La Smart Specialisation nella nuova programmazione 2014-2020
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Like this? Share it with your network

Share

La Smart Specialisation nella nuova programmazione 2014-2020

  • 3,683 views
Uploaded on

 

  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
3,683
On Slideshare
3,678
From Embeds
5
Number of Embeds
2

Actions

Shares
Downloads
86
Comments
0
Likes
0

Embeds 5

https://twitter.com 4
http://miur-home.dev.cineca.it 1

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. La Smart Specialisation nella nuova programmazione 2014-2020 Dipartimento per lo Sviluppo e la Coesione Economica Ministero dello Sviluppo EconomicoLa Sicilia verso la specializzazione intelligente. Il ruolo dell’innovazione nello scenario 2014-2020 13 marzo 2013
  • 2. La Smart Specialisationcome strategia di sviluppo regionale
  • 3. I primi passi: dalla strategia di Lisbona ad oggi ü  L’economia della conoscenza e il Consiglio Europeo Straordinario di Lisbona (marzo 2000): «Verso unEuropa dellinnovazione e della conoscenza» ü  I primi strumenti di Smart Specialisation Strategy: i Distretti Tecnologici (cicli di programmazione 2000-06 e 2007-13) ü  Il Bando «Cluster Tecnologici Nazionali» (MIUR, Decreto Direttoriale 30 maggio 2012 n. 257) e le 9 aree tecnologiche: Chimica verde, Agrifood, Tecnologie per gli ambienti di vita, Scienze della Vita, Tecnologie per le Smart Communities, Mezzi e sistemi per la mobilità di superficie terrestre e marina, Aerospazio, Energia, Fabbrica intelligente
  • 4. La Smart Specialisation Strategy e la Politica di Coesione La strategia di Smart Specialisation nell’ambito della Politica di Coesione coniuga -  la sua logica place-neutral (accezione settoriale, cfr. McCann P.) -  l’approccio place-based che caratterizza la politica regionale (cfr Rapporto Barca). A tal fine essa: • deve tener conto delle vocazioni e del potenziale innovativo dei territori, nonché delle competenze disponibili a livello locale in quanto fonte di vantaggio competitivo sostenibile; • non può prescindere dalla presenza a livello territoriale di due condizioni necessarie: la volontà politica di contrastare la resistenza al cambiamento degli attori locali e le capacità tecniche di ripensare i propri paradigmi di crescita.
  • 5. La Smart Specialisation Strategy: la via europea
  • 6. La Smart Specialisation Strategy nella proposta di RegolamentoFESR 2014-20Priorità dinvestimento (Reg. art. 5)(a) potenziare linfrastruttura per la ricerca e linnovazione (R&I) e le capacità disviluppare leccellenza nella R&I; promuovere centri di competenza, inparticolare quelli di interesse europeo(b) promuovere gli investimenti delle imprese in R&I, lo sviluppo di prodotti eservizi, il trasferimento di tecnologie, linnovazione sociale e le applicazioni neiservizi pubblici, la stimolazione della domanda, le reti, i cluster e linnovazioneaperta attraverso la specializzazione intelligente(c) sostenere la ricerca tecnologica e applicata, le linee pilota, le azioni divalidazione precoce dei prodotti, le capacità di fabbricazione avanzate e la primaproduzione in tecnologie chiave abilitanti e la diffusione di tecnologie confinalità generali
  • 7. Le linee guida JRC - IPTS Step 1 – Analisi del contesto regionale e del potenziale di innovazione Step 2 – Governance: assicurare la partecipazione di tutti i soggetti interessati e la responsabilità Step 3 – Visione condivisa del potenziale regionale e direttive principali per il suo posizionamento internazionale Step 4 – Identificazione delle priorità attraverso un percorso top-down e bottom-up Step 5 – Identificazione di un insieme coerente di politiche, di percorsi e piani d’azione Step 6 – Integrazione di un efficiente sistema di monitoraggio e valutazione
  • 8. La Smart Specialisation Strategy: la via italiana
  • 9. Le attività del DPS: il supporto alle politiche di ricerca e innovazionedelle regioni Progetti tematici di accompagnamento alle politiche di ricerca e innovazione nelle regioni ü  la domanda pubblica innovativa pre-commerciale (precommercial procurement), ü  il monitoraggio della performance degli enti intermediari dell’innovazione (Distretti Tecnologici e Poli di Innovazione), ü  il foresight tecnologico, ü  i bandi multistadio per la realizzazione di interventi complessi.
  • 10. Le caratteristiche della politica industriale e tecnologica italiana nellavalutazione delle politiche di R&I (UVAL) ü  Modello di politica tecnologica: da diffusion a mission oriented ü  I Distretti tecnologici e le aggregazioni pubblico private: dalla specializzazione produttiva a quella tecnologica ü  Selettività dei destinatari: dalle caratteristiche strutturali al potenziale innovativo
  • 11. Gli interventi in Ricerca, Innovazione e Imprenditorialità nella Programmazione 2007-2013 Risorse programmate e spese in area CONV e CRO (R&S, innovazione, capitale umano per la R&I, agenda digitale e imprenditorialità) Categorie di spesa: 1-15, 62-64, 68, 74 16   14,8 14   12   10  Miliardi di  Euro   8   6,9 6   4   25,6% 38,8 2   % 0   Risorse  programmate   Risorse  spese   Risorse  programmate   Risorse  spese   CONV   CRO    Fonte:  elaborazioni  DPS-­‐DGPRUC  su  da9  del  Sistema  nazionale  di  Monitoraggio   Da9  al  30  giugno  2012
  • 12. La Smart Specialisation Strategynella programmazione 2014 - 20
  • 13. Contratto di partenariato: visione, principi e risultati attesi Il cambiamento atteso una discontinuità nella traiettoria di sviluppo delle regioni attraverso ü  lo sviluppo di capitale umano qualificato e ü  la diffusione delle tecnologie abilitanti trasversali ai 9 ambiti tecnologici prioritari di specializzazione
  • 14. Contratto di partenariato: visione, principi e risultati attesi I principi guida ü  composizione a livello nazionale delle strategie regionali di smart specialisation ü  passaggio da un approccio “orientato alla diffusione”, a un approccio più chiaramente “di missione” ü  apertura delle realtà produttive dei territori in ritardo verso la dimensione internazionale ü  revisione dei meccanismi di selezione delle proposte di intervento
  • 15. Contratto di partenariato: visione, principi e risultati attesi Principali risultati attesi ü  Rafforzamento del sistema innovativo regionale. ü  Incremento del focus industriale delle attività di ricerca accademica sulle esigenze attuali del sistema produttivo. ü  Sviluppo dei comparti del terziario in grado di agire da leva di innovazione degli altri settori. ü  Aumento dell’occupazione nelle imprese di profili di alta qualificazione tecnico-scientifica. ü  Incremento della qualità della domanda di innovazione tecnologica della PA. ü  Aumento del numero delle spin-off della ricerca e delle start-up innovative.
  • 16. Le risorse e la concentrazione tematica 1/2 Metodo di concentrazione tematica delle risorse (posizione negoziale Stati membri) ü  Concentrare le risorse su occupazione e mobilità e lavoro (8), inclusione sociale e lotta alla povertà (9), istruzione,competenze, apprendimento lungo tutto l’arco della vita (10) ü  Nelle regioni più sviluppate il 45-50% delle risorse FESR+FSE ü  Nelle regioni in transizione il 35-40% delle risorse FESR+FSE ü  Nelle regioni meno sviluppate il 20-25% delle risorse FESR+FSE ü  La somma a livello di SM non deve essere inferiore alla somma che si otterrebbe applicando i livelli minimi percentuali per singola categoria (possibilità di compensazioni tra categorie) ü  Le risorse FESR allocate all’obiettivo 9 contribuiscono a raggiungere il 20% minimo da allocare a questo obiettivo
  • 17. Le risorse e la concentrazione tematica 2/2 Metodo di concentrazione tematica delle risorse (posizione negoziale Stati membri) Concentrazione delle risorse FESR: ü  Nelle regioni più sviluppate e in transizione almeno l’80% a uno o più degli obiettivi tematici 1, 2, 3 e 4 (almeno il 20%) ü  Nelle regioni meno sviluppate almeno il 50% a uno o più degli obiettivi tematici 1, 2, 3 e 4 (almeno il 10%)
  • 18. Le condizionalità ex ante: la Smart Specialization Strategy e il gruppodi lavoro 1Allegato IV proposta di Regolamento: Condizionalità 1 (art.9. punto 1) “disponibilità di una strategia di ricerca e innovazione nazionale o regionale per la specializzazione intelligente che: ü  si basi sull’analisi swot (punti di forza e di debolezza, opportunità e minacce) per concentrare le risorse su una serie limitata di priorità di ricerca e innovazione; ü  definisca misure per stimolare gli investimenti privati in RST; ü  preveda un sistema di controllo e riesame.”
  • 19. La disponibilità di una strategia regionale: condizione necessaria manon sufficientePuntare su più stringenti criteri di selezione nei nuovi Programmi Operativi, chepotrebbero ad esempio:• incorporare i risultati della valutazione ex-post dei passati interventi, conparticolare riferimento ai casi di fallimento• introdurre, quando applicabile, metodologie di finanziamento a più stadi (multi-stage)• includere il ricorso a esperti esterni (con esperienze anche internazionali) per lavalutazione dei progetti• favorire procedure di procurement innovativo, fissando un target minimo dellaspesa pubblica per beni e servizi da allocare attraverso pre-commercialprocurement (PCP)
  • 20. La disponibilità di una strategia regionale: condizione necessaria manon sufficienteEvitare la frammentazione e mettere a sistema le esperienze regionali inmateria di sostegno all’innovazioneCostruire strategie di “Smart Specialisation” regionali flessibili e dinamichenell’ambito di una strategia condivisa nazionaleRafforzare il supporto alle Amministrazioni coinvolte nel processo didefinizione delle Smart Specialisation Strategy in analogia e continuità conquanto fatto nella programmazione in corso con il progetto “Sostegno allapolitiche di ricerca e innovazione delle Regioni”
  • 21. Grazie dell’attenzione