• Share
  • Email
  • Embed
  • Like
  • Save
  • Private Content
IT's possible. IT's an opportunity
 

IT's possible. IT's an opportunity

on

  • 313 views

Corso di aggiornamento "Fare didattica nel web 2.0: le IT come opportunità.

Corso di aggiornamento "Fare didattica nel web 2.0: le IT come opportunità.

Statistics

Views

Total Views
313
Views on SlideShare
240
Embed Views
73

Actions

Likes
0
Downloads
1
Comments
0

1 Embed 73

http://www.epubeditor.it 73

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Microsoft PowerPoint

Usage Rights

CC Attribution-ShareAlike LicenseCC Attribution-ShareAlike License

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

    IT's possible. IT's an opportunity IT's possible. IT's an opportunity Presentation Transcript

    • Pierfranco Ravotto – p.ravotto@aicanet.it IT’s possible! IT’s an opportunity!
    • Problemi = Opportunità? «Del perché Internet cambia tutto e ci fa aprire l’ombrello invece di farci dire “piove, governo ladro”» Riccardo Luna, “Cambiamo tutto”, Prologo
    • Indice Nativi digitali e competenza digitaleNativi digitali e competenza digitale Internet delle cose e start-upInternet delle cose e start-up Mozilla open badgeMozilla open badge
    • Tre elementi di innovazione Web 2.0Dispositivi mobili Nuovi modelli comportamentali
    • Dispositivi mobili (1)
    • Dispositivi mobili (2) “Con molte titubanze iniziai un paio d'anni addietro una sorta di BYOD clandestino. Oggi sono in aperta "illegalità" rispetto al regolamento ancora vigente nel mio istituto (divieto assoluto di uso dei cellulari)”.
    • Web 2.0
    • Nuovi modelli Rilascia presto e rilascia spesso E’ la rete, baby Fai da noi
    • Nativo ≠ Competente
    • Competenza digitale CompetenzaCompetenza ConoscenzeConoscenze AbilitàAbilità AttitudiniAttitudini Per “competenza” si intende una combinazione di conoscenze, abilità e attitudini adeguate per affrontare una situazione particolare. (Raccomandazione sulle competenze chiave per l’apprendimento permanente) Per “competenza” si intende una combinazione di conoscenze, abilità e attitudini adeguate per affrontare una situazione particolare. (Raccomandazione sulle competenze chiave per l’apprendimento permanente)
    • Competenza digitale CompetenzaCompetenza ConoscenzeConoscenze AbilitàAbilità AttitudiniAttitudini La competenza digitale consiste nel saper utilizzare con dimestichezza e spirito critico le tecnologie della società dell’informazione (TSI) per il lavoro, il tempo libero e la comunicazione. Essa è supportata da abilità di base nelle TIC: l’uso del computer per reperire, valutare, conservare, produrre, presentare e scambiare informazioni nonché per comunicare e partecipare a reti collaborative tramite Internet. La competenza digitale consiste nel saper utilizzare con dimestichezza e spirito critico le tecnologie della società dell’informazione (TSI) per il lavoro, il tempo libero e la comunicazione. Essa è supportata da abilità di base nelle TIC: l’uso del computer per reperire, valutare, conservare, produrre, presentare e scambiare informazioni nonché per comunicare e partecipare a reti collaborative tramite Internet. La competenza digitale presuppone una salda consapevolezza e conoscenza della natura, del ruolo e delle opportunità delle TSI nel quotidiano: nella vita personale e sociale come anche al lavoro. In ciò rientrano le principali applicazioni informatiche come trattamento di testi, fogli elettronici, basi di dati, memorizzazione e gestione delle informazioni oltre a una consapevolezza delle opportunità offerte da Internet e dalla comunicazione tramite i media elettronici (e-mail, network tools) per il tempo libero, la condivisione di informazioni e le reti collaborative, l’apprendimento e la ricerca. Le persone dovrebbero anche essere consapevoli di come le TSI possono coadiuvare la creatività e l’innovazione e rendersi conto delle problematiche legate alla validità e affidabilità delle informazioni disponibili e ai principi etici che si pongono nell’uso interattivo delle TSI. La competenza digitale presuppone una salda consapevolezza e conoscenza della natura, del ruolo e delle opportunità delle TSI nel quotidiano: nella vita personale e sociale come anche al lavoro. In ciò rientrano le principali applicazioni informatiche come trattamento di testi, fogli elettronici, basi di dati, memorizzazione e gestione delle informazioni oltre a una consapevolezza delle opportunità offerte da Internet e dalla comunicazione tramite i media elettronici (e-mail, network tools) per il tempo libero, la condivisione di informazioni e le reti collaborative, l’apprendimento e la ricerca. Le persone dovrebbero anche essere consapevoli di come le TSI possono coadiuvare la creatività e l’innovazione e rendersi conto delle problematiche legate alla validità e affidabilità delle informazioni disponibili e ai principi etici che si pongono nell’uso interattivo delle TSI. Le abilità necessarie comprendono: la capacità di cercare, raccogliere e trattare le informazioni e di usarle in modo critico e sistematico, accertandone la pertinenza e distinguendo il reale dal virtuale pur riconoscendone le correlazioni. Le persone dovrebbero anche essere capaci di usare strumenti per produrre, presentare e comprendere informazioni complesse ed essere in grado di accedere ai servizi basati su Internet, farvi ricerche e usarli; esse dovrebbero anche essere capaci di usare le TSI a sostegno del pensiero critico, della creatività e dell’innovazione. Le abilità necessarie comprendono: la capacità di cercare, raccogliere e trattare le informazioni e di usarle in modo critico e sistematico, accertandone la pertinenza e distinguendo il reale dal virtuale pur riconoscendone le correlazioni. Le persone dovrebbero anche essere capaci di usare strumenti per produrre, presentare e comprendere informazioni complesse ed essere in grado di accedere ai servizi basati su Internet, farvi ricerche e usarli; esse dovrebbero anche essere capaci di usare le TSI a sostegno del pensiero critico, della creatività e dell’innovazione. L’uso delle TSI comporta un'attitudine critica e riflessiva nei confronti delle informazioni disponibili e un uso responsabile dei media interattivi; anche un interesse a impegnarsi in comunità e reti a fini culturali, sociali e/o professionali serve a rafforzare tale competenza. L’uso delle TSI comporta un'attitudine critica e riflessiva nei confronti delle informazioni disponibili e un uso responsabile dei media interattivi; anche un interesse a impegnarsi in comunità e reti a fini culturali, sociali e/o professionali serve a rafforzare tale competenza.
    • Competenza digitale CompetenzaCompetenza ConoscenzeConoscenze AbilitàAbilità AttitudiniAttitudini
    • Competenza digitale “Spostare l’attenzione dalle conoscenze tecniche in senso stretto alle infrastrutture cognitive”“Spostare l’attenzione dalle conoscenze tecniche in senso stretto alle infrastrutture cognitive” TecnologicaTecnologica CognitivaCognitiva EticaEtica DimensioniDimensioni
    • Competenza digitale TecnologicaTecnologica CognitivaCognitiva EticaEtica DimensioniDimensioni Riguarda il saper affrontare una tecnologia in continuo sviluppo, dunque la formazione di atteggiamenti flessibili, esplorativi, adattativi.
    • Competenza digitale TecnologicaTecnologica CognitivaCognitiva EticaEtica DimensioniDimensioni Riguarda la capacità di leggere, selezionare, interpretare e valutare dati, costruire modelli astratti e valutare informazioni considerando la loro pertinenza e affidabilità.
    • Competenza digitale TecnologicaTecnologica CognitivaCognitiva EticaEtica DimensioniDimensioni Riguarda il sapersi porre nei rapporti con gli altri, sapersi comportare adeguatamente nel cyberspazio, con particolare riguardo alla tutela personale (proteggersi dai rischi, garantire la propria sicurezza) e al rispetto degli altri, aspetti che si arricchiscono di una vasta gamma di tipologie e situazioni possibili (privacy, proprietà, netiquette e socioquette).
    • Indice Nativi digitali e competenza digitaleNativi digitali e competenza digitale Internet delle cose e start-upInternet delle cose e start-up Mozilla open badgeMozilla open badge
    • Frustrazione
    • IT’s possible!
    • Amazon Prime Air
    • Arduino Massimo Banzi
    • Internet delle cose (1) “L'Internet delle cose è vista come una possibile evoluzione dell'uso della Rete. Gli oggetti si rendono riconoscibili e acquisiscono intelligenza grazie al fatto di poter comunicare dati su se stessi e accedere ad informazioni aggregate da parte di altri. Le sveglie suonano prima in caso di traffico, le piante comunicano all'innaffiatoio quando è il momento di essere innaffiate, le scarpe da ginnastica trasmettono tempi, velocità e distanza per gareggiare in tempo reale con persone dall'altra parte del globo, i vasetti delle medicine avvisano i familiari se si dimentica di prendere il farmaco. Tutti gli oggetti possono acquisire un ruolo attivo grazie al collegamento alla Rete.”
    • Internet delle cose (2) Si tratta dei nuovissimi frigoriferi con avanzate funzioni di domotica interne…..andiamo a scoprire in termini pratici cosa fa per migliorare la qualità della nostra vita. Quando inseriamo i vari prodotti della spesa nell’elettrodomestico, diversi sensori ne registreranno peso e quantità ... e ad ogni utilizzo i valori verranno decrementati….fino ad una soglia pari al numero di persone che utilizzano gli alimenti( i membri della famiglia). Quando andremo a fare spesa basterà premere una tasto a sfioramento che invierà la lista delle cibarie mancanti….o in esaurimento….suddividendoli per frequenza di utilizzo e evitandoci così inutili richiami al supermarket….ovviamente l’invio della spesa viene effettuato via mail ed è visionabile dal proprio smartphone……
    • Stampanti 3D (1)
    • Stampanti 3D (2)
    • Makers, FabLab e Start-up (1) Do not be bored, do something. Joey Hudy Dicono che questa dei "maker" sarà la nuova rivoluzione industriale. Il primo a intuirlo è stato il direttore del magazine Wired, Chris Anderson, che nel 2010 intitolò un suo saggio, "Gli atomi sono i nuovi bits": prendeva spunto dal nome di un laboratorio aperto al Mit di Boston qualche anno prima da Neil Gershenfeld, "Center for bits and atoms", luogo dove produrre quasi- qualsiasi-cosa. "La cultura digitale dopo aver rivoluzionato il mondo dei bit e quindi l'editoria, la musica e i video attraverso Internet, ora sta per trasformare il mondo degli atomi, quindi degli oggetti fisici" Riccardo Luna
    • Makers, FabLab e Start-up (2)
    • Makers, FabLab e Start-up (3)
    • Indice Nativi digitali e competenza digitaleNativi digitali e competenza digitale Internet delle cose e start-upInternet delle cose e start-up Mozilla open badgeMozilla open badge
    • Mozilla Open Badge (1)
    • Mozilla Open Badge (2)
    • Mozilla Open Badge (3)
    • Mozilla Open Badge (4)
    • Noi ci proviamo IT’s possible! IT’s an opportunity!
    • Grazie per l’attenzione p.ravotto@aicanet.it CreativeCommons: Attribution – Share alike. Siete liberi di utilizzare, modificare e distribuire questa presentazione a patto che citiate l’autore originario e che manteniate gli stessi diritti sul prodotto risultante. www.rivistabricks.it