Your SlideShare is downloading. ×
Presentazione a supporto video intervista Lucio Smareglia
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

Presentazione a supporto video intervista Lucio Smareglia

860

Published on

Distribuzione Verso il 2010: Ambiente, Clienti, Negozi, Struttura

Distribuzione Verso il 2010: Ambiente, Clienti, Negozi, Struttura

Published in: Business
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
860
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
3
Actions
Shares
0
Downloads
14
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide
  • Transcript

    • 1. Distribuzione Verso il 2010: Ambiente, Clienti, Negozi, Struttura
    • 2. Lo tsunami 2009 t € 2004 2005 2006 2007 Andamento dei consumi 2008 ? Tsunami Aumentano le materie prime 2004: inattesa discontinuità
    • 3. 15 ragioni che identificano la crisi strutturale...
      • Diminuzione del potere d’acquisto
      • Diminuzione della quota di reddito destinato all’alimentare
      • Aumento dell’indebitamento delle famiglie e aumento dei tassi
      • Pessimismo sull’andamento economico e sulla sicurezza del posto di lavoro
      • Alleggerimento dei pasti principali
      • Il consumo alimentare non è più status symbol
      • La spesa alimentare è una noiosa routine
      • In aumento consumo pasti fuori casa
      • La popolazione invecchia
      • Single e coppie senza figli aumentano
      • Gli stranieri aumentano
      • Scarsa innovazione nell’alimentare (nuovi prodotti validi < 2%)
      • Eccesso di offerta dell’industria
      • Eccesso di superfici di vendita
      • Aumenta la povertà (più di 1 italiano su 10 vive in condizioni precarie)
    • 4. La discontinuità del 2004 ci ha colti impreparati perché l’offerta... Bassa prestazione Alta prestazione Alto prezzo Enfasi sulla prestazione Enfasi sul prezzo Equilibrio Prestazione-Prezzo Basso prezzo 100 50
    • 5. Non ha seguito la domanda... Bassa prestazione Alta prestazione Enfasi sulla prestazione Enfasi sul prezzo Equilibrio Prestazione-Prezzo Basso prezzo 100 50 Alto prezzo
    • 6. Con un impatto non indifferente sullo “spendente” (shopper) che...
      • Sempre meno disposto a riconoscere un premio agli articoli di marca (in parecchi casi li giudica, troppo cari)
      • Diminuisce la quantità di prodotti acquistati
      • Aumenta l’acquisto di prodotti di basso prezzo
      • Aumenta la frequentazione di mercati rionali, outlet e formule discount
      • Cresce l’insofferenza verso un eccessivo uso delle attività promozionali
      • Aumenta l’apprezzamento vs formule distributive che offrono una scelta più limitata ed un prezzo basso tutti i giorni
      • Diminuisce la fedeltà verso il punto vendita
    • 7. Consumi: “Lo Spesante” Nuovi stili di consumo Nuovi stili di vita Nuovi valori Diversificazione dei consumi (Viaggi, Hi-tech…) Aumento dei consumi extradomestici Il Food perde il proprio ruolo centrale Meno tempo dedicato alla spesa alimentare Salute, Freschezza, Libertà,Giusto Prezzo Take Away, Fast Food, Bar, Cibo etnico Low cost, innovazione Hard discount e negozi di nicchia Effetti Minacce
    • 8. Il cliente e la GDO Supermercato Desiderata 100% 70% 20% 100 75 50 Discount 150 Numero referenze trattate
    • 9. Chi è lo spendente di oggi?
      • Un signore che ha una personalità plurima (Berne)
      • 60% di responsabile/amministratore delegato dell’azienda famiglia che ha un budget e un bilancio cioè di uno che ha il compito di procurar da mangiare
      • 20% di bambino influenzabile
    • 10. Incrocio di flussi di clienti merci ed informazioni Cliente Giudizio Positivo Torna Negativo Non Torna Supply Chain Politica commerciale Punto Vendita
    • 11. 2 Obiettivi del Distributore Un distributore deve rispondere alle esigenze dei clienti di oggi e domani affinché:
              • Siano soddisfatti
              • Comprino
              • Ritornino
              • Lo dicano agli amici
    • 12. Cosa vuole il cliente? Trovo tutti gli articoli che volevo
      • Zero Out of stock
      • Riordino automatizzato
      • Alto grado di servizio
      • Assortimento
        • Corrispondente alle esigenze del cliente
        • completo, ma non ridondante
        • Prodotti locali
        • Prodotti nuovi
        • Piatti pronti
      • Category Management
      Cosa deve fare l’azienda? Logistica IT Organizzazione e processi
    • 13. Cosa vuole il cliente? I prodotti sono freschi e le scadenze lontane
      • Processi di riordino automatizzati
      • Efficace
      • Cross docking
      • Giacenze minime
      • Consegne giornaliere
      • Disciplina dei fornitori
      • Senza criticità alle interfacce tra funzioni e/o aziende
      • Applicazione delle norme (HACCP, tracciabilità, ecc.)
      Cosa deve fare l’azienda? Logistica Organizzazione e processi IT
    • 14. Cosa vuole il cliente? I prodotti sono buoni, sani, genuini e convenienti
      • Mutualistica e terziarizzata
      • Referenze pronte alla messa a scaffale
      • Accesso a Factory Gate Price
      • Fornitori selezionati
      • Controllo della qualità
      • Assenza di sostanze nocive
      • Elevato rapporto qualità prezzo
      • Snella
      • Efficiente
      • Marca del distributore molto conveniente !!!
      • Massa critica d’acquisto
      Cosa deve fare l’azienda? Logistica Organizzazione e processi Politica commerciale
    • 15. Cosa vuole il cliente? Faccio la spesa rapidamente e posso scegliere tra prezzi differenti
      • 100% di prodotti riconosciuti alle casse
      • Self scanning e automatic check-out
      • Mai code alle casse
      • Percorso chiaro e funzionale
      • Facile accesso ai prodotti
      • Prezzi leggibili
      • Scala prezzi completa
      Cosa deve fare l’azienda? IT Organizzazione e processi Punto vendita
    • 16. Cosa vuole il cliente? Fare la spesa è stata un esperienza Positiva, ho pagato la cifra che avevo in mente comprando anche un capriccio
      • Il Personale è:
        • Gentile
        • Disponibile
        • Competente
        • Facilmente rintracciabile
      • Rispetta l’ambiente
      • Il punto vendita è pulito e ordinato
      • Si vede la merce, non l’arredamento
      • I prodotti freschi e stagionali sono “emozionanti”
      • I piatti pronti sono “stuzzicanti”
      • Scontrini senza errori e corrispondenti ai prezzi di scaffale
      Cosa deve fare l’azienda? IT Organizzazione e processi Punto vendita
    • 17. Punti di vista molto diversi...
      • Chi Imposta
        • ACQUISTI
        • MARKETING
        • VENDITE
        • CATEGORY
      Fornitore CeDi Merci
      • Chi implementa
        • VENDITE
        • LOGISTICA
        • PdV
        • ADDETTI VENDITA
      • Chi verifica
      • DIREZIONE
      • ISPETTORI
      • GESTORI
      Il Distributore vede Il Cliente vede PV1 PV2 PV3 PV4 PVn …
    • 18. Un Cliente acquista 50/100 volte all’anno e 1.000 clienti acquistano 50.000/100.000 volte all’anno... Ogni Cliente giudica ad ogni acquisto Fornitore CeDi Merci Il Distributore vede PV n123 Punto Vendita

    ×