• Like
  • Save
R. Villano - Storia della Botanica farmaceutica
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

R. Villano - Storia della Botanica farmaceutica

  • 102 views
Uploaded on

abs. da R. Villano “Cenni di storia della farmacia” multimedia su internet scaricabile in download PDF/Zip da website Banca Dati Sanitaria Farmaceutica Nazionale Informatica e Telematica GioFil-Bayer …

abs. da R. Villano “Cenni di storia della farmacia” multimedia su internet scaricabile in download PDF/Zip da website Banca Dati Sanitaria Farmaceutica Nazionale Informatica e Telematica GioFil-Bayer (patrocinio GioFil; 6,2 Mb - 5 file, 93 pagine, 7 diapositive - Roma, febbraio 2003).

  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
No Downloads

Views

Total Views
102
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0

Actions

Shares
Downloads
0
Comments
0
Likes
1

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. Botanica “He i , non verbis medicorum, est pellere morbos, Herbis, non verbis, fiunt Medicamina Vitae, Herbis, non verbis, redeunt in corpra vi e ” “C le erbe, non con le parole dei medici, si scacciano le malattie, con le erbe, non con le parole, si fanno i medicamenti della Vita, con le erbe, non con le parole, si riportano le forze nei i”
  • 2. Gli Erbari figurati Negli erbari figurati più antichi sono classificate le piante dividendole in gruppi in base al diverso portamento (alberi, frutici, suffrutici, erbe) e distinguendo quelle spontanee da quelle coltivate. Questa modalità di studiare, descrivere e raffigurare le piante, interpretando e mo- dificando, se non addirittura copiando, le conoscenze degli autori classici si mantenne molto a lungo, fino a buona parte del XVI secolo. L’interesse ed il significato storico di questi erbari manoscritti, spesso su papiro o pergamena, è indiscutibilmente di eccezionale pregio. Occorre, tuttavia, precisare che una descrizione botanica scientificamente corretta richiede l’uso di una terminologia tecnica specialistica che compare solo molto tempo dopo, nel XVIII secolo. Fino a quel momento le descrizioni risultano,
  • 3. quidi, brevi e in gran parte fondate sull’analogia, raramente a carattere naturalistico, ma il più delle volte filosofico, magico e permeate di astrologia e occultismo. È il caso, ad esempio, di molti erbari ispirati alle teorie di Paracelso (1451- 1493) che nella sua Dottrina dei segni sosteneva che tutte le erbe nascondessero un segno occulto della loro utilità per l’uomo; così le foglie a forma di cuore avrebbero curato i disturbi cardiaci, la linfa gialla avrebbe guarito l’itterizia, ecc. In quest’ottica, le diverse parti di una pianta venivano raffigurate con gli organi del corpo che erano in grado di curare. Accanto a queste opere, che rappresentano per lo più un miscuglio di superstizione e pseudomedicina, ne compaiono altre di autori provvisti di una certa preparazione scientifica e di e di una spiccata individualità che basaro
  • 4. no le loro descrizioni botaniche su osservazioni personali dirette e non sui dati tramandati dai testi antichi. Avviata verso la metà del XV secolo l’arte della stampa, compaiono, soprattutto in Germania, i primi erbari stampati (detti erbari incunaboli). Si tratta spesso di copie di manoscritti medioevali a loro volta derivati, attraverso fonti arabe o persiane, da antiche opere greche e ro- mane. Se da un lato le descrizioni delle piante, tranne poche eccezioni, risultano carenti ed impre- cise, dall’altro le illustrazioni vengo- no progressivamen- te migliorate attra- verso riproduzioni xilografiche di pre- gevoli dipinti e di- segni di artisti.
  • 5. Gli Erbari a impressione Tra il XV e il XVI secolo, quando le tecniche di stampa non si erano ancora pienamente affermate, venne avviata una nuova metodologia per la realizzazione di tavole botaniche, quella della stampa con l’ausilio di una matrice naturale, ovvero la pianta stessa. Tale tecnica, dettagliatamente descritta anche da Leonardo nel suo Codice Atlantico (1510-1519), prevedeva di cospargere con nerofumo, prodotto da una candela accesa sotto un coppo, un lato della pianta che veniva, poi, pressata tra due fogli, lasciando la propria impronta. In alternativa, si poteva impregnare il campione con una
  • 6. sostanza colorante per poi pressarlo su fogli di carta. Questo metodo di realizzazione degli erbari non ebbe grande diffusione, sia per l’inaffidabilità dell’impronta lasciata sulla carta, sia per le difficoltà e gli inconvenienti della stessa tecnica al confronto con i tradizionali metodi di stampa nel frattempo ampiamente avviati. L’uso degli erbari ad impressione sarà completamente abbandonato nel XVIII secolo. L’uso di campioni essiccati per lo studio e il riconoscimento delle piante comincia all’inizio XVI secolo.
  • 7. Gli Erbari essiccati Gli erbari essiccati più antichi costituiscono per lo più collezioni a carattere personale, rappresentando per gli stessi studiosi uno strumento necessario all’analisi, al confronto e al riconoscimento delle piante. Si presentano sotto forma di fogli rilegati in volumi, con i campioni direttamente incollati sui fogli. Anche l’etichettatura è inizialmente poco dettagliata, riportando in genere unicamente il nome comune della pianta o, solo nel caso di erbari più dotti, l’insieme dei caratteri botanici descrittivi ritenuti utili all’identificazione (denominazione polinomia). Con il passare del tempo si preferirà realizzare erbari a fogli singoli, separati, in modo da poterli incrementare ed ordinare liberamente. Anche le annotazioni divengono nel tempo più precise e dettagliate. Verso la fine del XVIII secolo le etichette dei campioni di erbario si arricchiscono di
  • 8. informazioni sulle località e le date di raccolta, con notizie anche di carattere ecologico, secondo le modalità utilizzate ancora oggi. Interessanti erbari sono presenti presso: * la Biblioteca Casanatense di Roma, dove è custodito quello di G. B. Triumfetti (1656- 1708) che comprende esclusivamente piante della flora siciliana e sulla base delle quali il Tornabene provvide a pubblicare nel 1887 la Flora Sicula e tra il 1889 e il 1892 i quattro volumi della Flora Aetnea; * il Museo Botanico di Firenze, dove si conserva il Pacco dell’erbario di P. A. Micheli (1679-1737).
  • 9. Una priorità italiana è quella della creazione degli Erbari di piante disseccate a scopo scientifico e che citiamo per la loro importanza, poiché ogni Orto ed Università ebbe la sua raccolta: * Erbario di Gherardo Cibo, conservato nella Biblioteca Angelica di Roma nel 1532; * Erbario di Ulisse Aldrovrandi in Bologna 1551; * Erbario di Andrea Cisalpino in Firenze del 1563; * Erbario di Ferrante Imperato del 1592 in ben 80 volumi di cui uno solo superstite custodito presso la Biblioteca Nazionale di Napoli; * Erbari vari esistenti presso il Museo dell’ Accademia di Storia dell’Arte Sanitaria in Roma. Principali Erbari Italiani
  • 10. Le cere botaniche A partire dalla seconda metà del Settecento, abili artisti realizzavano presso le officine di ceroplastica non solo accuratissime cere anatomiche ma anche splendide cere botaniche di valore prevalentemente didattico riprodotte con assoluta fedeltà rispetto alla realtà. Spesso risultava particolarmente utile soprattutto riprodurre piante esotiche che non era possibile facilmente vedere “dal vero” in quanto specie botaniche non presenti in specifiche aree geografiche come, ad esempio, la Calceolaria crenatiflora in Italia. Le cere botaniche sono corredate di vasi di porcellana che, soprattutto in Toscana, furono prevalentemente realizzati dalla manifattura Ginori di Doccia.
  • 11. Il nome della pianta, dipinto a mano, si basa sulla classificazione linneana costituita dai nomi latini di genere e specie. Le cere, eseguite in Italia inizialmente sotto la guida di Felice Fontana, per la bellezza dei modelli e l’accuratezza nella definizione dei particolari dimostrano, ancora una volta, lo stretto rapporto fra scienza e arte. Nel nostro Paese una importante raccolta di cere è presente nel Museo Botanico di Firenze che conserva attualmente 181 esemplari di piante a grandezza naturale tra cui la Passiflora quadrangularis, la Strelitzia reginae, la Passiflora quadrangularis, la Justicia cristata, e la Calceolaria crenatiflora, opere di Francesco Calenzuoli.
  • 12. Dell’Aloe (Libro III, Cap. 23 del De Materia Medica di Dioscoride tradotto dal Mattioli nel XVI secolo). “Nasce abbondantissima in India, onde si porta a noi condensato il suo succo. Nasce parimente in Arabia, in Asia e in alcuni luoghi marittimi e isole, come in Andros; questo non è molto adatto per estrarne il succo, ma è molto buona per saldare le ferite, applicatavi sopra dopo averne contuse le foglie fresche. é il vero succo condensato di due specie: uno è quello sabbioso, che pare essere il fondaccio di quello sceltissimo; l’altro è quello che è condensato e assomiglia al fegato. Si deve scegliere quello profumato, puro, senza sassi e senza sabbia, splendente, rosseggiante, fragile, che assomigli al fegato, che si fonda agevolmente e che sia amarissimo. Va scartato, al contrario quello nero e che non si rompe facilmente. Si falsifica l’Aloe con Gomma, ma si conosce la frode al gusto, all’amarezza, al suo grande odore e al fatto che non si stritola quando si sfrega tra le dita, fino all’ultimo granello. Alcuni lo falsificano con l’Acacia”.