Your SlideShare is downloading. ×
1996   2014
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
151
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
2
Actions
Shares
0
Downloads
1
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. “COMPAGNIA DELLE ARTI” ASSOCIAZIONE DI PROFESSIONISTI E IMPRENDITORI SINTONICI PER PRODURRE E DIFFONDERE L’ECONOMIA DELLA CULTURA AD ACQUAVIVA DELLE FONTI E NELLA PUGLIA Via C. Goldoni, 2 – 70021 Acquaviva delle Fonti (Ba) e-mail certificata: compagniadellearti@pcert.postecert.it e-mail: compagnia.arti@virgilio.it COMUNICATO .….CICLICITA’ POLITICHE LETALI FEBBRAIO 1996 / FEBBRAIO 2014 DOPO ANNI DI SOFFERTA EVOLUZIONE (CON OPERE) PER L’ATTUALITA’ DEL PARTENARIATO CHE PROMUOVE CON LA REGIONE PUGLIA UN PIANO DI RIQUALIFICAZIONE STRATEGICA DEL TERRITORIO LOCALE IL CONSIGLIO COMUNALE DEL 28/02/2014 NEGA OCCUPAZIONE CRESCITA E SVILUPPO In conseguenza degli esiti della deliberazione del Commissario Straordinario del Comune di Acquaviva delle Fonti n° 796 del 15 giugno 1994 (cui aderirà con deliberazione di Giunta Municipale n° 327 del 26 maggio 1995 il Comune di Cassano delle Murge), dal verbale della 3a Commissione Consiliare riunitasi il 20 e 27 febbraio 1996, emerge la scelta degli amministratori comunali nei riguardi del “Rapporto sullo studio per la ricerca dei metodi e dei mezzi per una ipotesi fattibile di sviluppo del bacino di Curtomartino, della Vecchiara e dell’area archeologica di Salentino nel territorio dei Comuni di Acquaviva delle Fonti e Cassano delle Murge in Terra di Bari”. Conclamata l’11 gennaio 1996 la necessità di una tempestiva analisi del Rapporto, la produzione del relativo parere consultivo sul proposto “Patto Territoriale” o “Accordo di Programma” e ogni relativa determinazione consiliare, da quel verbale si evince: - “…la necessità che l’Ente Locale esca dalla logica dell’intervento straordinario e della politica assistenziale garantendo e facilitando il processo di composizione degli interventi fondati sulle valenze e potenzialità economiche, sociali e culturali del territorio locale…”; - “…le conclusioni del Rapporto…risultano coerenti con la necessità di sollecitare le risorse locali a rendersi protagoniste per lo sviluppo del territorio…è opportuno che il Sindaco provveda a regolamentare il lavoro da farsi ed in particolar modo a disciplinare l’eventuale Conferenza dei Servizi partendo dal disposto della deliberazione del Commissario Straordinario n° 796 del 15/6/1994…”; - “…bisogna convenire che gli spazi d’azione per creare ricchezza sono ridotti al minimo, per cui tutte le iniziative che mirano al conseguimento di questo obiettivo vanno incoraggiate…si augura che il Rapporto non resti mero esercizio intellettuale come spesso è accaduto nel passato…”; - “…si prevedono tempi di attuazione molto lunghi per la realizzazione di tale programma…”; - “…l’Amministrazione comunale…già in ritardo rispetto agli inviti ricevuti dalla Regione Puglia…è opportuno che individui il motore locale dell’operazione…”; - “…stimolante l’iniziativa…interesse prioritario è la valutazione dei vantaggi derivanti alla popolazione acquavivese…”;
  • 2. “COMPAGNIA DELLE ARTI” ASSOCIAZIONE DI PROFESSIONISTI E IMPRENDITORI SINTONICI PER PRODURRE E DIFFONDERE L’ECONOMIA DELLA CULTURA AD ACQUAVIVA DELLE FONTI E NELLA PUGLIA Via C. Goldoni, 2 – 70021 Acquaviva delle Fonti (Ba) e-mail certificata: compagniadellearti@pcert.postecert.it e-mail: compagnia.arti@virgilio.it - “…occorre una presenza più attiva dell’Amministrazione Comunale invitandola a trattare gli interessi generali all’interno di una logica di progetto, condizione indispensabile per l’avvio della procedura del Patto Territoriale (ndr. Acquaviva)…”; - “…secondo la deliberazione CIPE i Patti Territoriali rappresentano lo strumento per l’individuazione di un complesso coordinato di interventi di tipo produttivo e promozionale, nonché di quelli infrastrutturali ad essi funzionali, ai quali concorre il finanziamento pubblico. Avviare, quindi, un progetto di sviluppo delle risorse naturali, culturali e produttive, fondando l’idea sul principio del partenariato sociale, è l’apprezzabile tentativo che si cerca di innestare attraverso il Rapporto in oggetto e riferito ad una dimensione territoriale ottimale coerente con quanto suggerito dal CNEL…”; - “…giusto focalizzare la discussione sul merito del Rapporto. Il compito è stato svolto egregiamente. Si sono individuati obiettivi, parti sociali, enti locali; è stata elaborata una proposta che individua gli strumenti operativi. Ora bisogna passare ad una fase successiva che comporta maggiore progettualità di dettaglio…stesura di un protocollo d’intesa…”; - “…occorre la presa d’atto del Rapporto…suggerendo al Sindaco di partecipare ad incontri che potranno eventualmente tenersi presso la Regione Puglia…, già precedentemente stabiliti ma disertati. In questa sede si potranno verificare le condizioni per una possibile definizione dell’avvio della procedura del Patto Territoriale Acquaviva…”. Al 28 febbraio 2014 risulta varato il solo “Patto Territoriale Sistema Murgiano” con risultati pressoché inesistenti per la nostra Città: il “Patto Territoriale Acquaviva” invece, molto apprezzato e sostenuto dalla Regione Puglia, sostenuto anche dalla deliberazione del Consiglio Comunale n° 20 del 22/03/1996, fu ben presto lasciato cadere per responsabilità politiche degli Amministratori locali. Le stesse, neutralizzarono la vitalità dell’abstract sull’istituzione di un “Centro polifunzionale ricettivo e autosufficiente per attività motorie in acqua e nei percorsi acquatici specifici” presentato al 2° meeting nazionale Rete Italiana Città Sane OMS di Trieste dal Comune di Acquaviva delle Fonti e Ospedale Miulli. Successivamente, sfuggirono invece agli artigli della miopia politica la predisposizione e l’organizzazione di workshop e gli atti utili al decollo dell’ambìto Accordo di Programma “Acqua, Salute e Cultura”. Acquaviva delle Fonti ha avuto così anche il suo nuovo Ospedale Miulli e, attrattiva, risulta oggi degnamente rappresentata nel riconosciuto Distretto Pugliese del Turismo (2012) per “Turismo dell’acqua, della salute e del benessere” e “Turismo dell’arte e della cultura” e, quale Piano di Riqualificazione Strategica del territorio locale, il 28 giugno 2012, in Regione Puglia, ha verificato l’evoluzione, la vitalità e l’attualità del possente partenariato per l’Accordo di Programma “Acqua, Salute e Cultura”. Urge la seconda indizione della relativa Conferenza dei Servizi. Esiste per gli acquavivesi questa importante e originale prospettiva di occupazione, crescita e sviluppo proprio mentre l’Amministrazione Comunale con delibera di Giunta Municipale n° 11/2014 attesta di non avere politiche per le attività produttive, specie in Zona Industriale e, conseguentemente, senza risorse, abdica. Di più, al 28 febbraio 2014, nonostante l’appello rivolto loro il 14/6/2013 (esteso anche a tutti i candidati nella coalizione PD – SEL – VIVA – NUOVA ACQUAVIVA) per partecipare alla costruzione del “Piano del Sindaco” (che ancora non c’è), il primo cittadino, con un violento e inaudito comunicato stampa inviato il 20/2/2014 a
  • 3. “COMPAGNIA DELLE ARTI” ASSOCIAZIONE DI PROFESSIONISTI E IMPRENDITORI SINTONICI PER PRODURRE E DIFFONDERE L’ECONOMIA DELLA CULTURA AD ACQUAVIVA DELLE FONTI E NELLA PUGLIA Via C. Goldoni, 2 – 70021 Acquaviva delle Fonti (Ba) e-mail certificata: compagniadellearti@pcert.postecert.it e-mail: compagnia.arti@virgilio.it diverse agenzie, bolla l’Accordo di Programma “Acqua, Salute e Cultura” come il frutto di “studi farneticanti… illogici…”: allora l’invito del 22/11/1995 al partenariato dell’epoca da parte della Regione Puglia, come pure la Conferenza dei Servizi del 28/6/2012 presso l’Assessorato Regionale all’Assetto del Territorio, fu delirio collettivo? In realtà drammaticamente emblematico è risultato l’atteggiamento delle Conferenze dei Capigruppo nei confronti della richiesta dei cittadini promotori il referendum popolare per l’occupazione, la crescita e lo sviluppo e così il conseguente Consiglio Comunale del 28 febbraio 2014, che a norma statutaria non ha voluto indire alcunché bastevoli 2/3 dei consiglieri, anziché verificare la sola ammissibilità preventiva della proposta referendaria, è entrato invece nel merito, a vuoto e perfino impedendo audizioni e l’esercizio effettivo della sovranità popolare mediante partecipazione. Quel Consiglio Comunale ha taciuto – complice e impotente – quando hanno prevalso arringhe di scherno e calunnia: per protesta, un solo consigliere comunale abbandonava l’aula. Miserrimi: nonostante la puntuale segnalazione nella proposta referendaria dei 13 cittadini promotori, poi dei 314 sottoscrittori (20/01/2014 e 10/02/2014), la quasi totalità dei consiglieri comunali, pur espressione dell’intera comunità acquavivese, ha violato inutilmente una seconda volta lo Statuto Comunale quando hanno omesso di rimediare al vuoto di disciplina del referendum popolare che necessariamente deve affiancare i principi generali negli articoli 16 “Referendum consultivo” e 17 “Disposizioni sui referendum”. Sembra pertanto che la gravità delle scelte consiliari su occupazione, crescita e sviluppo restino ostaggio della politica d’un tratto, ancora una volta, “malacàrne” (appunto, malvagia): mentre la Città tenta l’impresa per generare occupazione, crescita e sviluppo, quanti consiglieri comunali intendono impegnare subito la massima assise cittadina affinché approvi il Regolamento per la disciplina del referendum comunale? Acquaviva delle Fonti, 10/03/2014 Compagna delle Arti