Your SlideShare is downloading. ×
Il caso Messina - la gestione dell’emergenza a due mesi dal disastro del 1 ottobre
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

Il caso Messina - la gestione dell’emergenza a due mesi dal disastro del 1 ottobre

759
views

Published on

Geol. Gian Vito Graziano (Presidente dell’Ordine dei Geologi della Sicilia) …

Geol. Gian Vito Graziano (Presidente dell’Ordine dei Geologi della Sicilia)

“Difesa del Suolo e Valorizzazione delle Aree Montane:
prevenzione del rischio idrogeologico e cooperazione istituzionale per un territorio fragile”
Urbino, 18 dicembre 2009

Published in: Education

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
759
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
21
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. Convegno “Difesa del suolo e valorizzazione delle aree montane: prevenzione del rischio idrogeologico e cooperazione istituzionale per un territorio fragile” - Urbino, 18 dicembre 2009 Gian Vito Graziano – Ordine dei Geologi di Sicilia “ Il caso Messina – la gestione dell’emergenza a due mesi dal disastro del 1 ottobre ”
  • 2.  
  • 3. Torrente Racinazzi Torrente Giampilieri Bacino del T. Racinazzi = 1,6 km 2 Bacino del T. Giampilieri = 9,8 km 2
  • 4.  
  • 5. In sintesi le formazioni affioranti sono costituite da rocce scistoso-cristalline di vario grado metamorfico e subordinatamente da depositi sedimentari di copertura
  • 6. 18:00 (17 UTC)
  • 7.  
  • 8.  
  • 9. In un area di circa 360 km 2 sono presenti solo 7 stazioni (1/50 km 2 ) Rete di misura Stazione Gestore Stato ZIRIO’ (CAMARO) ARRA Funzionante COLLE S.RIZZO ARRA Funzionante MESSINA GANZIRRI ARRA Funzionante MESSINA GEOFISICO ARRA Funzionante ANTILLO ARRA Funzionante ALI’ TERME ARRA Non funz ANTILLO SIAS Funzionante FIUMEDINISI SIAS Funzionante
  • 10.  
  • 11.  
  • 12. Stima del tempo di ritorno dell’evento del 1 ottobre 215 mm S. Stefano Briga Tr = 170 anni Fiumedinisi Tr = 30 anni
  • 13.  
  • 14.  
  • 15.
    • Bilancio finale (dati Protezione Civile):
    • 31 morti;
    • 6 dispersi;
    • 122 feriti;
    • 1600 evacuati;
    • oltre 3000 edifici da verificare.
  • 16. Ricostruzione dell’onda di piena Racinazzi Giampilieri Q max,p (m 3 /s) 76.2 267.4 W p (Mm 3 ) 0.42 36.7 Q max,sed (m 3 /s) 533.4 1871.8 W sed (Mm 3 ) 2.94 256.9
  • 17. Stima tempo ritorno dell’onda di piena “liquida”
  • 18.  
  • 19. Aronica & Brigandi, in stampa su Journal of Hydrology
  • 20. Aronica & Brigandi, in stampa su Journal of Hydrology
  • 21. Notevole pendenze dei profili vallivi, assieme alla scarsa permeabilità del substrato roccioso, conferiscono ai sistemi idrografici una notevole capacità di erosione e trasporto. In occasione di eventi pluviometrici intensi si innescano fenomeni gravitativi rapidi a carico delle coperture d’alterazione, classificabili come colate rapide di fango e detrito ( debris flows )
  • 22.
    • Manuale della Public Works Research Institute (1987):
    • d.f generato dalla mobilitazione di detriti depositati nel letto dei torrenti, a seguito della comparsa di una corrente superficiale prodotta da piogge intense o da disgelo;
    • d.f originato dal collasso di un versante con successiva trasformazione della frana in colata detritica;
    • d.f. originato dal crollo di una diga naturale prodotta dall’occlusione di un torrente a seguito di un precedente evento franoso;
    • d.f. prodotto dalla fluidificazione immediata del materiale costituente una frana, dovuta alla presenza di una abbondante corrente superficiale e di consistente emergenza d’acqua nella zona del cedimento.
  • 23.  
  • 24.  
  • 25. frane nastriformi costituiscono la tipologia più diffusa e sono caratterizzate da una nicchia a forma scatolare e dalla sottostante area di flusso, generalmente di neoformazione che mantiene la stessa larghezza delle nicchie per tutta la lunghezza del versante; sono attribuibili a meccanismi di innesco planari con la superficie di rottura impostata lungo la superficie di separazione tra bedrock e copertura. Sono state riscontrate sulle porzioni sommitali dei versanti, ove generalmente lo spessore della copertura risulta piuttosto esiguo; ciononostante le volumetrie coinvolte possono essere anche significative a causa della presa in carico del materiale giacente nell’alveo di flusso. frane triangolari sono caratterizzate da un innesco puntuale, molto comune per queste tipologie di fenomeni, dovuto al collasso improvviso di un masso, di un terrazzo antropico o di un albero oppure alla fuoriuscita di una sorgente effimera che, impattando sulla copertura già satura, crea una rottura locale che nel fluire si autoalimenta, in assenza di una linea di drenaggio pre-esistente, aprendosi a ventaglio secondo un angolo compreso tra 20 e 30°. Generalmente tali fenomeni hanno una notevole capacità erosiva asportando completamente la copertura sino al contatto con il bedrock.
  • 26. frane arcuate sono caratterizzati da nicchie generalmente di piccole dimensioni e di forma arcuata. Il meccanismo di innesco è rotazionale e la rottura è interna alla copertura stessa e non al contatto con il bedrock. Si sviluppano maggiormente in versanti longitudinalmente rettilinei e trasversalmente concavi, dove lo spessore della copertura è maggiore e dove le acque ruscellanti si concentrano. Fenomeni di dissesto a nicchie plurilobate sono determinati dalla coalescenza di nicchie di fenomeni di tipo A e C. In sintesi, sono singoli fenomeni che per allargamento laterale si fondono l’uno con l’altro confluendo poi in uno stesso alveo di scorrimento.
  • 27. Elaborazioni statistico-descrittive preliminari Protocollo IFFI (Presidenza del Consiglio dei Ministri, 2001), localizzando in carta il punto di massima quota posto immediatamente a valle della corona di distacco. A ciascun punto (PIFF: Punto Identificativo del fenomeno Franoso) sono stati poi assegnati attributi logici ,quali: 1. classe geomorfologia dei dissesti ; 2. valori di inclinazione dell’area di innesco; 3. unità tettoniche di substrato pedogenetico, così come desunte dalla cartografia geologica esistente (LENTINI et alii, 2000, 2008); 4. curvatura trasversale del versante (convessa, concava e lineare); curvatura longitudinale del versante (convessa, concava e lineare).  
  • 28. Il ruolo svolto dall’Ordine dei Geologi: 1. valutazione del rischio residuo nelle aree vulnerate; 2. presidi territoriali nei punti critici, in ragione dello stato d’allerta; 3. censimento dei danni all’urbanizzato. 5 ottobre 2009 - seduta d’insediamento del nuovo Consiglio dell’Ordine: delibera straordinaria di disponibilità su base volontaria dei geologi siciliani a collaborare alle attività emergenziali (Funzione 1 del Centro Coordinamento Soccorsi della Protezione Civile Regionale)
  • 29. 90 geologi esprimono disponibilità a partecipare. Sono stati chiamati: 46 geologi attività di presidio; 10 geologi in attività di censimento dei danni
  • 30. Il 27 ottobre chiude l’Unità di Crisi Viene istituito l’Ufficio Commissariale del Soggetto attuatore (ai sensi dell’OPCM 10 ottobre 2009), con sede presso il Municipio di Messina 23 novembre 2009 conferimento incarichi di 6 mesi, con priorità assoluta ai volontari
  • 31. New towns?
  • 32.  
  • 33.  
  • 34.  
  • 35. Carl Spitweg, 1860 - “Der Geologe” Grazie per l’attenzione