Francesco Tregnaghi    (www.tregnaghi.it) I contratti coi clienti.Obblighi ed opportunità
Situazione ante art. 9 D.L. 1/2012Già il D.L. "Bersani" 223/2006 aveva introdotto il 3° commadellart. 2233 c.c., che recit...
Il D.L. 1/2012     Articolo 9 (Disposizioni sulle professioni regolamentate)1. Sono abrogate le tariffe delle professioni ...
Altri obblighi al conferimento       dellincarico (sempre art 9 D.L. 1)"Il compenso per le prestazioni professionali è pat...
Altri obblighi della contrattazione "Il professionista deve rendere noto al cliente il grado dicomplessità dellincarico......
Gli "oneri ipotizzabili" in giudizio".... fornendo tutte le informazioni utili circa gli oneriipotizzabili dal momento del...
Gli "oneri ipotizzabili" in giudizio - 2Nellincarico giudiziale, occorre anche avvertire al cliente chepuò avere oneri ind...
Gli "oneri ipotizzabili" in giudizio - 3Nellincarico giudiziale, occorre anche avvertire al cliente che                   ...
Gli "oneri ipotizzabili" in giudizio - 3/2...continua.... Nellincarico giudiziale, occorre anche avvertire alcliente che  ...
Altri obblighi di informazione - 1• Si devono indicare i dati della polizza assicurativa per i danni  provocati nelleserci...
Altri obblighi di informazione - 2• Si deve avvisare della possibilità, per la parte che abbia i necessari  requisiti redd...
La misura del compenso"In ogni caso la misura del compenso è previamente resa nota alcliente con un preventivo di massima,...
Quando si va in mediazioneOccorre avvisare che la mancata partecipazione puòcomportare:1) Rischio di influenzare la decisi...
Ultimo avviso...                   Informativa sulla privacyIl D.Lgs 30 giugno 2003, n. 196 CODICE IN MATERIA DIPROTEZIONE...
Possiamo scambiarci idee e contratti anche sulla mailing list     avvocativeronesiperlegnago@googlegroups.com
Uno schema di contratto per causa di cognizione ordinariaa) per l’assistenza stragiudiziale tendente alla bonaria definizi...
Possiamo scambiarci idee e contratti anche sulla mailing list     avvocativeronesiperlegnago@googlegroups.com
Possiamo scambiarci idee e contratti anche sulla mailing list     avvocativeronesiperlegnago@googlegroups.com
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

I contratti con i clienti.

1,077

Published on

Le slides della relazione dell'avv. Francesco Tregnaghi, sul contratto avvocato-cliente

0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total Views
1,077
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
2
Actions
Shares
0
Downloads
13
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

I contratti con i clienti.

  1. 1. Francesco Tregnaghi (www.tregnaghi.it) I contratti coi clienti.Obblighi ed opportunità
  2. 2. Situazione ante art. 9 D.L. 1/2012Già il D.L. "Bersani" 223/2006 aveva introdotto il 3° commadellart. 2233 c.c., che recita "Sono nulli, se non redatti informa scritta, i patti conclusi tra gli avvocati ed ipraticanti abilitati con i loro clienti che stabiliscono icompensi professionali ".Non ci aveva cambiato, in pratica nulla, perché il primocomma diceva: "Il compenso, se non è convenuto dalleparti e non può essere determinato secondo le tariffe o gliusi, è determinato dal giudice" No contratto scritto = applicazione tariffe
  3. 3. Il D.L. 1/2012 Articolo 9 (Disposizioni sulle professioni regolamentate)1. Sono abrogate le tariffe delle professioni regolamentate nelsistema ordinistico.2. Ferma restando labrogazione di cui al comma 1, nel caso diliquidazione da parte di un organo giurisdizionale, il compensodel professionista e determinato con riferimento a parametristabiliti con decreto del Ministro vigilante...Ancorché in conversione del D.L. sia caduto il divieto difar riferimento ai parametri nei contratti con consumatori emicroimprese, resta la previsione dei parametri esclusivamentecome criterio per il giudice No contratto = parametri? Di fatto, in caso di contenzioso, sì ma...
  4. 4. Altri obblighi al conferimento dellincarico (sempre art 9 D.L. 1)"Il compenso per le prestazioni professionali è pattuito, nelleforme previste dallordinamento, al momento del conferimentodellincarico professionale."• Per noi, ex 2233 u.c., necessariamente per iscritto.• E chiaro che in caso di mancato patto scritto e controversia col cliente il giudice finirebbe probabilmente per applicare i parametri (molto penalizzanti rispetto alla tariffa 2004) Ma esistono altri motivi per fare davvero un contratto scritto, ancorché di massima negli importi
  5. 5. Altri obblighi della contrattazione "Il professionista deve rendere noto al cliente il grado dicomplessità dellincarico...."Il contratto è unottima occasione per documentare che, adesempio, si è sconsigliato di agire o resistere, o si è reso notala difficoltà dellincarico stragiudiziale.In mancanza, un cliente che "dimentichi" gli avvisi di cautela o irischi "sostanziali" che gli abbiamo esplicitato (ma che nonvoleva sentire nella furia del momento) potrebbe lamentare chela difficoltà (e quindi i rischi di esito diverso dallo sperato) nongli era stata rappresentata. Con conseguenti affermazioni diresponsabilità.
  6. 6. Gli "oneri ipotizzabili" in giudizio".... fornendo tutte le informazioni utili circa gli oneriipotizzabili dal momento del conferimento fino alla conclusionedellincarico"Vale quanto detto sopra. Nel giudiziale è essenziale esplicitareche IN OGNI CASO:• ci sono oneri previdenziali (cipa) e fiscali (IVA) nella percentuale stabilita la momento del pagamento• possono esserci da anticipare, oltre alle spese della nostra parcella, le spese di uno o più CTU ed eventualmente CTP;• possono esserci da anticipare spese per C.U. (facilmente quantificabili allatto dellincarico)• possono esserci altri carichi fiscali (tasse di trascrizione, ed imposta di registro, nella misura determinata dallufficio)
  7. 7. Gli "oneri ipotizzabili" in giudizio - 2Nellincarico giudiziale, occorre anche avvertire al cliente chepuò avere oneri indiretti anche IN CASO DI VITTORIA, PUR SE TOTALE• cè ancora possibilità di compensazione, totale o parziale, delle spese (art 92 co 1 cpc);• le spese a suo favore saranno liquidate a parametri ministeriali, e non necessariamente nella misura pattuita (che, si spera, sia più alta)
  8. 8. Gli "oneri ipotizzabili" in giudizio - 3Nellincarico giudiziale, occorre anche avvertire al cliente che IN CASO DI SCONFITTA:• Si pagheranno normalmente le spese a controparte, senza rifusione di quelle sostenute;• Se è accolta la domanda in misura non superiore all’eventuale proposta conciliativa, la parte che ha rifiutato senza giustificato motivo la proposta è condannata al pagamento delle spese del processo maturate dopo la formulazione della proposta• nelle cause avanti GdP, le spese, competenze ed onorari liquidati dal giudice non possono superare il valore della domanda .... segue....
  9. 9. Gli "oneri ipotizzabili" in giudizio - 3/2...continua.... Nellincarico giudiziale, occorre anche avvertire alcliente che IN CASO DI SCONFITTA• Esiste la possibilità di responsabilità per aver agito o resistito in giudizio con mala fede o colpa grave con condanna al risarcimento dei danni (96 co 1);• In ogni caso, quando pronuncia sulle spese ai sensi dell’articolo 91, il giudice, anche d’ufficio, può altresì condannare la parte soccombente al pagamento, a favore della controparte, di una somma equitativamente determinata.
  10. 10. Altri obblighi di informazione - 1• Si devono indicare i dati della polizza assicurativa per i danni provocati nellesercizio dellattività professionale. (art 9 comma 4)• In realtà il D.L. 1/2012 non rende lassicurazione obbligatoria, ma si deve ritenere obbligatorio indicare i dati se la polizza esiste;• Lobbligatorietà della polizza è stata introdotta invece dallart 5 (che chiede anche indicazione del massimale): D.P.R. 7 agosto 2012 , n. 137 Regolamento recante riforma degli ordinamenti professionali, a norma dellarticolo 3, comma 5, del decreto-legge 13 agosto 2011, n. 138, convertito, con modificazioni, dalla legge 14 settembre 2011, n. 148. (GU n. 189 del 14-8-2012) con effetto ad un anno dalla entrata in vigore (giorno dopo la pubbl. = 15.8.2013)
  11. 11. Altri obblighi di informazione - 2• Si deve avvisare della possibilità, per la parte che abbia i necessari requisiti reddituali, di ottenere il patrocinio a spese dello Stato (arg ex art 40 Cod. Deont For. "Obbligo di informazione")• Si deve avvisare, quando la mediazione è facoltativa, della possibilità di percorre quella strada e delle agevolazioni fiscali connesse. Linformativa va fatta obbligatoriamente per iscritto, pena la annullabilità del contratto, ed allegata allatto introduttivo delleventuale giudizio (art. 4 co. 3, D.Lgs. 4 marzo 2010, n. 28).• Va fatta separata? Forse no, visto che il decreto "parametri" sembra pretendere la produzione in giudizio del contratto . Art. 1 "6. Lassenza di prova del preventivo di massima di cui allarticolo 9, comma 4, terzo periodo, del decreto-legge 24 gennaio 2012, n. 1, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 marzo 2012, n. 27, costituisce elemento di valutazione negativa da parte dellorgano giurisdizionale per la liquidazione del compenso."
  12. 12. La misura del compenso"In ogni caso la misura del compenso è previamente resa nota alcliente con un preventivo di massima, deve essere adeguataallimportanza dellopera e va pattuita indicando per le singoleprestazioni tutte le voci di costo, comprensive di spese, oneri econtributi."Non significa obbligo di avere la sfera di cristallo e di indovinare il totalein un "forfettone" (cosa invece consigliabile per incarichi semplici enormalmente senza sorprese, come i D.I.). Io ritengo che: • sia ammissibile il richiamo ad un sistema tariffario qualsiasi (anche quello vecchio, oltre che i parametri) purché esplicitato e con riferimento al risultato dellattività prevedibile; • sia possibile una tariffazione a blocchi, che distingua tra varie fasi (comprese le eventuali), con eventuale indicazione che per fasi non previste si concorderà a parte. • sia possibile aggiungere costi per attività stragiudiziale non necessaria anche a margine di attività giudiziale (ad esempio, tot a telefonata o conferenza)
  13. 13. Quando si va in mediazioneOccorre avvisare che la mancata partecipazione puòcomportare:1) Rischio di influenzare la decisioneL’art.8 del decr.lgsl 28/10 relativamente alla mancata partecipazione senza giustificatomotivo - della parte convocata – al procedimento di mediazione prevede che il giudice puòdesumere argomenti di prova nel successivo giudizio ai sensi dell’articolo 116, secondocomma, del codice di procedura civile.2) Condanna a favore dello Stato di somma pari al C.U.art.8 del decr.lgsl 28/10 al comma 5° dispone che "il giudice condanna la parte costituita che,nei casi previsti dall’articolo 5, non ha partecipato al procedimento senza giustificato motivo,al versamento all’entrata del bilancio dello Stato di una somma di importo corrispondente alcontributo unificato dovuto per il giudizio" Art 13 riproduce per mediazione in corso di causa
  14. 14. Ultimo avviso... Informativa sulla privacyIl D.Lgs 30 giugno 2003, n. 196 CODICE IN MATERIA DIPROTEZIONE DEI DATI PERSONALI, allart 13, prevede tuttauna lunga informativa.Tocca anche a noi nei confronti dei clienti. La forma potrebbeessere anche orale, ma tanto vale inserire la informazione apreventivo-contratto
  15. 15. Possiamo scambiarci idee e contratti anche sulla mailing list avvocativeronesiperlegnago@googlegroups.com
  16. 16. Uno schema di contratto per causa di cognizione ordinariaa) per l’assistenza stragiudiziale tendente alla bonaria definizione della controversia, il tutto oltre anticipazionidebitamente documentate, CNPA ed IVA (rispettivamente al 4% e 21% al momento della presente redazione, masuscettibili di variazioni per provvedimenti delle Autorità);…............................. €b) per la fase introduttiva giudiziale di primo grado (sino alla prima udienza di trattazione ex art. 183 cpc, ivicomprese memorie istruttorie) il tutto oltre anticipazioni debitamente documentate, CNPA ed IVA;…............................. €c) solo in caso di ammissione di mezzi di prova orali (interrogatorio delle parti, assunzione di testimoni) il tuttooltre anticipazioni debitamente documentate, CNPA ed IVA;…................................ € In caso di udienze istruttorie oltre la prima, per ogni ora o frazione dal momento di inizio fissato delle ulterioriudienze sino al termine effettivo, oltre accessori di legge.…................................. € /orad) solo in caso di ammissione consulenza tecnica dufficio (assistenza formulazione quesito, patrcipazioneudienza giuramento, nomina e contatti con consulente di parte) il tutto oltre anticipazioni debitamentedocumentate, CNPA ed IVA…................................. €e) per la ulteriore fase giudiziale di primo grado (dalle memorie ax art. 183 cpc comprese e sino alla sentenza) iltutto oltre anticipazioni debitamente documentate, CNPA ed IVA;…................................ €f) per le consulenze e colloqui richiesti dal cliente, per tutta la durata della pratica, verrà applicata inoltre la tariffadi € ____ allora per le telefonate (con addebito minimo di € 15) e di € ____ per i colloqui in studio (con addebitominimo di € 40), il tutto oltre IVA e CIPA;
  17. 17. Possiamo scambiarci idee e contratti anche sulla mailing list avvocativeronesiperlegnago@googlegroups.com
  18. 18. Possiamo scambiarci idee e contratti anche sulla mailing list avvocativeronesiperlegnago@googlegroups.com
  1. A particular slide catching your eye?

    Clipping is a handy way to collect important slides you want to go back to later.

×