Tempo dello Spirito
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Tempo dello Spirito

on

  • 649 views

4^ settimana

4^ settimana

Statistics

Views

Total Views
649
Views on SlideShare
299
Embed Views
350

Actions

Likes
0
Downloads
0
Comments
0

4 Embeds 350

http://benessereascuola.wordpress.com 346
http://www.slideshare.net 2
http://translate.googleusercontent.com 1
http://translate.googleusercontent.com 1

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Tempo dello Spirito Tempo dello Spirito Document Transcript

  • Quaresima 2011Tempo dello spirito 4° Settimana 3 - 9 aprile
  • Dal Vangelo secondo Luca ( 16, 19—31 )“ C’era un uomo molto ricco. Portava sempre vestiti di lusso e costosi e faceva festa ognigiorno con grandi banchetti. C’era anche un povero, un certo Lazzaro, che si metteva vici-no alla porta del suo palazzo. Era tutto coperto di piaghe e chiedeva l’elemosina. Avevauna gran voglia di sfamarsi con gli avanzi dei pasti di quel ricco. Perfino i cani venivano aleccargli le piaghe. Un giorno il povero Lazzaro morì, e gli angeli di Dio lo portarono ac-canto ad Abramo nella pace. Poi morì anche l’uomo ricco e fu sepolto. Andò a finireall’inferno e soffriva terribilmente. Alzando lo sguardo verso l’alto, da lontano verso Abra-mo e Lazzaro che era con lui. Allora gridò: “ Padre Abramo, abbi pietà di me ! Di’ a Laz-zaro che vada a mettere la punta di un dito nell’acqua e poi mandalo a rinfrescarmi la lin-gua. Io soffro terribilmente in queste fiamme ! “. Ma Abramo gli rispose : “ Figlio mio,ricordati che durante la tua vita hai già ricevuto molti beni, e Lazzaro ha avuto soltantosofferenze. Ora invece lui si trova nella gioia e tu soffri terribilmente. Per di più, tra noi evoi c’è un grande abisso: se qualcuno di noi vuole venire da voi non può farlo; così pure,nessuno di voi può venire da noi “. Ma il ricco disse ancora: “ Ti supplico, padre Abramo,almeno manda Lazzaro nella casa di mio padre. Ho cinque fratelli e vorrei che Lazzaro liconvincesse a non venire anche loro in questo luogo di tormenti “.Abramo rispose : “ I tuoi fratelli hanno la legge di Mosé e gli scritti dei profeti. Li ascolti-no ! “Ma il ricco replicò : “ No, ti supplico, padre Abramo ! Se qualcuno dei morti andrà da lorocambieranno modo di vivere “. Alla fine Abramo gli disse: “ Se non ascoltano le parole diMosé e dei profeti non si lasceranno convincere neppure se uno risorge dai morti “. Salmo 111Beato l’uomo che teme il Signore e trova grande gioia nei suoi comandamenti.Potente sulla terra sarà la sua stirpe, la discendenza dei giusti sarà benedetta.Onore e ricchezza nella sua casa, la sua giustizia rimane per sempre.Spunta nelle tenebre come luce per i giusti, buono, misericordioso e giusto.Felice l’uomo pietoso che dà in prestito, amministra i suoi beni con giustizia.Egli non vacillerà in eterno: il giusto sarà sempre ricordato.Non temerà annunzio di sventura, saldo è il suo cuore, confida nel Signore.Sicuro è il suo cuore, non teme, finché trionferà dei suoi nemici.L’empio vede e si adira, digrigna i denti e si consuma.Ma il desiderio degli empi fallisce.