Noi (u)siamo la macchina: dal web design all'etnografia digitale

1,489 views
1,423 views

Published on

Slide della lezione del 26 maggio 2009, nell’ambito del corso di Domenico Fiormonte, Forme e generi della testualità digitale (Laurea magistrale in “Informazione, Editoria, Giornalismo”, Università Roma Tre).

Published in: Education
0 Comments
2 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
1,489
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
2
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
2
Embeds 0
No embeds

No notes for slide








  • è una questione di memoria
  • David Foster Wallace





  • dal compositore tipografico alla marcatura dichiarativa















































  • pervasività della rete, sviluppo e affidabilità delle tecnologie (alcune delle quali promosse proprio dal w3c), connettività always on hanno insieme determinato un effettivo platform switch che ha spostato dal nostro desktop al web la quasi totalità delle nostre abituali operazioni mediate dal computer e non solo: lettura dei giornali, acquisti, operazioni bancarie e postali, ricerca di informazioni, cazzeggio, ecc.
  • pervasività della rete, sviluppo e affidabilità delle tecnologie (alcune delle quali promosse proprio dal w3c), connettività always on hanno insieme determinato un effettivo platform switch che ha spostato dal nostro desktop al web la quasi totalità delle nostre abituali operazioni mediate dal computer e non solo: lettura dei giornali, acquisti, operazioni bancarie e postali, ricerca di informazioni, cazzeggio, ecc.
  • pervasività della rete, sviluppo e affidabilità delle tecnologie (alcune delle quali promosse proprio dal w3c), connettività always on hanno insieme determinato un effettivo platform switch che ha spostato dal nostro desktop al web la quasi totalità delle nostre abituali operazioni mediate dal computer e non solo: lettura dei giornali, acquisti, operazioni bancarie e postali, ricerca di informazioni, cazzeggio, ecc.
  • Così come l’uso sociale della posta elettronica ha determinato l’affermarsi di un utilizzo non professionale della rete, il blog chiama sul web una generazione di scrittori che partecipano insieme alla creazione di una rete di relazioni, di parole e persone
  • commenti=newsgroup o forum o bullettin board
    permalink=uri=trackback=commenti
    feed=push
  • commenti=newsgroup o forum o bullettin board
    permalink=uri=trackback=commenti
    feed=push
  • commenti=newsgroup o forum o bullettin board
    permalink=uri=trackback=commenti
    feed=push

  • last fm, linkedin, facebook, google reader, you tube, digg
  • last fm, linkedin, facebook, google reader, you tube, digg
  • last fm, linkedin, facebook, google reader, you tube, digg
  • last fm, linkedin, facebook, google reader, you tube, digg
  • last fm, linkedin, facebook, google reader, you tube, digg
  • last fm, linkedin, facebook, google reader, you tube, digg
  • last fm, linkedin, facebook, google reader, you tube, digg
  • last fm, linkedin, facebook, google reader, you tube, digg
  • last fm, linkedin, facebook, google reader, you tube, digg
  • last fm, linkedin, facebook, google reader, you tube, digg



  • Le promesse non mantenute della tecnologia push; la flessibilità dell’RSS/XML rende estremamente facile riutilizzare i contenuti in nuove forme e nuovi contesti altamente personalizzabili dall’utente
  • Le promesse non mantenute della tecnologia push; la flessibilità dell’RSS/XML rende estremamente facile riutilizzare i contenuti in nuove forme e nuovi contesti altamente personalizzabili dall’utente



  • i feed di un altro blog sul tuo sito
  • bookmark delicious su blog con wordpress postalicious
  • bookmark delicious su blog con wordpress postalicious
  • bookmark delicious su blog con wordpress postalicious
  • bookmark delicious su blog con wordpress postalicious


  • bibliografia
  • Noi (u)siamo la macchina: dal web design all'etnografia digitale

    1. 1. Paolo Sordi, Università di Roma 3, 26 maggio 2009 Noi (u)siamo la macchina Dal web design all’etnografia digitale 1
    2. 2. Paolo Sordi, Università di Roma 3, 26 maggio 2009 In altre parole Pubblicare una pagina HTML è un trucco da ragazzi. Progettare un sito web, un’arte e una scienza. 2
    3. 3. Paolo Sordi, Università di Roma 3, 26 maggio 2009 Gli argomenti 3
    4. 4. Paolo Sordi, Università di Roma 3, 26 maggio 2009 Gli argomenti 1. L’ipertesto prima e dopo TBL 3
    5. 5. Paolo Sordi, Università di Roma 3, 26 maggio 2009 Gli argomenti 1. L’ipertesto prima e dopo TBL 2. HTML per tutti 3
    6. 6. Paolo Sordi, Università di Roma 3, 26 maggio 2009 Gli argomenti 1. L’ipertesto prima e dopo TBL 2. HTML per tutti 3. Architetti dell’informazione 3
    7. 7. Paolo Sordi, Università di Roma 3, 26 maggio 2009 Gli argomenti 1. L’ipertesto prima e dopo TBL 2. HTML per tutti 3. Architetti dell’informazione 4. Il Web 2.0 (o chi per lui) 3
    8. 8. Paolo Sordi, Università di Roma 3, 26 maggio 2009 Gli argomenti 1. L’ipertesto prima e dopo TBL 2. HTML per tutti 3. Architetti dell’informazione 4. Il Web 2.0 (o chi per lui) 5. Campioni di contenuto 3
    9. 9. Paolo Sordi, Università di Roma 3, 26 maggio 2009 Bush, quello buono (?) Il Memex è uno strumento all’interno del quale un uomo raccoglie tutti i suoi libri, i suoi dischi e le sue comunicazioni in modo da poter essere consultato con grande velocità e flessibilità. È un ampio e intimo supplemento alla sua memoria. As We May Think, 1945 4
    10. 10. Paolo Sordi, Università di Roma 3, 26 maggio 2009 Xanadu: il sesto potere Una rete ampia quanto il mondo dedicata a servire centinaia di milioni di utenti simultaneamente con dati, immagini e scritti archiviati nel corpo del mondo. Ted Nelson, 1965 5
    11. 11. Paolo Sordi, Università di Roma 3, 26 maggio 2009 Ipertesti di carta 6
    12. 12. 7
    13. 13. Paolo Sordi, Università di Roma 3, 26 maggio 2009 Ci vuole il fisico 8
    14. 14. Paolo Sordi, Università di Roma 3, 26 maggio 2009 Un web e tre acronimi 1. URI 9
    15. 15. Paolo Sordi, Università di Roma 3, 26 maggio 2009 Un web e tre acronimi 1. URI 2. HTTP 9
    16. 16. Paolo Sordi, Università di Roma 3, 26 maggio 2009 Un web e tre acronimi 1. URI 2. HTTP 3. HTML 9
    17. 17. Paolo Sordi, Università di Roma 3, 26 maggio 2009 Make it simple Dallo Standard Generalized Markup Language all’Hypertext Markup Language 10
    18. 18. Paolo Sordi, Università di Roma 3, 26 maggio 2009 La mia prima pagina web ‣ <html> 11
    19. 19. Paolo Sordi, Università di Roma 3, 26 maggio 2009 La mia prima pagina web ‣ <html> ‣ <body> 11
    20. 20. Paolo Sordi, Università di Roma 3, 26 maggio 2009 La mia prima pagina web ‣ <html> ‣ <body> ‣ <h1>Il mio primo sito</h1> 11
    21. 21. Paolo Sordi, Università di Roma 3, 26 maggio 2009 La mia prima pagina web ‣ <html> ‣ <body> ‣ <h1>Il mio primo sito</h1> ‣ <ul> 11
    22. 22. Paolo Sordi, Università di Roma 3, 26 maggio 2009 La mia prima pagina web ‣ <html> ‣ <body> ‣ <h1>Il mio primo sito</h1> ‣ <ul> ‣ <li> 11
    23. 23. Paolo Sordi, Università di Roma 3, 26 maggio 2009 La mia prima pagina web ‣ <html> ‣ <body> ‣ <h1>Il mio primo sito</h1> ‣ <ul> ‣ <li> ‣ <a href=”http://www.infolet.it”>Il mio primo link</a> 11
    24. 24. Paolo Sordi, Università di Roma 3, 26 maggio 2009 La mia prima pagina web ‣ <html> ‣ <body> ‣ <h1>Il mio primo sito</h1> ‣ <ul> ‣ <li> ‣ <a href=”http://www.infolet.it”>Il mio primo link</a> ‣ </li> 11
    25. 25. Paolo Sordi, Università di Roma 3, 26 maggio 2009 La mia prima pagina web ‣ <html> ‣ <body> ‣ <h1>Il mio primo sito</h1> ‣ <ul> ‣ <li> ‣ <a href=”http://www.infolet.it”>Il mio primo link</a> ‣ </li> ‣ </ul> 11
    26. 26. Paolo Sordi, Università di Roma 3, 26 maggio 2009 La mia prima pagina web ‣ <html> ‣ <body> ‣ <h1>Il mio primo sito</h1> ‣ <ul> ‣ <li> ‣ <a href=”http://www.infolet.it”>Il mio primo link</a> ‣ </li> ‣ </ul> ‣ </body> 11
    27. 27. Paolo Sordi, Università di Roma 3, 26 maggio 2009 La mia prima pagina web ‣ <html> ‣ <body> ‣ <h1>Il mio primo sito</h1> ‣ <ul> ‣ <li> ‣ <a href=”http://www.infolet.it”>Il mio primo link</a> ‣ </li> ‣ </ul> ‣ </body> ‣ </html> 11
    28. 28. Paolo Sordi, Università di Roma 3, 26 maggio 2009 Stampata dal browser 12
    29. 29. Paolo Sordi, Università di Roma 3, 26 maggio 2009 Complicarsi la vita 13
    30. 30. 14
    31. 31. Paolo Sordi, Università di Roma 3, 26 maggio 2009 Le virtù dell’ipertesto 15
    32. 32. Paolo Sordi, Università di Roma 3, 26 maggio 2009 Le virtù dell’ipertesto Interattività 15
    33. 33. Paolo Sordi, Università di Roma 3, 26 maggio 2009 Le virtù dell’ipertesto Interattività Non linearità 15
    34. 34. Paolo Sordi, Università di Roma 3, 26 maggio 2009 Le virtù dell’ipertesto Interattività Non linearità Associazione 15
    35. 35. Paolo Sordi, Università di Roma 3, 26 maggio 2009 Le virtù dell’ipertesto Interattività Non linearità Associazione Itinerario 15
    36. 36. Paolo Sordi, Università di Roma 3, 26 maggio 2009 Le virtù dell’ipertesto Interattività Non linearità Associazione Itinerario Processo 15
    37. 37. Paolo Sordi, Università di Roma 3, 26 maggio 2009 I difetti dell’ipertesto 16
    38. 38. Paolo Sordi, Università di Roma 3, 26 maggio 2009 I difetti dell’ipertesto Interattività 16
    39. 39. Paolo Sordi, Università di Roma 3, 26 maggio 2009 I difetti dell’ipertesto Interattività Non linearità 16
    40. 40. Paolo Sordi, Università di Roma 3, 26 maggio 2009 I difetti dell’ipertesto Interattività Non linearità Associazione 16
    41. 41. Paolo Sordi, Università di Roma 3, 26 maggio 2009 I difetti dell’ipertesto Interattività Non linearità Associazione Itinerario 16
    42. 42. Paolo Sordi, Università di Roma 3, 26 maggio 2009 I difetti dell’ipertesto Interattività Non linearità Associazione Itinerario Processo 16
    43. 43. Paolo Sordi, Università di Roma 3, 26 maggio 2009 Cosa indosso stamattina? 17
    44. 44. Paolo Sordi, Università di Roma 3, 26 maggio 2009 Cosa indosso stamattina? L’armadio e la via che porta all’abbigliamento 17
    45. 45. Paolo Sordi, Università di Roma 3, 26 maggio 2009 Cos’è l’architettura dell’informazione? 18
    46. 46. Paolo Sordi, Università di Roma 3, 26 maggio 2009 Cos’è l’architettura dell’informazione? Strutturare 18
    47. 47. Paolo Sordi, Università di Roma 3, 26 maggio 2009 Cos’è l’architettura dell’informazione? Strutturare Organizzare 18
    48. 48. Paolo Sordi, Università di Roma 3, 26 maggio 2009 Cos’è l’architettura dell’informazione? Strutturare Organizzare Etichettare 18
    49. 49. Paolo Sordi, Università di Roma 3, 26 maggio 2009 Presentare l’architettura: diamoci un criterio 19
    50. 50. Paolo Sordi, Università di Roma 3, 26 maggio 2009 Presentare l’architettura: diamoci un criterio Tassonomico 19
    51. 51. Paolo Sordi, Università di Roma 3, 26 maggio 2009 Presentare l’architettura: diamoci un criterio Tassonomico Gerarchico 19
    52. 52. Paolo Sordi, Università di Roma 3, 26 maggio 2009 Presentare l’architettura: diamoci un criterio Tassonomico Gerarchico Cronologico 19
    53. 53. Paolo Sordi, Università di Roma 3, 26 maggio 2009 Presentare l’architettura: diamoci un criterio Tassonomico Gerarchico Cronologico Alfabetico 19
    54. 54. Paolo Sordi, Università di Roma 3, 26 maggio 2009 Presentare l’architettura: diamoci un criterio Tassonomico Gerarchico Cronologico Alfabetico Geografico 19
    55. 55. Paolo Sordi, Università di Roma 3, 26 maggio 2009 Presentare l’architettura: diamoci un criterio Tassonomico Gerarchico Cronologico Alfabetico Geografico Utente 19
    56. 56. Paolo Sordi, Università di Roma 3, 26 maggio 2009 Presentare l’architettura: diamoci un criterio Tassonomico Gerarchico Cronologico Alfabetico Geografico Utente Azione 19
    57. 57. Paolo Sordi, Università di Roma 3, 26 maggio 2009 Visualizzare l’architettura 20
    58. 58. Paolo Sordi, Università di Roma 3, 26 maggio 2009 Visualizzare l’architettura 20
    59. 59. Paolo Sordi, Università di Roma 3, 26 maggio 2009 Visualizzare l’architettura 20
    60. 60. Paolo Sordi, Università di Roma 3, 26 maggio 2009 Visualizzare l’architettura 20
    61. 61. Paolo Sordi, Università di Roma 3, 26 maggio 2009 Visualizzare l’architettura 20
    62. 62. Paolo Sordi, Università di Roma 3, 26 maggio 2009 Visualizzare l’architettura 20
    63. 63. Paolo Sordi, Università di Roma 3, 26 maggio 2009 Tre-domande-tre per la tua pagina web 21
    64. 64. Paolo Sordi, Università di Roma 3, 26 maggio 2009 Tre-domande-tre per la tua pagina web 1. Dove sono? 21
    65. 65. Paolo Sordi, Università di Roma 3, 26 maggio 2009 Tre-domande-tre per la tua pagina web 1. Dove sono? 2. Di cosa si parla? 21
    66. 66. Paolo Sordi, Università di Roma 3, 26 maggio 2009 Tre-domande-tre per la tua pagina web 1. Dove sono? 2. Di cosa si parla? 3. Dove posso andare? 21
    67. 67. Paolo Sordi, Università di Roma 3, 26 maggio 2009 Tre-risposte-tre (o forse quattro) 22
    68. 68. Paolo Sordi, Università di Roma 3, 26 maggio 2009 Tre-risposte-tre (o forse quattro) 22
    69. 69. Paolo Sordi, Università di Roma 3, 26 maggio 2009 Tre-risposte-tre (o forse quattro) 22
    70. 70. Paolo Sordi, Università di Roma 3, 26 maggio 2009 Tre-risposte-tre (o forse quattro) 22
    71. 71. Paolo Sordi, Università di Roma 3, 26 maggio 2009 Tre-risposte-tre (o forse quattro) 22
    72. 72. Paolo Sordi, Università di Roma 3, 26 maggio 2009 E ora qualcosa di completamente diverso. O no? Lo sboom, O’Reilly e il Web 2.0 23
    73. 73. Paolo Sordi, Università di Roma 3, 26 maggio 2009 Platform switch 24
    74. 74. Paolo Sordi, Università di Roma 3, 26 maggio 2009 Platform switch Pervasività della rete 24
    75. 75. Paolo Sordi, Università di Roma 3, 26 maggio 2009 Platform switch Pervasività della rete Sviluppo e affidabilità delle tecnologie 24
    76. 76. Paolo Sordi, Università di Roma 3, 26 maggio 2009 Platform switch Pervasività della rete Sviluppo e affidabilità delle tecnologie Connettività always on 24
    77. 77. Paolo Sordi, Università di Roma 3, 26 maggio 2009 Blog like it’s 1999 Nel 1999, con Blogger, il sito personale diventa un blog: il diario si apre alla discussione (e alla diffusione). 25
    78. 78. Paolo Sordi, Università di Roma 3, 26 maggio 2009 Libertà è partecipazione 26
    79. 79. Paolo Sordi, Università di Roma 3, 26 maggio 2009 Libertà è partecipazione Commenti 26
    80. 80. Paolo Sordi, Università di Roma 3, 26 maggio 2009 Libertà è partecipazione Commenti Permalink 26
    81. 81. Paolo Sordi, Università di Roma 3, 26 maggio 2009 Libertà è partecipazione Commenti Permalink Feed RSS (Really Simple Syndication) 26
    82. 82. Dal desktop al web publishing La generazione dei contenuti generati dagli utenti 27
    83. 83. Paolo Sordi, Università di Roma 3, 26 maggio 2009 In società sul web 28
    84. 84. Paolo Sordi, Università di Roma 3, 26 maggio 2009 In società sul web 28
    85. 85. Paolo Sordi, Università di Roma 3, 26 maggio 2009 In società sul web 28
    86. 86. Paolo Sordi, Università di Roma 3, 26 maggio 2009 In società sul web 28
    87. 87. Paolo Sordi, Università di Roma 3, 26 maggio 2009 In società sul web 28
    88. 88. Paolo Sordi, Università di Roma 3, 26 maggio 2009 In società sul web 28
    89. 89. Paolo Sordi, Università di Roma 3, 26 maggio 2009 In società sul web 28
    90. 90. Paolo Sordi, Università di Roma 3, 26 maggio 2009 In società sul web 28
    91. 91. Paolo Sordi, Università di Roma 3, 26 maggio 2009 In società sul web 28
    92. 92. Paolo Sordi, Università di Roma 3, 26 maggio 2009 In società sul web 28
    93. 93. Paolo Sordi, Università di Roma 3, 26 maggio 2009 In società sul web 28
    94. 94. Paolo Sordi, Università di Roma 3, 26 maggio 2009 Dietro le quinte 29
    95. 95. Paolo Sordi, Università di Roma 3, 26 maggio 2009 Dietro le quinte XML, XHTML 29
    96. 96. Paolo Sordi, Università di Roma 3, 26 maggio 2009 Dietro le quinte XML, XHTML DOM e Javascript 29
    97. 97. Paolo Sordi, Università di Roma 3, 26 maggio 2009 Dietro le quinte XML, XHTML DOM e Javascript API 29
    98. 98. Paolo Sordi, Università di Roma 3, 26 maggio 2009 Ridistribuzione 30
    99. 99. Paolo Sordi, Università di Roma 3, 26 maggio 2009 Ridistribuzione I feed RSS spingono i contenuti fuori dal sito 30
    100. 100. Paolo Sordi, Università di Roma 3, 26 maggio 2009 Ridistribuzione I feed RSS spingono i contenuti fuori dal sito I contenuti vengono riutilizzati e distribuiti all’interno di altri servizi basati sul web 30
    101. 101. Paolo Sordi, Università di Roma 3, 26 maggio 2009 Pubblica 31
    102. 102. Paolo Sordi, Università di Roma 3, 26 maggio 2009 Ridistribuisci - 1 32
    103. 103. Paolo Sordi, Università di Roma 3, 26 maggio 2009 Ridistribuisci - 2 33
    104. 104. Paolo Sordi, Università di Roma 3, 26 maggio 2009 Ridistribuisci - 3 34
    105. 105. Paolo Sordi, Università di Roma 3, 26 maggio 2009 Ridistribuisci - 3 34
    106. 106. Campioni di remix 35
    107. 107. Campioni di remix 35
    108. 108. Campioni di remix 35
    109. 109. Campioni di remix 35
    110. 110. Campioni di remix 35
    111. 111. Giacimenti e tubi di contenuti 36
    112. 112. Paolo Sordi, Università di Roma 3, 26 maggio 2009 Web Publishing Literacy Da Dreamweaver a Wordpress 37
    113. 113. Letture e navigazioni H. Jenkins, Convergence Culture: Where Old and New Media Collide, NYU Press, 2006 (Cultura convergente, Apogeo, 2007) F. Metitieri, Il grande inganno del Web 2.0, Editori Laterza, 2009 T. O’Reilly, What Is Web 2.0, O’Reilly Media, 2005, http://www.oreillynet.com/pub/a/oreilly/tim/news/2005/09/30/what-is-web-20.html Wordpress.org, http://wordpress.org/ J. Zeldman, Designing With Web Standards, 2nd ed., Peachpit Press, 2006 (Progettare siti web standards, Pearson Education, 2007) 38

    ×