Your SlideShare is downloading. ×
Schemaprogetto
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×

Introducing the official SlideShare app

Stunning, full-screen experience for iPhone and Android

Text the download link to your phone

Standard text messaging rates apply

Schemaprogetto

169
views

Published on

le fasi della predisposzione di un progetto

le fasi della predisposzione di un progetto


0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
169
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
3
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. Come si organizza uno schema di progetto Idea di fondo È il “sogno” al quale vorremmo dare forma concreta attraverso il progetto. Si tratta di immaginare un’idea bella, senza paura di osare troppo. Metteremo alla prova la nostra capacità di pensare in grande. obiettivo È la scelta di un punto di arrivo, possibile, concreto, coerente con il sogno. Va descritto con precisione. Più preciso è l’obiettivo, più facile ne sarà la realizzazione. a che punto Per fare un passo avanti, è necessario sapere esattamente dove appoggiano i siamo nostri piedi: qual è la realtà, di che cosa ha bisogno, quali risorse offre… Provare a interpretarla, a operare su di essa un discernimento. sviluppo Descrivere il dinamismo che si vorrebbe attivare attraverso il progetto: quello che si vorrebbe far accadere realizzandolo; la successione delle fasi della sua attuazione. iniziative / Sono le attività, più o meno strutturate, che si scelgono per dare sviluppo al attività progetto. matrice delle Chi fa che cosa responsabilità persone È l’elenco delle persone che vengono coinvolte e dei compiti che ciascuna di esse ha: più concreti sono i compiti, più facile sarà realizzarli. E sarà ancora più facile se saranno previsti momenti collegiali in cui ci si incontra per confrontarsi, per verificare quello che si è realizzato. destinatari Un progetto, se è concreto ed efficace, non può rivolgersi a tutti: sarebbe generico. Occorre allora indicare bene a chi si rivolge: bambini? Genitori? Famiglie che hanno un anziano in casa? Possibili acquirenti di un prodotto? I nostri dipendenti? ecc… tempi Si tratta di fare un‘agenda, un calendario. I progetti efficaci sono quelli che al momento di concludersi hanno realizzato qualcosa. Ma non quelli che producono l’idea di una riunione in più! sinergie Quando numerosi soggetti sono coinvolti, il progetto diventa più importante, più impegnativo e affascinante. Fare comunione nella comunità attraverso un’attività di progettazione aiuta ad uscire da se stessi, ad essere meno autoreferenziali; si impara a confrontarsi e a dialogare anche così. COMMUNITY MANAGEMENT metodo Se si esce dalla routine delle riunioni, quali altri metodi sappiamo usare? In quali altri modi sappiamo dire le cose in cui crediamo? costi Occorre essere capaci di trovare le risorse: quelle necessarie per finanziare il (e come reperire i progetto, quelle necessarie per alimentarlo; fondi) fund rising: saper intercettare i finanziamenti messi a disposizione o comunque intercettabili nel contesto: dagli Enti Pubblici (altri enti pubblici) dagli shareholders, dagli stakeholders ecc...