• Share
  • Email
  • Embed
  • Like
  • Save
  • Private Content
Volantinoscuderi35anniversariopmli
 

Volantinoscuderi35anniversariopmli

on

  • 238 views

Uniamoci contro il capitalismo, per il socialismo

Uniamoci contro il capitalismo, per il socialismo

Statistics

Views

Total Views
238
Views on SlideShare
238
Embed Views
0

Actions

Likes
0
Downloads
0
Comments
0

0 Embeds 0

No embeds

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

    Volantinoscuderi35anniversariopmli Volantinoscuderi35anniversariopmli Document Transcript

    • 35° Anniversario della fondazione del Partito marxista-leninista italiano UNIAMOCI CONTRO IL CAPITALISMO, PER IL SOCIALISMO di Giovanni Scuderi * E’ da 35 anni, da quando cioè il 9 Aprile 1977 sviluppo, audit sul debito pubblico, liste civiche, nuovoabbiamo fondato il PMLI, non considerando i 10 anni soggetto politico, ecc.) per ingabbiarli nel capitalismo,precedenti della sua gestazione, che noi battiamo e nelle istituzioni, nel parlamentarismo eribattiamo instancabilmente sullo stesso chiodo: quello nell’elettoralismo borghesi. A essi si affiancano vecchidella lotta contro il capitalismo, per il socialismo. volponi politici che si sono vestiti improvvisamente di L’attuale crisi economica e finanziaria del rosso inneggiando addirittura a Stalin, alla dittatura delcapitalismo, ancor più devastante di quella del 1929, proletariato e alla rivoluzione socialista.che da quattro anni scarica tutti i suoi problemi sulle E’ quindi necessario che gli anticapitalistispalle delle masse popolari e giovanili, comprova la facciano un salto di qualità, rompendo col riformismo egiustezza della strategia del socialismo e la necessità con l’elettoralismo borghese, a cominciare dalledi metterla in pratica. prossime elezioni amministrative di maggio non Attualmente è il capitale finanziario che domina la abbandonando l’astensionismo, e aprendo un discorsoscena, che fa il bello e il brutto tempo, che impone, col PMLI. Checché ne dicano i riformisti di sinistra, ilanche apertamente e senza ritegno, i governi dei “modello novecentesco del partito” è ancora attuale epaesi capitalisti. Come è il caso del governo del vitale. Ogni altro modello, come dimostra la pratica,tecnocrate liberista borghese Monti che è frutto diretto non può che essere di tipo borghese. Basta leggeredella grande finanza e della Ue, con la complicità del qualche opera fondamentale di Marx, Engels, Lenin,nuovo Vittorio Emanuele III, Giorgio Napolitano. Stalin e Mao per capire che l’unica via del proletariato Un golpe bianco senza precedenti che ha messo è quella dell’Ottobre e che l’unico Partito italiano chesotto i piedi la Costituzione del ’48 e il da sempre marcia su questa via è il PMLI. Il disegno diparlamentarismo borghesi. Anche il pareggio di socialismo approvato dal 3° Congresso nazionale delbilancio nella Costituzione e le controriforme delle PMLI celebrato nel dicembre del 1985 ne è una chiarapensioni e del lavoro, appoggiati da PDL, PD e Terzo prova.polo, sono atti golpisti, totalmente al di fuori della Non illudiamoci che dopo Monti ritorni lamassima legge dello Stato e della democrazia “normalità” democratico borghese e che cambi il ventoborghese, così come i progetti della “riforma” a favore del popolo. Ormai la via imboccata dallacostituzionale e della legge elettorale. Essi sono gli classe dominante borghese è irreversibile.ultimi tasselli per completare la seconda repubblica Il proletariato e le forze politiche che neneofascista preconizzata dalla P2 e perseguita dal difendono gli interessi e i bisogni non potranno nonneoduce Berlusconi. stare all’opposizione, al di fuori del parlamento. Di Rispetto alla prima Repubblica, tutto è cambiato sicuro sarà questa la posizione e la collocazione delsui piani istituzionale, economico, sindacale e della PMLI.democrazia. Mentre lottiamo per difendere gli interessi Tutto ciò ha fatto aprire gli occhi alle lavoratrici e immediati delle masse (lavoro, salario, pensioni, casa,ai lavoratori, che hanno già incominciato, anche sanità e istruzione pubbliche e gratuite), perspontaneamente, a scendere in piazza, in particolare respingere la controriforma del lavoro e per cacciar viaper difendere l’articolo 18. Gli anticapitalisti sono in il governo Monti, continuiamo a battere e ribattere ilcontinuo aumento e cresce costantemente la loro chiodo rosso. E’ la nostra identità, è la nostracombattività, purtroppo però non hanno ancora preso missione.coscienza che per liberarsi dal capitalismo l’unica Alle anticapitaliste e agli anticapitalisti, in primosoluzione è quella di abbatterlo e instaurare il luogo alle operaie e agli operai, alle ragazze e aisocialismo. Fuorviati dai riformisti di sinistra, incluse ragazzi, rivolgiamo un caloroso appello: Uniamocialcune correnti trotzkiste, che escogitano sempre contro il capitalismo, per il socialismo! Combattiamo“nuove” formule, organizzazioni e movimenti (beni fianco a fianco per aprire le porte al luminoso avvenirecomuni, democrazia partecipativa, nuovo modello di socialista!* Segretario generale del PMLI(Estratti dell’Editoriale pubblicato su "Il Bolscevico", organo del PMLI, n. 14/2012)PARTITO MARXISTA-LENINISTA ITALIANOOrganizzazione di Pineto (TE) e-mail: pmli.pineto@virgilio.it http://pmlipineto.altervista.orgSede centrale: via Gioberti 101, Firenze - Recapito postale: IL BOLSCEVICO – CP 477 - 50100 FIRENZEtel. e fax 055 2347272 - e-mail: commissioni@pmli.it - www.pmli.it st. in prop. 04.04.2012