Comune di acquaviva prog net urb
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Comune di acquaviva prog net urb

on

  • 1,229 views

 

Statistics

Views

Total Views
1,229
Views on SlideShare
1,178
Embed Views
51

Actions

Likes
0
Downloads
7
Comments
0

5 Embeds 51

http://www.acquavivanet.it 40
http://mail.turiweb.it 8
http://188.40.55.214 1
http://webcache.googleusercontent.com 1
http://mail.gioianet.it 1

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

    Comune di acquaviva prog net urb Comune di acquaviva prog net urb Presentation Transcript

    • AVVISO PUBBLICO PER L’AFFIDAMENTO DI INCARICO PROFESSIONALE AVENTE AD OGGETTO L’ELABORAZIONE DEL NUOVOPROGETTO DEI SERVIZI DI IGIENE URBANA ECOMPLEMENTARE E CONSEGUENTI ATTI PER LA RELATIVA GARA D’APPALTO COMUNE DI ACQUAVIVA DELLE FONTI RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO TRA IMPRESE E PROFESSIONISTI: Ing. Stefania ARBOREA
    • COMUNE DI ACQUAVIVA DELLE FONTI21 febbraio 2011 OGGETTO DEL BANDO Studio del Servizio di Igiene urbana ed ambientale in relazione al territorio comunale ed alle tipologie delle utenze domestiche; Analisi economico-finanziarie finalizzate all’individuazione del quadro economico di spesa della gestione integrata dei rifiuti (analisi dei prezzi e quantificazione dei costi del nuovo servizio); Redazione del Regolamento Comunale di Igiene Urbana ed ambientale; Redazione del capitolato speciale d’appalto, del bando di gara e dello schema di contratto RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO TRA IMPRESE E PROFESSIONISTI Ing. Stefania ARBOREA
    • COMUNE DI ACQUAVIVA DELLE FONTI 21 febbraio 2011 INQUADRAMENTO NORMATIVO D.Lgs. 163/06 “Codice dei contratti pubblici di lavori, servizi, forniture in attuazione delle direttive 2004/17/CEE e 2004/18/CE”; D.Lgs. 152/06 “Norme in materia ambientale”; D.C.D. 296/02 “Piano di gestione di rifiuti e delle bonifiche delle aree inquinate in Puglia – Completamento, integrazione e modificazione del piano già adottato con D.C.D. 41/01”;* Legge Finanziaria 2007 (Legge 27 dicembre 2006, n. 296); Piano d’Ambito ATO BA/5 (approvato con deliberazione n. 8 del 12 dicembre 2007 del Consorzio)*; Regolamento Comunale di Igiene Urbana e Ambientale*** In fase di aggiornamento** in fase di redazione, oggetto del presente bando RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO TRA IMPRESE E PROFESSIONISTI Ing. Stefania ARBOREA
    • COMUNE DI ACQUAVIVA DELLE FONTI 21 febbraio 2011 INQUADRAMENTO NORMATIVOD.Lgs. 152/06 “Norme in materia ambientale” D.Lgs. 152/06 “Norme in materia ambientale” Art. 195 – Competenze dello Stato; Art. 196 – Competenze delle Regioni; Art. 197 – Competenze delle Province; Art. 198 – Competenze dei Comuni; Art. 199 – Piani Regionali; Art. 200 – Organizzazione territoriale del servizio di gestione integrata dei rifiuti urbani; Art. 201 – Disciplina del servizio di gestione integrata dei rifiuti urbani; Art. 202 – Affidamento del servizio; Art. 203 – Schema tipo del contratto di servizio; Art. 204 – Gestioni esistenti; Art. 205 – Misure per incrementare la raccolta differenziata; Art. 206 – Accordi, contratti di programma, incentivi; Art. 206 bis – Osservatorio nazionale sui rifiuti RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO TRA IMPRESE E PROFESSIONISTI Ing. Stefania ARBOREA
    • COMUNE DI ACQUAVIVA DELLE FONTI 21 febbraio 2011 INQUADRAMENTO NORMATIVO PIANO REGIONALE GESTIONE DEI RIFIUTI IN PUGLIA – D.C.D. 296/021.3. “Linee di indirizzo della pianificazione per la gestione dei rifiuti in Puglia” le priorità del “PIANO” sono le seguenti: Raggiungimento al 2010 di una percentuale di raccolta differenziata pari ad almeno al 55% del rifiuto urbano prodotto Realizzazione di un sistema impiantistico, che consenta di ottenere il recupero di materia dalla raccolta differenziata; per frazione umida è auspicata la trasformazione totale o parziale delle attività svolte negli impianti di biostabilizzazione in attività di compostaggio […]; Programmazione di una rete adeguata di impianti di smaltimento al fine di limitare la circolazione dei rifiuti e favorire lo smaltimento degli stessi in impianti prossimi al luogo di produzione del rifiuto, tenendo conto del contesto geografico o della necessità di impianti specializzati per determinati tipi di rifiuti nonché al fine di conseguire l’autosufficienza dello smaltimento di rifiuti urbani non pericolosi sul territorio regionale e a livello di singolo ATO; RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO TRA IMPRESE E PROFESSIONISTI Ing. Stefania ARBOREA
    • COMUNE DI ACQUAVIVA DELLE FONTI21 febbraio 2011 INQUADRAMENTO NORMATIVO OBIETTIVI DI RECUPERO fissati dal Decreto C.D. n. 187/05 Effetto delle Incremento Quantità di rifiuti campagne di Obiettivi di raccolta Anni tendenziale delle attese nella regione riduzione dei rifiuti differenziata (%) quantità di rifiuti (%) (Mt) (%) 2006 +2,00 % -2,00% 0,180 22 2007 +1,98 % -4,00 % 0,176 32 2008 +1,50 % -6,00 % 0,172 42 2009 +1,35 % -7,00 % 0,170 50 2010 +1,20 % -7,50 % 0,168 55 2011 +1,10 % -8,00 % 0,167 56 2012 +1,10 % -8,50 % 0,166 57 2013 +0,80 % -9,00 % 0,165 58 2014 +0,50 % -9,50 % 0,164 59 2015 +0,50 % -10,00 % 0,163 60 RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO TRA IMPRESE E PROFESSIONISTI Ing. Stefania ARBOREA
    • COMUNE DI ACQUAVIVA DELLE FONTI 21 febbraio 2011 INQUADRAMENTO NORMATIVOLEGGE FINANZIARIA 2007 - L. 296/06 Gli obiettivi indicati dal Piano Regionale (con D.C.D. 187/05) sono stati superati da quelli nazionali con legge 296/06 (“Legge Finanziaria 2007”). Vale infatti il seguente confronto: Obiettivo Obiettivo Anni Regionale Nazionale (%) (%) 2007 32 % 40 % 2009 50 % 50 % 2011 56 % 60 % RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO TRA IMPRESE E PROFESSIONISTI Ing. Stefania ARBOREA
    • COMUNE DI ACQUAVIVA DELLE FONTI 21 febbraio 2011 ABOLIZIONE A.T.OL’art. 2, comma 186-bis, della Legge 23 dicembre 2009 n. 191, introdotto dall’art. 1, comma 1-quinquies della Legge 26 marzo 2010 n. 42 prevede:“Decorso un anno dalla data di entrata in vigore della presente legge, sono soppresse le Autorità dambito territoriale di cui agli articoli 148 e 201 del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, e successive modificazioni. Decorso lo stesso termine, ogni atto compiuto dalle Autorità dambito territoriale è da considerarsi nullo. Entro un anno dalla data di entrata in vigore della presente legge, le regioni attribuiscono con legge le funzioni già esercitate dalle Autorità, nel rispetto dei principi di sussidiarietà, differenziazione e adeguatezza. Le disposizioni di cui agli articoli 148 e 201 del citato decreto legislativo n.152 del 2006 sono efficaci in ciascuna regione fino alla data di entrata in vigore della legge regionale di cui al periodo precedente. I medesimi articoli sono comunque abrogati decorso un anno dalla data di entrata in vigore della presente legge”.Tale disposizione, introdotta dal Parlamento in sede di conversione del decreto legge 25 gennaio 2010 n. 2 “Interventi urgenti concernenti enti locali e regioni” ha inserito – ma sarebbe meglio dire riproposto – la soppressione degli ATO fra le misure finalizzate al contenimento delle spese negli enti locali.Il 27 marzo 2011 è il termine oggi fissato dalla legge trascorso il quale:a) Sono soppresse le Autorità d’Ambito Territoriale di cui agli articoli 148 (Autorità d’Ambito per la gestione delle risorse idriche) e 201 (Autorità d’Ambito per la gestione integrata dei rifiuti urbani) del decreto legislativo 3 aprile 2006 n. 152 e successive modificazioni;b) Ogni atto compiuto dalle Autorità è da considerarsi nullo;c) Sono abrogati gli articoli 148 e 201 del D. Lgs. 152/2006;Entro il 27 marzo 2011 le Regioni attribuiscono con legge le funzioni già esercitate dalle Autorità nel rispetto dei principi di sussidiarietà, differenziazione e adeguatezza. RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO TRA IMPRESE E PROFESSIONISTI Ing. Stefania ARBOREA
    • COMUNE DI ACQUAVIVA DELLE FONTI 21 febbraio 2011 PASSAGGIO DA TASSA A TARIFFALa soppressione della TARSU era stata disposta dallarticolo 49, comma 1, del D.Lgs 22/1997, che aveva previsto un regime transitorio disciplinato dal regolamento attuativo. Questultimo provvedimento (DPR 158/1999) ha introdotto una finestra di otto anni, entro i quali i comuni avrebbero dovuto raggiungere la piena copertura dei costi del servizio di gestione dei rifiuti urbani. Tutti i comuni, dunque, avrebbero dovuto introdurre la TIA, a copertura totale, dal 1 gennaio 2008. Lultimo DL milleproroghe ha rinviato al 30 giugno 2010 le norme attuative del Codice dellambiente.Il nuovo Codice dellambiente (D.Lgs 152/2006) aveva nel frattempo abrogato la TIA prevista dal decreto Ronchi. Ma la mancata reiterazione del blocco al 2010 rende (sulla carta) applicabile lobbligo del passaggio a tariffa rifiuti. Nellintrodurre la nuova TIA, il Codice dellambiente (articolo 238), in attesa dellapprovazione dei regolamenti sulla tariffa riformata, impone infatti di applicare «le discipline regolamentari vigenti», che sono appunto solo quelle del DPR 158/1999 applicativo della tariffa Ronchi.Quindi il 30 giugno è scaduto lennesimo rinvio della partenza del sistema della tariffa integrata ambientale previsto dal DLgs 22/1997 prima e dal Dlgs 152/2006 poi, che impedisce ai Comuni di adottare il passaggio dalla tassa alla tariffa. Ma al momento non sono stati ancora approvati i regolamenti sulla tariffa riformata. RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO TRA IMPRESE E PROFESSIONISTI Ing. Stefania ARBOREA
    • COMUNE DI ACQUAVIVA DELLE FONTI 21 febbraio 2011 ECOTASSACALCOLO DELLA QUOTADI ECOTASSA (criterio RD)OBIETTIVI RACCOLTA DIFFERENZIATA PIANO REGIONALE RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO TRA IMPRESE E PROFESSIONISTI Ing. Stefania ARBOREA
    • COMUNE DI ACQUAVIVA DELLE FONTI 21 febbraio 2011 CONTRATTO COLLETTIVO DEL LAVOROAREA SPAZZAMENTO, RACCOLTA, TUTELA E DECORO DEL TERRITORIODeclaratoria di area operativo funzionale: Vi appartiene il personale che, assegnato ad attività di spazzamento, di raccolta rifiuti, tutela e decoro del territorio, svolte mansioni esecutive, anche con lausilio di strumenti, macchinari e veicoli per la guida dei quali è richiesta al più la patente di categoria “B”, 1° LIVELLO PROFESSIONALEDeclaratoria: Lavoratori che, adibiti al servizio di spazzamento, raccolta, tutela e decoro del territorio, eseguono operazioni semplici, anche utilizzando strumenti e macchinari a motore nonché veicoli per la guida dei quali è richiesto il possesso della patente di categoria “A”. 2° LIVELLO PROFESSIONALEDeclaratoria: Lavoratori che, oltre a svolgere le mansioni appartenenti alla declaratoria del 1° livello, in applicazione di istruzioni dettagliate soggette a controllo diretto, eseguono attività elementari richiedenti conoscenze generiche del processo lavorativo;è richiesto il possesso della patente di categoria “B”; 3° LIVELLO PROFESSIONALEDeclaratoria: Lavoratori che, sono adibiti al servizio di spazzamento, raccolta e tutela del territorio con lausilio di veicoli e mezzi dopera per la guida dei quai è richiesto il possesso della patente di categoria “B”. Possono avere il coordinamento. 4° LIVELLO PROFESSIONALEDeclaratoria: Lavoratori che svolgono attività esecutive richiedenti una professionalità adeguata per lapplicazione di procedure e metodi operativi prestabiliti nonché specifiche conoscenze teorico-pratiche anche acquisite mediante addestramento o esperienze equivalenti, con autonomia operativa. Possono avere il coordinamento. RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO TRA IMPRESE E PROFESSIONISTI Ing. Stefania ARBOREA
    • COMUNE DI ACQUAVIVA DELLE FONTI 21 febbraio 2011 CONTRATTO COLLETTIVO DEL LAVOROAREA CONDUZIONEDeclaratoria di area operativo-funzionale: Vi appartiene il personale che, assegnato ad attività di trasporto o movimentazione di rifiuti, è addetto alla conduzione di veicoli per la guida dei quali è richiesto il possesso della patente di categoria “C” o superiore. 3° LIVELLO PROFESSIONALEDeclaratoria: Sono adibiti alla conduzione di veicoli e /o mezzi dopera per al guida dei quali è richiesto il possesso della patente di categoria “C”. Possono avere il coordinamento, assicurano la loro prestazione, manovrando i comandi e gli apparati in dotazione ai veicoli utilizzati, quali: autocompattatore; autolavacassonetti; autocarri per trasporto rifiuti; autoinnaffiatrice; autospazzatrice di massa complessiva a pieno carico fino a 6 T., pale, ruspe, trattori ed escavatori di peso sino a 10 T. Appartiene altresì a questo livello il conducente di autocompattatore addetto al servizio di carico, scarico e attitivà accessorie in qualità di operatore unico ovvero in concorso con altro operatore. 4° LIVELLO PROFESSIONALEDeclaratoria: Sono adibiti alla conduzione di veicoli e/o mezzi dopera per la guida dei quali è richiesto il possesso della patente di categoria “C” o superiore. Nellambito del servizio di raccolta effettuano attività di carico, scarico e accessorie come operatore unico, manovrando da bordo tutti i comandi e gli apparati in dotazione ai veicoli utilizzati (es. autocompattatore assistito da dispositivi di caricamento video, autolavacassonetti ecc.) RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO TRA IMPRESE E PROFESSIONISTI Ing. Stefania ARBOREA
    • COMUNE DI ACQUAVIVA DELLE FONTI 21 febbraio 2011 SERVIZIO DI RACCOLTA I servizi che normalmente fanno parte della gestione dei rifiuti urbani e speciali assimilabili agli urbani” sono i seguenti: Servizio di raccolta, trasporto e conferimento aimpianto autorizzato di trattamento o smaltimentodei rifiuti urbani e assimilati indifferenziati (talquale o secco residuale); RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO TRA IMPRESE E PROFESSIONISTI Ing. Stefania ARBOREA
    • COMUNE DI ACQUAVIVA DELLE FONTI 21 febbraio 2011 SERVIZIO DI RACCOLTAServizio di raccolta, trasporto e conferimento ad impianti autorizzati di recuperoo smaltimento dei seguenti rifiuti differenziati, urbani o assimilati: Rifiuti ingombranti, quali beni di consumo durevoli, di arredamento, di impiego domestico, diuso comune, provenienti da fabbricati o da altri insediamenti civili; Rifiuti di qualsiasi natura o provenienza giacenti sulle strade ed aree pubbliche ovvero sullestrade ed aree private comunque soggette ad uso pubblico ai sensi dell’art. 184, comma 2 lett. d)del D.Lgs. 152/2006, con particolare riferimento ai rifiuti inerti da demolizione o scaviabusivamente abbandonati su suolo pubblico; Rifiuti rivenienti da attività commerciali ed artigianali purché assimilati ai rifiuti urbani, comestabilito dalla vigente normativa e dal regolamento comunale; Rifiuti rivenienti da diverse attività mercatali e di quelli prodotti in occasioni di fiere,manifestazioni, ecc….; Rifiuti derivanti da attività di diserbo, potatura e manutenzione del verde pubblico e privato; Rifiuti cimiteriali rientranti nella tipologia di cui al precedente punto e), nonché da quelliderivanti da esumazioni ed estumalazioni, ai sensi dell’art. 184 comma 2 lett. f) del D. Lgs. 152/2006e s.m.i.; RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO TRA IMPRESE E PROFESSIONISTI Ing. Stefania ARBOREA
    • COMUNE DI ACQUAVIVA DELLE FONTI21 febbraio 2011 RACCOLTA DIFFERENZIATA COMPOSIZIONE DEI RIFIUTI – RACCOLTA DIFFERENZIATA AL 65% composizione % Raccolta Differenziate in frazione merceologica organico 22,2% carta 18,7% peso multi 11,9% materiale vetro 10,8% altro 1,4% INDIFFERENZIATO 35,0% RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO TRA IMPRESE E PROFESSIONISTI Ing. Stefania ARBOREA
    • COMUNE DI ACQUAVIVA DELLE FONTI 21 febbraio 2011RACCOLTA DIFFERENZIATA – FRAZIONE ORGANICA RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO TRA IMPRESE E PROFESSIONISTI Ing. Stefania ARBOREA
    • COMUNE DI ACQUAVIVA DELLE FONTI21 febbraio 2011 RACCOLTA DIFFERENZIATA – CARTA RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO TRA IMPRESE E PROFESSIONISTI Ing. Stefania ARBOREA
    • COMUNE DI ACQUAVIVA DELLE FONTI21 febbraio 2011 RACCOLTA DIFFERENZIATA – PLASTICA RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO TRA IMPRESE E PROFESSIONISTI Ing. Stefania ARBOREA
    • COMUNE DI ACQUAVIVA DELLE FONTI21 febbraio 2011 RACCOLTA DIFFERENZIATA – VETRO RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO TRA IMPRESE E PROFESSIONISTI Ing. Stefania ARBOREA
    • COMUNE DI ACQUAVIVA DELLE FONTI 21 febbraio 2011 ORGANIZZAZIONE DEL SERVIZIO: POSSIBILI MODALITÀ DI RACCOLTARACCOLTA STRADALE con CONTENITORI STRADALI di grande volumetria su sede stradaleRACCOLTA DOMICILIARE “PORTA A PORTA” con SACCHETTO (utenze da monofamiliari fino a 4 famiglie per n° civico) con CONTENITORE (condomini plurifamiliari) frequenze modulate in base alla frazione merceologicaSERVIZIO MISTO servizio integrato, in parte stradale in parte domiciliare, a seconda dellepeculiarità urbanistiche del tessuto urbano: sistema stradale: bassa densità, area vasta, zone perimetrali, agro sistema porta a porta: alta densità, zona centrale RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO TRA IMPRESE E PROFESSIONISTI Ing. Stefania ARBOREA
    • COMUNE DI ACQUAVIVA DELLE FONTI 21 febbraio 2011 CARATTERISTICHE DEL SERVIZIO: RACCOLTA STRADALECon contenitori stradali di grande volumetriasu sede stradale dislocati su tutto il territoriocomunale (in base alla densità abitativa e alladisponibilità del territorio ad ospitare icontenitori)ANOMIMATO del rifiuto conferito(impossibilità quindi del passaggio a TIA)Possibile degrado urbano, oggetto divandalismo RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO TRA IMPRESE E PROFESSIONISTI Ing. Stefania ARBOREA
    • COMUNE DI ACQUAVIVA DELLE FONTI 21 febbraio 2011 CARATTERISTICHE DEL SERVIZIO: RACCOLTA DOMICILIARE “PORTA A PORTA” Ritiro presso il domicilio dellutenza del rifiutourbano prodotto dalla stessa Consente di raggiungere elevate percentuali diraccolta differenziata (le amministrazionicomunali italiane che hanno sperimentato laraccolta porta a porta (PAP), con risultatigeneralmente superiori al 60% di rifiutidifferenziati) Aumento dei ricavi derivanti dal conferimentodei rifiuti differenziabili (aumento della qualità deimateriali recuperati) Aumento occupazionale (aumento del numerodi addetti per lo svolgimento del servizio) RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO TRA IMPRESE E PROFESSIONISTI Ing. Stefania ARBOREA
    • COMUNE DI ACQUAVIVA DELLE FONTI 21 febbraio 2011 CONFRONTO RACCOLTA: “PORTA A PORTA” vs “STRADALE”VANTAGGI SISTEMA “PORTA A PORTA” Tariffa puntuale per utente: Permette di far pagareciascuna utenza secondo la quantità di rifiuto prodotto Maggiore occupazione Riduce i rifiuti prodotti: permette di avere un controllodiretto sulla produzione pro-capite di rifiuti (sensibilizzal’utente) Aumenta la quantità di materiale idoneo al riciclo Inquina meno e rispetta i principi di sostenibilitàambientale (raggiungimento obiettivi di raccoltadifferenziata)SVANTAGGI SISTEMA “PORTA A PORTA” Possibile scarsa collaborazione da parte dei cittadini Aumento dei costi del servizio di raccolta (aumento delnumero degli addetti del servizio) RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO TRA IMPRESE E PROFESSIONISTI Ing. Stefania ARBOREA
    • COMUNE DI ACQUAVIVA DELLE FONTI EFFETTI DELLA21 febbraio 2011 PERSONALIZZAZIONE DEL SERVIZIO DI RACCOLTA RU RESPONSABILIZZAZIONE DEGLI UTENTI E POSSIBILITA’DI CONTROLLO POSSIBILITA’ DI POSSIBILITA’ DI RIDUZIONE DELLA APPLICAZIONE DELLA PRESENZA DI TARIFFA PUNTUALE SUIIMBALLAGGI INUTILI NEI VOLUMI DI RIFIUTI RIFIUTI URBANI CONFERITI PERSONALIZZAZIONE DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA E INDIFFERENZIATA COMPETIZIONE VIRTUOSA INCENTIVAZIONE GDO NELLA RIDUZIONE ECONOMICA AL MINOR DEI RIFIUTI PER CONFERIMENTO DI ACCONTENTARE LE RIFIUTI RICHIESTE DEI CLIENTI RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO TRA IMPRESE E PROFESSIONISTI Ing. Stefania ARBOREA
    • COMUNE DI ACQUAVIVA DELLE FONTI fonte: PIANO D’AMBITO ATO BA/5 21 febbraio 2011ANALISI DEL SERVIZIO ATTUALE DI RACCOLTA RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO TRA IMPRESE E PROFESSIONISTI Ing. Stefania ARBOREA
    • COMUNE DI ACQUAVIVA DELLE FONTI fonte: PIANO D’AMBITO ATO BA/5 21 febbraio 2011ANALISI DEL SERVIZIO ATTUALE DI RACCOLTA RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO TRA IMPRESE E PROFESSIONISTI Ing. Stefania ARBOREA
    • COMUNE DI ACQUAVIVA DELLE FONTI 21 febbraio 2011 ANALISI DEL SERVIZIO ATTUALE DI RACCOLTAFRAZIONE INDIFFERENZ. Stradale, con cassonetti, 7 giorni su 7 Stradale, 1 giorno su 7FRAZIONE CARTA A CARTONE (U.N.D. 6 giorni su 7)FRAZIONE PLASTICA E LATTINE Stradale 1 giorno su 7FRAZIONE VETRO Stradale 1 giorno su 7 RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO TRA IMPRESE E PROFESSIONISTI Ing. Stefania ARBOREA
    • COMUNE DI ACQUAVIVA DELLE FONTI21 febbraio 2011 PERCENTUALI RACCOLTA DIFFERENZIATA RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO TRA IMPRESE E PROFESSIONISTI Ing. Stefania ARBOREA
    • COMUNE DI ACQUAVIVA DELLE FONTI21 febbraio 2011 PERCENTUALI RACCOLTA DIFFERENZIATA – Novembre 2010 Tipologia Rifiuto Tonnellate % Carta e cartoni 56.370 6,2 Vetro 6.080 0,7 Plastica 11.960 1,3 Legno 25.250 2,8 Metallo 3.410 0,4 RAEE 1.840 0,2 Farmaci 230 0,02 Ingombranti 7.120 0,8 Inerti 91.480 10,2 INDIFFERENZ. 693.960 77,1 RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO TRA IMPRESE E PROFESSIONISTI Ing. Stefania ARBOREA
    • COMUNE DI ACQUAVIVA DELLE FONTI 21 febbraio 2011 ANALISI DEL SERVIZIO ATTUALE DI RACCOLTAPERCENTUALE RACCOLTA DIFFERENZIATA (%) Percentuale raccolta differenziata 16,84 % (2010)PERSONALE IMPIEGATO 32COSTO DEL SERVIZIO (omnicomprensivo) 2.130.000 € RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO TRA IMPRESE E PROFESSIONISTI Ing. Stefania ARBOREA
    • COMUNE DI ACQUAVIVA DELLE FONTI 21 febbraio 2011 PRESENTAZIONE DEL SERVIZIO PROPOSTOORGANIZZAZIONE DEL SERVIZIO Utenze domestichesistema “porta a porta” per le frazioni Secco Organico Carta e Plastica e cartone lattinesistema “stradale” per la frazione vetroUtenze non domestichesistema “porta a porta di prossimità” per tutte le frazioni RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO TRA IMPRESE E PROFESSIONISTI Ing. Stefania ARBOREA
    • COMUNE DI ACQUAVIVA DELLE FONTI 21 febbraio 2011 PRESENTAZIONE DEL SERVIZIO PROPOSTO ORGANIZZAZIONE DEL SERVIZIO – UTENZE DOMESTICHE 1° - 2° anno del serviziosistema “porta a porta”: raccolta congiunta della frazione secca e organica: frequenza 4 giorni su 7 raccolta carta e cartone: frequenza 1 giorno su 7 raccolta plastica e lattine: frequenza 1 giorno su 7 OBIETTIVI RACCOLTA DIFFERENZIATA:sistema “stradale”: raccolta vetro: frequenza 1 giorno su 7 40% 3° - 9° anno del serviziosistema “porta a porta”: raccolta frazione secca: frequenza 2 giorni su 7 raccolta frazione organica: frequenza 2 giorni su 7 OBIETTIVI RACCOLTA raccolta carta e cartone: frequenza 1 giorno su 7 DIFFERENZIATA: raccolta plastica e lattine: frequenza 1 giorno su 7 +65% sistema “stradale”: raccolta vetro: frequenza 1 giorno su 7 RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO TRA IMPRESE E PROFESSIONISTI Ing. Stefania ARBOREA
    • COMUNE DI ACQUAVIVA DELLE FONTI 21 febbraio 2011 PRESENTAZIONE DEL SERVIZIO PROPOSTOORGANIZZAZIONE DEL SERVIZIO – UTENZE NON DOMESTICHE 1° - 9° anno del serviziosistema “porta a porta”: raccolta frazione secca: frequenza 2 giorni su 7 raccolta frazione organica: frequenza 3 giorni su 7 raccolta carta e cartone: frequenza 1 giorno su 7 raccolta plastica e lattine: frequenza 1 giorno su 7 raccolta vetro: frequenza 1 giorno su 7 RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO TRA IMPRESE E PROFESSIONISTI Ing. Stefania ARBOREA
    • COMUNE DI ACQUAVIVA DELLE FONTI 21 febbraio 2011 PRESENTAZIONE DEL SERVIZIO PROPOSTOORGANIZZAZIONE DEL SERVIZIO – MEZZI IMPIEGATI mezzi a vasca di piccole dimensioni per il servizio “porta a porta” compattatori di medie-grandi dimensioni per il conferimento in discarica / impianto di recupero RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO TRA IMPRESE E PROFESSIONISTI Ing. Stefania ARBOREA
    • COMUNE DI ACQUAVIVA DELLE FONTI21 febbraio 2011 COSTI DI SMALTIMENTO E DI CONFERIMENTO SMALTIMENTO IN DISCARICA DEL RIFIUTO SECCO IMPIANTO DI BACINO BA 5 – CONVERSANO Tariffa discarica: 50,00 €/tonn (iva ed ecotassa eclusa) Costi di biostabilizzazione 31,00 €/t CONFERIMENTO IN IMPIANTO DI COMPOSTAGGIO DEL RIFIUTO UMIDO-ORGANICO IMPIANTO DI COMPOSTAGGIO Tariffa 70,00 €/tonn (iva esclusa) RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO TRA IMPRESE E PROFESSIONISTI Ing. Stefania ARBOREA
    • COMUNE DI ACQUAVIVA DELLE FONTI21 febbraio 2011 COSTI DI SMALTIMENTO E DI CONFERIMENTO CONFERIMENTO IN IMPIANTO DI RECUPERO DELLA FRAZIONE CARTA E CARTONE CORRISPETTIVO CARTA corrispettivo CONAI (€/t) € 18,00 costi di selezione (€/t) € 5,00 CORRISPETTIVO CARTONE corrispettivo CONAI (€/t) € 80,00 costi di selezione (€/t) € 15,00 RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO TRA IMPRESE E PROFESSIONISTI Ing. Stefania ARBOREA
    • COMUNE DI ACQUAVIVA DELLE FONTI 21 febbraio 2011 COSTI DI SMALTIMENTO E DI CONFERIMENTO CONFERIMENTO IN IMPIANTO DI RECUPERO DELLA FRAZIONE PLASTICA E ALLUMINIO CORRISPETTIVO PLASTICA CORRISPETTIVO METALLOcorrispettivo CONAI plastica I corrispettivo CONAI metallo I € 270,00 € 420,00 fascia (€/t) fascia (€/t)corrispettivo CONAI plastica II corrispettivo CONAI metallo II € 200,00 € 280,00 fascia (€/t) fascia (€/t) corrispettivo CONAI plastica corrispettivo CONAI metallo III € 80,00 € 170,00 III fascia (€/t) fascia (€/t) costi di selezione (€/t) € 20,00 costi di selezione (€/t) € 25,00 RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO TRA IMPRESE E PROFESSIONISTI Ing. Stefania ARBOREA
    • COMUNE DI ACQUAVIVA DELLE FONTI21 febbraio 2011 COSTI DI SMALTIMENTO E DI CONFERIMENTO CONFERIMENTO IN IMPIANTO DI RECUPERO DELLA FRAZIONE VETRO CORRISPETTIVO VETRO corrispettivo CONAI vetro I € 36,00 fascia (€/t) corrispettivo CONAI vetro II € 22,00 fascia (€/t) corrispettivo CONAI vetroIII € 8,00 fascia (€/t) costi di selezione (€/t) € 5,00 RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO TRA IMPRESE E PROFESSIONISTI Ing. Stefania ARBOREA
    • COMUNE DI ACQUAVIVA DELLE FONTI 21 febbraio 2011 CONCLUSIONI SCENARIO DI RACCOLTARIEPILOGO COSTI/INTROITI DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA ATTUALIProduzione rifiuti (2010) 10.291,00 t/annoRaccolta differenziata 1.733,00 t/annoRaccolta indifferenziato 8.558,00 t/anno 753.104,00 € (oltre 85.580,00 €ecotassa)% raccolta differenziata 16,84 %RIEPILOGO COSTI/INTROITI DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA DA PROGETTOProduzione rifiuti 10.291,00 t/annoRaccolta differenziata 5.145,00 t/annoRecupero organico 2.572,50 t/anno 198.082,50 €Recupero surplus RD 2.572,50 t/anno 120.000,00 €Raccolta indifferenziato 5.145,00 t/anno 452.804,00 € (oltre 51.450,00 €ecotassa)% raccolta differenziata 50,00 %Risparmio costi/ricavi 256.430,00 €/anno (pari a 12,00 €/abitante) RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO TRA IMPRESE E PROFESSIONISTI Ing. Stefania ARBOREA
    • COMUNE DI ACQUAVIVA DELLE FONTI 21 febbraio 2011 IGIENE URBANAI servizi normalmente definiti come “Igiene Urbana” sono i seguenti: spazzamento pulizia dei mercati pulizia fiere, feste e sagre lavaggio strade raccolta foglie diserbo stradale lavaggio dei contenitori disinfezione, disinfestazione e derattizzazione cancellazione scritte murarie pulizia caditoie e tombini rimozione rifiuti abbandonati, carogne animali RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO TRA IMPRESE E PROFESSIONISTI Ing. Stefania ARBOREA
    • COMUNE DI ACQUAVIVA DELLE FONTI 21 febbraio 2011 STANDARD DELLO SPAZZAMENTOGli «standard» nazionali relativi al servizio di spazzamento hanno questivalori:• Costo di 10-15 €/abitante/anno dei servizi di spazzamento (contro i 30€/abitante/anno mediamente spesi al Sud);• Nel caso di servizio misto (manuale/meccanizzato), per comuni inferiori ai 50.000 abitanti è previsto un operatore ogni 1.800 abitanti circa;• Nel Nord Italia le frequenze di spazzamento sono: • 1 giorno alla settimana per lo spazzamento manuale (2 giorni alla settimana in autunno per la presenza delle foglie); • 1 giorno al mese per lo spazzamento meccanizzato. LO SPAZZAMENTO STRADALE HA L’OBIETTIVO DI «MANTENERE» LO STATO DI PULIZIA DEI MARCIAPIEDI E DELLE PIAZZE E NON QUELLO DI «RIPRISTINARE» LA PULIZIA DEI LUOGHI A SEGUITO DEI COMPORTAMENTI INCIVILI. RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO TRA IMPRESE E PROFESSIONISTI Ing. Stefania ARBOREA
    • COMUNE DI ACQUAVIVA DELLE FONTI21 febbraio 2011 IGIENE URBANASPAZZAMENTO STRADALE (IPOTESI PROGETTUALI) Zona Tipologia Spazzamento Personale e Mezzi Frequenza n. 1 Autista III livello con Manuale - Spazzatr. 2 mc + n. 1Vie e Piazze principali Operatore II livello con Ape 6 giorni su 7 Meccanizzato 50 Centro Storico Manuale n. 1 Op. II livello + APE 50 2 giorni su 7 n. 1 Autista IV livello con Manuale - Spazzatr. 5-6 mc + n. 4 2 giorni su 7Resto Centro Urbano Operatori II livello con Ape Meccanizzato (meccanizzato 6 su 7) 50 n. 1 Autista IV livello + Zona PIP Meccanizzato Spazzatr. 5-6 mc 1 giorno su 7 RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO TRA IMPRESE E PROFESSIONISTI Ing. Stefania ARBOREA
    • COMUNE DI ACQUAVIVA DELLE FONTI 21 febbraio 2011 IGIENE URBANA SPAZZAMENTO MANUALEIl centro urbano di Acquaviva verrà spazzatomanualmente a giorni alterni (in ogni via o piazza cisaranno almeno 2 passaggi settimanali).Le vie e piazze principali saranno oggetto dispazzamento misto manuale-meccanizzato tutti igiorni feriali.La Zona PIP sarà oggetto di spazzamentomeccanizzato con frequenza di almeno un passaggioa settimana RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO TRA IMPRESE E PROFESSIONISTI Ing. Stefania ARBOREA
    • COMUNE DI ACQUAVIVA DELLE FONTI 21 febbraio 2011 IGIENE URBANA PULIZIA MERCATIIl mercato settimanale sarà interessato da unintervento di pulizia dedicato (n. 1 autista IV livelloalla guida della spazzatrice + n. 2 operatori di II livellocon Ape 50). RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO TRA IMPRESE E PROFESSIONISTI Ing. Stefania ARBOREA
    • COMUNE DI ACQUAVIVA DELLE FONTI 21 febbraio 2011 IGIENE URBANA PULIZIA FESTE, FIERE E SAGRESi prevedono quindi almeno 25 interventi annui,ognuno da espletare con l’utilizzo di n. 1 Spazzatricecon autista di IV livello e n. 2 operatori a terra. RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO TRA IMPRESE E PROFESSIONISTI Ing. Stefania ARBOREA
    • COMUNE DI ACQUAVIVA DELLE FONTI 21 febbraio 2011 IGIENE URBANA RACCOLTA FOGLIEOltre alla normale attività di rimozione fogliedurante lo spazzamento manuale, si prevedono n . 2interventi dedicati (di cui almeno uno da svolgersi inautunno) per la pulizia delle foglie.Ogni intervento avrà la durata di n. 40 ore per untotale di n. 80 ore annue. Ogni intervento sarà svoltoda n. 1 operatore di II livello munito di aspirafoglie. RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO TRA IMPRESE E PROFESSIONISTI Ing. Stefania ARBOREA
    • COMUNE DI ACQUAVIVA DELLE FONTI 21 febbraio 2011 IGIENE URBANA DISERBO STRADALEDurante la normale attività di spazzamento manuale,gli operatori provvederanno al diserbo meccanico incorrispondenza dei marciapiedi.Sono previsti inoltre n. 2 interventi annui (delladurata ciascuno di n. 50 ore per un totale annuo di n.100 ore) di diserbo chimico su tutto il territoriocomunale, tramite l’aspersione di un prodottochimico e la successiva asportazione manuale dellavegetazione secca. Ogni intervento sarà effettuatoda n. 2 operatori di II livello. RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO TRA IMPRESE E PROFESSIONISTI Ing. Stefania ARBOREA
    • COMUNE DI ACQUAVIVA DELLE FONTI 21 febbraio 2011 IGIENE URBANA DISINFEZIONE, DISINFESTAZIONE E DERATTIZZAZIONELe scuole pubbliche, i pozzetti fognari, le caditoie stradali, le fontanelle pubbliche, ibagni pubblici, le aree mercatali, le sedi di seggi elettorali saranno oggetto del serviziodi disinfezione periodica (con frequenze diverse a seconda del luogo).La disinfestazione sarà effettuata su tutto il territorio comunale (almeno n. 3 interventiannui).La derattizzazione sarà svolta nei luoghi sensibili (scuole, uffici pubblici, pozzettifognatura etc..) con almeno n. 3 interventi annui). RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO TRA IMPRESE E PROFESSIONISTI Ing. Stefania ARBOREA
    • COMUNE DI ACQUAVIVA DELLE FONTI 21 febbraio 2011 IGIENE URBANA CANCELLAZIONE SCRITTE MURARIESono previsti almeno n. 4 interventi annui (da n. 20ore l’uno, per un totale di n. 80 ore/anno) per larimozione, tramite il getto di acqua calda inpressione, delle scritte murarie dagli edifici pubblicio da altri edifici individuati dall’Amministrazione. RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO TRA IMPRESE E PROFESSIONISTI Ing. Stefania ARBOREA
    • COMUNE DI ACQUAVIVA DELLE FONTI 21 febbraio 2011 PROGETTAZIONE PARTECIPATA FORMAZIONE, INFORMAZIONE, COINVOLGIMENTO1. La partecipazione pubblica si basa sulla convinzione che coloro che sono investiti da una decisione hanno il diritto di essere coinvolti nel processo decisionale.2. La partecipazione include la promessa che il contributo del pubblico influenzerà la decisione.3. La partecipazione pubblica promuove decisioni sostenibili mediante il riconoscimento e la comunicazione delle esigenze e degli interessi di tutti i partecipanti, inclusi quelli dei decision-makers.4. La partecipazione pubblica conferisce visibilità e facilita il coinvolgimento di coloro che sono potenzialmente affetti da -o interessati a- una decisione.5. La partecipazione del pubblico mira ad individuare i contributi dei partecipanti nella progettazione del modo in cui partecipare.6. La partecipazione fornisce ai partecipanti le informazioni necessarie per partecipare in modo significativo.7. La partecipazione pubblica comunica ai partecipanti le modalità in base alle quali i loro imputs influenzano la decisione assunta. RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO TRA IMPRESE E PROFESSIONISTI Ing. Stefania ARBOREA
    • COMUNE DI ACQUAVIVA DELLE FONTI 21 febbraio 2011 PROGETTAZIONE PARTECIPATAFORMAZIONE, INFORMAZIONE, COINVOLGIMENTOVerranno pertanto organizzate le seguenti attività per l’interazione con l’opinione pubblica: INFORMAZIONE CAMPAGNA DI COMUNICAZIONE CAMPAGNE DI SENSIBILIZZAZIONE SENSIBILIZZAZIONE PARTECIPAZIONE FORUM CITTADINI RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO TRA IMPRESE E PROFESSIONISTI Ing. Stefania ARBOREA
    • COMUNE DI ACQUAVIVA DELLE FONTI 21 febbraio 2011 PROGETTAZIONE SOSTENIBILESOLUZIONI ECOLOGICAMENTE SOSTENIBILIAffinché il servizio progettato sia il più possibile rispettoso e sostenibile per l’ambiente verranno proposte le seguenti misure: MEZZI ELETTRICI (soprattutto per zone di pregio, quali il centro storico…) MEZZI A METANO (sia per quelli che circolano nel centro cittadino durante . il turno di raccolta per quelli di grandi dimensione che effettuano il conferimento a discarica o a recupero) COMPOSTIERE DOMESTICHE (per incentivare il recupero della frazione organica “in house”) USO DI SACCHETTI BIODEGRADABILI RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO TRA IMPRESE E PROFESSIONISTI Ing. Stefania ARBOREA
    • COMUNE DI ACQUAVIVA DELLE FONTI 21 febbraio 2011 ASSIMILAZIONE DEI RIFIUTI• Le nuove norme correttive escludono l’assimilabilità ai rifiuti urbani di quei rifiuti che si formino all’interno delle strutture di vendita con area superiore a 300 mq nei Comuni con meno di 10.000 abitanti ed a 500 mq nei Comuni con più di 10.000 abitanti.• Devono soddisfare criteri «qualitativi» : appartenenza alle seguenti famiglie di codici CER: • 02 - RIFIUTI PRODOTTI DA AGRICOLTURA, ORTICOLTURA, TRATTAMENTO E PREPARAZIONE DI ALIMENTI • 03 - RIFIUTI DELLA LAVORAZIONE DEL LEGNO E DELLA PRODUZIONE DI PANNELLI, CARTA, POLPA, CARTONE, DI PANNELLI E MOBILI • 04 – RIFIUTI DELLA LAVORAZIONE DI PELLI E PELLICCE • 07 – RIFIUTI DEI PROCESSI CHIMICI ORGANICI • 08 – RIFIUTI DELLA PRODUZIONE, FORMULAZIONE, FORNITURA ED USO DI INCHIOSTRI PER STAMPA • 12 – RIFIUTI PRODOTTI DALLA LAVORAZIONE E DEL TRATTAMENTO FISICO E MECCANICO SUPERFICIALE DI METALLI E PLASTICA • 15 – RIFIUTI DI IMBALLAGGIO, ASSORBENTI STRACCI, MATERIALI FILTRANTI E INDUMENTI PROTETTIVI (NON SPECIFICATI ALTRIMENTI) • 16 – RIFIUTI NON SPECIFICATI ALTRIMENTI NELL’ELENCO • 17 – RIFIUTI DALLE OPERAZIONI DI COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE • 18 – RIFIUTI PRODOTTI DAL SETTORE SANITARIO E VETERINARIO O DA ATTIVITA DI RICERCA COLLEGATE • 20 – RIFIUTI URBANI RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO TRA IMPRESE E PROFESSIONISTI Ing. Stefania ARBOREA
    • COMUNE DI ACQUAVIVA DELLE FONTI 21 febbraio 2011 ASSIMILAZIONE DEI RIFIUTI• Devono soddisfare criteri «quantitativi» : Cod. Norm Descrizione Kg/mq anno destinati a smalt. Kg/mq anno totali 1 Musei, biblioteche, scuole, associazioni, luoghi di culto 4,00 10,00 2 Cinematografi e teatri 2,00 5,00 3 Autorimesse e magazzini senza alcuna vendita diretta 3,00 7,50 4 Campeggi, distributori carburanti,impianti sportivi 4,00 10,00 5 Stabilimenti balneari 3,00 7,50 6 Esposizioni, autosaloni 2,00 5,00 7 Alberghi con ristorante 7,00 17,50 8 Alberghi senza ristorante 4,00 10,00 9 Case di cura e di riposo 8,00 20,00 10 0spedali 9,00 22,50 11 Uffici, agenzie, studi professionali 6,00 15,00 12 Banche ed istituti di credito 3,00 7,50 13 Negozi abbigliamento, calzature, librerie, cartoleria, ferramenta e altri beni durevoli 6,00 15,00 14 Edicola, farmacia, tabaccaio, plurilicenze 7,00 17,50 15 Negozi particolari quali filatelia, tende e tessuti, tappeti, cappelli e ombrelli, antiquariato 4,00 10,00 16 Banchi di mercato beni durevoli 8,00 20,00 17 Attività artigianali tipo botteghe, parrucchiere, barbiere, estetista 7,00 17,50 18 Attività artigianali tipo botteghe: falegname idraulico, fabbro, elettricista 5,00 12,50 19 Carrozzeria, autofficina, elettrauto 6,00 15,00 20 Attività industriali con capannoni di produzione, attività di recupero, trattamento e smaltimento dei rifiuti, attività di trattamento e potabilizzazione delle acque 5,00 25,00 (limitatamente alle superfici, alle aree ed ai locali non adibiti ad attività di produzione ed immagazzinamento e ad attività di stoccaggio, recupero, trattamento, smaltimento e potabilizzazione) 21 Attività artigianali di produzione di beni specifici 8,00 20,00 22 Ristoranti, trattorie, osterie, pizzerie, pub 33,00 82,50 23 Mense, birrerie, amburgherie 25,00 62,50 24 Bar, caffè, pasticcerie 26,00 65,00 25 Supermercato, pane e pasta, macelleria, salumi e formaggi, gastronomie, generi alimentari 15,00 37,50 26 Plurilicenze alimentari e/o miste 13,00 32,50 27 Ortofrutta, pescherie, fiori e piante, pizza al taglio 35,00 87,50 28 Ipermercati di generi misti 14,00 35,00 29 Banchi di mercato generi alimentari 38,00 95,00 30 Discoteche, night club 7,00 17,50 31 Attività agricole (limitatamente alle superfici ed alle aree non adibite a coltivazione, allevamento e trasformazione agro-industriali) 20,00 50,00 RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO TRA IMPRESE E PROFESSIONISTI Ing. Stefania ARBOREA