente, della viabilità e dei posti macchina attuali. Restauro delle opere antiestetiche e valorizzazione dei monumenti presenti, promuovendo interventi mirati alla riqualificazione architettonica del Torrione e della Torre dell’Orologio. Adeguamento immediato delle attuali strutture scolastiche, volto a migliorare la vivibilità e la sicurezza degli edifici. Riqualificazione e rifacimento del concentrico, programmando quali primi interventi Piazza Vittorio Emanuele II e via XXV Aprile. Attivazione del piano di fattibilità per il recupero dell’area del complesso ex cinema “Rivoli” da adibire a sala polifunzionale culturale, centro giovani e ludoteca. Operazione strategica nell’ottica di riqualificare un’area fortemente degradata in pieno centro. Realizzazione di aree idonee al parcheggio di mezzi pesanti ed aree attrezzate per il servizio camper.   Lavori pubblici
  5. 5. 4 Introduzione del “Consigliere Responsabile alla Sicurezza”, trasferendo in capo all’Amministrazione Comunale la primaria responsabilità di coordinamento del comando di Polizia Municipale, con potenziamento del servizio di pattuglia rivolto a garantire la sicurezza dei cittadini e la tutela del patrimonio pubblico e privato. Attivazione dello “Sportello Immigrati” in capo al Servizio di Polizia, con il compito di esercitare il controllo dell’immigrazione sul territorio comunale e di favorire la massima integrazione possibile. Potenziamento del telecontrollo attraverso l’installazione di telecamere in aree sensibili di vigilanza. Garantire, attraverso la Polizia Municipale, azioni di prevenzione presso gli istituti scolastici, vigilanza notturna a zone periferiche e cascine isolate, monitoraggio dei centri di potenziale occupazione abusiva, nonché attività di sensibilizzazione a fini preventivi su possibili forme di truffe o raggiri. Valutazione di meccanismi atti ad incentivare la sicurezza passiva attraverso la convenzione tra Comune, Assicurazioni, Associazioni di categoria e privati. Potenziamento dell'illuminazione pubblica presente nelle aree già oggetto di atti vandalici. Adeguamento operativo del Servizio di Protezione Civile, attraverso la dotazione annuale di un fondo di emergenza da utilizzarsi per la formazione della popolazione in caso di eventi calamitosi. Attivazione di un punto coordinato di crisi capace di gestire ogni possibile evento catastrofico, con reperimento immediato del soccorso e creazione di un’area capace di ospitare nuclei abitativi in emergenza. L’attenzione alla sicurezza e l’organizzazione della protezione civile saranno presenti sin dalle fasi iniziali a tutti i livelli di pianificazione e progettazione nell’ambito urbano. Sicurezza e protezione civile
  6. 6. 5 Attivazione di un lavoro di rete volto a definire un protocollo di intesa tra il Comune e le varie agenzie educative presenti sul territorio (Scuola, Parrocchia, Associazioni) per realizzare un “progetto educativo” triennale che veda un’unità di intenti tra i vari soggetti firmatari. Realizzazione di una serie di iniziative culturali e di educazione civica tra cui: - percorsi di educazione alla lettura per ragazzi dai 10 ai 12 anni e laboratori di lettura “LIBRI IN FESTA” (dai 5 ai 12 anni); - rassegne teatrali e cinematografiche atte a favorire l’aggregazione tra le fasce più giovani della popolazione; - giornate di gioco e studio con svolgimento di attività legate al rispetto dell’ambiente, all’agricoltura biologica ed alla scoperta di nuovi aspetti del territorio; - educazione stradale, attraverso la conoscenza del ruolo educativo del vigile urbano; - consiglio comunale dei ragazzi. Realizzazione di un “Centro Giovani” capace di aggregare i ragazzi di ogni età, creando uno spazio aperto per la musica, con sale prove, rassegne musicali estive, workshop e corsi di musica. Attivazione di una consulta comunale giovani per la proposizione ed organizzazione di attività culturali finalizzate all’aggregazione. Politiche giovanili
  7. 7. 6 Sport e tempo libero L’aspetto educativo e di crescita individuale dei giovani attraverso lo sport, qualunque esso sia, non è per nulla da sottovalutare. Sarà infatti prioritaria la rivalutazione degli impianti ludici e sportivi presenti sul nostro territorio, completando l’offerta sportiva attraverso la realizzazione di una struttura coperta e polifunzionale a servizio non solo dello sport, ma anche di iniziative culturali. Lancio di una nuova manifestazione annuale: la Festa dello Sport, con elezione e premiazione dello “Sportivo dell’anno”. Inserimento di una nuova iniziativa riguardante il censimento delle Associazioni impegnate e operanti nel territorio, di estrazione civile e/o religiosa, che intendono adoperarsi nella gestione delle attività riguardanti il tempo libero. Creazione di un comitato di gestione, con incarico affidato specificatamente ad un consigliere eletto, dotato di regolamento proprio e sede presso il Palazzo Comunale, per la gestione compartecipativa delle risorse conferite annualmente dall’amministrazione Comunale al settore “Iniziative per il Tempo Libero”. L’impegno in questo settore sarà inoltre rivolto allo stimolo di nuove iniziative e proposto come aggiornamento di quelle attualmente presenti sul territorio, al fine di favorire un’adeguata risposta turistica e promozionale del territorio. Introduzione sul territorio di zone ludiche dotate di parco giochi, nella zona urbanizzata di via Madre Teresa di Calcutta, zona Santo Stefano, strada Castelspina, località Rampina, migliorando quelle attualmente esistenti attraverso una costante pulizia e vigilanza. Creazione di apposite convenzioni con il CONI provinciale e le strutture ginnico/sportive limitrofe per attività non presenti sul territorio. Continuo sostegno alle Associazioni e Società sportive presenti sul territorio attraverso supporto economico e premiazione dei risultati ottenuti e degli investimenti affrontati.
  8. 8. 7 La gestione delle risorse economiche sarà intesa e rivolta alla ricerca delle forme di finanziamento di natura extratributaria (finanziamenti provinciali, regionali ed europei) che possono permettere l’incremento dei fondi. Mantenimento invariato del livello di tassazione con la ricerca di una costante riduzione attraverso progettualità pluriennali. Rideterminazione dei costi dell’Amministrazione Comunale, evitando gli sprechi che incidono sulla spesa corrente (acquisto di beni di consumo, prestazioni di servizi) e la razionalizzazione della risorsa, ben considerando la finalità che ogni intervento di spesa deve generare sul territorio quale servizio alla collettività, adottando la politica del buon padre di famiglia. I punti cardine della gestione saranno quindi l’onestà e la trasparenza della spesa pubblica. Gestione economica
  9. 9. 8 Nel ruolo di educazione civica propria delle Amministrazioni Comunali, non possiamo dimenticare e “scavalcare” il ruolo fondamentale della famiglia, per cui verranno immediatamente realizzate iniziative rivolte a genitori e figli tra cui un’attività di ascolto, informazione e consulenza da parte di esperti. Tutto questo ha lo scopo di individuare il percorso più adeguato per ogni singolo componente del nucleo famigliare e di sostenerne il ruolo educativo in base alle risorse rese annualmente disponibili dall’Amministrazione Comunale. Questo obiettivo sarà possibile con l’attivazione di uno Sportello per la Famiglia, in grado di garantire la semplificazione delle procedure d’intervento in ambito socio-assistenziale. Un’altra iniziativa, ma dall’aspetto economico, sarà quella di sostenere e, dove necessario, integrare l’acquisto di beni di prima necessità (latte in polvere, pannolini) a favore delle famiglie indigenti con neonati a carico, segnalate dal servizio sociale territoriale. L’assistenza socio-assistenziale riguarderà non solo i più giovani, ma anche la popolazione più anziana, attraverso l’attivazione di politiche di agevolazioni fiscali in materia socio-sanitaria. Estensione dell’esenzione del servizio di mensa scolastica per le famiglie a reddito ISEE minimo. Verrà istituito un nuovo servizio di mediazione culturale con il compito di favorire politiche d’integrazione, attraverso scambi culturali, eventi e momenti d’aggregazione d’intesa con lo “Sportello Immigrati”, al fine di agevolare l’uso dei servizi amministrativi e delle politiche di intervento socio-assistenziale. Sostegno alla maternità per le madri che non hanno avuto diritto ad alcuna indennità. Ogni atto amministrativo avrà quindi come cardine il riconoscimento e la promozione delle pari opportunità. Politiche per la famiglia e pari opportunità
  10. 10. 9 Cultura e istruzione Creazione di un fondo per la realizzazione di percorsi formativi e di un relativo comitato di gestione, coordinato in collaborazione con gli istituti scolastici presenti sul territorio; l’iniziativa sarà finalizzata alla qualificazione dell’offerta culturale. Il servizio di crescita culturale porterà anche all’attivazione della “borsa dei libri” per gli studenti della scuola media residenti a Castellazzo Bormida. In collaborazione con i comuni limitrofi e le agenzie di formazione presenti sul territorio, ci si prospetta di dotare la struttura scolastica di nuovi spazi da destinare alla formazione professionale, in vista dei nuovi insediamenti produttivi; questo garantirà nuove possibilità di occupazione sul territorio, offrendo, inoltre, alle aziende la possibilità di reperire personale già qualificato. Verrà riconsiderato il trasporto alunni, impiegando il servizio di scuolabus anche per ulteriori e differenti iniziative didattiche ed extra scolastiche. Impegno immediato per la costruzione di un nuovo plesso scolastico da realizzarsi sul territorio di Castellazzo Bormida a servizio del distretto, comprendente scuola materna, elementare, media, biblioteca, palestra e mensa; servizio indispensabile per la crescita formativa delle nuove generazioni in spazi adeguati, attivando la formula “Campus”. Incentivazione dello studio universitario con attribuzione di borse di studio ai residenti di Castellazzo Bormida che conseguiranno una laurea specialistica/magistrale, la cui tesi verrà conservata nella biblioteca comunale.  
  11. 11. 10 Attivazione presso il Comune del CIA (Centro di Informazione Ambientale), volto alla riqualifica dell’ambiente e del territorio. Tra i compiti primari esso avrà la risoluzione dell’abbattimento della tassa riferita alla nettezza urbana; il nostro impegno è la continua e costante riduzione della tassa (attraverso un sistema di bonus già adottato in altri paesi e città), attraverso l’incentivazione della raccolta differenziata e la riqualificazione del servizio di raccolta e trasporto. Potenziamento immediato della pulizia del paese, attraverso l’impiego manuale e meccanico del servizio di igiene pubblica, ad oggi fortissimamente trascurato. Attivazione dei cantieri atti ai lavori socialmente utili, impegnando gli interessati nelle opere di pulizia stradale, cura del verde e sgombero neve. Realizzazione di un percorso verde sul territorio che consenta l’avvicinamento alla natura e al suo rispetto. Avviamento di una campagna di politiche per il riutilizzo dei materiali (plastici e vitrei), attivando agevolazioni e sgravi fiscali per gli esercizi commerciali presenti sul territorio che installeranno dispenser di prodotti sfusi. Potenziamento del ritiro a domicilio degli ingombranti e realizzazione di una moderna ed efficiente area ecologica che possa soddisfare le esigenze dei cittadini. Ambiente ed ecologia
  12. 12. 11 Turismo e beni culturali C ensimento di tutte le opere di interesse storico-artistico presenti sul territorio comunale e loro rivalorizzazione con progetti di recupero artistico come patrimonio culturale. Riqualificazione attraverso il recupero della Chiesa dei Cappuccini, quale patrimonio artistico comunale. Identificazione come iniziativa turistica del progetto “Le strade dei Santi Castellazzesi”, con rilevazione di un percorso che porti alla conoscenza dei luoghi più significativi, potenziale meta di pellegrinaggio religioso. Attivazione, d’intesa con le Associazioni presenti sul territorio, di un’agenzia di promozione, il cui compito sarà quello di valorizzare l’immagine di Castellazzo Bormida. Rilancio del centro storico non solo con opere di abbellimento, ma anche con incentivi all’apertura di nuove attività commerciali e di servizi, finanziando inoltre le iniziative di promozione del territorio e del commercio locale. Istituzione di uno speciale premio annuale per il “Castellazzese dell’anno”. Creazione di un comitato di promozione e rilancio della Festa dei Centauri, rivalutandola come vetrina per il futuro turistico del nostro paese, attraverso l’organizzazione di eventi promozionali atti a far conoscere sempre di più il nostro territorio.  
  13. 13. 12 Attivazione di un sistema di riscontri da parte dei cittadini-utenti degli uffici per il controllo della soddisfazione e della puntualità del servizio offerto. È nostra volontà fin da subito attivare una ridisposizione degli uffici comunali, garantendone una migliore efficacia non solo per gli utenti ma anche per gli operatori stessi, ponendoli nelle condizioni di fornire un servizio adeguato e finalizzato alla crescente richiesta di efficienza e qualità. Rimodulazione degli orari di apertura al pubblico anche in base alle richieste dei cittadini. Considerato inoltre il momento di crisi economica non solo nazionale e un bisogno sempre maggiore di sinergie amministrative con i comuni limitrofi, per le decisioni relative ad iniziative di interesse comune (segreteria comunale, sicurezza, protezione civile, servizi alla persona) si strutturerà una rete di intese volte all’innovazione dei servizi per renderli più fruibili ed economicamente vantaggiosi per i castellazzesi. Razionalizzazione delle consulenze esterne in merito alla progettazione e direzione di opere di interesse pubblico. Ripristino della riscossione diretta di tasse e tributi attraverso la revisione delle concessioni alle ditte esterne, promuovendo da subito un risparmio gestionale a vantaggio del contribuente. Personale e funzione pubblica
  14. 14. 13 Digitalizzazione della modulistica e della cartografia attraverso l’integrazione con una linea guida che ne consenta la preventiva compilazione da parte dell’utenza. Informatizzazione del sistema di conoscenza dell’offerta bibliotecaria, con l’attivazione dell’accessibilità via internet e la consultazione elettronica delle pubblicazioni (e-book). Grazie all’informatizzazione, inoltre, la gestione della biblioteca civica si potrà basare su statistiche d’uso dei volumi e sull’utenza presente, per una migliore offerta culturale ad ogni fascia d’età. Creazione di un sistema di hotspot wi-fi per la connessione senza fili ad internet, con base nella sala lettura della biblioteca. Realizzazione di una sala multimediale per le ricerche scolastiche e la promozione culturale. Attivazione di uno sportello elettronico anagrafico e tecnico urbanistico, attivo 24 ore su 24, a disposizione del cittadino per semplici pratiche burocratiche eseguibili anche fuori dagli orari di ufficio. Promozione di giornate formative finalizzate alla conoscenza e alla fruibilità dei servizi informatici all’utenza con l’obiettivo di porre i cittadini nelle condizioni di utilizzare in forma autonoma i servizi amministrativi. Servizi informatici all'utenza
  15. 15. 14 Urbanistica (1) Restauro delle opere antiestetiche e recupero dei percorsi di collegamento tra la chiesa di S. Maria della Corte, chiesa di S. Martino, palazzo Comunale, Torre dell’orologio, chiesa di S. Carlo e Anna. Verrà rivisitata la pavimentazione in pietra garantendo il rinnovo delle utenze interrate e un’economia a lungo termine, senza dover più provvedere al rifacimento e alla continua manutenzione del manto d’asfalto. Tali opere saranno realizzate in concerto con gli interventi privati e rientreranno nei piani di recupero finanziati dalla Comunità Europea. A tal fine sia i residenti che coloro che gestiscono imprese commerciali saranno coinvolti nella realizzazione partecipata del piano progettuale. Partendo dal centro storico, sarà rivista la pubblica illuminazione con punti luce in stile, con lampade a led che garantiranno un maggior risparmio energetico e quindi un maggior rispetto dell’ambiente a parità di servizio, nonché un minor costo di gestione sulla bolletta energetica. Detassazione a coloro che presenteranno progetti volti ad apportare migliorie alla propria abitazione attraverso la realizzazione del “piano colore e arredo urbano” per renderla esteticamente funzionale all’assetto paesaggistico. Attivazione di un accordo di gestione in collaborazione con l'Assessorato ai Lavori Pubblici per la modernizzazione della viabilità, della sicurezza stradale e del risparmio energetico. Individuazione di una nuova area urbanizzabile a servizio di nuovi insediamenti artigianali/industriali, mantenendo in tal modo una continua offerta verso le aziende che chiedono di insediarsi sul nostro territorio, favorendone lo sviluppo e agevolando l’occupazione giovanile.  
  16. 16. 14 Urbanistica (2) Riqualificazione e potenziamento del verde pubblico attualmente carente e maltenuto; risistemazione delle aiuole spartitraffico nei principali incroci ed in particolar modo in Spalto Vittorio Veneto, Piazza Duca degli Abruzzi e Piazza San Carlo. Rinnovo della segnaletica stradale, turistica e delle pubbliche affissioni per agevolare il transito e la conoscenza dei servizi e delle attività presenti sul territorio. Riqualificazione del complesso Conventuale dei Cappuccini attraverso la realizzazione di spazi da utilizzarsi per l’accoglienza e l’ospitalità turistica. Revisione del piano di dissuasione del traffico attraverso lo studio di soluzioni alternative alla collocazione di dossi artificiali per il controllo della velocità e il miglioramento della viabilità nel rispetto del decoro urbano e della sicurezza stradale. Redazione del piano d’inquinamento luminoso in base ai moderni dettami in campo di risparmio energetico e adesione da parte del Comune al piano di sviluppo nazionale dei tetti fotovoltaici, collocabili su edifici pubblici con relativo abbattimento della spesa comunale per la fornitura di energia; il risparmio costituirà un maggior vantaggio economico per i castellazzesi. Adeguamento del piano acustico comunale con relativa individuazione delle aree sensibili da tutelare dall’inquinamento sonoro diurno e notturno e relativa individuazione di aree idonee ad accogliere eventi e manifestazioni che possano svolgersi senza recare alcun disturbo ai residenti. Studio di fattibilità per la posa in opera di mezzi passivi per l’abbattimento dei rumori attraverso l’impiego di asfalto insonorizzante e piantumazioni fonoassorbenti. Censimento dei tetti in eternit su edifici pubblici e privati con relativa progettazione del piano economico di fattibilità per la loro sostituzione o messa in sicurezza, attivando la richiesta di finanziamenti regionali ai fini della tutela della salute pubblica.   
  17. 17. CASTELLAZZO CAMBIA CASTELLAZZO VINCE www.rinnovamento-e-sviluppo.it

×