• Share
  • Email
  • Embed
  • Like
  • Save
  • Private Content
Appunti di Diritto commerciale: il Fallimento
 

Appunti di Diritto commerciale: il Fallimento

on

  • 5,876 views

appunti universitari per l'esame di diritto commerciale: il fallimento

appunti universitari per l'esame di diritto commerciale: il fallimento

Statistics

Views

Total Views
5,876
Views on SlideShare
5,771
Embed Views
105

Actions

Likes
0
Downloads
19
Comments
1

4 Embeds 105

http://profland.altervista.org 101
http://www.profland.altervista.org 2
http://www.slideshare.net 1
file:// 1

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

CC Attribution-NonCommercial-ShareAlike LicenseCC Attribution-NonCommercial-ShareAlike LicenseCC Attribution-NonCommercial-ShareAlike License

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel

11 of 1 previous next

  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
  • avviso ai naviganti
    per scaricare i file degli appunti universitari:
    1. cercare profstudio su un motore di ricerca
    2. oppure, andare su http://profland.altervista.org e cliccare sulla sezione ’appunti universitari’
    3. se volete comunicare con me conviene andare su: http://profland.altervista.org/mail.htm

    :)
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

    Appunti di Diritto commerciale: il Fallimento Appunti di Diritto commerciale: il Fallimento Document Transcript

    • Riassunti diDiritto Commerciale: ilFallimentoSi ricorda che:• luso degli appunti qui presenti è consentito per solo uso personale e di studio;• la consultazione è gratuita ed ogni forma atta a ricavarne lucro è vietata!• gli appunti sono fatti da studenti che non possono assumersi nessuna responsabilità in merito;• il materiale qui presente non è sostitutivo ma complementare ai libri di testo: - devi (e ti consiglio) di consultare e comprare i libri di testo;• il materiale qui presente è distribuito con licenza Creative CommonsTi ricordo che se vuoi contribuire mandando degli appunti o quantaltro possa essere utile ad altripuoi farlo inviando il materiale tramite il modulo presente su http://profland.altervista.org/mail.htmSpero che ciò che hai scaricato ti possa essere utile.ProfmanIl file è stato scaricato/visualizzato in forma gratuita da Profland: http://profland.altervista.org 1/8
    • sezione Profstudio http://profland.altervista.org/profstudio/profstudio.htmoppure da qualche mirror, come: www.profland.cjb.net www.profland.135.it o dalla pagina dedicata su slideshare.net: www.slideshare.net/profman 2/8
    • RELAZIONE SULLE PROCEDURE FALLIMENTARI PROPRIE DEL CURATOREFALLIMENTAREIl tema che andrò a trattare riguarda i compiti specifici del curatore nelle procedure fallimentari;innanzitutto, vorrei dire che l’argomento è vasto e complesso, cosicché cercherò di sintetizzare almassimo focalizzando i punti salienti.Bisogna partire da un punto fermo, è cioè che il legislatore ha voluto eliminare dal mercato, leimprese in situazione patologica di insolvenza, attraverso la legge fallimentare ( decreto regio del 6marzo 1942 n° 267).Assodato che esistono quattro diversi organi, preposti al fallimento, e sono il Tribunalefallimentare, organo super partes, il G. D. che è l’organo legiferante e che dirige tutte le operazionied autorizza ad agire il curatore che a sua volta è da un lato organo ausiliario di giustizia, dall’altroè organo esecutore e propulsore della procedura, io lo definirei come il motore del fallimento, e perultimo vi è il comitato dei creditori che ha funzioni meramente consultive.In pratica, nella prassi, tutta la procedura ricade, nel bene e nel male sul curatore, il qualeinnanzitutto deve svolgere senza alcun indugio tutte le operazioni di ordinaria amministrazione edanche quelle di straordinaria amministrazione, in questo caso, previa autorizzazione del g.d.competente.Egli nelle sue funzioni è un pubblico ufficiale ex art. 30 l.f., ed in quanto tale è tenuto a riferire alP.M. con relazione degli eventuali reati dei quali venga a conoscenza nell’esercizio del suo ufficio;deve ricercare eventuali elementi di responsabilità del fallito, ai fini della giustizia penale, non puòdelegare ad altri le sue funzioni tranne per singole operazioni sempre previa autorizzazione del g.d.;i reati del curatore hanno natura di reati propri con tutte le conseguenze penali che hanno comesoggetto un pubblico ufficiale, quindi non deve omettere di adempiere ad i suoi compiti;( successivamente ritorneremo suli reati penali del curatore).In ogni caso egli deve adempiere ai propri compiti con la diligenza del buon padre di famiglia.Le prime operazioni da fare:1) nominato dal Tribunale competente deve, entro 2 giorni accettare l’incarico, se non sussistono motivi ostativi, quali ad esempio la conoscenza personale del fallito, pena la sostituzione con altro curatore ex art. 29 l.f.2) Deve acquisire tutti i documenti della procedura, sia se si tratta di persone giuridiche che di persone fisiche; poi tutte le informazioni sul fallito, la sede della società, i motivi e le cause del fallimento, e per avere maggiori notizie deve convocare il fallito per un vero e proprio interrogatorio formale nel quale chiederà le cause del dissesto, le dimensioni dell’azienda, le operazioni compiute, eventuali beni mobili ed immobili esistenti, i rapporti con altri soggetti; al 3/8
    • termine dell’interrogatorio il curatore redigerà un verbale sottoscritto dal fallito, in cui lo ammonirà della propria veste di pubblico ufficiale da cui derivano gravi responsabilità in caso di dichiarazioni false o reticenti. Nel caso in cui il fallito si rifiutasse di sottoporsi all’interrogazione il curatore dovrà chiedere al g.d. di disporre l’accompagnamento coatto a mezzo forza pubblica ex art. 49 l.f.( il curatore a mio avviso dovrebbe sempre addivenire ad una soluzione accondiscendente, e deve tener presente della condizione psicologica del fallito, in virtù del principio del buon padre di famiglia).3) Deve entro 30 gg. recarsi presso l’ex ufficio IVA, oggi agenzia delle entrate, e compilare un modello di variazione dati, con cui comunicherà al fisco (che aimè è il principale nostro nemico) che il soggetto è fallito, e da ora in poi tutte le comunicazioni fiscali e le dichiarazioni le farà il curatore (come ben illistraton dal collega); ( Premesso che la dichiarzione di fallimento è pubblica poiché è pubblicata sulla Gazzetta ufficiale);4) La l.f.ex artt. 87-88 parla di operazioni di invetariazione, ma nella pratica corrente il curatore contatta il cancelliere designato dal tribunale competente per recarsi presso la sede della società, previa convocazione e presenza non necessaria del fallito. Verranno così elencati ed inventariati tutti i beni, se possibile anche valutati in maniera corretta dal curatore ( nell’impossibilità ci si riserverà di valutarli), nelle more il cancelliere redigerà un verbale, che verrà sottoscritto dal cancelliere stesso e dal fallito, al termine dell’inventario deve essere sentito il fallito, ex art. 87 l.f., sull’eventuale esistenza di altri beni da apprendere, ammonendolo sulla responsabilità in cui incorre nel caso di false dichiarazioni ex art. 220 l.f. (reclusine da 6 a 18 mesi); al termine il curatore se vi sono beni nominerà un custode responsabile di detti beni, è prassi nominare i parenti più stretti del fallito, in mancanza lo stesso. È opportuno redigere al più presto l’inventario dei beni, onde evitare che il fallito distragga alcuni beni dalla massa dei creditori. A questo proposito vorrei dare alcuni consigli pragmatici, infatti in molte situazioni il legislatore ha lasciato ampia libertà di azione al curatore, anche se è intervenuta la giurisprudenza in alcuni casi: es. se ci si reca nella sede del fallito è qui non esiste più la sua attività, che è stata rilevata o sostituita da altra attività, come ci si deve comportare? Razionalmente, non esistendo più l’attività del fallito il curatore all’atto dell’inventario potrebbe decidere di non agire, ma a mio avviso, proprio in qualità di pubblico ufficiale, egli agirà, potrà recarsi con il cancelliere nella sede, facendo mettere a verbale la deposizione del nuovo titolare che nulla a che fare con il fallito, e gli farà dichiarare che tutti i beni presenti sono suoi. Poi, successivamente, se del caso, potrà esperite azione revocatoria; ( in alcuni casi si è omessa tale procedura ed il curatore è stato assoggettato ad azione di responsabilità civile da parte dei creditori; mutatis mutandis egli potrebbe anche in virtù dei suoi poteri sigillare tutti i beni, e bloccare l’attività del nuovo titolare 4/8
    • arrecandogli gravi danni economici).5) Il curatore, avento avuta notizia certa ( es. dalle scritture contabili) dell’esistenza di creditori, dovra comunicare loro l’avvenuto fallimento e la data di fissazione dell’udienza di verifica dei crediti e tutte le necessarie informazioni per poter presentare la domanda di ammissione al passivo. Se il curatore omette ciò il creditore o i creditori potrebbero rivalersi nei suoi confronti. È opportuno comunicare l’avvenuto fallimento all’ufficio postale, infatti il curatore riceverà la posta del fallito, variazione alla cam.del comm., è prassi che tali operazioni vengano poste in essere dalla cancelleria fallimentare.6) Il curatore deve istutuire il giornale del fallimento con tutte le entrate e le uscite, in ordine cronologico; va detto che il curatore in caso di mancanza di fondi, e tenuto ad anticipare le spese. L’art. 91 l.f. consente la prenotazione a debito delle spese di bollo altrimenti dovute su ogni istanza presentata in cancelleria per il g.d. competente, in ogni caso in calce ad ogni istanza(sempre di fallimenti senza fondi) è dovuta la dizione “con prenotazione a debito per mancanza di fondi”.7) dovrà fare delle visure alla conservatoria dei registri immobiliari per riscontrare eventuali vendite di immobili in prossimità del fallimento, così da adire azione di revocatoria fallimentare. Se vengono rinvenuti beni mobili od immobili, bisogna trascrivere la sentenza di fallimento alla conservatoria dei registri imm. per i beni imm. ed al p.r.a. per taluni beni mobili quali ad esempio le auovetture.8) Fatte queste prime operazioni, il curatore dovrà studiare tutta la procedura, poiché entro un mese, ma nella prassi i mesi sono 3, dovrò relazionare ex art. 33 l.f. al G D e metterlo a conoscenza sulla situazione della procedura; è prassi consolidata che tale relazione venga inviata anche in procura. La relazione del curatore non può essere consultata da nessuno fuorchè dal g.d. e dal P.M., unica deroga è ammessa su specifica autorizzazione del g.d. In ogni caso nella stessa vanno indicate le cause del fallimento, la responsabilità del fallito, se si tratta di società va vanno raccolte informazioni in ordine alla “mala gestio” degli amministratori; la relazione deve riferire sulle responsabilità penali del fallito, il curatore dovrà verificare operazioni imprudenti negligenti o depauperamento del patrimonio con eccessivo abuso di credito. Vanno valutati eventuali reati di bancarotta, importante evidenziare che se sussistono cause di bancarotta o semplice o preferenziale e se il curatore omette di comunicare eventuali anomalie al g.d. competente od alla procura, ne risponde penalmente. Infatti se sono state depositate le scritture contabili è indispensabile un loro esame attento al fine di verificare la sussistenza di eventuali reati di cui renderne edotta la procura. È bene ricordare che il fallito entro 24 ore dalla dichiarazione di fallimento è obbligato a depositare le scritture contabili in 5/8
    • cancelleria, non bisogna incorrere nell’errore di invitare il fallito a consegnare le scritture contabili direttamente al curatore.9) Teniamo ben presente che dopo la dichiarazione di fallimento nel caso di società, riscontrata l’esistenza di soci illimitatamente responsabili il tribunale o d’ufficio o su domanda del curatore dovrà estendere il fallimento ai medesimi soci, dopo averli smentiti in camera di consiglio. Il fallimento sociale determina automaticamente il fallimento dei soci illititatamente responsabili, sarà irrilevante la posizione economica personale del socio che viene in ogni caso attratto nel fallimento.(es. s.n.c., nel caso di s.a.s. può essere dichiarato fallito oltre il socio accomandatario, anche il socio accomandante in violazione del divieto di immistione ex art. 2320 c.c. cioè ha posto in essere atti propri dell’amministratore).Come ha ben illustarto il collega, il curatore è tenuti a presentare le dichiarazioni dei redditi ed Iva,infatti se egli omette ciò è sanzionato dal fisco in prima persona; nella pratica in caso di dichiarazioex art. 74 bis se il curatore non è in possesso dei libri contabili, quindi è impossibilitato, egli devetempestivamente comunicare alle autorità competenti l’impossibilità di agire, onde evitare lesanzioni per omessa dichiarazione.Responsabilità penali del curatoreLe mansioni del curatore come abbiamo visto sono vaste ed articolate, inevitabilmente comportanomolteplici ipotesi di responsabilità in virtù della violazione del dovere di diligenza e cautelaprofessionale accentuati dal ruolo di pub. Uffi. Ex art. 228-229-230 l.f.Nell’art. 228- si parla di interesse privato del curatore negli atti del fallimento, tutto ciò per evitareche il curatore si serva dell’ufficio stesso per conseguire un fine privato, quando egli esplichiun’attività volta a realizzare un interesse non ricollegabile alla finalità esclusiva del fallimento;nell’art. 229- si parla di responsabilità penali per accettazione di retribuzione non dovutanell’art. 230- si parla di omessa consegna o deposito di cose del fallito: come l’appropriazione odistrazione di denaro, infatti va ricordato che tutto il denaro del fallimento derivante ad esempio daattività di cassa, deve essere depositato, immediatamente dal curatore entro 5 gg. su di un libretto alrisparmio, previa autorizzaizone del g.d.LE NOVITA’ NELLA DISCIPLINA DEI FALLIMENTICome ben saprete, dal prossimo anno solare, vi saranno novità rilevanti in materia di dirittosocietario, che a mio avviso porteranno l’aumento degli estimatori della s.r.l. e la riduzione delgradimento di quelli per la s.p.a., infatti ad esempio si procederà all’emissione di obbligazioni per le 6/8
    • srl, fatto innovativo, derivante dal legislatore tedesco.Tali novità andranno ad intaccare anche la sfera fallimentare, infatti è bene ricordare l’art. 2501 delcod. civ. comma II che così recitava: la partecipazione alla fusione non è consentita alle societàsottoposte a procedure concorsuali né a quelle in liquidazione che abbiano iniziato la distribuzionedell’attivo; la rivisitazione dell’art. 2501 recita così: la partecipazione alla fusione non è consentitaalle società in liquidazione che abbiano iniziato la distribuzione dell’attivo; da ciò si evince che illegislatore ha lasciata aperta la porta alla possibilità da parte di talune società di acquisire le societàfallite, fatto che ravvisa una innovazione della procedura fallimentare.azioni revocatoriecome ho già detto ora andrò ad esporre l’interessante concetto di azione revocatoria, che è di duetipi ordinaria ex art. 66 l.f. e fallimentare ex art.67 l.f.; tale strumento è una delle principali armi adisposizione del curatore per riuscire ad eliminare tutte le operazioni fittizie o meno poste in essereante fallimento.Spesso e volentieri, l’imprenditore che si trova in cattive acque decide di vendere realmente ofittiziamente i suoi beni sia mobili che immobili a terzi, anche a prezzi che sono di gran lungainferiori al valore di mercato, ed allora qui deve agire il curatore per evitare il depauperamento dellamassa creditoria, revocando gli atti e apprendendo nella procedura fallimentare i beni; 2 sono lepossibili strade la rev. ordinaria in cui può essere revocato ogni atto idoneo ad inciderenegativamente sul patromonio dell’obbligato (fallito), qui sarà l’avvocato nominato dal g.d. surichiesta del curatore a dover provare l’eventus damni, il consilium fraudis e la partecipatio fraudis,ciè la consapevolezza del terzo contraente di agire arrecando un danno ad altri creditori.Nella rev,.fallimentare tali condizioni sono declassate, cioè si considerano in re ipsa, sarà lacontroparte a dover provare il contrario. 7/8
    • Il file è stato scaricato/visualizzato in forma gratuita da: http://profland.altervista.org sezione Profstudiohttp://profland.altervista.org/profstudio/profstudio.htm oppure da qualche mirror, come: www.profland.cjb.net www.profland.135.it o dalla pagina dedicata su slideshare.net: www.slideshare.net/profman 8/8