Your SlideShare is downloading. ×
Volantinoscuderi35anniversariopmli
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

Volantinoscuderi35anniversariopmli

168

Published on

Uniamoci contro il capitalismo, per il socialismo

Uniamoci contro il capitalismo, per il socialismo

Published in: News & Politics
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
168
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. 35° Anniversario della fondazione del Partito marxista-leninista italiano UNIAMOCI CONTRO IL CAPITALISMO, PER IL SOCIALISMO di Giovanni Scuderi * E’ da 35 anni, da quando cioè il 9 Aprile 1977 sviluppo, audit sul debito pubblico, liste civiche, nuovoabbiamo fondato il PMLI, non considerando i 10 anni soggetto politico, ecc.) per ingabbiarli nel capitalismo,precedenti della sua gestazione, che noi battiamo e nelle istituzioni, nel parlamentarismo eribattiamo instancabilmente sullo stesso chiodo: quello nell’elettoralismo borghesi. A essi si affiancano vecchidella lotta contro il capitalismo, per il socialismo. volponi politici che si sono vestiti improvvisamente di L’attuale crisi economica e finanziaria del rosso inneggiando addirittura a Stalin, alla dittatura delcapitalismo, ancor più devastante di quella del 1929, proletariato e alla rivoluzione socialista.che da quattro anni scarica tutti i suoi problemi sulle E’ quindi necessario che gli anticapitalistispalle delle masse popolari e giovanili, comprova la facciano un salto di qualità, rompendo col riformismo egiustezza della strategia del socialismo e la necessità con l’elettoralismo borghese, a cominciare dalledi metterla in pratica. prossime elezioni amministrative di maggio non Attualmente è il capitale finanziario che domina la abbandonando l’astensionismo, e aprendo un discorsoscena, che fa il bello e il brutto tempo, che impone, col PMLI. Checché ne dicano i riformisti di sinistra, ilanche apertamente e senza ritegno, i governi dei “modello novecentesco del partito” è ancora attuale epaesi capitalisti. Come è il caso del governo del vitale. Ogni altro modello, come dimostra la pratica,tecnocrate liberista borghese Monti che è frutto diretto non può che essere di tipo borghese. Basta leggeredella grande finanza e della Ue, con la complicità del qualche opera fondamentale di Marx, Engels, Lenin,nuovo Vittorio Emanuele III, Giorgio Napolitano. Stalin e Mao per capire che l’unica via del proletariato Un golpe bianco senza precedenti che ha messo è quella dell’Ottobre e che l’unico Partito italiano chesotto i piedi la Costituzione del ’48 e il da sempre marcia su questa via è il PMLI. Il disegno diparlamentarismo borghesi. Anche il pareggio di socialismo approvato dal 3° Congresso nazionale delbilancio nella Costituzione e le controriforme delle PMLI celebrato nel dicembre del 1985 ne è una chiarapensioni e del lavoro, appoggiati da PDL, PD e Terzo prova.polo, sono atti golpisti, totalmente al di fuori della Non illudiamoci che dopo Monti ritorni lamassima legge dello Stato e della democrazia “normalità” democratico borghese e che cambi il ventoborghese, così come i progetti della “riforma” a favore del popolo. Ormai la via imboccata dallacostituzionale e della legge elettorale. Essi sono gli classe dominante borghese è irreversibile.ultimi tasselli per completare la seconda repubblica Il proletariato e le forze politiche che neneofascista preconizzata dalla P2 e perseguita dal difendono gli interessi e i bisogni non potranno nonneoduce Berlusconi. stare all’opposizione, al di fuori del parlamento. Di Rispetto alla prima Repubblica, tutto è cambiato sicuro sarà questa la posizione e la collocazione delsui piani istituzionale, economico, sindacale e della PMLI.democrazia. Mentre lottiamo per difendere gli interessi Tutto ciò ha fatto aprire gli occhi alle lavoratrici e immediati delle masse (lavoro, salario, pensioni, casa,ai lavoratori, che hanno già incominciato, anche sanità e istruzione pubbliche e gratuite), perspontaneamente, a scendere in piazza, in particolare respingere la controriforma del lavoro e per cacciar viaper difendere l’articolo 18. Gli anticapitalisti sono in il governo Monti, continuiamo a battere e ribattere ilcontinuo aumento e cresce costantemente la loro chiodo rosso. E’ la nostra identità, è la nostracombattività, purtroppo però non hanno ancora preso missione.coscienza che per liberarsi dal capitalismo l’unica Alle anticapitaliste e agli anticapitalisti, in primosoluzione è quella di abbatterlo e instaurare il luogo alle operaie e agli operai, alle ragazze e aisocialismo. Fuorviati dai riformisti di sinistra, incluse ragazzi, rivolgiamo un caloroso appello: Uniamocialcune correnti trotzkiste, che escogitano sempre contro il capitalismo, per il socialismo! Combattiamo“nuove” formule, organizzazioni e movimenti (beni fianco a fianco per aprire le porte al luminoso avvenirecomuni, democrazia partecipativa, nuovo modello di socialista!* Segretario generale del PMLI(Estratti dell’Editoriale pubblicato su "Il Bolscevico", organo del PMLI, n. 14/2012)PARTITO MARXISTA-LENINISTA ITALIANOOrganizzazione di Pineto (TE) e-mail: pmli.pineto@virgilio.it http://pmlipineto.altervista.orgSede centrale: via Gioberti 101, Firenze - Recapito postale: IL BOLSCEVICO – CP 477 - 50100 FIRENZEtel. e fax 055 2347272 - e-mail: commissioni@pmli.it - www.pmli.it st. in prop. 04.04.2012

×