Laboratorio di benchmarking

451 views
404 views

Published on

Published in: Education
0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
451
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
6
Actions
Shares
0
Downloads
7
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Laboratorio di benchmarking

  1. 1. Controllo strategico<br />Rete per la diffusione del Controllo di Gestione negli enti locali<br />Laboratorio di benchmarking:“Il miglioramento a partire dal confronto: condividere l’esperienza 2009”<br />
  2. 2. Il progetto nasce dalla rete per la diffusione del Controllo di gestione, in ottica strategica, negli enti locali promossa dal Comune di Pordenone<br />In provincia di Pordenone<br />Comune di Pordenone (comune capofila)<br />Comune di Roveredo in Piano                                             Comune di ManiagoComune di PorciaComune di Prata di PordenoneComune di SacileComune di BrugneraComune di Fiume VenetoComune di MonterealeValcellinaComune di Sesto al ReghenaComune di Aviano<br />In provincia di Udine<br />Comune di Majano<br />In provincia di Gorizia<br />Comune di CormonsComune di Monfalcone<br />In provincia di Trieste:<br />Comune di San Dorligo della ValleComune di Muggia<br />Fuori regione Friuli Venezia Giulia<br />Comune di Portogruaro (VE)Comune di Spinea (VE)Comune di Dolo (VE)<br />Comuni che hanno espresso volontà di convenzionarsi nel 2010<br />Comune di Spilimbergo (PN)<br />Comune di San Donà (VE)Comune di Ortona (CH)<br /><ul><li> 19 enti aderenti +3 nel 2010</li></ul>- Bacino: 360 mila residenti<br />
  3. 3. I problemi affrontati<br />Il progetto rappresenta l’attuazione in itinere di un più ampio piano di cambiamento che ha come oggetto la diffusione del Controllo di Gestione e del Controllo strategico come strumenti di governo e di guida dell’ente locale<br />Obiettivi<br /><ul><li>costituire, in via sperimentale, un laboratorio per la valutazione comparata della performance e del posizionamento degli enti,aderenti alla rete per la promozione del Controllo di Gestione,rispetto ai principali indicatori delle attività gestite;
  4. 4. favorire l’individuazione e la diffusione delle buone pratiche da emulare;
  5. 5. miglioramento delle pratiche di rilevazione e rendicontazione negli enti.</li></li></ul><li>Soluzioni adottate (I)<br /><ul><li>comparazione delle performance e del posizionamento degli enti;
  6. 6. i dati, elaborati nel corso del 2009, sono riferiti all’esercizio2008;
  7. 7. la fonte principale è la contabilità finanziaria degli enti derivante dalla consuntivazione del P.e.g. (software GesPeg), opportunamente adattata per rispondere al quesito: quando sto spendendo per……?
  8. 8. ove possibile sono state escluse le gestioni svolte per altri enti;
  9. 9. non viene considerata la posta degli ammortamenti;</li></li></ul><li>Soluzioni adottate (II)<br /><ul><li>gli indicatori di performance sono raffrontati per fasce di enti omogenee sulla base dei residenti;
  10. 10. si considera l’interaspesa corrente e alcune poste della spesa investimento;
  11. 11. per alcune attività viene specificata la tipologia di servizio offerto al fine di garantire un raffronto omogeneo;
  12. 12. un progetto a costo zero per gli enti (salvo ovviamente il lavoro interno svolto per il reperimento e l’elaborazione dei dati).</li></li></ul><li>Soluzioni adottate (III)<br />Le fasce demografiche<br />Bacino residenti: 222.020<br />*Sono stati considerati per alcuni servizi anche i cittadini Americani anche se non residenti<br />
  13. 13. Soluzioni adottate (IV)<br />La struttura del report<br />Dati generali riferiti all’interno dell’ente;<br />Servizi per il funzionamento amministrativo dell’ente;<br />Servizi istituzionali al cittadino;<br />Servizi al cittadino;<br />Servizi economici a carattere produttivo;<br />I parametri di calcolo degli indicatori.<br />
  14. 14. I risultati raggiunti<br /><ul><li>Possibilità per gli enti partecipanti di confrontarsi su una batteria di 150 indicatori di performance individuati su tutte le principali attività gestite dall’ente locale.
  15. 15. Favorire la diffusione delle buone pratiche con un recupero di efficienza, di efficacia e di qualità anche per gli altri enti.</li></li></ul><li>I fattori di successo<br />Sperimentarela condivisio-ne di esperienze ed acquisi-re consapevolezza sul proprio posizionamento <br />Migliorare la qualità delle rilevazioni ed essere sempre più di supporto alle azioni di pianificazione e controllo<br />Coordinare adeguatamente l’impiego dei fattori produttivi e delle risorse umane impegnate a garantire il miglior servizio ai Cittadini<br />Operare scelte politiche con maggiore consapevolezza<br />
  16. 16. Le criticità incontrate<br /><ul><li>la contabilità finanziaria non è lo strumento più idoneo a misurare la performance;
  17. 17. sono emerse, in diversi enti, numerose difficoltà per calcolare le effettive risorse assorbite dalle principali attività, si tratta di “valore” che stenta ancora a radicarsi negli enti: da valutare se esso merita maggiore attenzione e risorse dedicate;
  18. 18. alcuni enti non hanno potuto aderire per problemi interni legati al cambio di amministrazione, segretario, ecc., contiamo sulla loro partecipazione al progetto 2010.</li></li></ul><li>Per informazioni<br />Il report dei risultati del progetto è disponibile su:<br />http://www.comune.pordenone.it/comune/strutture/uffici/controllodigestione/rete/benchmarking<br />Loris Canale<br />Responsabile U. O. CONTROLLI INTERNI<br />Controllo Strategico – Controllo di Gestione – Statistica<br />COMUNE DI PORDENONE<br />C.so Vittorio Emanuele II, 60<br />33170 Pordenone – Tel. 0434 392332 – Fax 0434 241583<br />e-mail: loris.canale@comune.pordenone.it<br />

×