Striano. Reti di supporto per una scuola inclusiva
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Striano. Reti di supporto per una scuola inclusiva

on

  • 476 views

Relatore: Nicola Striano (CTS Roma) ...

Relatore: Nicola Striano (CTS Roma)
Reti di supporto per una scuola inclusiva
Convegno
Salute mentale in età evolutiva e Scuola: verso una legge regionale
Roma, 12 - 13 Giugno 2013
Sapienza Università di Roma
Aula Magna
P.le Aldo Moro, 5

Statistics

Views

Total Views
476
Views on SlideShare
296
Embed Views
180

Actions

Likes
0
Downloads
1
Comments
0

2 Embeds 180

http://ntdlazio.blogspot.it 177
http://webcache.googleusercontent.com 3

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Striano. Reti di supporto per una scuola inclusiva Striano. Reti di supporto per una scuola inclusiva Presentation Transcript

  • Salute Mentale in Età Evolutiva e Scuola:Salute Mentale in Età Evolutiva e Scuola:verso una Legge Regionaleverso una Legge RegionaleRoma, 12 - 13 Giugno 2013Sapienza Università di RomaAula Magna
  • La Rete italiana dei CTS, Strumento Cooperativo,La Rete italiana dei CTS, Strumento Cooperativo,per un Nuovo Modello di fare Integrazioneper un Nuovo Modello di fare IntegrazioneReti di supporto per una scuola inclusivaReti di supporto per una scuola inclusivaProf. Striano Nicola CTS IPSSS ”Edmondo De Amicis”Prof. Striano Nicola CTS IPSSS ”Edmondo De Amicis” RomaRoma
  • ISTITUZIONE DEI CTSISTITUZIONE DEI CTSI CTSCTS (Centri Territoriali di Supporto)SONO ISTITUITI NEL 2006 DAL MIURMIURCON IL PROGETTO“NUOVE TECNOLOGIE E DISABILITA’NUOVE TECNOLOGIE E DISABILITA’ ”VENGONO COLLOCATI IN GRAN PARTEPRESSO SCUOLE POLO
  • FUNZIONIFUNZIONISUPPORTARE LE SCUOLENELL’USO DELLE NUOVETECNOLOGIE CON:• INFORMAZIONE• CONSULENZA• FORMAZIONE• COMODATO D’USO
  • PRIMA FASEPRIMA FASEDOPO UNA PRIMA FASE CONCONGRUI FINANZIAMENTI (ANCHECON UN BANDO PER PROGETTIFINALIZZATI PER METTERE APUNTO NUOVE TECNOLOGIE) ILMIUR SEMBRA TRASCURARE I CTS…
  • LA BUONA VOLONTA’ DEGLILA BUONA VOLONTA’ DEGLIOPERATORIOPERATORINONOSTANTE I FONDIDIVENTINO ESIGUI GLIOPERATORI DEI CTSRIESCONO A MANTENERE INVITA QUESTE ISTITUZIONIGRAZIE ALLA PASSIONE E LABUONA VOLONTA’…
  • LEGGE 8 /10/2010 N.170LEGGE 8 /10/2010 N.170CON LE NUOVE NORME SUI DSA INAMBITO SCOLASTICO IL MIUR PERGARANTIRE IL DIRITTO ALLO STUDIODEGLI ALUNNI DECIDE DI RI-INVESTIRESUI CTS, VALORIZZANDOLI COMEPUNTO DI RIFERIMENTO PER I DSA …
  • L’ ARTICOLO 8L’ ARTICOLO 8I CENTRI POSSONO ESSERE IMPIEGATICOME CENTRI DI CONSULENZA,FORMAZIONE, COLLEGAMENTO EMONITORAGGIO ED ESSEREINTERCONNESSI TELEMATICAMENTE…
  • PROTOCOLLO D’INTESA TRAPROTOCOLLO D’INTESA TRAMINISTERO DELLA SALUTE EMINISTERO DELLA SALUTE EMIURMIURIL MIUR, NEL PROTOCOLLO D’INTESADEL 12 LUGLIO 201212 LUGLIO 2012 PER LA TUTELAALLA SALUTE E IL DIRITTO ALLOSTUDIO DEGLI ALUNNI CONDISABILITA’, SI IMPEGNA APOTENZIARE E METTERE IN RETE I CTSPROMUOVENDO IL COORDINAMENTOCON LE AZIENDE SANITARIE.
  • DIRETTIVA MINISTERIALE delDIRETTIVA MINISTERIALE del27/12/12 e relativa C.M. 8 del27/12/12 e relativa C.M. 8 del6/03/13 sui BES6/03/13 sui BESVIENE DATO UN NUOVO IMPULSO ALLAVIA ITALIANA PER L’INCLUSIONESCOLASTICA PUNTANDOSTRATEGICAMENTE SULLARIORGANIZZAZIONE TERRITORIALE DEICTS ANCHE AL FINE DI UTILIZZARE ICENTRI COME INTERFACCIA TRAL’AMMINISTRAZIONE E LE SCUOLE …
  • NUOVE FUNZIONINUOVE FUNZIONIINFORMAZIONE, FORMAZIONE,CONSULENZA E RICERCA, NON SOLO SULLETECNOLOGIE ASSISTIVE, MA SU TUTTI GLIAMBITI LEGATI ALL’INCLUSIONE ECORDINAMENTO CON PROVINCIA, COMUNI,MUNICIPI, SERVIZI SANITARI,ASSOCIAZIONI, GLIP E GLIR …
  • I BESI BESI CTS DIVENTANO ANCHE PUNTO DIRIFERIMENTO PER I GRUPPI DI LAVORO PERL’INCLUSIONE (GLIGLI) DELLE SCUOLE CHEINTENDANO IMPLEMENTARE AZIONI DISISTEMA COME FORMAZIONE, TUTORAGGIO,PROGETTI DI PREVENZIONE EMONITORAGGIO PER GLI ALUNNI CON BES(DI CUI FANNO PARTE, ALUNNI BORDERLINECOGNITVI, ADHD, STRANIERI ....) ...
  • A LIVELLO LOCALEA LIVELLO LOCALEIN ALCUNE REGIONI SONO AFFIANCATI DAICENTRI TERRITORIALI PER L’INCLUSIONE (CTICTI)A LIVELLO DISTRETTUALE FORMANOEQUIPE DI INSEGNANTI CON COMPETENZESPECIFICHE DI ALTO LIVELLO E GLH DI RETI
  • ( Schema a cura di Nicola Striano… )
  • ( Schema a cura di Paolo D’Incecco… )
  • Rete locale dei CTS( Schema a cura di Nicola Striano… )
  • ( Schema a cura di Paolo D’Incecco… )
  • ( Schema a cura di Nicola Striano… )
  • ( Schema a cura di Paolo D’Incecco… )
  • ( Schema a cura di Paolo D’Incecco… )
  • PUNTI CRITICIPUNTI CRITICIDELL’INTEGRAZIONE IN ITALIADELL’INTEGRAZIONE IN ITALIA• scarso coinvolgimento dei curriculari, che continuano adelegare le proprie funzioni all’insegnante di sostegno;• diffusa sfiducia e incapacità a lavorare in Gruppo;• mancanza di monitoraggio sui processi di inclusioneutilizzando criteri e strumenti scientifici di valutazione.• frequente, paradossale, non integrazione tra gli insegnantidi sostegno, che, dopo l’assegnazione dei casi, operanociascuno per conto proprio, soprattutto nella scuolasecondaria• scarsa considerazione della complessità dei bisognipresenti nell’ambiente classe dell’alunno disabile e deicompagni del gruppo classe. Come è possibile alloraintegrare un alunno disabile in un contesto non integrato?
  • NUOVE OPPORTUNITA’NUOVE OPPORTUNITA’LA SFIDA DELLA COMPLESSITA’ INSITANEL PROCESSO INCLUSIVO PUO’ ESSEREAFFRONTATA E VINTA SOLO CON UNARISPOSTA ALTRETTANTO COMPLESSA EDARTICOLATA CHE LA RETE DEI CTS E’ INGRADO DI OFFRIRE SE SOSTENUTA PRIMADI TUTTO DAL MIUR E DALLE REGIONI
  • NUOVE OPPORTUNITA’NUOVE OPPORTUNITA’• PER REALIZZARE L’OBBIETTIVO DELL’INCLUSIONE, LARETE RISPETTO AI SINGOLI ELEMENTI NON OFFRE IVANTAGGI POSSIBILI DALL’UNIONE, CIOE’ LA SOMMADELLE RISORSE, MA MOLTO DI PIU’, PERCHE’ LERISORSE ADDIRITTURA SI MOLTIPLICANO.• LA RETE ICONICAMENTE RICHIAMA IL SEGNO DEL XCHE SI RIPETE PER TUTTO IL SUO TESSUTO.• LA RETE DI CUI STIAMO PARLANDO E’ IN GRADO DIACCOGLIERE, SOPPORTARE SOLLECITAZIONI EPROBLEMI DIFFICILI… PERCHE’ POSSIEDE NODIMOLTO FORTI:I CTS E TRA UN CTS E L’ALTRO SI POSSONO DIRAMARETUTTA UNA SERIE DI MICRO-RETI DUTTILI IN GRADODI AFFRONTARE I PROBLEMI LOCALI.
  • NUOVE OPPORTUNITA’NUOVE OPPORTUNITA’• PER LA PRIMA VOLTA SI HA UN QUADRO ED UNAVISIONE COMPLESSIVA DEL PROCESSO INCLUSIVO• CON LA CIRCOLARE SUI BES TRAMITE L’ISTITUZIONEDEL GRUPPO DI LAVORO PER L’INCLUSIONE (GLIGLI), ILPIANO ANNUALE PER L’INCLUSIONE (PAIPAI) E IL PIANODI LAVORO PERSONALIZZATO (PDPPDP), VENGONORESPONSABILIZZATI I CURRICULARI E SI ARGINA ILFENOMENO DELLA DELEGA• FINALMENTE E’ POSSIBILE FARE UN MONITORAGGIOQUALITATIVO DEL PROCESSO INCLUSIVO TRAMITESTRUMENTI QUALI IL QUADIS, L’INDEX … , VALUTARE IRISULTATI E FARE CORREZIONI
  • NUOVENUOVE OPPORTUNITA’OPPORTUNITA’CON L’ISTITUZIONE DEL GLIGLI E’ POSSIBILEPROMUOVERE CON QUALCHE CHANCE INPIU’ NELLA SCUOLA LA CULTURA DELLA CULTURA DELLAVORO DILAVORO DI GRUPPOGRUPPO (PRESUPPOSTOINDISPENSABILE PER L’INTEGRAZIONE)TRA I DOCENTI DI SOSTEGNO, TRADOCENTI CURRICULARI E DI SOSTEGNO ETRA LE ALTRE FIGURE OPERANTI NELLASCUOLA
  • DALL’ ESPERIENZA DEL LAVORO DIGRUPPO SARA’ POSSIBILE ACQUISIREQUELLE COMPETENZE INDISPENSABILINEL LAVORO DI MICRORETE E/OMACRORETI CON FIGURE O SERVIZIESTERNI ALLA SCUOLA PER LASOLUZIONE CONGIUNTA DEI PROBLEMIE PROGETTARE INSIEME …LAVORO DI RETELAVORO DI RETE
  • NUOVE OPPORTUNITA’NUOVE OPPORTUNITA’L’ACQUISIZIONE DEL LAVORO DI GRUPPOTRA GLI INSEGNANTI FAVORIRA’ UNADIDATTICA INCLUSIVA BASATA SU ATTIVITA’LABORATORIALI, COOPERATIVE LEARNING,TUTORAGGIO, PEER-MANAGED, UTILIZZODELLE NUOVE TECNOLOGIE CHEFAVORISCONO LA SOCIALITA’ E LERELAZIONI
  • LA CREAZIONE DELLA RETE DEI CTS, I CUIOPERATORI SONO INSEGNANTI,CONTRIBUIRA’ AD ABBATTERE QUEL MURODI NON COMUNICAZIONE, SCARSACOLLABORAZIONE E DIFFIDENZA TRAL’AMMINISTRAZIONE E LE SCUOLE, CHE E’FONTE DI CONFLITTI E DEMOTIVAZIONEPER INIZIATIVE NON CONDIVISE CON LABASE DEGLI INSEGNANTI …NUOVE OPPORTUNITA’NUOVE OPPORTUNITA’
  • L’IMPORTANZA DI INSERIRE IL’IMPORTANZA DI INSERIRE ICTS IN UNA LEGGE REGIONALECTS IN UNA LEGGE REGIONALE“I CTS POTRANNO FARSI PROMOTORI IN RETE CON LEISTITUZIONI SCOLASTICHE DI INTESE EDI ACCORDI TERRITORIALI CON I SERVIZI SOCIOSANITARI DELTERRITORIO FINALIZZATI:•ALL’ELABORAZIONE CONDIVISA DI PROCEDURE PERL’INTEGRAZIONE DEI SERVIZI IN AMBITO SCOLASTICO…•A PROGETTI PER L’INCLUSIONE…•ALLA PREVENZIONE/CONTRASTO DEL DISAGIO IN AMBITOSCOLASTICO”…DIRETTIVA MINISTERIALEDIRETTIVA MINISTERIALE27/12/201227/12/2012
  • L’IMPORTANZA DI INSERIRE IL’IMPORTANZA DI INSERIRE ICTS IN UNA LEGGE REGIONALECTS IN UNA LEGGE REGIONALE• DA QUANTO ESPOSTO E’ LAMPANTE LA FUNZIONESTRATEGICA CHE POSSONO ASSUMERE I CTS PERPROMUOVERE LA SALUTE MENTALE, COLLEGANDOEDUCAZIONE E PREVENZIONE NELLA SCUOLA DITUTTI• SAREBBE IMPORTANTE, PERTANTO, INSERIRE EVALORIZZARE I CTS IN UNA LEGGE REGIONALESULLA INTEGRAZIONE SOCIALE CHE AFFIANCA UNALEGGE SULLA SALUTE MENTALE, CHE VADA APOTENZIARE LAZIONE SVOLTA DAL MIUR.
  • DA SOLI CI SI PERDE, INSIEME SI VA AVANTI,DA SOLI CI SI PERDE, INSIEME SI VA AVANTI,I CTS MESSI IN RETE POSSONO ESSERE LE STRUTTUREI CTS MESSI IN RETE POSSONO ESSERE LE STRUTTURECHE CI PERMETTONO DI FARE UN SALTO QUALITATIVOCHE CI PERMETTONO DI FARE UN SALTO QUALITATIVOPER L’INCLUSIONE …PER L’INCLUSIONE …