Your SlideShare is downloading. ×
0
Le strategie regionali per la ricerca, l’innovazione  e la società dell’informazione in Italia
Le strategie regionali per la ricerca, l’innovazione  e la società dell’informazione in Italia
Le strategie regionali per la ricerca, l’innovazione  e la società dell’informazione in Italia
Le strategie regionali per la ricerca, l’innovazione  e la società dell’informazione in Italia
Le strategie regionali per la ricerca, l’innovazione  e la società dell’informazione in Italia
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

Le strategie regionali per la ricerca, l’innovazione e la società dell’informazione in Italia

856

Published on

Smart specialization strategies e strategie per l'innovazione in italia. …

Smart specialization strategies e strategie per l'innovazione in italia.
Confronto tra periodo 2007-13 e 2014-2020.
Condizionalità ex-ante.

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
856
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
12
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. Incontro annuale Le strategie regionali per la ricerca, l’innovazione e la società dell’informazione in Italia Bologna 12 luglio 2012Direzione Generale per la politica regionale unitaria comunitaria 1
  • 2. Le Strategie regionali componente fondamentale delle ultime programmazioni • Strategie per la “specializzazione intelligente” sono uno strumento essenziale per assicurare che tutte le Regioni siano capaci di assorbire e impiegare efficacemente l’innovazione e per migliorare la qualità degli interventi in tema di Ricerca e Innovazione Esperienza Italiana: • programmazione 2000-06 : predisposizione delle Strategie regionali per la “ricerca e innovazione” e “società dell’informazione” • programmazione 2007-2013 : il QSN prevedeva come requisito per l’attuazione degli interventi d R&I l’aggiornamento delle strategie regionali esistenti; la Delibera CIPE di attuazione del QSN ne forniva le linee guidaDirezione Generale per la politica regionale unitaria comunitaria 2
  • 3. Quale lezione per la prossima programmazione?: Evitare il rischio di “formal compliance” • Pieno coinvolgimento delle Amministrazioni, dei decisori e di tutti gli stakeholders tramite un processo aperto; attenzione a specifici aspetti legati all’attuazione in corso • Scambio di buone pratiche nelle fasi di raccolta e analisi di dati a livello sub- regionale; impostazione metodologica (es. tecniche di foresight), nella definizione di target comparabili tra regioni diverse • Identificare meccanismi per una costante verifica della coerenza tra strategia e azioni avviate, con particolare focus sui risultati conseguiti • Rafforzare la capacity building delle Pubbliche Amministrazioni; sviluppare azioni piota e buone pratiche sperimentate nella programmazione 2007-2013; condividere percorsi e strumenti ai diversi livelli di governanceDirezione Generale per la politica regionale unitaria comunitaria 3
  • 4. Strategia regionale come condizione necessaria ma non sufficiente (1/2) Rafforzare il supporto alle Amministrazioni coinvolte nel processo di definizione delle Smart Specialisation Strategies in analogia e continuità con quanto fatto nella programmazione in corso con il progetto “Sostegno alla politiche di ricerca e innovazione delle Regioni” che: • ha accompagnato l’attuazione tramite la costituzione di gruppi di lavoro che hanno visto ampia partecipazione delle Regioni e delle Amministrazioni Centrali interessate • ha aiutato le Amministrazioni Regionali ad attivare positive sperimentazioni nell’attuazione di Bandi di PCP (Valle d’Aosta, Puglia) che vanno a rafforzare analoghe esperienze regionali o provinciali (Regione Lombardia, Provincia di Torino, Provincia di Trento) • Ha favorito l’individuazione di modelli di processo e di valutazione più efficienti, attraverso una mappatura e individuazione delle migliori pratiche di bandi di ricerca industriale e sviluppo pre-competitivoDirezione Generale per la politica regionale unitaria comunitaria 4
  • 5. Strategia regionale come condizione necessaria ma non sufficiente (2/2) Puntare su più stringenti criteri di selezione dei nuovi Programmi Operativi, che potrebbero ad esempio: • incorporare i risultati della valutazione ex-post dei passati interventi, con particolare riferimento ai casi di fallimento • introdurre, quando applicabile, metodologie di finanziamento a più stadi (multi-stage) • includere il ricorso a esperti esterni (con esperienze anche internazionali) per la valutazione dei progetti • favorire procedure di procurement innovativo. Fissando un target minimo della spesa pubblica per beni e servizi da allocare attraverso pre-commercial procurement (PCP) Evitare la frammentazione e mettere a sistema le esperienze regionali in materia di sostegno all’innovazione Costruire strategie di “smart specialisation” regionali flessibili e dinamiche nell’ambito di una strategia condivisa nazionaleDirezione Generale per la politica regionale unitaria comunitaria 5

×