Convegno Inserimenti lavorativi      DSM ASL Roma B        -come il progetto di formazione e       inserimento al lavoro s...
Pensiamo i Dipartimenti di Salute Mentale come delle agenzie di      sviluppo culturale ed economico della nostra società ...
Convegno Inserimenti lavorativi DSM            ASL Roma B• Le borse-lavoro e i tirocini formativi.• Il Sostegno all’impieg...
Le borse-lavoro e i tirocini formativi• Questa specifica modalità d’inserimento  lavorativo permane sempre nell’ambito del...
Borse lavoro e tirocini formativi• risponde sia allo sviluppo di beni tangibili come  migliorare la propria condizione soc...
L’approccio IPS al Sostegno all’ImpiegoLavorare insieme ad altre persone senzadisabilità è il modo più concreto attraverso...
I principi pratici e metodologiciIl programma evidence-based di Sostegno Individualizzatoall’Impiego (IPS) considera il la...
Lavoro come un pilastro della recovery                   10 principi della recovery5) Non-linearità: Le transizioni scolas...
I principi pratici che discendono dai 10principi metodologici ciò sono i seguenti:1.   Lavoro competitivo è lobiettivo2.  ...
2. Il sostegno all’impiego è integrato con il    trattamento della patologia mentale  I servizi per il sostegno all’impieg...
Le cooperative sociali di tipo B• Pur con tutti i problemi di ricerca di una  compiuta definizione, allinterno di un quadr...
Il Microcredito gruppale e                comunitario• Per le persone affette da grave patologia mentale  questa metodolog...
Le Fattorie Sociali• La funzione terapeutica dell’inserimento lavorativo in  una fattoria sociale è garantita da una doppi...
La prospettiva delle psicoterapia di              comunitàI principi metodologici della psicoterapia di comunità   indican...
Principi di psicoterapia di comunità• Promuovere una cultura del lavoro di rete, mettendosi  al servizio dello sviluppo de...
Principi di psicoterapia di comunità• Sviluppare un’organizzazione del lavoro che dia spazio alla  narrazione collet-ti-va...
Curare per GuarireIl lavoro è importante nella misura in cui riguarda    la «responsabilità della produzione» ed è visto  ...
Due definizioni di HinshelwoodLa parte sana della       Il lavoro è un’azionepersonalità è quella      responsabile chepar...
Curare per GuarireLa parte malata della personalità si esprime   attraverso il senso di inadeguatezza ed   impreparazione ...
Curare per GuarireLavorare sulle parti sane del paziente vuole direlavorare a rinsaldare il legame con la realtà,attravers...
Curare per GuarireLavorare alla costruzione del legame con la realtà,vuol dire accettare di dare senso concreto agli attip...
Curare per GuarirePrendersi cura delle parti sane nelprocesso di guarigione delle partimalatevuol dire,da parte degli oper...
Curare per GuarirePrendersi cura delle parti sane attraversol’attivazione di dispositivi di inclusione socio-lavorativa,pr...
Curare per GuarireLe quattro forme di sostegno lavorativo (Hinshelwood):1. Aiutare a distinguere le responsabilità reali d...
Bibliografia di riferimento     Barone R., Bellia V., Bruschetta S. (2010)     “Psicoterapia di Comunità”               Fr...
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Convegno inserimenti lavorativi dsm asl roma b

493

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
493
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
2
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Convegno inserimenti lavorativi dsm asl roma b

  1. 1. Convegno Inserimenti lavorativi DSM ASL Roma B -come il progetto di formazione e inserimento al lavoro si integra nel percorso di cura allinterno delle strutture del DSM (aspetti problematici, buone prassi, esperienze vostre e altrui, ecc.); -- ha ancora senso parlare di progetti di integrazione lavorativa nei DSM? E se sì, come? sono domande che ci poniamo di fronte alla sempre più rilevante penuria di risorse sia umane che finanziarie e alla crescente sanitarizzazione dei servizi).
  2. 2. Pensiamo i Dipartimenti di Salute Mentale come delle agenzie di sviluppo culturale ed economico della nostra società I DSM potrebbero ritrovarsi Questa opera di co-costruzione nelle migliori condizioni collettiva è da portare avanti politiche, istituzionali e attraverso politiche di professionali, per dare senso ai concertazione sociale cambiamenti epocali in atto ed sia sui diritti alla cura, alla casa, alle ripercussioni di questi al lavoro e più in generale alla cambiamenti nelle nostre partecipazione sociale, comunità di vita. Ciò rende sia sul ruolo che la salute necessaria però una costante mentale deve avere opera di ridefinizione e nell’economia civile delle rinegoziazione collettiva e nostre comunità, comunitaria nella mission di ciascun singolo servizio, di ogni ma soprattutto sul posto che singolo Dipartimento così come deve occupare in queste del Servizio Sanitario Nazionale comunità chi soffre di grave del suo complesso. patologia mentale.
  3. 3. Convegno Inserimenti lavorativi DSM ASL Roma B• Le borse-lavoro e i tirocini formativi.• Il Sostegno all’impiego “Individual Placement & Support” (IPS).• Le cooperative sociali di tipo B• Il Microcredito gruppale e comunitario• Le Fattorie Sociali• La prospettiva delle psicoterapia di comunità Il Sostegno all’Impiego “Individual Placement & Support” (IPS-SE
  4. 4. Le borse-lavoro e i tirocini formativi• Questa specifica modalità d’inserimento lavorativo permane sempre nell’ambito della formazione anche quando vengono stipulati veri e proprio contratti e il lavoro prevede la partecipazione ai processi produttivi di una azienda.
  5. 5. Borse lavoro e tirocini formativi• risponde sia allo sviluppo di beni tangibili come migliorare la propria condizione socio-economica, sia a quelli di tipo intangibile come lo sviluppo di varie capabilities: riconoscere ed accettare i propri limiti, confrontarsi con le difficoltà imprevedibili, relazionarsi con gli altri, rendersi autonomi, rapportarsi con il mondo del lavoro, costruire relazioni sul lavoro, credere maggiormente in se stessi e nelle proprie capacità. Il limite è che, seppure favoriscono l’inclusione sociale, questi progetti sono spesso a tempo limitato
  6. 6. L’approccio IPS al Sostegno all’ImpiegoLavorare insieme ad altre persone senzadisabilità è il modo più concreto attraverso cui lepersone con gravi disturbi possono davveropartecipare alla vita sociale. La maggior partedelle persone con un grave patologia mentaledesidera un lavoro vero sul libero mercato, e ilprogramma di sostegno al lavoro evidence-basedIPS (Individual Placement and Support)rappresenta attualmente il modo più efficaceper raggiungere questo obiettivo.
  7. 7. I principi pratici e metodologiciIl programma evidence-based di Sostegno Individualizzatoall’Impiego (IPS) considera il lavoro come un pilastro dellarecovery e si fonda sui seguenti 10 principi metodologici:1) Olismo: Il lavoro realizza un bisogno umano come quelli di salute, di spiritualità, di relazioni e di “casa”.2) Responsabilità: Le persone partecipano attivamente ai dispositivi centrati sull’obiettivo di trovare lavoro e mantenerlo.3) Orientamento alla persona: I trattamenti ed i Servizi sono basati gli obiettivi di ciascun individuo.4) Focus sui punti di forza: I Servizi si devono adeguare alle risorse, alle abilità, alle competenze ed alle preferenze dei clienti.
  8. 8. Lavoro come un pilastro della recovery 10 principi della recovery5) Non-linearità: Le transizioni scolastiche e lavorative vannosupportate come parti dello stesso sviluppo professionale.6) Rispetto: Un lavoro competitivo sviluppa sicurezza e stimadi sé.7) Supporto tra pari: È importante condividere tra pari lestorie di lavoro, di scuola e di recovery.8) Empowerment: Le persona hanno il diritto di scegliere illoro modo di essere sostenute e di partecipare alla decisionilavorative.9) Auto-determinazione: Le persone devono poter prenderela loro decisioni sulla tipologia di lavoro che preferiscono esulle modalità di collaborazione con gli operatori.10) Speranza: Il lavoro promuove la speranza e la motivazioneverso un futuro migliore.
  9. 9. I principi pratici che discendono dai 10principi metodologici ciò sono i seguenti:1. Lavoro competitivo è lobiettivo2. Il sostegno all’impiego è integrato con il trattamento della patologia mentale3. Zero exclusion4. Attenzione alle preferenze del cliente5. È importante la consulenza sulle sovvenzioni economiche6. La ricerca di lavoro è rapida7. Lavoro sistematico di sviluppo professionale8. Il sostegno è a tempo illimitato
  10. 10. 2. Il sostegno all’impiego è integrato con il trattamento della patologia mentale I servizi per il sostegno all’impiego IPS sono strettamente integrati con il lavoro dei servizi di salute mentale. Gli specialisti per limpiego sono membri di team multidisciplinari che si incontrano regolarmente per esaminare l’evoluzione sella situazione dei clienti. Le discussioni includono informazioni cliniche e riabilitative che sono rilevanti per lavorare, come gli effetti collaterali dei farmaci, i sintomi persistenti, le difficoltà cognitive, ecc.. Essi condividono le informazioni e sviluppano idee per aiutare i clienti a migliorare il recupero della loro condizione di funzionamento sociale.
  11. 11. Le cooperative sociali di tipo B• Pur con tutti i problemi di ricerca di una compiuta definizione, allinterno di un quadro normativo ancora recente, le cooperative sociali stanno sperimentando un’efficace crescita generalizzata in tutte le regioni, seppure con dinamiche diverse da area ad area
  12. 12. Il Microcredito gruppale e comunitario• Per le persone affette da grave patologia mentale questa metodologia d’intervento può benissimo essere integrata con l’iniziativa imprenditoriale in cooperativa sociale di tipo B in cui la persona da un lato si assume la responsabilità individuale rispondendo ai requisiti del microcredito attraverso la messa in giuoco della fiducia e relativa responsabilità personale, e dall’altro può spendere il credito economico di fiducia, investendolo nella azienda cooperativa sociale. Diventa così possibile importare anche nell’impresa cooperativa le esperienze e il valore del lavoro di gruppo appreso e sviluppato nei gruppi di lavoro del microcredito
  13. 13. Le Fattorie Sociali• La funzione terapeutica dell’inserimento lavorativo in una fattoria sociale è garantita da una doppia tipologia di fattori. Le persone con disabilità possono trarre grandi benefici sul piano fisico e psichico dal contatto diretto con la natura, con i suoi cicli e con gli esseri viventi (animali e piante) di cui ci si prende cura, ed anche dal coinvolgimento attivo nei lavori tipici di una azienda agricola, che come tutti gli altri lavori, presuppongono lo sviluppo del senso di responsabilità, della capacità di investire sul compito e della disponibilità a partecipare ad una organizzazione lavorativa più ampia, nel quale inserire il proprio compito.
  14. 14. La prospettiva delle psicoterapia di comunitàI principi metodologici della psicoterapia di comunità indicano sette assi fondamentali su cui incardinare un sano rapporto operativo tra impresa e società, in grado di sostenere contemporaneamente lo sviluppo individuale dei cittadini, lo sviluppo organizzativo delle imprese e lo sviluppo locale delle comunità:• Partecipare allo sviluppo della cultura locale e all’elaborazione del suo sistema di cure (con azioni di lotta allo stigma, inclusione sociale, prevenzione e promozione della salute mentale di comunità ecc., ecc.
  15. 15. Principi di psicoterapia di comunità• Promuovere una cultura del lavoro di rete, mettendosi al servizio dello sviluppo delle agenzie della comunità locale e dei processi di convivenza civile della popolazione (di cui il paziente e gli operatori fanno parte).• Contribuire a sviluppare il Capitale Sociale nella comunità, promuovendo gruppalità e progettualità sociale al servizio delle innovazioni terapeutiche e culturali, e sostenendo sempre una presa in carico e una cura che abbiano una teoria di riferimento e un linguaggio condiviso tra i clinici, gli ope-ra-tori sociali, i pazienti, i familiari e i committenti.
  16. 16. Principi di psicoterapia di comunità• Sviluppare un’organizzazione del lavoro che dia spazio alla narrazione collet-ti-va della storia clinico-sociale del paziente e alla riflessione sulle relazioni tra tutti i soggetti coinvolti e tra questi e la storia del territorio.• Sostenere una metodologia relazionale improntata alla condivisione democratica del po-tere decisionale, sul trattamento nel suo complesso, sui progetti specifici e sulle attività quotidiane.• Concepire i Progetti Terapeutici degli utenti come progetti inter- culturali, pluri-istituzionali e multimodali, in grado di incidere contemporaneamente sul nucleo familiare e sul contesto comunitario di riferimento.• Acquisire competenze e fare propria l’intenzione clinica di costruire, attorno ai programmi di inclusione socio-lavorativa, un campo mentale comunitario che funzioni come campo gruppale, per agire in senso terapeutico piuttosto che anti-terapeutico.
  17. 17. Curare per GuarireIl lavoro è importante nella misura in cui riguarda la «responsabilità della produzione» ed è visto come forma di sostegno e di comunicazione riflessiva non verbale; in quanto richiede l’utilizzo del ragionamento da trasmettere a sé stessi ed agli altri in maniera intrinseca, attraverso le conseguenze delle azioni. Siccome producono degli effetti reali e siccome altre persone vengono profondamente influenzate dalle conseguenze, questi ragionamenti impliciti hanno un valore aggiunto, che la terapia verbale non possiede. (Hinshelwood)
  18. 18. Due definizioni di HinshelwoodLa parte sana della Il lavoro è un’azionepersonalità è quella responsabile cheparte dell’individuo acquista significato inche può riconoscere termini di produzionel’esistenza e agire per in risposta a bisogniqualcosa di esterno e materiali e di relazionepiù grande di sé. con colleghi ed istituzioni.
  19. 19. Curare per GuarireLa parte malata della personalità si esprime attraverso il senso di inadeguatezza ed impreparazione all’assunzione di responsabilità, rispetto alle conseguenze delle proprie azioni.Il senso di responsabilità scatena il senso di colpa verso il prossimo e di fallimento verso sé stessi (questi ultimi collegati al termine tecnico psicoanalitico di Super-Io tirannico e/o abusante). Da qui una deformazione del contatto con la realtà (con i ben noti sintomi deliranti ed allucinatori), che impedisce lo sviluppo di una corretta capacità di giudizio e di riflessione su sé stessi.
  20. 20. Curare per GuarireLavorare sulle parti sane del paziente vuole direlavorare a rinsaldare il legame con la realtà,attraverso la costruzione di dispositivi cheimpostino il dialogo istituzionale, e quindi ilprocesso terapeutico, su un livello dicomunicazione molto concreto, fondato suicosiddetti «atti parlanti» (Racamier).
  21. 21. Curare per GuarireLavorare alla costruzione del legame con la realtà,vuol dire accettare di dare senso concreto agli attiprofessionali ed ai comportamenti lavorativi, achiunque questi appartengono, curanti e pazienti inprimis.Ma anche ai comportamenti concreti, dei pazienti, deiloro familiari, dei curanti e delle istituzioni cherappresentano, affinché possano sempre essereconsiderati come «atti parlanti».
  22. 22. Curare per GuarirePrendersi cura delle parti sane nelprocesso di guarigione delle partimalatevuol dire,da parte degli operatori della salute mentale,svolgere una funzione di «Io-Ausiliario»,rispetto ai bisogni reali e concreti delpaziente.
  23. 23. Curare per GuarirePrendersi cura delle parti sane attraversol’attivazione di dispositivi di inclusione socio-lavorativa,presuppone un lavoro di «tutoraggio» permediare tra l’ambivalenza del pazienterispetto alla propria autopromozione equella del contesto sociale rispetto allasua inclusione.
  24. 24. Curare per GuarireLe quattro forme di sostegno lavorativo (Hinshelwood):1. Aiutare a distinguere le responsabilità reali da quelle immaginarie, che potrebbero essere ben lontane dalla realtà2. Proporre delle soluzioni adeguate ai problemi da affrontare nella realtà quotidiana3. Valutare l’effettiva realizzazione (o fallimento) di un lavoro svolto4. Aiutare il paziente ad acquisire questa realistica capacità di auto-giudizio nei confronti della realtà
  25. 25. Bibliografia di riferimento Barone R., Bellia V., Bruschetta S. (2010) “Psicoterapia di Comunità” FrancoAngeli, Milano. L’inclusione sociale e lavorativa in salute mentale• A cura di• Raffaele Barone, Simone Bruschetta, Marco D’Alema FrancoAngeli, Milano ( in press)• Blog: raffaelebaronewordpress.com
  1. A particular slide catching your eye?

    Clipping is a handy way to collect important slides you want to go back to later.

×