Sic Zps di Raffo Rosso
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Sic Zps di Raffo Rosso

on

  • 1,197 views

Progetto di educazione ambientale per la conoscenza del SIC ZPS "Raffo Rosso", finanziato dalla provincia regionale di Palermo, con la partecipazione dell'IC Riso di Isola delle Femmine, dell'IC di ...

Progetto di educazione ambientale per la conoscenza del SIC ZPS "Raffo Rosso", finanziato dalla provincia regionale di Palermo, con la partecipazione dell'IC Riso di Isola delle Femmine, dell'IC di Torretta, Dell'RNO Isola delle Femmine (LIPU), dell'AGESCI Isola 1.

Statistics

Views

Total Views
1,197
Slideshare-icon Views on SlideShare
1,189
Embed Views
8

Actions

Likes
0
Downloads
1
Comments
0

3 Embeds 8

http://www.slideshare.net 6
file:// 1
http://www.docshut.com 1

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Microsoft PowerPoint

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

    Sic Zps di Raffo Rosso Sic Zps di Raffo Rosso Presentation Transcript

    • SIC Raffo Rosso Monte Cuccio e Vallone Sagana ZPS Monte Pecoraro e Pizzo Cirina conoscenza dell’area di protezione naturale e valutazione degli effetti della presenza antropica
    •  
      • Studio e valorizzazione di Aree protette ricadenti nel territorio della provincia di Palermo
      • (riserve naturali, parchi, aree marine protette, aree SIC ed aree ZPS)
    • Obiettivi
      • - Conoscenza del concetto di ecosistema
      • -conoscenza delle diverse componenti (abiotiche e biotiche) di un ecosistema
      • -conoscenza delle Aree Protette ricadenti nei territori comunali di Isola delle Femmine e Torretta
      • -conoscenza degli organismi animali e vegetali dell’area protetta
      • -conoscenza del concetto di bioindicatore
      • -osservazione delle modificazioni antropiche
      • - valutazione dell’impatto delle attività antropiche sulle aree di protezione ambientale.
      • Valutazione:
      • -esercitazioni sul campo
      • -realizzazione individuale di un diario di bordo
      • -produzione di elaborati collettivi quali una mostra
      • -elaborazione di questionari individuali
      • - realizzazione di un erbario e di un giardino didattico e documentazione fotografica dell’esperienza.
    • attività
      • Realizzazione di escursioni didattiche finalizzate al riconoscimento degli ambienti e degli organismi che caratterizzano l’area protetta visitata ed alla valutazione di quale possa essere l'impatto delle azioni umane su tali organismi ed ambienti.
      • Successiva piantumazione di un giardino didattico presso il giardino della scuola.
      • Le specie da utilizzare saranno quelle classiche della macchia mediterranea che sono presenti o lo erano nell'ambito territoriale ove insistono le scuole e l’area di protezione ambientale di Raffo Rosso e altre Aree Protette del comprensorio.
    • Fabbisogni interni alla scuola, sociali e territoriali che motivano il progetto
      • Conoscenza del territorio in cui le scuole di Isola delle Femmine e Torretta sono inserite, conoscenza delle aree di protezione naturale SIC e ZPS, valutazione delle modificazioni antropiche e dei fattori di inquinamento dell’area.
      • Valutazione del grado di conservazione del beni naturali ed avanzamento di proposte per la loro gestione a fini naturalistici.
      • Comprensione delle opportunità di sviluppo legate alla protezione dell’ambiente naturale.
    • metodo
      • Il progetto introduce alla osservazione delle modificazioni antropiche nelle aree di protezione naturale, attraverso l’esperienza della fruizione diretta di tali aree, individuando in esse i possibili bioindicatori, ricostruendo mediante un giardino didattico il presente ed il passato della presenza della macchia mediterranea nell’area di SIC e ZPS di Raffo Rosso.
    • Integrazione delle azioni da parte di ogni Istituto in rete
      • Durante le attività verrà redatto un diario di bordo dell’esperienza da parte dei docenti e degli esperti. I n entrambi gli istituti verranno impiegati strumenti di valutazione redatti in comune negli incontri di programmazione e valutazione.
    • benefici specifici per il progetto derivanti dallo svolgimento in rete delle attività
      • Migliore comprensione del territorio nei suoi vari aspetti scientifici e storico geografici.
      • Apertura alla cooperazione ed integrazione di strumenti e metodologie adottate.
      • Integrazione della scuola con le realtà dell’Associazionismo operanti sul territorio.
      • Integrazione delle istituzioni scolastiche con gli Enti di Gestione delle Aree Protette operanti sul territorio.
      • Apertura ad ulteriori sinergie interistituzionali.
    • Contributo del progetto alla sostenibilità ambientale
      • Presa di coscienza del valore dei beni naturali del territorio, conoscenza dell’ecosistema locale, introduzione alla loro fruizione naturalistica
      • promozione una riflessione sulle modificazioni intervenute sull’ambiente
      • evidenziare le proposte per una migliorarne la fruizione naturalistica e le opportunità di sviluppo legate alla sua protezione.
    •