Your SlideShare is downloading. ×
Pag11de ilbol45 2013
Pag11de ilbol45 2013
Pag11de ilbol45 2013
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

Pag11de ilbol45 2013

86

Published on

pag12 de il bolscevico n°45 2013

pag12 de il bolscevico n°45 2013

Published in: News & Politics
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
86
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
1
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. cronache locali / il bolscevico 11 N. 45 - 19 dicembre 2013 BENEVENTO Il neopodestà Pepe fa caricare i senza-casa che protestano contro la dismissione del patrimonio pubblico Il PMLI esprime la sua solidarietà al Movimento di lotta per la casa e ai manifestanti feriti dalla polizia del governo Letta-Alfano  Dal corrispondente dell’Organizzazione di Buonalbergo del PMLI Nella giornata di martedì 3 dicembre centinaia di manifestanti tra donne, bambini, studenti, precari, attivisti del Movimento di lotta per la casa, centri sociali, hanno assediato simbolicamente Palazzo Mosti, sede del Comune di Benevento, chiedendo di partecipare al Consiglio comunale in cui si decideva il piano di dismissione del patrimonio pubblico. La risposta delle istituzioni borghesi e del plurinquisito neopodestà Fausto Pepe (PD) è stata quella di negare l’accesso ai manifestanti appellandosi a una ridicola delibera interna sulla sicurezza dell’aula consiliare. Nei giorni precedenti lo stesso sindaco ha fomentato allarmismi e tensione pur di giustificare la chiusura delle porte di Palazzo Mosti. Se si fosse acconsentito l’ingresso nel palazzo e al Consiglio comunale, così come nella prassi, non ci sarebbe stato alcun momento di tensione. Di fronte alla determinazione di chi presidiava Palazzo Mosti a voler partecipare ad una discussione che è e doveva essere pubblica, c’è stata una reazione Benevento, 3 dicembre 2013. La polizia respinge e carica i senza casa che protestano sotto il palazzo del come (foto del Movimento per la casa) chiara e netta la totale contrarietà violenta e ingiustificata delle “foral piano di dismissione imposto ze del ordine” del governo Lettaalla città di Benevento per sanare Alfano culminata nel ferimento di un debito contratto dalla giunta alcuni manifestanti, tra cui una di “centro-sinistra” in questi anni giovane mamma del movimene tuttora amministra la città in to di lotta per la casa ferita con modo indecoroso e clientelare. Il un pugno al naso da un celerino. Movimento per il diritto alla casa Dopo questi fatti i combattivi main un comunicato, tramite il portanifestanti hanno occupato Palazvoce Alessandro Tucci, fa sapere, zo Paolo Quinto dove si è svolta che sarà lanciata una mobilitauna partecipatissima assemblea zione permanente invitando tutti pubblica per decidere come proe tutte a prendervi parte e per seguire la mobilitazione. L’asrestituire la parola a chi ne ha la semblea ha espresso in maniera legittimità: chi abita questo territorio e subisce quotidianamente il ricatto della precarietà. L’Organizzazione di Buonalbergo del PMLI appoggia la lotta del movimento per il diritto alla casa e contro ogni svendita del patrimonio pubblico per ingrassare i pescecani capitalisti che ne beneficeranno dall’acquisto. I marxisti-leninisti sanniti invitano gli sfrattati e il movimento di lotta per la casa di Benevento a battersi affinché il diritto alla casa sia garantito a tutti e che siano varati immediatamente dei piani finalizzati a: - l’aumento di finanziamenti alla politica abitativa pubblica - piani comunali mirati a soddisfare il fabbisogno abitativo attraverso il risanamento di vecchi edifici, l’utilizzo di case sfitte e la costruzione di nuove case popolari con fitti accessibili a tutti - la requisizione di case sfitte da oltre un anno, di locali pubblici dismessi o inutilizzati da destinare alle famiglie sfrattate e senza casa Infine battersi per l’abrogazione della legge Zagatti 431 del 9 dicembre 1998 sulla liberalizzazione degli affitti. OCCUPATO L’EX COLLEGIO DEI GESUITI A CATANIA DAL COLLETTIVO ALEPH Lo stabile di proprietà della Regione era in stato di abbandono nonostante i fondi stanziati per la sua messa in sicurezza  Dal corrispondente della Cellula “Stalin” della provincia di Catania Nella giornata di sabato 23 novembre, militanti del collettivo Aleph hanno occupato l’ex collegio dei Gesuiti a Catania, immobile settecentesco, dichiarato patrimonio dell’umanità dall’Unesco, di proprietà della Regione Sicilia, chiuso e abbandonato ormai da quattro anni nonostante i fondi stanziati nel 1998 dalla Protezione civile per la sua messa in sicurezza (3 milioni e mezzo di euro) e mai utilizzati. L’ex collegio – ora c.s.o. Ex Collegio – per più di quarant’anni, dal 1968 al 2009, ha ospitato l’Istituto d’Arte, per poi essere sfrattato dall’allora sovraintendente ai beni culturali di Catania Gesualdo Campo (lo stesso che contribuì allo sgombero del c.p.o. Experia nel 2009) già condannato dalla Corte dei Conti a risarcire 500.000 euro per finanziamenti irregolari. Il programma degli occupanti, impegnati i primi giorni nella pulizia dell’ex Collegio dei Gesuiti, comprende un’aula studio serale (dalle 18 a mezzanotte), una galleria d’arte permanente aperta, assemblee, doposcuola per i ragazzini del quartiere, iniziative culturali varie. In un comunicato il Collettivo ha spiegato le ragioni dell’occupazione: “Vogliamo che l’ex Collegio diventi un nuovo spazio autogestito fuori dalle logiche del commercio, dove sia possibile esprimere il proprio bisogno di aggregazione, creatività e libertà tramite la condivisione di idee e sapere, senza l’oppressione della politica mangereccia dei palazzi (che quando non ruba, fallisce). Uno spazio che a Catania manca e di cui si sente enormemente il bisogno. Questo spazio occupato, che da un lato vuole denunciare e gridare a squarciagola i soprusi e il ‘furto’ perpetrato dai soliti enti mangiasoldi, dall’altro vuole essere un luogo di rinascita, aggregazione e lotta che parte dal basso. Vogliamo dare nuova vita a questo spazio, colpevolmente abbandonato, con workshop di condivisione del sapere, con laboratori artistici nei quali poter esprimere liberamente la propria creatività, con la realizzazione di un doposcuola, di una palestra popolare, di un’aula studio aperta fino a tardi, di una biblioteca e di una sala proiezioni. Vogliamo - continua ancora il comunicato - che questo spazio diventi un luogo di condivisione del tempo, che ognuno di noi metterà a disposizione della collettività più precisamente con il progetto della ‘Banca del Tempo’, ovvero lo scambio libero e gratuito di competenze come diffusione di una forma di economia alternativa non incentrata sul denaro ma sulla condivisione. Pensiamo che contro il degrado in continuo aumento di una città come Catania la risposta non può arrivare dalle amministrazioni, bensì da uno sforzo collettivo, che parta dal coraggio dei singoli di mettersi in gioco”. In seguito, una delle attiviste, parlando a nome degli occupanti (ai quali si sono aggiunti anche alcuni studenti medi superiori) ha detto: “Lasceremo questo posto solo agli operai che verranno realmente incaricati di ristrutturarlo. Fino ad ora sono state sprecate troppe parole, ma neanche un euro è stato speso”. Benvenuto c.s.o. Ex Collegio! Corteo studentesco a Teramo contro i tagli all’istruzione pubblica  Dal corrispondente dell’Organizzazione di Pineto (Teramo) del PMLI La manifestazione di protesta degli studenti, organizzata dal Collettivo Autonomo Studentesco, è partita la mattina del 29 novembre intorno alle 10 da piazza Dante, e dopo aver attraversato i Tigli, piazza Garibaldi, corso San Giorgio è terminata in piazza Martiri della Libertà. Il corteo, che chiude di fatto la settimana di autogestione degli istituti provinciali, è stato particolarmente combattivo. Insieme al governo Letta-Alfano, è stata bersagliata dagli studenti anche la banca Tercas - commissariata da Bankitalia da quasi un anno per i tanti buchi di bilancio e resasi principale sponsor e finanziatore delle scuole paritarie della provincia con una serie di cori contro il mondo delle banche intonati proprio sotto la sede dell’istituto di credito in corso San Giorgio. Una contestazione sacrosanta a cui un funzionario ha replicato con disprezzo affacciandosi alla finestra mostrando agli studenti il dito medio. “Se ci bloccano il futuro, noi blocchiamo la città”, questo è stato lo slogan intonato più volte dagli studenti fino all’arrivo del corteo a piazza Martiri della Libertà dove è stata improvvisata un’assemblea nei pressi della scalinata del Duomo a proposito del famigerato Decreto Scuola 2013, con cui si attenta alla scuola pubblica, investendo su di essa un’irrisoria cifra e consegnando 220 milioni di euro alle scuole paritarie. In corrispondenza della crisi bancaria e finanziaria degli istituti di credito, il governo Letta-Alfano mostra tutta la sua spudorata connivenza ed accondiscendenza nei confronti dei banchieri anche nel settore dell’istruzione, smantellando le scuole pubbliche per fornire ai famelici speculatori finanziari nuove e più agevoli fonti di guadagno attraverso le scuole paritarie sovvenzionate in maniera parassitaria. IN LOTTA A FORLÌ I LAVORATORI ZANUSSI E ALPI Dilaga la cassa integrazione  corrispondente della Cellula “Stalin” di Forlì I lavoratori della Zanussi Electrolux di Forlì si stanno battendo da diverse settimane contro l’annunciato taglio di 1.000 dipendenti in Italia entro la fine del 2015, con lo spostamento di produzioni verso gli stabilimenti dell’Est europeo, oltre alla messa sotto “investigazione” di tutti e quattro gli stabilimenti dell’elettrodomestico nel nostro Paese: Porcia, Susegana, Solaro e appunto Forlì. ti in corteo dalla fabbrica per dirigersi al concentramento sindacale e unirsi alla manifestazione. Anche i lavoratori dell’ALPI di Modigliana (lavorazione del legno) sono in lotta contro la volontà espressa dall’azienda di aprire la procedura di mobilità (licenziamenti) per circa 250 lavoratori. La RSU e le organizzazioni sindacali di categoria hanno subito proclamato un pacchetto di 16 ore di sciopero di cui le prime 8 si sono svolte il 28 novembre con un Forlì, 7 novembre 2013. Il presidio dei lavoratori davanti la fabbrica (foto Il Bolscevico) Negli anni gli operai dello stabilimento forlivese sono passati da 1.400 agli attuali 843, a cui si aggiungono 143 addetti alla ricerca e sviluppo, provenienti da diversi comuni del territorio ma anche da realtà fuori provincia come Faenza e Ravenna. All’interno vi lavorano più membri della stessa famiglia, il pericolo è quindi che non solo singoli lavoratori ma interi nuclei famigliari rimangano senza alcun reddito se, come sembra, l’intenzione è quella del progressivo abbandono del nostro Paese da parte della multinazionale svedese. Inoltre, l’indotto coinvolge tra i 70 e 100 addetti. Per questo i lavoratori sono in mobilitazione dal 31 ottobre quando, dopo aver appreso tali informazioni nel corso delle assemblee sindacali, hanno aderito massicciamente ad un primo sciopero di 2 ore e, dopo aver organizzato un corteo interno, si sono riversati all’esterno della fabbrica manifestando lungo la via Emilia. Ne sono seguiti scioperi a scacchiera, presidi ai cancelli, blocco delle merci in entrata e in uscita e ulteriori manifestazioni lungo la via Emilia. Il 15 novembre, in occasione dello sciopero generale di 4 ore indetto dai sindacati confederali, i lavoratori della Electrolux hanno scioperato 8 ore e sono parti- presidio davanti ai cancelli che ha visto la massiccia partecipazione delle lavoratrici e dei lavoratori. A novembre di quest’anno a Forlì le industrie metalmeccaniche che adottano la cassa integrazione sono 28 con un migliaio di lavoratori interessati, quelle che utilizzano la cassa straordinaria sono 19 per 2.277 lavoratori (erano11 e 2.182 ad aprile), quelle con la cassa integrazione in deroga 5 con 96 dipendenti coinvolti (4 con 83 lavoratori ad aprile) mentre nell’artigianato sono coinvolte 110 imprese e 500 lavoratori. Quasi la metà dei 7.500 metalmeccanici del forlivese lavorano in aziende in crisi, 442 dipendenti dell’industria e quasi 100 dell’artigianato aspettano la retribuzione da mesi. Una situazione quindi esplosiva che tarda a deflagrare perché, da una parte, gli “ammortizzatori sociali” stanno attenuando, temporaneamente, l’impatto delle chiusure e i sindacati collaborazionisti mirano a mitigare il conflitto sociale temendo la forza della classe operaia, dall’altra perché il PMLI non è ancora abbastanza forte per poter adempiere il suo compito storico di avanguardia della classe operaia e delle masse in lotta. Perché ciò accada occorre dare tutto sé stessi per il PMLI, il proletariato e la causa del socialismo. Accade nulla attorno a te? RACCONTALO A ‘IL BOLSCEVICO’ Chissà quante cose accadono attorno a te, che riguardano la lotta di classe e le condizioni di vita e di lavoro delle masse. Nella fabbrica dove lavori, nella scuola o università dove studi, nel quartiere e nella città dove vivi. Chissà quante ingiustizie, soprusi, malefatte, problemi politici e sociali ti fanno ribollire il sangue e vorresti fossero conosciuti da tutti. Raccontalo a “Il Bolscevico’’. Come sai, ci sono a tua disposizione le seguenti rubriche: Lettere, Dialogo con i lettori, Contributi, Corrispondenza delle masse e Sbatti i signori del palazzo in 1ª pagina. Invia i tuoi ``pezzi’’ a: IL BOLSCEVICO - Via Antonio del Pollaiuolo, 172a - 50142 Firenze e-mail: ilbolscevico@pmli.it
  • 2. Scarica Il Bolscevico in formato pdf(in caso di connessioni lente il download potrebbe durare più a lungo)  Ultimo numero de Il Bolscevico in formato pdf (2625Kb)  N. 44 data editoriale 12 dicembre (2735Kb)  N. 43 data editoriale 5 dicembre (2795Kb)  N. 42 data editoriale 28 novembre (1462Kb)  N. 41 data editoriale 14 novembre (1462Kb)  N. 40 data editoriale 7 novembre (1779Kb)  N. 39 data editoriale 31 ottobre (1511Kb)  N. 38 data editoriale 24 ottobre (1472Kb)  N. 37 data editoriale 17 ottobre (1091Kb)  N. 36 data editoriale 10 ottobre (1010Kb)  N. 35 data editoriale 3 ottobre (1703Kb)  N. 34 data editoriale 26 settembre (1485Kb)  N. 33 data editoriale 19 settembre (718Kb)  N. 32 data editoriale 12 settembre (736Kb)  N. 31 data editoriale 8 agosto (717Kb)  N. 30 data editoriale 1 agosto (726Kb)  N. 29 data editoriale 25 luglio (919Kb)  N. 28 data editoriale 18 luglio (1047Kb)  N. 27 data editoriale 11 luglio (778Kb)  N. 26 data editoriale 4 luglio (1169Kb)  N. 25 data editoriale 27 giugno (763Kb)  N. 24 data editoriale 20 giugno (822Kb)           N. 23 data editoriale 13 giugno (742Kb) N. 22 data editoriale 6 giugno (733Kb) N. 21 data editoriale 30 maggio (781Kb) N. 20 data editoriale 23 maggio (784Kb) N. 19 data editoriale 16 maggio (930Kb) N. 18 data editoriale 9 maggio (804Kb) N. 17 data editoriale 2 maggio (905Kb) N. 16 data editoriale 25 aprile (769Kb) N. 15 data editoriale 18 aprile (704Kb) N. 14 data editoriale 11 aprile (689Kb)

×