• Share
  • Email
  • Embed
  • Like
  • Save
  • Private Content
Volantinorisultatielezionipolitiche13
 

Volantinorisultatielezionipolitiche13

on

  • 271 views

Primo il partito astensionista, M5S puntello delle istituzioni borghesi e del capitalismo

Primo il partito astensionista, M5S puntello delle istituzioni borghesi e del capitalismo

Statistics

Views

Total Views
271
Views on SlideShare
154
Embed Views
117

Actions

Likes
0
Downloads
0
Comments
0

2 Embeds 117

http://pmlipineto.altervista.org 110
http://www.pmlipineto.altervista.org 7

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Microsoft Word

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

    Volantinorisultatielezionipolitiche13 Volantinorisultatielezionipolitiche13 Document Transcript

    • 12.931.661 astensionisti hanno sfiduciato i partiti del regime e il parlamento alle elezioni politiche del 24-25 febbraio 2013 1° IL "PARTITO" ASTENSIONISTA IL M5S PUNTELLO DELLE ISTITUZIONI E DEL CAPITALISMO Analizzando i risultati delle elezioni politiche del 24-25 nell’astensionismo e collocarsi così di fatto al di fuori e contro ilfebbraio sulla base dell’intero corpo elettorale, e non quindi parlamento borghese e il sistema capitalistico.dei soli voti considerati validi, l’astensionismo (diserzione Anche una parte di elettorato di sinistra già astensionista, odelle urne, schede nulle e bianche) risulta essere di gran potenzialmente tale, si è fatto probabilmente e momentanea-lunga il primo “partito” italiano col 27,5% sull’intero corpo mente catturare dal nuovo inganno grillino, ma non gli ci vorràelettorale. Lo seguono a quasi 10 punti di distanza, il molto a capire di che pasta è fatto questo nuovo partito e cheMovimento 5 stelle alla camera col 18,5% e il PD al Senato è tutto interno al sistema capitalistico e alle sue istituzioni.col 19,9%. Fino alle elezioni del 2008 l’astensionismo era PD, PDL e Lega Nord, ossia i principali e più forti partitiattestato al 3° posto. presenti alle elezioni del 2008, coloro che hanno governato al- L’astensionismo conferma il suo trend positivo che lo ternativamente l’Italia negli ultimi vent’anni e hanno sostenutovede crescere ormai ininterrottamente da un paio di assieme il governo Monti, perdono complessivamente in undecenni. Ma non si tratta di un risultato scontato. La classe colpo solo oltre 10 milioni e mezzo di elettori.dominante borghese ha messo in campo tutto quello che La lista Scelta civica con Monti ottiene poco meno di 2poteva per drenare l’astensionismo. Soprattutto ha messo milioni di voti dei quali quasi la metà (circa 800 mila) nel Nord-in campo nuove trappole politico-elettorali assai Ovest e si ferma al 6% sul corpo elettorale. Una vera e propriaaccattivanti, specie per gli elettori di sinistra, come il sconfitta per le ambizioni dell’attuale premier e delle forze cheMovimento 5 stelle di Grillo e “Rivoluzione civile” di Ingroia. lo sostenevano. Per questo motivo il risultato dell’astensionismo e il suo Anche il governatore della Puglia Vendola risultaincremento del 5% rispetto al 2008 risulta ancor più fortemente ridimensionato dal risultato elettorale. Il suo partito,significativo. Oltre un elettore su quattro, per l’esattezza Sinistra ecologia libertà (SEL), entrerà in parlamento come12.931.661 elettori in Italia, ai quali si aggiungono altri ruota di scorta del PD, ma paga fortemente la sua alleanza2.511.421 elettori italiani residenti all’estero, hanno con Bersani.espresso una profonda sfiducia nei partiti del regime e in Il PRC di Ferrero e il PDCI di Diliberto, a rimorchio diparticolare in quelli della “sinistra” borghese, inclusi i falsi Igroia, sono stati praticamente inghiottiti dalla palude dell’elet-partiti comunisti e “Rivoluzione civile” di Ingroia, nel toralismo borghese. La coalizione “Rivoluzione civile”, cheparlamento e nelle altre istituzioni borghesi e nel governo comprendeva anche l’IDV di Di Pietro e i Verdi di Bonelli, sidel tecnocrate liberista borghese Monti. ferma all’1,6% sul corpo elettorale, che equivale al 2,3% sui Ringraziamo sentitamente le elettrici e gli elettori che voti validi.non si sono fatti incantare dalle nuove sirene borghesi e si Queste elezioni segnano la grave crisi politica in cui versasono astenuti. la classe dominante borghese che accompagna e aggrava la Il Movimento 5 stelle di Grillo ottiene un ottimo risultato grave crisi economica e finanziaria del sistema capitalisticoanche se largamente annunciato e accompagnato da una italiano.assordante campagna mediatica. Il 18,5 per cento alla La classe dominante borghese risulta ancor più che nelCamera sul corpo elettorale che lo proietta al 2° posto dopo passato, fortemente frammentata in tante frazioni, in grossal’astensionismo e prima del PD, e il 17,2% al Senato che lo difficoltà a formare un nuovo governo e a garantire stabilitàcolloca invece al 3° posto dopo il PD. Nel 2008 non era politica e governativa come peraltro va perentoriamentepresente è pertanto non è raffrontabile. chiedendo, al di fuori di ogni regola e rispetto della sovranità La lista di Grillo ha raccolto consensi in modo nazionale, l’Unione europea imperialista. Il “centro-sinistra”abbastanza omogeneo in tutta Italia divenendo a tutti gli infatti, pur ottenendo i maggiori consensi, in virtù della leggeeffetti una forza nazionale. elettorale riesce a ottenere la maggioranza assoluta solo alla Il M5S, grazie al suo trasversalismo e interclassismo, ha Camera. Ma né Bersani né Berlusconi né tantomenointercettato voti a destra e a sinistra, facendo il “bidone Napolitano sembra vogliano nuove elezioni a breve. Staremoaspira-tutto” come lo ha definito il suo guru Casaleggio. Si è a vedere se la classe dominante borghese riuscirà a mettereevidentemente avvantaggiato dalla presenza di una vasta in piedi un nuovo governo. Inaspettatamente Bersani haarea di elettorato profondamente stanco e deluso dai partiti aperto al M5S. Qualsiasi sarà il futuro governo, il nostroborghesi tradizionali travolti dagli scandali e dall’incapacità auspicio è che incontri la ferma opposizione del proletariato,di risolvere i più elementari bisogni delle masse e dalla dei lavoratori, dei disoccupati, dei precari, dei pensionati, deivoglia di esprimere un voto di protesta. In questo senso il giovani, degli studenti e di tutte le masse popolari.M5S, come qualche commentatore attento gli riconosce, Dobbiamo fare il possibile per far comprendere loro chenon rappresenta affatto un “antipolitica” e un “antisistema”. solo il socialismo può cambiare davvero l’Italia, abbattere ilAl contrario rappresenta un puntello delle istituzioni e del capitalismo e la dittatura borghese e dare il potere alcapitalismo, che del resto si guarda bene dal mettere in proletariato.discussione nelle sue fondamenta, perché ha impedito a Continuiamo, dunque, con determinazione e perseveranzaquesti milioni di elettori di riversarsi in massa a lottare contro le illusioni elettorali e il capitalismo, per il socialismo! (Estratti dell’articolo pubblicato integralmente su "Il Bolscevico", organo del PMLI, n. 9/2013 e sul sito del Partito: pmli.it PARTITO MARXISTA-LENINISTA ITALIANOOrganizzazione di Pineto (TE) pmli.pineto@virgilio.it www.pmlipineto.altervista.orgSede centrale: via Gioberti 101, Firenze – Recapito postale: IL BOLSCEVICO - CP 477 - 50100 FIRENZE - tel. e fax 0552347272e-mail: commissioni@pmli.it www.pmli.it st. in prop. 27.2.2013