Organizzazione del lavoro in sanita' per medici

  • 596 views
Uploaded on

trovato in rene ANAAO come organizzarte il lavoro per i sanitari in ospedale e attvita' libero professionale

trovato in rene ANAAO come organizzarte il lavoro per i sanitari in ospedale e attvita' libero professionale

  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
596
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0

Actions

Shares
Downloads
9
Comments
0
Likes
0

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. Organizzazione del lavoroOrario di lavoro – Guardie - Pronta disponibilità Riposi Scuola Quadri Anaao Assomed Seminario Anaao Giovani Roma 3 Marzo 2011 Relazione di Carlo Palermo
  • 2. Indice della relazione1. Definizione orario di lavoro e normativa contrattuale.2. Rapporti tra orario di lavoro, straordinario, risultato e produttività aggiuntiva.3. Guardie e Pronta disponibilità.4. Tutela dell’integrità psico-fisica del dirigente medico:riposo giornaliero, riposo settimanale, ferie.5. Orario di lavoro, piani di lavoro e budget.
  • 3. Evoluzione legislativa e contrattuale nella disciplina della dirigenza medica e dell’organizzazione del lavoro Legge 132/1968; D.Lgs DPR 128 e 129/1969 29/1993D Privatizzazione del rapporto di D.Lgs 502/92 lavoro D.Lgs 150/2009 D.Lgs229/99 Organizzazione Disciplina degli uffici Legge 165 speciale riserva di legge CCNL Orario settimanale Code Lavoro notturno Direttive europeeContrattuali Riposi/Ferie D.Lgs sul Posizione/Risultato 66/2003 Working Valutazione Time
  • 4. Orario di lavoro Ferie e Straordinario riposi Budget Orario di Lavoro lavoro festivo Pronta Lavoro Disponibilità notturno Guardie
  • 5. Orario di lavoro D.lgs 66/2003 art. 1, co.2, lett. a“Qualsiasi periodo in cui il lavoratore sia al lavoro, a disposizione del datore di lavoro e nell’esercizio della sua attività o delle sue funzioni”Il D.lgs 66/2003 recepisce le direttive europee 93/104/CC e 2000/34/CE sull’orario di lavoro
  • 6. Periodo di riposo D.lgs 66/2003 art. 1, co.2, lett. b “Qualsiasi periodo che non rientra nell’orario di lavoro”
  • 7. Tempo di lavoro nelle direttive europee Visione binaria Orario di Periodo di lavoro riposo I Giudici comunitari hanno confermato questa visione ed in una serie di sentenze (Simap; Jaeger) hanno chiarito che il servizio di guardia medica va sempre considerato integralmente come orario di lavoro in quanto gli obblighi in capo ai medici di essere fisicamente presenti sul luogo indicato dal datore di lavoro e di tenersi a disposizione per fornire immediatamente la loro opera rientrano nell’esercizio delle loro funzioni
  • 8. Lavoro/Pronta disponibilità/Riposo Riposo inteso come Non lavoro effettivo ma piena libertà di Orario di lavoro obbligazione vs il datore di espressione delle Ex D.Lgs 66/2003 lavoro e limitazione della proprie aspirazioni vita privata oltre che completo recupero psico fisico Luogo scelto dal lavoratore con LUOGO DI LAVORO libertà condizionata dal fatto di Luogo scelto in piena dover raggiungere il luogo libertà dal lavoratore di lavoro in caso di necessità A disposizione LAVORO del datore di A disposizione del RIPOSOEFFETTIVO lavoro datore di lavoro EFFETTIVO GUARDIA ATTIVA PRONTA DISPONIBILITA’Art. 3 RDL C.G.E. TAR PUGLIA CORTE COSTITUZIONALE CORTE DI CASSAZIONE692/1923 caso Jaeger C.G.E. caso SIMAP
  • 9. Gli obiettivi che si sono posti le Regioni nelle ultime tornate contrattuali 1) Trovare una soluzione a basso costo all’insufficiente rete dell’offerta di prestazioni diagnostiche rispetto alla domanda crescente e all’allungamento delle liste d’attesa (CCNL 2002/2005) 2) Abrogare il limite massimo di lavoro settimanale e giornaliero (Legge 133/2008) anche al fine di evitare le sanzioni degli Ispettorati del Lavoro Maggiore utilizzazione della forza lavoro professionale a parità di costi: aumento dell’orario di lavoro = aumento del numero di prestazioni
  • 10. La proposta del Comitato di Settore al tavolo contrattuale-CCNL 2008/2009 “La complessiva prestazione del dirigente deve essere svolta al fine di conseguire gli obiettivi correlati all’incarico. In particolare si ribadisce che l’impegno di servizio eccedente l’orario di lavoro dovuto di 38 ore settimanali per il raggiungimento degli obiettivi assegnati con le procedure dell’art 65 comma 6 del CCNL 5.12.1996, viene compensata nell’ambito della retribuzione di risultato, ai sensi di quanto previsto dal comma 3 del medesimo art 65 , nonché dall’art 15 comma 3 del d.lgs 502/92.”21° CONGRESSO NAZIONALE
  • 11. ORARIO DI LAVORO CCNL 2008/2009 – Code contrattualiProposta ARAN  Introdurre l’orario minimo abrogando, di fatto, le attuali 38 ore lavorative settimanali;  Introdurre il principio per cui l’orario aggiuntivo necessario al raggiungimento degli obiettivi costituisce un obbligo e la sua remunerazione avviene attraverso la retribuzione di risultatoTesto definitivo  Nulla di tutto ciò ha trovato attuazione21° CONGRESSO NAZIONALE
  • 12. Orario di lavoro dei Dirigenti CCNL CCNL CCNL 8/6/2000 5/11/2005 17/11/2008Dirigenti medici Art. 16 Art. 14 Art. 7 (Riposi)Direttori di SC Art. 17 Art. 15
  • 13. Orario di lavoro CCNL 2002/2005: art. 14, co.1 L’orario è articolato e flessibile Esigenze della struttura Obiettivi e programmi aziendali da realizzare Espletamento dell’incarico affidato Procedure individuate dall’art. 6, c.1, lettera B : concertazione su articolazione dell’orario e dei piani per assicurare le emergenze
  • 14. Orario di lavoro CCNL 2002/2005:art. 14, co.1Volumi prestazionali Tempi di attesa massimi dell’équipe Incentivazione Retribuzione per risultato Vengono definiti ex art. 65 Norma di prima applicazione CCNL 5/12/96 •Garantire i livelli  proposte Dirigenti UOC assistenziali e di produttività raggiunti Obiettivi DG •Il risultato compensa anche l’eventuale superamento dell’orario di lavoro (art. 65,c.3 CCNL 1996)Tra gli obiettivi annuali Stabilendo la previsionedell’équipe oraria per la loro realizzazione
  • 15. Orario di lavoro CCNL 2002/2005: art. 14, co.2 Confermate le 38 ore settimanali Mantenimento Attività gestionali Attività professionaliefficienza dei servizi sanitari Didattica Correlate Ricerca 1. all’incarico affidato Aggiornamento 2. al budget negoziato
  • 16. Orario di lavoro CCNL 2002/2005: art. 14, co.3  Il conseguimento degli obiettivi correlati all’impegno di servizio di cui ai commi 1 e 2 è verificato trimestralmente con le procedure ed ai fini di cui al comma 7 dell’art. 65 del CCNL 5 dicembre 1996 CCNL 5 dicembre 1996, art. 657. Lerogazione dellincentivo di cui al comma 6 è strettamente connessa ai risultati conseguiti in relazione alla realizzazione degli obiettivi assegnati.Detti risultati sono oggetto di valutazione da parte del competente servizio per il controllo interno o del nucleo di valutazione di cui allart. 59, che ne definisce parametri e standard di riferimento.
  • 17. Orario di lavoro CCNL 2002/2005:art. 14, co.2-5 38 ore 34 3,30’ 30’Attività assistenziali L’Asl può chiedere ECM e gestionali con le procedure di budget (quindi accordo Formazione Riduzione liste d’attesa preventivo) Didattica Assistenza/prevenzione Ricerca
  • 18. Orario non assistenziale Questa riserva di ore (4 ore o 3,30’): Non rientra nella normale attività assistenziale Non può essere oggetto di separata e aggiuntiva retribuzione È utilizzata di norma con cadenza settimanale, ma può anche essere cumulata in ragione d’anno Può essere utilizzata per l’aggiornamento facoltativo e si aggiunge agli 8 giorni previsti nell’art. 23 del CCNL 1996 (congedo straordinario) Non può comportare una mera riduzione dell’orario di lavoro Compatibilità con le esigenze funzionali della struttura di appartenenza
  • 19. Nei fatti i 30 minuti per settimana servono a “pagare” la quota di 1254,24 €/annopassata dal risultato al tabellare con conseguente riduzione del fondo ex art. 56 CCNL 2002 - 2005
  • 20. Orario di lavoro dei Direttori di S.C. CCNL 2002/2005, art. 15 , co. 1 e 2 Assicurano la presenza in servizio per garantire il funzionamento della struttura Organizzano il proprio tempo di lavoro articolandolo in modo flessibile per correlarlo a quello degli altri dirigenti e per l’espletamento dell’incarico affidato (obiettivi, programmi, didattica, ricerca….)Sono tenuti a comunicare preventivamente e a documentare con modalitàcondivise dall’azienda la pianificazione delle proprie attività istituzionali Comunicano e documentano le assenze (ferie, malattie, attività di aggiornamento ecc) ed i giorni dedicati alla LPI
  • 21. La “deregulation” nell’organizzazione del lavoro : tra sfruttamento del lavoro medico e rischi organizzativi Uso “allargato” della Pronta Disponibilità Sottofinanziamento del SSN Guardie per aree funzionali o dipartimentali Deriva “economicistica” delle Aziende Sanitarie Straordinari non pagati Impoverimento delle dotazioni organiche Aumento dei carichi di lavoro Peggioramento delle condizioni di lavoro Incremento del disagio umano e professionale
  • 22. Le condizioni di lavoro nelle corsie
  • 23. La Vertenza Toscana
  • 24. Orario di lavoro, straordinario,risultato e produttività aggiuntivaPer una corretta interpretazione della normativa vigente
  • 25. D.Lgs. 66/2003: Lavoro straordinario (art. 5) “Il ricorso al lavoro straordinario deve essere contenuto” (comma 1); “In difetto di disciplina collettiva applicabile, il ricorso al lavoro straordinario è ammesso solo previo accordo tra il datore di lavoro ed il lavoratore per un periodo che non superi le 250 ore annuali” (comma 3) salvo casi di forza maggiore per la presenza di un pericolo grave ed immediato e per la difesa di interessi superiori (comma 4); “Il lavoro straordinario deve essere computato a parte e compensato con le maggiorazioni retributive previste dai CCNL (art. 28 del CCNL integrativo del 10/2/2004) in alternativa od in aggiunta i lavoratori possono usufruire di riposi compensativi” (comma 5). In sostanza lo straordinario è previsto solo: con il consenso del lavoratore (palese e formale, nullo quello ottenuto in particolari situazioni di “debolezza” del lavoratore /ad esempio in prossimità di un rinnovo del contratto individuale etc.) dopo accordo individuale (e non per accordo sindacale in delega perché non è prevista la delega) deve essere retribuito con le maggiorazioni previste dal CCNL non può superare di regola le 250 ore annue (anche se c’è il consenso) in alternativa si deve recuperare nel corso dei mesi (4 ) di riferimento (Si ufficializza in questo modo l’istituto adottato dalla quasi totalità dei contratti collettivi, sia pure con modalità diverse, della “ Banca Ore”)
  • 26. CCNL integrativo 10/02/2004 Art. 28: Lavoro straordinario 1. Il lavoro straordinario non può essere utilizzato come fattore ordinario di programmazione del lavoro. Le relative prestazioni hanno carattere eccezionale e devono rispondere ad effettive esigenze di servizio. 2. Le prestazioni di lavoro straordinario sono consentite ai soli dirigenti di cui all’art. 16, comma 1 del CCNL 8 giugno 2000, per i servizi di guardia e di pronta disponibilità di cui agli artt. 19 e 20 del CCNL 5 dicembre 1996 nonchè per altre attività non programmabili. Esse possono essere compensate a domanda del dirigente con riposi sostitutivi da fruire, compatibilmente con le esigenze del servizio, di regola entro il mese successivo. 3. Il fondo per la corresponsione dei compensi per il lavoro straordinario è quello determinato ai sensi dell’art. 51 del CCNL 8 giugno 2000. 4. Le aziende determinano le quote di risorse del fondo che, in relazione alle esigenze di servizio preventivamente programmate ovvero previste per fronteggiare situazioni ed eventi di carattere eccezionale, vanno assegnate alle articolazioni aziendali individuate dal d. lgs. n. 502/1992. 5. La misura oraria dei compensi per lavoro straordinario è determinata maggiorando la misura oraria di lavoro ordinario calcolata convenzionalmente dividendo per 156 i seguenti elementi retributivi: a) stipendio tabellare in godimento; b) indennità integrativa speciale (I.I.S.) in godimento; c) rateo di tredicesima mensilità delle due precedenti voci. 6. La maggiorazione di cui al comma 5 è pari al 15% per lavoro straordinario diurno, al 30% per lavoro straordinario prestato nei giorni festivi o in orario notturno (dalle ore 22 alle ore 6 del giorno successivo) ed al 50% per quello prestato in orario notturno festivo. 7. Per i dirigenti di struttura complessa, si rinvia al principio indicato nell’art. 8, comma 3 del presente contratto. 8. E’ disapplicato l’art. 80 del D.P.R. 384/1990.
  • 27. Lavoro straordinario: Testo CCNLIntegrativo 2008/2009, co. 4, art. 16  Ribadite le disposizioni contrattuali già esistenti (CCNL Integrat. 2004, co. 2, art. 28).  Conferma che il lavoro straordinario può essere fatto solamente dai dirigenti non responsabili di struttura complessa.  Conferma che questo è possibile solamente per garantire la continuità assistenziale e per prestazioni con carattere eccezionale, rispondenti ad effettive esigenze di servizio e tempestivamente autorizzate (prima era “preventivamente autorizzate”).  Introdotto il dovere per le Aziende di definire le procedure e le modalità per autorizzare le prestazioni eccezionali in lavoro straordinario.21° CONGRESSO NAZIONALE
  • 28. Contratto integrativo 2004 – Art. 6 Riposo compensativo per le giornate festive lavorate 1. Ad integrazione di quanto previsto dall’art. 22 del CCNL 5 dicembre 1996, l’attività prestata in giorno festivo infrasettimanale - a richiesta dei dirigenti indicati all’art. 16, comma 1 del CCNL 8 giugno 2000 da effettuarsi entro trenta giorni - dà titolo a equivalente riposo compensativo per le ore di servizio prestate o alla corresponsione del compenso per lavoro straordinario con la maggiorazione prevista per i giorni festivi.
  • 29. TAR Puglia – Sentenza n°. 814/2006  Il lavoro straordinario va sempre retribuito, specie in presenza di turni predisposti dall’amministrazione. L’autorizzazione all’espletamento del lavoro straordinario deve ritenersi esistente ogni volta che si è in presenza di lavoro organizzato sulla base di turnazione tra il personale disponibile nell’ambito delle attività cui il dipendente deve obbligatoriamente partecipare o nell’ambito di un servizio che la P.A. è tenuta a garantire. La predisposizione dei turni presuppone l’espletamento del lavoro straordinario con la conseguenza che al servizio svolto deve riconoscersi la dovuta retribuzione.
  • 30. Condizioni che permettono il pagamento dellostraordinario in caso di effettuazione di orario di lavoro eccedente il debito contrattuale mensile  Lavoro svolto in giornate festive infrasettimanali (CCNL integrativo 2004 – Art. 6)  Turni di servizio notturni e festivi predisposti dal Dirigente dell’U.O. e riconosciuti dall’Amministrazione (Corte di Appello di Venezia, sentenza n°468/2007)  Turni di servizio effettuati in condizioni di carenza di personale (Tribunale Ordinario di Torino - Sezione Lavoro, sentenza n° 4239/2004)  Riconoscimento negli anni, attraverso i prospetti mensili, dell’eccedenza oraria effettuata e non contestata da parte dell’Azienda. Tale evenienza fa anche decadere la possibilità di prescrizione del diritto al pagamento (Tribunale di Firenze – Sezione Lavoro, sentenza n°722/2009)
  • 31. Voci economiche relative all’emergenza/urgenza CCNL 2002/2005 e 2006/2009 I° e II° biennio economico Art. 17 CCNL 3/11/2005 Pronta disponibilità: € 20,65 (Remunerazione immodificata) Art. 18 CCNL 3/11/2005 Tariffa per turno di guardia notturna in ALPI: € 480 Tetto 12% guardie notturne anno precedente Decorrenza: vigenza contrattuale 3/11/2005 Art. 51 CCNL 3/11/2005 CCNL 5/7/2006 (2° Indennità per turni festivi e notturni biennio economico) Indennità notturna: € 2,74/h totale per 8 h= € 21,92 Art. 8 comma 2 Indennità festiva: € 17,8 (Indennità di disagio) Decorrenza: 1/01/2003 Compenso per turno di Art. 25 CCNL 2006/2007 guardia notturno Ora lavoro straordinario € 25,78 € 50 (si sommano Ora notturna o festiva € 29,14 all’indennità oraria) Ora notturna-festiva € 33,63 L’indennità di disagio non è Decorrenza 17 ottobre 2008 dovuta in caso di pagamento dello Art. 10 CCNL 2008/2009 straordinario Ora lavoro straordinario € 26,61 Decorrenza 31/12/2005 Ora notturna o festiva € 30,08 Ora notturna-festiva € 34,70 Decorrenza 6 maggio 2010
  • 32. CCNL 1994-1997, art. 65, co. 1 e 2Retribuzione di risultato raggiungimento dei risultati prestazionaliprefissati metodologia della negoziazione di budget (D.lgs 502/1992,art.5; D.lgs 29/1993 artt 14 e 20)Legge 23 dicembre 1994 n° 724 - Obiettivi qualificanti:•Miglioramento degli indici legati alla degenza•Ottimizzazione delle condizioni di fruibilità delle prestazioni sanitarie ed ospedaliere con il pieno utilizzo e valorizzazione dei servizi sanitari pubblici anche attraverso l’ampliamento degli orari di apertura al pubblico e un maggior orientamento all’utenza•Razionalizzazione della spesa per consumi sanitari e farmaceutici anche attraverso l’adozione di adeguati protocolli clinici, diagnostici e terapeutici•Miglioramento dei livelli qualitativi di intervento in sanità collettiva negli ambienti di vita e di lavoro•Razionalizzazione, personalizzazione ed umanizzazione della funzione ospedaliera anche attraverso l’individuazione di forme alternative, quali la spedalizzazione o l’assistenza a domicilio, nonché l’incentivazione delle prestazioni e dei trattamenti deospedalizzanti e delle attività di ospedale diurno•Realizzazione di modelli organizzativi innovativi per le attività delle articolazioni aziendali•Avvio di tecniche per il controllo di gestioneIl fondo per il risultato è pertanto destinato a promuovere il miglioramentoorganizzativo e l’erogazione dei servizi per la realizzazione degli obiettivi generalidell’Azienda, tenendo conto delle effettive risorse messe a disposizione
  • 33. CCNL 1994-1997, art. 65, co.4 e 5 ProposteCollegio di Direzione DG BILANCIO Dipartimenti UOC Assegnazione Programmi ad ogni UOC di: ed obiettivi •Risorse umane prestazionali •Risorse strumentali •Risorse finanziarie Indicazione entità del Assegnazione degli obiettivi ai singoli Fondo di risultato assegnato: Dirigenti medici dell’U.O., •Alla UOC secondo la tipologia degli incarichi •Al Direttore di U.O. conferiti
  • 34. Obiettivi correlati alle risorse umane, strumentali e finanziarie CCNL 1996/1997 art 59 , co.3. Nella valutazione dei risultati conseguiti dai dirigenti cui siano stati affidati incarichi ai sensi dellart. 56, gli organismi del comma 1, dovranno comunque considerare loperato dei dirigenti in correlazione con gli obiettivi da perseguire secondo le direttive ricevute; in caso di incarico con affidamento di budget, la correlazione deve tener conto delle risorse umane, finanziarie e strumentali rese effettivamente disponibili. CCNL 1998/2001 art. 31, co. 4. Le aziende, con gli atti previsti dai rispettivi ordinamenti autonomamente assunti in relazione a quanto previsto dall’art. 1, comma 2 del dlgs. 286/1999, definiscono meccanismi e strumenti di monitoraggio e valutazione dei costi, dei rendimenti e dei risultati dell’attività svolta dai diri-genti, in relazione ai programmi e obiettivi da perseguire correlati alle risorse umane, finanziarie e strumentali effettivamente disponibili, CCNL 1998/2001 art. 32 co.7.. A titolo meramente indicativo la valutazione di cui al comma 6 per i dirigenti di struttura complessa o semplice – ove ne ricorrano le condizioni - deve riguardare la gestione del budget affidato e delle risorse umane e strumentali effettivamente assegnate CCNL 2002/2005 art. 25 co.2. Le aziende ed enti, con gli atti previsti dai rispettivi ordinamenti autonomamente assunti in relazione a quanto previsto dallart. 1, comma 2 del d.lgs. 286 del 1999, definiscono meccanismi e strumenti di monitoraggio e valutazione dei costi, dei rendimenti e dei risultati e, per lapplicazione dellart. 26, comma 2, anche dellattività professionale svolta dai dirigenti, in relazione ai programmi e obiettivi da perseguire correlati alle risorse umane, finanziarie e strumentali effettivamente disponibili, stabilendo le modalità con le quali i processi di valutazione di cui al presente capo – affidati al Collegio tecnico ed al Nucleo di valutazione - si articolano e garantendo, in ogni caso, una seconda istanza di valutazione.
  • 35. Impegno orario dei Dirigenti e risultato CCNL 1994-1997, art. 65, co. 3: Nel passaggio al nuovo sistema di retribuzione per risultato dovranno, comunque, essere garantiti i livelli organizzativi, assistenziali e di produttività ottenuti con lapplicazione dellistituto di incentivazione sub 1 di cui allart. 123 del D.P.R. 384/1990, lett. a).La retribuzione di risultato compensa anche l’eventuale superamento dell’orario di lavoro di cui agli artt. 17 e 18 per il raggiungimento dell’obiettivo assegnato (passaggio dalla fase delle incentivazioni al sistema per obiettivi) Legge 229/99, art. 15, co.3: Il dirigente, in relazione all’attività svolta, ai programmi concordati da realizzare, e alle specifiche funzioni allo stesso attribuite, è responsabile del risultato anche se richiedente un impegno orario superiore a quello contrattualmente definito. CCNL 2002-2005, art 14, co.1: L’impegno di servizio necessario per il raggiungimento degli obiettivi prestazionali eccedenti l’orario dovuto di cui al comma 2 è negoziato con le procedure e per gli effetti dell’art. 65 c. 6 citato. In tale ambito vengono individuati anche gli strumenti orientati a ridurre le liste d’attesa.
  • 36. Risposta dell’Aran ad un quesito postodalla Usl 7 Veneto (prot. N° 5177 del1/7/2002)  Si conferma che l’orario di lavoro settimanale è contrattualmente previsto in 38 ore di cui 4 per attività non assistenziali.  L’articolazione dell’orario è flessibile per correlarlo alle effettive esigenze della struttura cui i dirigenti sono preposti, in relazione all’espletamento dell’incarico affidato e agli specifici obiettivi e programmi da realizzare.  In base ai volumi prestazionali richiesti, l’Azienda è tenuta a concordare con le équipes interessate l’impegno di lavoro eccedente l’orario settimanale dovuto, ai sensi dell’art. 16 comma 1 del CCNL 8/6/2000, con le procedure previste dall’art. 65, comma 6 del CCNL 5/12/1996 tuttora vigente, salvo “per gli aspetti transitori nel passaggio al nuovo sistema basato sul raggiungimento degli obiettivi”.
  • 37. Impegno orario dei Dirigenti e risultato Se l’impegno di servizio contrattualmente definito consente comunque di realizzare gli obiettivi concordati, anche senza la resa di un orario aggiuntivo, la retribuzione di risultato è un atto dovuto. Nella contrattazione del budget e degli obiettivi prestazionali per la retribuzione di risultato bisogna tenere ben presente che l’eventuale orario aggiuntivo deve essere solo strumentale alla realizzazione degli obiettivi prestazionali concordati e correlati alle risorse messe a disposizione e non divenire obiettivo esso stesso. E’ evidente che un orario aggiuntivo rispetto alle 38 ore settimanali non può che essere “eventuale e negoziato” per il raggiungimento degli obiettivi concordati, nel caso di una verifica intermedia non positiva.
  • 38. Orario di lavoro CCNL 2002/2005:art. 14, co.1 L’impegno di servizio necessario per il raggiungimento degli OBIETTIVI PRESTAZIONALI ECCEDENTI L’ORARIO DOVUTO E’ negoziato con le procedure e per gli effetti dell’art. 65, c. 6, CCNL 1994-1997 In tale ambito vengono individuati anche gli strumenti orientati a ridurre le LISTE D’ATTESA
  • 39. CCNL 1994-1997, art. 65, co. 6. Gli obiettivi, preventivamente illustrati dal dirigente responsabile dellarticolazione aziendale, sono assegnati formalmente a tutti i dirigenti dellunità operativa secondo la tipologia degli incarichi conferiti a ciascun di essi ai sensi degli artt. 55 e 56 con lindicazione dellincentivo economico connesso.
  • 40. CCNL 1998/2001, art 55, co. 2: Si considerano prestazioni erogate nel regime di cui alla lettera d) del comma 1 anche le prestazioni richieste, in via eccezionale e temporanea, ad integrazione dell’attività istituzionale, dalle aziende ai propri dirigenti allo scopo di ridurre le liste di attesa o di acquisire prestazioni aggiuntive, soprattutto in presenza di carenza di organico ed impossibilità anche momentanea di coprire i relativi posti con personale in possesso dei requisiti di legge, in accordo con le équipes interessate e nel rispetto delle direttive regionali in materia.
  • 41. CCNL 2002/2005, art. 14, co. 66. Ove per il raggiungimento degli obiettivi prestazionali eccedenti quelli negoziati ai sensi dei commi 1 e 5, sia necessario un impegno aggiuntivo, l’azienda, sulla base delle linee di indirizzo regionali di cui all’art. 9, comma 1, lettera g) ed ove ne ricorrano i requisiti e le condizioni, può concordare con l’equipe interessata l’applicazione dell’istituto previsto dall’art. 55, comma 2 del CCNL 8 giugno 2000 in base al regolamento adottato con le procedure dell’art. 4, comma 2, lett. G). La misura della tariffa oraria da erogare per tali prestazioni è di € 60,00 lordi. Nell’individuazione dei criteri generali per l’adozione di tale atto dovrà essere indicato che l’esercizio dell’attività libero professionale di cui all’art. 55 comma 2 è possibile solo dopo aver garantito gli obiettivi prestazionali negoziati.
  • 42. Orario di lavoro CCNL 2002/2005:art. 14, co.6 OBIETTIVI PRESTAZIONALI ECCEDENTI L’ORARIO DOVUTO Condizioni e retribuzione Sulle basi delle linee d’indirizzo regionali (art. 9 c. 1, lett. g) ed ove ne ricorrano i requisiti e le condizioni Attività libero professionale (art. 55, c. 2 CCNL 1998/2001) in base al regolamento adottato con le procedure dell’art. 4, c. 2, lett.G. Tale attività è possibile solo dopo aver garantito gli obiettivi prestazionali negoziati in sede di budget Tariffa oraria 60 €
  • 43. Orario di lavoro, art. 14 co.6, art. 18 34 ore FASE 1° NEGOZIAZIONE DI BUDGET(Obbligatoria) 30 min. FASE 2° Negoziazione (c.1) ed accordo (c.6) su obiettivi(Possibile) prestazionali eccedenti l’orario dovuto Linee guida regionali Requisiti LPA 60 €/hArt.9, c.1, lett.g e condizioni Guardia 480 € (Art. 18)
  • 44. Il combinato disposto Art. 14, comma 6 Art. 16, comma 2 Art. 18 Allegato 2 Pagamento delle Pagamento delle prestazioni GUARDIE aggiuntive a quote Tariffa : 480 € per orarie: turno 60 € per ora
  • 45. In conclusione Il sindacato interviene a livello regionale nella definizione dei volumi prestazionali dovuti nell’orario di lavoro Si riconosce che le prestazioni eccedenti quelle concordate nell’orario di lavoro devono essere retribuite a parte La forma di retribuzione è quella prevista nell’art.55 co. 2 del CCNL 1998/2001 (libera professione aziendale) Viene fissata una tariffa oraria per le prestazioni eccedenti l’orario di lavoro unica su tutto il territorio nazionale.
  • 46. Guardia e Pronta Disponibilità
  • 47. Presenza del dirigente medico : CCNL 2002/2005, art. 14, co. 7a) Negli Ospedalib) In particolari servizi del territorio, individuati dalle Aziende sanitarie •Programmazione 24 ore/24 7 gg/7 •Articolazione degli orari •Articolazione della guardia
  • 48. Presenza del dirigente medico :CCNL 2002/2005, art. 14, co. 7 Copertura 12 ore diurne per fronteggiare: Articolata 1. Attività ordinaria 2. Emergenza In alcune UU.OO. Copertura 24 ore/24 Guardia Continuità assistenziale ed emergenza
  • 49. Presenza del dirigente medico:CCNL 2002/2005, art 14, co. 9-10 E’ articolata su 38 ore settimanali anche per i non esclusivi Guardia P.D. E’ assicurata da tutti i dirigenti medici con esclusione, di norma, dei direttori di S.C.
  • 50. La guardia medica può essereassicurata: Con il normale orario di lavoro Con il ricorso allo straordinario (Fondo art. 55 CCNL 2002/2005) Con il recupero orario Alcuni “problemi” •Tempo parziale •Esoneri (esiti di IMA, Ictus….) •Over 55 •Inadeguatezza del fondo per lo straordinario
  • 51. Servizio di guardia Obiettivi dell’Anaao Revisione della normativa Retribuire adeguatamente la guardia svolta fuori dall’orario di servizio con il ricorso all’art. 55, co. 2, CCNL 1998/2001 Valorizzare economicamente il servizio di guardia svolto nell’orario di lavoro (retribuzione di disagio)
  • 52. Servizio di guardia (Art. 16 CCNL 2002/2005) Art. 9, co.1 Concertazione di ASL Linee di indirizzo regionali DipartimentoEmergenza/Urgenza Art. 18 Tipologie assistenziali minime (Allegato 2) Guardia medica territoriale Punti di guardia •U.O.C. ospedalieri •Dipartimento •Area Funzionale
  • 53. Art. 16 CCNL 2002/2005 Servizio di Guardia1. Nelle ore notturne e nei giorni festivi, la continuità assistenziale e leurgenze/emergenze dei servizi ospedalieri e, laddove previsto, di quelli territoriali,sono assicurate, secondo le procedure di cui allart. 6, comma 1 lett. B),mediante:a) il dipartimento di emergenza, se istituito, eventualmente integrato, ovenecessario da altri servizi di guardia o di pronta disponibilità; b) la guardia medica di unità operativa o tra unità operative appartenenti ad areefunzionali omogenee e dei servizi speciali di diagnosi e cura;c) la guardia medica nei servizi territoriali ove previsto.2. Il servizio di guardia medica è svolto allinterno del normale orario di lavoro.Sino allentrata in vigore del contratto nazionale relativo al II biennio economico2004 – 2005, le guardie espletate fuori dellorario di lavoro possono essereassicurate con il ricorso al lavoro straordinario alla cui corresponsione si provvedecon il fondo previsto dallart. 55 ovvero con recupero orario. E fatto salvo quantoprevisto dallart. 18. 3. Il servizio di guardia è assicurato da tutti i dirigenti esclusi quelli di strutturacomplessa.4. In attesa delle linee di indirizzo di cui allart. 9, comma 1, lettera g), le parti, atitolo esemplificativo, rinviano allallegato n. 2 per quanto attiene le tipologieassistenziali minime nelle quali dovrebbe essere prevista la guardia medica diunità operativa.
  • 54. CCNL 2002/2005 Art. 18, co.1 :Con l’entrata in vigore del presente contratto, dopo il comma 2 dell’art.55 del CCNL 8 giugno 2000, è aggiunto il seguente: “2 bis. Qualora tra i servizi istituzionali da assicurare - eccedenti gliobiettivi prestazionali di cui all’art. 14 comma 6 - rientrino i servizi diguardia notturna, l’applicazione del comma 2, ferme rimanendo lecondizioni di operatività ivi previste, deve avvenire nel rispetto delle lineedi indirizzo regionali di cui all’art. 9, comma 1, lett. g), che definiranno ladisciplina delle guardie e la loro durata. E’ inoltre necessario che: - sia razionalizzata la rete dei servizi ospedalieri interni dell’aziendaper l’ottimizzazione delle attività connesse alla continuità assistenziale; - siano le aziende a richiedere al dirigente le prestazioni in tale regime,esaurita la utilizzazione di altri strumenti retributivi contrattuali;- sia definito un tetto massimo delle guardie retribuibili con il ricorsoal comma 2 non superiore al 12% delle guardie notturnecomplessivamente svolte in azienda, il quale rappresenta il budget dispesa massimo disponibile;la tariffa per ogni turno di guardia notturna è fissata in € 480,00 lordi.”
  • 55. Linee di indirizzo regionale (art. 5) Criteri generali per sviluppare a livello aziendale un sistema di standard finalizzati alla individuazione dei volumi prestazionali riferiti all’impegno, anche temporale, richiesto Criteri generali per la razionalizzazione delle attività connesse alla continuità assistenziale ed urgenza/emergenza al fine della loro valorizzazione economica tenuto conto anche dell’art. 55 co.2 del CCNL 1998/2001
  • 56. Allegato 2 CCNL 2002/2005In riferimento all’art. 16, in attesa dei criteri generali da emanarsi a cura dellesingole Regioni, ai sensi dell’art. 9, comma 1, lettera g) per la razionalizzazioneed ottimizzazione delle attività connesse alla continuità assistenziale edurgenza/emergenza, le parti si danno atto che la guardia medica di Unitàoperativa (ex divisionale) dovrebbe essere prevista almeno nelle seguentitipologie assistenziali: •ostetricia, pediatria con neonatologia; •unità di terapie intensive e semi –intensive (rianimatorie, cardiologiche, respiratorie, metaboliche etc); •attività di alta specialità di cui al D.M. del Ministero della Salute del 29 gennaio 1992. Tale previsione riguarda anche le specialità di anestesia, laboratorio analisi e radiodiagnostica negli ospedali sede di dipartimento di urgenza ed emergenza di I° e II° livello.Il servizio di guardia istituito per aree funzionali omogenee (ex interdivisionale)può essere previsto solo per aree che insistono sulla stessa sede. Il servizio diguardia notturno e quello festivo devono essere distribuiti in turni uniformi fratutti i componenti l’équipe.Le parti si impegnano, inoltre, a perseguire modelli organizzativi per larazionalizzazione ed ottimizzazione dei servizi di guardia necessariall’applicazione degli artt. 17 e 18.
  • 57. Guardia notturna effettuata nell’orario di servizioIstituzione di una specifica indennità di disagio a partire dal 31/12/2005 50 € L’indennità di disagio non è dovuta in caso di pagamento dello straordinario
  • 58. Reperibilità La cosiddetta “reperibilità” non rientra nella nozione di “orario di lavoro” perché il prestatore non è obbligatoa tenersi a disposizione del datore sul proprio luogo di lavoro Reperibilità = Riposo ? Sentenze CGCE Simap e Jaeger La P.D.interrompe la continuità del riposo giornaliero (L.133/08) Sentenza TAR Puglia sul giorno di riposo compensativo Indennità di reperibilità pari al 20% della retribuzione? ( D.M. del Lavoro 10/4/04)
  • 59. Pronta disponibilità (Articolo 17 CCNL 2002/2005) L’art. 17 del CCNL 2002/2005 riprende quasi integralmente l’art. 20 del CCNL 1996:Il servizio di PD prevede l’obbligo del dirigente diraggiungere il presidio nel tempo concordato con leprocedure dell’art. 6 comma 1 lettera B (CONCERTAZIONE - nel CCNL 96 erala sola informazione)Ha lo scopo di garantire prestazioni per situazioni di urgenza/emergenza Restano confermate le due tipologie di reperibilità (sostitutiva edintegrativa della guardia) Nei servizi di anestesia e rianimazione e nelle terapie intensive è previstasolo la P.D. integrativa Tutti i dirigenti sono tenuti alla PD presso le UO con attività continua Il servizio di PD è limitato ai periodi notturni e festivi e può esseresostitutivo o integrativo del servizio di guardia La PD ha durata di 12 ore, di “regola” non possono essere previsti più didieci turni di PD in un mese per singolo dirigente
  • 60. Pronta disponibilità (Articolo 17 CCNL 2002/2005) Piani annualiASL Concertazione per le emergenze Dotazioni organiche e Aspetti organizzativi Regolamentoprogrammi di •Terapie intensive assunzione •UU.OO. ad attività continua •Altre UU.OO.
  • 61. Pronta disponibilità (Articolo 17 CCNL 2002/2005, co. 3)Solo notturna e festiva Dirigenti ex 1° livelloa)Sostitutiva appartenenti alla medesima disciplina Anestesia e Rianimazioneb)Integrativa Terapie Intensive (Obbligatorie) Altre UU.OO. ad attività continuaE’ di norma di competenza di tutti i dirigenti inclusi i Direttori di S.C.
  • 62. Pronta disponibilità (Articolo 17 CCNL 2002/2005, co. 4-8) Durata 12 ore Indennità Due turni di P.D. sono prevedibili solo per le FESTE Di “regola” non potranno essere previsti per ciascun dirigente più di 10 turni mensili Se il turno è inferiore alle 12 ore ma superiore a 4, l’indennità di P.D. è corrisposta in modo proporzionale ma maggiorata del 10%I turni di PD devono essere programmati in modo tale che, in caso di chiamata, siano garantiti i periodi minimi di riposo previsti a tutela dell’integrità psico-fisica del Dirigente, in particolare dopo il servizio notturno.
  • 63. Pronta disponibilità(Articolo 17 del CCNL 2002/2005, co.5-7) Straordinario CHIAMATA Orario prestato Recupero orario In caso di P.D. festiva spetta un giorno di riposo compensativo senza riduzione del debito orario Settimanale La P.D. è finanziata con i fondi Art. 55
  • 64. Pronta disponibilità (Articolo 17 del CCNL 2002/2005)In questa fase è stato possibile ottenere un graduale superamento della PD sostitutiva (comma 8):“le parti concordano che nell’ambito dei criteri generali di cui all’art. 9 comma 1 lett. G (coordinamento regionale) sono individuate le modalità per il graduale superamento della P.D. sostitutiva allo scopo di garantire con turni di guardia una più ampia tutela assistenziale nei reparti di degenza”
  • 65. Pronta disponibilità in giornata festiva Al dipendente spetta incondizionatamente una giornata di riposo compensativo. La giornata di riposo compensativo deve essere fruita entro la settimana successiva, in giorno concordato preventivamente con il responsabile della struttura, avuto riguardo delle esigenze di servizio. Il debito orario del dipendente per la settimana successiva non è ridotto. Esistono sentenze che prevedono una riduzione del debito orario. Comunque la sentenza del Tar Puglia è stata recentemente “riformata” e la riduzione dell’orario di lavoro settimanale è considerata illegittima.
  • 66. Tutela dell’integrità psico-fisica del Dirigente Medico Cosa fare dopo l’abrogazione per la Dirigenza del SSN degli artt. 4 e 7 del D.Lgs 66/2003?
  • 67. Gli interventi “regressivi” sul dirittoal riposo da parte del Governo ProdiLegge Finanziaria 2008Art. 3, co.85:Allarticolo 17 del decreto legislativo 8 aprile 2003, n.66, è aggiunto, in fine, il seguente comma:« 6-bis. Le disposizioni di cui allarticolo 7 non siapplicano al personale del ruolo sanitario del Serviziosanitario nazionale, per il quale si fa riferimento allevigenti disposizioni contrattuali in materia di orario dilavoro, nel rispetto dei princìpi generali della protezionedella sicurezza e della salute dei lavoratori »
  • 68. Gli interventi “regressivi” sul diritto al riposo da parte del Governo Berlusconi. La Legge 133/2008Articolo 41, Comma 13(Modifiche alla disciplina in materia di orario di lavoro)13. Al personale delle aree dirigenziali degli Enti e delleAziende del Servizio Sanitario Nazionale, in ragione dellaqualifica posseduta e delle necessità di conformare limpegno diservizio al pieno esercizio della responsabilità propriadellincarico dirigenziale affidato, non si applicano ledisposizioni di cui agli articoli 4 e 7 del decreto legislativo8 aprile 2003, n. 66.La contrattazione collettiva definisce le modalità atte agarantire ai dirigenti condizioni di lavoroche consentano una protezione appropriata ed il pienorecupero delle energie psico-fisiche.
  • 69. D.lgs 66/2003: articolo 4 - Durata massima dell’orario di lavoro (Abrogato per i Dirigenti del SSN )1. I contratti collettivi di lavoro stabiliscono la durata massima settimanale dellorariodi lavoro.2. La durata media dellorario di lavoro non può in ogni caso superare, per ogniperiodo di sette giorni, le quarantotto ore, comprese le ore di lavoro straordinario.3. Ai fini della disposizione di cui al comma 2, la durata media dellorario di lavoro deveessere calcolata con riferimento a un periodo non superiore a quattro mesi.4. I contratti collettivi di lavoro possono in ogni caso elevare il limite di cui al comma 3fino a sei mesi ovvero fino a dodici mesi a fronte di ragioni obiettive, tecniche oinerenti allorganizzazione del lavoro, specificate negli stessi contratti collettivi.5. In caso di superamento delle 48 ore di lavoro settimanale, attraverso prestazioni dilavoro straordinario, per le unità produttive che occupano più di dieci dipendentiil datore di lavoro è tenuto a informare, entro trenta giorni dalla scadenza delperiodo di riferimento di cui ai precedenti commi 3 e 4, la Direzione provinciale dellavoro, Settore ispezione del lavoro competente per territorio.I contratti collettivi di lavoro possono stabilire le modalità per adempiere al predettoobbligo di comunicazione.
  • 70. D.Lgs 66/2003: Art. 7- Riposo giornaliero(Abrogato per i Dirigenti del SSN)Articolo 7 dlgs 66/2003Riposo giornaliero.1. Ferma restando la durata normale dellorariosettimanale, il lavoratore ha diritto a undici ore diriposo consecutivo ogni ventiquattro ore.Il riposo giornaliero deve essere fruito in modoconsecutivo fatte salve le attività caratterizzateda periodi di lavoro frazionati durante la giornata oda regimi di reperibilità (Ndr: parte introdotta conla Legge 133/2008).
  • 71. Giurisprudenza Il protrarsi dell’attività lavorativa, in condizioni routinarie (quindi non durante condizioni eccezionali ed imprevedibili di emergenza/urgenza), oltre l’orario di lavoro previsto dal CCNL e dalle normative vigenti, viene considerato, in caso di evento avverso, “condotta imprudente” e costituisce in un giudizio un’ aggravante, ritenendosi come volontaria l’accettazione del turno irregolare ed i rischi connessi.
  • 72. s c u o l a nazionale di formazione q u a d r iSeminario Anaao Giovani - Milano 26 Gennaio 2011
  • 73. s c u o l a nazionale di formazione q u a d r iSeminario Anaao Giovani - Milano 26 Gennaio 2011
  • 74. s c u o l a nazionale di formazione q u a d r iSeminario Anaao Giovani - Milano 26 Gennaio 2011
  • 75. s c u o l a nazionale di formazione q u a d r i Ictus e turni di lavoro notturno  Il rischio di ictus aumenta del 4% per ogni 5 anni in cui si è lavorato per almeno 3 notti al mese.  Il dato è derivato da uno studio clinico effettuato su 48 mila infermieri statunitensi.Seminario Anaao Giovani - Milano 26 Gennaio 2011
  • 76. s c u o l a nazionale di formazione q u a d r i JAMA. 2009;302(14):1565-1572 www.jama.com Risks of Complications by Attending  Brigham and Women’s Hospital; Harvard Medical School - Boston Physicians After Performing  Harvard School of Public Health - Boston Nighttime Procedures  Division of General Pediatrics, Department Jeffrey M. Rothschild, MD, MPH; Carol A. Keohane, of Medicine, Children’s Hospital Boston BSN, RN; Selwyn Rogers, MD, MPH; Roxane Gardner, MD, MPH; Stuart R. Lipsitz, ScD; Claudia A. Salzberg, MS; Tony Yu, MD, MPH et al. Conclusion Overall, procedures performed the day after attending physicians worked overnight were not associated with significantly increased complication rates, although there was an increased rate of complications among postnighttime surgical procedures performed by physicians with sleep opportunities of less than 6 hours.Seminario Anaao Giovani - Milano 26 Gennaio 2011
  • 77. s c u o l a nazionale di formazione q u a d r i The NEW ENGLAND JOURNAL of MEDICINE Perspective December 30, 2010 Sleep Deprivation, Elective Surgical Procedures, and Informed Consent Michael Nurok, M.D., Ph.D., Charles A. Czeisler, Ph.D., M.D., and Lisa Soleymani Lehmann, M.D., Ph.D. G iven the data on sleep deprivation, the associated risk of surgical complication, and patient preference, we believe that hospitals should prohibit the performance of elective surgical procedures when an attending surgeon or anesthesiologist is acutely sleep-deprived……Seminario Anaao Giovani - Milano 26 Gennaio 2011
  • 78. Le conseguenze degli orari di lavoro prolungati edella deprivazione del sonno per i medici ospedalieri  Conseguenze a breve termine  Decremento dei livelli di attenzione e vigilanza con rischio di autolesioni, incidenti d’auto  Incremento degli errori nella pratica clinica e ridotta sicurezza nelle cure  Conseguenze a lungo termine  Rischio di burnout  Ansia e depressione  Alterazioni flogistiche vascolari (rischio aumentato di Ictus e IMA)  Incremento dei tumori
  • 79. s c u o l a nazionale di formazione q u a d r i Strutturazione degli orari di lavoro secondo criteri ergonomici Ridurre il più possibile il lavoro notturno e adottare schemi di turnazione rapida al fine di limitare il numero di turni di notte consecutivi (max 2) ed interferire il meno possibile sui ritmi circadiani e sul sonno Adottare la rotazione dei turni in “ritardo di fase” (Mattino/Pomeriggio/Notte), in quanto consente un più lungo riposo intermedio Prevedere almeno 11 ore di riposo continuativo tra un turno di lavoro e l’altro onde consentire un maggior recupero della fatica e del deficit di sonno Non iniziare troppo presto il turno al mattino in modo da limitare la perdita dell’ultima parte del sonno ricca di fase REM Programmare il giorno di riposo preferibilmente dopo il turno di notte in modo da consentire un immediato recupero della fatica e del deficit di sonno Inserire pause nel corso del turno, in modo da permettere tempi adeguati per i pasti ed eventuali brevi pisolini, rivelatisi molto utili nel compensare il deficit di sonno G. Costa in G.Ital. Med. Lav. Erg. 2008Seminario Anaao Giovani - Milano 26 Gennaio 2011
  • 80. CCNL 2006 – 2009; CAPO II Protezione e tutela dei dirigenti e degli utenti Art. 7 Disposizioni particolari in materia di riposo giornaliero1. Nel rispetto dei principi generali di sicurezza e salute dei dirigenti e al fine di preservare lacontinuità assistenziale, le aziende definiscono, in sede di contrattazione integrativa, ai sensidell’art. 4, comma 4 del CCNL del 3 novembre 2005, modalità di riposo nelle ventiquattro ore,atte a garantire idonee condizioni di lavoro ed il pieno recupero delle energie psicofisiche deidirigenti, nonché prevenire il rischio clinico.2. In tale ambito, al fine di conformare l’impegno di servizio al ruolo e alla funzione dirigenziale, lacontrattazione dovrà prevedere, in particolare, dopo l’effettuazione del servizio di guardianotturna o della turnazione notturna, la fruizione immediata, in ambito diurno, di unadeguato periodo di riposo obbligatorio e continuativo, in misura tale da garantirel’effettiva interruzione tra la fine della prestazione lavorativa e l’inizio di quella successiva.3. Le misure previste dai commi precedenti garantiscono ai dirigenti una protezione appropriataevitando che, a causa della stanchezza, della fatica o di altri fattori, sia ridotta l’efficienza dellaprestazione professionale, aumentando il rischio di causare lesioni agli utenti o a loro stessi, ad altrilavoratori o di danneggiare la loro salute, a breve o a lungo termine.4. La contrattazione si svolge nel rispetto della normativa vigente, tenuto conto delle linee diindirizzo emanate dalle Regioni ai sensi dell’art. 5, lett. k del presente CCNL.5. Resta fermo quanto previsto per la programmazione e per la articolazione degli orari e dei turnidi guardia dall’art. 14, commi 7 e 8, del CCNL 3.11.2005, tenendo conto di quantostabilito inmateria di riposi giornalieri dal presente articolo.6. E’ fatta salva l’attuale organizzazione del lavoro, purché non sia in contrasto con quantostabilito nei precedenti commi, da verificarsi a livello aziendale dalle parti entro 90 giornidalla stipula del presente CCNL
  • 81. Art. 7 (1/3)PROTEZIONE E TUTELA DEI DIRIGENTI E DEGLI UTENTI. DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RIPOSO GIORNALIEROImpostazione dell’argomento innovativa e qualificanterispetto alla trattazione dei precedenti CCNL del temariposo.Contenuto conferma il diritto al riposo settimanale; ribadisce l’obbligatorietà del riposo giornaliero; stabilisce i principi a cui dovrà attenersi il riposo giornaliero; individua i compiti in merito della contrattazione aziendale.
  • 82. Art. 7 (2/3) PROTEZIONE E TUTELA DEI DIRIGENTI E DEGLI UTENTI. DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RIPOSO GIORNALIEROCompiti della contrattazione aziendaleLa contrattazione integrativa: dovrà definire le modalità di riposo nelle ventiquattro ore atte a garantire idonee condizioni di lavoro ed il pieno recupero psicofisico dei dirigenti, nonché prevenire il rischio clinico; dovrà prevedere l’obbligatorietà del riposo giornaliero dopo guardie o turni di servizio notturno che dovrà: - iniziare subito dopo, - essere continuativo e sufficientemente lungo da garantire un recupero psicofisico ed una reale interruzione tra prestazioni lavorative consecutive;
  • 83. Art. 7 (3/3) PROTEZIONE E TUTELA DEI DIRIGENTI E DEGLI UTENTI. DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RIPOSO GIORNALIERORisultato politico  Aver collegato i riposi con la riduzione del rischio clinico e con la salvaguardia della salute degli operatori ha fatto assumere a tale argomento un’importanza strategica che va ben oltre il mero ambito contrattuale o l’interesse particolare di una categoria professionale.  Aver colmato il vuoto normativo conseguente all’abolizione dell’applicazione per i dirigenti medici e veterinari degli artt. 4 (orario massimo settimanale) e 7 (riposo giornaliero) del D.Lgs. n° 66/2003 da parte della recente Legge 133/2008.
  • 84. CCNL integrativo 10/02/2004 Lavoro notturno (art. 7)1. Svolgono lavoro notturno i dirigenti tenuti ad operare su turni a copertura delle 24 ore.2. Per quanto attiene alle limitazioni al lavoro notturno, alla tutela della salute, all’introduzione di nuove forme di lavoro notturno, ai doveri del datore di lavoro, anche con riferimento alle relazioni sindacali si applicano le disposizioni del D. Lgs. 532/1999 e successive modificazioni ed integrazioni. Quanto alla durata della prestazione, rimane salvaguardata l’attuale organizzazione del lavoro dei servizi assistenziali operanti nei turni a copertura delle 24 ore.3. Salvo che non ricorra l’applicazione dell’art. 29 del CCNL 5 dicembre 1996, che regola il passaggio ad altra funzione per inidoneità fisica del dirigente, nel caso in cui le sopraggiunte condizioni di salute comunque comportino l’inidoneità alla prestazione di lavoro notturno, accertata dal medico competente, ai sensi dell’art. 6, comma 1 del D. Lgs. 532/1999, è garantita al dirigente l’assegnazione ad altra attività o ad altri turni di servizio da espletarsi nell’ambito della disciplina di appartenenza.4. Al dirigente che presta lavoro notturno sono corrisposte le indennità di cui all’art. 8.5. L’ articolo si applica dall’entrata in vigore del presente contratto, fatto salvo il comma 4.
  • 85. Lavoro notturno e lavoratore notturno Periodo notturno D.Lgs 66/2003 “Periodo di almeno 7 ore consecutive comprendente l’intervallo tra mezzanotte e le 5 del mattino” (Art. 1, co.2, lett. d) Lavoratore notturno: D.Lgs 66/2003 come modificato dalla Legge 133/2008“Qualsiasi lavoratore che svolga durante il periodo notturno almeno una parte del suo orario di lavoro secondo le norme definite dai contratti collettivi di lavoro. In difetto di disciplina collettiva è considerato lavoratore notturnoqualsiasi lavoratore che svolga lavoro notturno per un minimo di ottanta giorni lavorativi all’anno per almeno tre ore”. Code contrattuali 2004, art. 7 “Svolgono lavoro notturno i dirigenti tenuti ad operare su turni di servizio a copertura delle 24 ore”
  • 86. Durata del lavoro notturno: D.Lgs 66/2003 e Circ. 8/2005 Ministero del Lavoro D.Lgs 66/2003, art. 13: Lorario di lavoro dei lavoratori notturni non puo superare le otto ore in media nelle ventiquattro ore, salva lindividuazione da parte dei contratti collettivi, anche aziendali , di un periodo di riferimento piu ampio sul quale calcolare come media il suddetto limite. “L’orario per i lavoratori notturni non può superare le otto ore nell’arco di 24 ore calcolate dal momento dell’inizio dell’esecuzione della prestazione lavorativa…. “ (Circolare 8/2005 Ministero del Lavoro - Punto 18, durata della prestazione)
  • 87. Ruolo dirigenziale, organizzazionedel lavoro e lavoro notturno Direttori di struttura complessa  Non hanno un orario di lavoro contrattualmente stabilito  Non svolgono, in genere, lavoro notturno Dirigenti medici che operano in servizi attivi nella fascia diurna (h. 8 – 20)  Hanno un orario di lavoro contrattualmente stabilito  Non svolgono lavoro notturno, escluso le chiamate in reperibilità Dirigenti medici che operano in servizi attivi nelle 24 ore  Hanno un orario di lavoro contrattualmente stabilito  Svolgono lavoro notturno
  • 88. Le ricadute concrete della Legge 133/2008 I Direttori di struttura complessa e i Dirigenti medici che operano in servizi attivi solo nelle ore diurne, di fatto conservano le tutele sui riposi minimi previste dalla Direttiva Europea 88/2003 e dal D.Lgs 66/2003. I Dirigenti medici che operano su turni di servizio a copertura delle 24 ore, mantengono le tutele previste dal D.Lgs 66/2003 sul lavoro notturno in quanto non abrogate. Per cui, anche in base ai contenuti dell’art. 7 del CCNL 2006/2009, hanno diritto dopo un turno notturno ad un riposo immediato di 24 ore continuative. Il turno mattino/notte è limitato dalla Circolare interpretativa del Ministero del lavoro n° 8/2005.
  • 89. Una proposta sui riposi: tra tutela dell’integrità psico-fisica e flessibilità organizzativa Turno nella fascia diurna: riposo di almeno 11 ore consecutive 8 14 20 24 8Turno notturno: riposo di almeno 24 ore consecutive (salvo urgenze) 20 24 8 20 Turno mattino/notte: riposo di 24 ore consecutive 0 12 24/0 12 24 8
  • 90. REGIONE PUGLIALINEE GUIDA PER LO SVOLGIMENTO DELLA CONTRATTAZIONE INTEGRATIVA AZIENDALE DI CUI ALL’ART.5 DEL CCNL AREA DIRIGENZA MEDICO - VETERINARIA DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE 17.10.2008 - QUADRIENNIO 2006 -2009 Nello specifico, tenuto anche conto che la giurisprudenza consolidata considera come condotta imprudente, e quindi aggravante in caso di giudizio, il protrarsi dell’attività lavorativa in condizioni routinarie, si concordano le seguenti linee generali.  Guardia notturna o turnazione notturna: deve essere di 12 ore con conseguente fruizione immediata di un periodo di riposo obbligatorio e continuativo di 24 ore.  Riposo giornaliero ( D.E. 88/2003 art.2 ): nel corso di ogni periodo di 24 ore, il lavoratore beneficia di un periodo minimo di riposo di 12 ore consecutive che corrispondono al periodo ricompresso tra le ore 20,00 e le ore 8,00 del giorno dopo.  Turno mattino/notte: viene limitato dalla circolare del Ministero del Lavoro, per cui non può essere previsto routinariamente e deve essere riservato a situazioni eccezionali e limitate nel tempo ( es: il periodo delle ferie e/o delle festività). Dopo un turno mattino/notte spetta un riposo di 24 ore continuative.  Sono vietati, i turni notte/mattino, pomeriggio/notte e notte/pomeriggio.
  • 91. Regione Toscana LINEE DI INDIRIZZO SUI CCNL DELLE AREE DIRIGENZIALI DEL SSN DEL 17.10.2008 1 Tenuto conto dell’attuale quadro normativo, al fine di assicurare ai dirigenti una protezione appropriata e di evitare rischi agli utenti, si forniscono le seguenti indicazioni: come regola generale, è da ritenersi adeguato, dopo l’effettuazione della guardia notturna o della turnazione notturna, un periodo di riposo continuativo di 24 ore; solo in casi eccezionali, i dirigenti possono essere incaricati dello svolgimento di due servizi di guardia notturna consecutivi; non sono consentite le turnazioni notte-mattino e notte-pomeriggio; fermo restando quanto sopra in relazione al riposo successivo alla guardia o turnazione notturna, è da ritenersi altresì adeguato, come regola generale, un riposo di 11 ore consecutive per ogni periodo di 24 ore; la turnazione mattino-notte è consentita solo se limitata nel tempo e adeguatamente motivata in relazione all’esigenza di garantire la continuità assistenziale; non è consentita la turnazione pomeriggio-notte; 21° CONGRESSO NAZIONALE
  • 92. Regione Toscana LINEE DI INDIRIZZO SUI CCNL DELLE AREE DIRIGENZIALI DEL SSN DEL 17.10.2008 2 si ritiene che, in caso di servizio notturno svolto, a seguito di chiamata, dai dirigenti in pronta disponibilità, debba essere garantito ai dirigenti medesimi un periodo di riposo coerente con l’impegno lavorativo sostenuto; a tal fine, è necessario che, nella programmazione dei turni di ciascuna struttura, venga valutata l’opportunità di prevedere l’esenzione dal turno mattutino dei dirigenti in pronta disponibilità notturna, in considerazione del servizio mediamente svolto, a seguito di chiamata, dai dirigenti assegnati alla struttura medesima. Le Aziende provvedono a monitorare periodicamente le eventuali deroghe, informando le organizzazioni sindacali, con cadenza almeno semestrale, in merito all’andamento di tale monitoraggio. 21° CONGRESSO NAZIONALE
  • 93. L’abrogazione dell’articolo 4 del D.Lgs 66/2003 Tempo di lavoro massimo settimanale Orario contrattuale: 38 ore/settimana Straordinario: max 250 ore/anno, corrispondenti in media a circa 6 ore/settimana Totale: 44 ore/settimana
  • 94. Risoluzione del Parlamento europeo adottata a maggioranzaqualificata nella riunione plenaria del 17/12/2008 in merito alla proposta di modifica della Direttiva CE 88/2003 Il tempo di lavoro massimo settimanale, calcolato su una media di 4 mesi, deve essere portato nel giro di tre anni a 48 ore, abrogando la clausola “opt-out”. Nel tempo di lavoro rientra anche la cosiddetta guardia “inattiva”. Il riposo compensativo deve essere immediatamente goduto dopo il servizio prolungato per motivi eccezionali e non preventivabili. Dirigenti a cui non si applicano le tutele sui riposi: direttori generali, dirigenti direttamente ad essi subordinati, dirigenti nominati dal Consiglio di amministrazione di un’azienda.
  • 95. CCNL 1994/1997: Articolo 22 -Riposo settimanale 1. In relazione allassetto organizzativo dellazienda o ente e allorario di lavoro … il riposo settimanale coincide di norma con la giornata domenicale. Il numero dei riposi settimanali … è fissato in numero di 52 allanno. … 2. Ove non possa essere fruito nella giornata domenicale, il riposo settimanale deve essere fruito, avuto riguardo alle esigenze di servizio. 3. Il riposo settimanale non è rinunciabile e non può essere monetizzato. 4. La festività nazionale e quella del Santo Patrono coincidenti con la domenica non danno luogo a riposo compensativo nè a monetizzazione. 5. Nei confronti dei soli dirigenti che, per assicurare il servizio prestano la loro opera durante la festività nazionale coincidente con la domenica, si applica la disposizione del 2 comma.
  • 96. D.Lgs 66/2003: Articolo 10 –Ferie annuali Fermo restando quanto previsto dall’art. 2109 c.c. il prestatore di lavoro ha diritto ad un periodo annuale di ferie retribuite non inferiore a quattro settimane. Tale periodo, salvo quanto previsto dalla contrattazione collettiva, va goduto per almeno due settimane, consecutive in caso di richiesta del lavoratore, nel corso dell’anno di maturazione e, per le restanti due settimane, nei 18 mesi successivi al termine dell’anno di maturazione. Il predetto periodo minimo di quattro settimane non può essere sostituito dalla relativa indennità per ferie non godute salvo il caso di risoluzione del rapporto di lavoro.
  • 97. Art. 21 CCNL 1994/1997: Ferie annuali 32 giorni di ferie + 4 gg per le festività soppresse Per i neo assunti nei primi 3 anni: 30 gg di ferie + 4 gg per le festività soppresse Nel caso che presso la struttura cui il dirigente è preposto lorario settimanale di lavoro sia articolato su cinque giorni, il sabato è considerato non lavorativo ed i giorni di ferie spettanti ai sensi dei commi 1 e 2 sono ridotti, rispettivamente, a 28 e 26 … Esse sono fruite anche frazionatamente, nel corso di ciascun anno solare in periodi programmati dallo stesso dirigente nel rispetto dell’assetto organizzativo dell’Azienda o Ente; in relazione alle esigenze connesse all’incarico affidato alla sua responsabilità, al dirigente è consentito di norma il godimento di almeno 15 giorni continuativi di ferie nel periodo dal 1 giugno al 30 settembre.
  • 98. Art. 21 CCNL 1994/1997:Ferie annuali In caso di indifferibili esigenze di servizio o personali che non abbiano reso possibile il godimento delle ferie nel corso dell’anno, le ferie dovranno essere fruite entro il primo semestre dell’anno successivo. La ricorrenza del Santo Patrono della località in cui il dirigente presta servizio è considerata giorno festivo purché ricadente in giorno lavorativo. Nellanno di assunzione o di cessazione dal servizio la durata delle ferie è determinata in proporzione dei dodicesimi di servizio prestato. La frazione di mese superiore a quindici giorni è considerata a tutti gli effetti come mese intero.
  • 99. Art. 21 CCNL 1994/1997:Ferie annuali In caso di rientro anticipato dalle ferie per necessità di servizio, il dirigente ha diritto al rimborso delle spese documentate per il viaggio di rientro in sede e per quello di eventuale ritorno al luogo di svolgimento delle ferie, nonché allindennità di missione per la durata del medesimo viaggio; il dirigente ha inoltre diritto al rimborso delle spese anticipate e documentate per il periodo di ferie non goduto. Le ferie sono sospese da malattie che si siano protratte per più di 3 giorni o abbiano dato luogo a ricovero ospedaliero. Lazienda o ente, cui è inviata la relativa certificazione medica, deve essere tempestivamente informata. In caso di indifferibili esigenze di servizio o personali che non abbiano reso possibile il godimento delle ferie nel corso dellanno, le ferie dovranno essere fruite entro il primo semestre dellanno successivo. Il periodo di ferie non è riducibile per assenze per malattia o infortunio, anche se tali assenze si siano protratte per lintero anno solare. In tal caso, il godimento delle ferie avverrà anche oltre il termine di cui al comma precedente.
  • 100. Orario di lavoro, piani di lavoro e budget Lineamenti essenziali
  • 101. Calcolo del debito orario1. Orario contrattuale corrispondente all’orario istituzionalmente dovuto e così articolato: Orario per attività assistenziale (34 ore/settimana): è l’orario destinato a garantire le attività indicate all’art. 14 comma 1, concordate annualmente con le procedure di budget; orario per attività non assistenziali (4 ore/settimana): è l’orario destinato all’aggiornamento professionale, all’ECM, alla ricerca finalizzata, alla didattica; orario di cui all’art. 14, comma 5 (30 minuti decurtati dalle 4 ore per attività non assistenziali), destinato a richiesta dell’Azienda, con le procedure di budget, all’abbattimento delle lista d’attesa o al perseguimento di altri obiettivi assistenziali e di prevenzione.2. Orario straordinario effettuabile esclusivamente in regime di PD lavorata, guardia o per eventi eccezionali nei quali si riconduce lo straordinario (art. 28 del CCNL integrativo 10/2/2004 e art. 16 del CCNL 3/11/2005);3. Orario per attività aggiuntive sono quelle effettuabili secondo gli istituti contrattuali previsti dagli articoli: 55, c. 2 del CCNL 8/6/2000; 18 del CCNL 3/11/2005; 14, c. 6 del CCNL 3/11/2005;
  • 102. Calcolo del debito orario annuale per le attività assistenzialiN° DESCRIZIONE TIPOLOGIA ORE ORE TOTALE TOLTE DEBITO1 Orario contrattuale (38 ore x 52 settimane) 1976 19762 Ferie + festività soppresse + festività 291 291 1685 infrasettimanali (32 + 4 + 10 = 46 gg x 6,33)3 8 gg assenze retribuite (congedo 50 50 1635 straordinario)4 40 minuti/die per attività non assistenziali x 173 173 1462 259 giornate lavorative (365 – 106)5 Totale debito orario contrattuale generale x anno 1462A 15 gg di congedo radiologico 94 94 1368B 8 gg di congedo anestesiologico 50 50 1412
  • 103. Assenze retribuite Articolo 23 CCNL 1994/19971. Il dirigente può assentarsi nei seguenti casi:- partecipazione a concorsi od esami, limitatamente ai giorni di svolgimento delle prove,ovvero partecipazione a convegni, congressi o corsi di aggiornamento, perfezionamentoo specializzazione professionale facoltativi, connessi allattività di servizio: giorni ottoallanno;- lutti per coniuge, convivente, parenti entro il secondo grado ed affini entro il primogrado: giorni tre consecutivi per evento;- particolari motivi personali e familiari, compresa la nascita di figli: 3 giorni allanno.2. Il dirigente ha altresì diritto ad assentarsi per 15 giorni consecutivi in occasione dimatrimonio.3. Le assenze di cui ai commi 1 e 2 sono cumulabili nellanno solare e non riducono leferie e sono valutate agli effetti dellanzianità di servizio.4. Durante i predetti periodi di assenza al dirigente spetta la retribuzione di cui allatabella allegato 4.5. I permessi previsti dallart. 33, commi 2 e 3, della legge 104/92, non sono computatiai fini del raggiungimento del limite fissato dai precedenti commi e non riducono le ferie.6. Il dirigente ha altresì diritto ad assentarsi, con conservazione della retribuzione, neglialtri casi previsti da specifiche disposizioni di legge.7. Le aziende ed enti favoriscono la partecipazione dei dirigenti alle attività delleAssociazioni di volontariato di cui alla legge 11 agosto 1991, n. 266 ed al regolamentoapprovato con D.P.R. 21 settembre 1994, n. 613 per le attività di protezione civile.8. Il presente istituto sostituisce la precedente disciplina legislativa e contrattuale delcongedo straordinario, a decorrere dalla data di entrata in vigore del presente contratto.
  • 104. Calcolo debito orario Tale monte ore è utilizzabile come unità di misura: per la programmazione delle attività istituzionali; per il conseguente calcolo della dotazione organica necessaria per la loro effettuazione; per la definizione del piano di lavoro su base mensile e annuale della singola Unità Operativa e si costituisce come parte integrante della metodologia per la definizione del budget per l’anno di riferimento.
  • 105. Calcolo dei carichi di lavoro per un’Unità Operativa di Medicina InternaCARICHI DI LAVORO MEDICO: POSSIBILI PARAMETRI E CRITERI DI VALUTAZIONE(**)PARAMETRO VALUTAZIONEAssistenza alla degenza Ore di assistenza in reparto sulle 12 ore diurne.(Standard FADOI minuti per giornata di ricovero da: un minimo di 24 ad un massimo di 30)Attività Dh/Ds Ore giornaliere di attivitàConsulenze Ore giornaliere assorbite (Standard : 30 minuti se interna; con percorrenza temporizzata se esterna)Attività ambulatoriali: Ore giornaliere assorbite (Standard:20/30 minuti per prestazione strumentale e per visita di controllo. 30 minuti per 1 visita)Attività guardia Ore effettive anno (24 ore x 365= 8760)Attività Ore /anno: percentuali variabili secondo la complessità della funzione (incarico professionale, incarico ad alta specializzazione, struttura semplice,gestionale/organizzativa struttura complessa, dipartimento)Attività di aggiornamento Formazione ed ECM da quantificare in rapporto ai crediti previsti per anno: budget di circa 170 ore /anno(**) lo schema ha un valore puramente indicativo, di suggerimento metodologico.
  • 106. Metodologia di budget1. l’organizzazione del lavoro stabilita all’interno dell’azienda e/o dell’area funzionale o dipartimento e le sue ricadute all’interno dell’unità operativa;2. la domanda assistenziale prevista;3. gli obiettivi regionali e/o aziendali;4. la tipologia delle prestazioni richieste;5. l’impegno professionale e tecnico necessario per ciascuna tipologia di prestazione;6. il livello tecnologico esistente;7. le linee guida esistenti in merito alla qualità delle prestazioni;8. il piano di lavoro attuato all’interno dell’unità operativa, preventivamente concordato con la Direzione Sanitaria o il Dipartimento;9. i volumi prestazionali eseguiti l’anno precedente nell’orario di lavoro annuale disponibile per compiti assistenziali di istituto dell’intera unità operativa, come definito precedentemente, rapportati alle condizioni organizzative, anche in termini di dotazione organica e alle tecnologie esistenti;10.le criticità emerse l’anno precedente a consuntivo sui volumi prestazionali attesi;11.gli eventuali “tempari delle prestazioni” proposti dalle Società Scientifiche o conseguenti ad analisi statistiche attendibili eseguite con il metodo del “benchmarking”.