Di reputazione,crisi, diagnosi emedicine.Gianluca Diegoliwww.minimarketing.it
Solo le aziende potevano “parlare”
Contro il passaparola vocale, si vinceva facile.
“Negare qualsiasi problema.”
nuove regole
primo, le personepossono parlarefacilmente edirettamente tra loro
secondo, che il canaledi trasmissione non è piùconcentrato, semplice econtrollabile
Tutto avviene in tempo reale
Non si cancella (più) nulla
(quasi) tutto è pubblico, 24/7/365
La reputazione si modifica continuamente tramitemicroconversazioni online.
Social media crisis                 Foto di @lyonora
La tirannia dellatrasparenza
Un racconto di @mizioblog (http://www.mizioblog.com/?p=1335)
“Mio padre ha fatto tre naufragi.Uno di questi, quello con la Federico Costa,come dinamica è simile a quello del 13gennaio...
“Ho cercato su internet qualcosa cheparlasse del naufragio della Federico Costa.Non ho trovato niente. [...]Quello che so ...
“Di fronte al potere di informare che oggi hala gente, anche la comunicazione deibrand è molto vulnerabile. [...]Purtroppo...
“Oltre che finire sugli scogli, la compagnia si è infrantacontro un fenomeno che è di grande attualitàin comunicazione: la ...
Un’altra breve storia. Mia, stavolta.
Nel 2000 lavoravo per un’azienda che aveva200 dipendenti.
Un anno dopo, eravamo rimasti in 50.
Di noi, si era occupata solo l’edizione localedel Carlino Bologna, in Cronaca. 20 righe.
2012: OMSA licenzia 239 lavoratrici aFaenza, la produzione va in Serbia.
Le persone in aziende sono MEDIA.
Compriamo e vendiamo sempre più lanostra reputazione, non il nostroprodotto.
La verità è la sfida più impegnativa che dovràaffrontare l’uomo di comunicazione delfuturo. (http://www.mizioblog.com/?p=13...
GianlucaDiegolistrategist[mini]marketinggianluca@diegoli.comwww.minimarketing.it
Di reputazione, crisi, diagnosi e medicine.
Di reputazione, crisi, diagnosi e medicine.
Di reputazione, crisi, diagnosi e medicine.
Di reputazione, crisi, diagnosi e medicine.
Di reputazione, crisi, diagnosi e medicine.
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Di reputazione, crisi, diagnosi e medicine.

2,491

Published on

la mia presentazione al social recruiting forum 2012.

Published in: Business
4 Comments
9 Likes
Statistics
Notes
No Downloads
Views
Total Views
2,491
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
2
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
4
Likes
9
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Transcript of "Di reputazione, crisi, diagnosi e medicine."

  1. 1. Di reputazione,crisi, diagnosi emedicine.Gianluca Diegoliwww.minimarketing.it
  2. 2. Solo le aziende potevano “parlare”
  3. 3. Contro il passaparola vocale, si vinceva facile.
  4. 4. “Negare qualsiasi problema.”
  5. 5. nuove regole
  6. 6. primo, le personepossono parlarefacilmente edirettamente tra loro
  7. 7. secondo, che il canaledi trasmissione non è piùconcentrato, semplice econtrollabile
  8. 8. Tutto avviene in tempo reale
  9. 9. Non si cancella (più) nulla
  10. 10. (quasi) tutto è pubblico, 24/7/365
  11. 11. La reputazione si modifica continuamente tramitemicroconversazioni online.
  12. 12. Social media crisis Foto di @lyonora
  13. 13. La tirannia dellatrasparenza
  14. 14. Un racconto di @mizioblog (http://www.mizioblog.com/?p=1335)
  15. 15. “Mio padre ha fatto tre naufragi.Uno di questi, quello con la Federico Costa,come dinamica è simile a quello del 13gennaio.Il Comandante dell’epoca passò troppovicino alla costa perché voleva fare degliscatti fotografici, era un appassionato difotografia, prese gli scogli e iniziò a imbarcareacqua.”
  16. 16. “Ho cercato su internet qualcosa cheparlasse del naufragio della Federico Costa.Non ho trovato niente. [...]Quello che so sulla Federico Costa loconosco solo attraverso i racconti di miopadre.”
  17. 17. “Di fronte al potere di informare che oggi hala gente, anche la comunicazione deibrand è molto vulnerabile. [...]Purtroppo anche il più grande genio delle PRè impotente di fronte alle notizie,crudemente documentate, che escono fuoriin continuazione.”
  18. 18. “Oltre che finire sugli scogli, la compagnia si è infrantacontro un fenomeno che è di grande attualitàin comunicazione: la trasparenza, cioè il bisognodi dire la verità.”
  19. 19. Un’altra breve storia. Mia, stavolta.
  20. 20. Nel 2000 lavoravo per un’azienda che aveva200 dipendenti.
  21. 21. Un anno dopo, eravamo rimasti in 50.
  22. 22. Di noi, si era occupata solo l’edizione localedel Carlino Bologna, in Cronaca. 20 righe.
  23. 23. 2012: OMSA licenzia 239 lavoratrici aFaenza, la produzione va in Serbia.
  24. 24. Le persone in aziende sono MEDIA.
  25. 25. Compriamo e vendiamo sempre più lanostra reputazione, non il nostroprodotto.
  26. 26. La verità è la sfida più impegnativa che dovràaffrontare l’uomo di comunicazione delfuturo. (http://www.mizioblog.com/?p=1335)
  27. 27. GianlucaDiegolistrategist[mini]marketinggianluca@diegoli.comwww.minimarketing.it

×