La crisi economica ci travolgerà ?
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Like this? Share it with your network

Share

La crisi economica ci travolgerà ?

  • 1,274 views
Uploaded on

La crisi economica ci travolgerà ?

La crisi economica ci travolgerà ?
Considerazioni economiche di un non economista.
Ernesto Hofmann

More in: Technology , Business
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
1,274
On Slideshare
1,271
From Embeds
3
Number of Embeds
2

Actions

Shares
Downloads
9
Comments
0
Likes
0

Embeds 3

http://www.slideshare.net 2
http://www.welpanama.com 1

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. la crisi economica ci travolgerà? considerazioni economiche di un non-economista Viareggio, 3 aprile 2009 ernesto hofmann
  • 2. l’economia e le sue crisi strutturali la legittimazione morale ? potere medio d’acquisto attualizzato qual è la natura di questa crisi ? la legittimazione tecnologica elettricità macchine a vapore ferrovie ICT bio-ingegneria ? chimica cotone acciaio petrolio-auto ecologia guerra seconda guerre secessione guerra napoleoniche americana mondiale ? 1790 1857 1929 2007 ?
  • 3. un minimo di teoria economica scienza tecnica rischio capitale finanza tecnologia l’economia mezzi energia - merci produttività - servizi
  • 4. l’attuale crisi: il ruolo della tecnologia profittabilità carenza exploit manodopera crescita costruttivi mercato prezzo forte elevati investimenti capacità tempi attesa piatta pressione più alta su R&D capacità costruttiva minori investimenti over- capacity indebolimento diminuzione mercato ora !! prezzo riduzione personale lost revenue = arresto crescita le industrie (tradizionali) hanno affrontato il mercato senza realmente innovare
  • 5. l’attuale crisi: il ruolo della finanza - i detentori di capitale vogliono rendimenti massimali al più presto - compressione dei salari e delocalizzazione globalizzata - profitto da redditi di capitale e non da redditi di lavoro - enormi investimenti in $ di possessori di capitale (Cina e petro-nazioni) - tra 2000-2007 investimenti stranieri: capitale - 40% GDP 2007 --> USA - 20 % “ “ --> UK - 50% “ “ --> Spagna - come farli rendere? ---> nessun piano sofisticato --> consumi - enorme crescita di possibilità di credito verso i consumatori - nasce così l’industria di nuovi prestiti x pagare quelli vecchi - il debito delle famiglie americane è diventato colossale rischio le banche hanno gestito il mercato con modelli inadeguati
  • 6. l’inattendibilità dei modelli matematici il modello Black, Merton, Scholes (Nobel 1997!) algoritmi finanziari di rischio dal moto browniano alle fluttuazioni di mercato il ruolo negativo dell’ IT si è creduto che risk-assesment e risk-management fossero matematicamente esprimibili e gestibili occorreva maggior “intuito” manageriale (Edmund Phelps, Nobel 2006)
  • 7. l’iperconsumo si scontra con la scarsità di consumo una classificazione della scarsità di consumo scarsità fisica scarsità sociale diretta soddisfazione da caratteristiche intriseche MA incidentale influenzata dall’ampiezza della fruizione soddisfazione da scarsità stessa snobismo congestione fisica congestione sociale rielaborazione da Fred Hirsch,” I limiti sociali dello sviluppo”
  • 8. dalla congestione sociale nasce un eccesso di diseguaglianze 1% delle famiglie USA detiene il 40 % della ricchezza nazionale reddito popolazione 1970 2007 il reddito diventa relativo con un’esasperata concorrenza x la posizione giusta
  • 9. il ruolo dello Stato x uscire dalla crisi lo Stato dovrebbe intervenire su leve fiscali e monetarie l’economia poi dovrebbe stabilizzarsi da sola (Keynes) ma il mercato libero è per sua natura imperfetto ci sono gli spiriti animali !! arriva una nuova onda di distruzione creativa: fonti energia, inquinamento, trasporti privati e pubblici, biotecnologie.. occorre ripensare modelli di: crescita e di distribuzione della ricchezza c’è poi un’ulteriore realtà ineludibile: invecchiamento popolazione nazioni abbienti - gioventù nazioni emergenti
  • 10. la curva che mette veramente paura 2007 1973 1981 1948 1957 Fonte: 6 marzo 2009
  • 11. ipotesi conclusive tecnologia e complessità mercati ---> ---> impotenza uomini politici 1. panico investitori 2. ristrutturazione mondo del lavoro 3. stop a privilegi e dissipazione risorse il futuro si giocherà su efficienza = sobrietà & innovazione & regole
  • 12. riassumendo: il decalogo dell’attuale crisi economica - liquidità iniziale (valore crescente delle abitazioni, tassi di interesse ridotti, grandi investimenti cinesi in USA e UK) - mutui subprime - aggressività degli investitori - industrie poco innovative - globalizzazione: effetti finanziari a catena nel mondo - modelli matematici inadeguati (Black - Scholes) - pubblicità troppo aggressiva = iperconsumo - congestione sociale su beni posizionali - super-manager super-pagati per rischi sotto-gestiti - etica di gruppo e individuale latenti
  • 13. come salire sopra le nuvole? abbandono (progressivo) del fossile infrastrutture distribuite x energia e trasporto biotecnologie -- carne ++ vegetali - di base: motivazioni insegnanti - fiducia allievi - universitaria: meritocrazia - impegno malattie degenerative (genetica, CAS) vaccini …. batteri/virus a venire!! più ricerca industriale meno finanza creativa ! più etica in un “mondo piatto” nuove forme di “divertimento”