Kunst - Zurigo - Ottobre 2011

4,990 views

Published on

Raffaello Talò
Italiannews - Kunst
Zurigo 10/2011

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
4,990
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
70
Actions
Shares
0
Downloads
3
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Kunst - Zurigo - Ottobre 2011

  1. 1. italiannews.ch Multilingual Lifestyle Magazine, Italiannews.ch - Nr. 8, Oktober 2011, CHF- 4.-multilingual lifest yle magazinevenezia fiLM feStivaLroMan PoLanSkizüriCh fiLM feStivaLSeataLahMBra PePPe zuLLo SeLeCtionaLina StefaniaBuChSChaCher BivoneMiSS Svizzera La CaLaBria vinCe a MiSS itaLiai newS kunStraffaeLLo taLÓ - reinhard - fLuri - roLf knie - heLene B. groSSMann - adriano Piu - Pietro de Seta
  2. 2. ICITÀMGB www.migros.ch PRAT TO TALE! a plus acheté ive l ee ess n el Su ed iss st- Die mei rqu e te La ma gekauf ittel- Waschm r de v i z ze r a marke z Schwei in S ta m La is ta a rc ad qu i d e te rs i v i p i ù a c Il nuovo Total 1 for all. Il detersivo per tutti i capi. Questo multitalento lava in profondità e protegge in modo ottimale tutti i tessuti e i colori. Ideale per fare il bucato in tutta semplicità.
  3. 3. inew sInhaltEDITORIAL5 news cinema Gabriella Groppetti - Editorial by7 mostra del by Pina Bevilacqua - Editoriale9 - Editorial by Brian BasnayakeEVENTI10 - Miss Italia11 - Miss Svizzera12 - Zurich Film Festival14 - Ikea „Il futuro e già passato“16 - World travel awards 2011: swiss als beste business airline europas ausgezeichnetPEOPLE17 - H.E. Ambassador Stephen Fletcher from Grenada in SwitzerlandCINEMA18 - VENEZIA 6821 - Ciak! si Gira22 - I film in programmazioneFINANZA24 -Switzerland steps up the stimulusMUSICA27 - Top ten28 - Michele Zarrillo29 - Marco Mengoni30 - Luca Carboni31 - Giorgia32 - AgendaGASTRONOMIA36 - Peppe Zullo „dallo Chef alla selection“39 - Swiss geht ausAUTO48 - SEAT Alhambra50 - Motor village54 - Francoforte 64SPECIALE COIRA68 - Agenda SüdostschweizARTE71 - Raffaello Talo72 - Reinhard Fluri74 - Rolf Knie76 - Helene B. Grossmann78 - Adriano Piu80 - Pietro De SetaINEWS PART84 - Italo Swiss Silvester Party Hotel Mövenpick
  4. 4. ImpressumVerlagAntonio CampanileEditorial DirektorPina BevilacquaTestimonialAnna Maria SchneiderDirektor Marketing/ WerbungAntonio CampanileChefredaktorGabriella Groppetti (deutsche Redaktion)Heidi Giuliani (deutsche Redaktion)Bryan Basnayake (englische Redaktion)Mursia Petrachi (italienische Redaktion)RedaktionSabrina TortomanoThomas LangLuisa PavesioMarco MontiniAntonella MontesiMassimiliano TeramoPietro De SetaRedaktion ChurCosimoVonghiaAristides dos SantosEliana PanchieriGiancarlo MariniAda MichelRedaktion TessinMaristella PolliVincenzo LettieriEnzo CastelliRedaktion ViennaEnrich BauerRedaktion RomAngela VerdeMichele ViolaRedaktion TurinFrancesco MesciaRedaktion SizilienFrancesco Di DarioRita PennisiRedaktion ApulienEustachio CazzorlaNicola TramonteDomenico PotenzaMarketing/ WerbungNews@campanile.chGraphicsMorena FiorucciArt DirectorPaolo UgoliniSavatore LodragoWeb MasterYuriFotografieLino Sprizziphotos-people.chFrancis Bissat www.fb-photografie.chPatrick FrischknechtAbo-ServiceRedaktion@italiannews.chTel. +41 44 432 57 78DruckzentrumVCTHerostrasse 98048 ZürichVerlagINews CampanileBaumgartenstr. 26 8902 Zürich – UrdorfTel. +41 44 432 57 78Mobile +41 79 405 39 85Redaktion@italiannews.chnews@campanile.chAbbonamento/ soci CHF 100.-Monatliche Ausgabe
  5. 5. EditorialLiebe Leserinnen,liebe Leser,Der Sommer der keiner war> - unter diesem Titelkonnte man den Juli und August abhaken. Die luftigenKleider, hübschen Sandalen und der Bikini fristetenihr Dasein im Schrank, die Badeanstalten wurden nurvon ganz wetterfesten Menschen besucht und Grillpar-tys waren Wunschdenken. Ein Kollege in Deutschlandmeinte frustriert: <Uns sind fast Schwimmhäute ge-wachsen>.Doch Ende September, wo man normalerweise schoneher wärmende Kleidung trägt, kam der Sommer dochnoch: Abends noch im Gartenrestaurant sitzen, im Seebaden, den Menschen in Shorts und leichten Tops be-gegnen, Glacé schlecken - welch ungewöhnlich schö-ner Herbstbeginn.Auch bei der Eröffnung des Zurich Film Festivals (le-sen Sie mehr darüber in diesem Heft) flanierten dieprominenten Damen ohne zu frösteln in schulterfreienRoben über den grünen Teppich. Mit diesem Event be-wies Zürich übrigens wieder einmal Weltklasse. Auchdie Souveränität von Roman Polanski (er erhielt denEhrenpreis für sein Lebenswerk als Filmschaffender)hat mich beeindruckt: Vor zwei Jahren blieb ihm dieEntgegennahme dieses Preises verwehrt weil er bei derAnreise zu diesem Anlass am Flughafen Kloten verhaf-tet wurde. <Better late tthan never>, lieber spät als nie,meinte der Regisseur locker in seiner Ansprache.Auch I News hat Grund zum Feiern denn das Magazinbegeht im Oktober seinen 5. Geburtstag! Der Erfolggab und gibt uns recht: Das erste Multilingual LifestyleMagazin ist definitiv aus den <Kinderschuhen> rausund wird sowohl von der Leserschaft wie von Seitender Inserenten geschätzt.Als Modebegeisterte wie immer ein paar Worte zu denneuesten Trends. Falls Sie Zeit haben liebe Leserin-nen: Nehmen Sie die Stricknadeln hervor denn dieserHerbst wird kuschelig. Pullover, Jacken, lange Schals:Wolle allover. Schön wärmend und in dezenten Farbenzeigt sich die tragbare und alterslose Mode. Fake Fur,also Kunstpelz, ist ebenfalls ein Muss. Es gibt kaumein Kleidungsstück (bis hin zu den Stiefeln) dass sichdamit nicht verzieren liesse.Herzlich IhreGabriella Groppetti
  6. 6. ImpressumEditoreAntonio CampanileDirettore EditorialePina BevilacquaTestimonialAnna Maria SchneiderDirezione Marketing&PubblicitàAntonio CampanileCapo RedattoreGabriella Groppetti (deutsche Redaktion)Heidi Giuliani (deutsche Redaktion)Bryan Basnayake (englische Redaktion)Mursia Petrachi (italienische Redaktion)RedazioneSabrina TortomanoThomas LangLuisa PavesioMarco MontiniAntonella MontesiMassimiliano TeramoPietro De SetaRedazione Coira (CH)CosimoVonghiaAristides dos SantosEliana PanchieriGiancarlo MariniAda MichelRedazione TicinoMaristella PolliVincenzo LettieriEnzo CastelliRedazione ViennaEnrich BauerrRedazione RomaAngela VerdeMichele ViolaRedazione TorinoFrancesco MesciaRedazione SiciliaFrancesco Di DarioRita PennisiRedazione PugliaEustachio CazzorlaNicola TramonteDomenico PotenzaMarketing/ PubblicitàNews@campanile.chGraficaMorena FiorucciArt DirectorPaolo UgoliniSavatore LodragoWeb MasterYuriFotografiaLino Sprizziphotos-people.chFrancis Bissat www.fb-photografie.chPatrick FrischknechtAbbonamentiRedaktion@italiannews.chTel. +41 44 432 57 78TipografiaVCTHerostrasse 98048 ZürichCasa EditriceINews CampanileBaumgartenstr. 26 8902 Zürich – UrdorfTel. +41 44 432 57 78Mobile +41 79 405 39 85Redaktion@italiannews.chnews@campanile.chAbbonamento/ soci CHF 100.-Periodicità Mensile
  7. 7. EditorialeAiutiamo le giovani imprese!Le economie occidentali, baluardo del benessere e del-la democrazia, sembrano vacillare in questi mesi. Ilmale peggiore si chiama speculazione selvaggia, quello‘minore’ stagnazione dei consumi, frutto della paura edella crescente disoccupazione. E su questo possiamofare tutti qualcosa,rimettendo in moto la macchina del-la produzione. Che crea lavoro e, quindi, capacità dispesa e, dunque, ricchezza. Quella vera. Anche noi diI NEWS vogliamo dare una mano, mettendo le nostrevarie professionalità (www.mediapresse.eu) al serviziodelle aziende. Pubbliche relazioni, lobbying, assistenzaa 360° dallo start up alla gestione ordinaria e straordi-naria. Naturalmente per la Svizzera, e anche per il NordEuropa. Più che un proposito questo è un impegno, cheabbiamo preso tra noi, ma solennemente, l’11 settembrescorso, in occasione del nostro 5° compleanno. Ebbenesi, siamo nati proprio in quel giorno, e non a caso, maper dare una risposta a chi, colpendo la civiltà al cuore,sperava di metterla in ginocchio. Ed ora vogliamo met-terci anche di più, spendendo le nostre potenzialità e ilnostro entusiasmo per il progresso delle aziende gio-vani e dinamiche proprio come la nostra. Per dare unseguito coerente e sostanzioso a quel NO di 5 anni orsono. Proprio in un periodo in cui gli effetti a cascata diquell’11/9/01 sono arrivati finanche alle nostre tasche.Probabilmente il loro capolinea.Cari salutiPina Bevilacqua
  8. 8. ImpressumEditorAntonio CampanileManaging EditorPina BevilacquaTestimonialAnna Maria SchneiderDirektor Marketing/ AdvertisingAntonio CampanileChief EditorGabriella Groppetti (deutsche Redaktion)Heidi Giuliani (deutsche Redaktion)Bryan Basnayake (englische Redaktion)Mursia Petrachi (italienische Redaktion)Editorial BoardSabrina TortomanoLuisa PavesioMarco MontiniAntonella MontesiMassimiliano TeramoPietro De SetaEditorial Board in ChurCosimoVonghiaAristides dos SantosEliana PanchieriGiancarlo MariniAda MichelEditorial Board in TicinoMaristella PolliVincenzo LettieriEnzo CastelliEditorial Board in ViennaEnrich BauerEditorial Board in RomeAngela VerdeMichele ViolaEditorial Board in TorinoFrancesco MesciaEditorial Board in SicilyFrancesco Di DarioRita PennisiEditorial Board in ApuliaEustachio CazzorlaNicola TramonteDomenico PotenzaMarketing/ AdvertisingNews@campanile.chGraphicsMorena FiorucciArt DirectorPaolo UgoliniSavatore LodragoWeb MasterYuriPhotographyLino Sprizziphotos-people.chFrancis Bissat www.fb-photografie.chPatrick FrischknechtAbo-ServiceRedaktion@italiannews.chTel. +41 44 432 57 78PrintVCTHerostrasse 98048 ZürichPublisherINews CampanileBaumgartenstr. 26 8902 Zürich – UrdorfTel. +41 44 432 57 78Mobile +41 79 405 39 85Redaktion@italiannews.chnews@campanile.chAbbonamento/ soci CHF 100.-Montly issue
  9. 9. EditorialDear Readers,Oh, what a glorious start to the autumn, and yes, if theforecasts are borne out, indeed we will be enjoying aspectacular fall this year. After the thoroughly disap-pointing summer, a fantastic autumn might turn out tobe just the right antidote to fight against the low spiritscaused by the endless stream of negative headlines thatare regularly coming up all over the world. It seems thatwith the omnipresent media and its flood of informationand news - literally every minute of the day - we canno longer remain unaware of the misfortunes of others.Surely there has never been a time in living memory -certainly not since the Great Depression in the 1930s- when crises, catastrophes, and chaos have taken pre-cedence over everything else in the world. Then again,amidst all the natural catastrophes and other upheavalsin all areas of the globe, nothing has grabbed the atten-tion of the media and the vast mass of the people for thebest part of this year, as have done the economic andfinancial crises, which even now are besetting the worldwithout a hint of a respite. What is even more worryingfor us is the crisis in the Eurozone, which could haveserious implications for Switzerland, particularly if a fi-nancial failure were to occur in Europe. Such a failure isnot imminent, but the possibility of such a catastrophehappening is becoming increasingly greater as a resultof the weak political leadership in many of the leadingEuropean economies. Political leaders have done littleto boost consumer confidence that will eventually ge-nerate growth, and they have not introduced long termmeasures to bring about financial stability either.For our part, we have always advocated optimism, asopposed to gloom and doom, and we believe in it nowmore than ever. The test of consumer confidence willcome this autumn as the season of trade and consu-mer fairs gets underway. Hence visitor numbers andpurchases will show how far consumer confidencehas eroded, stabilized or increased. Furthermore, thisautumn we will witness the elections to the nationalparliament. The results will demonstrate how far immi-gration policies, as opposed to global issues such as thefinancial and economic crises and natural disasters, areimportant to the electorate.On that note, we wish you a lovely autumn and an enjo-yable read of this magazine.Yours sincerelyBrian Basnayake inews 9
  10. 10. eventsStefania Bivone alfonso BeneventomIss ItalIa 2011«Il prIncIpIo che mI guIda è essereBsempre me stessa». ella e decisa la nuova Miss Italia. Non ha versato una lacrima al momento dell’incoronazione ed ha risposto a tutto in conferenza stampa Stefania Bivone, 18 anni a maggio (come vuole il rigido regolamento del Con- corso, mentre Miss Svizzera richiede solo i 17 anni e Miss Ticino, addirittura, i 14). Occhi marroni, capellicastani, 178 centimetri, da Sinopoli, Reggio Calabria. Una solida fa-miglia alle spalle (papà Giuseppe e mamma Antonia, le sorelle Rossanae Patrizia, di 24 e 21 anni,universitarie a Roma,il fratellino tredicenneFabrizio) e davanti l’ultimo anno di liceo scientifico. Unica calabra tra le60 finaliste, la 5° Miss Italia calabrese di sempre, che ha trionfato con il74,8% delle preferenze, mettendo d’accordo, una volta tanto, il pubblicoda casa, quello in studio e la giuria.«Le altre ragazze mi dicevano che avrei potuto vincere il titolo, ma ionon ci credevo».e quando ci hai creduto?«Quando siamo rimaste solo in 3 finaliste».Cosa vuoi fare da grande?«Il mio obiettivo è di fare la cantante. Canto da quando ho 7 anni, fre-quento un’Accademia di canto e credo che la fascia che indosso possaaiutarmi ad affermarmi». Stefania, ‘cresciuta’ a Negramaro ed Elisa, ilsogno di un duetto con Laura Pausini, ha le idee chiare sul suo futuro.Cosa pensi delle escort?, osiamo chiederle a un certo punto noi bric-concelli giornalisti. «Non arriverei mai al successo vendendo il mio corpo o mostrandominuda. Credo che si possa essere belle anche con i vestiti addosso».e la politica, che oggi affascina un po’ chiunque…«Non escludo che un giorno possa fare carriera politica.Infatti, l’anno prossimo penso di iscrivermi a Giurisprudenza».Ma arriviamo al dunque: sei fidanzata? E lei, per non smentirsi,con un colpo da maestra, risponde che «Sono fatti privati». foto MiSS itaLia Luigi SaggeSe10 inews
  11. 11. mIss sVIZZera 2011Alina BuchschacherNATA IL 19 LUGLIO 1991.LA STUDENTE DI COMMERCIOE MISS BERNA 2011VIVE A BERNA CON LA MADREFARINA, 57, IL PADRE ULRICH,59, E LA SORELLA MAGGIORENAëLA, 21.LA MADRE è ORIGINARIA DITRINIDAD E TOBAGO, IL PADREè SVIZZERO.PRATICA DRESSAGE ACAVALLO DA SETTE ANNI,DA DUE SI ALLENA ANCHE NELSALTO OSTACOLI.INSIEME DA POCO A FABIEN, 18,STUDENTE.CORPO 171 CM, 88-60-90
  12. 12. events heidi giulianizuriCh fiLM feStivaLstandIng oVatIons Fuerroman polansKI“ Better late than never‘ meinte Filmregisseur Roman Polanski la- Filmfestivalstadt. Die Augen leuchten von Säulen, in Schaufenstern, grossfor- chend, als er unter langanhaltendem Applaus und stehender Ova- matig auf Dächern, mundgerecht als Schokoladekugeln, flatternd auf Fahnen tion strahlend den Award ‚A tribute to‘ entgegennahm, mit dem er im Herbstwind Das Filmfieber ist verbreitet, Zürich ist erfasst von einem gut- für sein Lebenswerk ausgezeichnet wurde. Seine Verhaftung am mütigen Virus und einem höchst vergnüglichen dazu. Um einen gefährlichen Flughafen Zürich vor genau zwei Jahren sei nicht nur ein Schlag Virus handelt es sich beim heiss erwarteten Katastrophenthriller ‚Contagion‘. für ihn, sondern auch für seine Familie und das Festival gewesen. Mit Matt Damon und Kate Winslet. Der US-Schauspieler Laurence Fischbur-Regisseur Christian Frei, welcher 2002 für seinen Film ‚War Photographer‘ ne, der im Film mit kühlem Kopf den Überblick behält, eröffnete als Stargastfür den Oscar nominiert wurde, war der erste der sich zu Ehren des 78ig jäh- nicht nur das Festival, sondern bleibt als Jurypräsident gleich die ganzen elfrigen Filmmeisters erhob und begeistert klatschte. Tage in Zürich. Bundesrat Didier Burkhalter eröffnete das siebte Zurich FilmNach der Ueberreichungszeremonie des Ehrenpreises im Zürcher Festivalki- Festival.no Corso 1 aus den Händen der Festivaldirektoren Nadja Schildknecht und Einem weiteren Stargast, Regisseur und Ausnahmeschauspieler Sean Penn,Karl Spoerri, wurde als Weltpremiere die als Ueberraschung angekündigte der in Begleitung seiner Freundin Shannon Costello über den grünen TeppichDokumentation ROMAN POLANSKI: A FILM MEMOIR gezeigt. Der Film defilierte, wurde der Golden Icon Award verliehen.erzählt das aussergewöhnliche Leben des Menschen und Filmkünstlers Ro- Einen krönenden Abschluss fand das 7. Zurich Film Festival mit der Vergabeman Polanski. Der polnisch-französische Regisseur selber erzählt seinem von vier Goldenen Augen an junge Regietalente im Opernhaus, welches denlangjährigen Freund, dem Produzenten Andrew Braunsberg, von seiner Kar- Anlass würdig umrahmte. Die vier Wettbewerbsjurys vergaben ihre Golde-riere in Europa und den USA, der Tragödie mit seiner grossen Liebe Sharon nen Augen an die USA (Internationaler Spielfilm und Internationaler Doku-Tate, der Medienschlacht, die ihn beruflich und privat stets verfolgte, seiner mentarfilm), an Österreich (Deutschsprachiger Spielfilm) und an die SchweizVerhaftung 1977, der daraus resultierenden Kontroverse und der Zeit bis heu- (Deutschsprachiger Dokumentarfilm).te. Was dieser 1933 in Paris geborene kleine grosse Mann schon im frühesten Unter der Leitung von Karl Spoerri und Nadja Schildknecht hat sich das Zu-Kindesalter kriegsbedingt erleiden musste stimmt nachdenklich. Sein Humor rich Film Festival innerhalb weniger Jahre in der nationalen und internati-zeugt von seiner grossen Charakterstärke. onalen Festivallandschaft etabliert. Für elf Tage wandelte sich Zürich zumDie jedes Jahr grösser werdende internationale Medienpräsenz, die illustren Nabel der Filmwelt, um die Filmkunst in all ihren Facetten zu feiern. Ziel derStargäste aus Kultur, Wirtschaft und Politik verdeutlicht bestens die Beliebt- Veranstaltung ist es, einem breiten Publikum Einblick in das Schaffen kom-heit und Wichtigkeit des Zurich Film Festivals. Das Festival welches sich mender junger Filmemacher aus aller Welt zu ermöglichen und den Austauschmit goldenen Augen überall in der Stadt und auch am Flughafen ankündigt, zwischen arrivierten Filmschaffenden, jungen Talenten und Zuschauern zusind ein untrügliches Zeichen auf die Verbreitung des Virus. Zürich ist wieder fördern. GRAZIE MILLE NADJA. GRAZIE MILLE KARL12 inews
  13. 13. fotoS: PatriCk friSChkneCht inews 13
  14. 14. e ventsiL futuro è già PaSSato CON LA MOSTRA INTERATTIVA E MULTIMEDIALE «SPAZIO PER NUOVE IDEE» IKEA SVIZZERA PRESENTA I RISULTATI DI UNO STUDIO CONDOTTO IN TUTTO IL TERRITORIO SVIZZERO INTITOLATO «VIVERE IN SVIZZERA OGGI E NEL 2020». INell’ambito dello studio cosa è emerso dallo studIo n relazione al presente e alle diverse situazioni abitative delle persone intervistate, lo«Vivere in Svizzera oggi e nel studio ha evidenziato che gli elvetici non sfruttano ottimamente gli spazi, che vivono in2020» IKEA ha indagato su un groviglio di cavi, che gli spazi dove riporre le cose non sono organizzati bene, che manca stile e che in molte stanze sono mischiati diversi stili e mobili al punto tale dacome le cittadine e i cittadini creare un senso di disarmonia.svizzeri vivono oggi e come Dai sondaggi è emerso, inoltre, che gli svizzeri tengono molto alla natura e all‘ambiente, che per loro è importante utilizzare efficientemente il tempo e che la svizzeritudine e le tradizi-questi si immaginano di vivere oni a essa legate guadagnano sempre più importanza. Alle domande concernenti le esigenze future, gli intervistati hanno risposto di desiderare soprat-in futuro. tutto più spazio, più natura e più materiali naturali, prodotti sostenibili e un’«oasi per rilassarsiLo studio, condotto in tutta la in cui rifugiarsi dalle preoccupazioni quotidiane.» Un aspetto altrettanto interessante riguardava le cose che gli svizzeri ritengono importanti nellaSvizzera per 3 mesi, è vita, tra cui quasi esclusivamente la famiglia, la gioia di vivere e la possibilità di coltivare il contatto con altre persone. Tra gli intervistati maschi, un uomo su due ha dichiarato che la fa-suddiviso in 3 diversi moduli. miglia è più importante della carriera o del denaro.14 inews
  15. 15. Il Futuro è ora Si tratta di un’esposizione in cui vengono interpretati i risultati dello studio. La mostra è suddivisa in tre paroleDallo studio è quindi emerso che le svizzere e gli svizze- chiave: natura, spazio e tecnologia.ri non hanno aspettative futuristiche, spettacolari e fittizie Si tratta di parole emerse più volte nel corso dell’indagineper il futuro o, detto con le parole di Simonetta Carbona- e utilizzate dagli intervistati con varie accezioni.ro*: «Il concetto di futuro è un’idea già superata. Nessuna Su tre grandi schermi vengono proiettati rispettivamentetraccia di un futuro inteso come ideologia futuristica della una cucina, un soggiorno e una camera da letto, che, ripro-modernità. Nessuna traccia neanche del «superuomo», dotti in base ai risultati evinti dallo studio, rappresentanoche domina il mondo e la natura. Nessun’ombra del ri- le diverse situazioni abitative di oggi delle svizzere e deglicordo di quel futuro che sognava la conquista del cosmo. svizzeri.Neppure un‘allusione all’idea del futuro intesa come pro- Con il cono luminoso di una torcia i visitatori possono can-gresso, come mobilità sociale e, quindi, come crescita o cellare sugli schermi l’immagine e compare un video chelento avvicinamento a un obiettivo ultimo, ossia la felicità mostra la stessa stanza di prima ma arredata con i mobilidegli uomini. Il futuro sembra essere diventato, piuttosto, di IKEA.e ciò vale anche per le forme della sua rappresentazione, Soluzioni d’arredo con oggetti d’arredo scelti che sonoun concetto di vita familiare o di un luogo in cui sentirsi all’insegna del massimo grado possibile di sostenibilità.protetti, in cui rifugiarsi. Una sorta di isola raggiungibile Alla fine delle riproduzioni del video l’immagine si tras-ogni sera dopo i piccoli naufragi quotidiani che subiamo forma in una videoanimazione che mostra come IKEA, insolitamente al lavoro, a scuola e anche nella nostra vita quanto a consumo energetico, materie prime e risparmiosociale.» dello spazio, sia in grado di simulare una visione del futuro realizzabile giorno dopo giorno osservando alcune piccolela mostra regole nella vita quotidiana.I risultati dello studio sono stati presentati dal 3 Un futuro che non cerca di anticipare i tempi, bensì che vaall’11 settembre alla Papiersaal di Sihlcity di Zu- al passo con noi.rigo attraverso la mostra interattiva e multimedia-le «Spazio per nuove idee» e resi accessibili alpubblico. SHORT CV SIMONA SCARPALEGGIA Short CV Simona Scarpaleggia Born in 1960, Italian citizen. Education: Diploma in political science, Master in Business Administration, Università Bocconi, Milano (Italy) Languages: Italian, English, French, Russian and Spanish Professional experience: 1983-1989 HR, Gruppo Montedison, chemical group 1994-2000 HR-manager, Cei, engineering company 1994-2000 HR-manager, Sara Lee DE Italy, American multinational fast moving consumer goods 2000-2010 IKEA Retail, Italy. HR-manager, Store manager, Deputy country manager 2010- CEO IKEA Switzerland * KURZLEBENSLAUF VON SIMONETTA CARBONARO Simonetta Carbonaro ist Konsumpsychologin und Expertin für Innovationsmanagement und Strategic Design Management. Sie ist Professorin für Humanistic Marketing und Design Management an der Universität von Borås in Schweden, wo sie ein Kompetenzzentrum für neue Marketingstrategien in gesättigten Märkten aufbaut und auf den Gebieten des Konsumentenver- haltens und der sozialen und kulturellen Veränderungen in unseren globalen Gesellschaften forscht. Als Visiting Professor bei der London College of Fashion Universities of the Arts engagiert sich Carbonaro mit experimentel- len Projekten, die unter dem Titel „Design of a New Prosperity and Better Lives“ das Thema der Nachhaltigkeit erforschen. Sie hat während mehr als zehn Jahren zum Forschungszentrum der Design Hochschule Domus Academy in Mailand gehört und ist zur Zeit Mitglied des Advisory Board der internationalen Handelstagung des Gottlieb Duttweiler Instituts in Zürich. Als Partnerin der in Karlsruhe ansässigen Unternehmensberatung REALISE berät sie seit über 20 Jahren internationale Un- ternehmen der Konsumgüterindustrie und des Handels auf den Gebieten der Produktentwicklung, der Kundenbeziehung, der Markenführung, der Kommunikation und des Mehrwert-Marketings. inews 15
  16. 16. e ventsworLd traveL awardS 2011:SwiSS aLS BeSte BuSineSS airLineeuroPaS auSgezeiChnetSwiss International Air Lines hat bei den diesjährigen World Travel Awards denersten Platz in der Kategorie “Europe‘s Leading Airline Business Class“ belegt.Mehr als 183 000 Fachleute der Reise- und Tourismusbranche weltweit hattensich an der Abstimmung über die Awards-Gewinner beteiligt.D ie Auszeichnung als beste europäische Business Airline erfolgt zeitgleich mit der Umrüstung der 15 Airbus A340 mit der neuen SWISS Business Class sowie der Ausflottung des letzten Airbus A330-200. Seit Anfang September verfügen damit alle SWISS Langstrecken- flugzeuge über eine moderne und exklusive Business Class, mit der SWISS neue Qualitätsmassstäbe bei der Kabinenausstattung ihrer Airbus-Flotte setzt. SWISS Passagiere der Business Class kommen nun auf sämtlichen Langstreckenflügen in den Genuss eines einheitlichen Kabinenpro- dukts. Die moderne Business Class ist Bestandteil eines umfangreichen Investitionsprogramms in das SWISS Produkt und die Flotte, dasim Frühjahr 2009 mit der Inbetriebnahme des ersten von insgesamt zehn neuen Airbus A330-300 lanciert wurde.Das Herzstück der SWISS Business Class ist ein zwei Meter langes, völlig flaches Luftkissenbett. Neben dem individuell regulierbaren Härtegrad des Sitzessorgt die integrierte Massagefunktion für das Wohlbefinden der Passagiere über den Wolken. Zudem ermöglicht eine innovative Anordnung der Sitze in derKabine, dass acht von neun Sitzen direkt über den Gang erreicht werden können.Die SWISS Passagiere profitieren so von einem grösstmöglichen persönlichen Freiraum und einem einheitlichen Sitz- und Schlafkomfort. Im Zuge der Aus-flottung des Airbus A330-200 ist SWISS zudem die einzige europäische Fluggesellschaft, die auf allen Interkontinentalflügen eine First Class und damit einDrei-Klassen-Produkt anbietet.16 inews 16 inews inews 16
  17. 17. p eople Brian Basnayakeh.e. aMBaSSador StePhen fLetCherfroM grenada in SwitzerLandh.e. Stephen fletcher is the small, Carribean island of grenada’s ambas- ses on coming to terms with the increased tendency for hurricanes in the region.sador to the kingdom of Belgium, kingdom of the netherlands and the The impact of the various hurricanes on the environment intrigued me. Hencefrench republic, and her head of Mission for the european union and to I addressed the issue to Stephen Fletcher, who responded with the alarmingthe united nations organization. assertion that there were significant environmental concerns in general, but inambassador Stephen fletcher was in conversation with inewS editor Brian particular with regard to the rivers, some of which were gradually drying out.Basnayake at the grenadian speciality restaurant “waldhaus Muskatnuss” There are other areas of concern as well for Grenada, and international supportin kindhausen/volketswil. will be necessary to put things right and ensure sustainable development.It was early evening in Kindhausen when I met the Ambassador, and it would Stephen Fletcher then spoke at length in order to define the development plansstill be a couple of hours before the sun would disappear behind the low hills of the Governement of Grenada. Essentially, the plans concentrate on educationin the distance. The Waldhaus Muskatnuss is the village’s only restaurant and, and health alongside infrastructure development as the basis for sustainablestrategically situated on a slope, it has a large roofed-terrace with a tidy number growth. The plans also focus on future energy and food security. Hence empha-of tables. Locals drop in here for their beer and a round of the traditional Swiss sis is to be put on rural development and investment and research in alternati-card game “Jassen”; others from farther afield, including the old faithful, come ve energy sources. Recent exploration work suggests that there are substantialhere to enjoy the classic Grenadian food prepared by Chester Simon, who with deposits of oil and gas in the seas surrounding Geranda and some of the otherhis wife Beatrice had previously run the Restaurant Muskatnuss near the Lim- Carribean islands. Naturally, according to Stephen Fletcher, the Government ofmatplatz in Zurich. Grenada would be interested in exploiting these resources with outside help.Seated at a long table on the terrace, the Ambassador looked relaxed after what The plans also stress the importance of tourism to the economy and the poten-had been a long, hard day for him. He said he was there at the invitation of tial it has to develop further with environmental and other safeguards in place.Chester, to look into the possibility of his Mission doing more than before to Another area with excellent development potential is of course fisheries. Mo-promote Grenada in Switzerland. He obviously knew that Grenada was not that ving away from the traditional to the modern, now the Government of Grenadawell known to the Swiss, but he felt that Switzerland had a lot of prospects. has plans to develop an IT centre that will service not only the Carribean regionI told him that I have known Chester for ages and that he used to captain the but also the USA.cricket team that I played for as well – and still do occasionally. Although,obviously, I know quite a bit about Grenada, I was particularly keen to know The Government has the policy and legal framework already in place to encou-things in more detail from the Ambassador. rage foreign investment and the transfer of technology/know-how. Investors will enjoy long tax holidays and duty free imports on a range of goods.Grenada, he said, has a population of slightly over 100,000 inhabitants, and, The Ambassador said that he was grateful to his small expatriate community inestimates indicate, double that number live as expatriates in the USA, Britain, Switzerland for their support of the motherland. He said he was eager to exploreCanada and Australia. Grenada’s economy depends on agriculture - nutmeg and the possibilities in Switzerland for cooperation and investment in Grenada. Hemace playing a key role - and tourism. It is true that the population of Grenada was, of course, optimistic about Grenada’s potential to attract the Swiss tou-is tiny in comparison to even that of Switzerland, but the country finds itself rists; however, he said that he was equally interested in exploring the prospectshard pressed to provide employment opportunities to all its citizens, as well as for finding investors for the various development and commercial projects. As ato ensure rising living standards through sustainable economic development in first step towards developing these ties, he came up with the idea of organizinginfrastructure and the wider economy. on behalf of Grenada a convention in Zurich to promote tourism, trade and investment. The Ambassador is keen to hold this convention in February 2012,After years of hurricane-free living, now the Grenadians find themselves forced in conjunction with Grenada’s Independence Day celebrations.to live in some fear of the hurricanes that are regularly battering the Carribeanislands and the USA. The two massive hurricanes to hit Grenada (in 2004 and The sun had set long ago, and darkness had settled over the village when I fi-2005), left the country severely damaged and the nutmeg trade and tourism nally decided to call it a day. It was refreshing having such a long conversationcrippled. The country has, however, recovered from the worst of the consequen- with one of Grenada’s top diplomats, and I wished him all the success with hisces, but there are real worries for the future. According to Stephen Fletcher, the efforts before I got a lift back to Zurich from Samatha, a young Grenadian expa-infrastructure development that the government is planning to undertake focu- triate who had grown up in Britain and came to Switzerland as an IT specialist. inews 17
  18. 18. c inema Pina Bevilacquavenezia 68l’anno della rIscossaGlamour. stars, P artita subito forte con l’habitué di lusso George Clooney, quest’anno in concor- so con il suo 4° film da regista, in prima mondiale, l’applauditissimo “Le idi digrandi pellicole e marzo”. La storia di un candidato democratico (interpretato da Clooney) alle pri- marie in Ohio, che viene coinvolto in uno scandalo sessuale (la relazione con una giovane stagista), insieme al suo addetto stampa (Ryan Gosling). «Non è un filmimpegno civile alla politico, ma un film sulla questione morale in generale», spiega George, che ci appare particolarmente bello e disponibile con stampa e fans. «Avrei potuto ambientare il film68/a Mostra del a Wall Street, sarebbe stato lo stesso. La domanda centrale è: sei disposto a venderti l‘anima per raggiungere un obiettivo?». E la risposta del film è SI, perché candidato e staff accettanocinema di Venezia. qualsiasi compromesso pur di mettere a tacere lo scandalo. Delirio in Laguna anche per Madonna, che a Venezia ha presentato, fuori concorso, il suo “W.E.”,sull’amore tra Wally Simpson (impersonata pure da Lourdes Ciccone Leon) e Edoardo VIII, che per lei rinunciò al trono d‘Inghilterra. Sposando la tesi che forse la pluridivorziata americana, sospettata di filonazismo («Non ci sono prove»), pagò un prezzo anche più alto della rinuncia al regno. E inseguendo la storia parallela di una omonima Wallis contemporanea, che vive a Manhattan e indaga sulla Simpson, immedesimandosi un po’ troppo. Un po’ come Madonna, che, dopo aver studiato per 3 anni la Simpson, rivela alla conferenza stampa: «La tenacia sicuramente ci accomuna, è stata un‘avventuriera, una donna piena di ri-18 inews
  19. 19. sorse, capace di non mangiare una settimana per dedicarsi ad altro, una grande daloso per le scene di nudo e di tradimento dell‘inquieta Bellucci («Quellaresistenza fisica, e poi l‘ironia, l‘eccentricità, l‘amore per i vestiti. In tutto scena di nudo è stata una generosità verso il film. Avevo partorito da un mesequesto mi riconosco». In effetti, la Ciccone indossa un essenziale abito bianco e mezzo»), 47 anni, che spingerà il giovane marito geloso (Louis Garrel, 28e nero, ma accessoriato da una grande croce al collo, un bracciale con 4 pic- anni) al suicidio. E “A dangerous method” di David Cronenberg.cole croci (una per ciascuno dei figli, 2 naturali e 2 adottati), un anello con 3 Alla serata di chiusura della Mostra, nella rinnovata Sala Grande del Palazzomadonnine pendenti e 3 fedi. è talmente affabile con noi giornalisti che tenta del cinema, l’inevitabile compostezza della bellissima madrina Vittoria Puc-persino qualche battuta in italiano. La sera, sul red carpet, la pop star, 2 film da cini, da poche ore e improvvisamente orfana di madre, tanto cinema dell‘estregista e 2 registi come mariti, Sean Penn e Guy Ritchie («Da loro certamente (asiatico, russo) e nessuna stella da red carpet. Tranne l‘emergente vincito-qualcosa ho rubato, ma va detto che mi hanno comunque incoraggiata»),si re della Coppa Volpi, ossia,come da previsioni, il tedesco-irlandese Michaelsofferma addirittura una decina di minuti,ma senza firmare autografi. Abito Fassbender, protagonista di “Shame” del regista e videoartista inglese Stevegrigio perla con farfalle rosse, stile Shangai fine anni ‚30, e occhiali a spec- McQueen. La storia morbosa, e a lieto fine, di un trentenne newyorkese, conchio rossi a forma di cuore, una vera diva, traboccante di fascino e avvenenza, una compulsiva dipendenza sessuale, che rende la sua vita un inferno, e una cantante con vocazione autodistruttiva per sorella minore. Davvero non po- teva essere altrimenti per Fassbender, anche apprezzato interprete di “A Dan- gerous Method”, sul turbolento rapporto tra il giovane psichiatra Carl Gustav Jung (Fassbender), il suo mentore Sigmund Freud e Sabina Spielrein, che si frappone tra loro con le sue idee e la sua bellezza. Confermato anche il premio migliore attrice alla cinese Deanie Yip per la prova offerta in “A Simple Life” di Ann Hui. Film ispirato alla storia vera di un giovane maestro e il servo di famiglia che lo ha risuscitato. Il Leone d‘Oro per il miglior film è andato, come da pronostico, a “Faust”, la colossale (durata due ore e mezza) rilettura dell‘opera di Goethe firmata da Alexander Sokurov. Una storia di dannazione legata alla voglia di conoscere. Capitolo conclusivo della tetralogia del potere del regista russo, iniziata nel 1999 con “Moloch” e proseguita con “Taurus” (2000) e “Il Sole” (2005). Leone d‘Oro per la carriera a Marco Bellocchio, consegnato, nientemeno, da Bernardo Bertolucci. Leone d‘Argento per la mi- gliore regia a “People Mountain People Sea” del cinese Cai Shangjun. Un regista a rischio nel suo Paese. Come il grande maestro iraniano Jafar Pa- nahi, condannato in patria e, dunque, assente alla kermesse, che ha voluto presentare il suo ‚‘This is not a Film‘‘. O il regista siriano Charif Kiwan, che alla Mostra ha portato (a costo della vita!) due cortometraggi, “The End” e “Vanguards”, sulla repressione delle proteste in Siria. “People Mountain Peo- ple Sea”, che, nel raccontare la storia thriller di una vendetta, ha mostrato le immagini choccanti delle condizioni di semi schiavitù in cui versano alcuni minatori di Hong Kong, è giunto segretamente e a sorpresa a Venezia perché la censura cinese lo aveva già bloccato 5 volte. «Abbiamo il trucco per farlo tornare in patria senza rischi», aveva preannunciato il direttore della Most- ra Marco Mueller. E infatti è arrivato il Leone. Premio Mastroianni (attore/ attrice emergente) a Sho‘ta Sometani e Fumi Nikaido‘, protagonisti di “Himi- zu”, diretto dal giapponese Sion Sono. Osella per la migliore sceneggiatura a Yorgos Lanthimos e Efthimis Filippou per “Alpis”, diretto dallo stesso Lan- thimos, e Osella per la fotografia a Robbie Ryan per ‚”Wuthering Heights” di Andrea Arnold. Per Controcampo italiano (la sezione dedicata al cinema italiano), premio all’opera prima dello sceneggiatore Francesco Bruni “Scial- la!” (le vicissitudini di un professore che si scopre padre di uno studente ig- norante e irrispettoso) e al documentario “Pugni chiusi” di Fiorella Infascelli,a 53 anni. Con uno stuolo di bodyguard, publicist e addetti (alla vaporizzazio-ne dei lunghi capelli biondi, alla cipria, al ventaglio)sempre intorno. La Mostra fa il pieno di stars con Al Pacino, regista (per la 3° volta) e prota-gonista di “Wilde Salome”, una scabrosa storia di lussuria e sangue sul lavoropiù controverso di Oscar Wilde. Che mescola documentario, fiction, improv-visazione e mostra la vita privata del divo di Hollywood, offrendone un ritrat-to intimo e profondo.Peccato per Vasco Rossi, che, bloccato in una clinica per 2 mesi di “assolu-to riposo”, non ha potuto presenziare alla prima del film/documentario a luidedicato, “Questa storia qua”. In compenso c’è stato il poetico messaggio diClaudio Baglioni al Lido, “L‘isola infelice”, dedicato alla ‘sua’ Lampedusa,ultimamente tanto provata dagli sbarchi dei clandestini. Per la quale il gran-dissimo cantautore aveva già lanciato un appello proprio dal nostro INEWS,quest’estate. Un evento pure la presenza contemporanea ma ‘parallela’ in La-guna di Monica Bellucci e il marito Vincent Cassel («Siamo qui come attori, sui cassintegrati di Porto Torres che nel febbraio 2009 avevano provocatoria-non come coppia. Ci siamo incrociati, ma insieme non facciamo nulla»), al mente occupato il super carcere dell‘Asinara. Confermato il Leone del Futuroseguito dei rispettivi film in concorso. “Un Été Brûlant” di Philippe Garrel - Premio Venezia opera prima (Luigi De Laurentiis) a „Là-Bas - Educazione(doppio Leone d‘argento per “Les amants réguliers” e “J‘entends plus la gui- criminale“, storia nera di camorra e immigrazione diretta da Guido Lombarditare”), un rifacimento del “Disprezzo” di Godard, preannunciato come scan- (già vincitrice della Settimana della Critica). inews 19
  20. 20. c inema Golden Lion for Best Film to Faust by Aleksander Sokurov Coppa Volpi for Best Actor to M. Fassbender for the film Shame by S. McQueen Wilde Salome Chastain, Pacino 6Ma soprattutto Premio Speciale della Giuria a “Terraferma” di Emanuele vicende giudiziarie. Dalla giuria veneziana (il presidente Darren Aronofsky,Crialese. Salutato con oltre 8 minuti di applausi alla proiezione stampa. Una l‘artista visiva e regista finlandese Eija-Liisa Ahtila, il compositore, artistaeritrea che sbarca in Sicilia con uno di quei maledetti barconi, per dare un av- visivo e regista britannico David Byrne, il regista statunitense Todd Haynes,venire al figlio, e che incontra una mamma siciliana desiderosa, a sua volta, di il regista cinematografico e teatrale italiano Mario Martone, l‘attrice italianaemigrare per il bene del figlio. E così, l‘Italia, con 7 lungometraggi solo nella Alba Rohrwacher,il regista e sceneggiatore francese André Téchiné) si at-selezione ufficiale, più tutti quelli di Controcampo, con Mueller che sottolinea tendeva un premio pure per “Le idi di marzo”, quotatissimo nel toto-Leoni.come Cannes e Berlino facciano lo stesso, accogliendo 31-32 lungometraggi Favoriti della vigila, ma una spanna più sotto, anche “Shame”, “A dangerousnazionali, con una decina di opere sull’immigrazione,torna ad aggiudicarsi method”, “La Talpa”, spy story anni Settanta dello svedese Tomas Alfredson.uno dei tre premi più ambiti della Mostra. Non porta a casa nulla, invece, Qualche chance tra i 23 film in concorso ce l’avevano ancora “4:44 Last Daynemmeno per il suo cast-monstre (Jodie Foster, Kate Winslet, Christoph Wal- On Earth” di Abel Ferrara: due protagonisti e un appartamento per raccontaretz, John C.Reilly),con ben tre premi Oscar all’attivo, l’atteso ”Carnage” di la fine del mondo. E “L’ultimo terrestre”, film d‘esordio di Gian Alfonso Pa-Roman Polanski, assente (evidentemente l‘esperienza nel 2009 al Festival di cinotti, il celebre disegnatore toscano Gipi. Su tutto è calato definitivamenteZurigo, con arresto e richiesta di estradizione dagli Usa, gli ha sconsigliato di il sipario a notte fonda, là dove tutto era cominciato, ovvero sulla spiaggialasciare la Francia!). Una storia (tratta dall‘omonima pièce teatrale di Yasmina dell‘Excelsior, e sempre con una cena, rigorosamente a base di delizie culina-Reza) di tortuosi intrecci sentimentali tra due coppie di genitori incontratesi rie italiane (farfalle di mazzancolle e dadolata di mango; terrine di anatra e diperché i rispettivi bambini si sono pestati per bene. E che, alla fine, non sa- oca; maccheroncini con guanciale e cipollotto fuso; tocchetti di pescatrice conranno da meno. «Polanski è stato nella rosa dall‘inizio alla fine. Il fatto è che pomodorini appassiti all‘origano; tagliata di fassona al condimento balsamico“Faust”, di Sokurov, ha conquistato subito tutta la giuria. A Polanski poteva e fantasia di dolcezze del pasticciere ‘all’andata’,terrine di seppie e salmoneandare solo il Leone d‘Oro, un altro tipo di premio sarebbe stato sconvenien- con piccole verdure e porri; tronchetti di pasta farciti di pesce e gratinati; filettite», spiega Mueller, sfatando le molte dietrologie fiorite sul caso. Come un di branzino in crosta di mandorle; bianchetti di vitello con finferli e zucchinepresunto veto o quasi degli americani, che non amano Polanski per le note ‘al ritorno’). Ottima e abbondante, proprio come la Mostra.20 inews
  21. 21. Ciak sI gIra! A volte il destino gioca degli strani scherzi, ed è quel- lo che è successo a Michele Ferrante, brillante as- sicuratore di Basilea, con la passione per il cinema. La sua è una vera passione al punto che leggendo, che ci sono dei casting in Sicilia per il prossimo film su Salvatore Giuliano, decide di prendere il primo aereo e raggiungere la provincia più estrema dell‘europa, Ragusa. Qui sostiene un provino davanti ad attori del calibro di Gigi Burruano, che ha lavorato con registi del calibro di Tornatore, Damiano Damiani, Salvatores, Vanzina e tanti altri, ed Alfredo Li Bassi, indimenticato protagonista di Ragazzi Fuori e Mary per sempre, e lo supera brillantemente. Non solo riesce, grazie alle sue capacità e alla grande determinazione, ad ottenere un ruolo nel prossimo film, ma fa amicizia con Alfredo Li Bassi e Giancarlo Busacca, regista, sceneggiatore e componente del Pompei Cinema Festival. Proprio parlando con loro viene a sapere che Alfredo Li Bassi sta preparando il sequel di Ragazzi Fuori, mentre il regista Giancarlo Busacca sta preparando Venus Im pelz, liberamente tratto da un capolavoro della letteratura tedesca della fine dell‘ottocento. Grazie alla sua tenacia riesce a convincerli non solo ad effettuare dei casting a Basilea, per dare la possibilità anche agli italiani residenti all‘estero, di avere la loro „occasione“, ma addirittura convince il regista Giancarlo Busacca a girare il film in Svizzera, anzichè in Germania, dove tra l‘altro ha già girato altri lavori. Ed in men che non si dica ecco l‘intraprendente Michele Ferran- te, con l‘aiuto dei suoi amici Giuseppe Mercuri, Dario Catozza e Stella Azzolino adoperarsi per organizzare questa tornata di castingMichele Michele in Svizzera. In metà ottobre quindi i casting per queste due produ-Ferrante Ferrante zioni italiane, con la possibilità certa, che anche Italiani residenti all‘estero potranno avere la loro occasione di mettersi in evidenza, considerando che quasi interamente il cast di Venus im pelz sarà composto da elementi che emergeranno dai casting. Ma le sorprese non finiscono qua, perchè Michele Ferrante è riuscito ad invitare anche a Francesco Sacco, titolare della Sicily Production Film, produttore assieme a dei colleghi americani e canadesi del prossimo film su Salvatore Giuliano. Quindi le opportunità per gli amanti del cinema ci sono ora tocca a voi farvi avanti.Stella GiuseppeAzzolino Mercuri inews 21
  22. 22. c inema Alfonso Benevento Cavalli l‘arrivo di Wang la ForZa della natura c’è un cInese nello spaZIo Alla morte della bella e dolce mamma Alessandro e Pietro ricevono Gaia, un’interprete di cinese, viene portata bendata, per una dal padre, rude e indifferente, due stupendi puledri di razza non an- traduzione urgentissima e segretissima, nei sotterranei di un luogo mi- cora domati, Sauro e Baio, di cui dovranno prendersi cura. I ragazzi, sterioso. Dove Curti (Ennio Fantastichini), probabilmente un agente molto legati tra loro, alla fine dell’Ottocento, in un paesino degli Ap- dei servizi segreti, interroga, con metodi sempre più inquisitori, un pennini, crescono con i cavalli e, poi, finiscono col prendere strade fantomatico signor Wang. Che, quando la luce verrà finalmente ac- diverse. Il maggiore va a vivere in città, l’altro resta in campagna a cesa, si scoprirà un essere proveniente da un altro mondo. E quella fare l’addestratore equino. I due si incontrano saltuariamente e vivo- scoperta cambierà la vita di Gaia e quella del nostro pianeta. Un raro no avventure diverse, legate, però, dalla costante presenza di Sauro film italiano di fantascienza “L’arrivo di Wang” dei fratelli Marco e e Baio. “Cavalli” di Michele Rho, tratto dall’omonimo romanzo di Antonio Manetti. Un thriller dall’umorismo nero, che tramite un sem- Pietro Grossi, con Asia Argento, è un film poetico sull’amore fraterno plice dialogo tra 3 personaggi riesce a costruire autentica suspence. che sa riaffiorare nei momenti di necessità e sulla natura incontaminata Nonché un abbozzo di riflessione sulla diversità e sul pregiudizio, e del paesino che si misura costantemente con l’evolversi della città. sul labile confine che separa la necessità di dialogare con il diverso da quella della sicurezza. Missione di paCe QualChe nuvola la guerra deI sentImentI Quel Benedetto sI Giacomo è un pacifista intriso di slogan e con il vizio di voler fare la In un quartiere popolare di Roma Luca e Cinzia, trentenni, vicini di morale a tutti e su qualunque cosa. Suo padre, il capitano Vinciguerra, casa e fidanzati da una decina d’anni, stanno per compiere il gran- veterano di missioni di pace, si vede assegnare l‘incarico di catturare de passo, benedetti dalle rispettive famiglie, da tutto il rione, che si un terribile criminale di guerra nell‘area balcanica. è l’occasione per impiccia come sempre, e da don Franco, loro amico da sempre. Ma vedere finalmente riconosciuti i suoi meriti,sempre sottovalutati per disgraziatamente Luca, onesto muratore, tutto lavoro, calcetto e fidan- via delle azioni che il figlio continua a mettere in atto ai suoi danni. I zata (ormai irrimediabilmente rapita dai preparativi delle nozze) va due finiranno con il trovarsi fianco a fianco e il ritrovarsi proprio nella a fare dei lavori a casa della nipotina del capo, Viola. Una ragazza difficile operazione. ‚‘Missione di pace‘‘, opera prima di Francesco bella e affascinante che lo conquisterà, insieme al suo mondo dorato. Lagi, è una commedia farsesca, mai greve, dissacrante e surreale, che, Costringendolo a tenere i piedi in due staffe, finché i nodi non verran- raccontando il rapporto conflittuale tra padre militare e figlio pacifista, no, inevitabilmente, al pettine. “Qualche nuvola” di Saverio di Biagio arriva a ironizzare sulla contrapposizione tra le ideologie, mettendo si propone una missione difficile: affrontare il problema del tradimen- alla berlina tanto il militarismo quanto certo pacifismo. to in chiave di commedia. E, tra gag e riflessioni, ci riesce.22 inews
  23. 23. l’ultiMo terrestre Maternity blues glI umanI, QuestI sconoscIutI… Fra colpa e punIZIone Era nel toto-Leoni della 68/a Mostra del cinema di Venezia “L’ultimo Clara non sa se accettare il perdono del marito, che si è rifatto una vita. terrestre”. Opera prima del fumettista pisano Gian Alfonso Pacinot- Vincenza riempie pagine di lettere per i due figli che non spedirà mai. ti, detto Gipi, liberamente ispirata alla graphic novel „Nessuno mi Eloisa fa la cinica, ma solo per difesa. Rina, ragazza-madre, ha affo- farà del male“ di Giacomo Monti. L’imminente arrivo degli alieni gato la figlia nel bagnetto pensando di ‘salvarla’. Tragico e duro “Ma- sulla Terra suscita nei suoi abitanti reazioni contrastanti, che vanno ternity blues” di Fabrizio Cattani, tratto dall‘opera letteraria „From dall’ammirazione alla paura fino all’indifferenza e, addirittura, al dis- Medea“ di Grazia Verasani, che racconta in punta di piedi e senza dare prezzo. Ma per Luca, uomo di mezza età, solo, isolato dal mondo, che giudizi, una terribile storia tutta al femminile. Quella di 4 donne, molto ha la sua unica valvola di sfogo nell’andare a prostitute e nel confidarsi diverse tra loro, che in un ospedale psichiatrico si confrontano con lo con l‘amico transessuale, la prospettiva di poter entrare in contatto con stesso delitto, l’infanticidio. Espiando una condanna che è soprattutto gli extraterrestri è un’autentica occasione, per cominciare ad amare gli interiore, a base di ricordi e sensi di colpa. Dalla convivenza forzata, altri, oltre che se stesso, e trovare, finalmente, una propria dimensione. però, nascono confessioni, piccole complicità, amicizie, che le rendo- no decisamente più umane. Anzi, quasi innocenti. ruggine un ÉtÉ brûlant Quel mostro del dottore l’eterno duello tra amore e morteNella periferia popolare di Torino fine anni Settanta, la vita di un grup- Frédéric (Louis Garrel, figlio ventottenne del famoso cineastapo di bambini viene segnata per sempre da un medico stimato e al di francese) è un giovane pittore parigino sposato con Angèle (Monicasopra di ogni sospetto, che stupra e uccide una di loro. Pur conoscendo Bellucci, che molto generosamente si concede a scene di nudo a po-il colpevole, i piccoli tacciono e cercano di difendersi da soli perché che settimana dalla nascita della sua 2° figlia), una bella attrice ita-sanno che non saranno creduti. «Come accade nelle fiabe, in questa liana molto più grande. Lui predica l’amore libero e va a prostitute,storia un gruppo di bambini incontra l’orco, l’uomo nero», spiega il ma è gelosissimo. Così il tradimento dell’inquieta consorte, lo spin-regista di ‚‘Ruggine”. Adattamento dell’omonimo romanzo di Stefano gerà al suicidio. In “Un Été Brûlant” Philippe Garrel, 2 volte LeoneMassaron firmato Daniele Gaglianone (già autore del pluripremiato “I d‘argento (per “Les amants réguliers” e “J‘entends plus la guitare”) enostri anni” e di “Pietro”, unico film italiano in concorso al Festival di tra gli ultimi testimoni della Novelle Vague, sfodera tutti gli archetipiLocarno 2010). Il risultato è un mosaico doloroso, composto da tanti del suo cinema, corpi, amore, dolore, morte, strizzando l’occhio alframmenti di vita passata e presente, che tenta di raccontare «La storia Godard di “Disprezzo”. Un film estremo, scandaloso, decadente, chedi una battaglia contro il male assoluto che divora l’infanzia». infila i suoi protagonisti tragici e tormentati in una bruciante estate romana. inews 23
  24. 24. f inance Don FrancisSwitzerLandStePS uP the StiMuLuST he current financial and economic crisis is showing signs of is increased to stimulate the economy. The SNB reduced the interest rate of a further prolonged period of turmoil. No one dares to claim its long term bonds, prompting the high street banks to follow suit. The un- that there is a quick fix to the crisis. In fact, everyone knows certainties in the Eurozone are forcing the SNB to an unprecedented level of that no one has the answer to tackle the financial morass, in activity, with regular interventions in the foreign exchange markets since its which the US and Europe find themselves now. Some econo- decision to peg the Swiss Franc to a minimum exchange rate of 1.20 Francs to mists and financial experts may have an idea of how to solve the Euro. Until the EU finally decides to tackle the debt problems of its sou-the problems, but political and business constraints make it difficult for them thern member-states, uncertainties including the threat of defaults will keepto put forward a viable plan. Furthermore, no one dares make too many com- the SNB extremely busy for at least the rest of this year.parisons with the Great Depression in the 1930s, either. The current crisis isfar more complex, and there is no Roosevelt, nor a Keynes, to provide strongleadership and intellectual substance. Instead, neither today’s political leadersnor the best entrepreneurs and financial experts seem to have a solution or thewill to look for one.Switzerland is now at the mercy of the Eurozone actors, and it certainly hasno leeway to act except in concert with the EU countries. The frantic effortsof the Swiss National Bank SNB to shore up the Euro in the last few weeksare indicative of this interdependency. The Swiss National Bank is concernedthat Switzerland’s export industry does not suffer from a strong Swiss Franc;domestically, it is anxious to see that through monetary expansion lending Bank   Council- Medium-term Medium-term Medium-term Medium-term ing   notes notes notes notes 2 Years   4 Years   6 Years   8 Years   Aargauische Kantonalbank   AAA   0.125%   0.500%   1.000%   1.375%   Alternative Bank Switzerland     -   0.750%   1.000%   1.250%   AXA Bank¹     0.700%   1.200%   -   -   Baloise Bank SoBa     0.750%   1.000%   1.375%   1.625%   Bank Coop     0.250%   0.625%   1.125%   1.500%   Basel-country. Kantonalbank AAA     0.125%   0.625%   1.125%   1.500%   Basler Kantonalbank   AA +   0.125%   0.375%   0.875%   1.125%   Berner Kantonalbank     0.250%   0.625%   1.125%   1.500%   Credit Suisse   A +           GE Money Bank     1.000%   1.750%   -   -   Graubündner Kantonalbank   AA   0.375%   0.625%   1.125%   1.500%   LGT Bank in Liechtenstein   A +   0.500%   1.125%   1.625%   1.875%   Luzerner Kantonalbank   AA +   0.250%   0.625%   1.125%   1.375%   Migros Bank     0.500%   0.900%   1.400%   1.800%   PostFinance AG     0.250%   0.750%   1.125%   1.375%   Raiffeisenbank Zurich   AA1   0.750%   1.000%   1.375%   1.750%   Schwyzer Kantonalbank   AA +   0.250%   0.370%   0.875%   1.250%   UBS AG²   A +   0.375%   0.625%   1.125%   1.500%   Valiant Bank     0.375%   0.750%   1.250%   1.500%   WIR Bank³     1.000%   1.300%   1.925%   2.300%   Zürcher Kantonalbank   AAA   0.250%   0.375%   0.875%   1.250%    ¹ Deposit account | Square date account | M³ fixed deposit Stand: 01.09.2011 - all information without guarantee Source: Schweizer Banken Info24 inews
  25. 25. inew s M USI C IL VOLOSamStag, 19 NOVember 2011 - 20.00 KONgreSShauS ZurIch
  26. 26. VISION NETWORK elisenstrasse 4, 8953 dietikon tel. 044 740 05 70 mobil 076 529 08 59 e-mail vision-network@gmx.ch www.vision-network.ch Egal in welchem Bereich Sie arbeiten, mit den Bildschirmen HDL erhöhen sich die Möglichkeiten, Sie erfolgreich kennen zu lernen. Vor einigen Jahren sind wir erfolgreich ( in der Schweiz im Aufbau ) mit unserem Projekt gestartet. Der sich an der Schaf- fung der Werbung von Unternehmen orientiert, die auf den HDL Monitoren ausgestrahlt wird. Die Geschäftsidee, ist die Installation in verschiedenen strategischen Punkten der Stadt, mit einem hohen Fluss von Men- schen, die Ihre Werbedaten auf den HDL Monitoren sehen können. Dies wird dazu führen, den Geist der kommerziellen Werbung zu einigen, mit dem Vorteil für jeden einzelnen Nutzer. Ihre Daten werden in allen Räumen wiederholt, in denen die Bildschirme HDL installiert sind. Claudio Ruggericmc Farben 044 740 05 70 nirvenia electronics 056 610 53 58 carrosserie cabanas schlieren 044 730 30 90www.cmc-farben.ch www.nirvenia-electronics.chcalanda Viaggi 081 284 62 32 leo caffè 044 700 06 71 tivoli Gigolò moda spreitenbach 056 401 25 10www.calandaviaggi.com www.leocaffe.cabanova.de/immo di chiara GmbH 056 535 55 83 Balducci multimedia 062 891 88 00 Kiosk Ubertus Zürich 043 817 42 16www.baden-immo.ch www.satcenter.ch/Qwan Ki do Kung Fu Bad Zurzach Pizzeria l`anfora 056 249 32 05www.qwankido.ch www.anfora.chPassione moda 056 406 07 91 cristina nail studio dietikon 044 740 05 46www.passionemoda.chlV Viaggi 078 825 25 25 Physikalische therapie dietikon 044 740 20 87www.lv-viaggi.ch
  27. 27. TOP10ITALIAN 1 Benvenuto - Laur a Pausini 2 i soLiti - vasco rossi 3 e‘ L‘amore che conta - GiorGia 4 iL mio Giorno miGLiore - GiorGia 5 La notte dei desideri - Jovanotti 6 sarò LiBer a - emma 7 saLvami - modà 8 domenica da coma - J.ax 9 stanza vuota - monè10 cazzo che BeLLo L‘amore - Luca carBoni “ITALIAN CHARTS
  28. 28. m usicMiChelezarrilloUnici al mondoM ichele Zarrillo è un artista che da sempre pone al centro delle proprie composizioni la ricerca della qualità, con sincerità, senza compromessi, guar- dando al di là delle mode del momento. Sa pren- dersi il giusto tempo per realizzare al meglio le sue opere, senza mai andare alla ricerca dei riflettoria tutti i costi. Così ha consegnato alla storia della musica italiana canzoniimmortali come “Cinque giorni”, “L’Elefante e la farfalla”, “Una rosa blu”,“La notte dei pensieri”.Il suo nuovo, attesissimo, album di inediti dal titolo “Unici al mondo” arri-va a quasi sei anni dal precedente (“L’alfabeto degli amanti” – feb. 2006) estato pubblicato il 20 settembre 2011. “Unici al mondo” – TracklistLe nuove canzoni – dieci in totale – lo confermano musicista e compositore 1. Unici al mondoelegante e raffinato, teso alla ricerca nei contenuti e nelle soluzioni armo- 2. La prima cosa che faròniche. Come produttore artistico del cd, Zarrillo stupisce per la “freschez- 3. In questo tempoza” espressa nei suoni e negli arrangiamenti, moderni e di grande impatto 4. Dolce incantosonoro, non distanti dalle migliori produzioni, anche internazionali. Perquanto riguarda i testi, Zarrillo si avvale della collaborazione di Giampiero 5. Il mio amico timidoArtegiani. 6. Quei due 7. La piccola melaNell’album “Unici al mondo” c’è spazio per l’intimità e la poesia, come 8. Malinconica solitudinenelle canzoni d’amore, da sempre il ‘marchio di qualità’ di Zarrillo, “La 9. Nati in Africaprima cosa che farò” e “Dolce incanto”. O come nella filastrocca dedicata 10. Scegli la preghieraal figlio nato da poco “La piccola mela”. Ma ci sono anche attimi di rifles- Italian news. ch - nr. 2 März 2011 - 4.- CHFsione, come nel brano “In questo tempo” che esprime amarezze e speranze, zine, le Maga l Lifesty ingua Multilin attesa di un mondo migliore. volete vincere un Cd di E IN AZ AG E M YL ST FE L LI UA NG TILI Michele zarrillo?“ MULNel nuovo disco, Zarrillo appare all’apice della sua creatività artistica, inun momento di grande rinnovamento, sia dal punto di vista musicale, sia IA 1 50 inviate una mail a ITALnei contenuti. ALIT ALIA PED USA redaktion@italiannews.ch LAM ANO MIL www.italiannews.ch BIT RA SWE AR INEV MEN NE GLinfa vitale del tutto nuova alimenta “Unici al mondo” di Michele Zarrillo. 81 ° SALO TA D FIES O FOR RILL PE G BEP S ch N NEW ITALIA28 inews

×