Tesi Asterisk: CONFIGURAZIONE DI UN SERVIZIO VOIP CON ASTERISK

7,200 views

Published on

Nella tesi, dopo un’introduzione alle caratteristiche del VoIP, si è analizzata la raccomandazione H.323 e i protocolli su cui fa affidamento, nonché tutte le entità funzionali di una tipica architettura di rete basata su tale standard.
Analogamente, si sono analizzati i protocolli SIP e IAX ed i tipici componenti di una rete che sfruttano questi protocolli per trasmettere la voce a pacchetti, per poi concludere con una visione del sistema 3G – 324M.

Il secondo capitolo è dedicato per intero alle caratteristiche e i vantaggi nell’uso del VoIP PBX Asterisk, alle sue funzionalità, la descrizione e la configurazione base del suo dialplan, l’uso di contesti, estensioni, applicazioni, per concludere con una visione d’insieme circa le schede hardware e tipi di telefoni supportati, e qualche esempio di reti realizzabili sfruttando appunto Asterisk.

Il terzo e ultimo capitolo illustra, attraverso le fasi di installazione, compilazione e configurazione, il semplice test di telefonia e videotelefonia via softphone e telefoni IP realizzato utilizzando Asterisk come centralino.

Published in: Education
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
7,200
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
4,720
Actions
Shares
0
Downloads
39
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Tesi Asterisk: CONFIGURAZIONE DI UN SERVIZIO VOIP CON ASTERISK

  1. 1. SCARICATO DAL SITO www.riccardogalletti.com/appunti_gratis/asterisk.html
  2. 2. UNIVERSIT À DEGLI STUDI DI CASSINO FACOLT À DI INGEGNERIA Tesi di laurea in Ingegneria delle Telecomunicazioni Configurazione di un servizio VoIP con Asterisk RELATORE Prof. Ciro D’Elia CANDIDATO Riccardo Galletti Matr. 1265 ANNO ACCADEMICO 2005 - 2006
  3. 3. Obiettivi Realizzazione di un test per la semplice configurazione di un servizio per il Voice Over IP, utilizzando il gateway PBX Open Source Asterisk <ul><li>Integrare e ampliare il sistema telefonico interno al laboratorio LIT </li></ul><ul><li>Sfruttare i vantaggi del VoIP per la creazione di un sistema di videocomunicazioni tra studenti e docenti </li></ul><ul><li>Effettuare videolezioni e videoconferenze e dare avvio alla didattica a distanza </li></ul><ul><li>Test-bed per la videocomunicazione con telefonia mobile </li></ul>COS’E’ IL VOICE OVER IP?
  4. 4. Voice Over IP VoIP è la tecnologia che consente di comunicare attraverso la rete IP, anziché attraverso la tradizionale linea telefonica. <ul><li>Economicità e maggiore efficienza nell’uso della rete </li></ul><ul><li>Libertà di utilizzo e possibilità di sviluppo di nuovo hardware e software grazie all’uso dello standard non proprietario IP </li></ul><ul><li>Semplificazione delle infrastrutture </li></ul><ul><li>Diffusione a larga scala di videoconferenza e videotelefonia </li></ul>VANTAGGI <ul><li>Best effort, dunque nessuna garanzia </li></ul><ul><li>Minore affidabilità </li></ul><ul><li>Chiamate d’emergenza difficili da effettuare </li></ul><ul><li>Reti e protocolli eterogenei e </li></ul><ul><li>necessità dell’uso di Internet Telephony Gateway </li></ul>SVANTAGGI
  5. 5. Reti circuit switching Quando due host desiderano comunicare, la rete stabilisce un circuito dedicato end-to-end tra essi PRO: latenza bassa e non variabile CONTRO: spreco di risorse
  6. 6. I messaggi vengono suddivisi in pacchetti. Fra sorgente e destinazione ciascun pacchetto attraversa link di comunicazione e router. PRO: miglior utilizzo delle risorse trasmissive CONTRO: ritardi, jitter e maggior latenza causati dal multihop Reti packet switching A B C A B C
  7. 7. Standardizzazione • SIP (W3C, IETF) Principali protocolli • H.323 (ITU) • IAX (Digium) TELEFONIA INTERNET Nel VoIP convergono: ITU International Telecommunications Union ETSI European Telecommunications Standard Institute IETF Internet Engineering Task Force W3C World Wide Web Consortium Enti commerciali
  8. 8. Protocolli VoIP: H.323 È una raccomandazione ITU – T che specifica il modo in cui il traffico multimediale deve essere trasmesso in reti a commutazione di pacchetto che non prevedono qualità del servizio (in particolare la rete IP). Questo standard si occupa delle segnalazioni e del controllo delle chiamate, la trasmissione e il controllo di informazioni multimediali e il controllo di ampiezza di banda nelle conferenze in tempo reale punto – punto e multipunto.
  9. 9. Protocolli VoIP: H.323 La struttura <ul><li>I terminali </li></ul><ul><li>Il gateway </li></ul><ul><li>Il gatekeeper </li></ul><ul><li>Multipoint Control Unit </li></ul>
  10. 10. Protocolli VoIP: SIP Il SIP (Session Initiation Protocol) è un protocollo del livello applicazione con una struttura client-server, che nasce in ambito IETF come alternativa più semplice al sistema H.323, ed è utilizzato per attivare, gestire e chiudere le sessioni multimediali. Indirizzamento: [email_address] Maggiore integrazione col Web
  11. 11. Protocolli VoIP: SIP Il SIP (Session Initiation Protocol) è un protocollo del livello applicazione con una struttura client-server, che nasce in ambito IETF come alternativa più semplice al sistema H.323, ed è utilizzato per attivare, gestire e chiudere le sessioni multimediali. User Agent Client chiamante User Agent Server User Agent Server chiamato User Agent Client User Agent Client Proxy User Agent Client User Agent Server INVITE INVITE ACK BYE
  12. 12. SIP: Esempio di messaggio Invite INVITE sip:MIchele@dominio.com SIP/2.0 Via : SIP/2.0/UDP 134.102.18.1 From : <sip:riccardo@riccardogalletti.com>; tag = 4711 ''//identifica l'originatore della richiesta '' To : Michele <sip:michele@dominio.com> ''//identifica la destinazione logica di una richiesta'' Call-Id : 12345678@134.102.18.1 ''//è un valore costante che identifica l'invito'' Cseq : 49 Invite ''//ordina le transazioni (..la prossima richiesta avrà Cseq=50)'' Content-Length : 117 ''//il body consiste in 117 byte '' Content-Type : application /sdp ''//tipo di media descritto secondo il protocollo [[SDP]]'' Subject : felicitazioni! ''//l'oggetto del messaggio'' Contact : sip:riccardo@134.102.18.1:4050 ''//l'indirizzo al quale si desidera ricevere richieste'' transport = udp ''//specifica il protocollo di trasporto , nell'esempio UDP'' v = 0 ''//indica la versione in uso'' o = jack 7564657 9823872 IN IP4 134.102.18.1 ''//l' owner della risorsa con un ID di sessione'' c = IN IP4 134.102.18.1 ''// tipo di rete, la versione del protocollo IP e l'IP stesso '' t = 0 0 ''// tempo di start e di stop '' m = audio 4754 RTP/AVP 0 ''//tipo di media, num. di porto, protocollo di trasporto e formato '' a = rtpmap: 0 PCMU/8000 ''// attributi audiovideo .. se ce ne fossero '' s = festa ''//subject della sessione''
  13. 13. Protocolli VoIP: IAX IAX (Inter Asterisk eXchange) è il protocollo binario de facto utilizzato da Asterisk. Minimizza la larghezza di banda necessaria per la comunicazione, triplicando il n° di chiamate possibili rispetto ad H.323 o SIP HOST A HOST B NEW ACCEPT ACK RINGING ACK ANSWER ACK
  14. 14. Asterisk È un GATEWAY PBX Open Source ibrido tra le tecnologie TDM e Packet Voice (Voice over IP) Dal simbolo ‘jolly’ * che in UNIX e DOS rappresenta ogni file. Analogamente Asterisk interfaccia qualsiasi apparato telefonico hardware e software. IL NOME <ul><li>Realizzato dalla Digium </li></ul><ul><li>Completamente Open Source </li></ul><ul><ul><li>Scritto in C, su piattaforma Linux </li></ul></ul><ul><ul><li>Licenza GNU GPL </li></ul></ul>IL PROGETTO
  15. 15. Asterisk <ul><li>Supporta le tradizionali tecnologie TDM (reti circuit switching) </li></ul><ul><li>Linee e telefoni analogici </li></ul><ul><li>Linee e telefoni ISDN (Basic Rate and Primary Rate) </li></ul><ul><li>Supporta il packet voice (VoIP – reti packet switching) </li></ul><ul><li>PBX (Private Branch Exchange) </li></ul><ul><li>Ampie funzionalità come centralino telefonico </li></ul>FUNZIONI È un GATEWAY PBX Open Source ibrido tra le tecnologie TDM e Packet Voice (Voice over IP)
  16. 16. Funzioni avanzate <ul><li>Funzionalità complete VoIP + autenticazione + protezione </li></ul><ul><li>Segreteria telefonica + servizi di posta elettronica </li></ul><ul><li>Funzioni giorno/notte/festivo/pausa </li></ul><ul><li>Risposta automatica con operatore virtuale (IVR) </li></ul><ul><li>Caselle vocali e annunci vocali personalizzati </li></ul><ul><li>Supporto del CallerID (identificativo del chiamante) anche sulle chiamate in attesa </li></ul><ul><li>Gestione delle chiamate in attesa </li></ul><ul><li>Gestione di servizi di call-back </li></ul>
  17. 17. Funzioni avanzate <ul><li>LCR (Least Cost Routine: instradamento delle chiamate verso l’operatore più economico per orario e tipo di chiamate) </li></ul><ul><li>Conversazione a tre </li></ul><ul><li>Possibilità di gestione fax server </li></ul><ul><li>Funzioni di telemanutenzione per ridurre al minimo la necessità di interventi in sede </li></ul><ul><li>Possibilità di sviluppo di nuove funzionalità con minimo sforzo grazie alla piattaforma aperta su cui si basa il sistema </li></ul>
  18. 18. Architettura Asterisk Application API Codec Translator Scheduler and I/O Manager Application Launcher PBX Switching Core Dynamic Module Loader Asterisk File format API Asterisk Channel API Codec Translator API Connessione delle chiamate tra i vari utenti
  19. 19. Architettura Carica i moduli codec, e li traduce per far dialogare tra loro canali che utilizzano codec diversi Asterisk Application API Codec Translator Scheduler and I/O Manager Application Launcher PBX Switching Core Dynamic Module Loader Asterisk File format API Asterisk Channel API Codec Translator API
  20. 20. Architettura API (Application Program Interface) – organizzati in moduli per una completa astrazione tra le sue funzioni e le tecnologie attuali o future Asterisk Application API Codec Translator Scheduler and I/O Manager Application Launcher PBX Switching Core Dynamic Module Loader Asterisk File format API Asterisk Channel API Codec Translator API
  21. 21. I l dialplan È l’entità che instrada ogni chiamata nel sistema, passando per le varie applicazioni. È organizzato in contesti , cioè insieme di estensioni (istruzioni) [incoming] exten => 100,1,Wait(1) exten => 100,2,Answer exten => 100,3,Playback(welcome) exten => 100,4,Hangup [local] exten => 250,1,Dial(SIP/utente1) exten => utente1,1,Dial(SIP/utente1) include => demo [laboratorio] exten => 2000,1,Dial(IAX/2000) exten => 2000,2,Voicemail(u2000) exten => 2001,1,Dial(ZAP/1) exten => 2001,2,Voicemail(u1)
  22. 22. I l dialplan Le estensioni comprendono priorità (ordine delle istruzioni) exten => 100,1,Wait(1) exten => 100,2,Answer exten => 100,3,Playback(demo-congrats) exten => 100,4,Hangup ( ) exten => 100,1,Wait(1) exten => 100,2,Answer ( ) e applicazioni Esempi : Answer(), Playback(), Dial(), Goto (), Voicemail(), Hangup()…
  23. 23. I l dialplan exten => 100/4006619, 1, Congestion exten => 100, 1, Dial(Zap/1,20) exten => 100, 2, Voicemail(u100) exten => 100, 102, Voicemail(b100) exten => 100, 103, Hangup () include => demo <ul><li>ESTENSIONE CON “ANTI – EX – GIRLFRIEND” </li></ul>4006619 altri utenti
  24. 24. Esempi di network <ul><li>PBX 1x1 </li></ul>
  25. 25. Esempi di network <ul><li>un piccolo ufficio 8x16 </li></ul>
  26. 26. Installazione asterisk –vvvgc S.O.: Linux CentOS 2.4 kernel 2.6.9-34.EL <ul><li>Pacchetti: </li></ul><ul><li>zaptel-1.2.9.1.tar.gz </li></ul><ul><li>libpri-1.2.3.tar.gz </li></ul><ul><li>asterisk-1.2.12.1.tar.gz </li></ul>
  27. 27. Softphone È un software che realizza funzionalità telefoniche su di un dispositivo non telefonico, come un PC o un palmare. SJPHONE KAPANGA SIP, H.323 VIDEOCHIAMATA (SIP)
  28. 28. Configurazione Dialplan: sip.conf (creazione nuovi utenti) + extensions.conf (estensioni per la chiamata o videochiamata, voicemail, riaggancio) Softphone e telefoni IP: nuovo profilo (parametri di autenticazione) + registrazione
  29. 29. Configurazione [general] videosupport=yes . . . [riccardo] type=friend ; host=dynamic ; dtmfmode=rfc2833 ; username=riccardo ; secret=pass ; context=tesi ; <ul><li>SIP.CONF </li></ul><ul><li>EXTENSIONS.CONF </li></ul>[tesi] exten => 6000,1,Dial(SIP/riccardo) ; exten => riccardo,1,goto(6000,1) ; exten => 100,2,Voicemail(u6000) ; exten => 100,102,Voicemail(b6000) ; include => demo ;
  30. 30. Conclusioni… <ul><li>Sono state analizzati i vantaggi e le problematiche del Voice Over IP </li></ul><ul><li>E’ stata descritta la struttura e le caratteristiche dei protocolli H.323, SIP e IAX </li></ul><ul><li>E’ stato illustrata l’architettura e le funzionalità del gateway Asterisk </li></ul><ul><li>E’ stato effettuato un test di configurazione del diaplan di Asterisk per la realizzazione di un semplice servizio VoIP sfruttando softphone e telefoni IP </li></ul>
  31. 31. … e sviluppi futuri <ul><li>Integrazione ed espansione dell’esistente sistema telefonico interno al laboratorio LIT </li></ul><ul><li>Creazione di sistemi di videocomunicazioni e conferenze a basso costo interno alla facoltà, allo scopo di migliorare l’attività didattica e di rendere più semplici i contatti tra studenti e corpo docente </li></ul><ul><li>Analisi e implementazione di aspetti riguardanti la sicurezza di Asterisk </li></ul><ul><li>Relazione tra Asterisk e LDAP per la creazione e la gestione automatica di nuovi utenti </li></ul>
  32. 32. G r a z i e … ;-)
  33. 33. Test aula magna switch 10.0.0.3 10.0.0.2 R.Galletti 6501 6502 10.0.0.4 prof. D’Elia 10.0.0.5 6500

×