Vaticano 2.0

  • 752 views
Uploaded on

Gli osservatori più attenti dei fenomeni di comunicazione legati ai social media avranno notato che da qualche mese il Vaticano ha abbracciato la strada del web 2.0. …

Gli osservatori più attenti dei fenomeni di comunicazione legati ai social media avranno notato che da qualche mese il Vaticano ha abbracciato la strada del web 2.0.
In particolare, all’inizio del 2010 sono state impartite delle chiare indicazioni che hanno l’obiettivo di utilizzare gli strumenti di social networking per di creare – e consolidare – nuovi canali di relazione con credenti e non credenti, e in particolare con i giovani che, ovviamente, sono il “target” maggiormente socializzato all’uso dei nuovi media digitali.
Sulla base delle indicazioni date in occasione della 44a Giornata Mondiale delle Comunicazioni Sociali, ho ritenuto interessante analizzare e condividere con voi alcune strategie di comunicazione che il Vaticano intende utilizzare per presidiare questi innovativi canali di comunicazione. Si tratta senz’altro di una svolta importante, in grado di darci una ulteriore conferma (se mai ce ne fosse ancora bisogno) dell’importante ruolo che i social media svolgono nella nostra società.
Nella presentazione che trovate embeddata avete la possibilità di approfondire questo argomento; in linea generale l’orientamento è quello di utilizzare i social media come dei ponti in grado di estendere il dialogo religioso negli spazi digitali, creando al contempo una maggiore integrazione con le attività svolte istituzionalmente dalle parrocchie sparse in tutto il mondo.
Il web 2.0 si configura dunque come uno strumento in grado di creare dei nuovi canali relazionali con un pubblico eterogeneo, composto non solo dai fedeli ma anche dalle persone di religioni diverse o comunque lontane dalla vita spirituale. Grazie a queste relazioni sarà possibile sviluppare un passaparola tu tematiche di interesse generale potenzialmente in grado di interessare tutti.
I canali utilizzati sono molteplici: Oltre ad incentivare l’uso di Facebook, ad esempio, il Vaticano ha un canale su YouTube e un profilo su Twitter.
Sarà interessante notare come si evolveranno queste strategie. Già oggi possiamo notare l’andamento online di alcune tematiche che interessano il Vaticano utilizzando gli strumenti di insight forniti da Google o i motori di ricerca in tempo reale sulle conversazioni, dei quali ho già parlato in qualche mio post precedente e che sono ben descritti nella mia seconda edizione di Social media e comunicazione di marketing, in libreria da pochi giorni.

  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
No Downloads

Views

Total Views
752
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0

Actions

Shares
Downloads
0
Comments
0
Likes
1

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. Chiesa 2.0
    Vaticano 2.0
    Come la Chiesa sta abbracciando i social media
  • 2. Ecco Il paradigma cristiano del web 2.0:
    “Quanto più le moderne tecnologie creeranno relazioni sempre più intense e il mondo digitale amplierà i propri confini, tanto più il sacerdote sarà chiamato a occuparsene pastoralmente”.
  • 3. L’indirizzo generale dato per
    fare comunicazione sul Web 2.0:
    La dimensione universale della Chiesa trova nelle autostrade che solcano il cyberspazio il loro strumento di diffusione più adatto
    Oggi è necessario comunicare anche nello spazio digitale i segni necessari a riconoscere l’amore di Cristo
    Il WEB può essere una casa di preghiera per tutti i popoli, come profetizzò Isaia
    Il web può fare spazio, come il “cortile dei Gentili” del tempio di Gerusalemme – anche a coloro per i quali Dio è ancora uno sconosciuto
  • 4. …e alcuni consigli utili:
    WWW = NNE (Navigare Necessita Est)
    Il Vaticano non deve commettere gli errori del passato, quando tendeva a censurare la nascita dei nuovi media.
    Il primo a usare internet fu Giovanni Paolo II nel 1998
    Occorre evangelizzare il web per rievangelizzare il territorio fisico
    L’evangelizzazione digitale necessita di un uso opportuno, consapevole e competente dei social media, che passa anche per la creazione delle “parrocchie digitali”.
    Ma serve l’integrazione con una strategia locale offline.
    L’improvvisazione, anche se stimolante, può essere dannosa
    La sfida oggi è quella di riuscire a instaurare un dialogo con chi, sul web, ha gli strumenti per criticare e rispondere alla pari
  • 5.
    • Creare punti di presidio online (parrocchie digitali)
    • 6. contattare online chi frequenta fisicamente le parrocchie per estendere online il dialogo
    Ecco i cinque punti per una
    Strategia di
    comunicazione 2.0
    Internet diventa così uno strumento di contatto e dialogo profondo
    • creare contenuti interessanti/spazi di dialogo e riflessione comune, su tematiche di interesse generale ma anche territoriale
    • 7. Utilizzare i social network e la Rete come strumenti per avvicinare la gente alla missione pastorale e ai sacramenti, convocando fisicamente le persone in Chiesa
    • 8. Sviluppare un passaparola che attraverso i social network può arrivare a coinvolgere anche i non credenti
    Non è una nuova evangelizzazione, ma una evangelizzazione innovativa
  • 9. Questa è comunicazione 2.0
  • 10. … e questa invece no.
  • 11. Bioetica: trend globale di interesse in calo in Italia
  • 12. Bioetica: trend globale di interesse in calo nelle in tutto il mondo
  • 13. Oggi è possibile disporre degli strumenti più avanzati che consentono di intercettare e valutare in tempo reale le conversazioni online sui temi della bioetica:
    • Su quali social media avvengono
    • 14. Quale tipo di sentiment esprimono
    • 15. Come varia il loro trend nel corso dei giorni o delle ore
    Evolution chart bioetica
    Distribuition chart bioethics
    Distribuition chart bioethics
    Distribuition chart bioetica