Aristotele
Aristotele: la vita
Aristotele nasce a Stagira nel 354 aC, era il figlio del medico del re
Aminta di Macedonia. Durante la...
Le opere
Tutte le opere di Aristotele si dividono in due
grandi gruppi:
Le ESSOTERICHE, le opere dialogate destinate al
gr...
Confronto tra Platone e Aristotele
Platone e Aristotele hanno diversi punti di accordo e
disaccordo. Le opere di Aristotel...
La Metafisica
L’uomo, a differenza degli altri esseri viventi, è in grado
di chiedersi il perché delle cose e secondo Aris...
Le definizioni della metafisica
Aristotele diede 4 definizioni alla metafisica:
- È un’eziologia, cioè la ricerca delle ca...
Perché è un’eziologia?
Secondo Aristotele esistono 4 cause divisibili in due
gruppi:
A- la causa materiale delle cose e la...
Perché è un’ontologia?
Una parola in base al suo significato può essere:
univoca, equivoca (tanti significati differenti) ...
La parola essere può avere 4 significati:
_ NECESSARIO, rappresenta i modi con cui pensiamo e da
cui sono costituite le co...
La sostanza è ciò che sussiste di per sé.
Sostanza sono forma e sinolo, sinolo è unione di
forma e materia.
Materia=potenz...
• L’esistenza di dio viene dimostrata tramite tempo e divenire, il
tempo è eterno e quindi ha una causa eterna, questa cau...
La logica aristotelica
L’essere come vero o falso riguarda il linguaggio, in particolare la parte
apofantica o assertoria ...
Il sillogismo è perfetto solo se il termine medio compare una volta
come soggetto e una come predicato.
I sillogismi imper...
Il sillogismo quindi è una deduzione che parte da
verità universali e arriva a verità particolari.
I sillogismi hanno dei ...
Per Aristotele pensiero e realtà sono la stessa
cosa perché tra le leggi della realtà e quelle
dell'essere c'è piena ident...
Categorie
Sono i generi supremi della metafisica e
per questo governano la realtà. Oltre a
ciò le categorie sono anche le ...
Definire
Per Aristotele il definire significa riportare un
soggetto ad alcune classi che lo spieghino,
bisogna riportarlo ...
Classificazione dei giudizi

Giudizi universali affermativi: Tutti gli
uomini sono bianchi

Giudizi universali negativi:...
La psicologia
Aristotele rileva come differenza fondamentale tra
esseri inanimati e esseri animati il fatto che gli
esseri...
Anima
Secondo Aristotele l'anima era divisa in 3 parti:

L'anima di carattere vegetativo che regola
nascita, crescita e r...
L'intelletto umano
Aristotele per spiegare come funziona l'intelletto si
rifà alla teoria di atto e potenza:
L'intelletto ...
L'etica
Dopo le scienze teoretiche per Aristotele c'erano
le scienze pratiche: la politica e l'etica. Aristotele
si chiede...
Virtù

Etiche: Proprie della nostra parte sensitiva (es.
coraggio) e sono quelle che indicano come
comportarsi nella vita...
Arte
La riflessione di Aristotele sull'arte è contenuta
nell'opera “LA POETICA” e dice che l'arte non è solo
un'imitazione...
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Aristotele

366

Published on

vita e pensiero del mito

Published in: Education
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
366
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
11
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Aristotele

  1. 1. Aristotele
  2. 2. Aristotele: la vita Aristotele nasce a Stagira nel 354 aC, era il figlio del medico del re Aminta di Macedonia. Durante la vita studia ad Atene e incontra Platone frequentando la sua accademia per 20 anni. Morto Platone, Aristotele viene chiamato in Macedonia per educare il figlio del re Filippo, che poi sarà Alessandro Magno. Aristotele in seguito, torna ad Atene dove prende in affitto alcuni edifici vicino al tempio di Apollo Licio da cui il nome della sua scuola: il Liceo. Aristotele era solito tenere lezioni passeggiando all’aria aperta, da lì venne dato il nome di peripato e ai suoi allievi di Peripatetici. Nel 323 aC scoppia ad Atene una rivolta antimacedone e Aristotele, in quanto maestro di Alessandro Magno, viene esiliato lasciando la guida del liceo al suo allievo Teofrasto. Muore nel 322 aC in Turchia.
  3. 3. Le opere Tutte le opere di Aristotele si dividono in due grandi gruppi: Le ESSOTERICHE, le opere dialogate destinate al grande pubblico e le ESOTERICHE, le opere che racchiudevano la base della sua attività didattica. Le prime sono andate perdute mentre le seconde sono state raggruppate da Andronico di Rodi. Aristotele ha scritto riguardo a filosofia, scienza, logica e filosofia morale.
  4. 4. Confronto tra Platone e Aristotele Platone e Aristotele hanno diversi punti di accordo e disaccordo. Le opere di Aristotele hanno un senso unitario, egli nega l’esistenza del mondo delle Idee e il principio dell’Uno-Bene. Secondo lui esiste una realtà sopra sensibile, ma non è quella descritta da Platone in quanto le idee non possono essere la causa dell’esistenza né della conoscenza del sensibile. Per Aristotele di fatti, la causa delle cose è nelle cose stesse: egli parlerà di forme immanenti delle cose. Negli scritti di Aristotele, a differenza di Platone, manca completamente la componente religiosa e infine, Aristotele compie discorsi settoriali.
  5. 5. La Metafisica L’uomo, a differenza degli altri esseri viventi, è in grado di chiedersi il perché delle cose e secondo Aristotele ricercare le cause è scienza. Esistono 3 tipi di scienza: - Le scienze POIETICHE, cioè le scienze che ricercano il sapere per il fare - Le scienze PRATICHE, che ricercano il bene della comunità e riguardano l’etica e la morale - Le scienze TEORETICHE, che ricercano il sapere fine a se stesso Per parlare di metafisica Aristotele parlava di filosofia prima per distinguerla dalla filosofia seconda, ovvero la
  6. 6. Le definizioni della metafisica Aristotele diede 4 definizioni alla metafisica: - È un’eziologia, cioè la ricerca delle cause ultime e dei principi primi della realtà - È un’ontologia, cioè la scienza dell’essere e dei suoi significati fondamentali - È un’usiologia, cioè la scienza della sostanza - È una teologia, cioè la scienza che studia l’esistenza di Dio.
  7. 7. Perché è un’eziologia? Secondo Aristotele esistono 4 cause divisibili in due gruppi: A- la causa materiale delle cose e la causa formale (ciò di cui sono fatte) B- la causa efficiente e la causa finale (da dove proviene e cosa diviene) Tutte le cause si chiamano cause prossime cioè vicine a noi
  8. 8. Perché è un’ontologia? Una parola in base al suo significato può essere: univoca, equivoca (tanti significati differenti) e polivoca (tanti significati con una parte comune) Per Aristotele l’essere ha 4 significati: - L’essere delle categorie - L’essere accidentale - L’essere come vero e come falso - L’essere come atto e come potenza
  9. 9. La parola essere può avere 4 significati: _ NECESSARIO, rappresenta i modi con cui pensiamo e da cui sono costituite le cose della realtà, contiene le categorie aristoteliche _ ATTO/POTENZA, il divenire è il passaggio dalla potenza all’atto. Esempio= seme di grano in atto e spiga in potenza. _ VERO/FALSO, riguarda il linguaggio. _ ACCIDENTALE, ciò a cui capita di essere ma che potrebbe anche non essere. 9+1 (Sostanza) Qualità Quantità Modo Relazione Dove Quando Agire Patire Avere Essere
  10. 10. La sostanza è ciò che sussiste di per sé. Sostanza sono forma e sinolo, sinolo è unione di forma e materia. Materia=potenza Forma=atto Materia è la potenzialità di ricevere qualunque forma. Atto è fine di qualsiasi ente esistente. Cos’è la sostanza? Ci sono 3 tipi di sostanza: -sensibili e corruttibili (tutto ciò che ci circonda) -sensibili e incorruttibili (cielo, pianeti e stelle fatti di etere. Tempo e spazio che sono eterni) -insensibili e incorruttibili (qualcosa di soprasensibile cioè Dio)
  11. 11. • L’esistenza di dio viene dimostrata tramite tempo e divenire, il tempo è eterno e quindi ha una causa eterna, questa causa è dio. • Nel mondo sensibile ci sono i passaggi da potenza a atto, ci deve essere qualcosa che causi questo movimento ma senza muoversi, questo qualcosa è dio. • Dio non deriva da nessuna potenza, è atto puro e primo motore immobile, tutto l’universo è attratto da dio, è causa finale, non ha bisogno di pensare ad altro ma solo a se stesso, è pensiero di pensiero. DIO Esistono quindi sostanze soprasensibili: -Dio -cielo delle stelle fisse -motori intelligenti
  12. 12. La logica aristotelica L’essere come vero o falso riguarda il linguaggio, in particolare la parte apofantica o assertoria formata da soggetto e predicato. La logica è lo studio del pensiero per come si manifesta nel linguaggio. La logica di Aristotele è chiamata analitica, cioè la dottrina del sillogismo, il ragionamento perfetto con cui vengono dati 3 giudizi, i primi 2 sono premesse (maggiore e minore), l’ultimo è la conclusione. Esempio= Premessa maggiore: tutti gli uomini sono mortali Premessa minore: Socrate è uomo Conclusione: Socrate è mortale Il sillogismo in forma negativa funziona solo se la premessa maggiore è negativa, se lo è quella minore non funziona. Esempio= Premessa maggiore: ogni uomo è mortale Premessa minore: nessun cavallo è uomo Conclusione: nessun cavallo è mortale
  13. 13. Il sillogismo è perfetto solo se il termine medio compare una volta come soggetto e una come predicato. I sillogismi imperfetti sono di due tipi: _ di 2° figura, il termine medio compare due volte come predicato _ di 3° figura, il termine medio compare due volte come soggetto Esistono sillogismi che sono veri relativamente al contenuto, partono da premesse vere e arrivano a vere conclusioni, sono le vere dimostrazioni scientifiche. Il termine che compare in tutte due le premesse è detto termine medio
  14. 14. Il sillogismo quindi è una deduzione che parte da verità universali e arriva a verità particolari. I sillogismi hanno dei principi che li rendono tali: 1- Principio di non contraddizione: esso dice che impossibile affermare e negare una cosa allo stesso tempo e sotto lo stesso aspetto (questo principio è indimostrabile e che chi ne vuole affermare l'invalidità lo sta usando perché afferma una negazione) 2- Al principio di non contraddizione è legato il principio del 3 escluso che dice che tra 2 termini contrari non ce ne può essere uno in mezzo (che fa da mediatore)
  15. 15. Per Aristotele pensiero e realtà sono la stessa cosa perché tra le leggi della realtà e quelle dell'essere c'è piena identità: se spezzettiamo una frase nei suoi singoli ogni elemento della frase è riconducibile a una delle categorie della metafisica es. Marco corre ora nel cortile -”Marco” è la sostanza -”corre” è l'agire -”nel cortile” è il dove -”ora” è il quando
  16. 16. Categorie Sono i generi supremi della metafisica e per questo governano la realtà. Oltre a ciò le categorie sono anche le leggi supreme della logica e quindi controllano anche il nostro pensiero. Verità La verità è la perfetta corrispondenza tra linguaggio e realtà delle cose
  17. 17. Definire Per Aristotele il definire significa riportare un soggetto ad alcune classi che lo spieghino, bisogna riportarlo al suo genere più prossimo e poi trovare la sua differenza specifica. Es. L'uomo è un animale razionale Verità e falsità Per Aristotele un giudizio può essere vero solo se in esso unisco 2 termini che nella realtà sono uniti o divido 2 termini che nella realtà sono divisi perché definizioni e singoli termini di per se non possono essere ne veri ne falsi
  18. 18. Classificazione dei giudizi  Giudizi universali affermativi: Tutti gli uomini sono bianchi  Giudizi universali negativi: Nessun uomo è bianco  Giudizio particolare negativo: Qualche uomo non è bianco  Giudizio particolare affermativo: Qualche uomo è bianco
  19. 19. La psicologia Aristotele rileva come differenza fondamentale tra esseri inanimati e esseri animati il fatto che gli esseri animati sono caratterizzati dalla psiche e quindi dall'anima. L'anima è la forma o l'atto del corpo perché è ciò che fa essere il corpo ciò che deve essere.
  20. 20. Anima Secondo Aristotele l'anima era divisa in 3 parti:  L'anima di carattere vegetativo che regola nascita, crescita e riproduzione che è l'anima delle piante  L'anima di carattere sensitivo (motorio) cioè l'anima per le sensazioni e i movimenti. Gli animali hanno tutti e 2 questi tipi di anime (sensitivo e vegetativo)  L'anima di carattere razionale cioè il pensiero. Gli uomini sono gli unici ad avere tutti e 3 i tipi di anime
  21. 21. L'intelletto umano Aristotele per spiegare come funziona l'intelletto si rifà alla teoria di atto e potenza: L'intelletto è in potenza capace di conoscere tutto (soprattutto la forma delle cose) cioè è intelletto possibile e per acquisire i concetti l'intelletto usa l'intelletto agente. L'intelletto agente è una sorta di luce interna nella mente umana che non si può far coincidere con il nostro corpo e permette al nostro intelletto di passare dalla potenzialità di sapere tutto al sapere davvero tutto
  22. 22. L'etica Dopo le scienze teoretiche per Aristotele c'erano le scienze pratiche: la politica e l'etica. Aristotele si chiede perché ci comportiamo in un certo modo e secondo lui la risposta e che l'uomo agisce sempre per il desiderio di essere felice. La felicità Secondo lui la felicità non è nè l'amore nè il piacere, si discosta pure dal concetto di bene platonico perché troppo astratto. Per lui la felicità è la razionalità infatti anche ricchezza e piacere potevano essere buoni se guidati dalla ragione
  23. 23. Virtù  Etiche: Proprie della nostra parte sensitiva (es. coraggio) e sono quelle che indicano come comportarsi nella vita. La virtù etica per eccellenza è la giustizia cioè saper scegliere come comportarsi tra 2 comportamenti eccessivi  Dianoetiche: Proprie della nostra ragione e Aristotele le chiama saggezza e sapienza (attività riflessive) L'etica di Aristotele è contenuta in un opera chiamata ETICA DI NICOMACO composta da 10 libri
  24. 24. Arte La riflessione di Aristotele sull'arte è contenuta nell'opera “LA POETICA” e dice che l'arte non è solo un'imitazione della realtà ma la rappresenta in una nuova dimensione portando alla riflessione e alla critica. In particolare per lui l'arte ha un carattere catartico cioè di purificazione. Commedia e tragedia per Aristotele sono catartiche perché gli spettatori si immedesimano nei personaggi e così facendo si liberano di tutto le loro passioni più forti e si sfogano
  1. A particular slide catching your eye?

    Clipping is a handy way to collect important slides you want to go back to later.

×