• Share
  • Email
  • Embed
  • Like
  • Save
  • Private Content
  R. Villano - Thesaurus Pharmacologicus: antiche ricette p.te 8
 

R. Villano - Thesaurus Pharmacologicus: antiche ricette p.te 8

on

  • 173 views

Abs. da: 23. R. Villano “Thesaurus Pharmacologicus: medicamenti, rimedi, segreti, strumenti e pratiche speziali” cd rom multimediale a colori dell’omonimo libro (sotto l’Alto Patrocinio di: ...

Abs. da: 23. R. Villano “Thesaurus Pharmacologicus: medicamenti, rimedi, segreti, strumenti e pratiche speziali” cd rom multimediale a colori dell’omonimo libro (sotto l’Alto Patrocinio di: Pontificia Accademia Tiberina; Accademia di Storia dell’Arte Sanitaria; Nobile Collegio Chimico Farmaceutico; Accademia Europea per le Relazioni Economiche e Culturali; con presentazione di: Presidente Federazione Ordini Farmacisti Italiani); (57,8 Mb; 17 files, 1 colonna sonora) Ed. Chiron dpt Ph@rma, Torre Annunziata, dic 2009.

Statistics

Views

Total Views
173
Views on SlideShare
173
Embed Views
0

Actions

Likes
1
Downloads
0
Comments
0

0 Embeds 0

No embeds

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Microsoft PowerPoint

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment
  • Utilizzare questo modello per creare pagine Web Intranet per il proprio gruppo di lavoro o progetto. È possibile modificare il contenuto di esempio aggiungendo informazioni personali oppure modificare la struttura del sito Web aggiungendo o rimuovendo le diapositive desiderate. I controlli per lo spostamento si trovano nello schema diapositive. Per modificarli, scegliere Schema dal menu Visualizza, quindi Diapositiva. Per aggiungere o rimuovere collegamenti ipertestuali da un testo o un oggetto o per modificare un collegamento esistente, selezionare il testo o l&apos;oggetto, quindi scegliere Collegamento ipertestuale dal menu Inserisci. <br /> Una volta terminate le operazioni di personalizzazione, eliminare queste note per ridurre le dimensioni dei file HTML finali. <br /> Per ulteriori informazioni, utilizzare la Ricerca libera per cercare i seguenti argomenti: <br /> Schema diapositive <br /> Collegamenti ipertestuali <br />
  • Utilizzare questo modello per creare pagine Web Intranet per il proprio gruppo di lavoro o progetto. È possibile modificare il contenuto di esempio aggiungendo informazioni personali oppure modificare la struttura del sito Web aggiungendo o rimuovendo le diapositive desiderate. I controlli per lo spostamento si trovano nello schema diapositive. Per modificarli, scegliere Schema dal menu Visualizza, quindi Diapositiva. Per aggiungere o rimuovere collegamenti ipertestuali da un testo o un oggetto o per modificare un collegamento esistente, selezionare il testo o l&apos;oggetto, quindi scegliere Collegamento ipertestuale dal menu Inserisci. <br /> Una volta terminate le operazioni di personalizzazione, eliminare queste note per ridurre le dimensioni dei file HTML finali. <br /> Per ulteriori informazioni, utilizzare la Ricerca libera per cercare i seguenti argomenti: <br /> Schema diapositive <br /> Collegamenti ipertestuali <br />
  • Utilizzare questo modello per creare pagine Web Intranet per il proprio gruppo di lavoro o progetto. È possibile modificare il contenuto di esempio aggiungendo informazioni personali oppure modificare la struttura del sito Web aggiungendo o rimuovendo le diapositive desiderate. I controlli per lo spostamento si trovano nello schema diapositive. Per modificarli, scegliere Schema dal menu Visualizza, quindi Diapositiva. Per aggiungere o rimuovere collegamenti ipertestuali da un testo o un oggetto o per modificare un collegamento esistente, selezionare il testo o l&apos;oggetto, quindi scegliere Collegamento ipertestuale dal menu Inserisci. <br /> Una volta terminate le operazioni di personalizzazione, eliminare queste note per ridurre le dimensioni dei file HTML finali. <br /> Per ulteriori informazioni, utilizzare la Ricerca libera per cercare i seguenti argomenti: <br /> Schema diapositive <br /> Collegamenti ipertestuali <br />
  • Utilizzare questo modello per creare pagine Web Intranet per il proprio gruppo di lavoro o progetto. È possibile modificare il contenuto di esempio aggiungendo informazioni personali oppure modificare la struttura del sito Web aggiungendo o rimuovendo le diapositive desiderate. I controlli per lo spostamento si trovano nello schema diapositive. Per modificarli, scegliere Schema dal menu Visualizza, quindi Diapositiva. Per aggiungere o rimuovere collegamenti ipertestuali da un testo o un oggetto o per modificare un collegamento esistente, selezionare il testo o l&apos;oggetto, quindi scegliere Collegamento ipertestuale dal menu Inserisci. <br /> Una volta terminate le operazioni di personalizzazione, eliminare queste note per ridurre le dimensioni dei file HTML finali. <br /> Per ulteriori informazioni, utilizzare la Ricerca libera per cercare i seguenti argomenti: <br /> Schema diapositive <br /> Collegamenti ipertestuali <br />
  • Utilizzare questo modello per creare pagine Web Intranet per il proprio gruppo di lavoro o progetto. È possibile modificare il contenuto di esempio aggiungendo informazioni personali oppure modificare la struttura del sito Web aggiungendo o rimuovendo le diapositive desiderate. I controlli per lo spostamento si trovano nello schema diapositive. Per modificarli, scegliere Schema dal menu Visualizza, quindi Diapositiva. Per aggiungere o rimuovere collegamenti ipertestuali da un testo o un oggetto o per modificare un collegamento esistente, selezionare il testo o l&apos;oggetto, quindi scegliere Collegamento ipertestuale dal menu Inserisci. <br /> Una volta terminate le operazioni di personalizzazione, eliminare queste note per ridurre le dimensioni dei file HTML finali. <br /> Per ulteriori informazioni, utilizzare la Ricerca libera per cercare i seguenti argomenti: <br /> Schema diapositive <br /> Collegamenti ipertestuali <br />
  • Utilizzare questo modello per creare pagine Web Intranet per il proprio gruppo di lavoro o progetto. È possibile modificare il contenuto di esempio aggiungendo informazioni personali oppure modificare la struttura del sito Web aggiungendo o rimuovendo le diapositive desiderate. I controlli per lo spostamento si trovano nello schema diapositive. Per modificarli, scegliere Schema dal menu Visualizza, quindi Diapositiva. Per aggiungere o rimuovere collegamenti ipertestuali da un testo o un oggetto o per modificare un collegamento esistente, selezionare il testo o l&apos;oggetto, quindi scegliere Collegamento ipertestuale dal menu Inserisci. <br /> Una volta terminate le operazioni di personalizzazione, eliminare queste note per ridurre le dimensioni dei file HTML finali. <br /> Per ulteriori informazioni, utilizzare la Ricerca libera per cercare i seguenti argomenti: <br /> Schema diapositive <br /> Collegamenti ipertestuali <br />
  • Utilizzare questo modello per creare pagine Web Intranet per il proprio gruppo di lavoro o progetto. È possibile modificare il contenuto di esempio aggiungendo informazioni personali oppure modificare la struttura del sito Web aggiungendo o rimuovendo le diapositive desiderate. I controlli per lo spostamento si trovano nello schema diapositive. Per modificarli, scegliere Schema dal menu Visualizza, quindi Diapositiva. Per aggiungere o rimuovere collegamenti ipertestuali da un testo o un oggetto o per modificare un collegamento esistente, selezionare il testo o l&apos;oggetto, quindi scegliere Collegamento ipertestuale dal menu Inserisci. <br /> Una volta terminate le operazioni di personalizzazione, eliminare queste note per ridurre le dimensioni dei file HTML finali. <br /> Per ulteriori informazioni, utilizzare la Ricerca libera per cercare i seguenti argomenti: <br /> Schema diapositive <br /> Collegamenti ipertestuali <br />
  • Utilizzare questo modello per creare pagine Web Intranet per il proprio gruppo di lavoro o progetto. È possibile modificare il contenuto di esempio aggiungendo informazioni personali oppure modificare la struttura del sito Web aggiungendo o rimuovendo le diapositive desiderate. I controlli per lo spostamento si trovano nello schema diapositive. Per modificarli, scegliere Schema dal menu Visualizza, quindi Diapositiva. Per aggiungere o rimuovere collegamenti ipertestuali da un testo o un oggetto o per modificare un collegamento esistente, selezionare il testo o l&apos;oggetto, quindi scegliere Collegamento ipertestuale dal menu Inserisci. <br /> Una volta terminate le operazioni di personalizzazione, eliminare queste note per ridurre le dimensioni dei file HTML finali. <br /> Per ulteriori informazioni, utilizzare la Ricerca libera per cercare i seguenti argomenti: <br /> Schema diapositive <br /> Collegamenti ipertestuali <br />
  • Utilizzare questo modello per creare pagine Web Intranet per il proprio gruppo di lavoro o progetto. È possibile modificare il contenuto di esempio aggiungendo informazioni personali oppure modificare la struttura del sito Web aggiungendo o rimuovendo le diapositive desiderate. I controlli per lo spostamento si trovano nello schema diapositive. Per modificarli, scegliere Schema dal menu Visualizza, quindi Diapositiva. Per aggiungere o rimuovere collegamenti ipertestuali da un testo o un oggetto o per modificare un collegamento esistente, selezionare il testo o l&apos;oggetto, quindi scegliere Collegamento ipertestuale dal menu Inserisci. <br /> Una volta terminate le operazioni di personalizzazione, eliminare queste note per ridurre le dimensioni dei file HTML finali. <br /> Per ulteriori informazioni, utilizzare la Ricerca libera per cercare i seguenti argomenti: <br /> Schema diapositive <br /> Collegamenti ipertestuali <br />
  • <br />
  • <br />
  • <br />

  R. Villano - Thesaurus Pharmacologicus: antiche ricette p.te 8 R. Villano - Thesaurus Pharmacologicus: antiche ricette p.te 8 Presentation Transcript

  • R aimondo V illano T he saur us Phar macologicus medicamenti, rimedi, segreti, strumenti e pratiche speziali
  • Sotto l’Alto Patrocinio di: ACCADEMIA TIBERINA Istituto di Cultura Universitaria e di Studi Superiori Accademia di Storia dell’Arte Sanitaria Ente Morale sotto la Tutela del Ministero Dei Beni Artistici e le Attività Culturali Con la Presentazione di: Andrea Mandelli Presidente Federazione Ordini Farmacisti Italiani
  • Presentazione La storia della cura, della medicina risale altrettanto indietro della storia stessa dell’uomo. Ripercorrere questa catena di eventi, significa senz’altro valutare i progressi che la scienza modernamente intesa ha fatto registrare, ma anche cogliere con sorpresa e commozione quanto di positivo, di efficace, aveva saputo trovare ciò che scienza non era ancora ma sicuramente non era più magia o superstizione. Basti pensare a quante delle erbe officinali largamente impiegate nei secoli scorsi hanno poi trovato la loro sistemazione nel corpo della farmacologia moderna, ma non soltanto di questo si tratta. È facile reperire, anche prima di Galileo, i segni di quell’osservazione attenta del fenomeno che ancora oggi è alla base di tutto l’agire della medicina e con essa della farmacologia. Tutto questo ben descrive il risultato della lettura del Thesaurus Pharmacologicus redatto dal Collega Raimondo Villano con la tenacia del ricercatore, il gusto del bibliofilo e, naturalmente, la mano sicura del farmacista. Molte delle ricette, prescrizioni e spiegazioni riportate dal Thesaurus sarebbero rimaste relegate all’ambito iperspecialistico e nelle pagine di codici difficilmente consultabili dal profano della ricerca storica se non vi fosse stata la dedizione di Raimondo Villano alla divulgazione delle origini della farmacologia. Non è un merito da poco, in un’epoca come la nostra che tende ad appiattire le discipline scientifiche in una sorta di eterno presente, nascondendone il faticoso divenire nell’arco dei secoli. In questo senso, il Thesaurus Pharmacologicus si inscrive nella giovane tradizione della storia del sapere scientifico, uno dei filoni più interessanti e fecondi della ricerca storica contemporanea. Andrea Mandelli Presidente della Federazione degli Ordini dei Farmacisti Italiani
  • “ Noi prepariamo la medicina, ma è Dio che ci dà la salute” Spezieria dei Padri Carmelitani Scalzi di Sant’Anna in Genova (1778)
  • “ Lo storico racconta le cose accadute, il potere quelle che potrebbero accadere, la poesia ha a che fare con le verità generali, la storia con eventi specifici” Aristotele (Poetica) © Copyright 2009 Fondazione Chiron e Raimondo Villano - Tutti i diritti riservati
  • Ricerche, elaborazione, impaginazione, realizzazione ipertestuale e multimediale a cura di Raimondo Villano Ⓒ Edizioni CHIRON - ottobre 2009
  • TERMINI E CONDIZIONI • La Fondazione Chiron raccomanda a tutti gli utenti del presente dvd di accedervi e farne uso nel pieno rispetto delle leggi applicabili in materia, oltre che di tutte le condizioni qui di seguito indicate. • Il contenuto di questo dvd è interamente protetto da copyright, mediante l’utilizzo della seguente formula: “copyright 2008 Fondazione Chiron e Raimondo Villano - Tutti i diritti riservati”. • È consentito agli utenti la stampa di una sola copia del materiale contenuto nel presente dvd. Non è, invece, consentita la copia, la distribuzione, il trasferimento, la modifica e la rivelazione di tutto o di parte del materiale contenuto in questo dvd senza l’espressa autorizzazione della Fondazione Chiron e dell’Autore Raimondo Villano. È vietato, inoltre, riprodurre su un web server tutto o parte del materiale pubblicato dalla Fondazione Chiron - Raimondo Villano su questo dvd. È vietata l’estrapolazione dal presente cd-rom delle immagini e riproduzioni grafiche in esso contenute. • L’Autore Raimondo Villano ha provveduto a controllare l’accuratezza delle informazioni e dei dati contenuti in questo dvd, in parte fornite dallo stesso Prof. Dott. Giulio Tarro che ha curato la supervisione sull’intero lavoro finale testuale e multimediale. L’Autore non si assume, tuttavia, alcuna responsabilità in relazione ad eventuali imprecisioni, incongruenze, incompletezze od errori commessi involontariamente, ivi compresi eventuali danni ad attrezzature informatiche causati da possibili virus non presenti nella versione originale del presente dvd. • L’Autore si riserva il diritto di modificare, in ogni momento ed a propria discrezione dandone comunicazione al Presidente dell’Accademia di Storia dell’Arte Sanitaria, le informazioni e i dati contenuti nel presente dvd. FONDAZIONE CHIRON www.chiron-found.org
  • “ Il passato è indistruttibile, anche perché gli avvenimenti storici sono parte delle trame delle nostre vite” Erich G. Hobsbawm (Il secolo breve) © Copyright 2009 Fondazione Chiron e Raimondo Villano - Tutti i diritti riservati
  • Antiche ricette Antiche pratiche speziali Tecniche di laboratorio Strumenti di laboratorio Bilance, pesi e misure Mortai Aforismi e curiosità Satira Proverbi e aneddoti Dialoghi burleschi Elegia di Andromaco sulla Teriaca
  • Antiche ricette
  •   “Il Signore ha creato medicamenti dalla terra (…) Dio ha dato agli uomini la scienza perché potessero gloriarsi delle sue meraviglie. Con esse il medico cura ed elimina il dolore e il farmacista prepara le miscele. (…) Il medico - il Signore ha creato anche lui non stia lontano da te (…). Ci sono casi in cui il successo è nelle loro mani. Anch’essi pregano il Signore perché li guidi felicemente ad alleviare la malattia e a risanarla, perché il malato ritorni alla vita” Libro del Siracide (38, 4-14), II secolo a. C.
  • Balsamo della Mummia Importato in Europa al tempo delle Crociate, era considerato utile per molti mali. Polvere o liquame di Mummia erano ingredienti presenti in varie preparazioni contro le cadute e in cerotti astringenti. Nel Theatro Farmaceutico del Donzelli è indicato che la Mummia “giovava all'emicrania, alla paralisi, al mal caduco, era utile nelle vertigini, per la rottura di bocca”; Era efficace, inoltre, in moltissime patologie esterne ed interne dell'organismo nonchè per le passioni di cuore. La polvere, inoltre, poteva essere sciolta con acqua di maggiorana e assunta anche con acqua di menta. Bevanda di Ossa umane Le ossa umane, dopo accurata polverizzazione, erano bevute per scopi terapeutici. Nel Theatro Farmaceutico del Donzelli, infatti, è riportato che “ogni osso giova appropriatamente al suo membro,come per esempio quello della testa vale contro il mal caduco e così parimente si fa dell'altre ossa”. Ricette di clisteri curativi - Madame Fouquet, Recueil des remèdes faciles et domestiques   (Digione 1686).  Per bloccare le perdite di sangue delle donne “Somministrare loro due o tre volte al giorno clisteri di Oxierat: cioè sei parti d’acqua e una di aceto”. Per eliminare la malinconia delle donne “Aggiungere all’acqua del clistere (2 lb) radici di polipodio di quercia (1 oz), radici di prezzemolo, di finocchio e d’asparago (6 pizzichi ciascuno), foglie di fumaria, di scolopendra e di melitoto (1/2 oz ciascuno), fiori di camomilla, di borragine e di buglossa (2 pizzichi ciascuno), semi di finocchio e di anice (1 pizzico ciascuno), vino emetico (1 oz e mezza), catholicon fine (1/2 pizzico), preparato d’Hamec (1/2 pizzico). Far bollire l’acqua con tutti i componenti tranne gli ultimi tre che vanno aggiunti a decotto ultimato - fino a che si riduce della metà”. Ricette del Donzelli - G. Donzelli, Teatro Farmaceutico Dogmatico e Spagirico (Venezia 1737) Olio di Cera d’api Si fa liquefare la Cera citrina, con fuoco moderato in un recipiente nuovo di ceramica vetrificata all’interno, lasciandola sul fuoco finché produce vapore d’acqua; a questo punto per ogni libbra di cera, si aggiungono due libbre di sale decrepitato polverizzato; invece del sale si può usare la stessa quantità di ossa calcinate, distillando poi per storta a fuoco moderato; si otterrà un olio dall’odore acre, che potrà essere rettificato mescolando una parte di questo olio con due parti di Cera citrina ancora non trattata; si farà ancora distillare a fuoco molto delicato, su bagno di cenere; si otterrà l’olio rettificato chiaro, con l’odore e il colore della Cera. Occorre avvertire l’operatore che se vuole ottenere un olio liquido con una sola distillazione, è assolutamente necessario mescolare una parte della Cera con due parti di Sale marino decrepitato e applicare un regime di fuoco molto prudente, agire con pazienza, poiché più lenta è la distillazione, più viene perfettamente l’operazione e non è necessario ripeterla per cinque volte, come dicono altri autori. Da una libbra di Cera si ottengono otto once di olio. Proprietà e usi. Lenisce meravigliosamente i dolori articolari e le contratture delle membra. Guarisce le piaghe del palato, delle labbra e le ragadi al seno; applicato non impedisce il sudore delle mani e dei piedi dei bambini; cicatrizza ogni ferita, anche grande, dato che elimina gli ematomi, avendo la proprietà di dissolvere, alleggerire, penetrare, ammorbidire e scuotere i coaguli; per questi motivi agisce sugli ascessi duri e su tutte le tumescenze fredde; giova nelle ustioni da fuoco, mescolato con l’olio di rossi d’uova. Bevuto nella quantità di quattro o cinque gocce con acqua di radici di Ortica maggiore, è energicamente diuretico; nel frattempo si ungerà l’area renale e quella peritoneale con questo olio, mescolato con quello di Scorpioni e quello de lateribus. Massaggiato delicatamente sulla zona d’ombelico, lenisce gli spasmi colici, applicandovi anche un panno caldo. Per i dolori del costato, se ne devono sei gocce con acqua di Cardo Santo. Guarisce le ernie, ungendo il luogo affetto due volte al giorno, applicandovi anche una legatura.
  • Olio di Miele Si prende del Miele crudo e si mescola con la stessa quantità di sabbia ben lavata; si distilla a foco molto moderato, in alambicco di vetro o porcellana smaltata, non molto alto, finché non viene l’acqua chiara, che è poco attiva. Si usa per togliere il Calore degli occhi e la lacrimazione, elimina le cicatrici e rende bianca e splendente la pelle. Dopo che è distillata quest’acqua, ne verrà una colorata di giallo, che giova nella cancrena; dopo di questa viene il vero olio di Miele, di un giallo che tende all’arancio intenso. Si usa per tingere i capelli di biondo; internamente giova in tutte le malattie, essendo un potente protettore della salute e corroborante delle malattie naturali. Olio di Zucchero Si ottiene questo olio con un alambicco di vetro, per mezzo di un energico foco; vien fuori però un prodotto così acre, con un odore empireumatico così forte, che riesce impossibile usarlo per via orale; perciò, Giovanni Pietro Fabbro lo prepara mescolando lo Zucchero con del vetro, ambedue polverizzati; si distilla quindi l’olio e lo si rettifica cinque volte, rimettendoci la metà del residuo calcinato fino a bianchezza. Ogni volta che si compie la distillazione, si perde il caput mortem e si calcina; mescolando questo prodotto a quello da ridistillare, esso perde la parte empireumatica che si forma e quando si è finita la serie delle distillazioni di rettifica, si otterrà un olio puro e chiaro; esso è celebrato come Balsamo potentissimo per cicatrizzare le ulcerazioni maligne, le fistole, i cancri, e simili; è un Anodino molto energico, dato che restaura l’Umidità radicale. Se ne assume per via interna alla quantità di mezza dracma con brodo o acqua di Cannella, e simili, e esternamente si applica con gli empiastri e gli unguenti idonei alle necessità. Girolamo Rubeo descrive un’altra ricetta, chiamandolo Olio di Zucchero Mercuriale; egli sostiene che si prepara mescolando lo Zucchero con la stessa quantità di mercorella, contundeli insieme come per fare una conserva; si lascia macerare perotto giorni in un vaso di vetro, si distilla a bagnomaria e l’olio servirà per gli usi che diremo. Proprietà e usi. Rende bel colorito al viso; giova nell’epilessia somministrandone una dracma al mattino per quattro giorni consecutivi. Assunto con Castoreo, elimina le contratture dei nervi e di altri organi, giova nell’insensibilità della membra e giova nella riduzione della vista.
  • Olio di Cranio umano Farai limare due o tre Crani umani, morti violentemente, e con storta di vetro, caverai oglio e acqua. Facoltà e uso: giova egregiamente contro l’Epilessia, e si piglia nel principio del parossismo nella quantità di uno scrupolo. Zenexton di Paracelso Polvere composta da miscela di arsenico bianco, d’auri pigmentum, di radici di dittamo, di tormentilla, di corallo, di frammenti di hyacintthi orientalium (Zaffiri), di smaragdi (smeraldi) e di sostanze odorose come muschio ed ambra. Per ottenere la massima efficacia, la ricetta deve essere preparata con Sole e Luna in Scorpione; la polvere ottenuta va posta in un gioiello a forma di contenitore (38) nella cui parte superiore è inciso uno scorpione mentre in un quadrato inciso in un cerchio reca il nome di Jehova sotto forma di tetragramma, giudicato dagli Ebrei il più sacro fra i nomi vocativi. Il Divino talismano si porta ad regionem cordis, appeso al collo(39) , per evitare il contagio dalla peste. Ricetta anti calcolosi renale di Antonio Vallisnieri (40) - Considerazioni, ed esperienze intorno alla generazione de’ vermi ordinari del corpo umano, 1710 “Polveri di millepiedi, emulsioni di seme di mellone, di viole rosse, di alchechengi, e, per cibo, brodo di gamberi bolliti e spremuti nel brodo di pollo, una gelatina formata con raspatura di corno di cervo e infuso di vipere”. Ricetta anti asma di Antonio Vallisnieri - Considerazioni, ed esperienze intorno alla generazione de’ vermi ordinari del corpo umano, 1710 “Latte di capra nera o rossa da prendersi subito dopo un bicchiere di acqua stibiata (41) ” purchè intrapresa sotto il segno zodiacale del Leone con il latte “allungato con un terzo di acqua di viole e di bettonica”. Pozione Divina del Palmerio - Gio Battista Cappello, Lessico Farmaceutico-Chimico (1751)  Acqua di pozzo, zucchero, succo di limone. Non se ne trova di più grata né di più opportuna in tutte le età. Conforta stomaco e cuore, e, bevutane una tazza ogni mattina a digiuno, sveglia l’apptito e toglie l’amarezza dalla bocca, calma le coliche biliari e altri dolori intestinali. _______________ (38) Amuleto di Oswald Crollius e Van Helmont - Fumagalli M., Dizionario di Alchimia e Chimica Farmaceutica, Ed. Mediterranee. (39) L’azione si credeva basata sul fatto che le sostanze aromatiche riposte, esaltando le loro virtù, potessero penetrare attraverso i pori della pelle e combattere i veleni. (fonte: Fumagalli M., Op. cit.). (40) Cattedratico a Padova e clinico di fama. (41) Con tartaro di antimonio.
  • Raimondo Villano è nato a Torre Annunziata (Na) il 24 giugno 1960, coniugato con Maria Rosaria Giordano, Biologa, Farmacista, Assistente sociale, docente di ruolo di scuola superiore statale, padre di Francesco di anni 13. Profilo dell’autore Membro della già Pontificia Accademia Tiberina (fondata nel 1813) di cultura universitaria e di studi superiori - Corpo Accademico - Categoria “Accademici Corrispondenti” (Roma, Palazzo Valentini, Piazza Venezia; dal 2008), Membro Titolare della World Academy of Biomedical Tecnology WABT c/o UATI-ICET (UNESCO) (Maison de l’UNESCO Parigi, dal 2008), Membro della Commissione Internazionale Biothecnologie della Virosfera UNESCO (dal 2008) e Segretario dal 2009, Membro dell’Accademia Europea per le Relazioni Economiche e Culturali (Dipartimento E.N.V.A. - Ente Nazionale Valorizzazione Commercio, Industria, Artigianato) (Roma, Camera dei Deputati, dal 2004); Socio Effettivo dell’Accademia di Storia dell’Arte Sanitaria Classe Scienze Storico Biologiche per decreto del Ministro per i Beni Artistici e le Attività Culturali (Roma, dal 2007), Cavaliere di Grazia Magistrale del Sovrano Militare Ordine di Malta presso il Gran Priorato di Napoli e Sicilia (Roma, dal 2007), Membro ad honorem del Nobile Collegio Chimico Farmaceutico “Universitas Aromatariorum Urbis” (Roma, Tempio di Faustina, Fori Imperiali, dal 2006), socio ACISMOM (dal 2003); Membro del Centro Studi Melitensi del Sovrano Militare Ordine di Malta dal 2003 (presieduto dall’Accademico dei Lincei Cosimo Damiano Fonseca), Socio Corrispondente dal 2001 ed Effettivo dal 2005 dell’Accademia Italiana di Storia della Farmacia, membro dell’International Society for the History of Pharmacy dal 2005, Socio effettivo della Società Napoletana di Storia Patria presieduta dall’On. Prof. Giuseppe Galasso (Napoli, Maschio Angioino, dal 2009), Fondatore e Presidente della Fondazione sociosanitaria ed umanitaria Chiron dal 2006, Titolare di Farmacia a Torre Annunziata. 1 È stato: Presidente 1986/90 dell’Associazione Giovani Farmacisti di Napoli, Consigliere provinciale del Sindacato ASiFaNT di Napoli 1986/88; membro delle Commissioni ASiFaNT “U.S.L. e “Cultura”, Rappresentante regionale supplente e Rappresentante nazionale 86/88 nel Patto Federativo Nazionale dei farmacisti; Componente dell’Assemblea Nazionale e del Comitato Nazionale di Coordinamento delle Associazioni Italiane Giovani Farmacisti (1987-89); Socio ordinario dell'Unione Cattolica Farmacisti Italiani U.C.F.I. (1988-91), cofondatore della Federazione Nazionale Giovani Farmacisti FENAGIFAR nel 1989; Donato di Devozione SMOM dal 2002 al 2007; dal 2005 al 2007 membro effettivo delle Società Internazionali di Storia della Farmacia ISHP, BSHP, AIHP, GGGP. Socio Rotary Club dal 1990 al 2007: Presidente del Club Pompei 2000-01, co-autore e Charmain del Corso di aggiornamento per imprenditori e manager su “Sicurezza e Qualità Totale” (ott/nov 2000) con studiosi di rilievo nazionale e sotto l'Alto Patronato del Presidente della Repubblica e del Workers Memorial Years delle Nazioni Unite; autore e primo firmatario della Proposta di Risoluzione Internazionale per il Consiglio di Legislazione (USA) “Istituzione di una Giornata Internazionale di Riflessioni sulla Vita” nel 2001; membro di Commissioni del Distretto 2100-Italia: Etica professionale 2002-03 e 2003-04, Azione Pubblico Interesse Mondiale 2001-2003, Informatizzazione per vari anni e Delegato dei Governatori per l’Archivio Distrettuale dal 1994 al 2003; organizzatore e presidente del Convegno di rilievo distrettuale sulla Famiglia con partecipazione di alte cariche dello Stato, tra cui il Prefetto di Napoli (feb. 2001). Onorificenze: Medaglia del Presidente della Federazione Italiana Ordini dei Farmacisti nel Premio Aesculapius 2^ edizione (sotto l’Alto Patronato della Presidenza del Consiglio dei Ministri e degli Assessorati alla Sanità e alla Cultura del Lazio) “per l'attività svolta a tutela della professione nel 1986” (Roma, 1987); Diploma d'Onore del Presidente Internazionale del Rotary F. Devlyn “per Servizi eccezionali resi a titolo individuale nelle 5 Vie di Azione” (Evanston, 2001); Attestato di Merito della Task Force del Rotary International “Riduzione del Crimine e Prevenzione della Violenza” per l’Italia, Albania, Ex-Jugoslavia e San Marino “per l'intensa e qualificata attività svolta” (Zurigo, 2001); Public Relations Award del Board Rotary International per l’azione a favore dell’accrescimento della visibilità del Rotary e dell'informazione sulle sue attività (Evanston, 2001); Paul Harrys Fellow della Rotary Foundation (2001); LXVIII edizione del Premio nazionale per la ricerca scientifica “Massimo Piccinini” conferito dall’Accademia di Storia dell’Arte Sanitaria per l’opera “Arte e Storia della Farmacia” (Roma, 2006); Premio internazionale “Sapienza ed Etica Professionale” dell’Istituto Universitario Internazionale “Sapientia Mundi” “per aver degnamente rappresentato i valori etico-morali nell’ambito professionale e sociale” (Roma, 2007); LXV edizione del Premio nazionale Fondazione “Elide Stramezzi” per l’opera “Meridiani farmaceutici”, contributo alla “consapevolezza di una elevata cultura di vita per portare avanti con coraggio una professione tesa ai più alti valori umani e cristiani” (Roma, 2007), Laurea Honoris Causa in Scienze Umane e Sociali conferita dall’Università Ruggero II dello Stato della Florida negli USA (2009).
  • Chairman in numerosi Congressi professionali e rotariani. Ha tenuto decine di conferenze in congressi professionali provinciali e nazionali ed oltre 30 conferenze in ambito rotariano distrettuale e locale. Ha pubblicato oltre 15 libri socio-culturali, professionali e storici, tra cui: Abbamonte-Villano “La revisione delle piante organiche delle farmacie nella Regione Campania alla luce dei più recenti orientamenti giurisprudenziali” patrocinato da: FOFI, Federfarma, Regione Campania, Provincia Napoli, Ordine Farmacisti, Federfarma, A.Gi.Far. Napoli, Associazione Giovani Avvocati della Campania, Ed. MicroPrint, pag. 72, 1988; “Elementi di orientamento universitario e nel lavoro”, Ed. A.C.M., pag. 210; 1998; Manuale sanitario per la terza età, patrocinio Rotary, Ed. Eidos, pag. 114, 2000; “Il Rotary per l’uomo”, Ed. Eidos, pag. 280, giu. 2001; 2^ Edizione, pag. 320, ott. 2001; “La gestione della sicurezza in Farmacia” - presentazione del Dr. P. Renzulli, già Consulente per la Sicurezza presso l’O.N.U. (Small Business Edition presentata al Congresso Nazionale dei Farmacisti Italiani Cosmofarma 2004 a Roma, Longobardi Ed., pag. 222, apr. 2004; Standard Edition, Led Web Editore, pag. 264, Torino, lug. 2004); “Cenni di arte e storia della Farmacia” con presentazioni del Prof. Dr. F. Ledermann (Presidente International Society History of Pharmacy) e del Prof. A. Carosella (Critico letterario) - (Longobardi Ed., pag. 266, Napoli, gen. 2005; 2^ Ed., pag. 266, Napoli, mar. 2005); Manuale sanitario, Longobardi Editore, pag. 208, 1^ Ed. giu. 2005, 2^ Ed. lug. 2005; “Arte e storia della Farmacia” - presentazioni del Prof. Dr. F. Ledermann e del Prof. A. Carosella (Selecta Medica, Serie “I libri per il Farmacista” collana “Storia della Medicina e Cultura Medica” pag. 250, Pavia, 2006); “La cruna dell’ago: meridiani farmaceutici tra etica laica e morale cattolica” - presentazione del Prof. Giulio Tarro (Effegibi, 1^ Ed. pag. 365, lug. 2007; 2^ Ed., pag. 393, set. 2008); “Tuitio Fidei et Obsequium Pauperum. Storia, spiritualità e sovranità nelle tradizioni e nella modernità del Sovrano Militare Ordine di Malta” (presentazione di Mons. Prof. RaffaeleFerriero, Penitenziere del Duomo di Napoli; 1^ ed. feb. 2008; 2^ ed. mar. 2008; 3^ ed. dic. 2008 - Ed. Chiron, pag. 360); “Trattato di Storia della Farmacia. Strutturalismo e ontologia - uomini ed opere aspetti tecnici, artistici e culturali - virtù, etica ed estetica” (Ed. Chiron Hystart dpt, 4 volumi, pag. 1635, 2009). Autore di oltre 20 opere multimediali ed e-book tra cui: “Elementi di orientamento universitario e nel lavoro” 2^ Ediz. aggiornata ipertestuale su cd-rom (patrocinato da R.C. Pompei e sua Commissione di Az. Prof., Ed. Eidos, 5 Mb; Pompei, 1999); A. Carosella - R. Villano “L’uomo come fine”, patrocinio Distretto 2100 Rotary, Ed. Eidos, 421 Mb - 554 file; 2000; “Manuale sanitario per la terza età”, Ediz. ipertestuale scaricabile in download dal website della Banca Dati Sanitaria Nazionale Telematica GioFil-Bayer (patrocinio GioFil; 5,5 Mb - 111 file, Roma, 2002); “Il profumo del tempo - Cenni di arte e storia della farmacia” (1^ ed. patrocinio AISF - presentazione del Presidente Dr. Corvi, Ed. Eidos, 585 Mb - 139 file - 62 colonne sonore - 873 diapositive - 1093 pagine, maggio 2002; 2^ Ed.: patrocinio AISF e Distretto Rotary 2100-Italia, Ed. Eidos, 1248 pagine, novembre 2002; 2^ Ed., 1^ Ristampa: dicembre 2002). È autore di oltre 250 pubblicazioni: oltre 25 articoli di educazione e prevenzione sanitaria a firma unica su testate giornalistiche comprensoriali o regionali (1985 - 1986); oltre 40 articoli professionali e scientifici a firma unica su testate giornalistiche nazionali e regionali (1985 - 1986); oltre 10 articoli sociali e culturali su Testate nazionali e locali; oltre 60 articoli rotariani su Testate nazionali, distrettuali e di Club del Rotary International (1990-2001); oltre 100 articoli di storia della farmacia a firma unica su Testate storiche o professionali nazionali; oltre 15 articoli sulla sicurezza in farmacia a firma unica su Testate professionali nazionali. È collaboratore del quindicinale professionale nazionale indipendente Punto Effe dal 2005. Diverse opere sono in molte biblioteche nazionali ed internazionali (tra cui: Quirinale, Accademia Nazionale di Scienze detta dei XL, Centrale Giuridica del Ministero di Giustizia, Archivio di Stato, Istituti Italiani di Cultura), sono di referenza in molte università italiane e straniere e in musei di storia della farmacia e sono citati in tesi di laurea; il libro sulla Sicurezza in Farmacia ed. standard è stato presentato alla Fiera del Libro di Francoforte 2004 ed è anche abbinato dal 2008 alla vendita della Farmacopea Ufficiale della Repubblica Italiana XII ed. dell’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato ed è presente dal 2005 nel catalogo Licosa, tra le maggiori Librerie Commissionarie in Europa. Vari suoi libri hanno ricevuto apprezzamento ufficiale da molte autorità, tra cui il Sommo Pontefice e il Capo dello Stato.