Your SlideShare is downloading. ×
0
Rimed primo incontro risultati 19.10.2010
Rimed primo incontro risultati 19.10.2010
Rimed primo incontro risultati 19.10.2010
Rimed primo incontro risultati 19.10.2010
Rimed primo incontro risultati 19.10.2010
Rimed primo incontro risultati 19.10.2010
Rimed primo incontro risultati 19.10.2010
Rimed primo incontro risultati 19.10.2010
Rimed primo incontro risultati 19.10.2010
Rimed primo incontro risultati 19.10.2010
Rimed primo incontro risultati 19.10.2010
Rimed primo incontro risultati 19.10.2010
Rimed primo incontro risultati 19.10.2010
Rimed primo incontro risultati 19.10.2010
Rimed primo incontro risultati 19.10.2010
Rimed primo incontro risultati 19.10.2010
Rimed primo incontro risultati 19.10.2010
Rimed primo incontro risultati 19.10.2010
Rimed primo incontro risultati 19.10.2010
Rimed primo incontro risultati 19.10.2010
Rimed primo incontro risultati 19.10.2010
Rimed primo incontro risultati 19.10.2010
Rimed primo incontro risultati 19.10.2010
Rimed primo incontro risultati 19.10.2010
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

Rimed primo incontro risultati 19.10.2010

270

Published on

Published in: Business
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
270
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
1
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. Progetto RIMED – Fasi IV e V Realizzazione di un progetto pilota in materia di Responsabilità Sociale d’Impresa e diffusione dei risultati raggiunti PRIMA RESTITUZIONE DEI RISULTATI Roma, 19.10.2010 Project co-financed by European Regional Devolepment Found - ERDF
  • 2. 2 Project co-financed by European Regional Devolepment Found - ERDF INDICE • Cosa abbiamo fatto e cosa stiamo facendo • Cosa è emerso con la ricerca • Che percorso avviare • I prossimi passi
  • 3. 3 Project co-financed by European Regional Devolepment Found - ERDF IL PROGETTO PILOTA: A CHE PUNTO SIAMO ANALISI RISULTATI RIMED E AFFINAMENTO METODOLOGIA RILEVAZIONE INDIVIDUAZIONE E SELEZIONE DELLE AZIENDE ELABORAZIONE DATI E LINEE GUIDA ANALISI RISULTATI RIMED E AFFINAMENTO METODOLOGIA RILEVAZIONE INDIVIDUAZIONE E SELEZIONE DELLE AZIENDE ELABORAZIONE DATI E LINEE GUIDA • Analisi risultati Fasi I-III Rimed • Analisi standard, linee guida e documenti programmatici • Individuazione dei KPI • Incontri di coinvolgimento stakeholder • Lancio Pilota • Invio della griglia • Audit mirati • Prima analisi • Seminari formativi con aziende già impegnate in RSI • Workshop con stakeholder • Incontri di condivisione tra le aziende del pilota AttivitàAttività • Griglia di rilevazione con KPI • Campione di minimo 20 aziende • Elaborazione dei dati emersi • Restituzione alle imprese e prima condivisione • Consolidamento delle esperienze del “pilota” • Presentazione dei risultati agli stakeholder • Redazione Linee Guida • Analisi del contesto economico - produttivo territoriale • Identificazione delle aziende da sottoporre al pilota • Griglia e interpretazione • Reportistica • Report degli audit • Testo delle Linee Guida OutputOutput Attività in corso
  • 4. 4 Project co-financed by European Regional Devolepment Found - ERDF IN QUESTI MESI ABBIAMO ATTIVATO UN UFFICIO STAMPA “AD HOC”… OBIETTIVI E ATTIVITÀ • Costruzione di una media list di contatti • Pubblicazioni su mass media un’intervista televisiva: contributo di Dr Pixel? un’intervista radiofonica comunicazione web • Rassegna stampa con monitoraggio continuo sui media contattati e un contributo delle imprese? • Redazione testi, predisposizione e invio di materiali come, ad esempio, schede sintetiche di progetto • Conferenza stampa in occasione dell’evento internazionale
  • 5. 5 Project co-financed by European Regional Devolepment Found - ERDF DESCRIZIONE …E AVVIATO LE ATTIVITÀ DI COMUNICAZIONE ON LINE • Iniziative di comunicazione mirata con i diversi partecipanti del progetto e con i principali stakeholder • Contatto con i principali portali tematici e con i siti delle associazioni di consumatori e di categoria/rappresentanza per la divulgazione di contenuti, news e materiali: contributo di Consumedia? • Un articolo su un house organ di associazioni di consumatori: contributo di Consumedia? • Creazione/consolidamento di una rete di relazioni • Sviluppo newsletter di progetto • Elaborazione contenuti sito web • Articoli web su portali di interesse
  • 6. 6 Project co-financed by European Regional Devolepment Found - ERDF I PRIMI RISULTATI: IL SITO WEB DI PROGETTO… • Italiano e inglese • Sezioni tematiche • News ed eventi • Galleria fotografica • Area riservata per la condivisione di: – materiali – esperienze – buone pratiche
  • 7. 7 Project co-financed by European Regional Devolepment Found - ERDF …E LE PRIME PUBBLICAZIONI News su canali mobile Pubblicazione news su portale tematici News su siti web generalisti Newsletter per i soci dell’Associazioni
  • 8. 8 Project co-financed by European Regional Devolepment Found - ERDF INDICE • Cosa abbiamo fatto e cosa stiamo facendo • Cosa è emerso con la ricerca • Che percorso avviare • I prossimi passi
  • 9. 9 Project co-financed by European Regional Devolepment Found - ERDF LA RILEVAZIONE: I PRINCIPALI “NUMERI” 50 imprese in Europa 24 imprese in Italia 20 audit realizzati 21 stakeholder coinvolti 11 interviste realizzate Community/ NGOs Community/ NGOs Public Agencies Public Agencies Organizations involved Environment Environment Employees Employees Universities/ Researchers Universities/ Researchers Suppliers Suppliers Shareholders Shareholders Trade Unions Trade Unions Employers Associati ons Employers Associati ons Consumers/ Customers Consumers/ Customers Com puter science Pharm aceutical Industry Service to people Com m erce Finance Training ICT Electronic Consulting Cleaning W aste disposal O ther
  • 10. 10 Project co-financed by European Regional Devolepment Found - ERDF DAGLI STAKEHOLDER ComunitàComunità PAPA IMPRESE AmbienteAmbiente PersonalePersonale Università/ Ricerca Università/ Ricerca FornitoriFornitori SociSoci SindacatiSindacati Associazioni di categoria Associazioni di categoria Consumatori/ Clienti Consumatori/ Clienti • I temi prioritari: – gestione della diversità in azienda e strategie di integrazione – mobility management – risparmio energetico e idrico delle sedi – partnership impresa/non profit su ambiti comuni di intervento (“fare rete”) – salute e sicurezza – organizzazione del lavoro • Auspicato un secondo incontro allargato con le imprese, da cui possano nascere progetti per il benessere della “comunità”
  • 11. 11 Project co-financed by European Regional Devolepment Found - ERDF • I valori sono considerati alla base della stessa iniziativa d’impresa cooperativa, ma in pochi casi sono stati codificati • Tutte le cooperative scelgono i nuovi soci sulla base dei una loro adesione valoriale (es. “essere patatracchese”) e in un caso è stata ipotizzata la costituzione di un Comitato Etico parallelo al C.d.A. • In diversi casi la missione deriva unicamente dallo Statuto, ma le imprese che l’hanno formalizzata testimoniano l’abitudine a ridefinirla ciclicamente per “rinnovare” il contatto con la stessa • Gli stakeholder non vengono mappati in maniera strutturata e le iniziative di coinvolgimento si basano su prassi consolidate e relazioni tradizionali • La rendicontazione sociale si presenta spesso in “forme spurie”: alcune imprese hanno avviato percorsi di definizione e monitoraggio di un sistema di indicatori, ma più frequentemente si riscontrano iniziative come pubblicazioni sulla storia della Cooperativa e Relazione di accompagnamento al Bilancio civilistico • Certificazione di qualità diffusa (60% circa), anche perché richiesta dalle gare: quando presente, importanti ricadute in termini di servizio DALLE IMPRESE (1/7) IDENTITÀ, POLITICHE E STRATEGIE
  • 12. 12 Project co-financed by European Regional Devolepment Found - ERDF • La percentuale di lavoratori coperti da CCNL è particolarmente elevata, ma “i rapporti con i sindacati non sono sempre facili”: a un alto tasso di sindacalizzazione non corrisponde una “qualità” percepita delle relazioni • Non mancano le situazioni di precarietà occupazionale, dovute generalmente a difficoltà economico-finanziarie (acuite dalla crisi) • Dal punto di vista organizzativo, particolarmente diffuse risultano le forme di flessibilità orientate al work-life balance, generalmente adottate sulla base di accordi informali, valutati caso per caso – “si cerca di favorire il lavoro vicino a casa” – “le donne in gravidanza, anche se collaboratrici, vengono spesso trasferite sui servizi più semplici e lavorano finché possono” • Favorite le assunzioni locali, soprattutto per i servizi decentrati nel territorio • Diverse le iniziative di formazione, ma “non tutti possono permettersele”: – nei casi più avanzati viene predisposto annualmente un Piano Individuale per ogni socio e collaboratore, nel quale si elabora un progetto di crescita professionale con meccanismi di incentivazione, codificato con obiettivi precisi, indicatori analogici e non, deliberato dall’Assemblea e finanziato attraverso il ristorno DALLE IMPRESE (2/7) LAVORATORI
  • 13. 13 Project co-financed by European Regional Devolepment Found - ERDF • Dal punto di vista delle strutture, non sempre le cooperative possono intervenire con misure dirette: in molti casi, soprattutto per i servizi sociali ed educativi, i locali sono di proprietà pubblica • Viene assicurato il rispetto degli obblighi di legge, ma si segnala che “la sicurezza ha un costo” particolarmente oneroso • Non è previsto alcun accordo formale con i sindacati su queste tematiche • Bassissimo tasso d’infortuni • Formazione su salute e sicurezza erogata, ma limitata soprattutto nelle realtà più piccole e maggiormente caratterizzate da difficoltà di bilancio • Alcune imprese hanno avviato iniziative di analisi del rischio e misure per la prevenzione del born-out – in alcune cooperative di servizi socio-educativi, ad esempio, vengono fatte supervisioni periodiche per rilevare possibili criticità, con incontri mensili rivolti agli operatori e ai coordinatori dei servizi DALLE IMPRESE (3/7) SALUTE E SICUREZZA
  • 14. 14 Project co-financed by European Regional Devolepment Found - ERDF • In tutti i momenti di cambiamento si cerca sempre di garantire la “dignità del lavoro” • Ogni cambiamento è valutato nella sua sostenibilità e nei suoi diversi impatti: molte imprese adottano “come per i bambini, la strategia dei piccoli passi” • Se nelle fasi più delicate alcune imprese hanno riscontrato difficoltà e problemi di rappresentanza con i sindacati, altre hanno organizzato incontri diretti tra lavoratori e loro rappresentanti • Per entrare in nuovi mercati, alcune cooperative provano a diversificare la propria offerta attivando partnership con altri soggetti per la promozione di servizi complementari • Il cambiamento viene spesso interpretato come occasione per “mettere in discussione le competenze”: – alcune organizzano incontri con un supervisore per l’analisi per la valutazione degli sviluppi sulla base delle aspirazioni e delle esigenze individuali • Una cooperativa, in particolare, prevede che tutti i responsabili di commessa siano soci per garantire una maggiore capacità di risposta alle esigenze emergenti e una più marcata flessibilità DALLE IMPRESE (4/7) RISPOSTA AL CAMBIAMENTO
  • 15. 15 Project co-financed by European Regional Devolepment Found - ERDF • La gestione dei fornitori, spesso basata su relazioni consolidate con I “partner storici”, si ispira a un approccio etico, ma non prevede sistemi e requisiti precisi – una sola cooperativa ha adottato una scheda individuale con criteri definiti: puntualità (nella consegna e nella soddisfazione della richiesta), conformità (sistema HCCP, privacy) e reperibilità (accessi telefonici, esaustività delle pubblicazioni, ecc.) • Anche nella selezione dei propri clienti, alcune società seguono criteri etici e di responsabilità sociale • Pratiche diffuse di stakeholder engagement, non particolarmente strutturate dal punto di vista metodologico (es. customer satisfaction, dialogo informale) • Ascolto degli utenti spesso informale, anche se una cooperativa di servizi all’infanzia prevede, ad esempio, giornate a “porte aperte”, incontri individuali e consulenze psicologiche con i genitori e incontri-gioco per la condivisione di attività guidate dai bambini • Alcune società hanno introdotto strumenti per la misurazione dell’efficacia degli interventi: – collaborazione con il CNR fino al 2009 – oggi interrotta - per l’introduzione di un sistema di monitoraggio con l’obiettivo di individuare strumenti per la misurazione della qualità che ha coinvolto genitori (interviste e questionari), coordinatori interni e un coordinatore esterno del servizio comunale DALLE IMPRESE (5/7) MERCATO
  • 16. 16 Project co-financed by European Regional Devolepment Found - ERDF • Nessuna cooperativa ha predisposto sistemi per la gestione e per il monitoraggio degli impatti ambientali • Numerose sono le iniziative di raccolta differenziata e riduzione dei consumi: segnali di attenzione nati sempre in risposta a sollecitazioni individuali e sostenuti da una condivisione valoriale • Rispetto ai fornitori, una cooperativa segnala, ad esempio, l’acquisto di materiali e prodotti orientato a criteri biologici e di rispetto ambientale • Non mancano, inoltre, le scelte volte a mitigare l’impatto ambientale dei servizi: è il caso, abbastanza diffuso, degli automezzi aziendali a metano • Iniziative di sensibilizzazione sul tema ambientale in partnership con altri attori: è il caso di “Diritti al mare”, promossa da una cooperativa di produzione audiovisiva in collaborazione con Verdi Ambiente Società Onlus • Le (poche) realtà più strutturate hanno allestito impianti fotovoltaici e strutture per lo smaltimento di sostanze e gas refrigeranti, ristrutturando le sedi secondo i criteri della bio-architettura DALLE IMPRESE (6/7) AMBIENTE
  • 17. 17 Project co-financed by European Regional Devolepment Found - ERDF • Si riscontra un forte radicamento nel territorio d’appartenenza e sono numerose le partnership attivate con i principali attori locali - enti pubblici, associazioni, università ed enti di ricerca - sviluppate con successo su temi specifici, dall’inclusione sociale alle pari opportunità. Diversi gli esempi: – Coordinamento delle famiglie, votato da un’assemblea di una cooperativa, che dialoga periodicamente con operatori domiciliari e coordinatori – partecipazione al Tavolo sulle politiche educative e scolastiche del proprio Municipio, al Tavolo dei minori e al Forum del Terzo Settore del Comune di Roma – partecipazione alla commissione Pari Opportunità di Legacoop – impegno volontario nelle iniziative culturali portate avanti dagli attori istituzionali nelle periferie cittadine (es. Centro Anziani, Festival delle periferie romane) – Progetto Lazio SiCura per la promozione della cultura della sicurezza attraverso il dialogo, tra il territorio e le istituzioni, le amministrazioni e le associazioni • Ad eccezione della missione di Legacoop a L’Aquila, iniziative di volontariato prevalentemente individuali e sostegno gratuito ad alcuni progetti • La ristrutturazione e il recupero di alcune strutture ha permesso di contribuire alla riqualificazione di alcune aree e di creare ulteriore valore per il territorio DALLE IMPRESE (7/7) COMUNITÀ
  • 18. 18 Project co-financed by European Regional Devolepment Found - ERDF INDICE • Cosa abbiamo fatto e cosa stiamo facendo • Cosa è emerso con la ricerca • Che percorso avviare • I prossimi passi
  • 19. 19 Project co-financed by European Regional Devolepment Found - ERDF CHE PERCORSO AVVIARE… • Quali e quanti aspetti approfondire? • Su quali criticità intervenire? • Su cosa è possibile impegnarsi per poi rendere conto? – rendicontazione sociale? – stakeholder engagement? • Quali le difficoltà e i possibili ostacoli?
  • 20. 20 Project co-financed by European Regional Devolepment Found - ERDF DESCRIZIONE OBIETTIVI ATTIVITÀ E RISULTATI PREVISTI Il documento “Linee Guida” dovrà contenere i risultati della sperimentazione condotta da tutti i partner di progetto (ciascuno nella sua area di riferimento), ma nel contempo rendere conto delle ragioni più profonde che hanno spinto la Provincia a farsi capofila di un’iniziativa di questo tipo, evidenziando l’approccio multi- stakeholder seguito e le sfide future in termini di sviluppo territoriale, stimolo all’innovazione e competitività responsabile. • Massimizzare la diffusione dei risultati • Offrire un documento “usabile” • Gettare le basi per la costruzione di una piattaforma di dialogo con gli attori chiave del territorio e avviare il confronto sulle aspettative • Stesura dei contenuti analitici e sintetici del documento • Pubblicazione versioni integrali delle Linee Guida • Pubblicazione brochure di sintesi • Diffusione Linee guida su supporti multi-mediali …PER ARRIVARE ALLE LINEE GUIDA DI PROGETTO RIMED GUIDELINES Project co-financed by European Regional Devolepment Found - ERDF RIMED GUIDELINES Project co-financed by European Regional Devolepment Found - ERDF Project co-financed by European Regional Devolepment Found - ERDF RIMED GUIDELINES Project co-financed by European Regional Devolepment Found - ERDF RIMED GUIDELINES Project co-financed by European Regional Devolepment Found - ERDF Project co-financed by European Regional Devolepment Found - ERDF
  • 21. 21 Project co-financed by European Regional Devolepment Found - ERDF INDICE • Cosa abbiamo fatto e cosa stiamo facendo • Cosa è emerso con la ricerca • Che percorso avviare • I prossimi passi
  • 22. 22 Project co-financed by European Regional Devolepment Found - ERDF I PROSSIMI PASSI Incontro tra partner europei del progetto Rimed a Salonicco (22 ottobre) Invio della prima newsletter Popolamento sito web Attività di disseminazione Stesura delle Linee guida Incontri con gli stakeholder (roadshow e workshop multi-stakeholder*) Seminari con altre PMI* *segue approfondimento
  • 23. 23 Project co-financed by European Regional Devolepment Found - ERDF INCONTRI CON I PORTATORI DI INTERESSI: WORKSHOP MULTI-STAKEHOLDER IPOTESI ORGANIZZATIVA • Mezza giornata (4 ore circa) di confronto tra le diverse categorie di stakeholder, finalizzata alla condivisione di temi-chiave e aree di miglioramento/azione • Aperti alle imprese del pilota e ai diversi stakeholder coinvolti • Partecipanti (40 max) suddivisi in sotto-gruppi a partecipazione mista a cui verrà chiesto di dare un contributo su temi-chiave stabiliti • Schede tecniche per supportare la discussione in ogni “tavolo” • Presenza di un moderatore • Coinvolgimento dello sponsor istituzionale BA D C APERTURA ISTITUZIONALE IN PLENARIA RITORNO IN PLENARIA PER LA PRESENTAZIONE DEI RISULTATI E CHIUSURA
  • 24. 24 Project co-financed by European Regional Devolepment Found - ERDF GLI INCONTRI CON LE AZIENDE “TESTIMONIAL” Incontri formativi con aziende già impegnate in attività di RSI finalizzati a favorire lo scambio di esperienze e la circolarità dei modelli virtuosi esistenti, lavorando alla costruzione di modelli “esportabili”. SEMINARI Partecipanti previsti: • Imprese del progetto-pilota • Testimonial: piccole e medie imprese italiane • SCS • Provincia di Roma Novembre 2010 (1 incontro) Gennaio 2011 (1 incontro)

×