Schizofrenia e patologia mentale grave

703
-1

Published on

0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total Views
703
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
8
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Schizofrenia e patologia mentale grave

  1. 1. Prof Raffaele BaroneUniversità degli studi di Messina Dipartimento patologia umanaCorso di laurea in infermieristica Canale di Caltagirone
  2. 2. La schizofrenia colpisce circa lo 0,3-0,7% delle persone.24 milioni di persone in tutto il mondo nel 2011Essa si verifica 1,4 volte più frequente nei maschi rispetto alle femmine Letà di picco di insorgenza è tra i 20 e i 28 anni per i maschi e tra i 26 e i 32 anni per le femmine
  3. 3. La schizofrenia La schizofrenia è una forma di malattia psichiatrica caratterizzata, secondo le convenzioni scientifiche, dalla persistenza di sintomi di alterazione del pensiero, del comportamento e dellaffettività, da un decorso superiore ai sei mesi (tendenzialmente cronica o recidivante), con una gravità tale da limitare le normali attività della persona
  4. 4. I sintomi sintomi più comuni includono allucinazioni uditive, deliri paranoidi e pensieri o discorsi disorganizzati. È accompagnata da un significativo deficit nella vita sociale e professionale. La diagnosi si basa sullosservazione dei comportamenti del paziente e sulle esperienze riportate da esso.
  5. 5. Fattori etiologici La genetica, fattori ambientali precoci e processi psicologici e sociali sembrano essere importanti fattori che contribuiscono al suo sviluppo. Lassunzione di alcune droghe o farmaci sembra causare o peggiorare i sintomi. Il rapporto individuo-contesto è importante. l termine significa "suddivisione delle funzioni mentali" a causa della presentazione sintomatica della malattia
  6. 6. Grava malattia mentale L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) (2001) definisce “grave patologia mentale” ciascuna condizione psicopatologica che può portare al suicidio o alla morte per incidente dovuto alla inabilità che ne deriva o ad una tragica riduzione della qualità e dell’aspettativa di vita del paziente. Ritornando alla definizione più generale del livello grave di una qualsiasi patologia, l’OMS (2001) ricorda che questo indica un quadro clinico potenzialmente e statisticamente in grado di portare alla morte o di ridurre drasticamente gli anni e la qualità di vita a causa dell’inabilità che ne deriva. La stima (il carico) di quest’ultima è data dalle statistiche DALY (Disability Adjusted Life Years), il cui indice di annualità di vita o di buona salute perdute a causa di una malattia, integra due fattori: gli anni di vita perduti per mortalità prematura (YLL – Years of Life Lost ), gli anni di vita produttiva perduti per inabilità (YLD – Years Lived with Disability ). (OMS, 2001)
  7. 7. trattamento La base del trattamento è la somministrazione di un farmaco antipsicotico, che sopprime principalmente lattività del recettore della dopamina e talvolta della serotonina. Lintervento psicoterapico e la riabilitazione professionale e sociale sono altresì importanti nel trattamento. Nei casi più gravi, in cui vi sia il rischio di sé e degli altri, il trattamento sanitario obbligatorio può essere necessario, anche se ciò avviene meno frequentemente di una volta
  8. 8. comorbidità Le persone affette da schizofrenia possono avere ulteriori comorbidità, tra cui la depressione maggiore e disturbi dansia. Sono altresì frequenti i casi di abuso di sostanze (riscontrabili in quasi il 50%),[5] problemi sociali, come la disoccupazione e la povertà. Laspettativa di vita media delle persone affette dalla condizione varia da 12 a 15 anni di meno rispetto alla popolazione in generale. Ciò è il risultato di un aumento dei problemi di salute fisica e un tasso di suicidi più elevato, circa il 5%.[2]
  9. 9. Sintomi Ad una persona con diagnosi di schizofrenia possono verificarsi allucinazioni (la maggior parte riporta di sentire delle voci), deliri (spesso di natura bizzarra o persecutoria), e disordine nel pensiero e nel linguaggio. Questultime possono variare da perdita del filo logico di un discorso a frasi solo vagamente collegate nei casi più gravi. Labbandono dalla vita sociale, la sciatteria nel vestire e nelligiene personale, la perdita di motivazione e di giudizio sono tutti elementi comuni nella schizofrenia.[31] Si osservano spesso difficoltà emotive, come la mancanza di reattività.[32] Difficoltà nel lavoro, nella memoria a lungo termine, nellattenzione e nella velocità di elaborazione anche delle pratiche comuni si verificano frequentemente.[2]
  10. 10. Sintomi negativi Essi solitamente comprendono una sfera affettiva piatta o poco accentuata, scarsità a provare emozioni, povertà del linguaggio (alogia), incapacità di provare piacere (anedonia), mancanza di desiderio di formare relazioni (asocialità) e la mancanza di motivazione (abulia) La ricerca suggerisce che i sintomi negativi contribuiscano maggiormente alla scarsa qualità di vita, alla disabilità funzionale e comportano un peso per gli altri più di quanto non facciano i sintomi positivi.[44] Gli individui con importanti sintomi negativi spesso presentano una storia di scarso adattamento già prima della comparsa della malattia e la risposta alla terapia farmacologica è spesso limitata.[31][45]
  11. 11. recovery Il ricovery è un processo di natura sociale ed il paziente può maturare un nuovo approccio alla sua sofferenza secondo tempi e modi del tutto personali, improntati ad esempio a linee guida semplici, ma non semplicistiche, fortemente interconnesse tra loro, valide anche per gli operatori e i manager/responsabili dei Servizi di Salute Mentale, e che Davison e collaboratori (2009) hanno riassunto nel seguente modo:
  12. 12. recovery Rinnovare la speranza e l’impegno Essere sostenuto dagli Altri (avere delle persone che sono dalla propria parte, che hanno fiducia in me anche quando io l’ho persa; avere qualcosa da dare in cambio e percepirmi capace di dare aiuto a chi ne ha bisogno Trovare il proprio posto nella comunità (per perseguire una vita sociale sicura, dignitosa, gratificante);
  13. 13. recovery Ridefinire se stessi (prendere coscienza che la malattia mentale è solo una parte di ciò che si è e che si possono fare delle esperienza anche al di fuori dai Servizi di Salute Mentale, ecc..); Assimilare la malattia (conoscere la natura dei propri sintomi psichiatrici, imparare a evitare le situazioni/cosa che mi fanno stare male e ad occuparmi di me stesso nei momenti piacevoli e in quelli difficili, ecc..); Gestire i sintomi (trovare strategie per fronteggiare la mia condizione, capire quale terapia è più utile e vantaggiosa, comprendere in che modo la malattia psichiatrica mi influenza, ecc..); Assumere il controllo (non rinunciare ad esprimere la propria opinione, accettare le conseguenze delle mie decisioni anche quando ho sbagliato ed imparare dagli errori, ecc..);
  14. 14. recovery Combattere lo stigma (compreso quello internalizzato, ovvero considerarsi cittadini di “serie B”) (non vergognarmi di avere una disturbo mentale, difendere me stesso se vengo maltrattato, ecc..); Maturare empowerment (decidere dove vivere e come trascorrere le proprie giornate, condividere le mie esperienze con altre persone che stanno intraprendendo un percorso di recovery, essere un cittadino responsabile che ad esempio fa volontariato, vota, paga le tasse, ecc..).
  15. 15. 1 La patologia mentale ed ildisagio psico-socio-economico la povertà, l’emigrazione forzata, la violenza, l’abbandono nell’infanzia e nell’adolescenza) e/o dall’emarginazione sociale (dovuta a malattia, handicap, status sociale, condizioni politiche) alcolismo, abuso di sostanze, suicidi e tentativi di suicidio, violenza contro le donne, abuso e abbandono di bambini, prostituzione coatta, crimini e violenza nelle strade, conflitti etnici, dislocazione e migrazioni forzate. Situazioni di questo genere tendono ad autoriprodursi e a rinforzarsi reciprocamente, innescando, mantenendo ed incrementando una spirale perversa
  16. 16. La povertà e la vulnerabilità psico-sociale L’OMS nel rapporto redatto nel 2001 mette in risalto la stretta connessione esistente tra fattori biologi, psicologici e sociali nel determinare patologie sia fisiche che mentali. Il fattore di rischio sociale al quale viene dato maggiore risalto è senza dubbio la povertà, condizione che raccoglie tutti gli elementi sociali potenzialmente patogeni individuati e viene analizzato nella sua complessa relazione con l’insorgenza, il mantenimento, l’aggravarsi e il perpetuarsi di disagi e patologie psicologiche
  17. 17.  . Tale condizione di deprivazione include, secondo le categorie dell’OMS (2001) tre fattori di base: livelli minori di acquisizione educativa, disoccupazione e, in casi estremi, mancanza di una casa in cui vivere. Povertà e violenza producono infatti sia problemi psichiatrici che problemi sociali.
  18. 18.  “Innumerevoli ricerche hanno mostrato che il problema mentale è biopsicosociale, che le variabili macro e microeconomiche hanno peso sulle politiche di salute mentale e che le culture locali sono variabili importanti di un progetto di salute rispettoso dei diritti umani” (Barone, Bellia, 2000a, pp
  19. 19. 4 Le guarigioni possibili ed i“tempi” della cura Alcuni pazienti possono vivere una guarigione detta “sociale”, ovvero continuare ad avere i sintomi del processo psicopatologico che li coinvolge esistenzialmente, senza però essere disturbati nella stessa misura o nello stesso modo degli esordi, recuperando la maggior parte delle proprie capacità relazionali ed affettive, sviluppando tutte le autonomie primarie e secondarie, ed infine mantenendo un soddisfacente ruolo familiare e sociale. Altri invece possono guarire “clinicamente”, nel senso che non hanno più i sintomi psichiatrici e conseguentemente sono nella condizione di sospendere i trattamenti sanitari (Warner, 1984; Curtis, 1997; Copeland, 1997

×