Presentazione del Liceo Scientifico di Montepulciano 2008/2009

  • 2,229 views
Uploaded on

 

More in: Education
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
2,229
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0

Actions

Shares
Downloads
6
Comments
0
Likes
0

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. Il Liceo Scientifico “ANTONIO DA SANGALLO” Il Liceo Scientifico intitolato all’architetto Antonio da Sangallo, nasce a Montepulciano negli anni ’60 per sopperire alle nuove esigenze formative e culturali emerse sia a livello locale che in ambito nazionale, ed anche per rispondere operativamente alle innovazioni tecnologiche in atto a partire da quegli anni. Guadagna progressivamente importanza nel territorio fino a diventare autonomo verso la metà degli anni ’70, quando la progressiva modernizzazione di una società fino ad allora prevalentemente agricola fa rapidamente crescere la domanda di una proposta culturale non immedia- tamente professionale, né genericamente formativa. Ancor oggi l’offerta formativa proposta dal Liceo Scientifico appare piena- mente idonea alla preparazione di un giovane dell’attuale società, perchè si caratterizza per la completezza di una cultura aperta ai valori umani così come al metodo del rigore scientifico. 11
  • 2. GLI OBIETTIVI FORMATIVI Il Liceo Scientifico punta a una preparazione che sviluppi tutte le potenzialità dell’ individuo, della sua personalità e della sua autonomia di giudizio, in modo che si predisponga quelle conoscenze di base e di abilita strumentali che poi saranno riutilizzabili e spendibili nel mondo del lavoro o nel proseguimento degli studi universitari. Si tratta di favorire attraverso il confronto con l’esperienza umana, sociale e scientifica maturata nel corso dei secoli, la ricerca e l’acquisi- zione da parte degli studenti di una identità culturale e sociale capace di rece- pire appieno le sollecitazioni derivanti dal confronto con i problemi del presente e la realtà esterna in genere. La collaborazione con le famiglie è considerata fattore prezioso per il raggiungimento di tali obiettivi. GLI INDIRIZZI DI STUDIO Il nostro Liceo, attraverso una serie di innovazioni di grande spessore culturale, come l’adesione, tra le prime scuole d’ Italia, al Piano Nazionale di Informatica (PNI), e la creazione del corso bilingue, oggi risulta articolata nei seguenti indirizzi: un corso tradizionale, un corso bilingue e un corso matematico-informatico-fisico. La formula educativa del liceo scientifico si fonda su un piano di studi completo caratterizzato dall’attenzione rivolta sia alle discipline scientifiche che a quelle umanistiche, un coordinamento delle innovazioni tramite l’applicazione dei siste- mi multimediali come strumento di conoscenza, una formazione a livello europeo che considera le lingue straniere come indispensabile veicolo di comunicazione. I corsi propongono inoltre un cospicuo monte orario di discipline umanistiche, integrate dalla partecipazione a iniziative teatrali, a convegni culturali e a certa- mina, interni ed esterni all’Istituto. 12
  • 3. ARTICOLAZIONE DEL CURRICULUM Il biennio è caratterizzato dallo studio di materie umanistiche (italiano, lati- no, storia, geografia, storia dell’arte), discipline scientifiche (matematica, fisi- ca, scienze), lingue straniere (inglese e francese), con l’attenzione rivolta anche al disegno geometrico. Il lavoro svolto al biennio, oltre ad essere pro- pedeutico all’acquisizione delle competenze specifiche dell’indirizzo, ne anticipa alcune proprie del triennio, come la letteratura italiana, la cui trat- tazione viene già iniziata nella classe seconda. Tale iniziativa mira a diluire la complessità del programma in quattro anni, anziché in tre, al fine di agevo- larne il completamento nella classe terminale. Lo studio del latino, che mira soprattutto all’acquisizione delle conoscenze tecniche della lingua, prepa- ra, attraverso attività di laboratorio, alla traduzione dei classici, specificità propria del triennio insieme alla letteratura. In particolare l’insegnamento del latino si rivela utile nell’apprendimento delle altre materie, perché costi- tuisce una insostituibile “palestra mentale” per qualsiasi operazione logica e di astrazione. Il triennio poi si configura come prosecuzione e approfondimento dei saperi già oggetto di studio nel biennio, nonché come attivazione dello studio di nuove discipline come la filosofia e la fisica, comunque già presente fin dalla classe seconda del corso sperimentale PNI. 13
  • 4. QUADRO ORARIO DEL CORSO ORDINARIO I II III VI V Religione 1 1 1 1 1 Italiano 4 4 4 3 4 Latino 4 5 4 4 3 Inglese 3 4 3 3 4 Storia 3 2 2 2 3 Geografia 2 - - - - Filosofia - - 2 3 3 Matematica 5 4 3 3 3 Fisica - - 2 3 3 Scienze - 2 3 3 2 Disegno e arte 2 2 2 2 2 Ed. Fisica 2 2 2 2 2 Totale ore 26 26 28 29 30 14
  • 5. QUADRO ORARIO DEL CORSO P.N.I. I II III VI V Religione 1 1 1 1 1 Italiano 4 4 4 3 4 Latino 4 5 4 4 3 Inglese 3 4 3 3 4 Storia 3 2 2 2 3 Geografia 2 - - - - Filosofia - - 2 3 3 Matematica 5 5 5 5 5 Fisica 3 3 3 3 3 Scienze - 2 3 3 2 Disegno e arte 2 2 2 2 2 Ed. Fisica 2 2 2 2 2 Totale ore 29 30 31 31 32 15
  • 6. QUADRO ORARIO DEL CORSO BILINGUE I II III VI V Religione 1 1 1 1 1 Italiano 4 4 4 3 4 Latino 4 5 4 4 3 Inglese 4 4 3 3 3 Francese 3 3 3 3 3 Storia 3 2 2 2 3 Geografia 2 - - - - Filosofia - - 2 3 3 Matematica 5 4 3 3 3 Fisica - - 2 3 3 Scienze - 2 3 3 2 Disegno e arte 2 2 2 2 2 Ed. Fisica 2 2 2 2 2 Totale ore 30 29 31 32 32 16
  • 7. LE ATTIVITÀ PREVISTE DAL P.O.F. DEI LICEI POLIZIANI Nell’ambito dell’autonomia scolastica, ogni Istituto redige il proprio Piano dell’Offerta formativa (POF), che ciascuno può consultare e nel quale ven- gono indicate tutte le attività curriculari ed extracurriculari che si svolgono nel corso dell’anno scolastico. Tali iniziative che integrano e supportano il normale svolgimento dei programmi, costituiscono per i giovani un notevole arricchimento umano e culturale. Il polo scolastico dei Licei Poliziani ha organizzato per il presente e i prossimi anni una ampia di attività che posso- no riassumersi nel modo seguente: ATTIVITÀ DI SOSTEGNO ALLA DIDATTICA • Interventi didattici educativi ed integrativi (IDEI) per gli alunni in difficoltà in una o più discipline. • Sportello didattico, realizzato nelle ore pomeridiane, per precisazione o approfondimento di argomenti curriculari. • Partecipazione a convegni di studio esterni. • Conferenze e lezioni supplementari tenute sia da docenti interni dei Licei che da studiosi esterni. CERTIFICAZIONE LINGUISTICA I nostri alunni hanno la possibilità di conseguire la certificazione linguistica in inglese (PET e FIRST), in francese (DELF). Tale certificazione costituisce credito formativo riconosciuto presso le università italiane ed estere o nel mondo del lavoro. Sono attivati appositi corsi pomeridiani. ECDL (EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE) Il liceo organizza ogni anno corsi di formazione ed esami per il consegui- mento della patente per il computer, riconosciuta a livello europeo dalle università e dal mondo del lavoro. 17
  • 8. ATTIVITÀ SPORTIVE • Settimana sportiva di attività sciistica fuori sede, nel periodo invernale, in località montana • Tornei interni di pallavolo e altri sport • Partecipazione ai Campionati Studenteschi, provinciali e regionali, di atletica leggera e di nuoto ATTIVITÀ CULTURALI • Viaggi e visite di istruzione in Italia e all’estero • Realizzazione delle Settimane della Cultura Scientifica e Tecnologica, di cui la nostra scuola è promotrice per l’intero territorio ALTRE ATTIVITÀ • Attività teatrale, collegata con il Cantiere Internazionale d’Arte di Montepulciano, con la realizzazione di uno spettacolo da parte degli alunni, sotto la guida di un regista professionista. • Partecipazione alle Olimpiadi di Matematica e Fisica e ai Certamina di latino, di greco e di inglese • Partecipazione a concorsi di poesia e narrativa in lingua italiana • Consulenza e prevenzione (problematiche giovanili in collaborazione con l’ASL) • Corsi preparatori all’esame di abilitazione alla guida del ciclomotore ORIENTAMENTO • Par tecipazione al progetto “POMUS”: Progetto Or ientamento Metodologico pre-Universitario per l’area Scientifica • Collaborazione con il Centro per l’Impiego e agenzie formative del territorio 18
  • 9. A CHI RIVOLGERSI PER INFORMAZIONI E CONSIGLI Nel caso in cui tu fossi interessato/a ad iscriverti ai Licei Poliziani, o volessi comunque ricevere informazioni più dettagliate rispetto a quelle contenute in questo depliant, puoi rivolgerti ai docenti, che, ciascuno per il proprio set- tore di attività, sono a tua disposizione per chiarire ogni dubbio. Gli alunni e le loro famiglie possono visitare i Licei Poliziani nei mesi di novem- bre, dicembre e gennaio negli orari già comunicati alle scuole medie. In tali occasioni potranno incontrare i docenti e avere ulteriori chiarimenti. Alcune scuole medie organizzano uscite di orientamento nelle ore del mat- tino per vedere la scuola durante il suo funzionamento. Per informazioni di tipo amministrativo (strutture, orari, tasse scolastiche ecc.) gli interessati possono r ivolger si agli uffici della sede del Liceo a Montepulciano in via San Martino, tel. 0578 758228 - 0578 758785 con il seguente orario: lunedì, giovedì, sabato ore 8:00 - 10:30 martedì, mercoledì, venerdì ore 11:00 - 13:30 Per informazioni più ampie sulle attività è possibile consultare i seguenti siti web: www.liceipoliziani.com/ www.bccmp.com/maros www.pomus.unisi.it/ www.smfn.unisi.it/smfn/index.php?option=com_content&task=view&id=119&Itemid=58 matematica.uni-bocconi.it/giochiautunno2007/giochiautunno2007.htm www.smfn.unisi.it L’AGENZIA FORMATIVA “A. POLIZIANO” 19
  • 10. L’Agenzia Formativa dell’I.I.S.S. Poliziano è accreditata presso la Regione Toscana dal 2004 per la progettazione e l’erogazione di attività formative per l’obbligo, il post-obbligo e la formazione continua; nel 2005 ha ottenuto la certificazione di qualità UNI EN ISO 9001:2000 rilasciata dall’ente certifi- catore britannico DAS Certification e confermata dalle visite ispettive annuali. Tra gli obiettivi che AGENZIA FORMATIVA “A. POLIZIANO” si prefigge di conseguire vi sono i seguenti: 1. Promuovere la diffusione della cultura della formazione continua prestan- do particolare attenzione alle problematiche di apprendimento in età adulta 2. Favorire l’emergere di metodologie formative di qualità e di progetti spe- rimentali 3. Contribuire alla ricerca ed allo sviluppo della formazione 4. Promuovere forme di collaborazione ed integrazione tra soggetti diffe- renti e/o simili che si occupino di formazione secondo standard di qualità elevata. 5. Promuovere la formazione dei formatori, degli orientatori, degli insegnan- ti, degli educatori. 6. Contribuire e sostenere l’innovazione in formazione, nell’educazione e nella scuola. 7. Caratterizzarsi per una peculiare attenzione ad utenze giovani (età sco- lare, ragazzi in obbligo formativo, apprendisti). Fra le attività più significative realizzate dall’Agenzia sono da segnalare: • Il progetto Sestante: due percorsi formativi biennali finanziati dalla Regione Toscana e rivolti a una classe della sezione scientifica (“Computer grafica”) e ad una classe della sezione linguistica (“Addetto all’Ufficio Turistico”). • La progettazione ed erogazione di corsi di inglese per la formazione continua : “Inglese per una riqualificazione professionale”. Per la frequen- za di tali corsi l’Amministrazione Provinciale ha assegnato dei voucher. • La progettazione ed erogazione di corsi di preparazione alle certificazio- ni esterne di lingue (PET e First per l’inglese, DELF per il francese e FIT per il tedesco) per gli alunni del liceo e per la formazione continua. • La progettazione ed erogazione di corsi di informatica per il consegui- mento della Patente Europea del Computer (ECDL). • La collaborazione con altre Agenzie Formative del territorio per l’eroga- zione e la logistica in corsi di formazione per apprendisti. • La partecipazione in partenariato con altre Agenzie Formative del terri- torio a bandi dell’Amministrazione Provinciale per il finanziamento di pro- getti formativi. 20