Monza - eventi  Marzo 2014 personale di Raffaello Talò presso M/art
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Monza - eventi Marzo 2014 personale di Raffaello Talò presso M/art

on

  • 755 views

Kunst/art presenta personale Raffaello Talò Monza - eventi 2014

Kunst/art presenta personale Raffaello Talò Monza - eventi 2014

Statistics

Views

Total Views
755
Views on SlideShare
755
Embed Views
0

Actions

Likes
0
Downloads
0
Comments
1

0 Embeds 0

No embeds

Accessibility

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel

11 of 1

  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

    Monza - eventi  Marzo 2014 personale di Raffaello Talò presso M/art Monza - eventi Marzo 2014 personale di Raffaello Talò presso M/art Document Transcript

    • swiss multikulti lifestyle magazine, Italiannews.ch - Nr. 22 März 2014, Chf- 4.- italiannews.ch SWISS MULTIKULTI LIFESTYLE MAGAZINE Shakira ARISA-SANREMO MICHAEL cAMPBELL VILLA PADIERNA CLAUDIO ABBADO Zürich CORRIERE DI COMO BASELWORLD GENEVE AUTO EXPO Slow Food OSCAR FARINETTI PEPPE ZULLO CHECCO ZALONE PALMI MARZAROLI RAFFAELLO TALÒ
    • italiannews Inhalt swiss multikulti lifestyle magazine, Italiannews.ch - Nr. 22 März 2014, Chf- 4.- italiannews.ch SWISS MULTIKULTI LIFESTYLE MAGAZINE SWISS MULTIKULTI LIFESTYLE MAGAZINE Shakira ARISA-SANREMO MICHAEL cAMPBELL VILLA PADIERNA GENEVE AUTO EXPO Slow Food CLAUDIO ABBADO EDITORIAL 5 - redaktionelle GABRIELLA GROPPETTI PALMI MARZAROLI Zürich RAFFAELLO TALÒ CORRIERE DI COMO 7 - Editoriale di Pina Bevilacqua BASELWORLD 9 - Editorial by Brian Basnayake MODA 10 - BELDONA TOURISm 12 - Ski & Sonne im Herzen der Südtiroler Dolomiten bis zum 6. April 2014 14 - Avvolta dallo sguardo limpido della signora bianca: Zurigo. 15 - Hotel For Friends: Ankommen und Wohlfühlen 16 - Sharjah: an Emirate between Tradition and Modernity 18 - LA GRANDE INDUSTRIA DEL TURISMO 20 - BIT 2014. È già Expo EVENT 22 - Presentazione "Ozero Komo" 24 - BASELWORLD 2014 62 - 10 Jahre expovinaPRIMAVERA INEWSSPAIN 25 - Michael Campbell 26 - editorial Carla Bordoli Crivelli Visconti EVENTS: 28 - Marbella International Property Show 2014 aborda las nuevas oportunidades del sector inmobiliario 30 - MIPS Presentation in Villa Padierna Palace Hotel 31 - MEDI@PRESSE & INEWS MEDIAPARTNERS DEL MARBELLA INTERNATIONAL PROPERTY SHOW & INVESTMENT FORUM (MIPS) - 18-21 DE MARZO 2014 32 - Flamenco Pizza in Marbella MEDIA: 34 - Un nuovo vento editoriale soffia su Italia e Svizzera business: 36 - Como e il Lario Music 38 - CLAUDIO ABBADO 39 - festival di sanremo 42 - Massimo Vita, Valter Azzollini, Maurizio Giunco e gli anni d’oro del “Charleston” 44 - USCITE cd musicali 46 - FILM IN PROGRAMMAZIONE 48 - top 20 enogastronomia 49 - Con Peppe e Checco si mangia e si ride di gusto 52 - Chiude l'edizione 2014 della BIT 54 - MANGIARE BENE / ESSEN MIT GENUSS 57 - Massimo Bottura nella lounge Berlucchi a Identità Golose PERSONALITY 58 - L’oro di napoli “EL PIPITA ” COMMUNICATION 60 - Edie Mukiibi, è il nuovo vicepresidente internazIONAle di Slow Food 61 - Nuovo sistema d’immigrazione: il Governo decide come procedere per l’attuazione AUTO 64 - Ferrari. POWERFUL BRAND 66 - Salone di Ginevra 2014: Fiat Panda Cross e Fiat Freemont Cross 68 - Panoramica dei modelli esposti all’84° Salone internazionale dell'automobile di ginevra 69 - DIE 24 STUNDEN VON LE MANS IM PALEXPO technologie 70 - swisscom integra nel suo Solution Center l’affiliata Axept Webcall ARTE 71 - Palmi Marzaroli 72 - SALVATORE MAINARDI 73 - MONZA EVENTI: Personale d’Arte Contemporanea in stile Pop - Materico DI RAFFAELLO TALO' 76 - FRIDA KAHLO 78 - Galerie Reichlin OSCAR FARINETTI PEPPE ZULLO CHECCO ZALONE Promettiamo a Jay di applicare entro il 2020 gli elevati standard svizzeri relativi al benessere degli animali anche ai nostri prodotti dall’estero. La Migros s’impegna sin da oggi a favore di un approccio verso gli animali attento al loro benessere e garantisce, in collaborazione con i suoi partner, tra cui la Protezione svizzera degli animali PSA, il rispetto entro il 2020 delle severe direttiva svizzere anche all’estero. Con questa e altre numerose promesse concrete ci impegniamo per la generazione di domani. Di più su generazione-m.ch
    • Impressum Verlag Antonio Campanile Editorial Direktor Pina Bevilacqua Testimonial VIP Piero Esteriore Direktor Marketing/ Werbung Antonio Campanile Chefredaktor Gabriella Groppetti (deutsche Redaktion) Heidi Giuliani (deutsche Redaktion) Bryan Basnayake (englische Redaktion) Luisa Pavesio (italienische Redaktion) Redaktion Sabrina Tortomano Thomas Lang Luana Nocco Marco Montini Antonella Montesi Massimiliano Teramo Pietro De Seta Giuseppe Iacovo Emanuele Iacovo Rocco Delli Colli Palma Bucarelli Gianni Barone Beatrice Feo Filangeri Dalia Sgarbis Gianni Motori Vincenzo Muni Nica Mariella Italo Caroli Antonella Millarte Salvatore Tramontana Eugenio Forestrieri Rita Albrecht Pino Laudano Bruno Sonetto Erika Ventura Redaktion Chur CosimoVonghia Antonio Sellito Redaktion Tessin - Via Peri Lugano Rita Albrecht Ludovico Gentile Antonio Varrica Nicola Cathieni Redaktion Vienna Erich Bauer Redaktion Basilea Piero Esteriore Michele Ferrante Mimmo Esteriore Davorka Zguric Redaktion mosca Antonella Rebuzzi Eleonora Redaktion Rom Alfonso Benevento Angela Verde Michele Viola Redaktion Mailand Eugenio Forestieri Redaktion Turin Francesco Mescia Redaktion Sizilien Francesco Di Dario Rita Pennisi Redaktion Apulien Eustachio Cazzorla Domenico Potenza Nicola Tramonte Redaktion PARMA Giuseppe Laudano Redaktion bologna Simona Artanidi Redaktion ORSARA-FOGGIA-PUGLIA Eustachio Cazzorla Nicoletta Altieri Brenda Liquadri Marketing/ Werbung News@campanile.ch Graphics: Morena Fiorucci Art Director: Claudio Giuliani Liebe Leserinnen, liebe Leser, "Der Turbo" wird Matteo Renzi, Italiens (fast schon gewählter) Premier genannt und er wird zweifellos neuen Wind in die überalterte und untätige Regierung unter Enrico Letta bringen. Ein sympathischer Mann der Velo und Zug fährt, sich an Sitzungen hemdsärmelig und krawattenlos präsentiert und dessen schwerstes Dossier wohl die Senkung der enorm hohen Jugendarbeitslosigkeit sein wird. Es ist weiter anzunehmen dass es dem 39jährigen gelingt mit der unsäglichen Vetternwirtschaft und den "Mauscheleien" in Italiens Politik aufzuräumen. Das wäre wirklich wünschenswert. A propos Betrügereien: "Beschiss" (so heisst es auf gut Schweizerdeutsch) findet nicht nur in der Weltpolitik oder von seitens mancher Firmen statt. Auch private Computer- und Internet-Benützer sollten stets auf der Hut sein. Innert Wochenfrist stiess ich in meinen Mails auf diverse Pishings, so gut gestaltet dass man ohne Vorwarnung leichtes Opfer von Gaunern werden könnte. Zum Beispiel verlangte ein dreister Absender meine Kontonummern weil die UBS ihre Kunden auf diesem Weg kontaktieren und vor Datenmissbrauch warnen wolle. Und ein englisch sprechender Mann mit indischem Akzent bat mich per Anruf im Computer diverse Programme zu öffnen (zwecks Aktualisierung von diversen Windows-Files). Ich arbeite ich jedoch mit Apple und bin vor dieser fiesen Methode an private Informationen zu gelangen gewarnt worden. Auch wer mit Dein Deal oder Groupon denkt ein "Schnäppchen" zu machen ist besser vorsichtig. Das Wunder versprechende Mittel für blendend weisse Zähne ist, obwohl der Betrag der Kreditkarte belastet wurde, nie eingetroffen. Dafür gleich eine Mahnung mit Betreibungsandrohung, Recherchen haben dann ergeben dass es sich um eine Briefkastenfirma mit stets wechselnder Adresse handelt. Immer interessiert an aktuellen Kosmetikprodukten bestellte ich auf ein Werbemail hin die "grossartige" Pink Box für Fr. 19.95 mit Überraschungsinhalt. Dieser war absolut unbrauchbar: Eine Dose mit vertrocknetem Rouge, zwei Mini-Müsterchen mit Bodylotion und ein ruppiger Kosmetikhandschuh landeten im Abfall. Ebenfalls ist Vorsicht geboten wenn man per Internet einen günstigen Übernachtungsgutschein erwirbt: Vielfach sind die offerierten Daten für Kunden dieses Portals "ausgebucht", für normal zahlende Gäste stehen jedoch genügend Zimmer zur Verfügung. Paolo Ugolini Web Master: Editorial PHOTOGRAPHER Rocco Lamparelli Patrizio De Michele Claudio Giuliani Lino Sprizzi photos-people.ch Francis Bissat www.fb-photografie.ch Patrick Frischknecht Abo-Service Redaktion@italiannews.ch Druckzentrum VCT - Herostrasse 9 - 8048 Zürich Verlag INews Campanile Baumgartenstr. 26 8902 Zürich – Urdorf Mobile +41 79 405 39 85 Redaktion@italiannews.ch news@campanile.ch Abbonamento / soci CHF 100.Monatliche Ausgabe 4 INEWS Worauf Sie sich in nächster Zeit aber gerne einlassen dürfen ist die neue Trendfarbe "Pantone 18-3224 Radiant Orchid", zu Deutsch: "Strahlende Orchidee". Die Violett-Töne zwischen kühlem Blau und warmen Rot leuchten in vielen Facetten und sehen an Blonden und dunkelhaarigen Frauen, ja sogar an modebewussten Männern, frühlingshaft frisch aus. Herzlich Ihre Gabriella Groppetti INEWS 5
    • Impressum Editoriale Editore Antonio Campanile Direttore Editoriale Il vecchio sport è diventato morbo Pina Bevilacqua Testimonial VIP Piero Esteriore Direzione Marketing&Pubblicità Antonio Campanile Capo Redattore Gabriella Groppetti (deutsche Redaktion) Heidi Giuliani (deutsche Redaktion) Bryan Basnayake (englische Redaktion) Luisa Pavesio (italienische Redaktion) Redazione Sabrina Tortomano Thomas Lang Luana Nocco Marco Montini Antonella Montesi Massimiliano Teramo Pietro De Seta Giuseppe Iacovo Emanuele Iacovo Rocco Delli Colli Palma Bucarelli Gianni Barone Beatrice Feo Filangeri Dalia Sgarbis Gianni Motori Vincenzo Muni Nica Mariella Italo Caroli Antonella Millarte Salvatore Tramontana Eugenio Forestrieri Rita Albrecht Pino Laudano Bruno Sonetto Erika Ventura Redazione Coira (CH) Cosimo Vonghia Antonio Sellito Redazione Ticino - Via Peri Lugano Rita Albrecht Ludovico Gentile Antonio Varrica Nicola Cathieni Redazione Vienna Erich Bauer Redazione Basilea Piero Esteriore Michele Ferrante Mimmo Esteriore Davorka Zguric Redazione mosca Antonella Rebuzzi Eleonora Redazione Roma Alfonso Benevento Angela Verde Michele Viola Redazione Milano Eugenio Forestieri Redazione Torino Francesco Mescia Redazione Sicilia Francesco Di Dario Rita Pennisi Redazione Puglia Eustachio Cazzorla Domenico Potenza Nicola Tramonte Redaktion PARMA Giuseppe Laudano Redaktion bologna Simona Artanidi Redaktion ORSARA-FOGGIA-PUGLIA Eustachio Cazzorla Nicoletta Altieri Brenda Liquadri Marketing/ Pubblicità News@campanile.ch Grafica: Morena Fiorucci Art Director: Paolo Ugolini Web Master: Claudio Giuliani Fotografi Rocco Lamparelli Patrizio De Michele Claudio Giuliani Lino Sprizzi photos-people.ch Francis Bissat www.fb-photografie.ch Patrick Frischknecht «La Calabria – terra di innovazione – ha inaugurato recentemente (su iniziativa della zelante dirigente Michela Bilotta, liceo scientifico Fermi di Cosenza) il contributo per i corsi di recupero» dei propri figli. Così un quotidiano italiano ha ferocemente attaccato una preside che ha avuto la ‘colpa’ di offrire ai suoi studenti lezioni collettive di recupero a pagamento in istituto come alternativa alle costosissime lezioni private individuali, tra l’altro fonte di evasione fiscale. E che è stata perciò accusata dal quotidiano di intaccare il principio dell’obbligatorietà e della gratuità dell’istruzione, di agevolare lo strisciante tentativo di distruzione intenzionale della scuola statale da parte del neoliberismo imperante, addirittura di violare l’art. 33 della Costituzione Italiana (“L'arte e la scienza sono libere e libero ne è l'insegnamento”). Il problema è che in Italia la critica, antico ‘sport nazionale’, negli ultimi anni è diventata morbosa, quasi una malattia, che contagia incontrollatamente ogni campo. Si critica ovunque e su qualsiasi cosa, anche se non se ne ha il diritto o la competenza, anche se non si dà uno straccio di alternativa a quello che si vuole demolire abbaiandoci contro, perché proprio si sta placidamente dall’altra parte, quella degli inetti, dei nullafacenti. E in Italia la critica paga, perché fa matematicamente la fortuna di chi sa praticarla con la giusta dose di arroganza. Ne sa qualcosa la nostra Mediapresse. I suoi clienti imprenditori italiani, gente seria, motivata, che vende più all’estero che in patria, che non dorme mai perché quando chiude Berlino si sveglia Tokyo, insomma la gente che attualmente sta mantenendo a galla lo Stivale, da tutto questo è letteralmente terrorizzata. E ne ha ben donde se, per fare solo un esempio storico e macroscopico, nel giorno dell’apertura del Vinitaly 2008 la copertina di uno dei più noti e stimati settimanali italiani titolò “Velenitaly”, segnando un fantastico autogol contro il proprio Paese. Forse, in Italia come nel resto del mondo, non è il momento di “darsi la zappa sui piedi”, propri e altrui, che tanto in piena globalizzazione è la stessa cosa. Piuttosto è il momento di impugnarla quella zappa, e di farla volare, in silenzio, laboriosamente, per costruire e non per distruggere… Cordialmente Pina Bevilacqua Abbonamenti Redaktion@italiannews.ch Tipografia VCT - Herostrasse 9 - 8048 Zürich Casa Editrice INews Campanile Baumgartenstr. 26 8902 Zürich – Urdorf Mobile +41 79 405 39 85 Redaktion@italiannews.ch news@campanile.ch Abbonamento / soci CHF 100.Monatliche Ausgabe 6 INEWS INEWS 7
    • Impressum Editorial Editor Dear Readers, Antonio Campanile Managing Editor Pina Bevilacqua Testimonial VIP Piero Esteriore Direktor Marketing/ Advertising Antonio Campanile Chief Editor Gabriella Groppetti (deutsche Redaktion) Heidi Giuliani (deutsche Redaktion) Bryan Basnayake (englische Redaktion) Luisa Pavesio (italienische Redaktion) Editorial Board Sabrina Tortomano Thomas Lang Luana Nocco Marco Montini Antonella Montesi Massimiliano Teramo Pietro De Seta Giuseppe Iacovo Emanuele Iacovo Rocco Delli Colli Palma Bucarelli Gianni Barone Beatrice Feo Filangeri Dalia Sgarbis Gianni Motori Vincenzo Muni Nica Mariella Italo Caroli Antonella Millarte Salvatore Tramontana Eugenio Forestrieri Rita Albrecht Pino Laudano Bruno Sonetto Erika Ventura Editorial Board in Chur Cosimo Vonghia Antonio Sellito Editorial Board in Ticino Via Peri Lugano Rita Albrecht Ludovico Gentile Antonio Varrica Nicola Cathieni Editorial Board in Vienna Erich Bauer Editorial Board in Basilea Piero Esteriore Michele Ferrante Mimmo Esteriore Davorka Zguric Editorial mosca Antonella Rebuzzi Eleonora Editorial Board in Rome Alfonso Benevento Angela Verde Michele Viola Editorial Board in Milan Eugenio Forestieri Editorial Board in Torino Francesco Mescia Editorial Board in Sicily Francesco Di Dario Rita Pennisi Editorial Board in Apulia Eustachio Cazzorla Domenico Potenza Nicola Tramonte Editorial Board in PARMA Giuseppe Laudano Editorial Board in bologna Simona Artanidi Editorial Board in ORSARAFOGGIA-PUGLIA Eustachio Cazzorla Nicoletta Altieri Brenda Liquadri Marketing/Advertising News@campanile.ch Graphics: Morena Fiorucci Art Director: Paolo Ugolini Web Master: Claudio Giuliani Photography Rocco Lamparelli Patrizio De Michele Claudio Giuliani Lino Sprizzi photos-people.ch Francis Bissat www.fb-photografie.ch Patrick Frischknecht Abo-Service: Redaktion@italiannews.ch Print: VCT - Herostrasse 9 - 8048 Zürich Publisher INews Campanile Baumgartenstr. 26 8902 Zürich – Urdorf Mobile +41 79 405 39 85 Redaktion@italiannews.ch news@campanile.ch Abbonamento/ soci CHF 100.- Montly issue 8 INEWS We are at the threshold of spring, leaving behind what has been once again a strange winter. It has certainly been unusual in the last few years with increasingly unpredictable weather all year round. It is still winter, and it is terribly cold in spells, and yet, in certain parts of the country, one can hardly believe that it is wintertime. It is quite surprising how one misses a true winter with loads of snow and low temperatures. Still, we are extremely fortunate to suffer only fluctuating temperatures and spells of rain. Other countries and continents are undergoing the worst possible weather at this time of the year. Incessant rain, widespread flooding and frequent bouts of exceedingly strong winds have been the plight of Britain for the best part of winter. Across the Atlantic, snowstorms and extreme cold have paralyzed large areas of the US, including many urban centers, making it the worst winter on record. It is now official even for the die-hard sceptics: climate change is for real! It is ironic that the world’s most powerful nation has, until now, stood in the way of concerted international action against climate change such as the Kyoto Protocol to the United Nations Framework Convention on Climate Change (UNFCCC). Fortunately, the US has finally woken up to the looming threat and has indicated its willingness to engage constructively in the next round of talks on the Kyoto Protocol in 2015. One wonders how serious politicians are when they consider climate change is a priority issue that is significantly more important than their own popularity with the electorate. Natural catastrophes that are the direct results of climate change are slowly transforming the way people think of environmental issues, which, thankfully, are becoming significant vote-getters. It is a development like no other that will embolden politicians to champion environmental issues without fear of electoral disasters. More than the weather in February, there were certainly other things that caused enough excitement and consternation during the month. The referendum Sunday of 9th February caused quite a stir, almost like an earthquake. The immigration issue has come again to the top of the agenda, and that not only in Switzerland. Unlike in most other countries, the ballot box is often the answer in Switzerland for neverending debates and uncertainties. Half the population rejoiced in the victory of the conservative party that wants to introduce stringent immigration controls while the others stood dumbfounded after the narrowest of defeats. The immigration debacle was a powerful message to the European Union that, at least to her opponents, it is becoming increasingly undemocratic and bureaucratic to the extreme at the expense of the rights of individual states to put the interests of their own citizens first. The EU administration is a far cry to the democratic traditions espoused by the Swiss in all spheres of public life. It is actually a clash of political cultures, and it is certainly more serious than one might want to believe. Perhaps, it is high time for the EU to start thinking instead of threatening! We wish you all a glorious spring, and an enjoyable read in this issue of iNEWS. Yours sincerely, Brian Basnayake INEWS 9
    • m oda Spring Collection 2014: (Blüten-) Träume werden wahr « Flower-Rush», sboccia la bellezza. Le modelle Bianca Gubser, Hanri van Schalkwyk, che ha scelto la Svizzera come Paese adottivo, e Leona Sigrist danno vita alla bella stagione, indossando i capi della nuova collezione. Alla degna messa in scena ha pensato il rinomato fotografo di moda Michael Munique, che ha dato risalto ai delicati dessous e alla raffinata biancheria da giorno e da notte su uno sfondo fiorito, in un incanto di luci. Ispirati dal risveglio della natura i modelli, realizzati in splendidi colori pastello come l’azzurro, il rosa o il verde menta, portano una ventata di freschezza, allegria e sottile romanticismo. 10 INEWS Tenui tonalità di lilla e cipria e un delicato blu colomba nonché pregiati ricami di farfalle danno vita, poi, a una biancheria artistica dalle tante sfaccettature. Per una bellezza tanto variata, quanto le donne che la portano. E non potevano certo mancare i capi di biancheria da notte dell’apprezzato sistema Mix & Match, diventati ormai parte integrante della nostra collezione. La nuova serie «Tenderfeel», con le sue morbide e fini microfibre in grado di garantire il massimo comfort, proposta nei colori nudo, nero e bianco e in un magnifico colore stagionale, viene infine a completare la vasta gamma base Beldona. www.beldona.ch INEWS 11
    • t ourism Ski & Sonne im Herzen der Südtiroler Dolomiten bis zum 6. April 2014 Skifahren, Langlaufen, Nordic Walking oder Winterwandern in der Traumlandschaft der Dolomiten. In den Frühlingswochen begeistert Alta Badia mit Top-Bedingungen und mit dem verführerischen Angebot Dolomiti Super Sun inkl. gratis-Skitagen. I n wenigen Minuten schwebt man mit dem Sessellift hinauf zur Bergstation Vallon direkt am mächtigen Sellamassiv, einer der beeindruckendsten Gipfelgruppen in den Dolomiten. Die markanten Felsformationen leuchten in der Mittagssonne, während man in weiten Schwüngen über die fast leere Piste fährt. Frühlingsskifahren in Alta Badia bietet viele Höhepunkte. Perfekte Schneeverhältnisse gepaart mit der wohltuenden Frühlingssonne, viel Platz für elegante Schwünge auf der Piste und über allem thronen die majestätischen Dolomitengipfel. Genussskifahren ohne Stress. Dazu bietet Alta Badia perfekte Langlaufloipen, die sich abwechslungsreich durch idyllische Wälder und über einsame Almwiesen ziehen. Auch Nordic Walking ist im Frühling purer Hochgenuss. Dazwischen gönnt man sich einen Cappuccino oder einen Spritz auf der Sonnenterrasse mit Blick auf die Dolomitengipfel. Für Kenner sind die Frühjahrswochen die beste Jahreszeit. Und dafür sprechen auch die besonders günstigen Konditionen, zu denen man in Alta Badia perfekte Ferien im Schnee erleben kann. Mitten in einem riesigen Skizirkus mit Zugang zu über 500 Pistenkilometern und im UNESCO Weltnaturerbe Dolomiten. 12 INEWS Dolomiti Super Sun: Grosser Genuss zu kleinen Preisen • Vom 15. März bis zum Saisonende am 6. April 2014 bietet das Angebot Dolomiti Super Sun einen Skitag kostenlos an • Unterkunft: Wer sieben Übernachtungen bucht, zahlt nur den Preis von sechs • Skipass: Den 6-Tages-Skipass gibt es zum Preis von fünf Tagen • Ski- und Snowboardverleih: Sechs Tage kosten so viel wie normalerweise fünf • Skischulen Alta Badia: Vier Privatstunden gibt es zum Preis von drei Die Vergünstigungen erhalten die Gäste in den vertragsgebundenen Betrieben. INEWS 13
    • t ourism Nicoletta Altieri t ourism Avvolta dallo sguardo limpido della signora bianca: Zurigo. Gabriella Groppetti S embra che il tempo si sia ad un tratto fermato. Immersa in paesaggi paradisiaci, dove la natura è mito supremo, e ricorda all’uomo la sua bellezza che non può essere sciupata e superata. Alte montagne innevate si riflettono nelle acque limpide e fredde di laghi, il verde risalta agli occhi dello spettatore e gioca alternandosi con le sfumature di quella stessa tonalità. Zurigo è un cuore forte che pulsa al centro dell’Europa. Lo sguardo ipnotizzato da quell’architettura fatta di spigoli duri, di campanili erti, quasi a voler toccare il divino, l’immenso, il profondo. Si odono rintocchi di orologi, così precisi che portano la mente a riflettere su una realtà che si inchina al passato; quel suono così ben scandito, ti conduce ad un’essenza di magia. Ti inoltri su strade ampie, pulite, colme di gente che si preparano per la notte di San Silvestro prese dai preparativi. Gentili, ma sempre così composti, sotto un cielo profondamente azzurro, che ti libera da ogni pensiero che possa offuscare la meraviglia di quel momento, di quella città che sembra essere una cartolina ferma ed intatta nel tempo. Il sole tiepido ti scalda appena e sembra lottare contro il freddo, così secco che quasi ti taglia il viso. Osservo tutto con estrema attenzione ed attendo la serata al Movenpick per l’Italo- Swiss Silver Night 2014. Esperienza indimenticabile tra artisti di grande talento e persone cordiali ed ospitali. Zurigo in quella notte, mi è parsa anche grazie a loro doppiamente fantastica; segno evidente dello stretto connubio tra cultura, paesaggi e popolo, mi hanno fatto gustare in pienezza l’incanto di questa città. Hotel For Friends: Ankommen und Wohlfühlen I n der Olympiaregion Seefeld, hoch über dem Inntal, eröffnen Tourismusvisionäre am 5. Juli 2014 ein neues Fünfsterne- Hotel fernab vom touristischen Mainstream. Unter dem Motto "Besuch bei Freunden" finden Gäste ein Konzept vor das sich der Natur & Entspannung, Kunst & Kultur, Genuss & Kulinarik sowie dem Zusammenspiel aus Körper, Geist & Seele gleichermassen widmet. Beeindruckend ist die Lage des For Friends-Hotels: In Mösern, auf einem sonnigen Hochplateau in 1200 Metern Höhe, erwartet den Gast ein derart atemberaubender Ausblick dass ihn bereits Albrecht Dürer in seinen Bildern festgehalten hat. Umgeben von malerischen Berggipfeln liegt das Haus inmitten des Landschaftsschutzgebiets Wildmoos. Auf 650 Kilometern Wanderwegen, 200 Kilometern Routen für Mountainbikers, Golf plätzen oder einem Badesee finden Outdoor-Fans ideale Bedingungen vor. Wer sich, seinem Körper und der Seele, etwas Gutes tun will lässt sich von dem effektiven Erfolgsprogramm aus sportlicher Fitness, mentalem Training und alpiner Bodenhaftung, begleiten. Goldmedaillengewinner Toni Innauer hat das "tiefenwirksame" Konzept speziell für das For Friends zusammengestellt. Relaxt wird im 1500 Qm grossen SPA mit Pools, Saunen, Kräuterbädern und weiteren Möglichkeiten, die "Seele baumeln zu lassen". Auch diverse Programme mit Workshops oder Vorträgen führen Interessierte Gäste vertieft ins Thema "Entspannung/Erholung" ein. 14 INEWS Die geschmackvoll eingerichteten Zimmer, Lofts oder Suiten sind mit sämtlichen Annehmlichkeiten sowie modernster Technik ausgestattet. Und da zu einem perfekten Urlaub auch lukullische Genüsse gehören kann sich der Gast in einem der fünf speziellen Restaurants mit Bergpanorama-Sicht verwöhnen lassen: Unter dem Motto "Culinarium Alpinum" halten heimische Sternenköche das Beste aus Küche und Keller bereit während später dann der Tag in der Cigar Lounge, der "Schnapsidee"-Bar, in der mit 4000 Büchern gutbestückten Goethe-Bibliothek (der Schriftsteller erholte sich gerne in diesem Alpenparadies) oder den kulturell hochstehenden Unterhaltungsanlässen stilvoll ausklingt. Das diesjährige Motto des mit Flugzeug, Auto oder Bahn gut erreichbaren Hotels For Friends heisst "Wahlverwandtschaft". Weitere Infos finden sich auf www.for-frieds-hotel.at INEWS 15
    • t ourism Don Francis Sharjah: an Emirate between Tradition and Modernity T he third largest of the Emirates, Sharjah promotes itself as the Emirate of Contrasts, and that, of course, without exaggeration. It was one of the first Emirates – perhaps the quickest off the mark – to exploit its growing oil wealth for economic development and modernization. However, of all the Emirates, it is conceivably the most conservative – even forbidding the sale of alcohol – and has ensured that modernization takes place in lockstep with its old Islamic culture and traditions. Sharjah was the first emirate in the area to build an airport, and that was already in 1932. Since then the international airport in Sharjah has grown with further development projects scheduled to finish next year. By that time, the airport expects to handle 8 million passengers each year. Sharjah International Airport along with Abu Dhabi and Dubai airports are the international gateways for air travel to the United Arab Emirates (UAE). The Sharjah airport is situated 10 miles from the city center and just 15 miles from Dubai, which makes the emirate exceptionally accessible for air travel from all parts of the world. The region’s first budget air carrier, Air Arabia, is based in Sharjah, and it is also the biggest budget carrier in the Middle East. Sharjah, under its farsighted ruler, began to invest heavily in education and cultural development, bringing its ancient 5’000 year history and the later Islamic culture for the local population and foreign visitors to appreciate and admire. 16 INEWS Sharjah has scores of archeological sites scattered all over the region, and it has many splendid mosques, 20 museums, and the Expo Center Sharjah that stages the largest book-fair in the region. A vast area near the international airport soon transformed into a city with numerous buildings fashioned in magnificent Islamic architecture. The University City of Sharjah is a purpose-built district in the city of Sharjah, the capital, housing eight educational establishments, including a police academy and a teaching hospital. It also has an extensive library. Its history and its cultural and educational attributes persuaded the UNESCO to name Sharjah the “Cultural Capital of the Arab World in 1998”. Responding to the recreational needs of its foreign workers, Pakistani and Indian, in particular, the emirate invested in developing the infrastructure for cricket, and since has become one of the leading venues for international cricket. Sharjah paved the way for cricket to establish itself in the Gulf region, and, although Dubai and Abu Dhabi as well have valid claims for promoting the game now, it still remains the revered regional pioneer of this most traditional of all English games. Sharjah is certainly a country of astonishing diversity and contrasting features. The traditional souks (market) buzzing with activity sit comfortably within the ultramodern cities such as the capital Sharjah. Sharjah is the only emirate to have a coastline alongside both the Arabian Gulf and the Gulf of Oman. Although the dessert dominates the landscape, Sharjah is rich in fauna and flora that thrive not only on the fertile wetland and oasis regions that produce large amounts of fruits and vegetables but elsewhere, as well. The coastal strip is full of marine life, and the beaches provide fabulous retreats for the visitor as well as the locals. The landscape itself is truly stunning with large tracts of desert, wetlands, tropical plains, sand dunes and an majestic mountain range reaching up to 1’500 meters. Sharjah is actually a mini-state with an abundance of spectacular landscapes, cultural attractions and recreational facilities, including beautiful beaches, for visitors yearning for the sun, or are in search of outdoor adventure, or are simply fascinated by foreign cultures. Sharjah is easy to get to from Switzerland: from Geneva or Zurich fly on Emirates to Dubai airport, which is only 15 miles from Sharjah city centre! For further information please contact: Sharjah Commerce and Tourism Development Authority Crescent Tower, 9th Floor - PO Box: 26661 - Sharjah, UAE - Tel: +97165566777 - Fax: +97165563000 - Email:info@sharjahtourism How to get there: Emirates Airlines - Gerbergasse 5 - 8001 Zurich - Tel.: 0844 111 555 Websites: www.sharjahtourism.ae - www.sharjahimages.com - www.f1sharjah.ae INEWS 17
    • t ourism Carla Bordoli C. V. LA GRANDE INDUSTRIA DEL TURISMO Fitur-Madrid, Fespo-Zürich, BIT-Milano, ITB-Berlin M olta l’aspettativa dei professionisti del settore e del pubblico che hanno assistito alla quarta fiera del turismo di questo primo trimestre del 2014: la ITB di Berlino, che si é tenuta come ogni anno nella capitale tedesca (5-9 marzo). Il team al completo di INEWS, compreso il nostro editore, CEO dell’agenzia di comunicazione internazionale MEDI@PRESSE, Antonio Campanile, é stato ancora più presente quest’anno in particolar modo, visto il crescente interesse dimostrato in tutte le principali fiere, sia da operatori professionali sia dal pubblico amante dei viaggi, nei confronti dell’industria turistica. Ci domandiamo il perché di questa ondata di entusiasmo ed ottimismo. Sicuramente la spinta arriva con forza da due fattori fondamentali, secondo il mio punto di vista: da un lato, e questo riguarda maggiormente gli operatori del settore, la rapidità alla quale giá “viaggiamo” in internet; dall’altro, il desiderio di evasione e di liberazione dalle pressioni quotidiane, dopo tanti anni di crisi globale. Ma analizziamo questi due fattori più in profondità: la rete ci permette di volare, prenotare, immaginare grazie a video, foto, assistenti virtuali, consulenti di viaggio che ci raccontano le loro esperienze, ci consigliano o sconsigliano determinati luoghi, ristoranti, hotel, escursioni, voli, compagnie, tutto con un click. La tecnologia richiede non solo velocità di reazione e programmazione da parte di chi lavora e vive del turismo, ma anche altissima qualità del servizio, altrimenti la concorrenza o anche solo un gruppo di amici di Facebook o in Twitter con opinioni condivise a velocità digitale, possono innalzare una destinazione o un tour operator tra i grandi, oppure affondarli per un’intera stagione. Ammettiamolo: il cliente, il turista, la famiglia, i single, i solitari, gli amici, la business-people che vuole staccare dallo stress quotidiano, non sono piú degli inesperti che si lascino consigliare, guidare. Non dimentichia- 18 INEWS mo che anche i nonni e le nonne in molti casi oggigiorno utilizzano Skype, Internet, e la televisione interattiva! Il livello di conoscenza di offerte, di web che mettono a confronto il rapporto qualità-prezzo, i programmi informativi, i link, gli spot, tutto ciò che ormai fa parte del vocabolario e del modus vivendi dell’essere umano, pretende dal professionista dell’industria turistica una profonda capacità, flessibilità, mobilità, conoscenza: proprio come se ogni interlocutore lo sottoponesse ad un esame universitario “per eliminazione”: compro o non compro il pack, l’hotel, il “tutto compreso”, la crociera. E non dobbiamo tralasciare di analizzare anche il secondo fattore cui accennavo e che ritengo abbia reso le fiere di questo 2014 cosí brulicanti di visitatori di tutte le categorie: dopo anni di crisi, pessimismo, sventura e a volte disgrazie portate dalla disperazione globalizzata, abbiamo bisogno, e in questo senso penso maggiormente all’utente finale, di sognare per sopravvivere, per credere che le cose possano solo migliorare. E qual è il modo migliore di sognare? Viaggiare, organizzare al meglio proprio l’evasione, seppur temporanea, da una realtà che fino ad ora ci ha schiacciati. Questo desiderio di fuga, di aria, di libertà dalle brutte notizie, dalle situazioni personali o che comunque ci toccano per amicizie e contatti diretti ed indiretti, spinge sicuramente moltissimi visitatori a cercare quel luogo, quella magia, quel paesaggio, o semplicemente questo o quello stand che sicuramente risponderá alle loro aspettative. Al di là delle riflessioni, comunque, ci sono i fatti: FITUR Madrid ha avuto quest’anno più di 200.000 visite, FESPO Zurigo 70.000. BIT Milano, con la partecipazione di 2130 imprese e 100 Paesi coinvolti, si é conclusa con piú di 62.000 visitatori, dato significativo se si tiene in considerazione il fatto che si è svolta in tre giorni anziché quattro. Più di 1.000 hosted buyer internazionali che hanno incontrato seller di oltre 20.400 business direttamente agli stand, Foto: Medi@Presse by Tony Campà seguendo il nuovo “B2B concept” introdotto quest’anno, per incontri più mirati e concreti, meno dispersivi. La BIT si è riconfermata, pertanto, come la manifestazione di riferimento soprattutto della zona euromediterranea. Molto interessante e densa di contenuti la presentazione inaugurale di EXPO 2015, durante la quale il Presidente della Regione Lombardia, Roberto Maroni, ha testualmente affermato: “Faremo innamorare i turisti della Lombardia”, e naturalmente del resto del Bel Paese. E non solo per i sei mesi di durata dell’evento, ma anche per i sei anni successivi, e oltre. Ci rende orgogliosi sottolineare che il Presidente Maroni é uscito dalla sala del Palazzo dei Congressi della Fiera di Milano tenendo in mano l’ultima copia della nostra bellissima rivista INEWS. Lo stesso dicasi per il Commissario Unico di EXPO 2015, Giuseppe Sala, il quale ha apprezzato l’articolo scritto proprio su di lui e l’accordo con Slow Food, nel numero di gennaio 2014, e la caratteristica multilingue e multiculturale del nostro magazine mensile. La firma sulla copertina é stata invece apposta dal Vice-Presidente della Commissione Europea per il Turismo, Antonio Tajani, pure presente all’inaugurazione della BIT e molto interessato ad avere una copia di INEWS. Anche il Direttore Generale Divisione Gestione Evento EXPO 2015, Piero Galli, che giá avevamo incontrato in occasione della conferenza stampa presentando EXPO 2015 a FITUR, ha ricevuto dal nostro editore Antonio Campanile la sua copia della rivista con l’offerta di realizzare le traduzioni dei testi che possano essere necessarie per un evento così importante ed internazionale. Breve ma interessante scambio verbale con Josep Ejarque, Direttore Generale di Explora, al quale abbiamo confermato la nostra disponibilitá per una collaborazione nella comunicazione estera. Ricordiamo ai nostri lettori che INEWS é l’unica rivista multiculturale multilingue in Europa che riceve dai suoi collaboratori dislocati in vari Paesi d’Europa testi, interviste, reportages in italiano, spagnolo, inglese, francese, tedesco, russo, a seconda dell’evento da notificare alla nostra redazione centrale di Zurigo. I testi non vengono tradotti ma pubblicati in lingua originale, proprio per sottolineare il plurilinguismo che caratterizza l’Europa e il Mondo di oggi, senza frontiere. La ITB Berlino pure molto positiva e ricca di novità e proposte. La Germania spinge con forza, confermando la propria preparazione e organizzazione impeccabile, come Paese ospite e potenza turistica, seppure senza il caldo sole del Mar Mediterraneo. E noi di INEWS non mancheremo di informare i nostri lettori in modo sempre piú approfondito, riguardo alle prossime novità del settore vacanze, e non solo, nei prossimi mesi che ci avvicineranno alla tanto attesa estate. Commissario della Expo '15 Sala, Presidende Regione Lombardia Maroni e CEO Mediapresse Zurigo Antonio Campanile INEWS 19
    • t ourism A Pina Bevilacqua Foto: Medi@Presse by Tony Campà BIT 2014. È già Expo Josep Ejarque, Direttore Generale Explora Piero Galli, Direttore Generale Divisione Gestione Evento EXPO 2015 20 INEWS lla Fiera di Milano per la 34/a Borsa Internazionale del Turismo, una delle principali manifestazioni internazionali del settore, oltre 63.000 visitatori, più di 1.000 hosted buyers (di cui il 54% al debutto e provenienti soprattutto da Usa, Russia, Regno Unito, India, Brasile), oltre 20.400 business match, più di 2.000 giornalisti, massimo interesse dalle aree economiche più dinamiche del globo (Est Europa, Medio Oriente, Africa, Asia e Americhe), espositori da più di 100 Paesi e da gran parte delle Regioni italiane, con alcune new entry (come Armenia, Lettonia, Botswana, Nicaragua, Lazio e Sicilia), tutti alla conquista di quel miliardo di viaggiatori che secondo l'Organizzazione per il turismo delle Nazioni Unite anche quest'anno, come nel precedente, andrà in vacanza. Protagonista indiscussa alla BIT l’attesissima Esposizione Universale 2015 di Milano “Nutrire il pianeta, energia per la vita”. Una torta da 20 milioni di visitatori (di cui almeno 8 stranieri), che si aggiunge alla già straordinaria offerta turistica italiana. Per l’Expo dei record, il 1° grande evento italico post crisi, uno stand di 400 mq, tra piantine, spighe di grano e siepi, e l’obiettivo di staccare almeno 4 milioni di biglietti entro luglio. Sicuramente raggiunto viste le performances registrate da Expo 2015 alla fittissima 3 giorni milanese del turismo. Perciò ora come non mai c’è ottimismo e maniche rimboccate nello Stivale del turismo, specie tra i giovani imprenditori. «Qualità e cortesia. Il resto ce lo mette la nostra Italia con le sue bellezze e le sue bontà, uniche al mondo». È questa la ricetta di Frank De Luca, che nello storico Bar De Luca's e nel famoso De Luca's Lido sull’incantevole e chilometrica spiaggia di Praja a Mare (Cosenza) ha sempre un sorriso e tante attenzioni per i suoi clienti. Lo incontriamo nel Padiglione Italy, carico di biglietti da visita ed entusiasmo. «In Italia la presenza di turisti stranieri ha superato quella degli italiani. Purtroppo, però, meno della metà della spesa estera per le vacanze in Italia arriva nel nostro Paese, mentre il resto arricchisce le altre economie. Inoltre la presenza di turisti italiani in Italia è calata dell'8,3%, e non c’entra la crisi. Infatti, nel 1° semestre 2013, dei 36,5 milioni spesi dagli italiani per le vacanze (cioè +1,2% sull’anno precedente) quasi 10 (cioè +14,6% rispetto al 2012) sono stati spesi oltre confine. E potremmo continuare con gli esempi che impongono alle nostre istituzioni un rilancio serio del settore e a noi operatori la riqualificazione delle nostre aziende. Naturalmente entro il 1° maggio 2015, quando scatterà l’Esposizione Universale milanese, tra l’altro dedicata proprio al cibo, una delle nostre eccellenze, e quindi la nostra grande occasione al quadrato, se solo si considera che in Italia circa un terzo della spesa di vacanzieri italiani e stranieri è destinata alla tavola, ovvero alla ristorazione e all’acquisto di bevande e prodotti alimentari tipici!». A Milano, ad ‘affilare le unghie’ in vista della Milan World Expo 2015, Alitalia, che con il nuovo orario estivo (in vigore dal 31 marzo) volerà verso ben 103 destinazioni, di cui 77 nel resto del mondo, servendo 186 rotte, per un totale di 2.361 frequenze settimanali. E a marzo, tra le tante promozioni, tariffe agevolate per i fine settimana a Reggio Calabria, ad ammirare i famosi Bronzi di Riace (che svetteranno sulla fusoliera di 2 aerei della flotta), il Museo archeologico che li custodisce, il Museo nazionale della Magna Grecia. In effetti con le mostre sul celebre pittore catanzarese Mattia Preti, a 400 anni dalla nascita, e l'itinerario del "Nudo sull'arte",con l'apertura del Museo delle Reali Ferriere borboniche di Mongiana, con tutto il percorso produttivo del ferro, punta decisamente sulla cultura la Calabria (nel 2013 un milione e 600mila presenze straniere, soprattutto tedeschi, francesi e russi, questi ultimi triplicati in 2 anni, contro il milione e 218mila di presenze italiane). Calabria che è mare (Tropea, Praja a Mare, Scalea, Diamante, Pizzo, Soverato…) e natura (i Parchi della Sila, dell’Aspromonte, del Pollino, delle Serre,l’Area Marina Protetta di Capo Rizzuto, la Riserva Tarsia Crati…) incontaminati, ma anche incalcolabile patrimonio culturale (i Musei di Altomonte, Taverna, la "Nave della Sila" di Camigliatello, la Certosa di Serra San Bruno, il Museo di Santa Barbara a Mammola, il Museo della Memoria a Ferramonti di Tarsia, l’antichissima processione della “Varia” di Palmi, patrimonio Unesco…) e preziose testimonianze del passato (la grotta del Romito di Papasidero, uno dei più antichi esempi d’arte preistorica in Italia, il Codice Purpureo di Rossano, la Cattolica di Stilo, gli scavi della Sibaritide, l’area di Gerace, il Castello di Santa Severina, San Giovanni Therestis a Bivongi, il Duomo gotico cistercense di Cosenza, tra i più noti e particolari edifici sacri dell’Italia Meridionale…). Alla Borsa Internazionale del Turismo pure la Sicilia ha puntato sulla cultura, trascurando i suoi grandi attrattori per lanciare itinerari alternativi che si snodano tra le isole Egadi; la via Valeria (strada romana che connetteva Messina a Marsala); i siti di Sabucina, Polizello, Lentini, Pantalica e Thapsos, custodi delle origini della Sicilia; i castelli medievali dell'entroterra siciliano, da Gela a Sperlinga; la Catania sotterranea; i teatri greco-romani più piccoli, tra cui quelli di Tindari, Palazzolo, Eraclea Minoa. Storia in primo piano all'Elba, in festa per il bicentenario dell’arrivo di Napoleone Bonaparte, che per 10 mesi, dopo l'abdicazione di Fontainebleau, impose la lussureggiante Isola toscana all'attenzione d'Europa. Per l’occasione riportata ai fasti bonaparteschi la residenza dei Mulini, oggi Museo Nazionale, e in arrivo all’Elba la tenda utilizzata da Napoleone per i suoi spostamenti, vera e propria reggia itinerante. La Puglia turistica, che nell'immaginario internazionale, grazie a operazioni come il recupero delle masserie e l’accurata valorizzazione del patrimonio enogastronomico, anche quest’anno si è presentata alla Borsa Internazionale del Turismo con dati da 1° della classe. Al seguito Riccardo Scamarcio, testimonial della ‘sua’ provincia di Barletta-Andria-Trani, che annovera meraviglie come Castel del Monte di Andria, sito Unesco, il Castello Svevo di Barletta o la Cattedrale di Trani. Sempre più esaltanti le performances di Matera (nel 2013 200mila arrivi), che diventa così il fulcro della nuova offerta turistica della Basilicata, costruita non solo sul mare di Maratea e Metaponto, ma pure sui percorsi religiosi delle chiese rupestri e dell'arte sacra, sugli itinerari federiciani, naturalistici e del buongusto. Longevità e qualità della vita i temi chiavi del marketing territoriale della Sardegna, che continua ad essere calamita di vacanzieri (nel 2013 1,2 milioni di presenze in più, pari al 13%). In previsione di Expo 2015, alla BIT la Campania ha presentato il progetto "Viaggio in Campania. Sulle orme del Grand Tour", 9 itinerari (Napoli, Campi Flegrei e terra dei Vulcani, Vesuvio, Sorrento, Capri, Ischia, Procida…) per 9 mesi di mostre, eventi culturali, visite a musei e bellezze archeologiche per rivivere, in chiave moderna, il viaggio di formazione intrapreso da alcuni raffinatissimi intellettuali europei del Settecento. In calendario ancora visite notturne agli scavi di Ercolano, al Gran Cono del Vesuvio. E un'Associazione per promuovere il Cilento, mari e monti rigorosamente votati alla dieta mediterranea e, dunque, a benessere e lunga vita. Il Piemonte, che ha dalla sua i luoghi di Papa Francesco (Portacomaro, le colline dell'Astigiano e delle Langhe) e l’Ostensione della Sindone da aprile a giugno 2015, per celebrare il bicentenario della nascita di San Giovanni Bosco, ha lanciato la 1° piattaforma istituzionale turistica italiana, che permette di prenotare gli alberghi a tariffe scontate e di acquistare tutte le eccellenze del territorio con pochi click. Apertura del 1° destination blog per le Marche, la regione più social d'Italia, 1° su Twitter per numero di followers ( più di 30.000). Presentata alla Borsa Internazionale del Turismo la cartoguida della Via Francigena, che porta dalla contea inglese di Kent, attraverso la Francia e il confine svizzero, fino a Roma. In Italia questa affascinante "via della fede", costellata da luoghi di sosta, villaggi e abbazie, che al volgere del 1° millennio portò migliaia di pellegrini da tutta Europa sulla tomba dell'Apostolo Pietro, magari per poi proseguire verso la Terra Santa, attraversa ben 5 Regioni: Piemonte, Liguria, Emilia Romagna, Toscana e Lazio. Dedicate agli ospiti di Expo anche “La Via del Mare”, 160 chilometri di rete sentieristica (curiosamente più lunga del percorso autostradale dell'A7 solo di una quindicina di chilometri), da percorrere a piedi, in mountain bike o, in parte, a cavallo,che da Milano, attraverso il Parco del Ticino, conduce al Parco di Portofino. La “Strada dei Vini del Cantico”, che collega i territori umbri (Perugia, Todi, Assisi, Spello, Bettona, Cannara, Torgiano, Massa Martana, Collazzone, Marsciano, Monte Castello di Vibio, Fratta Todina) di una Docg (Torgiano Rosso Riserva) e 5 Doc (Assisi, Torgiano, Todi, Colli Martani, Colli Perugini). La “Strada delle Abbazie”, itinerario storico, artistico ed enogastronomico alla scoperta di 9 abbazie lombarde, da quella di Monluè a quelle di Chiaravalle, Viboldone e Morimondo. Le Strade dei Vini e degli Olii del Lazio, che a Milano, pensando proprio all’Expo del food, ha eletto l'enogastronomia e i sapori tradizionali quali ambasciatori dei suoi territori nel mondo. Come sempre era presente la nostra Mediapresse, con il CEO Antonio Campanile,per salutare i suoi clienti e sviluppare nuove partnership. Né poteva mancare INEWS. Ed è stato davvero un piacere dovervi raccontare la BIT, perché girando forsennatamente per i 4 Padiglioni, per non lasciare nulla al caso, abbiamo fatto letteralmente il pieno di profumi e sapori indimenticabili. Appuntamento all’edizione 2015, sempre alla Fiera di Milano, dal 12 al 14 febbraio. Quando l’Esposizione Universale sarà ancora più vicina e perciò la BIT, promette il neo direttore Cristina Tasselli, ancora più ricca. INEWS 21
    • e vents Daniela Corti Presentazione "Ozero Komo" 22 INEWS U n folto pubblico ha presenziato ieri pomeriggio al Palace Hotel di Como alla presentazione della nuova rivista dedicata al Lago di Como e scritta in cirillico. Ozero Komo, che significa appunto Lago di Como, è nata da un'idea innovatrice di Tatiana Rykoun, dal 1997 guida turistica a Como, di origine moscovita, già insegnante di russo all'Università dell'Insubria, è la prima rivista che si propone ai turisti russi e non solo. Tatiana Rykoun, editore e direttore responsabile, alla presenza di numerosi imprenditori, commercianti ed albergatori della zona, ha illustrato nella sala dell'Hotel Palace i fini della sua iniziativa:fornire informazioni dettagliate e diffondere la cultura del luogo ai russi di cui si contano 5000 presenze tra Como, Milano ed il Ticino che sono persone davvero esigenti, rivolgendosi però anche ai territori limitrofi, ed in un secondo momento organizzare tour per piccoli gruppi non solo sul lago, ma anche in altre zone d'Italia, magari sconosciute ai più e dove arrivare da soli è difficile. La rivista, si presenta accattivante, ottanta pagine su carta patinata, foto bellissime di Como e dei suoi luoghi più affascinanti e romantici, e ben strutturata. Sarà posizionata negli alberghi, nei ristoranti della provincia con cadenza trimestrale, giungerà anche alle agenzie turistiche di Mosca e San Pietroburgo, cosi da stimolare chi programma viaggi sul lago, manager e non, a restare incantati dal territorio. Il lago di Como ed i suoi angoli magici, e la sua storia sono molto conosciuti in Russia, grazie anche alle star di Hollywood che vi dimorano e sono sempre in numero maggiore coloro che dalla fredda Russia si spingono fino a noi per acquistare casa o cercare temporaneo rifugio dallo stress sulle rive di quello che è considerato il più bel lago del mondo. La rivista è già stata presentata alla BIT di Milano e a Ristorexpo, ed è davvero un'occasione diversa ma importante di visibilità per tutti gli esperti del settore. INEWS 23
    • e vents italiannews.ch SWISS MULTIKULTI LIFESTYLE MAGAZINE IL 10 FEBBRAIO 2014 HA PRESO IL VIA UNO DEI PIÙ GRANDI E COMPLESSI PROGETTI LOGISTICI E DI MONTAGGIO DELLA SVIZZERA: L’ALLESTIMENTO DEL SALONE BASELWORLD 2014. N elle prossime cinque settimane, nella città di Basilea e nell’area circostante si svolgerà uno dei più grandi progetti logistici e di montaggio della Svizzera. Durante le otto giornate di Baselworld − il salone dell’orologeria e della gioielleria più importante a livello mondiale − verrà consegnato materiale proveniente da tutta Europa per l’allestimento dei fantastici pavillon fieristici. Per affrontare al meglio l’allestimento di questo evento che si tiene ogni anno, serve una pianificazione logistica ben studiata. Nei padiglioni di MCH Group, nell’arco di sei settimane e con la collaborazione di migliaia di addetti, verrà allestita una vera e propria cittadina con edifici a più piani che, sotto molti aspetti, fanno invidia alle più famose strade per lo shopping in Svizzera e all’estero. Per affrontare in maniera professionale l’allestimento di questo mastodontico evento, MCH Group con sede a Basilea ha sviluppato un complesso piano logistico. I colli che giungeranno da tutta Europa e, in parte, anche da oltre oceano, saranno trasportati nel luogo finale di destinazione in centro città in base a un piano dettagliatissimo. Sono necessarie centinaia di migliaia di tonnellate di acciaio, legno, plastica, vetro, cavi e altro materiale per allestire questa «cittadina nei padiglioni». I camion in attesa in appositi spazi situati fuori dalla città saranno chiamati via radio e raggiungeranno poi, percorrendo 24 INEWS Michael Campbell tragitti prestabiliti, l’area fieristica dove saranno scaricati in brevissimo tempo. Il piano è stato stilato con una precisione che spacca il minuto. Già solo un minimo ritardo di un singolo camion può comportare un ritardo non più recuperabile nell’allestimento di Baselworld. Spaccato dei rami commerciali e delle branche più disparati Non è esagerato affermare che nei padiglioni fieristici verrà allestita una vera e propria cittadina. Durante le sei settimane fino all’inizio dell’evento, 20'000 addetti saranno impegnati nei lavori d’allestimento. Per di più, non si tratta di stand fieristici normali ma di enormi edifici di più piani, con ampi spazi, ascensori, impianti WC, cucine, uffici ecc. In questa fase, i padiglioni a Basilea sembrano un immenso cantiere internazionale. All’allestimento di Baselworld lavorano contemporaneamente, durante sei settimane, migliaia di addetti ed esperti dei settori più disparati. Specialisti di costruzioni in acciaio, elettricisti, installatori idrosanitari, specialisti di statica edile, architetti, imbianchini, falegnami, posatori di tappeti, decoratori, ingegneri di impianti d’illuminazione, informatici, autisti − per citarne solo alcuni − raggiungono, tutti gli anni, la città svizzera sulle rive del Reno da tutta la Svizzera e da tutta Europa. MIPS 2014 at VILLA PADIERNA DA BRUNO FLAMENCO PIZZA José Parra a Marbella MASSIMO VITA INEWS 25
    • Impressum Editorial Editor ¡Llega la primavera! Marzo trae eventos, negocios y mucha solidaridad Antonio Campanile Managing Editor Pina Bevilacqua Testimonial VIP Umberto Tozzi DIRECTOR DE MARKETING Y PUBLICIDAD Antonio Campanile JEFES DE REDACCIÓN Gabriella Groppetti (Redacción alemana/deutsche Redaktion) Heidi Giuliani (Redacción alemana/deutsche Redaktion) Bryan Basnayake (Redacción inglesa/englische Redaktion) Mursia Petrachi (Redacción italiana/italienische Redaktion) Carla Bordoli Crivelli Visconti (Redacción española/spanische Redaktion) Luisa Pavesio (italienische Redaktion) REDACCIÓN Daniela Corti Cristiana Corti Isabel Moreno Sánchez Gabriele Beate Hefele Juan Miguel Fernández Pérez Ana Parra Rojas Jorge Juan López Carrera Lola Montes Bruña Lidia Moreno Aguilar Luana Pavesi Sofia Beatrice Monti Zulay Gómez Carrera Luciano Pappalardo Pasquale Balestriere María José Camacho Pérez Corina Butas Vania Penha da Silva INFORMACIÓN en alemán, COSTA DEL SOL Gabriele Beate Hefele (periodista) MARKETING/PUBLICIDAD News@campanile.ch RELACIONES PÚBLICAS Luana Pavesi (marketing/PR/comunicación) Fotografía Antonia Guerra INFORMACIÓN MÚSICA Y EVENTOS Sofía Beatrice Monti (cantante y relaciones públicas) MODA, IMAGEN, TENDENCIAS Lola Montes Bruña (personal shopper) María José Camacho Pérez (hair stylist) Vania Penha da Silva (beauty consultant) GASTRONOMÍA NACIONAL E INTERNACIONAL Bruno Filippone Luciano Pappalardo (Chef) Pasquale Balestriere (Chef) Zulay Gómez Carrera (ayudante Chef y control aprovisionamiento) INFORMACIÓN ECONOMÍA Y FINANZAS Juan Miguel Fernández Pérez (derecho y fiscalidad) Jorge Juan López Carrera (inversiones financieras) Queridas lectoras, queridos lectores: Es al comienzo de la primavera que las flores se despiertan, las plantas vuelven a lucir su color más vivo, y también nosotros de INEWS SPAIN nos sentimos llenos de energía y de entusiasmo, especialmente a la luz de los eventos que a partir de este mes tan esperanzador llenarán nuestras páginas de INEWS y nuestras agendas personales y profesionales. Restaurantes y hoteles reabren sus puertas para la nueva temporada que se acerca, los palacios de congresos de la Costa del Sol retoman sus actividades, las empresas de catering elaboran sus menús novedosos de gastronomía nacional e internacional, dada la gran variedad de clientes residentes y ocasionales de todo el mundo que vienen a este lugar por muchos definido como “la California de Europa”. También acompañan este comienzo de primavera las iniciativas solidarias de los rotarios de la Costa del Sol, entre las que mencionamos la primera que tendrá lugar, creando mucha expectación, el día 23 de marzo, en ocasión del maratón de 10km organizado por el Club Atletismo Estepona con el apoyo del Ayuntamiento de la ciudad malagueña, conjuntamente precisamente con el RC Estepona – Costa del Sol, como nos ilustra su Presidente Juan Miguel Fernández Pérez, con un fin solidario de todo respeto: “End Polio Now”, pongamos fin a la polio, iniciativa que Rotary International está llevando a cabo desde 1979 en todos los Países del Mundo (fuente: www.rotary.org/es). A día de hoy todavía quedan tres focos contra los que actuar con contundencia vacunando a la población sobre todo infantil más a riesgo: Nigeria, Afganistán y Pakistán. Cada inscripción (8 euro.) al maratón de Estepona del día 23 de marzo de este año, por lo tanto, permitirá vacunar a 18 niños en los Países en los que todavía hay focos de esta enfermedad, por muy increíble que parezca en el siglo XXI. Los niños hasta 9 años de edad, participarán en el maratón con un recorrido simbólico de 350m, y los de 10 y 11 años recorrerán una distancia de 700m. Al final a todos les esperará su merecido premio: una medalla con la que seguramente hasta dormirán por la noche, ¡orgullosos de su logro deportivo y solidario! La carrera de las categorías Infantil y Cadete será de 1.500m. Y para los adultos el gran reto: ¡10.000m! ¡Animaos a participar! Carla Bordoli Crivelli Visconti INFORMACIÓN MÉDICO-CIENTÍFICA Ana Parra Rojas Arte Emilio Bordoli Katia Biundo COLABORADORES WEB Y REDES SOCIALES Vincenzo Ottavio Pesce (web&community manager) Lidia Moreno Aguilar (community manager) Corina Butas (social networker) INICIATIVAS SOCIO-CULTURALES Rotary Club Estepona – Costa del Sol 26 INEWS INEWS 27 INEWS 27
    • e vents Antonio Chaves Acto de presentación del Marbella International Property Show 2014. José Luis Hernández, Ricardo Arranz y José María García Urbano. Marbella International Property Show 2014 aborda las nuevas oportunidades del sector inmobiliario Villa Padierna Palace Hotel acoge del 18 al 21 de marzo la segunda edición del MIPS con las mejores propiedades de Marbella, Estepona y Benahavís, nuevos productos y jornadas de debate con expertos del sector inmobiliario dirigidos a los mercados ruso, chino, árabe y europeo 28 INEWS Ricardo Arranz subraya que el momento actual es crucial en dos vertientes: sacar al mercado el stock actual procedente de las entidades bancarias y abordar nuevos productos con arquitectura vanguardista, nuevas tecnologías y ahorro energético V illa Padierna Palace Hotel acogerá del 18 al 21 de marzo la segunda edición de Marbella International Property Show (MIPS), un salón inmobiliario y foro de debate sobre inversiones de referencia en la Costa del Sol en el que se exhibirán y pondrán en el mercado las mejores propiedades que actualmente se encuentran en el Triángulo de Oro, formado por los municipios de Marbella, Estepona y Benahavís. El presidente de Villa Padierna Hotels and Resorts, Ricardo Arranz, ha estado acompañado en la presentación del MIPS 2014 por el alcalde de Estepona, José María García Urbano; el alcalde de Benahavís, José Antonio Mena; y el concejal de Turismo del Ayuntamiento de Marbella, José Luis Hernandez. Ricardo Arranz ha subrayado que MIPS 2014 se consolida en un momento de grandes oportunidades, con indicadores de recuperación económica y que en el sector inmobiliario se enfrenta a dos retos: “Por un lado sacar al mercado el stock que acumulan, en su mayor medida, las entidades financieras y, por otro lado, abordar un nuevo modelo de construcción con una arquitectura vanguardista, nuevas tecnologías y ahorro energético, todo ello adaptado a los nuevos tiempos”, ha recalcado. Los alcaldes de Estepona y Benahavís, José María García Urbano y José Antonio Mena, así como el concejal de Turismo de Marbella, José Luis Hernández, han mostrado su apoyo institucional al MIPS 2014, evento del que son colaboradores y del que han destacado la gran acogida en su primera edición en 2013. José María García Urbano ha afirmado que “todo lo que sea fomentar y promocionar el Triángulo de Oro es por el interés de todos”. MIPS 2014 ofrece una amplia selección de viviendas del Triángulo de Oro, de las cuales el 90% proceden de entidades bancarias y cuentan con un descuento mínimo del 50% y con una financiación de hasta el 70% del valor de la propiedad. Los expositores se dispondrán según el tipo de vivienda y se dividirán en propiedades de hasta 300.000 euros, de 300.000 a 600.000 euros, de 600.000 a 1 millón de euros; y por encima de 1 millón de euros. Asimismo, el MIPS 2014 desarrollará los nuevos productos Residence y Private Residence Club con escasa incidencia aún en el mercado inmobiliario nacional pero con un fuerte respaldo y afianzamiento en mercados internacionales de prestigio. Estos nuevos productos ofrecen la posibilidad de adquirir inmuebles de lujo y con servicios de primer nivel durante una determinada época del año. El cliente adquiere así la propiedad sólo durante el tiempo que la va a disfrutar, con lo que evita los inconvenientes que puede generar una propiedad durante todo el año. FORO DE NEGOCIO E INVERSIONES EXTRANJERAS MIPS 2014 aboga nuevamente por la configuración de un importante foro de negocios en el que expertos de reconocido prestigio que incluyen economistas, abogados, arquitectos, autoridades institucionales y expertos de primer nivel nacional e internacional en el ámbito inmobiliario y de inversiones y que abordarán las oportunidades de negocio en España por parte de los principales mercados emergentes: Rusia y Comunidad de Estados Independientes (CEI); China, Países del Golfo y Europa. La Ley de Emprendedores, su desarrollo y las oportunidades de negocio e inversiones que abre será uno de los ejes centrales de las jornadas de debate MIPS 2014, que se establecerá en cuatro bloques diferenciados: CEI Forum, Europa Forum; Países del Golfo Forum y China Forum. Estas jornadas de debate despertaron un gran interés en la edición MIPS 2013 congregando a unos 500 asistentes. MIPS 2014 abrirá sus puertas en el Hotel Villa Padierna en un momento en el que crecen las inversiones extranjeras en el sector inmobiliario y otros sectores en la Costa del Sol. Según la estadística oficial del Gobierno, Málaga acapara el 14% de las transacciones inmobiliarias realizadas por extranjeros en España durante los tres primeros trimestres de 2013. Este auge de oportunidades en Málaga y especialmente en el Triángulo de Oro se verá reforzado por la recientemente aprobada Ley de Emprendedores que, entre otros aspectos, dispone otorgar permiso de residencia a los extranjeros que realicen inversiones mayores de 500.000 euros en el sector inmobiliario. INEWS 29
    • e vents e vents Antonio Chaves Carla Bordoli C. V. MIPS Presentation in Villa Padierna Palace Hotel A The presentation of MIPS took place on the 13th of February in Villa Padierna Palace Hotel. Following the success of our recent “MIPS” (Marbella International Property Show and Investment Forum) event in May this year they will be holding the second show this year from the 18th to the 21st of March 2014. mong the attendees of the presentation were: President Villa Padierna Hotels and Resorts, Ricardo Arranz, Mayor of Estepona, José María García Urbano, the mayor of Benahavis, José Antonio Mena, and the Councillor for Tourism Marbella Town Hall, José Luis Hernandez. The response, press coverage and feedback from the first property show ( MIPS ) has been phenomenal with over 500 guests attending the event over the 4 day period. The speakers were of a very high calibre and amongst them we were fortunate to have sector professionals, economists, academics, financial bodies, leaders from the public sector and other Spanish and International experts that were able to offer in depth knowledge and advice dedicated to buyers from Asia, Russia, Scandinavia, the Middle East and Europe with two round table discussions each day of the event followed by a cocktail. 30 INEWS No admission fee was charged and the event was attended by both clients and professionals who found the seminars both informative and relaxed with the possibility of asking questions and conversing directly with the speakers. The property showroom provided a fantastic showcase of product with a selection of developer, bank and resale propertiesmostly within the Golden Triangle formed by Marbella, Benahavís and Estepona. The second MIPS event to be held in 18th, 19th, 20th and 21st March 2014 and will have the same format and will showcase a wide range of product as well as offer daily seminars each day dedicated to a different emerging market. For further information on MIPS in March 2014 please do not hesitate to contact us. www.mips2014.com MEDI@PRESSE & INEWS MEDIAPARTNERS DEL MARBELLA INTERNATIONAL PROPERTY SHOW & INVESTMENT FORUM (MIPS) - 18-21 DE MARZO 2014 E l pasado 20 de febrero ha sido un día muy especial. La agencia de marketing y relaciones públicas internacionales Medi@Presse Campanile, de Zurich, editora de la revista INEWS, ha llegado a un acuerdo de colaboración como mediapartner del MIPS (Marbella International Property Show & Investment Forum), el salón inmobiliario que en su segunda edición dedicará un día a cada una de las zonas geográficas de mayor potencial inversor en la Costa del Sol y en especial a las situadas en el Triángulo de Oro: Marbella-Estepona-Benahavís. CEI (Comunidad Estados Independientes), China, Europa y Países del Golfo serán protagonistas de los cuatro días de exposición y foro de mesas redondas entre el 18 y el 21 de marzo de este año. El evento tendrá lugar en el espléndido marco del Hotel Villa Padierna Palace (www.villapadiernapalacehotel. com). El salón incluirá carteras de propiedades de varios Bancos e instituciones financieras y en los foros, profesionales del sector e inversores, podrán recibir información extremadamente valiosa para el desarrollo y la gestión de la recuperación inmobiliaria de la Costa del Sol frente a los mercados internacionales consolidados en el pasado como fuente de gran número de inversiones y a los mercados emergentes para los que hay que prepararse, como China, CEI y Golfo Pérsico. Asimismo, MIPS 2014 abordará los nuevos productos de turismo residencial que pueden abrir una nueva era en la concepción turística en España y en el Triángulo de Oro. Se trata de los Residence y Private Residence Club, unos productos con gran desarrollo y éxito en mercados turísticos de gran prestigio y calidad en diversas zonas del mundo, pero que aún no han tenido la posibilidad de abrirse camino en España. En reunión mantenida con el Equipo de Comunicación del MIPS compuesto por Jesús Ramos (en la foto), Juan Manuel Martín y Antonio Chaves, la revista suiza multicultural y multilingüe INEWS (www.italiannews.ch) y Medi@Presse Campanile (www.campanile.ch), han promovido un proyecto cuyo objetivo inicial será el de dar mayor visibilidad en Centro Europa a este evento tan importante para comprender hacia dónde va el mercado que más fuerza tiene en la llamada “California de Europa”: el mercado inmobiliario. Los participantes, todos profesionales del “real estate”, serán urbanizadores, promotores, constructores, Bancos e instituciones financieras, asesores financieros, abogados, arquitectos, y funcionarios del Gobierno y expertos del sector turístico residencial. Durante el Salón Inmobiliario, se realizarán publicaciones, reportajes y entrevistas para llevar la información de este evento que tendrá lugar en el premiado como “Mejor Hotel de España” por la International Hotel Awards (www.ihotelawards.com), a todos nuestros lectores de INEWS en centro Europa y Rusia. www.italiannews.ch - www.campanile.ch INEWS 31
    • e vents Carla Bordoli C. V. JOSÉ PARRA Flamenco Pizza in Marbella Medi@Presse and INEWS land on Costa del Sol! E ven before establishing a Spanish seat, choosing among the various possible locations and partners he already met in these last few months in the European Californian area named Costa del Sol, the Publisher of INEWS (www.italiannews.ch) Antonio Campanile, CEO of the Public Relations and International Communications and Marketing Agency Medi@Presse (www.campanile. ch) from Zurich, was asked few weeks ago to organize a Flamenco Event in Marbella, in order to listen, evaluate and consequently enlist 10 flamenco musicians to his clients base. These artists had contacted him because they wish him to promote themselves as singers and musicians abroad. Looking for the right place to perform this event with such well-known Spanish artists, we decided to choose Da Bruno Sul Mare Restaurant (www. dabruno.com), on Marbella Paseo Marítimo, which has always had the characteristics of being very similar to a theatre-restaurant, with its central stage surrounded by tables. In fact, Mr and Mrs Filippone, owners of the beautiful and elegant restaurant on the seaside, agreed immediately with the idea: 10 artists, whose names are famous in the whole country: surely a successful initiative which made the 32 INEWS restaurant being working like during a high season night, everybody being happy with such professional music and songs enlivening the evening and a special “Flamento Pizza Menu”. The artists: José Parra (flamenco singer), Antonio Soto (guitar), Juan Heredia with Irra and “El Fosil” (percussion), Lorena Alcaráz (flute), Juan Baca (contrabass), Andi Hernández (bass), Borja González (piano) and, for her first time in public, José Parra’s daughter, Saray, very young but with an amazing talent for singing flamenco with deep passion. We were joined also by members of Estepona Rotary Club (www.rc-estepona.org), who came to the event in order to strengthen the bonds of friendship amongst them, being this one of the main aims of Rotary Club in the world, beyond charity and service to all nations and people worldwide. A great success indeed, which we hope will take these artists soon to Zurich headquarters of Medi@Presse and INEWS for more beautiful Flamenco festivals. We would like to hope that this could be repeated in both Lake Como and Zurich following such a fantastic enjoyable Marbella experience. www.italiannews.ch www.campanile.ch INEWS 33
    • m edia Carla Bordoli C.V. Un nuovo vento editoriale soffia su Italia e Svizzera Maurizio Giunco e Cesare Baj, rispettivamente Presidente di Espansione S.r.l. ed Amministratore Delegato di Editoriale S.r.l., incontrano a Como l’Editore svizzero Antonio Campanile P resentato a Como il progetto di accordo editoriale tra il quotidiano Corriere di Como, in edicola con il Corriere della Sera in provincia di Como, edito da Editoriale S.r.l., e il mensile multilingue e multiculturale INEWS – italiannews.ch, edito da Medi@presse Campanile, Zurigo. Il progetto intende promuovere in varie lingue (italiano, inglese, francese, tedesco, spagnolo, russo) il territorio di Como, lanciando oltralpe l’immagine della città attraverso la carta stampata e online nel resto del mondo, grazie al sito web www.italiannews.ch. L’intento è quello di incrementare turismo e commercio attraverso reportages, interviste a imprenditori e servizi su eventi di attualità e culturali che si svolgono nei rispettivi territori. Dall’incontro, alla presenza della responsabile del progetto Carla Bordoli Crivelli Visconti, è emersa la consapevolezza di far nascere una strategia editoriale di particolare impatto mediatico grazie all’internazionalizzazione. Questo connubio si prefigge di promuovere la stessa multiculturalitá e apertura europea multilingue che si rese evidente vent’anni fa, il 3 febbraio 1989, quando lo stesso editore Campanile, CEO della agenzia di comunicazione, marketing e relazioni pubbliche internazionali Medi@Presse di Zurigo, per la prima volta inserì pagine in lingua italiana nel quotidiano Tagblatt der Stadt Zürich del gruppo Tamedia.ch, diffuso in 200.000 copie ( www. tagblattzuerich.ch ). Il Corriere di Como, abbinato al Corriere della Sera, è diffuso in provincia di Como presso il pubblico più qualificato dei decisori e degli imprenditori. 34 INEWS Nato nel 1997, ha introdotto una serie di innovazioni, che vanno dalla grafica a un esteso impiego del web e di altre piattaforme elettroniche, allo stretto connubio con un altro mezzo dello stesso gruppo, Espansione Tv, emittente leader nel territorio comasco e, dall’avvento del digitale terrestre, anche nel resto della Lombardia e nel Canton Ticino. Ma l’Editoriale S.r.l. non si limita alla pubblicazione del quotidiano. Notevole la produzione di libri di interesse locale, sia nel campo della saggistica sia in quello della narrativa, che ha dato a tanti autori comaschi l’opportunità di farsi conoscere. L’ agenzia Medi@Presse, editrice di INEWS, annovera tra i suoi prestigiosi clienti nomi quali Helvetic Airways, Mövenpick, Migros, Alitalia, Enit, Justex Watch ed Elba Promotion. Ha ideato il trofeo di calcio della cittá di Zurigo organizzando l’incontro Zurigo-Milan. Cura anche l’immagine a livello internazionale del famoso cuoco della RAI Beppe Zullo e ha organizzato, tra gli altri, l’evento turistico “La Puglia in Svizzera”al Letzipark di Zurigo. Ha dato consulenza artistica alla Televisione Svizzera SFR e ha organizzato in più edizioni la “Italienische Nacht”, con cantanti del calibro di Al Bano, Toto Cutugno, Umberto Tozzi e Laura Pausini. Non da ultimo, da più di un anno pubblica e promuove EXPO 2015 MILANO. Gli inserzionisti italiani e svizzeri, da questo accordo tra editori sensibili alle realtà transfrontaliere, si vedranno agevolati da offerte combinate, con visibilità e riscontro potenziati. www.corrierecomo.it, www.espansionetv.it, www.italiannews.ch, www.campanile.ch INEWS 35
    • b usiness Carla Bordoli C.V. Como e il Lario La “Cittá della Seta” si apre al turismo ed alle proposte di Medi@Presse Campanile, Zurigo L ocation di Medi@Presse e INEWS a Como, l’elegante cittá sbocco naturale del turismo proveniente dalla Svizzera in cerca dello stile, della moda, del “Made in Italy” e delle bellezze di paesaggi, ville, e paesi famosi come Menaggio, Bellagio, Cernobbio, ed altri. Anche noi non potevamo mancare, sempre alla ricerca di partners con i quali creare la differenza che susciti l’interesse dei lettori di www.italiannews. ch e stuzzichi il business-feeling dei clienti della nostra agenzia di comunicazione e marketing internazionale. Proposte, progetti, idee: riunioni molto interessanti con vari professionisti di altrettanti settori, con i quali stringere accordi che sicuramente daranno frutti a corto, medio e lungo termine e movimento alla cittá. Musica, arte, eventi, workshop di stampa internazionale, promozioni estere, sport. In studio anche il progetto di un brillante accordo editoriale con il periodico Il Corriere di Como, in edicola con Il Corriere della Sera. Molto interesse, e dettagli da definire, tra le due testate. Il fine? L’internazionalizzazione della piazza, a beneficio di inserzionisti e imprenditori che vogliano maggiore visibilitá, accompagnati, sostenuti e consigliati dalla professionalitá ed esperienza di entrambe le case editrici. E per gli inserzionisti e clienti svizzeri, l’entrata in un mercato di livello ed in continua crescita come é quello del comasco e dintorni, motore importante dell’economia di tutto il Paese. Sicuramente anche il fatto di avere un cittadino famoso come George Clooney ha contribuito ad incrementare il turismo e l’interesse per la cittá, prova ne é il ranking dei brand del settore, insieme a cittá famose a livello globale come Roma, Venezia e Firenze, ma piú che parole e statistiche di visite, vogliamo far vedere ai nostri lettori la migliore testimonianza: stupende foto scattate in una di quelle settimane nelle quali il Lario si distingue per il suo splendido colore blu cobalto, in netto contrasto con la neve sulle cime delle Alpi, ben visibili da Brunate e dalla Villa del Grumello, Cernobbio. Un ringraziamento caloroso, pertanto, a tutti coloro che fino ad ora ci hanno accolti con entusiasmo e interesse proattivi, essendo questa la base di molti programmi per questo anno 2014 e i successivi. Foto: Medi@Presse by Tony Campà 36 INEWS INEWS 37
    • m usic italiannews Pina Bevilacqua SWISS MULTIKULTI LIFESTYLE MAGAZINE MU SIC claUDIO Abbado Un silenzio assordante I l suo fondatore non c’è più, ma la Lucerne Festival Orchestra, in agosto, diretta dal lettone Andris Nelsons, comunque animerà il Festival di Lucerna, che per rendere ulteriormente omaggio a Claudio Abbado adotterà il programma ideato da lui. Tra l’altro nell’ultimo disco del grande direttore d'orchestra, uscito postumo, c’è proprio una registrazione al Festival di Lucerna del marzo 2013, in cui il Maestro dirige 2 concerti del suo amato Mozart (il n.25 in Do maggiore K 503 e il n.20 in Re minore K 466),insieme alla sua creatura, l'Orchestra Mozart di Bologna, e alla pianista Marta Argerich. E la Mozart, che poco prima della morte di Abbado, il 20 gennaio scorso, aveva annunciato la temporanea chiusura per problemi finanziari, annullando i concerti, forse non sparirà. Anche perché Riccardo Muti la dirigerà, insieme alla sua Orchestra Giovanile Luigi Cherubini, il 30 giugno, al 25° Ravenna Festival, diretto dalla consorte Cristina Mazzavillani Muti. In programma il Concerto per pianoforte e orchestra n.3 di Beethoven (solista David Fray) e la Sinfonia n.5 di Ciajkovskij. Andandosene il Maestro ha lasciato un vuoto incolmabile, che in parte verrà colmato dalla sua musica immortale e dal ricordo di un grandissimo dell’Arte e della vita. Era nato a Milano il 26 giugno del ‘33, da famiglia piemontese-siciliana. Il padre Michelangelo era violinista. Abbado ha iniziato la sua carriera dopo gli studi al Conservatorio di Milano, nel 1958. Ha avuto la responsabilità della direzione stabile e musicale delle più prestigiose istituzioni musicali del mondo come il Teatro alla Scala (1968-86), la Staatsoper di Vienna (1986-1991), la Berliner Philharmoniker (1991-2002). Nel suo ampio repertorio, oltre ai compositori dell’ultimo romanticismo, anche le avanguardie del Novecento e i musicisti contemporanei. Per questo, ed altro ancora, è stato insignito di onorificenze e riconoscimenti in tutto il mondo e il 30 agosto scorso è stato nominato senatore a vita dal Presidente della Repubblica Italiana Giorgio Napolitano. Alla stellare carriera artistica Abbado ha sempre affiancato l’impegno per la divulgazione della musica, specie tra le categorie sociali più deboli. Da qui l’ideazione di istituzioni per lo studio e la conoscenza della nuova musica. 38 INEWS L’opera volta a valorizzare i giovani talenti, anche attraverso la creazione di nuove orchestre come la European Union Youth Orchestra (1978), la Chamber Orchestra of Europe (1978), la Mahler Chamber Orchestra (1986), l’Orchestra del Festival di Lucerna (2003), l’Orchestra Mozart di Bologna (2004). Le molte iniziative per allargare i confini geografici della musica, come quando chiamò per la European Union Youth Orchestra strumentisti dall’Est Europa o quando fece fortunosamente arrivare nei Berliner Philharmoniker musicisti della DDR quando c’era ancora il Muro al centro della Città. I tentativi di portarla a quanti per qualsivoglia motivo ne sono esclusi, dai concerti per lavoratori e studenti negli anni Settanta e Ottanta alle recenti esecuzioni con la sua Mozart negli ospedali e nelle carceri. Capace di unire sempre arte e impegno, a lungo nel 2008 cercò di scambiare un suo ritorno a la Scala con un cachet di 90 mila alberi per Milano. In effetti amava ripetere: «Studiosi, politici, artisti, organizzatori, responsabili e semplici cittadini possono, insieme, determinare una reale collaborazione tra arte, scienza ed etica». E considerava la sua arte un vero e proprio «servizio pubblico». Perciò gli erano così odiosi i tagli alla cultura in nome della crisi. «Si deve colpire il vero spreco ed eliminare le speculazioni», la sua ricetta.«La musica è necessaria alla vita, può cambiarla, migliorarla, in alcuni casi addirittura salvarla», diceva sempre. E per lui, colpito da un cancro allo stomaco nel 2000, la musica era diventata «la miglior medicina». Così come diceva: «La malattia è stata la mia fortuna. Non solo mi ha salvato, ma mi ha fatto riflette su tante cose, mi ha spinto a concentrarmi su quello che per me conta davvero: la musica, gli affetti». Abbado è morto nella sua casa di Bologna, dopo una lunga e fiera lotta contro la malattia. Aveva cancellato gli impegni con l’Accademia di Santa Cecilia già nel novembre scorso e dall’11 gennaio l’attività dell’Orchestra Mozart, ma ha continuato a credere, studiare, suonare, combattere, insomma vivere, fino all’ultimo. Con lui se n’è andato uno dei più grandi e innovativi direttori d’orchestra, ma anche un uomo dallo straordinario valore umano e civile. Un manifesto dell’Italia migliore. Arisa vince con Controvento la 64esima edizione del Festival di Sanremo. INEWS 39
    • m usic Francesco Rizzuti festival di sanremo Trionfa Arisa e Rocco Hunt A lla sua 6° prova sanremese è arrivata da favorita insieme a Renga e Noemi, e ce l’ha fatta, con “Controvento”, la grande Arisa. L’ex brutto anatroccolo, che ormai sfodera un look elegante, essenziale, ed anche una discreta carriera televisiva (per esempio come apprezzato giudice di X Factor 2012), avrebbe, invece, puntato su "Lentamente (il primo che passa)", il brano eliminato nella 1° serata. Ormai per la 31enne di origini lucane, già 1° delle Nuove Proposte 2009 con “Sincerità” (pure Premio della Critica) e 2° nel 2012 con “La notte”, è consacrazione. Seconda si è classificata l’incredibile accoppiata Raphael Gualazzi e la star techno punk The Bloody Beetroots, con la divertente disco soul “Liberi o no”.Terzo, con il brano ‘a presa rapida’ “Ora”, il giovane Renzo Rubino, anche Premio Miglior Arrangiamento per il brano eliminato dalla fase finale “Per sempre e poi basta”. Francesco Renga, con “Vivendo Adesso”, scritta da Elisa, si è piazzato solo 4°. Ed è stata subito polemica, come da tradizione, perché mentre il televoto aveva proiettato il cantante bresciano, vincitore 2005 con “Angelo”, al 1° posto il giovedì e al 2° nella serata finale, la giuria di qualità, indicandolo solo come 6° nelle preferenze, lo ha sfilato dal podio. Quinta Noemi (“Bagnati dal sole”), il look più stravagante del Festival e tanta solarità. A seguire Perturbazione (“L'unica”), vincitori del Premio della Sala Stampa Radio-tv-web "Lucio Dalla". Cristiano De André (“Il cielo è vuoto”), Premio della Critica “Mia Martini” e Premio della Giuria di qualità per "Invisibili", il brano eliminato la prima sera. Il veracissimo rapper Frankie Hi Nrg Mc (“Pedala”). Giusy Ferreri (“Ti porto a cena con me”) con la sua sofisticata voce gutturale. L’ex Vibrazioni Francesco Sarcina (“Nel tuo sorriso”), rivelatosi il rock più DOC della gara. 40 INEWS Giuliano Palma (“Così lontano”), decisamente a suo agio persino nel retro pop. La veterana Antonella Ruggiero (“Da lontano”), alla sua 11° partecipazione. Ron (“Sing in The Rain”), vincitore 1996, insieme a Tosca, con “Vorrei incontrarti tra cent’anni”, ed ora in un’inedita country version. Per le Nuove Proposte ha vinto il più giovane artista in gara, Rocco Hunt, con “Nu juorno buono”, un bel brano hip hop dedicato alla Terra dei Fuochi (il territorio tra le provincie di Napoli e Caserta interessato da continui roghi tossici appiccati alle discariche abusive che proliferano nella zona, ndr). «Il successo al televoto (che ha ribaltato la classifica della sala stampa, ndr) significa che la gente mi ha ascoltato», ha dichiarato il 19enne rapper salernitano,che all'annuncio della vittoria si è lasciato andare ad un lungo pianto liberatorio. Al 2° posto Diodato, con “Babilonia”. E sul palco del teatro Ariston il cantante, tastierista, batterista e autore pugliese, nato ad Aosta e di casa a Roma, ha dimostrato ancora una volta di conoscere a perfezione i meccanismi del rock contemporaneo. Terzo classificato il savonese Zibba,leader della band Zibba & Almalibre, Premio Tenco 2012, con “Senza di te”, un brano molto orecchiabile, risultato Premio della Critica “Mia Martini” e Premio della Sala Stampa Radio-tv-web "Lucio Dalla" Sezione Giovani. Un cantautore con una gran gavetta alle spalle come Diodato, sempre in bilico tra roots rock e free jazz. Quarto The Niro, da tempo una realtà importante del nuovo rock italiano, con alle spalle diversi album e centinaia di concerti. Non semplice ma di qualità il suo pezzo “1969”.Fuori dalla finale Filippo Graziani (“Le cose belle”), ottimo chitarrista figlio dell’indimenticabile Ivan. La toscana Veronica De Simone (“Nuvole che passano”), semifinalista The Voice 2013. La gran voce di Bianca (“Saprai”). Il cantautore romano Vadim (“La modernità”). Questi 2 ultimi provenienti da Area Sanremo, il concorso/accademia che porta i giovani al Festival. Tra i super ospiti, complici le celebrazioni per i 60 anni della RAI, molti inossidabili del piccolo schermo italiano, da Raffaella Carrà al Mago Silvana, da Luca Zingaretti a Terence Hill, Franca Valeri, Renzo Arbore, Enrico Brignano, Maurizio Crozza, le intramontabili Kessler. Un grandissimo Claudio Baglioni, 30 anni dopo il suo unico passaggio all'Ariston, per ritirare il Premio Canzone del Secolo per "Questo piccolo grande amore", ha regalato al pubblico in visibilio 30 minuti di emozioni e successi (“Questo piccolo grande amore", "E tu", "Strada facendo", "Avrai", "Mille giorni di te e di me", "Con voi", il brano che dà il titolo al suo nuovo progetto). Stand ovation pure per Ligabue e la sua 1°volta al Festival. Ma il magnetico rocker di Correggio si è ‘rifatto’, inaugurando la kermesse con “Creuza de Ma”, in omaggio a Fabrizio De Andrè che proprio il 18 febbraio avrebbe compiuto 74 anni, e impreziosendo la finale con alcune sue hits ("Certe notti", "Un giorno di dolore che uno ha","Il sale della terra", "Mondovisione", "Per sempre"). Incantevole Gino Paoli, che con Danilo Rea, fuoriclasse del pianoforte jazz e non solo, ha riletto Tenco e Bindi prima di interpretare "Il cielo in una stanza". Possenti la Filarmonica de La Fenice diretta da Diego Matheuz e il suo omaggio mozartiano a Claudio Abbado, ad un mese dalla scomparsa. A rappresentare la musica internazionale ci hanno pensato Cat Stevens, che ha letteralmente incantato l'Ariston con "Road Singer" e "Father and Son". Paolo Nutini, protagonista di un mini concerto partito da "Caruso" di Dalla, il suo artista italiano preferito. Damien Rice con "Cannonball" e "The Blower's Daughter". Stromae con “Formidable”. Rufus Wainwright con una cover di “Across the Universe” e la sua “Cigarettes and Chocolate Milk”. Sul palco sanremese anche l'astronauta Luca Parmitano, Claudia Cardinale, Laetitia Casta e una nutrita pattuglia di sportivi. Dalla pallavolista Veronica Angeloni a le tuffatrici Tania Cagnotto e Francesca Dallapè, il pallanuotista Amaurys Perez, il pugile Clemente Russo, lo slittinista, fresco di bronzo all'Olimpiade di Sochi, Armin Zoeggeler(6 medaglie olimpiche di fila in altrettante competizioni, record assoluto dei Giochi!). Soddisfatto l’instancabile padrone di casa Fabio Fazio, alla conduzione del suo 4° Festival di Sanremo (1999, 2000, 2013, 2014). Idem la sua immancabile spalla comica Luciana Littizzetto. Malgrado quest’anno sia davvero successo di tutto. La bufera prefestivaliera per la partecipazione di Wainwright, tacciato di blasfemia per via del suo brano “Gay Messiah”. Poi, proprio allo scoccare della prima serata, il ciclone Beppe Grillo, che, sul red carpet e al bar del teatro, ha improvvisato un comizio contro gli sperperi Rai. Il sipario che si è bloccato. La protesta choc dei disoccupati arrivati dalla Terra dei Fuochi per suicidarsi in diretta, esattamente come nel Sanremo di Baudo annata ‘95. E poi il caso di Riccardo Sinigallia, ex Tiromancino,escluso dalla gara perché uno dei suoi 2 brani, “Prima di andare via”, ai sensi del regolamento non era «nuovo», in quanto «già eseguito in pubblico», esattamente a Cremona nel giugno scorso, come da video postato sul web. Soddisfatta pure la Rai, malgrado il consistente calo di ascolti (la finale ha ottenuto una media di 9,3 milioni di spettatori con il 43.51% di share contro i 12 milioni 997 mila e il 53.80% dell’anno scorso; la media delle 5 serate è stata di 8 milioni 763 mila spettatori con il 39.32% di share contro gli 11 milioni 936 mila e il 47.26% del 2013). Anche perché, checché se ne dica, i conti del 64º Festival della Canzone Italiana (18 milioni di costi – 20.740.000 di ricavi, tra biglietti e pubblicità = 2.740.000 euro) tornano. INEWS 41
    • m usic Bisognerebbe fare un'analisi approfondita ed il discorso sarebbe troppo lungo, ma una volta le canzoni erano scritte col cuore e con i sentimenti, erano emozioni trasferite sul vinile di allora o su nastro per comunicare stati d'animo e sensazioni, entravano nell'immaginario delle persone, e sono state le colonne sonore che hanno accompagnato la vita di tanta gente; oggi purtroppo l'intento è quello di creare dei nuovi cantanti, dei nuovi giovani, mettere loro davanti il pezzo precostituito con la funzione di vendita e basta. Vediamo Sanremo che non è più quello di una volta, il giorno dopo che i fari dell'Ariston si sono spenti, la canzone è già dimenticata. Daniela Corti Sul tuo palco si sono alternati e sono passati anche artisti di grande fama e grossi nomi della musica. Si, ho avuto la fortuna di ospitare tanta, tanta gente, fra l'altro cabarettisti famosi come Aldo e Giovanni, perchè Giacomo allora non c'era ancora, i Fichi d'India, e per quanto riguarda la musica, Lucio Dalla, Gianna Nannini, Morris Albert, Alberto Fortis, i Platters che sono stati i primi in assoluto a passare dal palco del Charleston. E' stato veramente un luogo di incontro per piccoli e grandi musicisti. Raccontaci un aneddoto, un ricordo particolare. Uno dei ricordi più belli che ho è che, dopo il secondo concerto che hanno tenuto i Platters al Casinò di Campione, sono arrivati al Charleston, in Limousine con il loro manager per l'Italia che era un nostro amico e con questo ragazzo, Elvis di Erba, che cantava il repertorio di Elvis Presley, con la chitarra, siamo rimasti a suonare tutta la notte, mentre i Platters, dietro, facevano i cori. E' stato davvero un momento indimenticabile ed una delle serate più entusiasmanti che ho vissuto. Una vita dedicata alla musica Massimo Vita, Valter Azzollini, Maurizio Giunco e gli anni d’oro del “Charleston” N el 1980 apriva i battenti in Via Maurizio Monti a Como, il night "Charleston" per realizzare il sogno di Massimo Vita, grande ed unico musicista del suo genere in città: un locale tutto suo dove poter suonare con gli amici di sempre. Purtroppo, dopo 30 anni, questo rifugio per gli amanti della buona musica dal vivo ha chiuso i battenti nel gennaio 2010, ma la sua particolarità e l'incanto palpabile delle note risuonano ancora nella mente di chi era solito incontrarsi in quel luogo magico, per incontrare gli amici, bere un bicchiere di buon vino e ascoltare la voce profonda di Massimo, che faceva sognare e incantava il suo pubblico. Massimo, 30 anni dedicati alla musica e agli affezionati frequentatori del Charleston, tanti ricordi di un periodo pieno di entusiasmo e di voglia di comunicare, un palco sul quale si sono alternati personaggi, allora agli esordi e che poi sono diventati famosi, perché chiunque sapesse di musica poteva esibirsi e lasciare qualcosa di sé. E' vero, ho tantissimi ricordi fantastici di momenti di grande aggregazione nel mio locale che sicuramente ha fatto una grande storia in questa città. 42 INEWS La tua musica entrava nel cuore di chi ti ascoltava, suscitando emozioni e sentimenti profondi. Si, la scelta dei brani, dei musicisti con cui collaboravo e di quelli numerosissimi che si esibivano sul palco hanno fatto si che la musica entrasse veramente sotto la pelle di chi ascoltava. Purtroppo, questo succede sempre più raramente oggi. C'é differenza tra i frequentatori del tuo night e quelli di adesso? Sono sicuramente tre generazioni distanti tra loro nel modo di pensare: una volta il musicista era visto come colui che sul palco dava emozioni, oggi c'é una rincorsa ad afferrare il microfono, purtroppo l'avvento del karaoke ha creato situazioni pazzesche. E' diminuita anche la qualità di coloro che fanno musica, questo bisogna dirlo, ma ciò non autorizza nessuno a prendere o peggio ancora strappare i microfoni dalla mano di chi sta facendo questo lavoro. Come mai i motivi, i suoni, le canzoni di tanti anni fa sono ancora impressi nella nostra mente, mentre quelli di adesso dopo poco averli sentiti, sono già dimenticati? Sotto il tuo palco, ballando guancia a guancia le tue musiche, saranno nati molti amori e altri forse si sono spenti. Sì, per fortuna sono in numero maggiore quelli che sono finiti bene e continuano a vivere un rapporto felice e sono molto meno quelli che sono finiti. E c'è una cosa che ricordo con molto piacere, persone che io ho fatto incontrare in quel locale, hanno formato una famiglia e, negli ultimi anni, erano i figli che venivano al Charleston, anzi ti dirò che l'ultimo giorno del mio locale, quando ho dovuto chiudere, sono arrivate intere famiglie ed è stato davvero molto emozionante e toccante. Quando l'ultima nota è stata suonata erano in diversi ad avere i lucciconi agli occhi. Quali sensazioni provi quando sei al piano, ti rendi conto di essere in mezzo ad un pubblico tutto tuo, o ti isoli e la musica invade tutto il tuo essere? Cerco di capire dall'espressione e dall'atteggiamento di chi ho di fronte le reazioni che riesco a suscitare e il fatto di calamitare la loro attenzione oggi è già una cosa importante. Non mi isolo mai, sono lì per trasferire il mio modo di essere o di cantare a quelle persone, sempre che vogliano ascoltare. Ti consideri un personaggio? No, assolutamente. Sono una persona fortunata che ha avuto tanti amici sinceri, collaboratori intorno che mi hanno aiutato a crescere e a far crescere il locale, ad esempio Valter Azzollini, che è stato il primo musicista in assoluto che ha suonato al Charleston e anche l'ultimo che è venuto a chiudere la serata finale. Grazie a tutti loro il " Charleston" è un'entità che ha un'anima. Io ero soltanto il condottiero, ma non mi considero un personaggio,no. Riesci a capire quando il pubblico è attento e segue la tua musica? Si, assolutamente, lo si avverte immediatamente e quando vedi e senti che tutto il pubblico partecipa, che sei riuscito a trasmettere la tua anima di musicista, sei veramente gratificato, dimentichi la stanchezza, la fatica e vivi intensamente questa sensazione, questi momenti non hanno prezzo. Qual'è ora il tuo repertorio? Il mio repertorio ricalca tutti i pezzi classici che cantavo allora, che naturalmente vengono richiesti e devo dire che la gioventù di oggi conosce tantissimi di quei brani, mentre dimenticano più velocemente quelli di oggi, e poi ho aggiunto qualcosa di più attuale perché, giustamente, la tipologia di pubblico è eterogenea, varia dai teen agers alle mamme quindi.... Dove ti si può ascoltare ora che il Charleston è chiuso? Io sto facendo delle bellissime serate al bar Giuliani di Como, che ha preso un po’ il testimone del Charleston, non ha quel "suo" vissuto, però nell'intento della proprietà c'è questa voglia di riprendere la sua atmosfera. Al Giuliani, situato vicino alla Funicolare, suono il mercoledì e la domenica. Poi giro dove capita e dove mi chiamano, alla Mila, alla Canottieri e altri. Valter Azzollini, musicista, arrangiatore, e collaboratore di sempre di Massimo Vita, primo a salire sul palco del Charleston, non appena venuto a conoscenza del fatto che l'amico intendeva aprire un locale, racconta i loro esordi e come i momenti vissuti al Charleston sono e resteranno indimenticabili. Valter, si potrebbe ipotizzare un Charleston due? Il Charleston è stato unico, e poi adesso le condizioni sono irripetibili, anche perché c'è una situazione economica molto pesante rispetto agli anni '80 e poi problemi enormi con l'assunzione di personale. Il locale che abbiamo comunque in mente è un locale grande, le difficoltà ci sono, ma comunque non è escluso. Al momento è il nostro sogno nel cassetto, vediamo cosa succederà. Dopo tanti anni avete sempre lo stesso entusiasmo? Dal punto di vista musicale, identico, la sensazione più bella è sempre quella di suonare insieme con i fratelli musicisti, perchè ciò che passa sul palco è incredibile, l'appagamento è totale. Eravate un gruppo di ragazzi in calzoncini corti, ma pieni di energia e di voglia di far conoscere la vostra musica, quanti eravate? Quando abbiamo iniziato eravamo tre: Massimo Vita, Maurizio Giunco ed io e ci eravamo dati il nome di Belle Epoque, poi Giunco si è dedicato ad altro e noi insieme a Giorgio Casartelli e Dario Baserga siamo diventati gli Aries : veri professionisti; il nostro intento è sempre stato lo stesso, suonare e comunicare quello che sentivamo dentro. Avete passato momenti difficili? Si, ma all'inizio le difficoltà venivano prese con entusiasmo, pronti a lottare, i momenti duri sono stati quelli con le case discografiche perché era molto difficile far accettare quello che noi volevamo, cioè non un prodotto meramente commerciale, ma qualcosa di più vissuto e di più vero. Il Charleston ha chiuso i battenti nel 2010, ma chi ha vissuto questi 30 anni di magia musicale trasmessa al suo pubblico dalla voce calda e profonda di Massimo Vita, avrà sempre nel cuore il "Night di Via Maurizio Monti" Quando avete chiuso sarà stato un momento pieno di tristezza. Quella sera credo di aver pianto per tre ore di fila ininterrottamente. Erano le 5 del mattino, quando l'ultimo cliente se ne è andato, noi siamo rimasti lì fino alle otto, guardandoci in faccia e rendendoci conto che un pezzo di vita se ne andava, che forse non avremmo più avuto un'altra possibilità e, quando abbiamo abbassato la saracinesca, è stato molto, molto triste, perché sapevamo che sarebbe stato per sempre. La musica che significato ha sempre avuto per te? La musica è sempre stata la mia ispirazione, il mio modo di intendere e nella musica mi sono rifugiato nei momenti di grande tristezza o quando ero particolarmente felice, e tutto ciò si evidenzia nel mio modo di cantare e di suonare. INEWS 43
    • m usic Le Formiche Figli di nessuno Alfonso Benevento Alfonso Benevento Alessandro Casillo #Ale Dante Via Gleno Io?Drama Non resta che perdersi Le Formiche Figli di nessuno Torna Alessandro Casillo, il 'Justin Bieber' italiano, con il suo 2° album, “#Ale”, che parla di amore e non solo, come dimostrano i brani "Parlo io" e "Qualcuno sentirà", gridi di speranza e di voglia di non farsi sopraffare. Musicalmente il progetto strizza un occhio alle tendenze pop del momento e vanta la collaborazione dell’artista stesso, che sogna di poter firmare un giorno i suoi testi («Mi viene da scrivere di più la musica perché quando scrivo i testi mi sembrano sempre troppo banali come se liavesse scritti un bambino di 3 anni. Non so come mai, nei temi, invece, vado sempre piuttosto bene»). L’artista, milanese, 17 anni,una somiglianza con l’idolatrata popstar canadese e ben 300.000 followers su facebook, ha già all’attivo la vittoria al Festival di Sanremo Giovani 2012 e quella al celebre show televisivo "Io Canto" nel 2011. Grandi musicisti per “Via Gleno”, la via del carcere di Bergamo e il nuovo album rock del cantante calabrese Dante, che racconta gli oltre 3 anni passati in carcere, come già nel libro “Storia straordinaria di un uomo ordinario”. Dante, accusato di essere il nuovo capo emergente della ‘Ndrangheta a Milano, si è sempre dichiarato innocente. Ha iniziato la sua carriera musicale giovanissimo, come voce, chitarra e compositore del gruppo "I Pitagorici", con cui ha inciso 2 album prima di intraprendere, nel 1998, la strada da solista con il disco "Il Mio Grido", una produzione americana celebrata con un tour in USA e Australia. Uscito di prigione, l’artista ha fondato la Eden Music, un’etichetta discografica indipendente, e “Il villaggio della musica”, una scuola di musica per i giovani nel Canton Ticino. Si sta facendo notare l’ultimo album dei Io?Drama “Non resta che perdersi”, anticipato dal singolo “Vergani Marelli 1”. «Il brano è stato tra i primi che abbiamo arrangiato così, con questo sound che per noi è totalmente nuovo. Volevamo un suono massiccio e minimale», spiega il trio milanese. Disinteressati alle mode, difficili da etichettare, Fabrizio, Vito e Mamo si sono fatti notare sin dall’inizio per il loro impatto live, per la scrittura delle loro canzoni e per il loro caratteristico sound, una miscela di rock alternativo, cantautorato italiano e musica sperimentale. Con due dischi, due EP e circa 150 concerti in tutta Italia, la band ha anche all’attivo prestigiose performance con Perturbazione, Baustelle, Motel Connection, Marta sui Tubi, Linea 77 e Marlene Kuntz. Dopo i singoli "Le Bombe" e "Francisco", ecco il 1° album de Le Formiche, rock band nata nel 2010 a Palermo. “Figli di nessuno", registrato a Palermo e mixato a Richmond, è un perfetto mix di canzone d'autore italiana e sound americano, con forti influenze anni '60 e '70 (Johnny Cash, Bob Dylan, Talking Heads, Clash, Francesco De Gregori, Vasco Rossi). Dall'urlo generazionale di "Non ho un lavoro", passando per ballate come "Fortuna" o "Mio fratello", fino alla struggente "Sam Cardinella", la storia vera di un condannato a morte giustiziato a Chicago nel 1921, o "Storie da prigione" (che dà anche il nome ad un progetto di concerti nelle carceri portato avanti in questi mesi dal gruppo), il disco è come un libro di 11 capitoli che trae ispirazione dalla vita vera in quartieri difficili di una città come quella da cui proviene la band. Libra Sottopelle Omar Pedrini Che ci vado a fare a Londra? Pippo Pollina Roby Facchinetti Ma che vita la mia Si chiama “Sottopelle” il debut album dei Libra, band romana composta da 4 giovani musicisti, dai differenti e corposi backgrounds.Nel disco, costato un anno di duro lavoro, 10 tracce che raccontano il rapporto dei ragazzi con questo nostro complicato presente. A partire da “La calma”, il singolo che lo ha anticipato a maggio e di cui si contano già ben 4 remix. Canzone d’autore e synth, pad, drum machine, laptop, il progetto, fatto di testi curati e musiche apparentemente semplici ma in realtà molto complesse, risulta una sintesi felice tra l’elettro rock internazionale e la migliore tradizione cantautorale italiana. «“Sottopelle” è qualcosa che rimane dentro, che ti senti addosso, che ti fa muovere come un beat senza che tu te ne accorga», spiega il gruppo, tenuto sotto osservazione dalla critica specializzata. 44 INEWS Torna il rock d'autore di Omar Pedrini, che pubblica “Che ci vado a fare a Londra?”, il suo nuovo lavoro da studio, a 8 anni dal precedente “Pane, burro e medicine”. Nell’album, dal respiro british rock con sfumature psichedeliche, 18 inediti, tutti come sempre completamente firmati dal rocker bresciano, tranne “Poetry as insurgent art”, scritto con Lawrence Ferlinghetti, poeta simbolo della scena beat statunitense (di origini bresciane). Nonché le prestigiose collaborazioni con il rapper Kiave in “Jenny (scendi al fiume)”, con Ron e Dargen D’Amico in “Gaia e la balena”, con i Modena City Ramblers nel brano strumentale “Nonna Quercia folkband”. Con Michael Beasley, leader dei The Folks, nella title track, una ballad che ha anche una versione inglese (“London”), masterizzata nei celebri Exchange di Londra. SOLD OUT in Svizzera e Germania per le prime date del nuovo tour di Pippo Pollina(voce, chitarra e piano), uno dei più apprezzati esponenti della musica italiana d’autore in Europa, che ha all’attivo 19 album e oltre 4.000 concerti in Italia, Svizzera, Germania, Austria, Francia, Olanda, Svezia, Belgio, Egitto, USA. Del resto è balzato subito al 1° posto della classifica “Singer e Songwriter” di Amazon il suo nuovo disco di inediti, “L’appartenenza”. Nell’album l’artista siciliano, da sempre impegnato a dar voce a storie dimenticate, a fatti di cronaca spesso taciuti e alle vite valorose dei veri eroi della storia recente, indaga con la consueta ironia ed emozione le difficoltà dell’uomo del nostro tempo. Dedicando “E Se Ognuno Fa Qualcosa” a Don Pino Puglisi, il sacerdote ucciso dalla mafia 20 anni fa a Palermo. L’appartenenza Mentre i Pooh si concedono un lungo periodo sabbatico per prepararsi al cinquantennale dalla loro fondazione, che ricorrerà nel 2016, Roby Facchinetti, a 20 e a 30 anni di distanza dai precedenti, rilascia il suo 3° album solista, "Ma che vita la mia". Nel progetto discografico gli ultimi brani nati dalla collaborazione tra Roby (musiche) e Valerio Negrini (testi), fondatore e storico paroliere dei Pooh scomparso un anno fa per infarto. Il disco è stato anticipato dal video di “Poeta”, brano strumentale che Facchinetti ha dedicato a Negrini, impreziosito dalla voce del soprano Valeria Caponnetto Delleani. «È un lavoro molto sentito, che ha in sé tantissimi significati, con 10 brani completamente diversi uno dall'altro. I testi poi sono incredibili, e fanno riflettere», sottolinea il mitico cantante e tastierista. INEWS 45
    • c inema Alfonfo Benevento Un fantastico via vai Tutta colpa di Freud Spaghetti story Smetto quando voglio Che succede se in un appartamento di studenti un bel giorno arriva Arnaldo, un cinquantenne sposato e con due figlie adolescenti ritenuto a torto fedifrago dalla moglie (Serena Autieri) e perciò cacciato di casa? Succede che Arnaldo si nutrirà dell’inebriante energia dei 20 anni di Camilla, una catanese che ha lasciato la Sicilia incinta, Edoardo, ragazzo di colore fidanzato con una ragazza che ha il padre imprenditore e razzista (Giorgio Panariello), Marco, costretto a fare medicina anche se non sopporta la vista del sangue, e di Anna, bella e facile ad innamorarsi. Mentre tutti loro attingeranno esperienza da quell’uomo rimasto un po' ragazzo. “Un fantastico via vai”, di e con Leonardo Pieraccioni, è tutto un divertente confronto tra generazioni, ma anche un inno gioioso a tutta la bellezza dei 20 anni. È un film sulle differenze in amore e sulla difficoltà di accettarle la commedia romantica “Tutta colpa di Freud” (6 milioni di euro di budget!), firmata Paolo Genovese (“Immaturi”), che ha tratto il film dal suo 1° romanzo omonimo. Sullo sfondo di un centro di Roma insolito e affascinante, Francesco, padre separato e psicanalista freudiano (Marco Giallini), affronta i problemi di cuore delle tre figlie: la romantica (Vittoria Puccini), fidanzata con un sordomuto, quella gay (Anna Foglietta), che decide di diventare etero, e la diciottenne (Laura Adriani), che si innamora del 50enne immaturo (Alessandro Gassman), in crisi con la moglie Claudia (Claudia Gerini). E alla fine a complicare il tutto ci si metterà anche Francesco, con il suo amore impossibile proprio per Claudia. C'è Valerio, attore precario, bravo ma sfortunato, che fatica a costruire un rapporto maturo con la compagna. Il suo amico d'infanzia Scheggia, intraprendente spacciatore, che pur vivendo ancora con la nonna ha le idee chiarissime sulle donne. La giovane prostituta cinese Mei Mei, che porterà Valerio e sua sorella Giovanna, massoterapista con la passione per la Cina, ad una decisione coraggiosa. Quattro trentenni a caccia del loro futuro nella commedia generazionale agrodolce con un tocco di giallo e multietnicità “Spaghetti story”, girata in soli 11 giorni, con un budget pari al costo di un'utilitaria, che ha già girato vari festival internazionali. «Per il cinema italiano cercare di fare Hollywood è una strada sbagliata, servono storie autentiche», dice il suo regista, Ciro De Caro, alla sua prima prova. Per sopravvivere un geniale ricercatore italiano fatto fuori dall'università a vantaggio del solito raccomandato non vede altra soluzione che mettere insieme una super banda criminale con i suoi ex colleghi ricercatori, anche loro a spasso per colpa dei tagli alla ricerca. Incredibilmente Macroeconomia, Neurobiologia, Antropologia, Lettere Classiche e Archeologia si riveleranno perfette per scalare la piramide malavitosa e per i 7 ex ricercatori, che prima facevano la fame, arrivano finalmente i soldi, il potere, le donne e il successo. Nel cast “Smetto quando voglio”, la divertente commedia d'esordio di Sydney Sibilia, con Edoardo Leo e Valeria Solarino, il figlio del grande regista e attore Gabriele Lavia, Lorenzo. Che si appresta a debuttare alla regia teatrale con lo spettacolo “Vero Amico” di Goldoni. La mafia uccide solo d'estate Una risata la seppellirà Italy Amore Mio Il terzo tempo Il Sud è niente A Palermo, tra gli anni '70 e '90, le avventure personali e sentimentali di Arturo, brillante e sognatore, da sempre innamorato di Flora (Cristiana Capotondi), si intrecciano con la cronaca della Città,immersa nelle guerre di mafia e nel tentativo di combatterla da parte di indimenticabili uomini coraggiosi, spesso soli, come Rocco Chinnici, Dalla Chiesa, Falcone e Borsellino. Una commedia in cui «si ride della mafia mescolando satira e denuncia», racconta della sua opera prima “La mafia uccide solo d'estate” (di cui è anche protagonista) il poliedrico Pierfrancesco Diliberto in arte Pif,aiuto regista di Franco Zeffirelli e di Marco Tullio Giordana, autore e inviato di celebri format televisivi satirici come “Le Iene” (Italia 1) e “Il testimone” (MTV). «La cosa fondamentale è che la satira non offenda la tragedia». I sentimenti e la danza come strumenti per superare il conflitto tra culture differenti e per appropriarsi della libertà di espressione sono alla base di “Italy Amore Mio”, il nuovo film di Ettore Pasculli. Il lungometraggio, che ha coinvolto circa 150 danzatori di DanceHaus tra allievi e professionisti, interamente girato in 4K (il massimo della qualità raggiungibile in digitale), racconta la storia di Alina, una ragazza che vive a Milano con il fratellino e i genitori, dei rumeni molto tradizionalisti e retrogradi, gestori di una pizzeria vicina al fallimento. Ma per una strana serie di coincidenze Alina, così come sognava, malgrado le premesse, riuscirà ad entrare nel corpo di ballo (pagando la sua retta con le pulizie degli ambienti e lavorando al settore costumi). Ed anche a vivere una bella storia d’amore con un insegnante. Mentre imperversa la grande stagione internazionale rugbistica, al cinema è l’ora de “Il terzo tempo”, il film di Enrico Maria Artale,vincitore, alla 70/a Mostra del Cinema di Venezia, del premio UK-Italy Creative Industries Award Best Innovative Budget, che trasforma la mitica palla ovale in una incredibile occasione di riscatto per Samuel. Un adolescente problematico che, dopo l'esperienza del carcere minorile, grazie all’assistente sociale preposto al suo programma di riabilitazione, si accosterà al rugby e alle sue regole, che si riveleranno quasi taumaturgiche per il ragazzo, e anche per il suo supervisore, il quale da quando è morta sua moglie stenta a trovare un equilibrio. Giustamente parla di «resurrection attraverso il mondo dello sport» Aurelio De Laurentiis, patron del Napoli Calcio e produttore della pellicola. Grazia non riesce ad avere un dialogo con il padre, un pescivendolo della periferia di Reggio Calabria sempre più pressato dal boss locale,che gli ha intimato di lasciare casa e pescheria per trasferirsi al Nord. Durante un bagno notturno, la visione improvvisa di Pietro, il fratello emigrato in Germania e morto anni prima in circostanze misteriose,la convince a voler cercare ad ogni costo la verità. Il silenzio, «l'omertà, sono le armi più violente che hanno la 'ndrangheta e la mafia. Io le ho raccontate senza pistole, dal punto di vista intimo e personale, per mostrare come logorino la parte più profonda delle persone». Così Fabio Mollo spiega la sua opera prima “Il Sud è niente”. Accolta positivamente al suo debutto mondiale al Festival di Toronto e Premio Taodue miglior produttore emergente al Festival del Film di Roma. Pieraccioni torna ai 20 anni 46 INEWS Gli amori La difficile integrazione A ciascuno il suo futuro Gli incredibili poteri della palla ovale Sette cervelli contro la crisi Ribellione e omertà INEWS 47
    • TOP20 ITALIAN 1 2 3 4 MONDOVISIONE Ligabue (Warner Bros) W.M.I. SE VEDO TE Arisa (Warner Bros) W.M.I. MADE IN LONDON Noemi (Sony Music) 20 THE GREATEST HITS Laura Pausini (Atlantic) W.M.I. 5 SONGBOOK VOL. 1 Mika (Casablanca) Universal 6 HIGH HOPES Bruce Springsteen (Columbia) Sony Music 7 GIOIA… NON è MAI ABBASTANZA! - Modà (Ultrasuoni) Artist First 8 LORENZO NEGLI STADI. BACKUP TOUR - Jovanotti (Universal) 9 SENZA PAURA Giorgia (Microphonica) Sony Music 10 48 INEWS L'ANIMA VOLA Elisa (Sugar) W.M.I. 11 12 13 14 italiannews italiannews SWISS MULTIKULTI LIFESTYLE MAGAZINE MUSIC SWISS MULTIKULTI LIFESTYLE MAGAZINE WINE&FOOD SCHIENA VS. SCHIENA Emma (Universal) SECONDO RUBINO Renzo Rubino (Atlantic) W.M.I. MOZART: CONCERTI PER PF. N. 20/N.25 Martha Argerich/Claudio Abbado (DG) Universal IL CAMMINO DI SANTIAGO IN TAXI - VOL. 3 - Brunori Sas (Picicca Dischi) Sony Music 15 MAX 20 Max Pezzali (WEA) W.M.I. 16 STRISCIA LA COMPILATION WINTER 2014 - Vari (Universal) 17 NU JUORNO BUONO EP Rocco Hunt (Sony Music) 18 UNA STORIA SEMPLICE Negramaro (Sugar) W.M.I. 19 RACINE CARRéE Stromae (Mercury) Universal 20 LOVE FOREVER Vari (Sony Music) EATALY BARI OSCAR FARINETTI PEPPE ZULLO INEWS 48 CHECCO ZALONE
    • e nogastronomia Alba De Leo CHECCO ZALONE - OSCAR FARINETTI - PEPPE ZULLO Con Peppe e Checco si mangia e si ride di gusto Zalone e Farinetti ospiti d'eccezione al ristorante di P. Zullo L a cucina migliore d’Italia? Si trova a Orsara di Puglia, parola di Oscar Farinetti. L’ideatore di Eataly si è letteralmente innamorato della cucina di Peppe Zullo, delle materie prime coltivate nell’orto di Villa Jamele, dei grappoli d’uva del magnifico vigneto che sorge nella tenuta, delle erbe spontanee e degli alberi da frutto che crescono rigogliosi nel Bosco dei Sapori perduti. Non è un caso che a gennaio, con l’inizio delle attività del 2014, Oscari Farinetti abbia affidato proprio a Peppe Zullo e al suo staff la gestione di uno dei ristoranti interni a Eataly Bari. Il perché di questa decisione è presto spiegato. La cucina e i prodotti di Villa Jamele sono capaci di realizzare un piccologrande incantesimo: i profumi e i sapori dei Monti Dauni, cuore verde della Puglia, hanno portato le fragranze della collina in riva al mare; la brezza salmastra della costa barese ha fatto il resto, integrandosi in modo piacevole e armonico con il gusto delle materie prime provenienti dall’orto, dal vigneto e dagli alberi da frutto di Villa Jamele. Per Peppe Zullo, per la sua azienda agricola e il suo ristorante, la platea di Eataly Bari è sembrata quasi un approdo naturale. Qui, in questo luogo, nel cuore pulsante della Puglia che sa innovare i linguaggi della tradizione alimentare serbandone la ricchezza senza tempo, la filosofia del “cuoco-contadino” si avverte, si tocca, si annusa nell’aria. 50 INEWS Dalla terra alla tavola. Semplicemente. Piacevolmente. Per la gioia e la meraviglia di occhi, mani e papille gustative. A tavola, nel ristorante di Peppe Zullo, posto nel ventre caldo di Eataly Bari, si sono sedute decine di persone. Uomini, donne, bambini per una volta felici del proprio incontro goloso con le verdure, i pomodori e Mister Marasciuolo (lo stesso che Peppe Zullo coltiva a Villa Jamele e che ha piantato anche negli orti di Eataly Bari). A quella stessa tavola si sono seduti anche Oscar Farinetti e un divertito (e divertente) Checco Zalone. Si, proprio lui, Checco Zalone, attore comico e volto di successo di una Puglia che sa stupire, dare una lettura originale alle dinamiche sociali, far apprezzare con l’arte e l’ingegno la propria vocazione a terra di cultura e passione. Ebbene, anche Checco Zalone ha apprezzato le portate del menù che Peppe Zullo ha fatto gustare agli ospiti nazionali e internazionali di Eataly Bari. Il cuoco orsarese è sempre più a suo agio nelle vesti di educatore del gusto e promotore del mantra “cibo e felicità”. “Per tutti”, ci tiene a precisare lui. Non può che essere questa la direzione sulla quale incamminarsi, sognare e lavorare oggi per costruire presente e futuro. Una direzione sulla quale Peppe Zullo e Eataly Bari si sono trovati e che vogliono percorre insieme. Un tratto di quel cammino è stato felicemente intrapreso in questo primo mese dell’anno. Il prosieguo promette altre magie. Nel segno di Peppe Zullo e di Villa Jamele. DOVE CI ERAVAMO LASCIATI? L’inizio del 2014 è stato prodigo di successi per Peppe Zullo, ma anche l’ultima parte del 2013 hanno visto protagonista il cuoco orsarese. Proprio alla fine dello scorso anno, l’A.D.C. (Associazione Difesa Consumatori) ha consegnato a Peppe Zullo il premio “Antichi Sapori delle Puglie”: il riconoscimento è stato assegnato al cuocoimprenditore di Villa Jamele in qualità di “ambasciatore” delle eccellenze enogastronomiche della Puglia nel mondo. L’alloro della Adc è arrivato in un momento particolarmente intenso e felice per Peppe Zullo, uno dei 7 cuochi prescelti da Eataly Bari per rappresentare il meglio della cultura alimentare italiana con particolare riferimento alla qualità delle materie prime e all’utilizzo delle verdure in cucina. “Sono enormemente contento e lusingato del premio assegnatomi dall’Associazione Difesa Consumatori, che ringrazio, e dell’attenzione con cui un numero sempre crescente di persone comuni, docenti, intellettuali, colleghi ed esperti stanno seguendo e apprezzando il lavoro che io e i miei collaboratori stiamo facendo in questi anni”, spiega Peppe Zullo. “E’ da quasi 30 anni che la mia filosofia punta a valorizzare concretamente e nel quotidiano, attraverso la riscoperta delle nostre materie prime, l’ineguagliabile qualità e modernità della cucina pugliese”. OBIETTIVO EXPO 2015. Peppe Zullo sta già lavorando al prossimo obiettivo: sarà presente anche lui a Expo 2015, l’Esposizione Universale di Milano dedicata al tema “Nutrire il pianeta”. Restituire all’agricoltura spazi e dignità. Sono i frutti della terra a nutrirci, null’altro. Il circolo virtuoso del cibo che nutre il mondo non può che ripartire “dalla terra alla tavola”. Ripartire dall’orto, dalla possibilità e capacità di coltivare e rispettare la terra, i suoi ritmi, la stagionalità dei prodotti, il km zero che fa riscoprire colture e culture autoctone. “Cibo e felicità per tutti”, che si sposa perfettamente con il tema di “Expo 2015” (nutrire il pianeta, energia per la vita), è il manifesto di Peppe Zullo per l’Esposizione Universale che si terrà a Milano fra 14 mesi. Una proposta che sa di futuro, ma che sta già creando buoni frutti nel presente. Francesco Quitadamo - giornalista professionista, copywriter, freelance Foto by Rocco Lamparelli INEWS 51
    • e nogastronomia Chiude l'edizione 2014 della BIT. In scena novità e tradizione del turismo enogastronomico pugliese L 'edizione 2014 della fiera milanese appena conclusa, ha decretato il comparto agroalimentare come una delle voci principali nell'ambito turistico pugliese, uno degli elementi maggiormente ricercati dai visitatori nella regione. La Puglia enogastronomica si è presentata alla kermesse meneghina con tre diverse proposte promozionali: in fiera nello spazio espositivo istituzionale della Regione Puglia a Rho/Pero, fuori salone nel cuore di Milano presso l'esclusivo showroom “Misura Arredamenti” (via Larga, 15) e all'Università fra gli studenti. Le iniziative, a cura dell'Assessorato alle Risorse Agroalimentari della Regione Puglia, si sono svolte in collaborazione con la Rete Masserie Didattiche di Puglia e il Consorzio Movimento Turismo del Vino Puglia, già partner dell'assessorato nelle passate edizioni. In particolare, le Masserie Didattiche si sono fatte portavoci della gastronomia regionale di tradizione; il Movimento Turismo del Vino Puglia invece si è occupato di raccontare l'enoturismo con degustazioni di vini rappresentativi del territorio. 52 INEWS “I risultati di questa fiera – dichiara Fabrizio Nardoni, assessore alle Risorse Agroalimentari della Regione Puglia – confermano che il "brand Puglia" continua ad essere fortemente attrattivo, questo grazie all'unicità delle nostre masserie, dei muretti a secco, dagli ulivi secolari e dei vitigni autoctoni di Puglia. Non solo. Altro straordinario biglietto da visita della nostra offerta, sono i prodotti della terra pugliese. Questi ultimi sono divenuti negli anni di grandissima qualità anche grazie all'impegno della Regione con il marchio “Prodotti di Puglia”. Grazie a questo strumento garantiamo non solo la qualità ma anche la tracciabilità alimentare. Nel lungo periodo, per continuare a mantenere questo trend positivo, credo che sia necessario impegnarsi maggiormente nel mettere a punto un sistema innovativo di comunicazione che promuova lo straordinario connubio del nostro paniere agroalimentare con il suo territorio di riferimento. Questa fattore è assolutamente stategico per il settore turistico e per le attività dell'internazionalizzazione”. Per dare continuità alla tradizione, si conferma il successo dei laboratori “Lezioni di Cucina” e “Con le mani in pasta”. Prepare le orecchiette con le proprie mani, gustare specialità regionali, immaginare paesaggi agricoli e centri storici attraverso i racconti degli esperti del territorio: è stata questa la proposta in fiera per promuovere lo straordinario patrimonio rurale ed enoico della regione: Durante i tre giorni lo stand istituzionale della Regione Puglia si è animato con 9 laboratori di gastronomia tipica pugliese “Lezioni di Cucina”. Ciascun appuntamento ha focalizzato le peculiarità culinarie di una delle tre macroaree regionali: Terre di Federico, Valle d'Itria, Salento, abbinando ai piatti preparati i vini del territorio raccontati a cura del Movimento Turismo del Vino. Molto apprezzati anche le 6 lezioni de “Con le mani in pasta”, laboratori che hanno offerto la possibilità di sperimentare la realizzazione “hands on” della specialità pugliese più conosciuta nel mondo, le orecchiette. Novità di questa edizione 2014 della BIT è stata la presentazione del “Taste & Bike - itinerari del gusto in bicicletta”, il progetto ideato dall'Assessorato alle Risorse Agroalimentari della Regione Puglia che punta alla valorizzazione del territorio rurale e delle sue produzioni a partire dall'istituzione di vie ciclabili del patrimonio agroalimentare della Puglia. Dodici itinerari in bici: tra ulivi secolari e ipogei, tra uva e ciliegie, tra vigneti e cantine, tra porti e pesci (anche con l’utilizzo di programmi dedicati al pesca turismo e al pernottamento in barca), tra fiori e piante, nella magia del patrimonio forestale e nelle aree protette con particolare focus sulla biodiversità. Un approccio inedito al territorio rurale pugliese fuori dalle rotte segnate e dalle mete turistiche di massa. Le attività in fiera quest'anno sono state affiancate anche da un evento collaterale “fuori salone” che ha coinvolto anche quel pubblico specializzato nel comparto enogastronomico solitamente poco interessato all'evento fieristico di Rho. Lo scorso 13 febbraio, infatti, i sapori di Puglia sono stati protagonisti del “Cooking Demo” presso l'esclusivo showroom Misura Arredamenti (via Larga, 15). In due turni, alle ore 12 e alle ore 18, oltre 150 fra opinion leaders, giornalisti di stampa specializzata, ristoratori e sommelier hanno potuto seguire un percorso di scoperta e degustazione della gastronomia tipica regionale. Lo chef Roberto Nucci della Masseria didattica Madonna dell'Arco di Martina Franca ha dato vita alla preparazione in diretta delle tipiche orecchiette abbinate ai prodotti stagionali dell'orto. L'offerta gastronomica si è arricchita con un percorso attraverso quanto di meglio esprime l'agroalimentare regionale: pane e prodotti da forno nell'angolo del panificatore, mozzarelle e nodini preparati sul momento dal mastro casaro nell'angolo dedicato ai formaggi e salumi tipici, olio extravergine d'oliva e sottoli da gustare in diverse presentazioni, frutta e dolci tipici per chiudere in dolcezza. Il Movimento Turismo del Vino ha proposto i vini e gli extravergine delle aziende socie raccontando le straordinarie peculiarità dei vitigni autoctoni e cultivar dei vari territori enoturistici di Puglia. Ma le attrattive enogastronomiche legate al turismo durante questa edizione della BIT, hanno trovato anche un risvolto accademico. Infatti il "caso Puglia" è stato oggetto di discussione all'interno del Master post-laurea dedicato all'economia del turismo tenuto in lingua inglese dalla prof.ssa Magda Antonioli (UniBocconi). L'intervento di Daniele Cirsone, responsabile Marketing del Movimento Turismo del Vino Puglia, è servito per far conoscere ai circa 30 studenti, provenienti dalle più disparate località del Mondo, le strategie messe in atto dal Consorzio per incrementare la notorietà del Brand Puglia nei Paesi obiettivo. In particolare Cirsone ha spiegato come facendo sistema tra pubblico e aziende private di produzione e di servizi si possano mettere in atto sinergie vincenti per coinvolgere emotivamente consumatori, buyers e opinion leaders ottenendo come risultato un importante ritorno mediatico che, per esempio, ha portato la Puglia nell'olimpo delle top10 mete enoturistiche a livello mondiale nel 2013 secondo la prestigiosa rivista statuinitense Wine Enthusiast. La Puglia, quindi, da regione emergente è oramai un brand che fa, è proprio il caso di dirlo, scuola. LE CANTINE PARTECIPANTI: Agricola Paglione – Lucera (Fg); Albea – Alberobello (Ba); Antica Masseria Jorche – Torricella (Ta); Castel di Salve – Depressa (Le); Felline – Manduria (Ta); Feudi di Guagnano – Guagnano (Le); Leone de Castris – Salice Salentino (Le); Masseria Altemura – Torre Santa Susanna (Br); Paolo Leo – San Donaci (Br); Rivera – Andria; Cosimo Taurino – Guagnano (Le); Tenute Eméra – Marina di Pulsano (Ta); Terre di San Vito – Polignano a Mare (Ba); Varvaglione Vigne & Vini – Leporano (Ta). LE MASSERIE DIDATTICHE PARTECIPANTI: Masseria Salamina – Pezze di Greco (Br); Masseria Irene – Biccari (Fg); Masseria Nonno Tore – Tricase (Le); Masseria Madonna dell'Arco - Martina Franca (Ta). INEWS 53
    • swissgeht aus swissgeht aus MANGIARE BENE ESSEN MIT GENUSS ristorante molino zurigo www.molino.ch MANGIARE BENE ESSEN MIT GENUSS Restaurant Grigioni Graubünden 081 413 32 16 * Restaurant La Carretta 081 413 38 95 Restaurant, Pizzeria Padrino 081 253 03 01 Restaurant Ticino 081 253 13 07 * Il Giglio www.ilgiglio.ch Restaurant, Pizzeria La Meridiana 081 416 82 85 Il Tartufo www.iltartufo-zuerich.ch Restaurant Jarno 081 416 82 85 * Ristorante Caruso 081 641 30 30 Grotto serta 091 945 02 35 Osteria bellavista 091 985 89 12 Trattoria vittoria 091 609 11 57 Grotto grillo 091 970 18 18 Belvedere 091 941 13 51 Grotto morchino 091 994 60 44 Gandria www.restaurant-gandria.ch Osteria dei tiratori 091 943 34 95 Il Camino www.ristorante-camino.ch Grotto ticinese 091 967 12 26 Cacciatori 091 605 22 36 Ristorante da candida 091 649 75 41 Ristorante cyrano 091 922 21 82 Ristorante santabbondio 091 994 85 35 Collina d‘oro 091 994 74 97 Ristorante il castagno 091 611 40 50 Ristorante la griglia 091 945 11 58 La perla del lago 091 973 72 72 Hostaria del pozzo 091 940 91 58 Locanda del boschetto 091 994 24 93 mouette del mövenpick 091 923 23 33 091 647 18 91 Casa Ferlin www.casaferlin.ch Da Ciro www.ristorante-ciro.ch Il Gallo www.ilgallo.ch Toscano www.ristorante-toscano.ch RISTORANTE Italia www.ristorante-italia.ch CASA FERLIN CASA AURELIO Casa da Vinci www.casadavinci.ch Salentina www.salentina.ch Pantheon www.ilpantheon.ch Casa Aurelio www.casaaurelio.ch Schwan Hotel & Taverne www.hotel-schwan.ch ristorante-toscano CASA DA VINCI Il Bocciodromo www.bocciacono.ch Il Punto www.ristorante-punto.ch Ristorante CIAO Möwenpick www.moevenpick-regensdorf.com RISTORANTE Azzurro www.ristoranteazzurro.ch RISTORANTE SORRISO www.sorriso.ch TRATTORIA ITALIANA WWW.TRATTORIA-ITALIANA.CH Grotto vallera RESTAURANT MESA WWW.mesa-restaurant.ch il Faro Dübendorf Grotto: 044 821 62 03 Restaurant: 044 821 61 64 dal buongustaio www.dal-buongustaio.ch il Faro Dübendorf Hotel-Taverne Schwan ristorante romantica il Faro Embrach il Faro Herrliberg Restaurant: 044 915 81 11 Bankett / Saal: 044 915 81 13 WWW. ilfaro.ch Ristorante Venezia www.venezia-buelach.ch il Faro Wallisellen Restaurant: 044 830 46 52 Take Away: 044 830 46 54 Il Salento Restaurant Pizzeria www.il-salento.ch RISTORANTE ROMANTICA restaurant: 044 865 03 20 Ristorante Venezia 043 411 50 00 WWW.RISTORANTEROMANTICA.CH Il Salento Restaurant Pizzeria *043 311 68 78 RISTORANTE BARBATTI www.bindella.ch Il Salento Restaurant Pizzeria BINDELLA P h = Propietario Italiano 54 INEWS C h = Cuoco Italiano S h Servizio Italiano Q h = Buona qualità I h = ingredienti italiani T h = testato INEWS 55
    • Pizzerias geht aus MANGIARE BENE ESSEN MIT GENUSS Restaurant Concordia Sihlfeldstrasse Kreis 4 Restaurant Corallo Weinbergstrasse Kreis Ristorante Le Scale e nogastronomia Werdstrasse Kreis 4 Ristorante Paestum Uetlibergstrasse 22 Restaurant Concordia RISTORANTE Pizzeria Dreispitz Restaurant Scala Saatlenstrasse 110 Pizzeria Virtù - Spaghetteria Birchstrasse 147 Don Leone Waffenplatzstrasse Kreis 2 Restaurant Scala Rotbuchstrasse Kreis 6 Restaurant Corallo Pizza Pasta Ciao Weinbergstrasse Kreis 1 Taverne da Angelo Badenerstrasse Kreis 3 Pizzeria da Amici Pizza Pasta Ciao Schaffhauserstrasse Kreis 6 Pizzeria Okay Italia Gladbachstrasse Kreis 7 RISTORANTE LE SCALE Restaurant Pizzeria Fantasia Seebacherstrasse 167 Taverne da Angelo Pizza & Pasta Antonio Hardturmstrasse Kreis 5 RISTORANTE PAESTUM Pizzeria da Amici Massimo Bottura nella lounge Berlucchi a Identità Golose Tre piatti indimenticabili e un grande Franciacorta Riserva ieri al congresso di alta cucina RISTORANTE Pizzeria Dreispitz Pizzeria Okay Italia Pizzeria Virtù - Spaghetteria Restaurant Pizzeria Fantasia Don Leone A ccolto da Cristina Ziliani di Berlucchi, e coadiuvato dalla sua brigata interamente al femminile, l'acclamato chef modenese dell'Osteria Francescana ha deliziato i presenti con tre piatti ispirati alla memoria: ricordo di un panino alla mortadella, la parte croccante di una lasagna, tortellini in compromesso storico. In abbinamento, la pluripremiata Riserva della Guido Berlucchi, Palazzo Lana Extrême 2006, Pinot nero in purezza dal carattere complesso, un Franciacorta dalla strepitosa longevità. Pizza & Pasta Antonio 56 INEWS INEWS 57
    • p ersonality Lello Ranieri L’oro di napoli “EL PIPITA” 58 INEWS S tiamo parlando del nuovo centravanti del Napoli, a luglio viene acquistato per sostituire Cavani venduto al PSG. Gonzalo Gerardo HIGUIN di nazionalità Argentina ma nato a Brest in Francia il 10/12/1987 figlio d’ arte in quando il padre JORGE, ex difensore ha trascorsa quasi per intero la sua carriera i Argentina, ad eccezione di una stagione tra le file dei Francesi del Brest, in quell’ anno nacque- Gonzalo Higuain. Ha tre fratelli, Nicolàs, Lautaro e Federico, quest’ ultimo calciatore anche lui. Soprannominato “el Pipita”, nomignolo che trae origine dal soprannome del padre, detto “el Pipa”. Sua madre, Nancy Zacarias, è una pittrice. Trascorre i primi mesi della sua infanzia in Francia, quindi fa ritorno in Argentina poiché il padre viene ingaggiato dal River Plate. All’ età di 10 mesi viene ricoverato in ospedale per meningite fulminante, curata in tempo , è costretto per diversi anni ad assumere quotidianamente dei medicinali per eliminare ogni traccia della malattia. Nel 1998 tornò per breve tempo in Francia, quando accompagnò il padre impegnato in una ricerca di giovani talenti per conto dell’ allora CT della naz<ionasle Argentina, Daniel Passarella, E’ sarà proprio lui otto anni dopo, a concedere al giovane Higuain una maglia da titolare con il River Plate. Higuain è un attaccante d’ area di rigore, forte fisicamente è in possesso di ottimi mazzi tecnici e atletici, quale la velocità, che lo rendono particolarmente efficace nei contropiedi. “ Maradona lo ha definito "Un centravanti completo, un icrocio tra due grandi centravanti Argentini come Crespo e Battistuta". La sua carriera muove i primi passi calcistci nelle file dell’ Atletico Palermo, squadra di un quartiere di Buenos Aires, da cui viene acquistato dal River Plate all’ età di 10 anni. Dopo aver fatto la solita trafila tra le giovanili, il tecnico Leonardo Astrada lo fa debuttare in prima squadra il 29 maggio 2005, a 17 anni, nella sconfitta interna per 1-2 contro il Gimnasia La Plata al Monumental. In questo scorcio di stagione colleziona solo 3 presenze. Poco utilizzato da successivo tecnico del River Plate, Reinaldo Merlo, trova spazio con l’ approdo di Daniel Passarella. Realizza la prima rete il 12 febbraio 2006 ai danni del Banfield, mentre in Coppa Libertadores realizza una doppietta contro il Corinthians, decisiva nel 3-2 finale a favore degli Argentini. II River Plate cede il 50% del suo cartellino alla squadra del Locarno in Svizzera per 8 milioni di dollari restando ancora in Argentina al River Plate. Autore di cinque reti nel torneo di Apertura 2006, l’8 ottobre, con una doppietta, guida il River Plate alla vittoria per 3-1 nel Superclàsico contro il Boca Juniors. In possesso inizialmente della sola cittadinanza Francese ne novembre 2006, a soli 19 anni ancora compiuti, viene convocato nella Nazionale Francese dal CT Raymond Domenech, ma lui rifiuta la convocazione, ma decide di non rinunciare al passaporto Francese, e allo stato di comunitario, per non precludersi la possibilità di giocare per una squadra europea, ma che gli impedisce di giocare nella Nazionale giovanile Argentina, nel 2007 acquisisce il passaporto Argentino conservando entrambe le nazionalità. Il 14 dicembre 2006, pochi giorni dopo aver compiuto 19 anni, viene acquistato a titolo definitivo dal Real Madrid per 13 milioni di Euro,firmando un contratto di sei anni e mezzo a decorrere dal gennaio 2007. Debutta con la magla delle merengues l’ 11 gennaio 2007 nella gara di Coppa del Re contro il Real Betis, valida per gli ottavi di finale. Firma la sua prima rete il 24 febbraio nel derby contro l’ Atlètico Madrid, realizzando 1-1 all’ Estadio Vicente Calderòn, tre giorni prima aveva esordito la UEFA Champion League, partendo titolare nella gara contro il Bayern Monaco, valida per l’ andata degli ottavi di finale, vinta dal Real Madrid per 3-2. Nel campionato realizza la rete del 4-3 ai danni dell’ Espanol, decisivo nella conquista del titolo Spagnolo. Nella stagione seguente con l’ arrivo del nuovo alenatore Bernd Schuster stenta a trovare Continuità anche perché chiuso tra Raùl e Ruud van Nisterlrooy, e con il tecnico che lo fa giocare fuori ruolo, ma vince il campionato con 8 reti in 25 partite. Il 6 febbraio 2008 gioca un’ amichevole non ufficiale con la maglia dell’ Argentina Olimpica, siglando una doppietta nel 5-0 ai danni del Guatemala. Nel 2008 vince la Supercoppa di Spagna siglando il gol del momentaneo 4-1 ai danni del Valencia. In quella stagione sotto la guida di Juade Ramos, per il grave incidente accorso a Ruud van Nistelrooy, consolida il suo ruola da centravanti nel Real Madrid, realizza 22 reti in 35 partite (tra cui una quaderna ai danni del Malaga, affermandosi come miglior marcatore stagionale della squadra. Nel 2009 viene convocato in Nazionale Argentina da Diego Armando Maradona nella qualificazione ai Mondiali contro il Perù e Uruguay, segnando una rete all’esordio contro il Perù. Nel successivo campionato 2009/10, con il Cileno Manuel Pellegrino nuovo tecnico si conferma miglior cannoniere delle merengues con 27 reti, un in più del suo compagno di squadra Cristiano Ronaldo. Sotto la guida di Josè Mourinho, Higuain entra nella storia del club Spagnolo siglando, ai danni del Milan, la rete 700 del Real Madrid nella massima competizione Europea . nel giugno 2010 partecipa ai mondiali in Sudafrica realizzando la sua prima tripletta contro la Corea del Sud. L’ 11 gennaio del 2011 viene sottoposto ad intervento chirurgico per la rimozione di un ernia del disco, che lo tiene fermo per tre mesi lontano da calcio. Rientra il 2 aprile ed il 23 dello stesso mese realizza una tripletta ai danni del Valencia. In questa stagione vince il quarto trofeo con il galactios, la coppa del Re. Viene inserito dal CT Sergio Batista nella lista sei 23 convocati in vista della Coppa America da disputarsi in casa realizza il gol del definitivo co l’ Uruguay, ma non basta all’ Argentina a passare il turno. In ottobre 2011 realizza una tripletta nella vittoria contro il Cile, in una gara valida alla qualificazioni al Mondiale. Nel girone sudamericano, realizzando complessivamente nove reti. Nel 2011/12 vince il terzo titolo Spagnolo formando con Karim Benzema e Cristiano Ronaldo il tridente d’ attacco più prolifico nella storia del Real Madrid e della Liga Spagnola. Il 24 marzo 2012 segna il 100” gol con la maglia delle merengues nella vittoria per 5-1 contro la Real Sociedad. Il 29 agosto 2012 vince la Supercoppa di Spagna ai danni del Barcellona, secondo successo personale. A fine d’ anno lascia il Real Mdrid dopo sei stagioni e mezzo con sei trofei vinti, 264 partite giocate e 121 reti realizzate. Il 27 luglio 2013 viene acquistato a titolo definitivo dalla società Italiana del Napoli. Sottoscrive un contratto quinquennale e sceglie la maglia numero 9. L’esodo in maglia azzurra e nel campionato Italiano avviene il 25 agosto 2013 nella prima giornata di campionato contro i Bologna. Il 27 ottobre segna la prima doppietta in maglia azzurra contro il Torino, ancora una doppietta il 6 novembre in Champion League della sua carriera nella gara interna contro l’ Olympique Marsiglia, vinta dall Napoli 3-2. Non parliamo dell’attuale campionato con il Napoli con la sua presenza, che calvanizza tutta la squadra, divenendo un punto fisso oramai il RE di Napoli e il pupillo della tifoseria Azzurra. INEWS 59
    • c ommunication c ommunication Edie Mukiibi, Nuovo sistema d’immigrazione: il Governo decide come procedere per l’attuazione giovane agronomo ugandese, è il nuovo vicepresidente internaz.le di Slow Food I n occasione della riunione del Comitato Esecutivo in corso in questi giorni a Bra (Cn), Edie Mukiibi è stato nominato vicepresidente di Slow Food Internazionale (insieme alla cuoca e attivista Alice Waters, che era stata già riconfermata nel ruolo durante l’ultimo Congresso Internazionale di ottobre 2012). Nel darne l’annuncio, il presidente Carlo Petrini ha voluto sottolineare che questa nomina esprime l’impegno dell’organizzazione in Africa: «Qualche anno fa abbiamo lanciato i primi semi dell’ambizioso progetto di realizzare 1.000 orti nel continente africano. Un obiettivo ampiamente raggiunto oggi, grazie alla mobilitazione della rete di Slow Food che coinvolge oltre 50.000 persone, tra contadini, agronomi, studenti e insegnanti in 30 Paesi africani. Questo scenario ci permette di rilanciare, con una nuova sfida, 10.000 orti in Africa. Dietro questo zero in più c’è una visione, che mira a formare una rete di giovani leader africani in grado di prendere in mano la politica agricola e di affermare la sovranità alimentare in tutto il continente». Edie Mukiibi ha 28 anni e dal 2012 è membro del Comitato Esecutivo di Slow Food. Vive e lavora in Uganda, dove ha creato un gruppo di giovani appassionati e opera a fianco delle comunità contadine, riuscendo a raggiungere anche i villaggi più sperduti grazie a un uso innovativo di radio e telefonini. In particolare, ha avviato nel suo paese 75 orti e due Presìdi, ed è altresì impegnato sul progetto dell’Arca del Gusto. 60 INEWS Dal 2006 lavora a un progetto che aiuta i bambini di zone rurali a produrre il proprio cibo in modo sostenibile. Edie propone un nuovo modello di cooperazione che spesso, come dice lui, si basa non tanto sulle donazioni e sul denaro, ma su collaborazioni e scambi di servizi. «Sono felice di svolgere un ruolo attivo di leadership, per poter continuare a sviluppare le attività della rete in Africa. Questo obiettivo potrà essere conseguito grazie al supporto e alla collaborazione dei leader africani di Slow Food, in tutti 30 i Paesi in cui siamo presenti. In Africa è giunto per noi il momento di promuovere il nostro cibo e la nostra gastronomia, di rafforzare i nostri sistemi alimentari tradizionali e le comunità locali e di difendere la biodiversità dei nostri prodotti». La nomina di Edie Mukiibi a vicepresidente internazionale di Slow Food arriva alla vigilia di “Slow Food for Africa”, evento che vedrà la presenza di Carlo Petrini (Presidente di Slow Food), José Graziano da Silva (Direttore generale della FAO), Cècile Kyenge (Ministro italiano dell’integrazione), cinque rappresentanti africani (John Kariuki e Eunice Njoroge dal Kenya, Edie Mukibi e John Wanyu dall’Uganda, Bineta Diallo dal Senegal e Mariam Ouattara dalla Costa d’Avorio) e di 450 sostenitori e amici del progetto (giornalisti, imprenditori, attori, registi e tanti fiduciari e soci di Slow Food). i l Consiglio federale ha adottato le prime decisioni tese all’attuazione della nuova disposizione costituzionale sull’immigrazione. Il Dipartimento federale di giustizia e polizia (DFGP), coadiuvato dal Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE) e dal Dipartimento federale dell’economia, della formazione e della ricerca (DEFR), elaborerà quindi uno schema di attuazione entro la fine di giugno. Il progetto di legge seguirà entro fine anno. Al contempo il Consiglio federale avvierà senza indugio colloqui esplorativi con l’Unione europea (UE) – in vista di negoziati sull’Accordo di libera circolazione delle persone (ALCP) e di chiarimenti in merito alle trattative bilaterali in corso. Tre giorni dopo il cambiamento di sistema deciso da Popolo e Cantoni, mercoledì il Consiglio federale ha, una volta considerata la situazione globale, deciso come procedere. Nelle settimane e nei mesi a venire, il Consiglio federale continuerà a occuparsi intensamente dell'attuazione del nuovo sistema, chiarendo a poco a poco le questioni aperte e adoperandosi per trovare le migliori soluzioni possibili sul piano della politica nazionale e internazionale. Il nuovo testo costituzionale impone al Consiglio federale di introdurre, entro tre anni, un nuovo sistema d'ammissione per tutti gli stranieri. Entro lo stesso termine, l'ALCP va rinegoziato e adeguato al nuovo sistema nazionale. L'ALCP è comunque mantenuto invariato fino a un'eventuale revisione o denuncia. Schema di attuazione entro giugno Il Consiglio federale ritiene che occorra innanzi tutto uno schema di attuazione che indichi i lavori legislativi necessari, panoramica indispensabile per poi intavolare le necessarie trattative con l'UE. Nel frattempo saranno condotti colloqui esplorativi. Il DFGP elaborerà tale schema in collaborazione con il DFAE e il DEFR e lo sottoporrà al Consiglio federale entro la fine di giugno. Il progetto di legge seguirà entro fine anno. Il DFGP procederà anche alla prima stesura delle necessarie ordinanze esecutive, che all'occorrenza potrebbero essere applicate se la legge d'applicazione non sarà pronta in tempo. Il nuovo testo costituzionale attribuisce infatti al Consiglio federale la competenza di disciplinare temporaneamente a livello d'ordinanza il nuovo sistema d'immigrazione. Negoziati sull'ALCP Accanto ai lavori legislativi, il DFGP e il DFAE si adoperano per indire entro breve una seduta del «Comitato misto per l'Accordo sulla libera circolazione delle persone Svizzera-UE», nel cui seno intendono discutere la situazione. Il DFGP, coadiuvato dal DFAE, chiarirà inoltre se trattare l'accordo per l'estensione della libera circolazione alla Croazia nel quadro di eventuali nuovi negoziati per l'ALCP o in un momento precedente. Strategia bilaterale Il Consiglio federale ha incaricato il DFAE di contattare senza indugio le istituzioni dell'UE e degli Stati membri per coordinare, per quanto possibile, in termini temporali e materiali il processo politico di attuazione su scala nazionale e internazionale. I Consiglieri federali faranno lo stesso in occasione dei loro incontri bilaterali previsti nelle settimane e nei mesi a venire. Lo scopo è, da un lato, d'informare l'UE e gli Stati membri dei lavori in corso su scala nazionale. Dall'altro, i contatti e colloqui esplorativi mirano anche a chiarire gli interessi di entrambe le parti in vista dei negoziati previsti INEWS 61
    • e vents italiannews SWISS MULTIKULTI LIFESTYLE MAGAZINE a u t o 10 Jahre expovinaPRIMAVERA D ieses Jahr öffnet die expovinaPRIMAVERA bereits zum zehnten Mal ihre Tore. Während acht Tagen treffen sich im PULS 5 Weinfreundinnen und Weinfreunde zur jungen FrühlingsWeinausstellung. Innerhalb von zehn Jahren ist die expovinaPRIMAVERA zu einem Highlight unter den Schweizer Weinmessen gewachsen. Sie begann im Jahr 2005 nicht als Kopie, sondern als Ergänzung der traditionellen EXPOVINA auf den Weinschiffen am Bürkliplatz. Der Standort im rasant wachsenden Quartier Zürich West hat sich bewährt und das einzigartige Ambiente in der geschichtsträchtigen Giessereihalle im PULS 5 macht den Besuch zu einem speziellen Erlebnis. 2‘000 Weine unter einem Dach Jetzt ist der ideale Zeitpunkt, sich mit Weinen für die kommende Frühlingsund Sommerzeit einzudecken. Ob auf der Suche nach einem einfachen Wein für jeden Tag oder nach ganz edlen Tropfen für besondere Gelegenheiten, die Besucher der expovinaPRIMAVERA werden an rund 80 Ständen mit einem Angebot von über 2‘000 Weinen bestimmt fündig. Alle wichtigen Anbaugebiete der Welt sind vertreten, und ihre Erzeugnisse werden zur Degustation gereicht. Ein ausführlicher Katalog hilft bei der Vorbereitung und der Orien- tierung, das fachkundige und kompetente Personal an den Ständen ist für Fragen zuständig und begleitet die Degustationen. Die grosszügigen Eckstände bieten viel Platz zum Degustieren, für Beratung und Gespräche. So wird der Besuch der Frühlings-Weinmesse zu einem kleinen Wein-Erlebnis, bei dem man auch viel lernen und Neues über Wein, Weinzubereitung und Weinkultur erfahren kann. Freude am Wein und am Weingenuss stehen dabei immer im Vordergrund. Auch für den kleinen Hunger zwischendurch ist im PULS 5 gesorgt. Neben der gemütlichen „PRIMAVERA“-Lounge innerhalb der Ausstellung warten verschiedene Restaurants mit feinen Gerichten. Mit öffentlichem Verkehr gut erreichbar Die Giessereihalle im PULS 5 ist nur wenige Gehminuten vom Escher WyssPlatz entfernt. Vom Zürcher Stadtzentrum aus ist die Weinausstellung in 10 Minuten mit öffentlichen Verkehrsmitteln erreichbar: Tramlinie 4 bis Technopark, Tramlinie 17 bis Förrlibuckstrasse oder S-Bahn Linie 16 bis Zürich-Hardbrücke. Für Anreisende in privaten Verkehrsmitteln sind etliche Parkhäuser vorhanden. Weitere Informationen auf www.expovina-primavera.ch expovinaPRIMAVERA - 27. März – 3. April 2014 Öffnungszeiten: Werktags 16 bis 22 Uhr, Samstag 14 bis 22 Uhr, Sonntag 12 bis 18 Uhr (Donnerstag, 3. April 16 bis 21 Uhr) Eintrittspreis Fr. 25.- inkl. Katalog lexus rc AL SALONE DI GINEVRA 2014 62 INEWS INEWS 63
    • a uto Pina Bevilacqua Ferrari Powerful brand G iornata davvero speciale per la Ferrari il 18 Febbraio scorso. Proprio nel 116° anniversario della nascita di Enzo Ferrari, pilota, costruttore e fondatore della celeberrima scuderia di Formula 1, il leggendario Cavallino Rampante su sfondo giallo si è aggiudicato, per il 2° anno consecutivo, il titolo di marchio più forte al mondo, secondo Brand-finance,la società di consulenza britannica che pubblica annualmente il ranking dei 500 maggiori brand globali. La mitica casa automobilistica di Maranello ha incredibilmente superato in classifica colossi mondiali come Coca Cola (2°), Google (4°), Hermes (7°), Rolex (8°), la rivale Red Bull (9°),Walt Disney (10°), battendoli in molti dei fattori presi in considerazione (desiderabilità, lealtà, fiducia dei consumatori, identità visiva, presenza online, soddisfazione dei propri dipendenti…). Il nome Ferrari, si legge nella motivazione,ispira in tutto il mondo «lealtà, culto e una devozione quasi religiosa». Ed è riconoscibile ovunque, «anche dove non ci sono ancora le strade». In termine di valore, però, il marchio Ferrari quest’anno è sceso dal 325° al 350° posto del Brand Finance Global 500, con un valore di 4 miliardi di dollari (al 1° Apple, con un valore di 105 miliardi), e questo perché le mitiche Rosse sono desiderate da tanti, ma effettivamente acquistate da pochi, pochissimi fortunati. Sempre il 18 Febbraio scorso la Ferrari ha potuto archiviare un bilancio 2013 con un utile netto di 246 milioni di euro (+5,4% sul 2012) e un fatturato di 2,3 miliardi (+5%), entrambi record per l'azienda modenese, nonché una 64 INEWS posizione finanziaria netta di 1,36 miliardi, grazie al successo riscosso sul mercato britannico (il migliore in Europa), su quello nordamericano (+9%) e sui mercati di Cina e Giappone (quest'ultimo cresciuto del 20%).E tutto questo nonostante le Ferrari consegnate l’anno scorso siano scese a 6.922 unità (-5.4%), perché l’azienda ha comunque puntato sull’alta esclusività, realizzando prodotti eccezionali come LaFerrari, la 458 Speciale e la California T, appena presentata. Nella stessa indimenticabile giornata del 18 Febbraio scorso, a Modena, il presidente della Ferrari Luca Cordero di Montezemolo e Piero Ferrari, il figlio del grande “Drake”, inauguravano il nuovo Museo Enzo Ferrari (Mef). Un gioiello dove è possibile ammirare le automobili più significative della storia di Enzo Ferrari ed entrare in una vera e propria "macchina del tempo" per percorrere 100 anni di storia ed emozioni. Il Mef sarà gestito insieme al Museo Ferrari di Maranello, visitato lo scorso anno da ben 320.000 persone. «Sono due musei complementari: uno che racconta la vita di Enzo Ferrari dalla nascita alla fondazione della Ferrari e quello di Maranello più in linea con gli ultimi 30 anni dell'azienda», ha commentato soddisfatto il numero uno della Rossa. In attesa del Mondiale di Formula 1, che quest’anno parte il 16 marzo dal Circuito di Melbourne e termina il 23 novembre ad Abu Dhabi. «Logicamente vogliamo provare a vincere» visto che «la Ferrari è l'unica squadra al mondo che quando arriva seconda si scatenano tragedie», ha dichiarato Montezemolo. INEWS 65
    • a uto Salone di Ginevra 2014: al debutto Fiat Panda Cross e Fiat Freemont Cross Anteprima mondiale delle nuove versioni top di gamma dei modelli Panda e Freemont. Diverse per forma e carattere, entrambe assicurano la massima libertà di utilizzo, anche nelle condizioni più impegnative grazie alla trazione integrale, senza dover rinunciare a uno stile distintivo e dalla forte personalità. F iat sceglie il palcoscenico di Ginevra per presentare in anteprima mondiale Panda Cross e Freemont Cross, entrambe al top delle rispettive gamme, le due nuove vetture offrono un’esclusiva e ricca dotazione per la sicurezza degli occupanti e il più elevato benessere a bordo, unite ad uno stile unico e inconfondibile. Nuova Panda Cross La nuova Panda Cross è la city SUV agile e maneggevole nel traffico urbano ma con lo spirito e le dotazioni tipiche di un SUV 4x4 di categoria superiore, come dimostrano l’adozione di serie sia del sistema di trasmissione “Torque on demand” - entra in funzione automaticamente quando occorre permettendo di superare con disinvoltura qualunque situazione – sia del sistema ESC (Electronic Stability Control) completo di funzione ELD (Electronic Locking Differential), un ulteriore ausilio alla guida e allo spunto in partenza su percorsi a scarsa aderenza. Design inconfondibile e audace Il frontale presenta un inedito look, grazie al nuovo paraurti, che presenta un generoso skid plate in colore titanio satinato per la protezione degli organi meccanici con un disegno a fori che reinterpreta il caratteristico segno a “squircle” di Panda. 66 INEWS A sottolineare il carattere robusto ed off-road, sono presenti ganci traino di nuova foggia in un rosso brillante immediatamente riconoscibili. Inediti anche i gruppi ottici, grazie ai proiettori e ai nuovi fendinebbia integrati nella zona del baffo portalogo, e alle luci diurne DRL con tecnologia LED, integrati nello skid plate. Nella vista laterale si evidenziano alcuni elementi specifici come i passaruota marcati, le modanature con badge “Cross”, e le nuove barre portatutto che riprendono entrambe le finiture dello skid plate. I cerchi in lega da 15’’ presentano un disegno a 5 razze a V ed una finitura in metallo brunito. All’interno, inoltre, Panda Cross è caratterizzata da un abitacolo curato e dalla forte personalità. I sedili sono in tessuto naturale fiammato dal look tecnico con i fianchetti di contenimento laterali in ecopelle marrone che si abbinano al rivestimento presente sui pannelli porta. Il sedile di guida si caratterizza per la scritta Cross brunita sullo schienale ottenuta mediante un riporto poliuretanico. La fascia plancia è in un nuovo colore rame all’interno della quale spicca la nuova finitura titanio satinato della plancia portastrumenti. Lo stessa finitura è utilizzata per il mobiletto centrale, a due livelli, sul quale è montato l’inedito selettore Terrain Control. Completano l’equipaggiamento il volante, con comandi integrati, e il pomello cambio, entrambi in pelle. Grazie alle cinque porte e alla sua abitabilità da segmento superiore, la nuova Panda Cross è un vero e proprio City SUV in quanto coniuga le ridotte dimensioni esterne - misura 370 centimetri di lunghezza, 167 di larghezza e 160 di altezza - con un sorprendente spazio interno: basti pensare che il bagagliaio è uno dei più grandi del segmento (225 litri) e sono presenti ben 15 vani portaoggetti incluso il comodo mobiletto a due livelli nel tunnel centrale esclusivo delle versioni 4x4 e Cross. Le motorizzazioni disponibili sono due, entrambe dotate di Start&Stop di serie e potenziate rispetto alle versioni presenti su Panda 4x4: il turbodiesel 1.3 Multijet II da 80 CV e il Turbo benzina 0.9 TwinAir da 90 CV. Nuovo Freemont Cross Al Salone di Ginevra sfilerà anche il nuovo Freemont Cross, il crossover alto di gamma che si rivolge ad un pubblico eterogeneo, attento alle novità e che cerca il migliore equilibrio tra funzionalità e design. Freemont Cross si caratterizza per l’aspetto grintoso e distintivo grazie agli inediti paraurti anteriore e posteriore con dettagli Platinum Chrome, alla griglia anteriore nero lucido, ai cerchi in lega Hyper Black da 19" a 5 razze e alle minigonne laterali in tinta Platinum Chrome. Le cornici nere dei gruppi ottici anteriori e posteriori conferiscono a Freemont Cross un carattere ancora più audace, pronto per ogni strada. Interni spaziosi Freemont Cross propone inoltre degli interni esclusivi con nuovi sedili in pelle e inserti sportivi a rete con cuciture a vista coloro grigio chiaro ardesia, finiture interne in tonalità Liquid Graphite, e contenuti di serie quali navigatore satellitare touchscreen Uconnect da 8.4”, telecamera posteriore di parcheggio FIAT PANDA 4X4 FIAT PANDA 4X4 e impianto audio Premium Alpine con 6 speaker, amplificatore da 368 watt e subwoofer. E ancora: specchietti esterni elettrici, riscaldabili e ripiegabili, sei airbag, porta-bicchieri illuminati, il Keyless Entry e Keyless Go con pulsante di avvio, e comandi audio e di regolazione della velocità di marcia al volante. Inoltre, il cliente di Fiat Freemont può configurare come meglio ritiene lo spazio interno grazie alle 32 configurazioni dei sedili e ai più di 20 vani portaoggetti dislocati nell’intero abitacolo, per una capacità complessiva di 140 litri, praticamente lo spazio del bagagliaio di una city car . Sfruttando la possibilità di abbattere la seconda e terza fila dei sedili è possibile creare un volume di carico di circa 1,5 metri cubi. La nuova versione top di gamma è disponibile con il propulsore 2.0 Multijet II da 140 CV, in abbinamento al cambio manuale a 6 rapporti e trazione anteriore, e il motore 2.0 Multijet II da 170 CV, sia nella versione 4x2 con cambio manuale sia in quella integrale attiva AWD accoppiato esclusivamente a un cambio automatico a 6 rapporti. In particolare, la trazione integrale attiva AWD (All-Wheel-Drive) è di tipo ‘on demand’ con una centralina elettronica che, tramite sensori, rileva l'aderenza delle quattro ruote e decide quando trasmettere trazione al posteriore. Il sistema elettronico modula il trasferimento di coppia attraverso l'utilizzo del giunto a controllo elettronico ECC (Electronically Controlled Coupling) e, operando solo quando necessario, contribuisce a contenere il consumo di carburante. Il nuovo Freemont Cross sarà disponibile negli showroom svizzeri a partire dall’autunno 2014. Informazioni media e foto sul sito: www.fiatpress.ch FIAT FREEMONT CROSS INEWS 67
    • a uto a uto Heidi Giuliani 2013_audi-r18-e-tron Panoramica dei modelli esposti all’84° Salone internazionale dell'automobile di ginevra F uji Heavy Industries Ltd. ( FHI ) , produttore delle automobili Subaru , ha annunciato oggi che esporrà la " SUBARU VIZIV 2 CONCEPT ", in anteprima mondiale al 84o Salone Internazionale di Ginevra che si terrà a Svizzera il prossimo mese ( Press giorno : 4 e 5 marzo , aperta al pubblico dal 6 marzo al 16 , 2014) . Inoltre , FHI esporrà la nuova Subaru WRX STI e la nuova auto da corsa sviluppata dalla nuova WRX STI per la 24 Ore del Nürburgring gara di endurance nel 2014 , sia facendo il loro spettacolo di debutto europeo . La conferenza stampa Subaru è prevista alle ore 10:45 il 4 marzo . Sito ufficiale : http://www.salon-auto.ch/ SUBARU VIZIV 2 CONCEPT (World Premiere) "SUBARU VIZIV 2 CONCEPT" segue le orme dei suoi predecessori " VIZIV Concept" , presentato lo scorso anno al Salone di Ginevra , e " VIZIV concetto di evoluzione " , ha rivelato al Tokyo Motor Show 2013 . Si tratta di un concetto di attraversamento futura generazione, che significa un percorso futuro per il valore del marchio della Subaru di " Piacere e pace della mente" . Il nome " VIZIV " esprime la volontà di Subaru per continuare il perseguimento di questo valore , perché i clienti dovrebbero essere ricompensati con niente di meno quando si guida una Subaru . ( Il " VIZIV " nome del modello è una parola coniata ispirato dalla frase "Vision for Innovation" , uno scorcio di futuro che spinge idee rivoluzionarie . ) Nuova Subaru WRX STI (prima europea) La nuova WRX STI è il modello top grade della serie WRX . Il concetto di prodotto comune a tutta la serie WRX , " Pure Power in Your Control" , è stata accresciuta in ogni aspetto . Nello sviluppare la nuova WRX STI , Subaru testato in varie condizioni di guida in diversi paesi per perfezionare la sua guidabilità . Le prestazioni del corpo , telaio e altre aree veicoli sono stati ottimizzati e unificato , avanzando così la capacità complessiva del veicolo . E ' l'apice della prestazione sportiva Subaru AWD che consente al conducente di manovrare liberamente e alta potenza a volontà . 68 INEWS La nuova versione da corsa della WRX STI per la 24 Ore del Nürburgring gara di endurance nel 2014 Subaru parteciperà alla 24 Ore del Nürburgring Race ( dal 19-22 Giugno in Germania) per il settimo anno consecutivo . Per questo progetto , FHI e Subaru Tecnica International Inc. ( STI) * rafforzato la loro collaborazione per creare un romanzo e auto da corsa più competitiva basata sulla nuovissima WRX STI . La 24 Ore del Nürburgring Race richiede veicoli di prestazioni con velocità e stabilità. Puntando per la vittoria nella sua classe per la terza volta dopo la sua ultima vittoria nel 2012 , Subaru dimostrare la sua eccellenza ingegneristica che realizza il valore del marchio "Piacere e pace della mente" . DIE 24 STUNDEN VON LE MANS IM PALEXPO D er internationale Automobil-Salon Genf 2014, welcher weltweit zu den Top 5 Automobilmessen gehört, heisst die Besucher vom 6. – 16. März im Palexpo willkommen. Im Vorfeld lassen sich über 10‘000 Journalisten aus der ganzen Welt anlässlich von 65 Herstellerkonferenzen, mit über 100 Welt- und Europapremieren, die Neuheiten der Automobilindustrie zeigen. Traditionsgemäss eröffnet anschliessend der Bundespräsident, Herr Didier Burkhalter, feierlich den 84. Salon. Für die rund 700‘000 Besucher, die erwartet werden steht dieses Jahr mit einer Sonderschau zur 90jährigen Geschichte des weltbekannten Rennens der 24 Stunden von Le Mans, Aussergewöhnliches auf dem Programm. Der legendär gewordene Wettkampf ist weltweit das Sportereignis Nummer 1. In Zusammenarbeit mit dem ACO (Automobile Club de l’Ouest), der das 24-Stunden-Rennen von Le Mans veranstaltet, und mit Unterstützung von Rolex, dem offiziellen Zeitmesser, werden rund zwanzig Fahrzeuge gezeigt, welche die Geschichte des immer noch bedeutendsten Autorennens der Welt geprägt haben. Unter den zwanzig Rennboliden, die die 90jährige Geschichte der Rennstrecke von Le Mans mitgeschrieben haben, ist der Sauber-Mercedes C9 von Peter Sauber, der direkt aus dem Museum in Hinwil, dem Sitz des Zürcher Konstrukteurs, kommt und der es Mercedes im Jahr 1989 ermöglichte, nicht nur einen Aufsehen erregenden Doppelsieg, sondern auch zwei Weltmeistertitel (Fahrer und Konstrukteur) zu feiern, zu bestaunen. Ebenso der Audi R18 e-tron quattro, mit dem 2012 der Schweizer Rennfahrer Marcel Fässler und sein Team erstmals am Steuer eines Hybrid Prototypen zum Sieg fuhren. Der Schwyzer Marcel Fässler ist der erste und einzige Schweizer Sieger in Le Mans, sogar zwei Mal in Folge, und zudem Weltmeister, alleine schon deswegen ist der Besuch des heurigen Autosalons ein Muss. Lassen auch Sie sich entführen auf diese fabelhafte Reise durch die Zeit. 1989_sauber-mercedes 1949_ferrari-166mm WWW.SALON-AUTO.CH INEWS 69
    • t echnologie italiannews SWISS MULTIKULTI LIFESTYLE MAGAZINE k u n s t swisscom integra nel suo Solution Center l’affiliata Axept Webcall Swisscom accorpa tutte le competenze di Workplace e Collaboration nella divisione operativa Enterprise Customers. A tal fine intende anche integrare l’azienda Axept Webcall nel Solution Center Workspace & Collaboration sotto la direzione di Andrej Golob. Axept Webcall, che dal 2011 è controllata al 100 per cento da Swisscom, si è specializzata in soluzioni integrali di Unified Communication Collaboration (UCC) – soluzioni che comprendono consulenza, progettazione e gestione. A ndrej Golob in merito ai vantaggi dell’accorpamento: «Le competenze specialistiche di Axept Webcall ci consentono di offrire ai clienti soluzioni ICT olistiche e integrate che rispondono alle esigenze dell’intero universo lavorativo.» In futuro Swisscom offrirà da un’unica fonte soluzioni di Workplace, Printing, Telefony e UCC. L’accorpamento avviene ufficialmente, dal profilo giuridico, con effetto al 1° gennaio 2015. Tutti i 120 collaboratori di Axept Webcall vengono trasferiti nella nuova divisione a partire da marzo 2014. 70 INEWS Daniel Staehelin, attuale CEO della controllata di Swisscom, assumerà una carica dirigenziale nella nuova divisione operativa. Il suo attuale Management Team continuerà a espletare le precedenti funzioni. Il marchio Axept Webcall viene abolito. Palmi Marzaroli Ausstellung vom 24. April bis 10. Mai 2014 Vernissage: Do 24. April 18:00 Finissage: Sa 10. Mai 17:00 Keller Galerie Zürich / Heidi Suter Selnaustrasse 15 / Eingang Sihlamtstrasse / CH-8001 Zürich / +41 442020963 / www.kellergalerie.ch INEWS 71
    • a rte a rte Raffaello Talò Monza 2014 Eventi - Cultura Gennaio - Marzo Presso lo Spazio Temporaneo M/art in Via Carlo Porta, 16 InewsKunst di Antonio Campanile presenta: 20. - 23. Februar 2014 Raffaello Talò (:+ 41 (0)79 757 10 06 Innsbrucker Kunstmesse 2014 Sehr geehrte Damen und Herren, geschätzte Freunde und Kollegen, Ich freue mich Euch mitteilen zu können, dass ich auch in diesem Jahr die Ehre haben werde, an der Innsbrucker Kunstmesse vom 20. – 23. Februar 2014 mit einigen meiner Werke (Stand: Halle 4 C/04) vertreten zu sein. Wenn Euer Weg zu dieser Zeit in den Norden des Tirols führen sollte, würde ich mich freuen Euch an dieser renommierten internationalen Kunstmesse begrüssen zu dürfen. “La notte vigila nella stanza dei pensieri volanti” Personale d’Arte Contemporanea in stile Pop - Materico Ansonsten begrüsse ich Sie gerne bald wieder an einer meiner Ausstellungen in der Schweiz. Freundliche Grüsse Salvatore Mainardi Bahnstrasse 20 CH-5033 Buchs AG (:+ 41 (0)79 757 10 06 E-mail: info@mainart.ch www.mainart.ch 72 INEWS Alcune opere della manifestazione fanno parte della collezione permanente presso la casa Editrice Medi@ Presse di Antonio Campanile Inews-Gallery Herostrasse/9 - CH - 8048 Zurich Switzerland Info: +41 79 405 39 85 - antonio@campanile.ch 349 4571220 raffaelloart@libero.it INEWS 73
    • a rte A Titolo: Pensieri Volanti tecnica mista su tela estroflessa InewsKunst di Antonio Campanile presenta: la Manifestazione d'arte Contemporanea di Raffaello Talo' in stile Pop-Materica; curata da Roberta Falsetta docente di Storia dell'Arte. A “Monza”, nel Centro storico presso lo Spazio Temporaneo M/art in Via Carlo Porta n.16, Città della Regina Teodolinda alla corte Longobarda, ricca di storia e tradizione, sede della Reggia Reale nel cuore della Lombardia in Brianza. Territorio immerso nel verde, un simbolo Storico Nazionale. 74 INEWS Raffaello Talò / Pop - materico rrivato in Lombardia da 11 anni, cresciuto viaggiando per il territorio Nazionale, abile nel piantare radici ovunque si fermi. Il suo talento nel continuare a creare è notevole, così come la sua inclinazione nel captare le sfumature dell’ambiente circostante. Nel forgiare nuovi legami con la sua geografia, l’artista trascende i concetti di tempo e luogo, la sua arte lo segue ed è imminente, sia in senso fisico che metaforico. Ispirato dalla bellezza del territorio, dal fascino medievale di alcune cittadine circondate dal verde dell’ambiente curato nei minimi particolari dalla cultura dell’epoca. Quest’artista è riuscito in poco tempo a ribaltare la sua concezione dell’arte, trasformandola in un “ nuovo concetto da vivere nello spazio”. Matura un proprio personale linguaggio artistico, in seguito definito dalla critica pop - materica. Oggi tutta la sua potenza creativa, concentrata in una mostra dedicata a lui, che diventa anche calda testimonianza della vita artistica di questo periodo, tanto vivace nella città storica di Monza, città della regina Teodolinda alla corte Longobarda, un simbolo storico per tutto il territorio. L’opera di Talò ci conduce in un certo momento temporale; si immerge nell’estremità della cultura dovunque egli si trovi. Il gioco e l’ingegnosità sono i principi su cui Talò basa la sua arte: il “ Viaggio “, uno dei temi affrontati nei primi e più noti lavori, viene realizzato “per divertirsi”, come testimonia lui stesso. Nel riferirsi al viaggio l’artista esplora nuovi territori, nuovi porti da approdare, il suo lavoro non esprime o non trasmette giudizi, ma evoca. Se non è sfida poi non rimane nulla, all’artista restano la propria sopravvivenza e libertà dei suoi principi. Egli possiede gli strumenti che contribuisce a creare prima e continuare poi questa mitologia. Nell’intendo di partecipare al futuro, puntando l’attenzione sul passato, egli gioca con il tempo presente, con l’idea di cosa accadrebbe quando tutto fosse perduto dopo. La sua valigia raccoglie i suoi ingranaggi della memoria, che non sono altro che il movimento che mette in funzione il proprio percorso, ricordi di un tempo che è quasi dimenticato e per sempre frainteso dagli eventi continui, che cancellano in attimi di secondo il fare per un nuovo apparire. Vola come il volo di un aeroplano, che contiene un importante significato, simboleggiando la storia ed il tempo, ma anche la fuga come possibiltà. Mostra ogni aspetto di tale rilevanza; spesso queste superfici sono accompagnate con immagini di figure umane e case, queste grandi tele simboleggiano anche il potere, il controllo dello spazio, dell’aria. Per l’artista questi contenitori possono superare confini e frontiere. Lo scontro di questi confini vagano come meteore, che con facilità possono conquistare suolo e spazio, rievocando le usuali: sigle, segni, frasi, colore, materia, frutto dell’abbandono, della ruggine e del decadimento del nostro tempo. Si pone spesso il quesito che “Quando il viaggio è finito” , ed il nostro futuro è andato, il mondo assomiglierà a delle grandi fosse comuni piene di valigie o case abbandonate. Questa creatura “ l’aereo di carta “, diventa la chiave dell’opera di Raffaello che con il suo fluttuare sia non semplicemente un insieme di condizioni, ma che generano un altro insieme di punti forza, che troviamo in natura e che così produca un cambiamento nel tempo. Piccole valigie fatte di pezza, arroccati su particolari strutture manuali esprimono l’energia di un piccolo mondo, magico, antico, pronto a prendere vita tra le mani del suo creatore. Così viene documentato attraverso video e foto nella mostra personale: “ La notte vigila nella stanza dei pensieri volanti.”, che testimoniano anche quanto il concetto di movimento fosse inerente al suo lavoro. Le possenti idee di Raffaello evidenziano creature dipinte sulla stoffa o tela. Più di 30 pezzi esposti si alternano in continuo work progress, l’artista aggiunge pezzi durante il percorso espositivo, mai stanco di creare nuovi personaggi con cui intende giocare ed animare il suo viaggio. L'opera è già chiara testimonianza del fissarsi nell’artista in un pensiero sia visivo che plastico, fondato sulla tensione, tra equilibrio e la razionalità della materia con il colore soggetto fondamentale dell’idea. Su quest'ultimo si concentrerà maggiormente sul tentativo di riportare la dimensione narrativa del viaggio dal canto suo, preferirà interrogare soprattutto la sua figura d’artista sul ter- ritorio, immortalandolo come un gioco con i suoi articolati e buffi cappelli e valigie, fotografate nel contesto urbano di varie città metropolitane. Maturando, si concentra sempre più su quelli che saranno poi i suoi unici principi concettuali: la mobilità come espressione della vita nel mondo e la riduzione delle masse a confronto. “ La casa nel vuoto “ è la stilizzazione di un abitazione in cui, senza le fondamenta ed il tetto, lo spazio e il ricordo fluttuano nel vuoto; per rendere il cromatismo della struttura come perdita delle radici per altre destinazioni verso una nuova presenza effettiva dell’uomo. L'artista, attorciglia concettualmente il filo di ferro che rappresenta la struttura che esce dal supporto, per far si che lo spostamento venga vissuto in quel momento. È una declinazione delle connotazioni cromatiche su un unico livello, quello formale, raggiunge così una nuova forma espressiva, spulciata da tessuti e colori, con cui realizza figure cariche di pathos con indicazioni prese dalla quotidianità, della quale evidenzia forme delle sue sculture, fatte di dinamismi tramite il virtuosismo centripeto del filo di ferro. Le sculture, di cui non restano altro che i contorni, fluttuano nell’aria denotando in maniera ancora più esplicita la loro leggerezza. Si muovono lentamente e ruotano su se stesse come forme fatate ed incomprensibili appese al soffitto, mentre le ombre retrostanti compongono sui muri forme e volumi. È in questo senso che si può parlare di scultura come disegno spaziale: tutte le caratteristiche (colore, forma, dimensione, peso) sono leggere su un unico livello, quello del contorno, del profilo di ferro che viene ricoperto di tela. Da qui poi si sprigionerà il divenire spazio di una proiezione, che supera per espressione, profondità e forza evocativa, la pienezza e la tridimensionalità della canonica scultura proiettata nel tempo. I ritratti hanno qualcosa di sconvolgente, lo sguardo segue in ogni spostamento lo spettatore. Gli incomprensibili attorcigliamenti dei fili di ferro restano a penzolare dal soffitto, ruotando mentre sulla parete si compongono i volti, fisionomie impreziosite da quel senso di plasticità e magia che solo l’intima conoscenza può produrre. Raffaello è uno artista ingegnoso, una categoria a parte. Lui piega fili di ferro che copre con la tela con vari materiali presi in prestito dall’uso comune, non scolpisce il marmo, la sente come un’arte perfetta per realizzare il suo viaggio per la sua funzione poetica punto di fuga della sua filosofica “creazione – modello “. Crea i suoi “ zinzuli “, strutture mitiche regolate da semplici leggi della fisica, che con una semplice leggerezza dettata dalla materia si attivano, ma che già nell’immobilità più totale esprimono un certo grado di matericità e di energia latente che scaturiscono una forza, direzioni verso un dinamismo dell’uno e la pesantezza dell’altra, come quando, osserviamo figure in movimento. Il magico equilibrio diventa quindi simbolo di un movimento appena passato e subito pronto a tornare, assorbito per un attimo dallo spessore dei materiali e dalle loro sinergie. Nella Galleria “ M/art “ spazio temporaneo, espone personalmente in permanenza da diversi mesi. Il movimento assumerà nuove dimensioni realizzate con curve e forme arrotondate creando delle vere installazioni teatrali. Lo spazio diviene simbolico soggiorno di forze, in cui sembra essere stato immortalato l’attimo di equilibrio di un movimento leggero fluttuante. La domanda che si svela al termine dell’esposizione è quella che ha dominato, latente, tutto il lavoro Lombardo e Svizzero dell’artista, a partire dalle opere che sono esposte a Zurigo in alcune gallerie del centro e nella sede della casa Editrice di Inews dell’editore Antonio Campanile prime opere pop materiche su tela estroflessa: come rappresentare l’equilibrio e la bellezza insiti nella dinamicità. Raffaello risponde in maniera provocatoria: attraverso la sperimentazione della forma della scultura, che deve essere funzione e pratica piuttosto che monumento, evocazione piuttosto che analogia, movimento piuttosto che staticità. Nelle diverse fasi sperimentate a Zurigo, quelle del gioco, del puro formalismo di spazi ed equilibri, lui svilupperà una risposta semplice e sconvolgente, destinata a modificare sostanzialmente il futuro concetto artistico di scultura e tridimensionalità. Docente e critica di Roberta Falsetta INEWS 75
    • a rte Luisa Pavesio Frida Kahlo - Autoritratto con collana di spine Frida Kahlo - Autoritratto come Tehuana (o Diego nei miei pensieri) Frida Kahlo - Autoritratto con vestito di velluto Si apre a Roma, preannunciata da una importante campagna di stampa, una mostra destinata a colpire il cuore – non solo il gusto o la mente – dei visitatori. L'esposizione avrà come protagonista la pittura della messicana con ascendenze tedesche Frida Kahlo, mito immortale - già ben prima del film che su di lei girò la regista Julie Taymor nel 2002 con l' interpretazione della bellissima Salma Hayek - e percorrerà, attraverso i dipinti colorati e lievemente naȉf, la sofferta esistenza della pittrice, martoriata nell'anima e nel corpo e divisa fra amori travolgenti, da quello per il marito (sposato due volte) Diego Rivera a Trotski fino a André Breton e alla fotografa Tina Modotti. Inews ci sarà per raccontare in anteprima la mostra romana, che proseguirà dal 20 Settembre 2014 a Genova (Palazzo Ducale) con una seconda puntata dedicata al rapporto personale ed artistico fra Diego Rivera e Frida Kahlo. FRIDA KAHLO «Ero solita pensare di essere la persona più strana del mondo ma poi ho pensato, ci sono così tante persone nel mondo, ci dev’essere qualcuna proprio come me, che si sente bizzarra e difettosa nello stesso modo in cui mi sento io» Alle Scuderie del Quirinale dal 20 marzo al 31 agosto 2014 76 INEWS Frida Kahlo - L’amoroso abbraccio dell’universo, la terra (Messico), io, Diego e il signor Xolotl Diego Rivera - Ritratto di Adolfo Best Maugard Diego Rivera - NUDO INEWS 77
    • a rte Rolf Knie Die Ausstellung findet in der Galerie Reichlin statt. in Küssnacht am Rigi 6. bis 22. März 2014 «Vorhang auf» für neue Werke «Entweder man hat es im Blut oder…», da sind sich Schauspieler, Zirkusleute und Clowns einig. ROLF KNIE ist einer von denen, durch deren Adern die natürliche Kraft eines Vollblutkünstlers läuft. Auf ganz speziellen Leinwänden aus dem echten Zeltstoff des Zirkus Knie der 80er Jahre schafft der renommierte Schweizer Kunstmaler Originale mit unverwechselbarer Ausdrucksstärke. Auge in Auge mit dem König der Tiere, fühlen sich die Betrachter der Bilder von Rolf Knie abgeholt und augenblicklich mittendrin in fernen Welten. Die wie Originale wirkenden, teilweise von Hand gefertigten, hochwertigen Serigrafien auf edlen Büttenpapieren befinden sich zudem in einem attraktiven Preissegment. Nun aber, Vorhang auf für das Beste zum Schluss: Auge in Auge – Sie als Besucher können das nicht nur mit den beeindruckenden Sujets sein: Geniessen Sie den Vollblutkünstler Rolf Knie live an der Vernissage in Küssnacht. A A F Ö 6. bis 22. März 2014 Donnerstag, 6. März 2014, 18–21 Uhr Rolf Knie ist anwesend Samstag, 22. März 2014, 10–16 Uhr Dienstag bis Freitag usstellung usstellungseröffnung inissage ffnungszeiten Samstag Galerie Reichlin AG, Küssnacht am Rigi 78 INEWS www.reichlin.ch Galerie für zeitgenössische Kunst Galerie Reichlin AG, Küssnacht am Rigi 9–12 Uhr 13.30 –18.30 Uhr 9–16 Uhr www.reichlin.ch Veranstalter GALERIE REICHLIN AG Grepperstrasse 8 6403 Küssnacht am Rigi www.reichlin.ch info@reichlin.ch Tel. 041 850 16 50 Galerie für zeitgenössische Kunst INEWS 79
    • a rte Schriftwechsel Die Ausstellung findet in der Galerie Reichlin statt. 29. März bis 19. April 2014 RETO BÄRTSCHI JOSEPH W. BÜRGI JOHANN HANS FERDINAND HÖHN mit der alten StuckTechnik werden weisse Werke geschaffen: Weisse Schrift auf weissem Grund. in Kreide und Pigmente eingebettete Zeichen, deren archaische Energie Ausdruck ethnischen Ursprungs sind. belanglos wirken diese mehr als hundertjährigen Buchhaltungsbücher im Vergleich zu den digitalen Servern unserer Zeit. Kreativität entsteht durch Abstraktion; Abstraktion ist vergessen... edle Manuskripte aus dem 17. Jahrhundert leben im Spannungsfeld mit der Kraft des abstrakten Expressionismus. A A M F Ö 29. März bis 19. April 2014 Samstag, 29. März 2014, 16–19 Uhr Künstlergespräch mit Apéro Sonntag, 30. März 2014, 11–15 Uhr in Anwesenheit der Künstler Samstag, 19. April 2014, 10–16 Uhr in Anwesenheit der Künstler Montag bis Freitag usstellung usstellungseröffnung atinée mit Prosecco inissage ffnungszeiten Samstag Galerie Reichlin AG, Küssnacht am Rigi 80 INEWS www.reichlin.ch Galerie für zeitgenössische Kunst Galerie Reichlin AG, Küssnacht am Rigi 8 –12 Uhr 13.30 –18.30 Uhr 9–16 Uhr www.reichlin.ch Veranstalter GALERIE REICHLIN AG Grepperstrasse 8 6403 Küssnacht am Rigi www.reichlin.ch info@reichlin.ch Tel. 041 850 16 50 Galerie für zeitgenössische Kunst INEWS 81
    • a rte ARTE VORSCHAU P B e book Pina Bevilacqua ascal Murer rigitte Buck Litscher 14. Juni bis 5. Juli 2014 Ausstellungseröffnung Samstag, 14. Juni 2014 in Anwesenheit der Künstler Die Ausstellung findet in der GALERIE REICHLIN statt. Grepperstrasse 8 6403 Küssnacht am Rigi www.reichlin.ch S urrealität 30. August bis 20. September 2014 Ausstellungseröffnung Samstag, 30. August 2014 in Anwesenheit der Künstler Die Ausstellung findet in der GALERIE REICHLIN statt. Grepperstrasse 8 6403 Küssnacht am Rigi www.reichlin.ch A M driano Piu arkus Graf 27. September bis 18. Oktober 2014 Ausstellungseröffnung Samstag, 27. September 2014 in Anwesenheit der Künstler Die Ausstellung findet in der GALERIE REICHLIN statt. Grepperstrasse 8 6403 Küssnacht am Rigi www.reichlin.ch Galerie Reichlin AG, Küssnacht am Rigi 82 INEWS www.reichlin.ch Galerie für zeitgenössische Kunst Acqua santissima L'intreccio tra Chiesa e 'ndrangheta È già un successo letterario l’ultimo libro del magistrato della Direzione Distrettuale Antimafia di Reggio Calabria Nicola Gratteri e del professore e storico delle organizzazioni criminali Antonio Nicaso. “Acqua santissima. La Chiesa e la ‘ndrangheta: storie di potere, silenzi e assoluzioni”, un viaggio dettagliato e documentato nel credo blasfemo della criminalità organizzata calabrese e di quella parte di società soggiogata da capi cosca, parrini e affiliati. Nei rapporti sacri e profani, impossibili eppure talvolta molto stretti, tra uomini di malavita e uomini di Dio, dall’Unità d’Italia ad oggi. «A partire dall’Ottocento e per decenni gli uomini della ‘ndrangheta hanno beneficiato del silenzio e dell’indifferenza (spesso interessati) della Chiesa. Solo dagli anni Cinquanta cominciano a registrarsi le prime denuncie e le prime lettere pastorali, e la ‘ndrangheta diventa un cancro esiziale», si legge nella prefazione. Infatti Gratteri e Nicaso enumerano episodi e figure ecclesiastiche di varie epoche, snocciolando esempi di martirio e complicità. Raccontano che da sempre i boss finanziano attività o appuntamenti della Chiesa, ne difendono i valori e i beni, pretendono che le processioni transitino sotto i loro balconi solo per acquisire visibilità e consenso sociale. Che la ‘ndrangheta come tutte le mafie cerca di legittimarsi e di conferire sacralità a quello che fa emulando gergo (la Santa, il Vangelo…) e riti ecclesiastici (il battesimo…). Che per esistere la criminalità organizzata deve necessariamente avere relazioni con pezzi di potere, Chiesa compresa. « Nel libro non parliamo della Chiesa come istituzione, ma di uomini di Chiesa che spesso, ancora oggi, per paura o convenienza, fanno finta di non vedere la ‘ndrangheta anche quando ce l’hanno sotto gli occhi», spiega Gratteri, impegnato in prima linea contro la 'ndrangheta tanto da essere costretto a vivere sotto scorta dall'aprile del 1989.«Non parliamo solo di episodi negativi, ma anche di sacerdoti importanti e coraggiosi come quelli uccisi nel 1862 per essersi opposti alla picciotteria». «Il libro si chiude con un anelito di speranza che si chiama Francesco, Papa Francesco, che sta mettendo in discussione lo Ior e sta spezzando i legami tra finanza vaticana e investimenti dubbi da parte di terzi», puntualizza il professor Nicaso. Portata ad esempio di un fortissimo cambiamento di rotta anche la recente beatificazione di don Pino Puglisi, il sacerdote ucciso dalla mafia 20 anni fa a Palermo. INEWS 83
    • Stampa digitale e offset Flessibile, ideale per garantire la massima qualità a tutti i tuoi progetti. Al lavoro e nella vita. Prepress Press Postpress per la comunicazione per l’informazione per l’ufficio per i tuoi eventi TBS, La Buona Stampa sa via Fola 11 CH-6963 Pregassona Tel. +41 (0)91 973 31 71 Fax +41 (0)91 973 31 72 info@tbssa.ch www.tbssa.ch