Lezione 1 Gli Spazi Agricoli Nelle Aree Del Mondo
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Like this? Share it with your network

Share
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
No Downloads

Views

Total Views
2,893
On Slideshare
2,885
From Embeds
8
Number of Embeds
2

Actions

Shares
Downloads
42
Comments
0
Likes
4

Embeds 8

http://www.slideshare.net 7
https://www.linkedin.com 1

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. PARTE INTRODUTTIVA Gli spazi agricoli nelle aree del mondo 05/03/2009 raffaella di lorenzo
  • 2.
    • Dall’economia di caccia e raccolta dell’età Paleolitica e Mesolitica
    • Alla rivoluzione Neolitica (tra 10.000-3000 a.C.): l’uomo comincia a praticare l’agricoltura in alcune aree ( Mezzaluna Fertile, valle dell’Indo e Cina )
    • La Rivoluzione Neolitica è definita come la più radicale trasformazione economica della storia umana poiché la pratica dell’agricoltura ha accresciuto il controllo dell’uomo sull’ambiente naturale e ne ha aumentato la capacità produttiva.
    Cenni storici: LA RIVOLUZIONE NEOLITICA
  • 3. Cenni storici: LA RIVOLUZIONE NEOLITICA
    • Condizioni climatiche favorevoli e presenza di risorse idriche fecero fiorire l’agricoltura e l’addomesticamento delle piante nella Mezzaluna Fertile, Cina, India
    • Nell’8000 a.C. ha inizio la coltivazione del grano nelle pianure costiere del Mediterraneo orientale , in Medio Oriente si comincia a coltivare il grano, avena, orzo.
    • In America centrale i primi cereali risalgo a 10.000 anni a ma la produzione si organizzò solo successivamente con fagioli, peperoni e zucche.
    • Da qui l’agricoltura si è diffusa nel resto del mondo
  • 4.
    • Aree di provenienza delle specie selvatiche originarie dalle quali sono state domesticate le specie coltivabili
  • 5. Cenni storici: dall’età romana al XVII sec.
    • L’agricoltura si sviluppò molto più in occidente che in orienta grazie anche all’Impero romano che aveva un sistema agricolo e commerciale avanzato. Alle colture di base (cereali) si uniscono produzioni pregiate (olio, vino, frutta) coltivate in aziende schiavili e commercializzate da mercanti
    • Dall’XI secolo i progressi tecnologici e l’espansione demografica danno inizio ad una rivoluzione agraria: uso dell’aratro in ferro, pratica del maggese triennale, utilizzo dell’energia eolica e idraulica e ci si avvia a un sistema di gestione capitalistico delle imprese.
  • 6.
    • Nel XVIII sec. In Europa si passa dal maggese alla rotazione delle colture, da una agricoltura estensiva ad una intensiva; si introducono tecniche e materiali sempre più evoluti.
    • Dalla metà del XIX si diffondono i fertilizzanti chimici.
    • Nel XX secolo vengono creati antiparassitari e diserbanti di sintesi e hanno inizio le sperimentazioni biotecnologiche.
    Cenni storici: XVIII- XX sec.
  • 7.
    • PRE RIVOLUZIONE INDUSTRIALE
    • I fondamenti produttivi dell’agricoltura sono:
    • Selettocoltura, Irrigazione, Rotazioni agrarie, Fertilizzanti organici.
    • L’agricoltura è il settore centrale dell’economia che impiegava circa il 90% della popolazione attiva e da cui proviene il 90% del prodotto economico totale.
    • POST RIVOLUZIONE INDUSTRIALE
    • Il peso economico dell’agricoltura diventa marginale e diminuisce la sua importanza relativa ma il settore agricolo aumenta in assoluto il volume della sua produzione.
    • Grazie a
    • Fertilizzanti chimici ; tecniche scientifiche;selezione dei sementi
  • 8. AGRICOLTURA La più importante delle tecnologie Fattore decisivo per l’innescarsi di un progresso economico e culturale (coltura e cultura derivano entrambe dal latino colere: attendere con cura) - Ha trasformato la vita dell’uomo - E’ il fondamento di ogni civiltà - E’ l’unica attività economica assolutamente indispensabile
  • 9. Espansione agricola e spazi geografici
    • Tra i settori dell’economia quello agricolo è quello che richiede più spazio.
    • Dal Settecento la proporzionalità tra raccolti e superficie coltivata è stata superata
    • con
    • l’aumento delle rese agricole (ovvero il rapporto tra produzione e territorio coltivato misurato in q/ha) che ha rivoluzionato il rapporto tra popolazione e disponibilità alimentare
  • 10.
    • L’espansione degli spazi agricoli è avvenuta in modi e tempi diversi nelle varie parti del mondo
    • in base
    • Condizioni ambientali Livello tecnologico
    Geografia delle risorse agricole
  • 11.  
  • 12. Lo spazio agricolo Estensione totale della superficie territoriale (esclusa Antartide) = 134 milioni di kmq 3,6 milioni di kmq sono occupati dalle acque interne 11% è impiegato a scopo agricolo 89% è occupato da foreste e spazi improduttivi
  • 13. Lo spazio agricolo 11% delle terre emerse destinato all’agricoltura Suoli arativi Colture permanenti Pascoli permanenti:
  • 14. Gli usi agricoli dei suoli (dati della FAO)
    • Arativi (27% della superficie agricola):
    • Terreni impiegati per colture temporanee
    • Il nucleo fondamentale dello spazio agricolo da cui proviene la maggior parte della produzione
    • Colture permanenti
    • (3% della superficie agricola):
    • Colture che non devono essere riseminate ogni raccolto ma il ciclo vitale si protrae per anni (cacao, caffé, alberi da frutta, vite )
    • Estensione più limitata rispetto agli arativi
    • Richiedono grandi investimenti
    • Uso commerciale
    • Pascoli permanenti (70% della superficie agricola):
    • Aree utilizzate in permanenza per produzione di erba da foraggio
    • Carattere estensivo
    • Producono rese limitate rispetto allo spazio impiegato
    • Si estendono su spazi climatici diversi
  • 15. Usi del suolo Superficie in kmq Area totale 134 milioni Area agricola 50 milioni Arativi 14 milioni Colture permanenti 1 milione Pascoli permanenti 35 milioni Altri usi 8 milioni
  • 16. Diffusione degli arativi in rapporto alla superficie totale suddivisi in 4 categorie percentuali
  • 17.
    • Dal 1970 ad oggi: il prodotto mondiale del settore primario è aumentato in valore di circa 6 volte
    • MA
    • La sua importanza relativa è diminuita drasticamente passando dal 9% al 3,7% del PIL mondiale
    • Vuol dire che il settore agricolo si è sviluppato più lentamente rispetto agli altri settori
    Squilibri nel settore primario
  • 18. Squilibri nel settore primario
    • Il peso dell’agricoltura sulla produzione economica è diverso da Paese a Paese e soprattutto tra paesi industrializzati e paesi sottosviluppati o in via di sviluppo.
    PIL agricolo Paesi Inferiore al 2% Paesi industrializzati Superiore al 15% Paesi in via di sviluppo Oltre il 30% Paesi meno sviluppati
  • 19.
    • Importante: un’alta incidenza sul PIL non significa che l’agricoltura sia avanzato e produttiva ma, al contrario, si può dire che il PIL agricolo è inversamente proporzionale al grado sdi sviluppo economico
  • 20. Geografia delle risorse agricole
    • È importante ricordare che:
    • Le risorse non sono distribuite uniformemente
    • Sono concentrate nell' emisfero boreale e nella fascia temperata
    • Maggior produzione; rendimenti più alti, presenza di varietà biologiche, maggiore ricerca scientifica e tecnologica, organizzazione aziendale, capitali disponibili
    • Nord America Europa
  • 21. Geografia delle risorse alimentari
  • 22. Fascia temperata
  • 23. Corn belt Wheat belt Cotton belt
  • 24. America del Nord, Nuova Zelanda e Australia
    • Agricoltura estensiva
    • Rese alte
    • Commercializzazione dei prodotti
      • USA:
    • grandi fasce agricole (Belt)
    • Monocoltura e specializzazione
    • Alte rese produttive
    • Legami con l'industria
      • CANADA
    • Rese più basse
    • Stagione vegetativa ridotta
      • AUSTRALIA
    • Rese più basse rispetto agli USA
      • NUOVA ZELANDA
    • Agricoltura poco estesa prevale l'allevamento
  • 25. Europa
    • Quando si parla di Europa si fa riferimento a territori diversi:
      • Territori del mediterraneo con clima favorevole a determinati tipi di colture
      • Territori umidi e molto fertili (pianure francesi e tedesche, Paesi Bassi e Danimarca)
      • Territori freddi meno adatti all'agricoltura (Europa del Nord)
  • 26. Europa: bacino mediterraneo
    • CARATTERISTICHE PRINCIPALI
    • Coltivazioni intensive, impiego di tecniche di irrigazione, serre,
    • Principali prodotti: frumento, ortaggi, viti, ulivi, fiori, alberi da frutta compresi agrumi
    • Il settore primario impegna meno di un decimo della popolazione attiva
  • 27. Europa
  • 28. Europa Occidentale
  • 29. Europa centrale e orientale
  • 30. Mediterraneo
  • 31. Europa
    • Indisponibilità di grandi aree
    • Alti costi dei fattori di produzione (macchinari; lavoro)
    • Agricoltura di tipo intensivo
  • 32. Italia
  • 33. Le principali colture praticate nelle regioni italiane
  • 34. Geografia delle risorse agricole: la fascia intertropicale
    • Nella fascia intertropicale si concentrano i Paesi in via di sviluppo e i Paesi poco sviluppati con ampia presenza di popolazioni sottoalimentate. Tra le cause di questi problemi alimentari vi sono: carenza di tecniche nell’utilizzo del suolo, carenza di capitali, carenza di organizzazioni aziendali appropiate.
  • 35. Fascia intertropicale
  • 36. Agricoltura latino americana
    • Epoca post coloniale si sviluppa la grande proprietà e la specializzazione delle colture al fine della commercializzazione
    • Fine del Novecento: aumento degli investimenti stranieri e statali
    • Inserimento dell'agricoltura latino americana nel sistema mondiale sebbene la produzione sia concentrata in grandi proprietà fondiarie
    • PRINCIPALI PRODUZIONI (Messico, Brasile, Argentina)
    • canna da zucchero-soia-banane-caffè-tabacco-mais-sorgo-frumento
    comporta
  • 37. Africa
    • Dalla seconda metà dell'Ottocento (neocolonizzazione Europea) viene introdotta l'agricoltura di piantagione destinata al commercio
    • Con la decolonizzazione la situazione non è migliorata ma:
      • È aumentata l'importanza delle grandi proprietà che producono per fini commerciali
      • la produzione aumenta in misura inferiore rispetto all'aumento della popolazione
      • La rivoluzione verde ha risolto il problema?
    Produzione alimentare insufficiente
  • 38. Asia: grande varietà di sistemi agricoli
    • Mezzadria: Bangladesh; India Meridionale e Orientale; Giava; Sri Lanka
    • Agricoltura di piantagione sempre più specializzata e costituita da grandi proprietà: Malaysia, Filippine;Thailandia; Pakistan; India;
  • 39.
    • PAESI RICCHI
    • Poca manodopera
    • Poca incidenza sul PIL
    • Fine della produzione è la commercializzazione
    • Stretti legami tra agricoltura e industria
    • PAESI POVERI O IN VIA DI SVILUPPO
    • Impiego di molta manodopera
    • Grande incidenza sul PIL
    • Agricoltura sia di sussistenza sia finalizzata alla commercializzazione
    • Pochi legami tra agricoltura e industria
    Geografia delle risorse agricole Per concludere…
  • 40. raffaelladilorenzo