• Share
  • Email
  • Embed
  • Like
  • Save
  • Private Content
Social Meeting Project 2009 Abruzzo Cacchione
 

Social Meeting Project 2009 Abruzzo Cacchione

on

  • 1,255 views

Workshop Social Meeting Project 2009. Case History: l'implementazione degli standard OGC in Regione Abruzzo - Alessandro Cacchione, Regione Abruzzo

Workshop Social Meeting Project 2009. Case History: l'implementazione degli standard OGC in Regione Abruzzo - Alessandro Cacchione, Regione Abruzzo

Statistics

Views

Total Views
1,255
Views on SlideShare
1,254
Embed Views
1

Actions

Likes
0
Downloads
0
Comments
0

1 Embed 1

http://www.massimozotti.it 1

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

    Social Meeting Project 2009 Abruzzo Cacchione Social Meeting Project 2009 Abruzzo Cacchione Presentation Transcript

    • Il progetto SDI Abruzzo L’infrastruttura di pubblicazione dati spaziali della regione Abruzzo Alessandro CACCHIONE(*) (*)Regione Abruzzo, Struttura Speciale di Supporto – Sistema informativo Regionale, 67100 L’Aquila, tel :+39 0862363222, email: alessandro.cacchione@regione.abruzzo.it
    • Cos’è SDI Abruzzo? SDI Abruzzo rappresenta il cuore pulsante della cartografia online della Regione Abruzzo. SDI Abruzzo
    • Come funziona? Il suo concetto base è assimilabile al funzionamento di una piattaforma di estrazione ; anziché estrarre gas o petrolio, SDI Abruzzo estrarrà i dati territoriali digitali, dalle basi informative della Regione Abruzzo, rendendoli accessibili sottoforma servizi standard ISO/OGC.
    • A cosa serve? SDI Abruzzo renderà accessibili tutti i dati spaziali di cui attualmente la Regione Abruzzo dispone, sottoforma di geo servizi standard ISO/OGC. SDI Abruzzo
    • Dove si trovano i dati? Allo stato attuale la Regione Abruzzo possiede un’enorme quantità di basi di dati geospaziali digitali, ma solo una minima Shape parte di esse può essere consultata tramite Shape internet. File File Questo accade, non per mancanza di volontà nel rendere pubblici i dati spaziali, bensì accade a causa di difficoltà “fisiche”nel reperimento e nel recupero dei dati spaziali; XML XML spesse volte i dati sono archiviati in supporti ottici (CD o DVD) all’interno di cassetti chiusi e trattati come proprietà personale di chi li ! TI custodisce. S ET CAS AI GeoDB T ID I DA I U OR F
    • Sarà quindi necessaria un’opera di censimento al fine di scovare tutti i dati spaziali prodotti dalla Regione Abruzzo dai primi anni ottanta fino ad oggi: individuare ogni forma di dato digitale spazialmente riferito (shape file) memorizzato in supporti ottici(CD,DVD) ,magnetici (nastri) ,filesystem e sistemi di gestione di basi di dati (Data Base Management System). censimento pubblicazione caricamento GeoDB Shp Shp File File XML XML SDI Abruzzo
    • Perché SDI Abruzzo? Per adottare una soluzione unica al fine di : • censire le basi di dai spaziali in possesso della Regione Abruzzo • convertire tutti i dati geografici nel medesimo sistema di riferimento WGS84 geografico • caricare in un’unica base dati tutti i dati spaziali censiti e trasformati nel medesimo sistema di riferimento WGS84 geografico riducendo così il problema della ridondanza e della duplicazione dei dati stessi. • pubblicare i dati spaziali della Regione Abruzzo, rendendoli accessibili tramite servizi standard ISO/OGC
    • SDI Abruzzo : lo stack tecnologico + = SDI Abruzzo
    • ERDAS APOLLO SERVER La piattaforma enterprise per catalogare e distribuire dati vettoriali, raster, terrain e cartografici scelta dalla Regione Abruzzo come piattaforma di pubblicazione dei propri geoservizi
    • ERDAS APOLLO SERVER : perché? ERDAS APOLLO SERVER implementa nativamente gli standard WMS, WCS, WFS, WFS-T e CS-W. Mediante i servizi web compatibili OGC/ISO, è possibile catalogare e distribuire tutti i dati geospaziali contenuti nel GeoDatabase della Regione Abruzzo.
    • ERDAS APOLLO SERVER : wms WMS, Web Map Service (ISO19128 - Web map server interface) Protocollo standard OGC, tramite il quale è possibile generare dinamicamente mappe di dati spazialmente riferiti. In particolare lo standard ISO19128 specifica il comportamento di un servizio web che produce dinamicamente mappe di dati spazialmente riferiti a partire da informazioni geografiche, sottoforma di immagini. Questo standard internazionale definisce una "mappa" come rappresentazione di informazioni geografiche, restituendo un'immagine digitale idonea ad essere visualizzata sullo schermo di un computer. Dal 2005 la specifica “OGC WMS” è divenuta uno standard ISO ed identificata con il codice ISO19128 - Web map server interface.
    • ERDAS APOLLO SERVER : wfs WFS, Web Feature Service (ISO19142 - Web feature server interface) Protocollo standard OGC che permette la richiesta e l'importazione di oggetti geografici attraverso il Web. A differenza della specifica WMS che restituisce solo mappe attraverso immagini, espletando di fatto una mera rappresentazione grafica dei dati, la specifica WFS è in grado di restituire oggetti geografici definiti sottoforma di 'codifica standard‘ (GML, shapefile ) , quindi spazialmente analizzabili e geo processabili. La specifica “OGC WFS” non è ancora stata approvata dal comitato tecnico ISOTC/211 ma diventerà uno standard “de facto” entro breve termine.
    • ERDAS APOLLO SERVER : wfs - t WFS – t , Web Feature Service transaction Protocollo standard OGC che , a differenza della specifica WFS ,consente di eseguire, oltre all'importazione , anche la modifica di oggetti geografici attraverso il Web.
    • ERDAS APOLLO SERVER : sld SLD, Styled Layer Descriptor è una sofisticata specifica OGC per la vestizione di layer vettoriali e raster. E' molto flessibile, anche se nella sua generalità risulta di difficile comprensione e non ha sintassi semplificate per i tipi di rendering più comuni. Con SLD è possibile definire la vestizione degli elementi geografici in una mappa, utilizzando una sintassi XML. <?xml version="1.0" encoding="ISO-8859-1"?> <StyledLayerDescriptor version="1.0.0" xsi:schemaLocation="http://www.opengis.net/sld StyledLayerDescriptor.xsd" xmlns="http://www.opengis.net/sld" xmlns:ogc="http://www.opengis.net/ogc" xmlns:xlink="http://www.w3.org/1999/xlink" xmlns:xsi="http://www.w3.org/2001/XMLSchema-instance"> <NamedLayer> <Name>Default Line</Name> <UserStyle> <FeatureTypeStyle> <Rule> <LineSymbolizer> <Stroke> <CssParameter name="stroke">#AA3333</CssParameter> <CssParameter name="stroke-width">2</CssParameter> </Stroke> </LineSymbolizer> </Rule> </FeatureTypeStyle> </UserStyle> Esempio di layer geografico Esempio di layer geografico </NamedLayer> </StyledLayerDescriptor> dopo l’applicazione di un file privo di vestizione di vestizione SLD Un esempio File SLD di vestizione del dato spaziale, illustrato nella sua sintassi
    • ERDAS APOLLO SERVER : cs-w CS-W, Catalogue Services for the Web Il Catalogue Services Interface Standard (CAT) dà la possibilità di “rovistare” nelle collezioni di informazioni descrittive (metadati) riguardanti dati spaziali , geoservizi e relative risorse. I soggetti come la regione Abruzzo che dispongono di risorse di metadati (Provider), possono utilizzare servizi di catalogazione al fine di registrare le proprie metainformazioni rispettando schemi standard come l’ ISO19115-CNIPA (vigente in Italia). Le applicazioni Client che rispettano lo standard ,possono “rovistare” all’interno e dei cataloghi di metadati appartenenti a soggetti diversi, utilizzando la medesima interfaccia di servizio.
    • ERDAS APOLLO SERVER : wcs WCS, Web Coverage Services Il Web Coverage Service Interface Standard (WCS) definisce le modalità di accesso alle “coperture” geospaziali. Il termine “copertura" si riferisce a dati spaziali come coperture satellitari , foto aeree digitali,modelli digitali del terreno,ed altri fenomeni rappresentabili con un valore supplementare da attribuire addizionalmente alle coordinate bidimensionali del punto(‘x’ e ’y’). Nel caso di un DTM ad ogni punto (x,y) sarà attribuito un valore relativo all’elevazione dal terreno (convenzionalmente valore “z”). Nel caso di un’immagine satellitare ad ogni punto (x,y) potrebbe essere attribuito il valore (esadecimale o decimale) relativo al colore del pixel rappresentato.
    • POSTGIS GeoDB PostGIS è un'estensione del database relazionale PostgreSQL per l'archivio e la gestione dei dati geografici. È’ un database libero che, fondandosi su standard OGC, si pone come ottima soluzione per l'interoperabilità tra applicazioni desktop, analitiche e Web nel campo del GIS: per questo motivo PostGIS è stato scelto come GeoDatabase ufficiale dell’ dell’infrastruttura dati spaziali “Abruzzo SDI” PostGIS è distribuito con licenza GPL.
    • POSTGIS GeoDB : perché? Essendo PostGIS l’estensione geospaziale di PostgreSQL, da esso acquisisce tutte le caratteristiche che ne hanno decretato l’affermazione nel corso degli anni: • si tratta di uno dei pochi DBMS in grado di supportare un numero molto grande di tipi di dati binari e testuali; • permette di gestire database molto grandi anche su sistemi operativi con capacità limitate; • offre funzionalità quali la replicazione dei dati, load balancing, uso di multiprocessori e cluster; • ha diverse modalità di autentificazione crittografate. • Permette l'accesso multiutente a grandi moli di dati, sia geografici che alfanumerici e la gestione delle relazioni tra di essi, garantendone l'integrità.
    • POSTGIS GeoDB : shp2pgsql Riguardo l’utilizzo di PostGIS và assolutamente sottolineata l’importanza del comando “shp2pgsql”: il comando che permette l’import degli shape file all’interno del GeoDatabase della Regione Abruzzo, sottoforma di tabelle geospaziali. Shp Shp File File
    • WMS VETTORIALI ESRI ArcGIS Desktop - ArcMAP Geoportale Regione Abruzzo - GRISI INSPIRE
    • WMS RASTER Orto scalaAbruzzo Colori(1 pixel(1pixel = 15cm) CTR 40m 1:5000 DTM foto IT 2000 2005 2007 = 50cm)
    • Grazie ai servizi WMS, moltissime applicazioni software, possono appoggiarsi direttamente all’infrastruttura di pubblicazione dati geografici della regione Abruzzo, favorendone la divulgazione ed eliminando alla base il problema della duplicazione.