Cv 2014 richard_gennaro_ eur_it
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Like this? Share it with your network

Share

Cv 2014 richard_gennaro_ eur_it

  • 257 views
Uploaded on

My CV in Italian language and European format ...

My CV in Italian language and European format
--------------------------------------------------------------------
Il mio CV in italiano e in formato europeo

More in: Software
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
257
On Slideshare
223
From Embeds
34
Number of Embeds
2

Actions

Shares
Downloads
1
Comments
0
Likes
0

Embeds 34

http://eventifier.local 24
https://www.linkedin.com 10

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Richard Gennaro VIA PORTUENSE 794 +39066552010 +393347156742 mailto:richardgennaro@gmail.com http://devblog-richardgennaro.blogspot.it https://sites.google.com/site/richardgennaro/home http://richardgennaro.wix.com/development-world Skype: richardgennaro, ICQ: 647356863, Facebook: richard.gennaro, Twitter: richardgennaro, Yahoo: gennaro.richardyahoo.com NAZIONALITÀ Italiana DATA DI NASCITA 22, OTTOBRE, 1973 RUOLO, ATTITUDINI & SKILLS SOFTWARE ARCHITECT – SOA/BPM EXPERT - TEAM LEADER – ASSET MANAGER – SYSTEM INTEGRATOR - J2EE DESIGN PATTERN SPECIALIST - TECHNICAL PROJECT MANAGER INFORMAZIONI PERSONALI Richard Gennaro Nazionalità Italiana Data di nascita 22, OTTOBRE, 1973 ESPERIENZA LAVORATIVA 2013 – Ad oggi Aubay Italia Spa Roma E’ attualmente dipendente di Aubay Italia Spa per la quale copre il ruolo di team leader e coordinatore tecnologico. L’ultima attività svolta si inquadrava nell’ambito di un progetto per le Banche Medio Credito Centrale e Medio Credito Italiano, con la supervisione del MiSE, per la gestione dei Fondi Europei di Cresc ita Sostenibile, nei vari stadi di lavorazione: dalla compilazione della domanda da parte delle imprese richiedenti, all’istruttoria da parte degli Enti Competenti (MCC, MCI, MiSE e CNR), alla fase di solvenza per finire con la monitorizzazione dell’uso dei fondi concessi. Il tutto doveva rispettare i requisiti di trasparenza bancaria introdotti dalla Comunità Europea nel biennio in corso. L’architettura era composta da tre starti (Presentation, Business Logic, Persistenza) distribuiti su 4 nodi di FE (2 verticali e 2 orizzontali) e 2 nodi di BE, i quali partecipavano ad un cluster in modalità domain dell’AS JBOSS EAP 6.1. Dato che sulle stesse macchine conviveva un’altra applicazione dedicata ai Fondi di Garanzia, per facilitarne la convivenza, raddoppiando logicamente tutte le istanza di JBOSS (in memoria), ma non fisicamente(su disco), si è scelto di raddoppiare anche le schede di rete così da avere due stack TCP/IP separati, a partire dal bilanciatore fino al DB (anch’esso in cluster Oracle attivo/attivo) e utilizzando la caratteristica di offset delle porte coinvolte dalla comonente Pagina di 71
  • 2. JGroups. L’applicazione sfruttava i framework Spring Core, Spring Web, Spring Form, Dozer, Hibernate, utilizzava il motore di regole Drools, jBPM 5 come WorkFlow Management e si integrava con un ECM Alfresco e con un IAM Syncope per la profilazione/autenticazione in simbiosi con Spring Security. La transazionalità distribuita era gestita da una cache di 2° livello Infinispan replicata attraverso la modalità di Session Replication lato Front-End e di Sticky Session lato Back-End, grazie anche alla componente HornetQ che rendeva persistente lo stato del processo. Questo era necessario in particolare per jBPM perché tutte le chiamate tra FE e BE erano RESTFull e non sussistevano chiamte Ajax che andassero a insistere su una transazione o chiamassero un processo di persistenza. Reply Sytel/Open (Poste Italiane) Roma Ha lavorato presso Poste Italiane per conto di due società del gruppo Reply (Open Reply e successivamente Reply Sytel) dove ha seguito 3 progetti: il primo di archiviazione sostitutiva dei dati riguardanti il MISE, con il ruolo di consulente per le innovazioni tecnologiche e partecipando allo sviluppo. Con un’architettura a tre strati basata su chiamate RESTfull, l’aplicazione girava su un AS JBoss 5 in modalità stand alone. Il secondo per la gestione degli appuntamenti riguardanti i servizi presso il cliente con il ruolo di Responsabile architetturale. In particolare ne ho seguito la migrazione architetturale da un modello a due strati scritto in VB.NET con il motore di persistenza basato su Access ad un modello a tre strati, dove il Front- End restava scritto in .NET e deployato su IIS, mentre il Back-End, scritto in Java, si basava su chiamate RESTfull ed era deployato su un AS Weblogic12c bilanciato su 2 nodi; il Data Layer era costituito da un cluster Oracle attivo/passivo. Il terzo per la stampa dei documenti di rendicontazione di fine anno di bancoposta, con il ruolo di asset leader e ricoprendo anche lo sviluppo del motore batch. L’architettura era basata su Spring Batch e Spring Integration, con un utilizzo intenso delle librerie iText per la creazione dei PDF. I Volumi di Business erano intorno ai 6,5*10^5 documenti da produrre in un paio di settimane, reso possibile da 3 gruppi specializzati composti da 50 threads ognuno che producevano un PDF ogni 0,2 secondi. Nel corso del periodo in cu portava avanti i suddetti progetti ha sperimentato un’esperienza molto significativa: Ha partecipato attivamente ad una task force di PMT/SI(Processes Management Team/Systems Integrator) dedicata al coordinamento di diverse initiative (Equitalia, Servizi a Domicilio & Recapito concordato, Documentazione di ServizioBancoposta, Riorganizzazione del territorio, Calendarizzazione & Geolocalizzazione, ecc...)caratterizzate da perimetri estremamente ampi all'interno dei quali interagivano decine di sistemi, per ognuno dei quali era in corso uno o più progetti.L'impegno del gruppo che fungeva da cabina di regia era quello di coordinare l'effort dei vari team di sviluppo coinvolti, focalizzando le sinergie sulle attività che man mano si proponevano (test integrati, rilasci multisistema, patches e ricondizionamento dei flussi, collaudi in ambiente specifico, collaudo utente, start-up in esercizio...) 2011 - 2013 NTTData Roma Software Architect Ambizioso progetto di integrazioni di vari sisemi eterogenei documentali e mediatici attraverso un ESB costruito con Mule 3, un container di potlets come Liferay 6.1.1 e per quanto riguarda lo strumento di contribuzione pura di assets statici l’utilizzo di Adobe CQ5. La sfida e’ stata quella quindi di avere in feeding una numero imprecisato di sorgenti che contribuivano contenuti in nformati non definiti a priori, la maggior parte attraverso flussi di dati, ma non solo, la parte statica che veniva contribuita dagli editor interni del cliente (Banca Fideuram) attraverso Adobe CQ5 e altri sistemi che utilizzavano sistemi più omogenei come Alfresco (CMIS) e Jackrabbit (JCR). Una problematica così complessa è stata gestita attraverso l’ESB (Mule) che interpretando il tipo di richiesta attraverso un motore di regole costruito a d.o.c in Json, metteva a disposizione un endpoint per il feeding HTTP (WebServive CXF o REST) con Pagina di 72
  • 3. Marshalling/Unmarshalling Jaxb o un endpoint TCP con buffering/debuffering implementato da Google Buffer Protocol (protobuf) nel caso di flussi di dati omogenei.A quel punto l’ESB indicizzava il tutto su Solr (Motore di indicizzazione e ricerca) codì da renderlo disponibile in modo omogeneo sempre attraverso due varie tipologie di endpoint: TCP per favorire le chiamate più veloci inetr-portlet, HTTP per favorire le interazioni AJAX di Liferay e i Bridge verso CQ5. Un’altra integrazione importante diretta dal’ESB è stata sincronizzare i workflow di Alfresco e di Adobe CQ5 per farli confluire all’interno di un unico BPM all’interno di Mule. Telecom Acilia (Roma) Software Architect Progettazione di una piattaforma per la gestione dei loro progetti interni, delle timeline di rilascio, efforts, sistemi impattati, documenti prodotti, ecc… La piattaforma integra vari framework quali Alfresco per il Content Management, Pentaho per la Business Intelligence, Liferay per il Portlet Engine, CAS per il Single Sign On sotto Acive Directory, RedHat Seam è il framework MVC, basato su JSF, Hibernate/JPA per la persistenza verso Oracle e infine Bonita BPM come Orchestratore dei vari processi di buisiness. Oltre a integrare Alfresco con le altre piattaforme attraverso dei connettori CMIS di Bonita mi sono occupato dell’ottimizzazione del software perchè potesse gestire al meglio moli importanti di coumenti in ambienti non particolarmente potenti a livello hardware (applicazione della patch PAE per SO Windows a 32 Bit, utilizzazione di Jrockit invece della JVM standard, ottimizzazione impostazioni di avvio, della memoria e del garbage collector di tipo parallelo, impostazione dell’indicizzazione asincrona dei documenti). Mi sono inoltre occupato del popolamento iniziale dello storico documentale (5 milioni di documenti) che ha richiesto un processo di 35 thread concorrenti della durata di 21 giorni consecutivi che andavano a reperire i documenti da varie fonti, ne estrapolava i metadati da comunicare ad alfresco ed eseguiva l’upload tenendo conto del versionamento. Purtroppo inizialmente l’upload veniva eseguito da un WebService, ma nel momento in cui si generava la risposta SOAP, un baco di Axis mandava in OutOfMemory Alfresco per una proliferazione eccessiva di oggetti di tipo String. Ho quindi deciso di studiare e adottatre la soluzione webscript, che ho avuto poi modo di approfondire ulteriormente anche in altri ambiti . 2011 - 2012 Unicredit Roma Software Architect & Team Leader architettto e responsabile tecnico di due progetti interni: il primo richiede una nuova gestione degli anticipi sulle fatture fatture presentate per distinta e l’aggiornamento automatico di vari contenitori di dati presenti su altri applicativi interni attraverso chiamata di servizi distribuiti; il secondo progetto concerne la necessità di rendere disponibili alla magistratura i dati del portafoglio effetti per eventuali indagini. Le due applicazioni usano un framework J2EE 1.4 sviluppato da Unicredit chiamato XFrame, basato su Struts, EJB 2.1 e chiamate a servizi DB2 e IMS. IBM metteva a disposizione l’Application Server WebSphere 5.1, l’IDE di sviluppo WSAD 5, le code MQ Series, il Transaction Manager per le transazioni distribuite che interagiva con CICS per disaccoppiare le transazioni distibuite dello strato di persistenza da quelle applicative, che pure necessitavano di essere altamente distribuite visto che gli attori in campo erano molteplici (Applicazione Funzionale, Framework di Autenticazione SSO, Framework di aggiornamento degli indici di liquidità, Trading Framework e altri sui quali non avevo visibilità). L’intero ambiente di sviluppo è virtualizzato con Citrix. Il software di versionamento (VCS e CCM) è Serena Dimensions, con interfaccia Gandalf per la gestione del Deploy, Lifecycle, Change & Configuration Management come soluzione di Continuous Integration. Successivamente il framework è stato migrato su ambiente WebSphere 7 con funzionalità Portal, JDK 6, JEE5 e come IDE di sviluppo Rational Software Pagina di 73
  • 4. Architect 7. 2010 - 2011 Almaviva Roma Software Architect & Team Leader progetto per il MEF: realizzazione di una piattaforma per la gestione dati di bilancio correlati alla creazione di nuovi progetti di legge per manovre finanziarie. La piattaforma con interfaccia online si basa su tecnologie Java6 EE, Oracle 11g, Oracle Single Sign On, Eclipse, Spring 2 Core, Spring 2 Security con java-annotations, iBatis 3 ORM, Dozer, Spring 2 MVC (Struts based) con java-annotations, WebSphere Server e Portal 8 nell’ambiente di sviluppo, 7 in collaudo e 6 in pre-esercizio ed esercizio. Questa scelta di usare release diverse per ogni ambiente è stata dettata dalla necessità di collaudare il prodotto per assicurare una portabilità futura verso ambienti obbligati per le politiche del cliente finale (Ministero) Il progetto richiedeva l’applicazione dei rerquisiti di accessibilità secondo la normativa sull'accessibilità (Legge 4/2004, Legge Stanca) Comune di Roma Roma Software Architect & Team Leader sviluppo di un portale per la gestione dei lavori stradali, piattaforma basate su tecnologie Java6 EE, Oracle 11g, Oracle Single Sign On, Eclipse, Spring 2 Core, Hibernate 3 ORM, Struts 2.1, GWT, JBoss 5. 2009 - 2010 STMicroelectronics Portland(Oregon) – U.S.A. PMO - Software Architect dell'internazionalizzazione di un software pre-esistente per la gestione dei clienti e dei procesi di business. Tale software si basa su tecnologie Java5 J2EE1.4, Struts, WebSphere 6, RAD 6, Oracle 10g e LDAP. In pratica ha convertito un piccolo client gestionale aziendale realizzato in VB6 in un ERP Enterprise 2007 - 2009 Expert Monterrey (Mexico) Software Architect , Italian collaboration responsible Realizzazione di un Software ERP mirato alla gestione ospedaliera. ISINET Srl Roma Software Architect progettazione, sviluppo e customizzazione di client ERP basati sui progetti Compiere ed Adempiere 2003 - 2007 Telecom ITALIA Roma Analista Programmatore Senior Progettazione e sviluppo di un progetto di Fraud Management basato su tecnologie BEA WebLogic Integration/Portal. In particolare ha curato la progettazione delle entità di business producendo documentazione e diagrammi UML e lo sviluppo del sottosistema applicativo dii generazione delle pratiche di “rischio frode”. Inoltre ha coperto un ruolo di supporto nello sviluppo di tutte le parti dell’applicazione che si avvalgono della tecnologia di Process Management attraverso la piattaforma BEA WebLogic Integration, integrando il proprio apporto pratico di scrittura di codice con seminari mirati alla formazione dei componenti del team di sviluppo sulle tecnologie BEA WLI per lo più sconosciute a la maggiorparte degli sviluppatori. Era il responsabile della Pagina di 74
  • 5. progettazione e sviluppo dei processi distribuiti, a partire dai MDB, al Transaction Manager fino all’implementazione dell’algoritmo di 3 phases commit. K-Tech Srl Roma Analista e Sviluppatrore Senior, Docente interno Ha lavorato ai seguenti progetti: - ha eseguito l’analisi, la progettazione e lo sviluppo del motore di un Sistema Informatico di Gestione Documentale della Segreteria Direzione Generale del Formez, Istituto di Formazione Studi del Dipartimento della Funzione Pubblica della Presidenza del Consiglio. Tale Software consiste in un Content Management con funzionalità di ricerca full-text. Ha utilizzato l’Application Server JBoss 4 per poter usufruire appieno delle tecnologie J2EE e del framework AspectJ (programmazione Aspect-Oriented in Java) presente nell’AS. - ha lavorato presso ISTAT (Istituto Nazionale Statistiche) per la migrazione di un applicazione Web da un contesto J2EE su Application Server JBoss 3.x a un Servlet Container Tomcat 5.0. Il Software consiste in uno strumento di Analisi Comparativa delle Indagini svolte dall’Istituto stesso e parametrizzate su un Database Oracle 8i. - ha lavorato presso il cliente “World Food Program” su un’applicazione Web di gestione dei fondi destinati ai paesi del terzo mondo, documentazione e generazione di statistiche. L’ Applicazione è stata sviluppata attraverso il framework Struts su Oracle 9iAS. - ha tenuto, nel ruolo di relatore, un seminario organizzato in collaborazione tra Java Italian Association e JavaPortal, e sponsorizzato da Programmazione.it, dal titolo "Java Patterns per Applicazioni Web. Un percorso di approccio alle tecniche per lo sviluppo di applicazioni Web con il linguaggio Java". Il seminario insisteva in particolare sul trinomio “MVC–Struts–JavaServer Faces”, trattando i seguenri argomenti: -> L'evoluzione delle tecniche di separazione della Flow Logic dalla Presentation Logic. -> Dal Pattern MVC alle nuove specifiche JSF passando dal famosissimo framework Struts, analizzando alcune variazioni sul tema. -> Una panoramica sulle proposte alternative e complementari a Struts dal mondo OpenSource, per la separazione FL/PL. Il seminario, comprensivo di esercizi pratici, condivisione di esperienze reali relative a implementazioni in ambiti Enterprise e discussioni sul alcune problematiche riscontrate, e in alcuni casi risolte, durante tali esperienze, ha avuto la durata di 25 ore distribuite su 5 sessioni giornaliere. (http://www.pc-facile.com/news.php?n=19060) Attraverso K-Tech, ha frequentato un corso tenuto da Bea Systems Italia intitolato “Developing with BEA WebLogic Platform 8.1: from WebLogic Workshop to WebLogic Integration”, nel quale sono state approfondite tutte le caratteristiche di BEA WebLogic Platform 8.1 (WebLogic Server standalone e nodes managed, WebLogic Portal, WebLogic Integration) attraverso l’utilizzo del framework di sviluppo WebLogic Workshop. Il corso ha avuto una durata pari a 15 ore distribuite su 5 sessioni giornaliere, al termine del quale è stato contattato da Jeanne Wu, BEA Senior Vice Presidente Risorse Umane, ricevendo l’attestato di “BEA Specialist Consultant”. Aci Informatica Roma Analista e Sviluppatore nello sviluppo di un progetto di gestione dei movimenti all’interno del Registro Automobilistico. Ha curato in particolare la progettazione dell’architettura J2EE di interfacciamento al DB e di trasformazione dei dati attraverso fogli di stile XSL. L’applicazione girava sull’AS WebSphere IBM 5 e gli strumenti di sviluppo utilizzati erano WSAD 5.0 e MS SourceSafe per il versionamento. L’Applicazione dialogava con l’impianto informatico della motorizzazione civile attraverso un BUS Tibco condiviso e coordinato da un Transaction Manager con una strategia di 2 phase commit delle transazioni distribuite. 2003 - 2000 ENIData Pagina di 75
  • 6. Analista e Sviluppatore Roma Sviluppo del progetto Meta commissionato dal Gruppo ENI per la gestione delle risorse del Gruppo attraverso un Service Directory LDAP Critical Path e un Database Oracle. Ha curato in particolare il motore di batch che assicuravano la sincronizzazione tra Oracle e LDAP. L’applicazione girava sull’Application Server WebSphere IBM 5.1 Accenture Analista e Sviluppatore Roma Ha collaborato allo sviluppo di una Piattaforma commisionata da Telecom Italia per l’Whole Sale dei servizi di telefonia voce e dati, utilizzando le tecnologie JSP, Java Servlets, EJB, JMS, TIBCO, Oracle DB. In particolare era il coordinatore delle attività di sviluppo riguardanti l’applicazione lato Server, curava lo sviluppo degli EJB e la gestione degli Application Server (prima OC4J poi BEA WebLogic) Ha partecipato ad un corso di formazione tenuto da Bea Systems Italia per Accenture intitolato “WebServices in Java with BEA WebLogic” della durata di 40 ore distribuite su 5 sessioni giornaliere Ha partecipato a Webb.it 2003 come relatore di un Seminario intitolato “Multithreading: Parallelismo e Concorrenza in Java” Ha sviluppato il nuovo Sito della “Java Italian Association” consultabile all’indirizzo http://www.jia.it utilizzando la piattaforma OpenSource PHPNuke e riscrivendone alcune funzionalità per personalizzarle alle esigenze dell’Associazione. Ha lavorato presso la Società FDF nello sviluppo del progetto E-Bridge commissionato da Buffetti per la compilazione on-line delle dichiarazioni dei redditi. E' stato l'analista degli aspetti Enterprise del progetto e coordinatore dello sviluppo J2EE che si poggiava sull’Application Server JBoss 3.2.3. ISTRUZIONE E FORMAZIONE 1992-1993 Frequenta l’Università a Parigi • Nome e tipo di istituto di istruzione o formazione Università “La Sorbonne” di Parigi • Principali materie / abilità professionali oggetto dello studio Facoltà di Scienze Economiche 1993-2003 Cambia di corso di Laurea spostandosi a Roma Universit “La Sapienza” di Roma Presenta la tesi “reti neurali, nano tecnologia, manipolazione dell’elettronica biologica, ingegneria genetica. Cammini paralleli verso varie tipologie di intelligenze artificiali grazie alle applicazioni pratiche delle scienze dell’informazione e alle teorie cibernetiche ”. Si laurea con il voto di 104/110. CERTIFICAZIONI PROFESSIONALI Pagina di 76
  • 7. 2002 BEA Certified Developer: Integration Solutions for BEA WebLogic 8.1 2003 (SCJP 4) Sun Certified Java Programmer 4.0 Certification Exam for the Java 2 Standard Edition 1.4 2004 (SCWCD 4) Sun Certified Web component Developer 1.4 Certification Exam for Java 2 Enterprise Edition (J2EE1.4) and Java Platform Standard Edition (J2SE) r5 2008 (SCBCD 5) Sun Certified Business Component Developer for the Java Platform Enterprise Edition 5 Certification Exam for J2SE r6 and JEE5 2013 Spring Source Web Appclication Development Certification 2013 Spring Source Certified Spring Professional 2013 SpringSource Web Application Development Pagina di 77
  • 8. CAPACITÀ E COMPETENZE PERSONALI MADRELINGUA ITALIANO ALTRE LINGUE FRANCESE • Capacità di lettura ECCELLENTE • Capacità di scrittura ECCELLENTE • Capacità di espressione orale ECCELLENTE INGLESE • Capacità di lettura ECCELLENTE • Capacità di scrittura BUONO • Capacità di espressione orale BUONO CAPACITÀ E COMPETENZE RELAZIONALI . Sono abituato a lavorare cooperando con alter persone, in dimensioni europee dove parlo scrivo e leggo in diversi linguaggi e mi relaziono con persone di culture eterogenee CAPACITÀ E COMPETENZE ORGANIZZATIVE HO SPESSO AVUTO IL RUOLO DI TEAM LEADER O COMUNQUE DI RESPONSABILE, INTERFACCIANDOMI CON I MIEI COLLEGHI IN MODO AUTOREVOLE MA NON AUTORITARIO. CAPACITÀ E COMPETENZE TECNICHE SONO UN SOFTWARE ARCHITECT, ANALISTA, DEVELOPER SENIOR, SPECIALIZZATO IN APPLICAZIONI JAVA ENTERPRISE E SOA CON PIÙ DI 15 ANNI DI ESPERIENZA CHE MI HANNO PORTATO AD APPROCCIARE LE PROBLEMATICHE PIÙ DIFFERENTI E I CONTESTI PIÙ ESIGENTI E MI HANNO INSEGNATO A ESSERE APERTO E ASSERTIVO A SECONDA DEGLI SCENARI NEI QUALI CI TROVAVAMO. MI PIACE DESCRIVERMI COME UN APPASSIONATO DI QUESTO LAVORO CON CONOSCENZE DI "NICCHIA" E UNA VISIONE AD ALTO SPETTRO DEL PROGETTO NON VOLENDO PERÒ PERDERE CONTATTO CON LA REALIZZAZIONE DEL SOFTWARE VERA E PROPRIA., IN GERGO POTREI DIRE CHE MI PIACE .... ANZI, TROVO ESSENZIALE "SPORCARMI LE MANI CON IL CODICE". AVENDO VISO MATURARE QUESTO SETTORE NEGLI ANNI E PASSARE LE TECNOLOGIE PIÙ DISPARATE HO SCELTO DI FOCALIZZARE LA MIA PROFESSIONALITÀ SULL'INTEGRAZIONE DI SISTEMI, IN PARTICOLARE CON UN OCCHIO DI RIGUARDO ALLE ARCHITETTURE ORIENTATE AI SERVIZI E ALLA GESTIONE DINAMICA DEI PROCESSI DI BUSINESS ALTRE CAPACITÀ E COMPETENZE MI SONO SPESSO PROPOSTO DURANTE LA FASE INIZIALE DEL PROGETTO AD OCCUPARMI DEL SET-UP DELL'AMBENTE DI PROGRAMMAZIONE. AMBIENTE COMPOSTO POSSIBILMENTE DAI SEGUENTI COMPONENTI EVOLUTI (FRAMEWORKS,SERVERS): - UN DISTRIBUTORE SINCRONIZZATO DI CODICE (CVS, SVN, GITHUB, PVCN, ECC..) - UN MOTORE DI COMPIILAZIONE CON LA POSSIBILITÀ DI GESTIRE TASK E CONDIZIONI, DI IMPOSTARE PARAMETRI CHE RENDANO LA COMPILAZIONE DINAMICA, (PREFERIBILMENTE MAVEN2 O 3 MA ANCHE ANT, GANT, GRADLE, RAVEN, IVY, INSOMMMA SAREBBE UN BEL CAPITOLO DA APPROFONDIRE) - VARI FRAMEWORK DI TESTING SIA UNITARI (JUNIT, UNITNG CHE FUNZIONALI (SELENIUM), E NE REGRESSION - FRAMEWORKS PER L'ANALISI DEL CODICE, QUALITÀ, METRICHE, (IO CONSIGLIO SONAR, COBERTURA/EMMA/COCOCO, MCAHVE) - ISSUE TRACKER (JIRA, TRAC O REDMINE) E POSSIBILMENTE ANCHE UN MODULO DI GESTIONE PARALLELA DI ATTIVITÀ (CHE NON TUTTI GLI ISSUES TRACKER SVOLGONO); NATURALMENTE IL TUTTO COADIUVATO DA UN FRAMEWORK DI CONTINUOUS INTEGRATION COME JENKINS ALLEGATI Pagina di 78