• Save
  RAIMONDO VILLANO - Sovrano Militare Ordine di Malta: cenni sull'ttivita' sanitaria
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Like this? Share it with your network

Share

RAIMONDO VILLANO - Sovrano Militare Ordine di Malta: cenni sull'ttivita' sanitaria

  • 953 views
Uploaded on

Abs. da: 24. R. Villano “Tuitio Fidei et Obsequium Pauperum. Storia, spiritualità e sovranità nelle tradizioni e nella modernità del Sovrano Militare Ordine di Malta” con presentazione di Mons.......

Abs. da: 24. R. Villano “Tuitio Fidei et Obsequium Pauperum. Storia, spiritualità e sovranità nelle tradizioni e nella modernità del Sovrano Militare Ordine di Malta” con presentazione di Mons. Prof. Raffaele Ferriero (Penitenziere del Duomo di Napoli e Rettore della Chiesa di San Ferdinando di Napoli) - (sotto l’Alto Patronato dell’Accademia di Storia dell’Arte Sanitaria e con il patrocinio Chiron dpt Hystart, Ed. Digitall, pag. 335, 1^ edizione febbraio 2008; 2^ ed. Pergamena, marzo 2008; 3^ ed., pag. 360, Pergamena, dicembre 2008; 4^ ed., ISBN 978-88-904235-43, LCC DG 831, CDD 900 VIL tui 2008, pp. 390, Pergamena, ottobre 2009).

More in: News & Politics
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
No Downloads

Views

Total Views
953
On Slideshare
953
From Embeds
0
Number of Embeds
0

Actions

Shares
Downloads
0
Comments
0
Likes
1

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. L’autore si vale della circostanza della pubblicazione di questo volume per rendere onore: a Sua Altezza Eminentissima Fra’ Matthew Festing settantanovesimo Principe e Gran Maestro. 5
  • 2. 9
  • 3. Copia n. _____________ L’autore __________________________ © Copyright Raimondo Villano © Ricerche, elaborazioni, copertina a cura di Raimondo Villano. Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte del libro può essere riprodotta o diffusa con un mezzo qualsiasi, fotocopie, microfilm o altro, senza il permesso scritto dell’editore. All right reserved. No part of this book shall be reproduced, stored in a retrieval system, or transmitted by ani means, electronic, mechanical, photocopying, recording or otherwise, withoutwritten permission from the publisher. Realizzazione editoriale: Prof. Dott. Maria Rosaria Giordano. Redazione: mobile 338 59 60 222; e-mail: farmavillano@libero.it Edizioni Chiron Found. - Hystart dpt. © 2009 Fondazione Chiron, via Maresca 12, scala A - 80058 Torre Annunziata (Napoli) Vendite: Prof. Dott. Annamaria Giordano mobile 347 61 71 669; e-mail: annamaria.g10@alice.it; http://www.chiron-found.org Stampa EFFEGIBI. Prima Edizione, febbraio 2008. Prima Ristampa, marzo 2008. Finito di scrivere il dodici gennaio 2008. Seconda Edizione, aprile 2008. Finito di scrivere il venti marzo 2008. Terza Edizione, dicembre 2008. Finito di scrivere il dieci settembe 2008. Quarta Edizione, luglio 2009. Finito di scrivere il 25 febbraio 2009. Serie numerata. Questo volume, privo del numero di serie e della firma dell’autore, è da ritenersi contraffatto. ISBN 978-88-904235-43 10
  • 4. Si sente dire che un nuovo genere di cavalieri è apparso sulla terra “ e proprio in quei medesimi luoghi visitati da Colui che incarnatosi, come il sole ad oriente si leva in alto” “Un nuovo genere di cavalieri, dico, che le età precedenti non hanno conosciuto e che infaticabile conduce una lotta parallela sia contro la carne e il sangue sia contro gli spiriti maligni sparsi nell’aria” “Fanno a gara nell’onorarsi a vicenda, si sollevano reciprocamente dalle fatiche, per compiere così la Legge di Cristo” Bernardo di Chiaravalle 11
  • 5. INDICE Presentazione 43 Prefazione 45 Storia 47 Le origini gerosolimitane Il periodo di Acri L’epoca cipriota Il governo rodiense L’epopea maltese Le vicende di transizione L’approdo romano L’epoca contemporanea Struttura e ordinamento 49 54 56 58 68 77 80 83 89 Caratteristiche e finalità Organi di governo Organi ecclesiastici Ordinamento giuridico Carta Costituzionale Strutture ed Enti governativi Gran Priorati Corpo di Soccorso Internazionale Ecom Bandiere e Stemmi 91 95 101 104 106 114 120 122 124 126 Aspetti religiosi e dimensione ecclesiale 129 Carattere religioso Dimensioni ecclesiali L’impegno: Tuitio Fidei et Obsequium Pauperum Pellegrinaggi Cenni di magistero pontificio San Giovanni Battista Patrono dell’Ordine Le Reliquie dell’Ordine La Madonna di Filermo Beati e Santi dell’Ordine Preghiere melitensi Simbologia della Croce ottagona Ceti e carattere nobiliare I membri dell’Ordine 131 136 138 143 145 156 160 161 162 175 159 177 179 13
  • 6. Aspetti nobiliari Carattere militare Aspetti militari Corpo militare Aspetti socioculturali e tecnici Aspetti sociali Aspetti culturali Aspetti urbanistici Aspetti economici Ordini illegittimi Sovranità Sovranità Soggettività internazionale Attività Attività diplomatica Attività internazionale Attività sanitaria Attività sociale Eroi melitensi Strutture italiane Acismom Ospedale San Giovanni Battista Cisom Statuto Acismom Regolamento Cisom Norme di applicazione Cisom Appendice Cronologia dei Gran Maestri e dei Luogotenenti Gran Priorati e Sottopriorati con data di fondazione Successione dei Gran Priori di Roma Successione dei Gran Priori di Lombardia e Venezia Successione dei Gran Priori di Napoli e Sicilia Indirizzi Presidenti Acismon Onorificenze melitensi Gerarchia melitense essenziale Libri consigliati sull’Ordine di Malta 14 191 195 197 211 217 219 222 224 226 231 239 241 243 245 247 265 279 300 318 321 323 325 328 342 347 352 357 359 362 363 368 371 372 380 381 382 383
  • 7. 15
  • 8. 17
  • 9. 19
  • 10. 21
  • 11. 23
  • 12. 25
  • 13. 27
  • 14. 29
  • 15. “Non mi importa della tua pelle, non mi curo del tuo credo religioso, non mi curo della tua fede politica. Solo ti chiedo: qual’è la tua sofferenza?” Albert Schweitzer, missionario laico di Lambarené 403
  • 16. 404
  • 17. “Ciò che avrete fatto al più piccolo dei miei fratelli lo avrete fatto a Me” Matteo (25, 40) ATTIVITÀ SANITARIA Il Sovrano Ordine di Malta ha come fine la diffusione e la promozione delle virtù cristiane di carità e di fratellanza, esercitando, senza distinzione di religione, di razza, di provenienza e di età, le opere di misericordia verso gli ammalati, i poveri e i profughi. L’Ordine, in particolare, esercita l’attività istituzionale nel campo ospedaliero, inclusa l’assistenza sociale e sanitaria, anche in favore delle vittime delle calamità eccezionali e delle guerre(1). Vi è, poi, una regola fondatrice dell’Ospitalità che, incisa nello statuto degli Ospitalieri di San Giovanni di Gerusalemme, guida da nove secoli or sono la vita e l’attività del Sovrano Ordine di Malta: “Quando un ammalato si presenterà, che sia portato il letto e lì, come fosse Nostro Signore in persona, dategli quanto di meglio avete in casa”. “Un impegno segnato in filigrana nella sua storia: a Gerusalemme, Cipro, Rodi, Malta, l’Ordine ha costruito ambulatori, ospedali e case di cura, investito nella ricerca medica, prestato assistenza ai malati e ai bisognosi, senza alcuna distinzione di razza, origine o religione. Un impegno che prosegue ancor oggi e che l’Ordine ha adattato all’evoluzione delle necessità indotte dalla miseria, dalle malattie, dai conflitti e dalle calamità naturali. Consapevole dell’evoluzione delle strategie dei grandi attori internazionali, l’Ordine ha sviluppato, parallelamente alle missioni istituzionali permanenti presso le autorità nazionali, una politica di relazioni dinamiche con le principali organizzazioni internazionali attive in campo umanitario. In questo ambito, l’Ordine di Malta si è prefisso un duplice obiettivo: da una parte partecipare più attivamente al processo di consulenza al quale può utilmente contribuire in virtù della sua storica esperienza e delle conoscenze acquisite sul campo, dall’altra, creare quando possibile ed utile, sinergie con le attività delle agenzie delle Nazioni Unite o dell’Unione Europea ed avviare, con queste, iniziative di cooperazione e partenariati per affrontare più efficientemente le sfide comuni. Questa volontà d’intensificare il dialogo e la cooperazione con tutti gli “artigiani di Giustizia e di Pace” richiede anche una maggiore visibilità e una più grande trasparenza delle realizzazioni e dei progetti della nostra istituzione; obiettivi ai quali l’Ordine punta avvalendosi di una puntuale informazione rivolta in via prioritaria ai responsabili delle istituzioni nazionali ed internazionali attive negli stessi settori d’intervento in cui opera, ma anche ai suoi membri e ai principali donatori. Grazie all’impegno personale e alla disponibilità dei propri membri e volontari, grazie ai donatori privati e pubblici senza i quali nessuna azione duratura potrebbe essere realizzata, l’Ordine di Malta esplica la sua azione disinteressata ed imparziale in tutto il mondo nei luoghi di sofferenza e di miseria, portando un messaggio di compassione e di solidarietà, ispirato alla carità cristiana(2)”. Nei suoi nove secoli di tradizionale assistenza ai poveri e agli infermi, l’Ordine di Malta non è mai stato tanto attivo quanto in epoca contemporanea. In questa opera esso certamente è agevolato dalla sua diplomazia umanitaria. _______________ (1) Estratti dalla Carta Costituzionale, art. 2. (2) Frà Andrew Bertie, Gran Maestro del Sovrano Militare Ordine di Malta. Abs dal Rapporto Attività SMOM anno 2001. 279
  • 18. Operare in accordo con i principi etici cattolici in tutti i settori della medicina con l'aiuto di tanti volontari appositamente formati rappresenta una parte importante dell'attività sanitaria dell'Ordine attualmente svolta in oltre 120 Paesi del mondo. Il primo Corpo d’ambulanza dell’Ordine è stato creato nel 1938 in Irlanda e, con quelli successivamente creati in Austria, Ungheria, Francia e soprattutto in Germania, resta uno dei più importanti. Ovunque circolino ambulanze con l’insegna della croce di Malta, l’affidabilità e la qualità dei loro interventi sono esplicitamente riconosciute dalle Pubbliche Autorità, come nel caso del Governo austriaco che chiede sistematicamente all’organismo austriaco dell’Ordine di partecipare ai servizi di soccorso in occasione delle visite ufficiali di Capi di Stato o di Governo. In Marocco, l’apertura a Casablanca nel 2006 di un istituto per la formazione di personale per le ambulanze, si è già rivelata un contributo gradito quanto necessario per la formazione di giovani da avviare alle attività nel settore del pronto soccorso. Il progetto, nato da una cooperazione tra l’Ambasciata dell’Ordine in Marocco, Ordre de Malte France, e il governo marocchino, propone agli studenti un corso biennale di studi e di esperienze pratiche per il rilascio del diploma. Oggi, i Corpi di soccorso sono diventati una delle attività più importanti dell’Ordine. Dopo la caduta del Muro di Berlino, hanno avuto un notevole sviluppo anche in Europa Centrale ed Orientale. Volontari attivi in oltre 30 Paesi assicurano i servizi di pronto soccorso durante le manifestazioni pubbliche o in caso di incidenti o calamità naturali. In numerose occasioni l'Ordine, attraverso il Corpo di Soccorso Tedesco, ha gestito il servizio medico durante le missioni di pace delle Nazioni Unite (America Centrale, Kuwait, Timor Est, Balcani). Oggi, l’Ordine dispone di organismi di soccorso in 32 paesi. In Europa, l’ECOM (Emergency Corps of the Order of Malta) fondato da otto Associazioni nazionali si è dimostrato un importante e prezioso strumento di cooperazione per gli interventi di soccorso internazionale nei casi di calamità naturale o di conflitti armati. Inizialmente limitata al primo soccorso in situazioni d’emergenza, la sua missione si è estesa e congloba ora l’insieme delle forme di assistenza richieste in circostanze d’emergenza eccezionali. È stato creato un Centro di Coordinamento speciale per il Sud e Centro America che ha cominciato ad organizzare e coordinare gli interventi di soccorso nella regione. Qualche esempio, tra tanti altri: in Francia, l’Associazione delle Opere Ospedaliere (OHFOM) ha gestito tre dei dieci posti di primo soccorso in occasione del più grande raduno di nautica tradizionale del mondo, “Brest 2000”; in Germania, il Malteser Hilfsdienst ha assicurato un presidio paramedico durante l’EXPO di Hannover nel Gran Premio di Formula Uno del Nürburgring. A livello internazionale, l’Ordine è riuscito a riunire squadre di volontari provenienti da tutto il mondo per presidiare i posti di pronto soccorso permanenti nelle quattro Basiliche Maggiori durante l’Anno Giubilare a Roma, tra il 24 dicembre 1999 e il 6 gennaio 2001: per estensione e durata, indubbiamente, una delle più significative operazioni di primo soccorso mai realizzate dall’Ordine. Durante l’Anno Santo, l’Ordine ha fornito le risorse umane necessarie e gestito i quattro presidi medici di primo soccorso allestiti presso le quattro maggiori basiliche romane di S. Pietro, S. Giovanni in Laterano, S. Maria Maggiore e S. Paolo Fuori le Mura. Per garantire l’operatività dei presidi 8 ore al giorno, per 53 settimane, si sono avvicendate continuamente due squadre costituite ciascuna da un medico, un infermiere e due barellieri. Più di 1.950 volontari (tra cui 500 medici, 395 infermieri e 60 paramedici) hanno lavorato a questa operazione per 371 giorni totalizzando complessivamente oltre 15.000 ore di servizio e prestando assistenza a oltre 15.000 pellegrini provenienti da 115 paesi. In questo periodo, due nascite hanno avuto luogo nei presidi medici, mentre due pellegrini sono deceduti nelle basiliche. Hanno fornito squadre di volontari per i presidi di pronto soccorso, i Gran Priorati e le Associazioni nazionali dei seguenti paesi: Austria, Belgio, Cuba, Francia, Germania, Gran Bretagna, Irlanda, Italia, Iugoslavia, Lettonia, Libano, Lituania, Malta, Paesi 280
  • 19. Bassi, Portogallo, Repubblica Ceca, Romania, Spagna, Sudafrica, Svizzera, Ucraina, Ungheria, Uruguay nonché le tre Associazioni degli Stati Uniti. Merita una segnalazione particolare la straordinaria partecipazione dei Gran Priorati italiani e del corpo di soccorso italiano CISOM che hanno provveduto a colmare i vuoti, a far fronte agli imprevisti dell’ultimo momento e a fornire interpreti alle delegazioni straniere, e dell’Associazione tedesca che ha assicurato da sola il funzionamento di due posti di soccorso per tutto l’Anno Santo. L’Associazione Tedesca dell’Ordine è stata l’organizzatrice del pronto soccorso in occasione della Giornata Mondiale della Gioventù a Colonia nell’agosto 2005: il Malteser Germania in tale occasione ha assicurato i servizi di prima assistenza durante tutta la settimana coprendo 12 eventi a Colonia, 18 a Bonn, 7 a Düsseldorf, 40 a Marienfield per la Veglia con il Papa. Alla Giornata Mondiale della Gioventù hanno partecipato nel corso della settimana 400.000 giovani, mentre nel week-end si è raggiunto il milione di presenze. Il Malteser Hilfsdienst, il servizio di emergenza dell’Associazione Tedesca dell’Ordine, ha avuto la responsabilità dei servizi di pronto soccorso e di assistenza paramedica per tutta la durata dell’evento. Più di 1.700 volontari, numerosi provenienti da altre Associazioni dell’Ordine in Europa, hanno effettuato ben 5.790 interventi di pronto soccorso. Nell’estate 2006, poi, l’Associazione spagnola ha curato l’attività di primo soccorso a Valencia durante il V incontro mondiale delle Famiglie. Nella sola Germania, infine, i servizi di soccorso tedeschi melitensi si muovono in media ogni 58 secondi ed oltre 540.000 sono stati gli interventi nel 2005. L’Ordine di Malta è la prima organizzazione di soccorso in Germania. Sono 270.000 le persone che nel 2005 hanno frequentato i corsi di formazione organizzati dall’Ordine. Tra questi, corsi di pronto soccorso rivolti a specifiche categorie professionali, corsi per assistenti, formazione per infermieri ausiliari e addestramento per l’assistenza in ambito familiare. L’Ordine di Malta è responsabile in tutta la Germania di 314 servizi di pronto soccorso scolastico. La solidarietà Nord-Sud si esprime pienamente nei programmi ospedalieri dell’Ordine. In particolare, le Associazioni europee ed americane sostengono attivamente numerosi ospedali e centri medici nei paesi meno favoriti contribuendo finanziariamente e mettendo a disposizione medici ed infermieri, medicinali, attrezzature o partecipando direttamente alla gestione degli istituti stessi. L’Ordine possiede e sostiene centri di medicina generale, nonché centri specializzati in malattie, patologie o fasce di età particolari. Gli ospedali di medicina generale sono ubicati prevalentemente in Europa, ed in particolare in Belgio, Francia, Germania, Gran Bretagna ed Italia, ma anche in Benin, Bulgaria, Ciad, Ecuador, Haiti, Libano, Madagascar, Palestina, Senegal, Siria e Togo. Per avere un’idea dell’imponenza dell’impegno profuso dall’Ordine in tali strutture si cita, ad esempio, l’attività svolta nel solo anno 2000, tra l’altro, in una diversità di ambienti di lavoro assolutamente estrema: Ciad, Padiglione di Chirurgia dell’Ospedale Centrale di N’Djamena: 475 operazioni ortopediche specializzate, 4.481 malati ricoverati e 9.650 consulenze mediche; Centro Medico di Amtoukoui: 38.637 pazienti hanno fruito di consultazioni di medicina di base, cure intensive, controlli ginecologici e vaccinazioni; Centro Medico di Biobé: ha curato 8.557 malati, effettuato 133 ricoveri e 47 parti. Ella parte settentrionale di Haiti, inoltre, vi è l’Ospedale di Milot (l’unico della regione), nell’ambito del progetto CRUDEM, sostenuto in particolare dalle tre Associazioni degli Stati Uniti - Americana, Federale ed Occidentale - con 64 letti, un’unità pediatrica, un dipartimento maternità, un ambulatorio specialistico, un moderno laboratorio analisi e che è ora dotato di gruppi elettrogeni che consentono di realizzare interventi chirurgici più lunghi e più complessi. Grazie al concorso volontario di una 281
  • 20. équipe chirurgica specializzata di Rochester, è stato possibile avviare il primo programma d’interventi a cuore aperto destinato ai pazienti bisognosi di Haiti. Vi è, poi, in Palestina l’Ospedale Ostetrico della Sacra Famiglia a Betlemme posto sotto la diretta responsabilità del Grand’Ospedaliere dell’Ordine. Sul tetto sventola la bandiera gialla del Vaticano, ma il grande edificio in pietra bianca, con i suoi giardini di aranci, ha un’architettura dal sapore arabo. Questo ospedale è gestito dall’Associazione delle Opere Ospedaliere Francesi dell’Ordine di Malta. Nel 2006 nell’ospedale sono nati 2.946 bambini e si è anche registrato il più alto numero di visite (17.587) per pazienti esterni nonché il più elevato numero di ricoveri nel reparto (440) nella storia dell’Ospedale. Dalla sua inaugurazione nel 1990 al 2006 vi sono nati più di 39.000 bambini, con un primato di 3.052 nascite nel 2000, senza il verificarsi di un solo caso di decesso materno nonostante la fragilità dello stato di salute di molte madri. L’Ospedale della Sacra Famiglia fa parte di un istituto appartenente dal 1882 alle Figlie della Carità ed è stato completamente ristrutturato nel 1985, su richiesta della congregazione, dall’Ordine di Malta che ebbe l’idea di rimettere in servizio un padiglione di maternità in una delle ali dell’edificio. L’Ordine, in particolare, ha predisposto un piano di restauro degli ambienti, di aggiornamento di strutture e servizi sanitari ed uno standard di specializzazione del personale ai più alti livelli. Il suo finanziamento è assicurato congiuntamente dal Gran Magistero dell’Ordine, dalle Associazioni francese, tedesca, britannica, irlandese, svizzera e americana nonché dalla fondazione americana creata a tal fine dai Cavalieri dell’Ordine di Washington. Con un personale altamente qualificato forte di 94 persone (tra cui 8 specialisti, 5 medici residenti e 45 infermieri ed ostetriche), la maternità gestisce 40 posti letto di ostetricia e ginecologia ed ha aperto di recente un’unità di neonatologia con annesso locale per la formazione delle future madri. La maternità si avvale, inoltre, di un’unità mobile che provvede alla sensibilizzazione prenatale e al controllo ginecologico e ostetrico puerperale nei pressi di Betlemme e nei villaggi della regione di Hebron. Il suo successo, risultato della politica di prezzi contenuti e della reputazione di affidabilità tecnica, determina un’affluenza così massiccia da limitare il ricovero delle giovani madri a 3 giorni in media(3). Il 25 % delle madri e dei bambini vive nei campi profughi. Quando arrivano in Ospedale, le madri in attesa sono stanche e stressate per le violenze e le umiliazioni subite. Spesso presentano segni di malnutrizione e sono frequenti i casi di anemia e diabete. Questi fattori, senza dubbio, contribuiscono al 15 % di parti prematuri che hanno luogo nell’ospedale. Molte donne dipendono dall’assistenza sociale, specialmente dopo l’Intifada e quando non possono pagare sono curate gratuitamente. Le tariffe, se commisurate all’elevata qualità del servizio, sono estremamente basse per adeguarsi agli standard dell’economia palestinese. Nel 2002, ad esempio, il ricovero per un parto costa 120 dollari, un cesareo solo 400 dollari. Inoltre, il reparto di neonatologia è dotato di équipe altamente qualificate che si specializzano in Europa con alti costi a carico dell’Ente. L’ospedale, ancora, è riuscito a raggiungere standard di servizio e di assistenza medica in grado di competere con quelli occidentali ed appare, poi, come un’oasi di pace nel cuore di Betlemme, dedicato alla maternità in un luogo divenuto simbolo metafisico della nascita. Non solo per i cristiani, ma anche per gli ebrei, che poco distante da qui venerano la tomba di Rachele, protettrice dei bimbi. L’atmosfera rilassante delle camere per due-tre pazienti, il profumo di pulito, la vista sui giardini creano una dimensione quasi magica che ogni futura madre sogna(4). Con l’inizio della nuova “intifada” nell’ottobre 2001, però, nell’ormai indecifrabile catena di azioni e reazioni che caratterizza il conflitto su questa terra sacra e insanguinata, la neutralità dell’ospedale è _______________ (3) Jacques de Dumast (Presidente delle OHFOM e Presidente dell’Ospedale della Sacra Famiglia), abs da Rapporto Attività SMOM anno 2001. (4) Gloria Sala, “Betlemme, natività sotto tiro” - Io Donna, settimalale del Corriere della Sera, 24 novembre 2001. 282
  • 21. stata violata(5) e le condizioni di esercizio di questo luogo ideale dove far nascere il proprio bambino conoscono momenti di drammatico peggioramento: la chiusura sempre più stretta dei confini, il blocco dei centri e dei villaggi, i posti di blocco e il coprifuoco paralizzano il lavoro dell’unità mobile e vietano l’accesso all’ospedale a numerose madri di famiglia(6). Il numero di ricoveri va in forte contrazione e crea serie difficoltà di gestione in una Regione in cui il tasso di disoccupazione supera il 50%. Grazie al coraggio, alla dedizione e alla volontà della direzione e del personale, la maternità resta operativa essendo grandi le necessità della popolazione. I servizi dell’ospedale sono stati ampliati fino ad includere un gruppo di cliniche mobili (la cui attività, durante il conflitto, ha dovuto spesso essere sospesa), nonché strutture didattiche per medici e infermieri nei settori specialistici di ginecologia e ostetricia. E continua ad offrire un programma didattico relativo alle madri e alla cura dei figli, per la popolazione. “La vera gioia di lavorare in questo ospedale è quella di vedere la vita nascere ogni giorno. E’ sapere che i bambini nati prematuri morirebbero, senza l’assistenza specialistica di questo ospedale e del suo staff, non esistendo un’altra struttura che potrebbe accoglierl(7)”. Il bilancio totale 2002 dell’Ospedale della Sacra Famiglia di Betlemme, infine, è ammontato a 1.817.000 US $ mentre la sovvenzione dell’Ordine di Malta è stata di 1.208.000 US $. Gli stipendi pagati ai 110 dipendenti locali forniscono sostentamento ad oltre 2.000 persone. A sostegno dell’attività dell’ospedale sono giunti aiuti internazionali. USAID, ad esempio, ha donato 3,5 milioni di dollari; 750.809 euro sono stati stanziati dal governo belga sotto gli auspici di Malta Belgium International; 171.000 dollari sono giunti dalla Fondazione USA per l’Ospedale della Sacra Famiglia. Le donazioni provenienti dalle organizzazioni dell’Ordine in Europa, estremo Oriente e Stati Uniti ammontano a 1.534.109 dollari. Questi finanziamenti hanno consentito l’avvio della costruzione di un nuovo piano che dovrebbe essere ultimato nel maggio 2007. L’ampliamento ospiterà cinque culle di terapia intensiva neonatale, tre ulteriori sale parto, due posti letto di terapia intensiva per adulti, una sala operatoria per parti cesarei di emergenza, un nido più grande, un centro di ricovero diurno con sei posti letto, un reparto di emergenza con due posti letto e una centrale di sterilizzazione. Grazie ai finanziamenti ricevuti, l’ospedale sarà anche in grado di portare da quattro a sei il numero delle cliniche mobili che forniscono assistenza nei villaggi. Nuovi servizi verranno introdotti: un programma mirato per la salute delle donne, un programma di educazione dei pazienti, un progetto di formazione rivolto i professionisti dell’assistenza sanitaria. Inoltre, in Camerun l’Associazione francese dell’Ordine continua a gestire l’Ospedale St Jean de Malte de Nyombe. Nel 2005, lo staff e i volontari locali di Ordre de Malte France hanno prestato 13.000 consulti medici nel Centro Rohan-Chabot di Mokolo, nonché 21.300 consulenze sull’HIV presso l’ospedale Saint Jean de Malte. Nel frattempo, in un ospedale in Togo sono stati potenziati i servizi chirurgici, mentre nel Mali è stato ripristinato un reparto di ostetricia. _______________ (5) Durante un’incursione dell’esercito israeliano nei territori palestinesi, in risposta all’uccisione del ministro del Turismo Rehavam Zeevi. “Avevamo un carro armato al cancello, che sparava sugli edifici contigui” racconta amareggiato il direttore della Sacra Famiglia, dottor Robert Tabash. “C’erano degli scontri nell’area, le milizie palestinesi si nascondevano nelle strade, tra l’ospedale e l’università. Ci hanno bombardati di notte, c’era fumo ovunque, le infermiere evacuavano i neonati, alcune pazienti hanno avuto collassi per lo shock. E’ un miracolo che non ci siano state vittime. Anche i soccorsi erano difficili. Una notte uno stabile vicino è stato centrato dalle bombe ed è divampato un incendio che rischiava di far saltare il deposito d’ossigeno dell’ospedale” (abs da Gloria Sala, “Betlemme, natività sotto tiro” - Io Donna, settimalale del Corriere della Sera, 24 novembre 2001). (6) In passato, invece, anche nei momenti degli scontri più duri, molte donne di Gerusalemme, mogli di giornalisti e diplomatici, sfidavano i check-point per partorire alla Sacra Famiglia. (7) Dottor Keutgen. 283
  • 22. Malta Belgium International ha recentemente ultimato la ristrutturazione del Centro Ospedaliero Re Baldovino, a Kinshasa, nella Repubblica Democratica del Congo. Negli Stati Uniti l’Associazione Federale, che ha sede a Washington DC, sostiene 15 cliniche con la fornitura di medicinali acquistati a prezzo ridotto, oppure direttamente donati dalle società farmaceutiche. Ciascuna clinica presenta l’elenco dei farmaci di cui ha bisogno e li riceve due volte all’anno. Medici, dentisti, infermieri e assistenti volontari, offrono il loro tempo per sostenere il lavoro delle cliniche. Il Comitato Ospedaliero dell’Associazione occidentale, poi, che copre un territorio molto esteso da Seattle nel nord-ovest fino a Phoenix nel sud-ovest, nel 2005 ha approvato sovvenzioni per un totale di circa 920.000 dollari, per sostenere 65 programmi nella zona orientale degli Stati Uniti cui vanno aggiunte le 22.000 ore di volontariato offerte dai membri nel corso dell’anno in favore delle medesime attività assistenziali. Tutte e tre le Associazioni dell’Ordine negli Stati Uniti hanno contribuito alla costituzione e alla gestione della CRUDEM Foundation che nel 1999 è prescelta tra i 100 progetti del Santo Padre per l’Anno della Carità. CRUDEM mette a disposizione della popolazione dell’area settentrionale di Haiti eccezionali strutture di assistenza sanitaria attraverso l’Hôpital Sacré Coeur a Milot. Il personale medico dell’ospedale, composto da 12 medici a tempo pieno e 3 part-time, un dentista e 35 infermieri, è affiancato da 170 volontari provenienti dall’estero che si recano a Milot a proprie spese per fornire servizi medici specialistici. L’Associazione dell’Ordine in Gran Bretagna è impegnata a realizzare un importante ampliamento dell’ospedale St. John and St Elizabeth a Londra. Ospiterà un reparto con 30 stanze per la cura ambulatoriale dei pazienti. Completato nel 2007, l’ospedale dispone di 34 ambulatori per le visite, 156 camere singole per i degenti, quattro sale operatorie e un’apposita unità di terapia intensiva. In Germania nel MTG Malteser Trägergesellschaft gGmbH, l’Ordine di Malta riunisce la supervisione e la gestione dei suoi attuali: 10 ospedali, 20 istituti per l’assistenza agli anziani, 3 ospizi per degenze/padiglioni per cure palliative, una clinica specializzata in medicina naturale e 9 centri ambulatoriali in tutta la Germania con uno staff complessivo di 5.900 operatori che assiste ogni anno circa 100.000 persone bisognose di cure. Sempre in Germania, a Rybnik, vi è il ”Malteser Krankenhaus”, un grande centro sanitario e ospedaliero costruito dai Cavalieri tedeschi dell’Ordine nel periodo della Prima Guerra Mondiale e gestito dall’Ordine fino alla fine della Seconda Guerra Mondiale quando è requisito dal governo dell’ex-Germania dell’Est. Sempre in Germania, a Trebnitz, vi è un complesso ospedaliero fondato dall’Ordine in Breslavia nei primi del Novecento, funzionante anche durante la seconda guerra mondiale e, poi, requisito dalle autorità del regime comunista dell’ex Germania dell’Est. L’Ordine di Malta, ancora, gestisce centri medici e posti sanitari in numerosi Paesi del mondo ed in particolare in Brasile, Perù, Polonia, Repubblica Democratica del Congo, Repubblica Dominicana, Stati Uniti, Ciad, Sudafrica, Cile ed Ungheria; nella sola Repubblica Democratica del Congo l’Associazione melitense gestisce oltre 600 posti sanitari nella parte orientale del Paese. L’Ordine, inoltre, gestisce o sostiene integralmente o anche solo parzialmente un’ampia rete di ospedali, policlinici, cliniche ed ambulatori insediati in tutto il mondo (300 ospedali, circa 1500 tra ambulatori e cliniche). La loro natura è determinata dal fabbisogno locale sia per integrare i servizi sanitari pubblici, sia per far fronte a specifiche malattie o ad altri problemi sanitari. Molti ospedali dell’Ordine sono in Europa e più precisamente in Germania, in Francia, in Belgio, in Inghilterra e in Italia. Gli ospedali in Belgio e in Inghilterra, così come alcuni di quelli in Germania, hanno unità specializzate per il trattamento dei malati terminali. Altre unità specializzate sono attive in Argentina, Italia, Stati Uniti, Sud Africa e Australia. Oltre agli ospedali e ai centri medici che gestisce in Francia, l’Associazione delle opere francesi ha ospedali in Benin, Burkina Faso, Camerun, Madagascar e Togo. 284
  • 23. Nel distretto dei Grandi Laghi, ed a Kerala in India, l’Ordine contribuisce attivamente alla creazione di un servizio sanitario pubblico. L'Associazione delle opere francesi aiuta numerosi istituti sanitari pubblici di diversi Paesi dell'Africa Occidentale e del Madagascar. Nel giugno 2003 nella Repubblica Dominicana l’Associazione dell’Ordine ha aperto un centro medico nella parte nord orientale del Paese, nella regione del Monte Plata, denominato “El Cacique” capace di effettuare oltre 200 visite giornaliere a madri e figli. Nella parte sud orientale, poi, gestisce e finanzia il Centro Herrera che dal ’97 dispensa servizi ginecologici e pediatrici con pronto soccorso ed anche reparto di prevenzione dei tumori uterini e mammari. In Angola, sempre nel 2003, alla fine della guerra civile durata 27 anni, l’Ordine insieme ai partners (Caritas Menongue, un gruppo di 4 posti sanitari cattolici, la direzione provinciale sanitaria del Kuando Kubango) ha proceduto al riassetto immediato delle infrastrutture sanitarie esistenti rifornendole anche di attrezzature mediche e medicinali per 6 mesi (8). L’Associazione del Salvador dei Cavalieri di Malta ha creato e gestisce in diverse zone del Paese numerosi centri sanitari e 15 cliniche per le popolazioni bisognose. L’Ordine ha creato, poi, due Unità mediche mobili di primo soccorso in Libano del Sud; un’altra testimonianza del dinamismo e della vitalità dell’Ordine in questa Regione è l’inaugurazione presso il centro ospedaliero di Bhannès della più grande e moderna piscina di balneoterapia del Medio Oriente. Intensa è, inoltre, l’opera assistenziale in Libano attraverso 11 centri medico-sociali (3 gravemente danneggiati nel corso di recenti conflitti e riaperti, operano a pieno servizio assistendo le popolazioni locali dei quattro maggiori gruppi religiosi) la cui collocazione geografica permette di operare in tutto il territorio: intere regioni dipendono da queste strutture che forniscono 250.000 prestazioni mediche ogni anno, oltre ad innumerevoli visite ed interventi nei villaggi vicini. Tali centri dispongono di collaboratori specializzati (centoventitrè medici, novantadue infermieri e ausiliari, ottantotto addetti ai servizi sociali e amministrativi) che forniscono servizi di assistenza medica e sociale adeguata ai bisogni delle aree in cui operano. Complessivamente ripartiti in tutto il territorio, sono presenti nove Centri medico sociali, un Centro specialistico per bambini con patologie cerebromotorie, una piscina di balneoterapia annessa al centro di rieducazione ortopedica, tre Unità Mediche Mobili operanti in permanenza, servizi di pronto soccorso, un Centro di formazione per i giovani e di accoglienza per gli anziani, interventi a carattere sociale. Inoltre, quarantatre veicoli sono a disposizione per azioni umanitarie e sociali. A Bhannès, il Centro di educazione Terapeutica “Robert de Lobkowicz” per bambini con patologie cerebromotorie, aperto nel 1991 ed ampliato nel 1994, è stato dotato nel 1999, per iniziativa dell’Associazione Libanese melitense di un servizio di balneoterapia la cui duplice finalità è volta ad alleviare le sofferenze dei pazienti e ad accelerare i tempi di recupero. Il progetto è stato realizzato grazie all’azione congiunta delle Figlie della Carità, delle Opere Ospedaliere Francesi, della Comunità Europea e dell'Associazione Libanese dell'Ordine. In Salvador, ancora, nel 2000 i dodici centri dell’Associazione hanno permesso di curare 140.000 pazienti, mentre i due laboratori odontoiatrici si sono occupati di 23.000 pazienti. I centri medici istituiti in Libano ed in El Salvador durante la guerra civile costituiscono oggi una parte importante dei rispettivi sistemi sanitari nazionali. L’Associazione Dominicana, invece, gestisce strutture specializzate nell’assistenza a madri e bambini. _______________ (8) All’epoca, a prestare assistenza sanitaria a circa 620.000 abitanti vi erano solo 3 medici con modeste attrezzature e scarse quote di medicinali. 285
  • 24. Altri ambulatori e centri medici operano in Polonia, in Ungheria, negli Stati Uniti, in Brasile, in Perù e in Sud Africa. In diversi Paesi in Via di Sviluppo molti ospedali e ambulatori sono assistiti e, in alcuni casi, diretti dall'Ordine. Il restauro e la modernizzazione di strutture ospedaliere ed ambulatori rientrano ugualmente nelle missioni dell’Ordine, in particolare nei paesi in guerra, come gli interventi operati nei Balcani e tuttora in corso nelle regioni dell’Africa devastate da conflitti armati. Nel distretto dei Grandi Laghi, in Africa, come pure a Kerala, in India, l’Ordine dà un contributo attivo allo sviluppo di un servizio sanitario pubblico di base. A più riprese il Corpo di Soccorso dell’Associazione tedesca si è fatto carico dell’assistenza medica al personale delle missioni di pace delle Nazioni Unite. Dal 1995, l’Ordine mette a disposizione dell’UNIKOM (United Nations Irak Kuwait Observation Mission) un’unità medica composta da 5 medici, 2 infermieri e 7 paramedici e, dal dicembre 2000, un’altra squadra di 2 medici e 2 infermieri è a disposizione dell’UNTAET (United Nations Transitional Administration in East Timor). Va rilevato, poi, che in tutte le strutture mediche gestite dalle Associazioni e le Fondazioni dell’Ordine viene applicato il concetto del “Quality Management” che l’Associazione tedesca ha contribuito in larga misura a sviluppare con una serie di progetti pilota di cui alcuni con il patrocinio del Ministero Federale Tedesco della Sanità. La lotta contro la lebbra (malattia di Hansen)(9), poi, fa parte delle missioni secolari dell’Ordine. Anche se la malattia è in regresso, uccide ancora 2000 vittime ogni giorno nel mondo e resta un problema di pubblica sanità in ben 24 Paesi, 12 dei quali concentrano il 92% dei casi censiti. Si ritiene, inoltre, che circa due milioni di malati guariti, ma handicappati, siano oggi in attesa di un’assistenza riabilitativa. Fondato nel 1958, il Comitato Internazionale dell’Ordine di Malta CIOMAL, con sede a Ginevra, recentemente trasformato in una fondazione, coordina le azioni di lotta alla lebbra e di assistenza ai lebbrosi, condotte dalle singole Associazioni nazionali e rappresenta l’Ordine in seno alla Federazione Internazionale delle Associazioni di Lotta alla Lebbra. Le linee di forza dei programmi del CIOMAL sono riconducibili alle seguenti direttrici: accesso gratuito per tutti gli ammalati alla terapia multifarmacologica (MDT – Multi Drug Therapy); rafforzamento delle politiche di diagnosi precoce della malattia; prevenzione degli handicap; riabilitazione medica chirurgica - ortopedica - oftalmologica; informazione e sensibilizzazione degli ammalati, del personale medico e del pubblico in generale; formazione del personale medico e paramedico per l’addestramento del malato all’autoassistenza. Totalmente finanziato da raccolte fondi e donazioni volontarie, il CIOMAL non si limita ad offrire alle persone che soffrono la possibilità di usufruire di un programma gratuito di cure, riabilitazione ed educazione, messo in atto da un team di specialisti ma collabora anche con le comunità locali per sconfiggere il marchio di infamia associato alla malattia, in maniera da consentire alle persone curate di poter riprendere la loro normale vita quotidiana nella società(10). _______________ (9) Per oltre duemila anni essere malati di lebbra ha significato sopportare una vita fatta di sofferenze, miseria ed esclusione sociale. La scienza non è ancora riuscita a produrre un vaccino contro la malattia. Ma è uno degli scandali del nostro tempo che i malati di lebbra, pur essendo perfettamente guaribili se curati in tempo, vengano ostracizzati dalla società. Statistiche dell’Organizzazione Mondiale della Sanità mostrano che la lebbra, pur essendo ancora predominante in buona parte dei Paesi in Via di Sviluppo - nel 2005 un totale di 286.063 casi, l’incidenza dei nuovi casi dal 2000 in poi, si è ridotta approssimativamente del 20 % ogni anno. Grazie allo sviluppo di un’efficacissima terapia multifarmacologica, dai costi contenuti, la lebbra non è più ritenuta letale in 112 dei 122 paesi nei quali, ancora nel 1985, la condizione era considerata epidemica. Nonostante questi significativi progressi, la lebbra rimane un problema serio per la sanità pubblica in diverse aree dell’Africa, dell’Asia e dell’America Latina. (10) Rapporto attività SMOM 2007. 286
  • 25. Nel solo anno 2000 l’Ordine è stato attivo in 9 Paesi delle principali Regioni del mondo colpite dalla lebbra: l’Asia, l’Africa e il Sud America. Sempre nell’ambito della lotta contro la lebbra sono attivi, più in particolare, numerosi programmi ed istituti specializzati dell’Ordine, tra cui: in Cambogia, dove gran parte della popolazione buddista considera la lebbra come una punizione per un comportamento malvagio tenuto in una vita precedente, il programma nazionale di diagnosi, cura e riabilitazione: un ospedale di 34 posti letto a Pnom Penh; 2 cliniche di 10 posti letto in provincia; unità mobili per l’assistenza delle 17.000 persone affette dalla malattia, seguite e curate su base regolare; tale programma negli ultimi anni ha registrato un particolare successo(11); dal 1994 vengono somministrate terapie agli ammalati e la popolazione, in generale, è oggetto di campagne informative. Dall’introduzione, nel 1986, del Programma nazionale contro la lebbra, più di 18.000 persone sono guarite dalla malattia e il numero dei nuovi casi accertati è sceso da diverse migliaia a 400-500 ogni anno. A supporto del Programma nazionale, il CIOMAL fornisce assistenza tecnica e finanziaria per la diagnosi e la cura dei nuovi casi di lebbra, nonché per formazione dei supervisori del Programma. Il CIOMAL ha anche istituito una banca dati centrale, per poter disporre di uno strumento più preciso per la registrazione dei dati e per la stesura di rapporti. Altro settore di intervento è la collaborazione con i gruppi di supporto sanitario che sempre più spesso si formano nei villaggi, per aiutare gli abitanti a riconoscere i segnali e i sintomi della lebbra, e incoraggiare la segnalazione dei casi sospetti al centro sanitario statale più vicino. Il CIOMAL ha, inoltre, commissionato un’edizione speciale dedicata alla lebbra della rivista del servizio sanitario nazionale della Cambogia che viene distribuita in tutti gli ospedali, centri sanitari e scuole di formazione universitarie del paese. Per eliminare il marchio di infamia associato alla lebbra e sottolineare la necessità di cominciare a curarsi precocemente è stata lanciata una campagna pubblicitaria sulla televisione nazionale che ha visto come testimonial le star di una soap opera cambogiana. Gli incontri di formazione nelle numerose fabbriche di abbigliamento situate intorno a Phnom Penh (che danno lavoro a circa 120.000 giovani donne provenienti da ogni parte del paese) costituiscono un ulteriore strumento utilizzato per contribuire a sfatare il tabù della lebbra, incoraggiando non soltanto il ricorso tempestivo ai centri sanitari, ma anche il reinserimento nella vita lavorativa delle persone guarite. L’ampia diffusione del messaggio è assicurata dal ritorno di queste giovani donne nei villaggi di origine due volte all’anno, in occasione delle principali festività. Sul piano pratico, il centro di cure e riabilitazione dalla lebbra del CIOMAL a Kien Khleang offre visite ambulatoriali e fisioterapia. _______________ (11) Nonostante i progressi, ancora permane il marchio di infamia associato alla lebbra. Al punto che i malati vengono tuttora lapidati da quanti sono convinti che, in qualche modo, questo li proteggerà dalla malattia. Si comincia lentamente a capire che dalla lebbra adesso si può guarire. Ma fintanto che il marchio di infamia resterà così forte, sarà molto difficile da debellare. Sono notevoli i passi avanti che sono stati fatti nell’incoraggiare la gente ad uscire allo scoperto e a sottoporsi allo screening nei centri sanitari nazionali. Ma sono ancora circa 400 i nuovi casi all’anno, il 75 % dei quali verrà curato in tempi molto rapidi, prima che compaiano i segni fisici della malattia, grazie a diagnosi personalizzate. Queste persone possono continuare a vivere la propria vita. Al contrario, quelli che non si sottopongono tempestivamente a diagnosi, e contraggono lesioni cutanee, lesioni nervose e invalidità, in conseguenza della lebbra, sono molto spesso esclusi, persino dalle rispettive famiglie. Vengono ostracizzati dalla società e in certi casi finiscono con il credere, essi stessi, di essere segnati da un marchio di infamia. Nei Paesi buddisti si ritiene che la lebbra si contrae perché si è stati malvagi in una vita precedente. Per fortuna, oggi sempre più gente si reca nei centri sanitari nazionali, per sottoporsi all’efficacissima terapia multifarmacologica (MDT). I pazienti per i quali si rende necessario un intervento chirurgico correttivo o una terapia di riabilitazione vengono inviati al Centro del CIOMAL situato a Kien Khleang, alla periferia di Phnom Phen. 287
  • 26. Insegna come svolgere le attività quotidiane in piena sicurezza, sovvenziona corsi di formazione professionale e offre prestiti per l’avviamento di piccole attività ai pazienti segnalati dai centri sanitari nazionali. Nel 2006, presso il centro di Kien Khleang, sono stati visitati in tutto 1.339 pazienti, con 260 ricoveri. Un nuovo programma ha preso il via per fornire alle persone che hanno subito lesioni nervose, informazioni e suggerimenti su come evitare ulteriori traumi e invalidità; in Brasile, il secondo Paese più colpito nel mondo: il CIOMAL e le Associazioni dell’Ordine lavorano insieme dal 1984 per affrontare il problema tra i tre milioni di abitanti dello Stato di Piaui nel nord est del Paese. Inizialmente concentrato nella regione di Picós, ora esteso fino a coprire l’intero Stato, il programma prevede in collaborazione con il servizio sanitario statale un mix di monitoraggio, diagnosi dei malati, somministrazione della terapia multifarmacologica (MDT) e sensibilizzazione della popolazione. Nel 2000, sono state effettuate: 5.000 visite, 112 nuovi casi diagnosticati e 112 pazienti hanno completato la terapia. Nel 2006 su oltre 1.000 pazienti visitati ci sono stati 69 nuovi casi di lebbra; in Thailandia il Centro Don Bosco di Nakhon Srithammarat: assistenza a 60 pazienti e reinserimento socio-economico; scolarizzazione di 52 bambini affetti dalla malattia di Hansen; aiuti abitativi ai malati guariti. Oltre a dispensare il trattamento multifarmacologico (MDT) ai nuovi pazienti, il Centro provvede alle cure di base e alla formazione dei malati, in particolare per l’apprendimento delle cure d’igiene che i soggetti possono effettuare da soli; in Vietnam sei centri di riferimento creati e gestiti con il sostegno dell’Associazione francese assicurano cure chirurgiche di contenimento e kinesiterapia riabilitativa. Quest’infrastruttura è integrata da una rete di consulenza ambulatoriale mobile in corso di sviluppo; in Senegal l’Istituto di Leprologia Applicata di Dakar (ILAD): assistenza ambulatoriale ed ospedaliera di pazienti senegalesi e dei paesi vicini; chirurgia ed ortopedia; missioni d’individuazione della malattia, prevenzione e monitoraggio. Il personale permanente, interamente senegalese, consta di 45 persone; in Camerun il Centro Ospedaliero Rohan Chabot, gestito dall’Associazione delle Opere Ospedaliere Francesi, è l’unica struttura ospedaliera della provincia dell’Extrême Nord: aperto a tutti, lebbrosi e non, dispone di un servizio sanitario, protesico e riabilitativo; in Guinea Equatoriale l’Ospedale e villaggio per i lebbrosi a Micomeseng: riabilitazione (consente ai malati di vivere con la famiglia, ricevendo assistenza diurna dal vicino ospedale specializzato) e ampliamento delle strutture finanziati dall’Associazione Spagnola; in Argentina il programma Ayuda Maltesa Para Eliminar la Lepra (AMAPEL) sostenuto dall’Associazione argentina, dal CIOMAL e da due fondazioni private; controllo posttrattamento dei pazienti nelle 16 province del paese; 700 nuovi casi all’anno, 10.000 malati permanenti e 3.500 guarigioni in 5 anni; dal 2001 con il contribuito al programma AMAPES (Assistenza dell’Ordine per la lotta all’AIDS) gestito dall’Associazione Argentina a Buenos Aires: l’obiettivo è la riduzione del rischio di trasmissione del virus dalla madre al neonato; il contributo al programma di lotta alla lebbra a Picos nello Stato di Piauì: diagnosi dei malati, somministrazione della terapia multifarmacologica (MDT); sensibilizzazione della popolazione. Nel 2000, sono state effettuate 5.000 visite, 112 nuovi casi sono stati diagnosticati e 112 pazienti hanno completato la terapia; sul Rio delle Amazzoni, poi, è attivo un battello laboratorio dell’Ordine di Malta attrezzato per analisi cliniche e per l’assistenza ai lebbrosi lungo le rive del fiume; 288
  • 27. a Cuba la missione di valutazione su invito del Governo: programmi di diagnosi precoce, di sensibilizzazione della popolazione e di assistenza completa per 150 pazienti anziani, non infettivi, in situazione di precarietà socioeconomica; in Uruguay il Centro Cottolengo, sostenuto dall’Associazione uruguayana, fornisce assistenza ad un numero limitato di lebbrosi riconosciuti dalla Pubblica Autorità; in Francia, l’Ospedale Saint-Louis a Parigi gestisce programmi specializzati di ricerca e formazione; in Spagna l’Associazione dell’Ordine sostiene programmi internazionali di formazione alla cura dei lebbrosi, destinati ai missionari, al personale medico ed agli operatori sociali; in Egitto l’Associazione italiana dell’Ordine ACISMOM è impegnata in un’azione di prevenzione e cura della lebbra in accordo con il Governatore del Cairo: gestisce un lebbrosario con 860 pazienti ad AbouZaabal, nei pressi della capitale egiziana in forza di un progetto di lungo periodo che, oltre a contribuire alla prevenzione e alla lotta contro questa terribile malattia, favorisce il reinserimento sociale degli individui che sono guariti; in Messico con programmi pilota. Nel 2000 la mappatura del genoma del bacillo M. Leprae ha consentito un significativo passo avanti nella ricerca. Questo progetto scientifico, condotto congiuntamente dall’Unità del Prof. Stewart Cole all’Istituto Pasteur e dal Prof. Bart Barell al Sanger Center (RU) con il sostegno, tra l’altro, del CIOMAL, schiudono nuove prospettive nella lotta alla malattia, in particolare nel campo della vaccinazione, dell’assistenza alla diagnosi e della ricerca di una terapia monodose. Il programma punta anche ad incoraggiare il parto cesareo onde evitare la contaminazione del neonato dalla madre. Tutte le donne seguite nel quadro del programma danno alla luce bambini sani. Anche l’Associazione Argentina gestisce un simile programma, AMAPES (Ayuda Maltesa Argentina para la Prevención del SIDA) per la prevenzione della trasmissione verticale del virus dalla madre al nascituro. Inoltre, diverse organizzazioni nazionali dell’Ordine affiancano i programmi del CIOMAL con molteplici iniziative volte all’assistenza alle persone affette da aids: dal sostegno a programmi di cura e degenza ospedaliera all’assistenza individuale ai malati. Tra i paesi in cui l’Ordine è più attivo in tale campo, mediante le sue associazioni e organizzazioni, vi sono l’Austria, Cuba, Honduras, Filippine, Messico e Sud Africa. In Ciad il programma è curato dall’Ambasciatore. Nella Repubblica Democratica del Congo, dove oltre 10.000 donne sono vittime di aggressioni sessuali, l’Ordine di Malta attua il Programma Sanitario, il Programma per la Sicurezza alimentare ed il Programma l’Assistenza medica e psicosociale alle vittime di aggressioni sessuali. È dal 1996 che, nelle tormentate regioni di Ituri e Sud-Kivu, il Malteser International presta assistenza a circa 300 centri sanitari. Collaborando con le autorità locali, fornisce cure mediche a più di 2 milioni di persone, svolge campagne di vaccinazione e si prende cura di uomini e donne che hanno contratto il virus dell’HIV/AIDS. In Argentina, per prevenire il contagio dei nascituri, il Malteser International sviluppa programmi per le madri che infette dal virus dell’HIV: in tre centri ospedalieri, Hospitales Argerich y Quilmes, la Maternidad Sardá e las Maternidades Pontevedra y Churtro, nel 2005 sono state curate più di 9.000 donne incinte. Dal 2001 sono oltre 58.000 i casi esaminati. Inoltre, attraverso Ayuda Maltesa para la Prevencion del SIDA (AMAPES) l’Ordine aiuta sia le madri positive all’HIV che i loro bambini. 289
  • 28. In Sudan dove l’Ordine dal 1997 assiste 300.000 abitanti, il progetto melitense per la cura dei pazienti affetti dalla malattia del sonno(12) (Tripanosiomiosis)(13) nella provincia di Yei ha ottenuto risultati di grande rilievo(14). Il Corpo di Soccorso Tedesco dell’Ordine di Malta (Malteser) ha iniziato a trattare la malattia del sonno a Yei nel 2002 con un centro per la lotta a questa patologia altamente endemica nel Paese. Il rapporto dell'OMS dichiara che il Malteser ha sviluppato un valido sistema sanitario che offre un centro per la diagnosi e la cura dei pazienti affetti. In passato, la popolazione della contea di Yei doveva percorrere lunghe distanze per curarsi. Il progetto fornisce un efficace screening della popolazione attraverso diverse modalità, tra cui l’addestramento degli assistenti e degli operatori sanitari della comunità. Viene, inoltre, svolto un programma di educazione sanitaria per i capi della comunità, per i responsabili dei servizi sanitari, delle chiese, e pere le locali autorità e ONG. Il risultato più significativo del progetto per la cura della malattia del sonno a Yei consiste nel tasso di mortalità pari a zero dei pazienti trattati: il rapporto dell'OMS afferma che è la prima volta che viene raggiunto un tale risultato. Altri settori specifici d’intervento sono andati acquistando particolare rilevanza nelle attività nazionali dell’Ordine; tra le patologie più ricorrenti nei programmi di molte Associazioni nazionali e nelle varie regioni del pianeta spiccano, in particolare: le malattie dell’occhio: in Brasile, Spagna, Marocco, Guatemala, Guinea Equatoriale; Il diabete: più di 200 mila assistiti in Italia (12 i centri dove si curano circa 45.000 persone l’anno), Spagna, Bolivia, Guatemala, Marocco, Paraguay e Repubblica Ceca (a Praga vi è un centro specializzato nella cura del diabete infantile); la cura della malattia del sonno: l’Associazione tedesca nel 2003 ha aperto nel Sudan meridionale, dove l’Ordine dal 1997 assiste 300.000 abitanti, un centro per la lotta a questa patologia altamente endemica nel Paese; infermità di mente: in Guinea Equatoriale l’Associazione Spagnola gestisce un centro di ricovero diurno per tali malati recentemente inaugurato. Nell’ambito del Programma di lotta all’aids (sindrome che ha mietuto ormai già 20 milioni circa di vittime), il CIOMAL è stato incaricato di recente di un programma di assistenza sanitaria per le donne in gravidanza affette da tale patologia destinato a prevenire la trasmissione del virus dalle madri ai nascituri. _______________ (12) La malattia del sonno costituisce una minaccia quotidiana per più di 60 milioni di uomini, donne e bambini in 36 paesi dell’Africa sub sahariana, 22 dei quali sono tra i paesi più sottosviluppati del mondo. Il numero stimato di persone che si ritiene abbiano la malattia è tra le 300.000 e le 500.000. Il ricovero delle persone infette dalla malattia del sonno, e le conseguenti cure, richiedono personale ben addestrato, risorse, medicine e centri sanitari ben equipaggiati. Senza un rilevamento sistematico della popolazione esposta e senza trattamento, la maggior parte delle persone infette morirà senza che la malattia sia mai stata diagnosticata. La malattia del sonno ha una forte influenza sullo sviluppo delle aree rurali, in quanto diminuisce la forza lavoro e ostacola la capacità di produrre. Questa malattia rimane uno dei maggiori ostacoli allo sviluppo di intere regioni. In paesi come l’Angola, la Repubblica Democratica del Congo e il Sudan non esistono le capacità operative per fronteggiare una situazione epidemica. La presenza di questa malattia è in alcune aree estremamente diffusa. In numerose province di questi paesi si attesta una presenza di più del 20%. (13) Conclusioni del rapporto presentato dal gruppo di controllo dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), a seguito di una recente visita (Colonia, 16 marzo 2004). (14) La malattia del sonno africana è causata da tripanosomi, parassiti protozoici trasmessi all’uomo attraverso il morso della mosca tsetse. Due sono le forme, ognuna provocata da parassiti diversi: il Tripanosoma brucei gambiense che causa un’infezione cronica che dura anni ed è prevalente nei paesi dell’Africa occidentale e centrale; il Tripanosoma brucei rodhesiense che causa una malattia acuta che dura varie settimane ed è diffusa nei paesi dell’Africa orientale e meridionale. Quando un paziente è colpito il Tripanosoma si moltiplica nel sangue e nelle ghiandole linfatiche superando le barriere del sangue cerebrale per invadere il sistema nervoso centrale dove provoca disordini neurologici. Ritardi neurologici e psicomotori sono frequenti anche tra i bambini già curati. In assenza di trattamento la malattia è invariabilmente fatale. 290
  • 29. Le linee di forza del programma vertono sui seguenti aspetti: diagnosi precoce; accesso gratuito alle terapie disponibili per la madre prima del parto e per il bambino dopo la nascita; cure antinfettive per la madre e per il bambino qualora nasca infetto; assistenza socio-economica per il bambino in caso di morte della madre (aiuto alla famiglia d’accoglienza). L’attuazione di questo programma è stata avviata in Senegal e in Messico: In Senegal, a Dakar, il CIOMAL ha elaborato una strategia di cura alternativa volta a proteggere il nascituro e destinata alle donne che non sono in grado di accedere alla terapia preventiva dell’infezione verticale da HIV. Il laboratorio dell’ILAD ha effettuato gli esami sierologici per la diagnosi dell’AIDS. Le donne assistite, benché infette dal virus hanno partorito bambini sani; in Messico l’Associazione messicana e il CIOMAL gestiscono, in coordinamento con l’Istituto Nazionale di Perinatologia e l’organizzazione AmeriCares, un programma di lotta contro l’infezione verticale dell’ HIV. Oltre alla fornitura di farmaci antiretrovirali, il programma comprende anche servizi di consulenza e di diagnosi nonché un sostegno alle madri, in particolare, in relazione all’alimentazione del neonato. Vi è, poi, il primo progetto di prevenzione dell’hiv/aids in India, avviato dal Malteser International nel primo trimestre 2007 in 33 villaggi colpiti dallo tsunami nel distretto del Kanyakumari, Tamil Nadu (la seconda zona in India per diffusione della malattia), con lo scopo di sensibilizzare la comunità sull’importanza della prevenzione, di curare e portare aiuto alle sue vittime. Il progetto, in particolare, intende migliorare la qualità della vita di chi deve convivere con l’hiv/aids, delle loro famiglie e prevenire e controllare ulteriori contagi: i malati imparano a convivere con la malattia, i familiari sono istruiti su come curare e aiutare al meglio. Il progetto prevede anche l’identificazione dei malati di hiv/aids ed un’assistenza regolare. Il livello di consapevolezza è aumentato con l’utilizzo di diversi strumenti: incontri individuali e di gruppo, progetti culturali, informazione estesa, seminari, materiale educativo e di comunicazione. Alle organizzazioni della comunità, ai leader e alle persone più anziane spetta il compito di garantire la sostenibilità del programma. Altro aspetto di rilievo è la creazione di un sistema di collegamento costante tra malati, ospedali e organizzazioni governative e non governative. Altri programmi contro l’aids sono in corso in Africa e in America centrale. Un notevole impegno, inoltre, è profuso dall’Ordine nella lotta alla propagazione della tubercolosi. In particolare, spicca il lavoro nel Centro di Detenzione di Nairobi - la più grande prigione del Kenya, con molti detenuti affetti da tubercolosi e più del 50% sieropositivi - dove è stato creato un Centro di cura gratuito(15) per i carcerati e per gli agenti che “grazie alla cooperazione tra le autorità sanitarie ed il Malteser International fornisce un aiuto essenziale ai nostri detenuti(16)”. Sempre in Kenia, nella città di Kay, il Malteser International opera nell'ambito sia della lotta alla propagazione della tubercolosi che dell’hiv/aids facendo “tutto quello che possono in condizioni veramente difficili (senza elettricità e strutture sanitarie); alcuni di loro lavorano anche come volontari, utilizzando il loro tempo per aiutare gli altri, affrontando situazioni che cambieranno la loro vita(17)”. _______________ (15) Albrecht von Boeselager, Grande Ospedaliere, Colonia, 30 maggio 2007 (fonte: website SMOM, News, 2007). (16) Dichiarazione del Vicepresidente del Kenia Moody Awori che, esprimendo la gratitudine del suo Paese, è stata rilasciata al gruppo di Rappresentanti dell’Ordine (in missione di osservazione dei progetti del Malteser International) ricevuti a Nairobi, (fonte: website SMOM, News, 2007). (17) Geoffrey Gamble, un membro del team dell’Ordine in missione di osservazione dei progetti del Malteser International (fonte: website SMOM, News, 2007). 291
  • 30. Intensa è anche l’azione melitense nella lotta alla malaria. Nella regione più pericolosa del mondo per tale patologia, a Yei, nel Sudan meridionale, ad esempio, il Malteser International ha costruito sui terreni di una chiesa Cattolica degli ambulatori e un ospedale “dove si curano le malattie più spaventose: hiv/aids, lebbra, malaria, malattia del sonno, tubercolosi e colera. Questa è la regione più pericolosa del mondo per la malaria. Un bambino su cinque muore di questa malattia. L’agricoltura è quasi inesistente a causa delle mine lasciate nei campi durante la guerra. Quello che rimane a questa gente è la grande dignità ed una profonda fede in Dio(18)”. Altre attività melitensi sono: sull’isola di Idjwi, sul lago Kivu, per soddisfare le esigenze di 180.000 abitanti la finalizzazione dei piani per il potenziamento delle strutture sanitarie; il programma di aiuti all’estero gestito dall’Associazione dell’Ordine in Canada dedicato ad un progetto di promozione della maternità sicura in Nigeria; in Argentina il programma di assistenza nella provincia di Buenos Aires ai bambini che sono nati prematuri e la gestione di un ostello per malati di cancro nella capitale federale, compresa tutta l’area delle periferie; in Brasile il programma dell’Associazione di Brasilia e delle regioni settentrionali di test sanitari e di vaccinazioni della comunità locale e quello dell’Associazione di Sao Paolo e del Brasile meridionale che continua a fornire supporto medico attraverso il Sao Paolo Health Centre Cruz de Malta; The Malta Federation per l’America Latina, costituita dalle tre Associazioni negli Stati Uniti per aiutare le Associazioni nazionali dell’Ordine in Sud America, che ha sostenuto la costruzione ed apertura di un centro di riabilitazione a Santiago del Cile per bambini affetti da problemi respiratori(19); il finanziamento di una clinica mobile per l’Hôpital Sacré Cœur a Milot, Haiti, grazie al quale l’ospedale può portare assistenza medica di base ai villaggi vicini(20); il progetto innovativo, in corso di valutazione da parte delle Associazioni nazionali dell’Ordine in Brasile, Bolivia, Colombia, Paraguay e Venezuela, che prevede la realizzazione e la gestione di due ospedali mobili sui fiumi che forniranno servizi di assistenza medica primaria e soccorso d’urgenza; in Messico, da parte del Malteser International, la gestione di programmi di sostegno per madri e neonati positivi all’HIV in quattro centri: Guardalajara, San Luis Potosi, Quintana Roo e Tijuana; in Uruguay la gestione ad opera della manutenzione di un asilo infantile ed il recente lancio del nuovo programma in collaborazione con il Ministero della Salute Pubblica di un’unità mobile di assistenza dentistica che serve le aree più periferiche attorno alla capitale; nelle Filippine, poi, il proseguimento della distribuzione di medicinali ai poveri; negli Stati Uniti in Michigan l’Angels’ Place che ospita ed assiste adulti affetti da disturbi dello sviluppo; i progetti in Australia riguardanti il Mt. Olivet Hospital, nel Queensland, e l’Adelaide Day Centre for Homeless Men, l’Hutt Street Centre for Homeless People, nel sud del Paese; la riorganizzazione del sistema sociosanitario della Guinea Equatoriale da parte dell’Associazione italiana ACISMOM, grazie ad un accordo a livello governativo e, in particolare, la costituzione di una vera e propria rete ambulatoriale urbana e rurale in grado di prestare servizi sanitari di prevenzione, diagnosi e cura in numerosi ambiti specialistici della medicina; l’attività presso l’Hospital Lainz di Vienna da parte di uno staff di nove operatori più quattro volontari del Gran Priorato per i malati di aids (cui offrono anche la possibilità di partecipare ad un pellegrinaggio annuale a Roma, a piccole escursioni di un giorno ed alla festa di Natale); in Costa Rica nel 2001 l’inaugurazione del reparto prematuri dell’Ospedale pediatrico nazionale; in Colombia ad opera della locale Associazione e di quella _______________ (18) Geoffrey Gamble, un membro del team dell’Ordine in missione di osservazione dei progetti del Malteser International (fonte: website SMOM, News, 2007). (19) The Malta Federation ha contribuito al progetto con 30.000 dollari, i restanti 26.827 sono stati stanziati dall’Associazione Cilena (Fonte: Rapporto attività SMOM 2007). (20) Nel 2005, la clinica mobile ha assistito 3.305 pazienti (Fonte: Rapporto attività SMOM 2007). 292
  • 31. spagnola la creazione nel 2003 di un ostello da 70 posti letto per gli abitanti delle zone rurali che devono recarsi nella capitale per cure sanitarie specialistiche; da parte dell’Associazione francese: l’assunzione di responsabilità nel 2002 dell’ospedale di St. Jean de Nyombe in Camerun, ha acquisito un sito sanitario in Ecuador, il recente ampliamento delle infrastrutture chirurgiche di un ospedale in Togo e la riorganizzazione del reparto ostetrico di un ospedale in Mali; nella Repubblica Dominicana l’apertura a Santo Domingo di una indispensabile clinica per la maternità e l’infanzia; in Polonia dal 2002 l’assistenza ad un istituto di Cracovia per bambini bisognosi di cure particolari e ad un centro diurno per persone affette da ritardo mentale a Puszczykowo mentre nel Centro dell’Ordine a Poznan il proseguimento dell’opera per la diagnosi precoce di tumore al seno (nel solo 2002 sono state esaminate 4890 pazienti ed eseguite oltre 500 biopsie); da parte del Maltos Ordino Pagalbos Tarnyba in Lituania la gestione, tra l’altro, di tre farmacie sociali; in Guinea Equatoriale ad opera dell’Associazione spagnola l’apertura di un centro diurno per malati mentali; negli Stati Uniti, a completamento del programma ospedaliero dell’Associazione federale, l’avvio del programma “A Mission of Mercy” (Missione di Misericordia) che offre servizi medici ai lavoratori indigenti privi di assicurazione nel Maryland occidentale e nella Pennsylvenia meridionale; in Uruguay da parte dell’Associazione il sostegno ai malati dell’Ospedale Saint Bois. Ulteriori attività effettuate dall’Ordine in Africa(21): in Benin 19 ambulatori, forniture di farmaci dall’Ordre de Malte France e gestione dell’Ospedale a Djougou con 6.800 consulti nel 2005; a Burkina Faso la formazione di pronto soccorso per operatori di ambulanze nonché l’attività di 35 operatori di pronto soccorso e 10 ispettori; in Mali operano 15 operatori di pronto soccorso e 5 ispettori; in Camerun si svolgono corsi di formazione sul pronto soccorso, lavoro con comunità religiose e offerta di programmi di formazione in materia di assistenza sanitaria; in Burundi, Rwanda giungono farmaci da Ordre de Malte France, vi è un centro per bambini(22) affetti da AIDS sostenuto sempre da Ordre de Malte France e sono attuati controlli e follow-up da suore su tutte le donne incinte in Ruanda; in Repubblica Centrafricana sono attivi 17 ambulatori e e arrivano farmaci da Ordre de Malte France; in Comores è attiva una partnership con la Caritas i cui ambulatori sono totalmente riforniti di medicinali da Ordre de Malte France; in Repubblica Democratica del Congo è operativo il sostegno all’Hôpital Roi Baudouin a Kinshasa ed a Centri medici gestiti da missionari; in Guinea Equatoriale si attuano forniture di acqua potabile e si provvede alla formazione ospedaliera; in Gabon vi sono centri medici e spedizioni di medicinali sotto la gestione di Ordre de Malte France); in Madagascar l’Ordine opera con 300 ambulatori, l’Ospedale Sainte Fleur per madri e bambini, all’interno di carceri ed è attivo, inoltre, nella lotta alla lebbra, nella fornitura e gestione di risorse idriche, di servizi igienico-sanitari e gestisce un progetto per un centro antidiabetico; in Mauritius si occupa dei servizi di ambulanze, antidiabetico e nutrizionale e sviluppa un progetto di un orfanotrofio; in Niger gestisce 7 centri medici; in Senegal(23) è impegnato nella lotta contro tubercolosi e malaria, oltre che alla lebbra e nella formazione di personale medico mentre dal 2006 si occupa anche di corsi di pronto soccorso, e di assistenza a madri e bambini). Il recupero di medicinali non utilizzati (MNU) e di materiale per i servizi medici e paramedici, completato dall’acquisto di medicinali nuovi, è un’altra delle attività tradizionali dell’Ordine di _______________ (21) Abs dai rapporti degli Ambasciatori dell’Ordine, Conferenza internazionale dell’Ordine sull’Africa, 2006 (Fonte: Rapporto attività SMOM 2007). (22) Nel Burundi uno dei problemi gravi da affrontare è costituito dall’elevato numero di orfani. (23) In cui quasi tutti i pazienti sono musulmani. 293
  • 32. Malta. L’azione congiunta di decine di migliaia di volontari inquadrati dai farmacisti permette ai malati dei Paesi più svantaggiati di ottenere gratuitamente, o a costi bassissimi, i farmaci e le cure che, altrimenti, sarebbero loro negati. In Francia, per esempio, l’Associazione delle Opere Ospedaliere Francesi dell’Ordine di Malta (OHFOM) ha costituito una vera e propria rete distribuita sulla quasi totalità del territorio nazionale per la raccolta, la selezione e la spedizione di “medicinali non utilizzati”, di occhiali, di materiale medico e di prodotti di prima necessità. Una catena permanente di solidarietà forte di 70 centri di raccolta e selezione, 5 centri di spedizione e oltre 2.000 volontari inquadrati da più di 100 farmacisti. Rigorose procedure di selezione e di controllo della distribuzione consentono di garantire a questo servizio sanitario gli adeguati standard di qualità e sicurezza. Onde evitare la distribuzione di medicinali inutili o scaduti, le procedure di selezione rispettano scrupolosamente le richieste dei corrispondenti locali e le regole imposte dai singoli Stati in materia di scadenza dei farmaci. Sul posto, inoltre, vengono effettuate sistematiche visite di controllo. Nel solo anno 2000 ben 88 Paesi hanno usufruito della spedizioni di 243 tonnellate medicinali non utilizzati (38 tonnellate di antibiotici; 35 tonnellate di antinevralgici; 49 tonnellate di ipotensivi; 42 tonnellate di dermatologici e antisettici; apparecchi respiratori, vitamine, vari: 79 tonnellate) e di medicinali acquistati (Antimalarici: 2.000.000 di giorni di prevenzione; Antifilariali: 250.000 giorni di trattamento; Antiamebici: 350.000 giorni di trattamento). In media ogni anno oltre 100 tonnellate di medicinali e prodotti nutrizionali e 130 tonnellate di attrezzature mediche vengono inviate nei soli Paesi africani. Nel solo Guatemala nel 2003 la distribuzione di medicinali da parte dell’Associazione dell’Ordine ha riguardato ben 1.410 istituti medico-sanitari. Nella sola Francia nel 2001 il coordinamento del centro farmaceutico melitense (che ha 119 farmacisti e 2.500 volontari distribuiti in 85 centri di raccolta) con sede a Versailles nel 2001 e 2002 ha inviato complessivamente all’estero 314 tonnellate di medicinali. Non di rado è lo stesso corpo diplomatico melitense a curare l’invio di medicinali e/o materiale sanitario: il nuovo ospedale cattolico “Sv. Vinko Paulski” costruito a cura dell’Arcivescovo di Vrhbosna-Sarajevo Cardinale Pulji, ad esempio, ha ricevuto a maggio del 2001 materiale sanitario per il reparto ortopedico dall’Ambasciatore dell’Ordine in Bosnia Erzegovina S.E. Lorenzo Tacchella. Numerosi organismi dell’Ordine, infine, partecipano all’iniziativa di raccolta e selezione di medicinali, attrezzature e prodotti di prima necessità e formano, così, una vasta rete di solidarietà particolarmente efficace ed apprezzata nel mondo. L’Associazione Tedesca dona e trasporta ogni anno ingenti quantitativi di attrezzature mediche e di beni di prima necessità nei Paesi ex comunisti dell’Europa dell’Est. Altri organismi dell’Ordine specializzati in questo campo sono in Australia, Austria, Belgio, Brasile (Sâo Paulo e regione meridionale), Costa Rica, Portogallo, Spagna e Stati Uniti, mentre quelli di Colombia, Filippine, Salvador e Polonia hanno profuso notevoli energie nella distribuzione di medicinali e di doni raccolti dalle altre Associazioni nazionali dell’Ordine. Nel quadro del progetto St Lukas, gruppi di volontari austriaci del Gran Priorato sono regolarmente impegnati a smistare, confezionare e organizzare la distribuzione di medicinali e apparecchiature mediche a molti Paesi, tra cui Iraq, Iran, India e diversi Stati dell’Europa dell’est (tali spedizioni nel 2005 hanno raggiunto un valore complessivo di 1,5 milioni di euro). I cinque centri di raccolta di Ordre de Malte France (Œuvres Hospitalières Françaises de l’Ordre de Malte, OHFOM) su tutto il territorio francese nel 2005 hanno accumulato medicinali, apparecchiature mediche e prodotti alimentari per oltre 283 le tonnellate che sono stati inviati dai centri principali di Versailles e Arras a più di un milione di poveri e malati di 24 Paesi in Via di Sviluppo. Tra gli altri progetti sostenuti dall’Ordine in tale settore figura in Australia il lavoro dell’Organizzazione OPAL che provvede al confezionamento di medicinali donati ed al loro successivo invio a Timor Est. 294
  • 33. Nella sola epidemia di colera in Madagascar, infine, sono stati trattati 227.000 malati e sono state inviate 450 tonnellate di materiale medico. Il sistema di raccolta, controllo e catalogazione dei medicinali e del loro trasporto in aree depresse organizzato dall'Ordine in Francia, infine, è certificato anche dall'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS). La qualità delle cure e l’affidabilità dei servizi prestati dalle organizzazioni dell’Ordine di Malta dipendono, in grande misura, dalla formazione iniziale e continua impartita non solo ai numerosi volontari ma anche al personale permanente. I corsi di formazione che le Associazioni nazionali dell’Ordine organizzano più di frequente riguardano, in particolare, i soccorritori e gli addetti alle ambulanze nonché le tecniche di primo soccorso. Spesso questi programmi sono a disposizione anche del personale di organizzazioni o istituti esterni con i quali l’Ordine collabora. In molti Paesi tali programmi permettono di conseguire diplomi o certificati ufficiali. Tra i casi concreti relativi al 2000 ricordiamo: in Germania, la partecipazione ad Interschutz 2000, ad Augsburg, il più importante salone al mondo nel settore della protezione antincendio; presentazione di elementi interattivi ed innovativi nel campo della formazione alle tecniche di primo soccorso. Oltre 190.000 persone hanno seguito i corsi di primo soccorso; quasi 10.000 hanno seguito un corso speciale per le emergenze pediatriche; 2.000 istruttori di primo soccorso sono stati formati o hanno seguito corsi di aggiornamento; 56.000 persone hanno seguito il corso di base, obbligatorio per ottenere la patente di guida; 12. aiuto infermieri hanno seguito per la prima volta il corso di formazione o quello di aggiornamento; in Belgio i Cicli di formazione per i volontari, incentrati sulle tecniche di cura e assistenza alle persone malate e portatrici di handicap; in Spagna il Programma di formazione per i volontari che dediti all’assistenza degli anziani; in Francia la Scuola conducenti e infermieri d’ambulanza dell’Associazione delle Opere Ospedaliere Francesi dell’Ordine: formazione dei futuri addetti alle ambulanze, formazione alle tecniche di primo soccorso ad artigiani e altri professionisti, missioni di cooperazione all’estero. Centro di formazione alle cure di pronto soccorso: formazione all’uso del defibrillatore semiautomatico; formazione alle tecniche di primo soccorso ai bambini; in Honduras il Programma di addestramento destinato a volontari, in merito alle tecniche di primo soccorso nelle situazioni di calamità naturale; in Madagascar il Programma di formazione per il personale dei reparti di ostetricia, in collaborazione con l’OHFOM; in Polonia il Programma di formazione alle tecniche di primo soccorso preliminari all’intervento dei medici; l’addestramento dei soccorritori; nella Repubblica Ceca la gestione di una Scuola Superiore Professionale destinata agli infermieri generici e agli infermieri pediatrici; in Irlanda, da anni, la formazione di giovani volontari di primo soccorso in tutto il Paese riscuote un notevole successo; la recente inaugurazione di un istituto per paramedici in Marocco in servizio su ambulanze. Vi è, poi, l’assistenza alle persone portatrici di handicap, prevista nei programmi di azione di tutte le Associazioni dell’Ordine, che si prefigge di migliorare la qualità della vita dei disabili, di garantirne l’autonomia e di agevolarne l’integrazione nella società. Gli interventi possono assumere forme materiali, morali o spirituali e riguardano le cure, i problemi della vita quotidiana, i servizi di trasporto, l’attività professionale e il tempo libero. Le attività di fund-raising, effettuate 295
  • 34. segnatamente in Germania, Francia e Stati Uniti, permettono di distribuire presidi ortopedici e sedie a rotelle nelle regioni più svantaggiate. In tutte le regioni sono organizzati programmi di visite a domicilio e di attività ricreative. La gestione di centri per persone portatrici di handicap fisici, mentali o affette da problemi comportamentali è particolarmente sviluppata in Francia, dove l'Associazione gestisce cinque istituti specializzati nel trattamento dei disabili gravi, nonché nei Paesi in cui l’Associazione francese è presente e apporta il proprio sostegno. Nel 2000 l’Associazione delle Opere Ospedaliere Francesi dell’Ordine di Malta (OHFOM) ha aperto due centri per giovani autistici, a Rochefort-sur-Mer e a Sallanches. Altri Istituti per disabili operano in Ungheria, Ecuador e Libano. In Grecia la collaborazione dell’OHFOM ha portato all’inaugurazione della Casa di Zitsa, centro educativo e di accoglienza per soggetti autistici nell’Epiro. L’OHFOM partecipa altresì alla gestione di centri in Bulgaria, Ecuador, Libano e Siria per bambini portatori di handicap fisici o mentali. A Sydney in Australia l’Associazione aiuta il Norma Parker Respite Centre, centro di supporto per l’assistenza a persone disabili. L’impegno nel settore medico e ospedaliero è il fulcro stesso della vocazione dell’Ordine di Malta. La missione di assistenza non si limita, tuttavia, alle cure prodigate ai malati e ai feriti, ma comprende, altresì, gli aiuti ai più bisognosi. L’Ordine di Malta, ormai, è da lungo tempo attivo nella duplice battaglia per l’assistenza a domicilio e per l’accoglienza in centri specializzati. Un discorso a parte merita, poi, tra le priorità delle Associazioni nazionali melitensi, l’attività di assistenza a domicilio e di cure per i malati terminali. La maggior parte delle persone, avvicinandosi al termine della vita, desidera morire in casa propria, in un ambiente familiare. I volontari dell’Ordine, dopo una speciale formazione, apportano un aiuto prezioso in tali circostanze rispettando la dignità e i desideri di queste persone. E l’assistenza è estesa, inoltre, anche alle famiglie con consigli, opere di conforto ed aiuto nell’espletamento di una parte degli obblighi materiali connessi all’approssimarsi del decesso. In questo tipo di formazione per volontari, l’Associazione tedesca svolge un’attività d’avanguardia. Correlativamente alle problematiche inerenti l’assistenza ai malati terminali, infine, nel 2003 il Grand’Ospedaliere dell’Ordine ha individuato tra le priorità delle Associazioni nazionali lo sviluppo delle cure palliative. L’assistenza ai malati terminali, in istituto specializzato o a domicilio, è diventata una priorità nei programmi d’attività dell’Ordine. Gli ospedali di Belgio e Gran Bretagna, come pure alcuni istituti di cura in Germania, sono dotati di unità specializzate per la cura dei malati terminali e si avvalgono di specialisti in cure di contenimento e controllo di queste malattie. A Melbourne in Australia l’Ordine offre cure palliative sovvenzionate dallo Stato ad un ampio bacino di utenza, in partnership con altri tre gruppi di assistenza. Oltre 40 volontari dell’Associazione dell’Ordine in Belgio offrono assistenza costante a pazienti sottoposti a cure continue o palliative presso Institut Albert Ier et Reine Elisabeth della Clinicha Universitaria Saint-Luc; nel 2005 più di 150 pazienti hanno beneficiato di questo lavoro. In Gran Bretagna il St. John’s Centre for Palliative Care, in fase di ampliamento per offrire una maggiore assistenza ambulatoriale, rimane l’unico centro di degenza indipendente nel centro di Londra. Offre assistenza specialistica a persone affette da HIV/AIDS e cura malati di cancro e di neurosi motoria. Nei Paesi Bassi, l’Ordine sostiene case di riposo a Vleuten e Wilnis. Qui i malati terminali possono trascorrere l’ultima fase della loro vita in ambienti il più possibile simili alla loro casa, disponendo di tutta l’assistenza medica necessaria. Attraverso i suoi 75 servizi di cura ambulatoriale, nonché strutture di degenza per interventi ospedalieri e medicina palliativa, l’Ordine di Malta in Germania offre assistenza ai pazienti in fase 296
  • 35. terminale e alle loro famiglie. Nel 2005 ben 2.000 volontari specializzati hanno offerto sostegno ad ampio raggio a 4.500 pazienti in fin di vita e a 2.000 persone che avevano perduto i loro cari. Altri centri di questo tipo esistono anche in Argentina, Australia, Italia e Sudafrica. In Italia, inoltre, tra le ulteriori più recenti e significative attività sanitarie sono annoverabili: l’accordo internazionale per la Ricerca e la Sanità stipulato il 23 dicembre 2000 tra Il Sovrano Militare Ordine di Malta e l’Italia per la disciplina dei rapporti tra il Servizio Sanitario Italiano e le strutture sanitarie dell’Ordine firmato dal Ministro Umberto Veronesi e il Gran Cancelliere Carlo Marullo di Condojanni con l’ulteriore partecipazione all’incontro per la firma dell’accordo, per l’Italia, del Segretario Generale del Ministero degli Esteri Umberto Vattani, del Direttore Generale per l’Europa Maurizio Moreno e dell’Ambasciatore d’Italia presso l’Ordine Raniero Avogadro mentre per l’Ordine del Gran Commendatore fra’ Ludwig Hoffmann von Rumerstein, dell’Ambasciatore in Italia Giulio Di Lorenzo Badia e del Presidente dell’Associazione Principe Carlo Massimo. L’accordo, in particolare, riconosce all’Ordine la facoltà di stipulare convenzioni con le Università per lo svolgimento di corsi per operatori sanitari e di provvedere all’aggiornamento professionale di personale sanitario infermieristico per progetti nel campo assistenziale e della ricerca sia a livello statale sia regionale. l’inaugurazione alla presenza di Carlo Marullo di Condojanni e del Cardinale Crescenzo Sepe il 22 aprile 2001 del nuovo poliambulatorio convenzionato di Napoli ultra moderno di circa 1.000 metri quadrati, che all’interno sembra un albergo di lusso, trasferito da via Trinità della Cesarea ad una delle aree più degradate della città, i Quartieri spagnoli(24), salita Cariati, guadagnando in spazio e tecnologia. La struttura conta complessivamente circa 50 specialisti e 40 fra paramedici e personale amministrativo e le sue branche mediche spaziano dalla radiologia alla fisioterapia, radioterapia, diabetologia, ginecologia, cardiologia, nefrologia, urologia, cardiologia, oculistica e laser, ortopedia ed ecografia. la realizzazione nel 1993 del poliambulatorio di Genova nel centro storico a Vico S. Pancrazio che, dopo un primo periodo di rodaggio in cui le prestazioni sono limitate soprattutto all’educazione permanente dei diabetici e alla disassuefazione all’alcoolismo, ottiene dalle Usl (oggi Asl) il convenzionamento con la semplice richiesta del medico di base, senza obbligo di preventiva autorizzazione(25), per ottenere in tempi estremamente rapidi le visite specialistiche di ginecologia, ortopedia, otorino, urologia, medicina interna, dermatologia, nefrologia, neurologia, cardiologia, chirurgia generale e vascolare, podologia oltre che per effettuare i prelievi e le analisi di laboratorio (avvalendosi del personale medico dell’Ospedale Evangelico Internazionale). Inoltre, a seguito del conflitto scoppiato in Libano nei mesi di luglio e agosto 2006 che ha generato una drammatica situazione umanitaria, l’Associazione Libanese, sostenuta dalle Associazioni dell’Ordine in tutto il mondo, continua ad offrire assistenza vitale alle vittime della guerra, fedele alla tradizione che prescinde da qualsiasi discriminazione di natura religiosa o politica, in un Paese particolarmente sensibile a tali questioni. I programmi di sostegno prevedono, tra l’altro, la fornitura di assistenza medica e psicologica, aiuti in denaro e in manodopera. Cessate le ostilità, l’Ordine ha iniziato la ricostruzione e il riallestimento dei tre poliambulatori di Yaroun, Siddikine e Marjeyoun, _______________ (24) “Questa vuole essere una testimonianza della volontà che abbiamo di andare incontro alle esigenze specifiche dei cittadini soprattutto verso i meno abbienti dei quali lo spirito cristiano dell’Ordine di Malta si pone a difesa. Quale migliore scelta dei Quartieri spagnoli per esercitare la carità” Dichiarazione attribuita al Cardinale Crescenzo Sepe (abs. da: Marianna Salvatore, “Quartieri spagnoli-Ambulatorio dell’Ordine di Malta” - Il Giornale di Napoli, 23 aprile 2001. (25) Direttore Sanitario, Prof. Maria Luisa Santi. 297
  • 36. tutti pesantemente colpiti dai bombardamenti. Due unità sanitarie mobili, operative sette giorni su sette, percorrono in lungo e in largo la disastrata zona del Libano meridionale, portando aiuto alla popolazione locale. I poliambulatori hanno ormai ripreso la loro attività. Il Paese ha riportato gravissime perdite, anche in termini di vite umane: 1.200 le vittime, più di 4.000 i feriti, 1 milione le persone che hanno dovuto lasciare le proprie case; si contano 15.000 abitazioni gravemente danneggiate, 78 ponti e 630 km di strade distrutti, 900 imprese costrette a chiudere, con un danno stimato di almeno 3,6 miliardi di dollari, e con le infrastrutture e il sistema economico nazionale in grave crisi. Gli altri sette centri medici dell’Ordine operativi nel Paese, continuano a fornire servizi di assistenza sanitaria, facendo fronte al sovraccarico di lavoro(26). In molti Paesi dell’ex Unione Sovietica, poi, il crollo politico ha causato un profondo impatto sull’offerta di servizi sanitari e di assistenza sociale e se la situazione è sensibilmente migliorata nelle Repubbliche indipendenti che continuano a consolidare le proprie infrastrutture politiche ed economiche sussistono, tuttavia, molte aree in cui i servizi di assistenza forniti dallo Stato sono insufficienti, a fronte delle esigenze di una parte degli abitanti più bisognosi e delle comunità più isolate. Attraverso le sue Associazioni nazionali e i suoi programmi di aiuti all’estero, l’Ordine sta contribuendo a colmare queste lacune. In Albania, l’Ordine opera con la sua organizzazione umanitaria non-governativa, Malteser Ndihmon Ne Shqiperi (MNSH), fornendo servizi sanitari e sociali per soggetti vulnerabili, nelle prefetture di Shkoder e Lezher. L’organizzazione offre anche l’assistenza medica primaria (che, attraverso il Progetto Montagne, costituisce l’attività principale di MNSH) è stata avviata dall’Ordine con lo scopo di portare assistenza sanitaria nelle regioni montuose, non essendo disponibile alcun servizio medico statale di base, farmacia, servizio di ambulanza ed economico-finanziario per l’acquisto di medicinali. Nel corso del 2006, il progetto è stato esteso a quattro villaggi, con una popolazione di 5.000 abitanti. In ambito medico sociale MNSH aiuta le popolazioni Rom di Shkodar e Kezhe: il gruppo più povero e meno integrato dell’Albania. Visite mediche, terapie, trasporto in ospedale, formazione in materia di pronto soccorso e nozioni basilari di igiene sono soltanto alcuni dei servizi forniti. In Ungheria l’Ordine porta avanti un articolato programma di assistenza che prevede, tra l’altro ,un’unità mobile per esami radiografici e un ricovero notturno allestito in un treno trasformato in ospedale. In cooperazione con l’Ordine in Austria, Germania, Francia e Benelux, l’Associazione Ungherese periodicamente raccoglie attrezzature mediche e ospedaliere, medicinali, vestiario e articoli per la casa che vengono, poi, distribuiti in tutta l’Ungheria, in Ucraina e in Romania. Parallelamente, l’organizzazione di aiuto dell’Ordine (MMSz), che comprende circa 140 gruppi attivi in sette regioni, con 750 operatori e ben 15.000 volontari, fornisce una vastissima gamma di servizi ai malati e ai bisognosi. Il MMSz possiede e gestisce sei ospedali e case di cura che dispongono, in totale, di oltre 360 posti letto. In Polonia l’Associazione nazionale dell’Ordine a Poznan con il Centro Specialistico Melitense esegue ogni anno migliaia di mammografie, ecografie e densitometrie in 17 ambulatori che funzionano grazie ad un team di 58 volontari, tra cui 32 medici e nove consulenti. Nel corso dell’anno squadre di volontari opportunamente addestrati, suddivisi tra 35 sezioni regionali del Servizio Medico dell’Ordine (SMM), hanno prestato assistenza medica e pronto soccorso, in occasione di grandi manifestazioni pubbliche. Soltanto nel 2005, 1.828 volontari, tra cui medici, infermieri, paramedici e studenti hanno effettuato interventi di prima assistenza sanitaria a favore di 12.301 persone, fornendo _______________ (26) Rapporto di Attività SMOM 2007. 298
  • 37. supporto medico ad altre 392. Questi volontari, complessivamente, hanno dedicato 76.214 ore del loro tempo a questo importantissimo lavoro, riuscendo anche ad insegnare a 2.011 persone le tecniche di base di pronto soccorso. Il servizio ospedaliero dell’Ordine in Polonia, Zwiazek Polskich Kawalerów Maltañskich è in costante crescita con un vasto e articolato programma di assistenza a favore dei bisognosi (si veda anche la Sezione medica e ospedaliera). Nella Repubblica Ceca, poi, il Maltézska Pomoc gestisce anche un proprio posto di pronto soccorso, completamente attrezzato, grazie all’opera di 74 volontari, tra cui dieci medici. Soltanto nel 2005 questo team ha fornito servizi sanitari in occasione di molteplici manifestazioni pubbliche. Tra queste vi è il pellegrinaggio a Velehrad, l’evento più rilevante per i cattolici del Paese nel corso del quale si è svolto il più grande meeting internazionale di invalidi su sedia a rotelle con svariati concerti rock ed eventi sportivi, per non parlare del Festival Internazionale dell’Aria. In Ucraina l’Ordine organizza, inoltre, una serie di corsi di formazione in materia di pronto soccorso, che finora hanno consentito a più di 1.400 persone di specializzarsi in tecniche di salvataggio. Per condividere le stesse esperienze, esaminare i progetti umanitari in corso, valutare i progressi annuali e per definire gli sviluppi futuri, i cinquanta Ospedalieri Europei, Americani e Canadesi dell’Ordine si incontrano annualmente. Nel 2006 le spese per le attività dell’Ordine di Malta nel mondo hanno raggiunto un totale di 900 milioni di dollari. Un aspetto del servizio dei Cavalieri di Malta che non bisogna mai trascurare, infine, è la qualità tecnica della loro assistenza: in effetti, la buona volontà e l’amore cristiano in se stessi non bastano. Le norme vigenti nel primo Ospedale Giovannita già nel secolo XII, del resto, mostrano quanta attenzione era data a questa dimensione: nell’Ordine di Malta per i “Signori Malati” solo il meglio era buono abbastanza(27)! “Tutto posso in Colui che mi dà la forza” Paolo, Lettera ai Filippesi _______________ (27) Abs rimaneggiato da: Albrecht Freiherr von Boeselager, “Le nuove forme di carità”, Qualità del servizio - SMOM Quaderni di Spiritualità “Tuitio Fidei” e “Obsequium Pauperum” oggi, N. 3, Roma 2003, V, pag. 58. 299
  • 38. A ppendice “La parola, certo, è la realtà più fragile e inconsistente, un soffio che si spegne una volta emesso” Gianfranco Ravasi, Breviario laico 357
  • 39. “Qui riposa la Virtù vittoriosa sulla Fortuna” Epitaffio sulla lapide del G. M. de Villiers de l’Isle Adam GRAN MAESTRI DEL SOVRANO MILITARE ORDINE DI MALTA 1 Beato Fra' Gerardo Sasso 3 Settembre 1120 2 Fra' Raymond du Puy 1120 - c. 1158/60 3 Fra' Auger de Balben c. 1158/60 - 1162/3 4 Fra' Arnaud de Comps 1162 - 1163 5 Fra' Gilbert de Aissailly 1163 - c.1169/70 6 Fra' Gastone de Murols c. 1170 - c. 1172 7 Fra' Gilbert c. 1172 - 1177 8 Fra' Roger de Moulins 1177 - c. 1187 9 Fra' Hermangard d'Asp 1188 - c. 1190 10 Fra' Garnier de Naplous 1189/90 - 1192 11 Fra' Geoffroy de Donjon 1193 - 1202 12 Fra' Alfonse of Portugal 1203 - 1206 13 Fra' Geoffrey le Rat 1206 - 1207 14 Fra' Garin de Montaigu 1207 - c. 1227/8 15 Fra' Bertrand de Thessy c. 1228 - 1231 16 Fra' Guerin 17 Fra' Bertrand de Comps 18 Fra' Pierre de Vielle-Bride 1231 - 1236 1236 - c. 1239/40 1239/40 - 1242 19 Fra' Guillaume de Chateauneuf 1242 - 1258 20 Fra' Hugues de Revel 1258 - 1277 21 Fra' Nicolas Lorgne 1277 - 1284 22 Fra' Jean de Villiers 1284/5 - c. 1293/4 23 Fra' Odon de Pins 1294 - 1296 24 Fra' Guillaume de Villaret 1296 - 1305 25 Fra' Foulques de Villaret 1305 - 1319 359
  • 40. 26 Fra' Helion de Villeneuve 27 Fra' Dieudonné de Gozon 1346 - 1353 28 Fra' Pierre de Corneillan 1353 - 1355 29 Fra' Roger de Pins 1355 - 1365 30 Fra' Raymond Berenger 1365 - 1374 31 Fra' Robert de Juliac 1374 - 1376 32 Fra' Jean Fernandez de Heredia 1376 - 1396 33 Fra' Riccardo Caracciolo 1383 - 1395 34 Fra' Philibert de Naillac 1396 - 1421 35 Fra' Antonio Fluvian de Riviere 1421 - 1437 36 Fra' Jean de Lastic 1437 - 1454 37 Fra' Jacques de Milly 1454 - 1461 38 Fra' Piero Raimondo Zacosta 1461 - 1467 39 Fra' Giovanni Battista Orsini 1467 - 1476 40 Fra' Pierre d'Aubusson 1476 - 1503 41 Fra' Emery d'Amboise 1503 - 1512 42 Fra' Guy de Blanchefort 1512 - 1513 43 Fra' Fabrizio del Carretto 1513 - 1521 44 Fra' Philippe de Villiers de l'Isle-Adam 1521 - 1534 45 Fra' Piero de Ponte 1534 - 1535 46 Fra' Didier de Saint-Jaille 1535 - 1536 47 Fra' Jean de Homedes 1536 - 1553 48 Fra' Claude de la Sengle 1553 - 1557 49 Fra' Jean de la Vallette (or Valette) 1557 - 1568 50 Fra' Pierre de Monte 1568 - 1572 51 Fra' Jean de la Cassiere 1572 - 1581 52 Fra' Hugues Loubenx de Verdala 1581 - 1595 53 Fra' Martin Garzez 1595 - 1601 54 Fra' Alof de Wignacourt 1601 - 1622 55 Fra' Luis Mendez de Vasconcellos 1622 - 1623 56 Fra' Antoine de Paule 1623 - 1636 57 Fra' Juan de Lascaris-Castellar 360 1319 - 1346 1636 - 1657
  • 41. 58 Fra' Antoine de Redin 59 Fra' Annet de Clermont-Gessant 1657 - 1660 1660 60 Fra' Raphael Cotoner 1660 - 1663 61 Fra' Nicolas Cotoner 1663 - 1680 62 Fra' Gregorio Carafa 1680 - 1690 63 Fra' Adrienne de Wignacourt 1690 - 1697 64 Fra' Ramon Perellos y Roccaful 1697 - 1720 65 Fra' Marc'Antonio Zondadari 1720 - 1722 66 Fra' Antonio Manoel de Vilhena 1722 - 1736 67 Fra' Raymond Despuig 1736 - 1741 68 Fra' Manuel Pinto de Fonseca 1741 - 1773 69 Fra' Francisco Ximenes de Texada 1773 - 1775 70 Fra' Emmanuel de Rohan-Polduc 1775 - 1797 71 Fra' Ferdinand von Hompesch zu Bolheim 1797 - 1802 72 Paul I Imperatore di Russia (de facto) 1799 - 1801 73 Fra' Giovanni Battista Tommasi 1803 - 1805 74 Fra' Giovanni Battista Ceschi a Santa Croce 1879 - 1905 75 Fra' Galeazzo von Thun und Hohenstein 1905 - 1931 76 Fra' Ludovico Chigi Albani della Rovere 1931 - 1951 77 Fra' Angelo de Mojana di Cologna 1962 - 1988 78 Fra' 1988-2008 361
  • 42. “Se uno mi ama, osserverà la mia parola e il Padre mio lo amerà e noi verremo a Lui e prenderemo dimora presso di lui” Giovanni (14, 23) GRAN PRIORATI E SOTTOPRIORATI CON DATA DI FONDAZIONE Gran Priorato di Roma (1214) Gran Priorato di Lombardia e Venezia (1839) Gran Priorato di Napoli e Sicilia (1839) Gran Priorato di Boemia (1182) Gran Priorato d’Austria (1938) Gran Priorato d'Inghilterra (1993) Sottopriorato di San Michele (1961) Sottopriorato di San Oliver Plunckett (1972) Sottopriorato di San Giorgio e di San Giacomo (1990) 362
  • 43. “Dunque chi vuole comprendere il mondo - e la Chiesa - di oggi, chi vuole contribuire con piena coscienza delle proprie responsabilità alla costruzione del loro futuro, deve conoscere il loro passato, deve porsi di fronte alla loro storia. Nessun albero può crescere in altezza se è privo di radici” Mons.Walter Brandmüller SUCCESSIONE STORICA DEI GRAN PRIORI DI ROMA (*) fra’ Cierventura, Gran Priore di Roma nel 1215 fra’ Giovanni Bono o Giambono Gran Priore di Roma e di Pisa, 1235 - 1236 fra’ Tommaso Gran Priore di Roma nel 1236 fra’ Bucerio Buceri, Gran Priore di Roma nel 1261 fra’ Bonaventura Gran Priore di Roma nel 1282 fra’ Engheramo di Gragnana priore di Roma e di Venezia Gran Priore di Roma dal maggio 1282 al luglio 1285 fra’ Martino di Santo Stefano Gran Priore di Lombardia nel 1283 dal 1285 Gran Priore di Roma Beato fra’ Pietro Pattarini da Imola Gran Priore di Roma 1311 - † 1328 fra’ Filippo di Gragnana 21 luglio 1317 – gennaio 1325 Gran Priore di Roma e di Ungheria fra’ Foulques de Villaret già Gran Maestro Gran Priore di Roma dal gennaio 1325 all’aprile 1326 fra’ Giovanni de Rivara de Rivugliasco Gran Priore di Roma dal 24 ottobre 1330 al 1345 dall’11 marzo 1335 anche priore di Pisa 363
  • 44. fra’ Bartolomeo Benini o del Benino nel 1348 Gran Priore di Messina dal giugno 1351 all’aprile 1365 priore di Roma dal 1363 all’aprile 1365 priore di Venezia cui rinunzia. Dal 12 settembre 1371 priore di Pisa fra’ Gherardo di Ruffino Ruffini il 24 ottobre 1365 è Vice Gran Priore di Roma dal 1374 al novembre 1376 Gran Priore di Roma fra’ Guglielmo Maramauro di Napoli Gran Priore dal febbraio 1379 al novembre 1381 fra’ Piero Pignatelli Gran Priore dal 18 dicembre 1381, destituito il 5 aprile 1384, confermato il 16 dicembre 1385 fra’ Angelo di Cecchino de Beccutis Gran Priore di Roma dal 1389 a prima dell’agosto 1402 fra’ Bartolomeo Carafa della Spina figlio di Andrea, già Luogotenente del Gran Priore di Roma dal 13 aprile 1383, Gran Priore di Roma dal 28 marzo 1384 all’aprile 1405 fra’ Luigi Vagnone Gran Priore dal 1406 al 1409 fra’ Antonio da Aversa Gran Priore di Roma dal 3 aprile 1406 fino a maggio 1431 fra’ Andrea Cini di Montesperello Gran Priore di Roma nel giugno 1417 (?) fra’ Stefano di Goffredo da Ceccano Gran Priore di Roma dal marzo 1417 (?) al 1425 fra’ Lorenzo di Orlando de Orlandi di Genazzano, Gran Priore di Roma dal 1426 fino al maggio 1431 destituito perché ribelle della Santa Sede fra’ Fantino Querini Gran Priore di Roma dal dicembre 1432 al novembre 1433 dal 1434 al 1435 è priore di Venezia fra’ Roberto di Diana, Gran Priore di Roma dal 27 novembre 1433 al 1438 fra’ Battista Orsini, Gran Priore di Roma dal settembre 1442 al 1466 fra’ Troilo di Montemelino 364
  • 45. Gran Priore di Roma nel 1466 (?) - † 27 luglio 1480 all’assedio di Rodi Cardinale Marco Barbo Gran Priore di Roma dal 7 marzo 1466 al 13 novembre 1471 fra’ Cinzio o Cencio Orsini dal dicembre 1471 al 1494 Gran Priore di Capua e di Roma fra’ Carlo Gesualdo Gran Priore di Roma dall’aprile 1495 al gennaio 1506 Cardinale fra’ Sisto Gara della Rovere Gran Priore di Roma dal 1506 al 1513 fra’ Giovanni Antonio della Rovere Gran Priore di Roma già dal 1513 al 1516 fra’ Piero Salviati Gran Priore di Roma dal 1 aprile 1517 al 1522 Cardinale fra’ Bernardo Salviati Gran Priore di Roma dall’aprile 1525 al aprile 1563 Cardinale fra’ Michele Antonio Bonelli Gran Priore di Roma dal maggio 1563 al 1577 Cardinale Pietro Aldobrandini Gran Priore di Roma dal 1578 al 1598 Cardinale Silvestro Aldobrandini Gran Priore di Roma dal 1598 al giugno 1612 fra’ Aldobrandino Aldobrandini Gran Priore di Roma dal 1612 al 1634 Cardinale Antonio Barberini Gran Priore di Roma dal 1635 al 1639 Cardinale Sigismondo Chigi Gran Priore di Roma dal marzo 1658 al 1678 Cardinale Benedetto Pamphili Gran Priore di Roma dall’aprile 1678 al marzo 1730 fra’ Giovanni Battista Santini Gran Priore di Roma dall’aprile 1730 al 1731 Cardinale Camillo Cybo Gran Priore di Roma nel febbraio 1731 Cardinale Bartolomeo Ruspoli 365
  • 46. Gran Priore di Roma dal luglio 1731 al maggio 1741 Cardinale Girolamo Colonna di Sciarra Gran Priore di Roma dal settembre 1743 al 1763 Cardinale Giovanni Battista Rezzonico Gran Priore di Roma dal febbraio 1763 al luglio 1783 Cardinale Romualdo Braschi Onesti Gran Priore di Roma dal 1784 al 1817 Cardinale Fabrizio Ruffo Gran Priore di Roma dal maggio 1817 al dicembre 1827 Cardinale Giorgio Doria Pamphily Gran Priore di Roma dal 1828 al 1837 Cardinale Carlo Odescalchi Gran Priore di Roma dal aprile 1837 – 1838 poi Gesuita Cardinale Luigi Lambruschini Gran Priore di Roma dal giugno 1839 al maggio 1856 Cardinale Adriano Fieschi Gran Priore di Roma dal maggio 1854 al febbraio 1858 Cardinale Gabriele Ferretti Gran Priore di Roma dal febbraio 1858 al settembre 1860 Cardinale Costantino Patrizi Naro Montoro Gran Priore di Roma dall’ottobre 1860 al dicembre 1876 Cardinale Flavio Chigi Gran Priore di Roma dal dicembre 1876 al febbraio 1885 Cardinale Francesco Ricci Paracciani Gran Priore di Roma dal marzo 1885 al marzo 1891 Cardinale Raffaele Monaco La Valletta Gran Priore di Roma dal giugno 1894 al luglio 1896 Cardinale Mariano Rampolla del Tindaro Gran Priore di Roma dal dicembre 1896 al dicembre 1913 Cardinale Gaetano Bisleti Gran Priore di Roma dal dicembre 1914 al settembre 1937 Cardinale Gennaro Granito Pignatelli di Belmonte Gran Priore di Roma dal dicembre 1937 al 1938 366
  • 47. Cardinale Nicola Canali Gran Priore di Roma dall’aprile 1938 all’agosto 1961 fra’ Raimondo del Balzo di Presenzano Gran Priore di Roma dal novembre 1961 al marzo 1968 fra’ Uguccione Scroffa Gran Priore di Roma dal giugno 1968 al giugno 1975 fra’ Angelo Mazzaccara di Celenza Gran Priore di Roma dal gennaio 1976 al maggio 1994 fra’ Franz von Lobstein Gran Priore di Roma dal maggio 1994 al maggio 2006 fra’ Filippo Maria Ferretti di Castelferretto Gran Priore di Roma dal maggio 2006 fra’ Giacomo Dalla Torre del Tempio di Sanguinetto Gran Priore di Roma dal febbraio 2009 (*) Website Gran Priorato di Roma, 2007 (n.d.a.: con integrazioni di aggiornamento). 367
  • 48. “Questa è la prima regola per scrivere storia: non si osi affermare il falso e poi non si osi non dire il vero, non ci sia il sospetto che la penna scriva a favore o a sfavore” Papa Leone XIII Lettera Apostolica “Saepenumero considerantes” SUCCESSIONE STORICA DEI PRIORI DI VENEZIA, DI LOMBARDIA, GRAN PRIORI DI LOMBARDIA E VENEZIA (*) 1260 - fra' Ennerico, Priore di Venezia. 1263 - fra' Erroghesiano, Priore di Venezia. 1263 - fra' Engherano da Gragnana, di Roma, Priore di Lombardia e Venezia. 1296 - fra' Guglielmo Bolgaroni, Priore di Venezia. 1312 - fra' Nicolò da Parma, Priore di Venezia. 1316 - fra' Leonardo Tiberti di Città di Castello, Priore di Venezia. 1322 - fra' Giovanni di Melengrat, Priore di Venezia. 1326 - fra' Napoleone Tiberti, di Città di Castello, Priore di Venezia. 1330 - fra' Fiorino Revezoli, di Asti, Priore di Lombardia. 1344 - fra' Giovanni di Brandra', Priore di Lombardia. 1356 - fra' Federico Piossasco d'Airasca, Priore di Lombardia. 1365 - fra' Giovanni Valperga di Rivara, piemontese, Priore di Venezia. 1370 - fra' Daniele del Carretto, Priore di Lombardia. 1373 - fra' Palamede de Giovanni, di Messina, Priore di Venezia. 1382 - fra' Lodovico Valperga di Rivara, piemontese, Priore di Lombardia. 1389 - fra' Carlo Scrinzari, di Napoli,Priore di Venezia. 1395 - fra' Simone Visdomini, di Montecchio di Parma, Priore di Venezia. 1398 - fra' Giovanni Ripa, di Torino, Priore di Venezia. 1399 - fra' Nicolò Orsini, di Roma, Priore di Venezia. 1409 - fra' Filippo della Lengueglia, di Savona, Priore di Lombardia. 1427 - fra' Antonio Morosini, di Venezia, Priore di Venezia. 1427 - fra' Michele Fernandi, Priore di Lombardia. 1430 - fra' Ranieri Malavolti, di Siena, Priore di Venezia. 1432 - fra' Angelo Marcello, di Venezia, Priore di Venezia. 1434 - fra' Roberto Diana, di Chieri, Priore di Venezia. 1434 - fra' Fantino Querini, di Venezia, Priore di Venezia. 1435 - fra' Giorgio Piossasco, piemontese, Priore di Lombardia. 1446 - fra' Giorgio Valpergha, piemontese, Priore di Lombardia. 1446 - fra' Lorenzo Marcello, di Venezia, Priore di Venezia. 1462 - fra' Giorgio della Volpaja, di Siena, Priore di Lombardia. 1464 - fra' Giovanni Diedo, di Venezia, Priore di Venezia. 1469 - fra' Nicolò Corogna, Priore di Venezia. 1476 - fra' Bertuccio Contarini, di Venezia, Priore di Venezia. 1480 - fra' Merlo Piossasco, piemontese, Priore di Lombardia. 1490 - fra' Sebastiano Michiel, di Venezia, Priore di Venezia. 1498 - fra' Lodovico Piossasco, piemontese, Priore di Lombardia. 1500 - fra' Francesco della Rovere, di Savona, Priore di Lombardia. 1502 - fra' Francesco della Torre, di Lodi, Priore di Lombardia. 368
  • 49. 1502 - fra' Ercole Piossasco di Non, piemontese, Priore di Lombardia. 1504 - fra' Giorgio Aimari, di Villafranca, Priore di Venezia. 1504 - fra' Costanzo Operti, di Fossano, Priore di Lombardia. 1513 - fra' Bernardino Piossasco d'Airasca, piemontese, Priore di Lombardia. 1529 - fra' Muzio Costanzo, di Napoli, Priore di Lombardia e Venezia. 1537 - fra' Alessandro Sforza, Priore di Lombardia. 1537 - fra' Paolo Simeoni, di Chieri, Priore di Lombardia. 1540 - fra' Ranuccio Farnese, di Parma, Priore di Venezia. 1546 - fra' Carlo Sforza, di Roma, Priore di Lombardia. 1565 - fra' Pietro Giustinian, di Venezia, Priore di Venezia. 1565 - fra' Lodovico Broglia, di Chieri, Priore di Venezia. 1570 - fra' Alessandro Farnese, di Parma, Priore di Venezia. 1572 - fra' Uberto Solaro, di Torino, Priore di Lombardia. 1581 - fra' Girolamo Gravina, di Catania, Priore di Lombardia. 1586 - fra' Lodovico Tana, di Chieri, Priore di Lombardia. 1591 - fra' Isnardo Sammartino, piemontese, Priore di Lombardia. 1594 - fra' Ascanio Colonna, di Roma, Priore di Venezia. 1605 - fra' Girolamo Alliata, di Pisa, Priore di Lombardia. 1606 - fra' Giuseppe De Guevara, di Siracusa, Priore di Lombardia. 1610 - fra' Fabrizio Sforza Colonna, di Roma, Priore di Venezia. 1625 - fra' Nicolò Cavaretta, di Trapani, Priore di Venezia. 1626 - fra' Cataliano Casati, di Milano, Priore di Lombardia. 1630 - fra' Antonio Maria della Ciaja, di Siena, Priore di Lombardia. 1634 - fra' Cesare Cotogno, di Napoli, Priore di Lombardia. 1637 - fra' Lodovico Melzi, di Milano, Priore di Lombardia. 1638 - fra' Grillo Accarigi di Siena, Priore di Venezia. 1639 - fra' Adriano Alliata di Pisa, Priore di Venezia. 1640 - fra' Giobatta Croce Lampugnani, di Milano, Priore di Venezia. 1648 - fra' Fiorino Borso, di Treviso, Priore di Venezia. 1654 - fra' Giovanni Diodati, di Lucca, Priore di Venezia. 1660 - fra' Agostino Forzadura, di Padova, Priore di Lombardia. 1662 - fra' Bonifacio Aiazza, di Vercelli, Priore di Lombardia. 1673 - fra' Giovanni Minutillo, di Napoli, Priore di Lombardia. 1676 - fra' Tommaso di Gregorio, di Messina, Priore di Venezia. 1677 - fra' Paolo Raffaele Spinola, di Genova, Priore di Lombardia. 1678 - fra' Guglielmo Balbiano, di Chieri, Priore di Venezia. 1685 - fra' Stefano Lomellini, di Genova, Priore di Venezia. 1692 - fra' Giovanni Caravita, di Napoli, Priore di Lombardia. 1699 - fra' Marcello Sacchetti, di Firenze, Priore di Lombardia. 1699 - fra' Roberto Solaro di Govone, di Torino, Gran Priore di Venezia. 1706 - fra' Alviano Spada di Roma, Gran Priore di Venezia. 1706 - fra' Maurizio Antonio Solaro, di Torino, Gran Priore di Lombardia. 1711 - fra' Cristoforo Balbiano ,di Lucca, Gran Priore di Venezia. 1721 - fra' Roberto Solaro, di Torino, Gran Priore di Lombardia. 1725 - fra' Pietro Platamone, di Siracusa, Gran Priore di Venezia. 1731 - fra' Giobatta Santini ,di Lucca, Gran Priore di Venezia. 1736 - fra' Angelo Felice Cacherano d'Osasco, piemontese, Gran Priore di Lombardia. 1741 - fra' Francesco Marullo, di Napoli, Gran Priore di Venezia. 1748 - fra' Antonio Maurizio Solaro, di Torino, Gran Priore di Lombardia. 1751 - fra' Antonio dal Pezzo, di Napoli, Gran Priore di Venezia. 1759 - fra' Giuseppe Solaro della Chiusa, piemontese, Gran Priore di Venezia. 369
  • 50. 1762 - Marco Antonio Gori Pannilini, di Siena, Gran Priore di Lombardia. 1765 - fra' Gio.Batta d'Afflitto, di Napoli, Gran Priore di Lombardia. 1770 - fra' Francesco Boccadiferro di Bologna, Gran Priore di Venezia. 1778 - fra' Francesco Maria Rosselmini, di Pisa, Gran Priore di Lombardia. 1779 - fra' Antonio de Spruches, di Messina, Gran Priore di Lombardia. 1780 - fra' Francesco Paternò Castello, di Catania, Gran Priore di Lombardia. 1791 - fra' Giobatta Altieri, di Roma, Gran Priore di Venezia. 1793 - fra' Filippo Giulio Pinto, di Napoli, Gran Priore di Lombardia. 1839 - fra' Gio.Antonio Cappellari della Colomba, di Belluno, Gran Priore di Lombardia e Venezia. 1870 - fra' Pietro Alvise Mocenigo, di Venezia, Gran Priore di Lombardia e Venezia. 1876 - fra' Cesare Antonio Altan di Pordenone, Gran Priore di Lombardia e Venezia. 1884 - fra' Guido Sommi Picenardi, di Cremona, Gran Priore di Lombardia e Venezia. 1915 - fra' Antonino Casati, di Piacenza, Gran Priore di Lombardia e Venezia. 1923 - fra' Lorenzo Cusani Visconti Botta Adorno, di Milano, Gran Priore di Lombardia e Venezia. 1925 - fra' Carlo Torrigiani, di Firenze, Gran Priore di Lombardia e Venezia. 1931 - fra' Luigi del Drago, di Roma, Gran Priore di Lombardia e Venezia. 1937 - fra' Alessandro da Porto, di Vicenza, Gran Priore di Lombardia e Venezia. 1958 - fra' Nicola Galleani d'Agliano, di Genova, Gran Priore di Lombardia e Venezia. 1969 - fra' Luigi Rolandi Ricci del Carretto, di Albenga, Gran Priore di Lombardia e Venezia. 1977 - fra' Luigi Boschi, di Bologna, Gran Priore di Lombardia e Venezia. 1980 - fra' Marco Celio Passi, di Venezia, Gran Priore di Lombardia e Venezia. 1984 - fra' Gherardo Hercolani Fava Simonetti, di Bologna, Gran Priore di Lombardia e Venezia. 1994 - fra' Giacomo Dalla Torre Del Tempio di Sanguinetto, di Roma, Gran Priore di Lombardia e Venezia. 1999 - fra' Roggero Caccia Dominioni, di Milano, Gran Priore di Lombardia e Venezia. (*) Website Gran Priorato di Lombardia e Venezia. 370
  • 51. “Fides sine operibus mortua est” San Giacomo SUCCESSIONE STORICA DEI GRAN PRIORI DI NAPOLI E SICILIA Balì Fra’ Francesco Porco (o Porcio) 1840-1841 Fra’ Carlo Marullo 1841-1842 Fra’ Giovan Battista Borgia 1842-1858 Fra’ Luigi Capece Minutolo 1860-1861 Fra’ Luigi Capece Minutolo 1865-1896 Fra’ Michele Gattini 1913-1930 Balì Fra’ Francesco D’Ayala Valva 1930-1932 Balì Fra’ Edoardo Slaazar 1932-1942 Balì Fra’ Carlo Maresca di Camerano 1942-1959 Balì Fra’ Marzio Pignatelli Aragona Cortez 1959-1976 Balì Fra’ Giuseppe Maresca di Camerano 1976-1994 Balì Fra’ Renato Paternò di Montecupo 1994-1998 Balì Fra’ Antonio Nesci 1998Fra’ Luigi Capece Minutolo (Luogotenente) 1858-1860 Fra’ Carlo pacca (Luogotenente) 1861-1862 Cavaliere Alfonso Codignac (Luogotenente) 1862-1865 Balì Fra’ Luigi Patrizi (Luogotenente) 1896-1907 Fra’ Michele Gattini (Reggente) 1907-1913 371
  • 52. “La formazione di una coscienza vera, perché fondata sulla verità, e retta, perché determinata a seguirne i dettami, senza contraddizioni, senza tradimenti e senza compromessi, è oggi un’impresa difficile e delicata, ma imprescindibile” S.S. Benedetto XVI INDIRIZZI NAZIONALI ED INTERNAZIONALI SANTA SEDE Ambasciata dell’Ordine di Malta Cancelleria: Piazza dei Cavalieri di Malta, 4/1-00153 Roma T +39 06 578 07 78 F +39 06 578 36 13 Posto di Primo Soccorso in Vaticano Piazza San Pietro - Città del Vaticano Tel: +39.0669871246 ITALIA Governo dell’Ordine Sovrano - Roma Gran Magistero Via Condotti, 68 00187 Roma Tel. +39.06.675811 Fax +39.06.6797202 E-mail: info@orderofmalta.org Ospedale San Giovanni Battista Tél.:+39 (06) 655961 - Fax 39 (06) 6556683 www.acismom.org; acismom@smominfo.org Corpo Militare Corpo militare dell’Associazione Italiana Casa di Rodi - Piazza del Grillo, 1 - 00184 Roma Tel.: 0039/066789261 -066794218 - Fax: 0039/066783609 corpomilsmom@smominfo.org Corpo Italiano di Soccorso del Sovrano Militare Ordine di Malta - CISOM Corpo di soccorso dell’Associazione Italiana Via Bocca di Leone, 68 - 00187 Roma Tel.: +39 (06) 6780781 - Fax: +39 (06) 6797202 Poste Magistrali del Sovrano Militare Ordine di Malta Via Bocca di Leone, 68 - Casella Postale 738 Telefono 06/67581211 (dalle 9 alle 13 di tutti i giorni feriali) Fax 06/6783934 postemagistrali@orderofmalta.org Zecca del Sovrano Militare Ordine di Malta Via Bocca di Leone, 68 - Casella Postale 738 Telefono 06/67581211 (dalle 9 alle 13 di tutti i giorni feriali) Fax 06/6783934 postemagistrali@orderofmalta.org Biblioteca e Archivi dell’Ordine di Malta Palazzo Malta, Via dei Condotti, 68 00187 Roma – Italia Tel. +39.06.67581268 Fax +39.06.67581.270 Email: libarch@orderofmalta.org 372
  • 53. Aczione International of the Order of Malta - AIOM Organisme de droit public de l'Ordre Souverain Militaire de Malte, regroupant les activités hospitalières internationales. Grand Magistère - Via Condotti, 68 - 00187 Rome (Italie) Tél.: 0039/06675811 - Fax: 0039/066797202 REPRESENTATION DIPLOMATIQUE DE L'ORDRE SOUVERAIN: ITALIE Chancellerie: Piazza dei Cavalieri di Malta, 4 – I 00153 Roma Tél: +39.06.5780779 et +39.06.5754371 - Fax: +39.06.5757947 E-mail: ambasciataitalia@orderofmalta.org ORGANISATION DES NATIONS UNIES POUR L’ALIMENTATION ET L’AGRICULTURE (F.A.O.) – PROGRAMME ALIMENTAIRE MONDIAL (PAM) - Rome Via Ludovico di Savoia, 10/C - I 00185 Roma Tél: et Fax +39.06.70.45.46.12 E-mail: javascript: dilinguaglossa@tin.it OBSERVATEUR AUPRES DE L'INSTITUT INTERNATIONAL POUR L’UNIFICATION DU DROIT PRIVE (UNIDROIT) Largo Teatro Valle, 6 - I 00186 Roma Tél: +39.06.687.17.48 - Fax: +39.06.68.13.41.76 E-mail: javascript: apezzana@yahoo.it Representant aupres de l’Institut International de Droit Humanitaire Via G. Matteotti - I 18038 San Remo Tél: +39.0184.530.342 - Fax: +39.0184.531.933 GRAN PRIORATI, SOTTOPRIORATI, ASSOCIAZIONI NAZIONALI E CORPI DI SOCCORSO ALBANIA MALTESER-NDIHMON ne SHQIPERI (MNSH) Laja Tom Kola. Rruga Gjon Buzuku,53 AL-Skodra / Albania T/F +355 224 2729 mshn@adanet.com.al ARGENTINA ASSOCIAZIONE ARGENTINA Av. de Mayo 633, - 7° Piso 1084 Buenos Aires / Argentina T +54 11 43 42 65 72 - F +54 11 43 42 66 F +54 11 43 74 57 37 ordenamalta@mr.com.ar AUSTRALIA ASSOCIAZIONE AUSTRALIANA 104, Studley Park Road – KEW AU-3101Victoria / Australia F +61 3 9404 4027 james.dominguez@xlon.com AUSTRIA GRAN PRIORATO D’AUSTRIA 2, Johannesgasse A-1010 Wien 1 / Austria T +43 (0) 1 512 72 44 - F +43 (0) 1 513 92 smom@malteser.at BELGIO ASSOCIAZIONE BELGA Av. Louise 85, Bte 1 B-1050 Bruxelles / Belgio T +32 (0) 2 252 30 72 - F +32 (0) 2 252 59 malta.belgium@attglobal.net BOLIVIA ASSOCIAZIONE BOLIVIANA Calle Reyes Ortíz no.73 esq. Federico Zuazo, Edificio Torres Gundlach, Piso 15, Casilla de Correo 5725 La Paz / Bolivia T +591 22 33 0022 - F +591 22 11 2383 malta@ceibo.entelnet.bo 373
  • 54. BRASILE ASSOCIAZIONE BRASILIANA DI RIO DE JANEIRO Mosteiro de São Bento - Rua - Dom Gerardo, 68 R.J-20.090-030 - Rio de Janeiro Brasile F / T +55 21233 33 42 ASSOCIAZIONE DI SAN PAOLO E DEL BRASILE MERIDIONALE Centro Assistential Cruz de Malta - Rua Orlando Murgel, 161 S.P.-04358-090 São Paulo / Brasile T & F +55 11 5581-0944 cruzdemalta@amcham.com.br dsamaja@farmasa.com.br ASSOCIAZIONE DI BRASILIA E DEL BRASILE SETTENTRIONALE Parque de Acao Paroquial, Conjunto Fazendinha, Casa No. 2 - Vila Planalto D.F. 70-800-000 Brasilia / Brasile T +55 61 306-1005 - F +55 61 306-1373 cctm@ufba.br CANADA ASSOCIAZIONE CANADESE 1247, Place Kilborn - Suite 302 ON K1H 6K9-Ottawa / Canada T +1 613 731 88 97 - F +1 613 731 13 wgs@bellnet.ca CILE ASSOCIAZIONE CILENA Ahumada 254, Of. 707 Santiago / Cile T +56 2 671 75 55 - F +56 2 699 33 99 regulovalenzuela@123click.cl COLOMBIA ASSOCIAZIONE COLOMBIANA Bogota / Colombia T +57 1 310 00 88 /+57 1 211 65 48 F +57 1 217 48 48 informacion@smom-colombia.org sotero@wackenhut.com.co COSTA RICA ASSOCIAZIONE del COSTA RICA 150 mts. Norte- Mano Izquierda San José / Costa Rica T + 506 225 26 77 - F + 506 234 71 64 CROAZIA HRVATSKA MALTESKA SLUZBA (HMS) Ulica Kralja Petra Svˇci’ca 12 HR- Velika Gorica / Croazia T +385 (0) 1 6222446 hrvatska-malteska-sluzba@zg.tel.hr CUBA ASSOCIAZIONE CUBANA Suite 200 Gran Bay Plaza, 2665 South Bayshore Drive Fl-33133 Miami / Stati Uniti T +1 305 285 0800 /480449 F +1 305 285 0837 cmchacon@cs.com EL SALVADOR ASSOCIAZIONE SALVADOREGNA Urbanizaciòn Santa Elena, Boulevard Orden de Malta No. 3- Antiguo Cuscatlán El Salvador C.A. T +503 278 0255 - F +503 278 2963 maltaes@sv.ccglobal.net ECUADOR ASSOCIAZIONE ECUADORIANA P.O. Box 17-07-9302 Quito / Ecuador T +593 2 252 32 81 - +593 2 243 17 04 F +593 2 256 71 94 nofre@andinanet.net 374
  • 55. FEDERAZIONE RUSSA CORPO DI SOCCORSO RUSSO DEL SOVRANO ORDINE DI MALTA Putejski Tupik 4-18 103064 Moscow / Federazione Russa T/F+7 095 91 61 368 FILIPPINE ASSOCIAZIONE DELLe FILIPPINE P.O. Box 418 - Manila Central Post Office 1050 Manila / Filippine T +63 2 536 47 95 - F +63 2 525 53 02 smomphil@philonline.com. FRANCIA ASSOCIAZIONE FRANCESE 92, rue du Ranelagh F-75016 Paris / Francia T +33 (0) 1 45 20 80 20 - F +33 (0) 1 45 20 00 13 associationfrosm@libertysurf.fr GERMANIA SOTTOPRIORATO TEDESCO DI S. MICHELE Gut Steinbeck D-32108 Bad Salzuflen / Germania T +49 (0) 5222 13 259 F +49 (0) 5222 95 9849 K.v.Lengerke@t-online.de ASSOCIAZIONE TEDESCA Burgstr. 10 D-53505 Kreuzberg / Germania T +49 (0) 2 643 20 38 - F +49 (0) 2 643 23 93 malteserorden@t-online.de Henckel-donnersmark@t-online.de GRAN BRETAGNA GRAN PRIORATO D’INGHILTERRA Unit 12°, Stocksfield Hall, Stocksfield G.B -NE43 7TN- Northumberland / Gran Bretagna T +44 (0) 1661 84 33 20 - F +44 (0) 1661 84 39 69 gpenglandsmom@aol.com matthew.festing@sothebys.com ASSOCIAZIONE BRITANNICA Brampton House - 60, Grove End Road G.B.- NW8-9NH-London / Gran Bretagna T +44 (0)20 7586 3179 F +44 (0)20 7289 3243 Info@OrderofMalta.org.uk GUATEMALA ASSOCIAZIONE DEL GUATEMALA Finca Labor de Castilla, Km. 19 - Carretera a Antigua - Ap. P. 1312 Ciudad Guatemala / Guatemala T +502 4183349 - F +502 5945053 maltagua@infovia.com.gt HONDURAS ASSOCIAZIONE HONDUREGNA Edificio Midence Soto, 12 piso No. 1202 - Parque Central, Apartado Postal 657 Tegucigalpa M.D.C / Honduras T +504 238 1456 - F +504 237 0822 agarciab@laaseguradora.com.hn abelgarciab@yahoo.com IRLANDA SOTTOPRIORATO IRLANDESE DI S. OLIVER PLUNKETT St. John’s House - 32, Clyde Road Dublin, 4 / Irlanda T +353 (1) 668 57 68 - F +353 (1) 668 smom@orderofmalta.ie 375
  • 56. ASSOCIAZIONE IRLANDESE St. John’s House, 32, Clyde Road Dublin 4 / Irlanda T +353 (0)1 668 48 91 - F +353 (0)1 668 52 smom@orderofmalta.ie ITALIA GRAN PRIORATO DI ROMA Piazza dei Cavalieri di Malta, 4 I-00153 Roma / Italia T +39 06 577 91 93 - F +39 06 575 83 smomgproma@tiscalinet.it GRAN PRIORATO DI LOMBARDIA E VENEZIA Palazzo Malta - Castello 3253 I-30122 Venezia / Italia T +39 041 522 24 52 - F +39 041 520 smomve@smomve.org GRAN PRIORATO DI NAPOLI E DI SICILIA Via del Priorato, 17 I-80135 Napoli / Italia T +39 081 564 08 91 - F +39 081 549 ASSOCIAZIONE DEI CAVALIERI ITALIANI - ACISMOM Casa di Rodi - Piazza del Grillo, 1 I-00184 Roma / Italia T +39 06 678 92 61 +39 06 679 42 18 F +39 06 678 94 70 acismom@orderofmalta.org IUGOSLAVIA MALTE˘SKA DOBROTVORNA ORGANIZACIJA JUGOSLAVIJE (MDOJ) Caradusana, 38° 23001 Zrenjanin / Iugoslavia T & F +381 23 68 910 / +381 23 61 LETTONIA MAIUSCOLO 11. novembra krastmala, 29 LV-1050-Riga / Lettonia T +371 7 22 27 53 - F +371 7 82 10 70 maltalat@parks.lv LIBANO ASSOCIAZIONE LIBANESE Societé Nationale des Tubes - Zone Industrielle / bifurcation Ecole Hôtelière, Rue Al Midane - Dékouaneh Beyrouth / Libano T +961 (0) 1 68 41 04 T & F +961 (0) 1 68 41 03 marwan@sehnaoui.org LITUANIA MALTOS ORDINO PAGALBOS TARNYBA (MOPT) Gedimino pr. 56 b 2600 Vilnius / Lituania T +370 2 62 96 04 - F +370 2 61 74 63 LUSSEMBURGO PREMIER SECOURS de la CROIX de MALTE Institut S. Jean, Av. Gaston Diderich, 110 L-2014 Luxembourg / Lussemburgo T/F +352 444979 malteser@pt.lu MALTA ASSOCIAZIONE MALTESE Casa Lanfreducci - 2, Victory Square VLT 11 Valletta / Malta T +356 22 69 19 - F +356 22 69 18 masmom@maltanet.net MESSICO ASSOCIAZIONE MESSICANA 376
  • 57. Liverpool 25, Esq. con Berlin - Col. Juárez D.F.-06600-Mexico / Messico T +52 5 546 8428 / +52 5 705 0350 / +52 5 705 0380 F +52 5 535 5857 maltarl@hotmail.com PRINCIPATO DI MONACO ASSOCIAZIONE MONEGASCA L’Hermitage - Square Beaumarchais MC-98000 Monte-Carlo / Principato di Monaco T +377 93 50 75 60 F +377 93 25 13 jfissore@gouv.mc NICARAGUA ASSOCIAZIONE NICARAGUENSE Apt.do 3491 - km 4 Carretera Sur Managua / Nicaragua T +505 2 660014 - F +505 2 660015 imcgrigo@ibw.com.ni PANAMA ASSOCIAZIONE PANAMENSE Apartado Postal 5246 Panama 5 / Repubblica di Panama T +507 265 3411 - F +507 264 4569 anc@anorco.com.pa PARAGUAY SERVICIO DE EMERGENCIA MALTA (SEMA) Avenida Mariscal Lopez 2307 Asunción / Paraguay T +595 21 60 21 30 - F +595 21 22 37 PAESI BASSI ASSOCIAZIONE DEI PAESI BASSI Voorst tot Voorst 14 Nieuwe Gracht NL-3512 LR Utrecht / Paesi Passi F +31 70 324 86 96 PERÙ ASSOCIAZIONE PERUVIANA Av. Enrique Canaval y Moreyra 522-Piso 16 San Isidro -Lima / Perù T +511 441 29 24 / +511 4412933 F +511 441 26 26 awiese@wieserep.com.pe POLONIA ASSOCIAZIONE POLACCA Ul. Karmelicka 8/7 P-31-128 Kraków / Polonia T & F +48 (0) 12 422 64 26 PORTOGALLO ASSOCIAZIONE PORTOGHESE Igreja de Santa Luzia e S. Brás, Largo de Santa Luzia P-1100-487 Lisboa / Portogallo T +351 21 888 1303 - F +351 21 888 REPUBBLICA CECA GRAN PRIORATO DI BOEMIA Lázen˘ská 4 CZ-118 00 Praha 1 - Malà Strana / Repubblica Ceca T +42 (0)2 57 53 08 24 – F +42 (0)2 57 53 59 95 smom@mbox.vol.cz REPUBBLICA DOMINICANA ASSOCIAZIONE DOMINICANA Apartado de Correos, N° 92 Santo Domingo / Repubblica Dominicana T +1 809 541 1804 - F +1 809 567 jose.vitienes@codetel.net.do 377
  • 58. ROMANIA ASSOCIAZIONE RUMENA Franz Alfred von Hartig Bd. Dimitrie Pompei 9-Pipera Platform, Rociu Building Ro-Bucarestí / Romania T +40 1 2040300 - F +40 1 2040310 amb.f.a.hartig@utanet.at SCANDINAVIA ASSOCIAZIONE SCANDINAVA Château de Kronovall S-27395 Tomelilla / Svezia T + 46 41723016 F +46 41723086 SENEGAL COMITATO NAZIONALE DEI CAVALIERI DEL SOVRANO ORDINE DI MALTA IN SENEGAL 7, Rue Jean Mermoz Dakar / Senegal T +221 822 30 07 - F +221 822 62 21 SLOVACCHIA MALTÉSKA POMOC Biela 2 SK-81101 Bratislava / Slovacchia T +421 (0) 7 5443399/5 - F +421 (0) 7 54433990 maltez@netax.sk SLOVENIA SLOVENSKA MALTESKA BOLNIKA POMOC (SMBP) Glavareva 110 SL- 61218 Komenda / Slovenia T /F+386 (0) 64 710007 SPAGNA SOTTOPRIORATO DEI S.S. GIORGIO E GIACOMO Calle Villanueva, 27 E-28001 Madrid / Spagna T &F. +34 91 5765834 F +34 91 3461815 brooklyn@wanadoo.es ASSOCIAZIONE SPAGNOLA Calle Flora, 3 E-28013 Madrid / Spagna T +34 91 541 70 65 - F +34 91 541 71 ordenmalta@cece.es STATI UNITI ASSOCIAZIONE AMERICANA 1011 First Avenue - Room 1500 N.Y. 10022 -New York / Stati Uniti T +1 212 371 1522 - F +1 212 486 jreiner@whitecase.com ASSOCIAZIONE OCCIDENTALE DEGLI U.S.A. 465 California Street - Suite 524 CA. 94104- San Francisco / Stati Uniti T +1 415 788 4550 - F +1 415 291 info@smomwest.org rebond@home.com ASSOCIAZIONE FEDERALE DEGLI STATI UNITI D’AMERICA 1730 M Street, N.W. - Suite 403 D.C. 20036- Washington / Stati Uniti T +1 202 331 2494 - F +1 202 331 smomfausa@aol.com SUDAFRICA (REP. SUDAFRICANA) BROTHERHOOD OF BLESSED GERARD Anderson Road, 61-P.O.Box 440 4490 Mandini / Sudafrica (Repubblica Sudafricana) T +27 32 4562743 - F +27 32 4567962 bbg@iafrica.com SVIZZERA ASSOCIAZIONE SVIZZERA 378
  • 59. Technikumstrasse 6 CH-9470 Buschs / Svizzera T +41(0)81756 56 08 - F +41(0)81756 12 09 hannes.toggenburg@bluemail.ch UCRAINA MALTIJSKA SLUSHBA DOPOMOHY (MSD) Wul. Akad. Bogomolza 8/2 UA-79005 Lwiw / Ucraina T+380 (0)322 751200 / 380 (0) 322 978660 F+380 (0)322 978660 malteser@lviv.gu.net UNGHERIA ASSOCIAZIONE UNGHERESE Fortuna Utca 10 H-1014 Budapest / Ungheria T +36 (0) 1 3755174 F +36 (0) 1 3190019 URUGUAY ASSOCIAZIONE URUGUAYANA Sarandi, 123 11000 Montevideo / Uruguay T +598 2 916 26 29 / +598 2 916 26 30 F +598 2 916 22 64 sarandí123@hotmail.com VENEZUELA ASSOCIAZIONE VENEZUELANA Ap. Postal 4668 Caracas / Venezuela T +58 2 571 41 80 / +58 2 571 59 46 F +58 2 782 61 44 379
  • 60. “L’uomo vale più per quel che è che per quello che ha” Paolo VI, Allocuzione al Corpus diplomaticum, 1965 PRESIDENTI DELL’ACISMOM 1877 - 1914 S.E. Chigi della Rovere Albani Principe Don Mario 1915 - 1922 S.E. Colonna Don Prospero, Principe di Sonnino 1922 - 1922 S.E. Thaon di Ravel Gr. Ammiraglio Duca Paolo 1923 - 1937 S.E. Colonna Don Prospero, Principe di Sonnino 1937 - 1942 S.E. Nomis Gen. Mario, Conte di Cossilla 1942 - 1945 S.E. Antici Mattei dei Principi Gen. Marchese Don Francesco 1945 - 1955 S.E. Ruffo Don Ruffo, Principe Della Scaletta 1955 - 1957 S.E. Caffarelli dei Duchi Don Filippo 1979 - 1984 S.E. del Balzo Conte Giulio dei Duchi di Presenzano 1984 - 1986 S.E. Colonna Don Francesco Duca del Garigliano 1987 - 1989 S.E. Colonna Don Francesco Duca del Garigliano 1994 S.E. Caffarelli dei Duchi Don Giovan Pietro 1995 S.E. Fausto Solaro del Borgo Marchese di Borgo S. Dalmazzo 380
  • 61. “Ci sono due modi di diffondere luce: essere la candela oppure essere lo specchio che riflette” Edith Wharton ONORIFICENZE MELITENSI L’Ordine conferisce la prestigiosa onorificenza della croce al merito melitense nelle seguenti classi: Collare al Merito Melitense per Civili e per Militari Croce al Merito Melitense per Laici Civili Gran Croce Al Merito Melitense. Classe Speciale Gran Croce al Merito Melitense Grand'Ufficiale al Merito Melitense Commendatore al Merito Melitense Ufficiale al Merito Melitense Croce al Merito Melitense Per Laici Militari Gran Croce al Merito Melitense con Spade. Classe Speciale Gran Croce al Merito Melitense con Spade Grand'Ufficiale al Merito Melitense con Spade Commendatore al Merito Melitense con Spade Ufficiale al Merito Melitense con Spade Croce al Merito Melitense con Spade Per Signore Gran Croce al Merito Melitense. Classe Speciale Gran Croce al Merito Melitense Croce al Merito Melitense con Placca Croce al Merito Melitense con Corona Croce al Merito Melitense con Stemma Croce al Merito Melitense Per Ecclesiastici “pro piis meritis” Gran Croce al Merito Melitense Croce al Merito Melitense L’Ordine dispone, inoltre, di una particolare decorazione, la Medaglia al Merito Melitense, nel conio in oro, in argento e in bronzo destinata a Civili, Militari e Signore. Le decorazioni del Sovrano Militare Ordine di Malta, infine, non necessitano di autorizzazione per l’uso da parte del Governo italiano; è questo, in effetti, un caso unico, giacché i cittadini italiani insigniti di qualsiasi altro Ordine cavalleresco estero o non nazionale, per l’uso delle Onorificenze devono chiedere l’autorizzazione alla Presidenza del Consiglio dei Ministri che, a sua volta, emettere conseguente decreto. 381
  • 62. “La vita sfugge tra le mani, ma può sfuggire come sabbia oppure come una semente” Thomas Merton GERARCHIA MELITENSE ESSENZIALE Gran Maestro, Balì-Cavaliere di Gran Croce di Giustizia, Cavaliere di Gran Croce di Giustizia, Commendatore di Giustizia; Cavaliere di Giustizia di voti perpetui, Cavaliere di Giustizia di voti temporanei, Novizio Cavaliere di Giustizia, Cappellano Gran Croce Conventuale di voti perpetui, Cappellano Conventuale di voti perpetui, Cappellano Conventuale di voti temporanei, Novizio Cappellano Conventuale; Balì-Cavaliere di Gran Croce di Onore e Devozione in Obbedienza, Cavaliere di Gran Croce di Onore e Devozione in Obbedienza, Cavaliere di Onore e Devozione in Obbedienza, Dama di Gran Croce di Onore e Devozione in Obbedienza, Dama di Onore e Devozione in Obbedienza, Cavaliere di Gran Croce di Grazia e Devozione in Obbedienza con fascia, Cavaliere di Gran Croce di Grazia e Devozione in Obbedienza, Cavaliere di Grazia e Devozione in Obbedienza, Dama di Gran Croce di Grazia e Devozione in Obbedienza, Dama di Grazia e Devozione in Obbedienza, Cavaliere di Gran Croce di Grazia Magistrale in Obbedienza con fascia, Cavaliere di Gran Croce di Grazia Magistrale in Obbedienza, Cavaliere di Grazia Magistrale in Obbedienza, Dama di Gran Croce di Grazia Magistrale in Obbedienza, Dama di Grazia Magistrale in Obbedienza; Balì-Cavaliere di Gran Croce di Onore e devozione con Croce di Professione “ad honorem”, BalìCavaliere di Gran Croce di Onore e Devozione, Cavaliere di Gran Croce di Onore e Devozione, Commendatore di Giuspatronato Familiare, Cavaliere di Onore e Devozione, Dama di Gran Croce di Onore e Devozione, Dama di Onore e Devozione, Cappellano di Gran Croce Conventuale “ad honorem”, Cappellano Conventuale “ad honorem”; Cavaliere di Gran Croce di Grazia e Devozione con fascia, Cavaliere di Gran Croce di Grazia e Devozione, Cavaliere di Grazia e Devozione, Dama di Gran Croce di Grazia e Devozione, Dama di Grazia e Devozione, Cappellano Magistrale; Cavaliere di Gran Croce di Grazia Magistrale con fascia, Cavaliere di Gran Croce di Grazia Magistrale, Cavaliere di Grazia Magistrale, Dama di Gran Croce di Grazia Magistrale, Dama di Grazia Magistrale, Donato di Devozione, Donata di Devozione, Balì-Cavaliere di Gran Croce di Onore e Devozione per Cardinali. 382
  • 63. “L’origine di tutti i mali è l’ignoranza” Socrate LIBRI CONSIGLIATI SULL’ORDINE DI MALTA(1) Sono migliaia i libri sull’Ordine. L’elenco seguente è indicativo dei testi migliori, in varie lingue, su fasi diverse dell’Ordine, reperibili in commercio o in librerie: Delaville Le Roulx, Joseph Marie Antoine Cartulaire général de l'Ordre des Hospitaliers de S. Jean de Jérusalem (1100-1310). Paris: E. Leroux, 1894. Galimard Flavigny Bertrand Histoire de l’Ordre de Malte. Paris: Perrin, 2006. Seward Desmond I monaci guerrieri. Torino: U. Allemandi & C, 2005. Engel, Claire Éliane Les Chevaliers de Malte. [Paris]: Les Presses contemporaines, [1972]. Nicholson, Helen The Knights Hospitaller. London: The Boydell Press, 2001. Sire, H. J. A. The Knights of Malta. New Haven: Yale University Press, c1994. Luttrell Anthony The Hospitallers in Cyprus, Rhodes, Greece, and the West 1291-1440: collected studies. London: Variorum, 2001. Riley-Smith, Jonathan Simon Christopher The Knights of St. John in Jerusalem and Cyprus: c. 1050-1310. London, New York: Macmillan; St. Martin's P., 1967. Brockman Eric The two sieges of Rhodes: the Knights of St. John at War, 1480-1522. Barnes & Noble. New York: Barnes & Noble, 1995. O’Malley, Gregory The Knights Hospitaller of the English Langue: 1460-1565. Oxford; N.Y.: Oxford Univ. Press, 2005. Figueiredo Ribeiro, José Anastasio de Nova historia da Militar Ordem de Malta e dos senhores Grão-Priores della, em Portugal. Lisboa: na officina de Simão Thaddeo Ferreira, 1800. Malta and Russia: journey through the centuries: historical discoveries in russo-maltese relations. [Malta] : [Progress Press], [2002]. Michel de Pierredon, Marie Henri Thierry Histoire politique de l'Ordre souverain de Saint-Jean de Jérusalem (Ordre de Malte) de 1789 à 1955. Paris: [s. n.], 1956-2000. Mula Charles The princes of Malta: the Grand Masters of the Order of St. John in Malta, 15301798. San Gwann, Malta: Publishers Enterprises Group, 2000. Scarabelli Giovanni Linee di spiritualità del Sovrano Militare Ospedaliero Ordine di S. Giovanni di Gerusalemme, detto di Rodi, detto di Malta. Milano: [s. n.], 2001. Paciaudi Paolo Maria Memorie de' Gran Maestri del Sacro Militar Ordine gerosolimitano. Parma: dalla stamperia reale, 1780. Restelli Felice The coinage of the Knights in Malta. Malta: E. Said Publishers, c1977. Schembri H. Calleja Coins and medals of the Knights of Malta. Second edition. London: Eyre and Spottiswoode, 1910. Dauber Robert L. Die Marine des Johanniter-Malteser-Ritter-Ordens: 500 Jahre Seekrieg zur Verteidigung Europas. Graz: Weishaupt, 1989. Vatin Nicolas Rhodes et l'Ordre de Saint-Jean-de-Jérusalem. Paris: CNRS éditions, 2000. Aquilina Gorg Le Monache Gerosolimitane: la chiesa e il monastero di S. Orsola alla Valletta. San Gwann, Malta: P.E.G, 2005. Le guide de Malte. Paris: Vilo La Manufacture, 2001. Cassar Paul Medical history of Malta. London: Wellcome Historical Medical Library, 1964. Gauci Charles A. The genealogy and heraldry of the noble families of Malta. San Gwann, Malta: PEG, 2002. Cassani Pironti Fabio Ordini in ordine: manuale d'uso delle decorazioni per il corpo diplomatico accreditato presso la Santa Sede, il Sovrano Militare Ordine di Malta ed i rispettivi dignitari. Roma: Laurus Robuffo, 2004. Carrano Patrizia Le armi e gli amori. Milano: Rizzoli, 2003. Ball David Ironfire: a novel of the Knights of Malta and the last battle of the Crusades. New York: Delacorte Press, 2004. _______________ (1) Abs: website SMOM, 2006. 383