Your SlideShare is downloading. ×
GWT 2014: Emergency Conference - 04 Soluzioni Geospaziali integrate per il controllo dei reati ambientali
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×

Introducing the official SlideShare app

Stunning, full-screen experience for iPhone and Android

Text the download link to your phone

Standard text messaging rates apply

GWT 2014: Emergency Conference - 04 Soluzioni Geospaziali integrate per il controllo dei reati ambientali

47
views

Published on

Geospatial World Tour 2014: Emergency Conference. …

Geospatial World Tour 2014: Emergency Conference.
Napoli, 28 maggio 2014.

Soluzioni Geospaziali integrate per di controllo di reati ambientali.
Massimo Zotti, Planetek Italia

Published in: Technology

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
47
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide
  • Flusso di lavoro “Monitoraggio Territoriale, Analisi e Contrasto”
    Gestione dei dati
    L’Operatore troverà sotto forma di lista i vari messaggi provenienti dall’esterno e provvederà alla “presa in carico” degli stessi nel sistema inserendo, tramite la maschera del sistema, i riferimenti ricavati dal corpo del messaggio.
    Di seguito, provvederà all’inserimento di dati estratti da documenti cartacei ritenuti di interesse oltre a quelli provenienti da altre fonti che l’Amministrazione avrà, eventualmente, deciso di utilizzare per rapportarsi con l’esterno (numero telefonico con registrazione, ecc.).
    Altro inserimento riguarda le informazioni che sono il risultato di attività svolte da enti ed associazioni sul territorio; queste possono essere sotto il formato di relazioni ed altro e saranno gestite al pari dei messaggi provenienti dall’esterno.
    Ulteriori inserimenti dati possono riguardare la lista di segnalazioni provenienti da sensori e telecamere dislocate sul territorio. Tali segnalazioni possono essere generate ad esempio da soglie limite oltrepassate da alert provenienti da strumenti di segnalazione ovvero di allarmi che fanno seguito, ad esempio, all’azione delle funzionalità di analisi video presenti su sistemi di videosorveglianza, le cui immagini siano disponibili all’Amministrazione comunale.
  • Gestione del fascicolo
    Il fascicolo è la struttura dati principale del SIMP. Infatti:
    il fascicolo comporta la sussistenza di un dato “di interesse” e potrà portare ad azioni successive quali, ad esempio, un intervento sul posto;
    ad un fascicolo corrispondono uno o più dati di interesse;
    il fascicolo è sempre identificabili per località, indicazione temporale e fattispecie della segnalazione;
    il fascicolo è sempre rappresentato sulla cartografia;
    il fascicolo è sempre caratterizzato ed evidenziato (anche come rappresentazione cartografica) secondo la prevalenza degli elementi negativi ovvero positivi che lo compongono.
    Nel momento in cui l’Operatore valuterà i dati da inserire si relazionerà sempre con un luogo ed un tempo e sotto tale profilo compirà una prima valutazione tra i nuovi dati e quelli già esistenti nel sistema.
    In questo, il SIMP fornirà il proprio supporto operativo proponendo all’attenzione dell’Operatore, nel momento in cui valuta un singolo item:
    l’esistenza di un fascicolo, già precedentemente impostato, ed inerente la medesima località;
    l’esistenza di uno o più fascicoli riguardanti la medesima tipologia di evento anche se in luoghi differenti.
    Inoltre, il sistema consentirà all’operatore di consultare gli inserimenti effettuati nel sistema in un arco temporale precedente, selezionabile dall’Operatore.
    Da quanto sopra scaturisce la decisione dell’Operatore in merito all’apertura di un nuovo fascicolo ovvero all’aggiornamento di uno esistente; in entrambe le operazioni è creato un link tra dato e fascicolo. Inoltre, sarà inserito nel sistema anche il documento originario per essere consultato quando necessario.
  • Azione di intervento dell’Amministrazione Comunale
    A seguito delle valutazioni che compie relazionandosi con la rappresentazione geografica, l’Operatore proporrà interventi che possono essere compiuti sul territorio dall’Amministrazione Comunale ovvero da altri soggetti (Associazioni, ecc.) che potrebbero essere, eventualmente, chiamati a collaborare con la stessa.
    Per questo, il SIMP mette a disposizione dell’Operatore un’agenda di lavoro nella quale egli proporrà l’intervento, il luogo ed il soggetto che si prevede di impiegare.
    In questa agenda si inserirà la proposta utilizzando un apposito modulo nel quale sarà inserito il collegamento al fascicolo e la descrizione dell’intervento atteso. Con modalità semplificate (mail, fax, ecc.) si provvederà alla trasmissione della proposta di intervento che diverrà fattivamente un ordine di servizio, una disposizione ed altro secondo il flusso organizzativo e decisionale dell’Amministrazione.
    L’agenda manterrà l’intervento “aperto” fino al momento in cui l’Operatore non lo chiuderà, in virtù di un documento “di ritorno” compilato e trasmesso da chi avrà compiuto l’intervento.
  • Il SIMP gestisce la situazione a livello cartografico con l'utilizzo di simboli tattici, in conformità alle specifiche standard a livello locale o nazionale, attraverso funzioni intuitive di drag & drop. La dimensione del simbolo è ottimizzata in funzione della scala, al fine di garantire la visualizzazione più efficace in ogni momento. Oltre al posizionamento dei simboli, delle zone di circoscrizione dell’operazione si possono assegnare le dotazioni che dovranno essere portate con i veicoli o personali per poter affrontare al meglio l’emergenza.
    I dati possono essere consumati in tutti i formati più diffusi dell’informazione geografica disponibili sul mercato in formato nativo.
    La base dati è in grado di memorizzare le informazioni in una varietà di formati di diversi fornitori, nonché dati da servizi esterni - utilizzando standard OGC come WMS (Web Map Service), WFS (Web Feature Service), GML, Google (KML) , ecc, rispettando le specifiche Spatial Data Infrastructure (SDI) definite dalla direttiva INSPIRE dell’UE (Direttiva 2007/2/EC) (http://inspire.jrc.ec.europa.eu).
    Strumenti di analisi danno al possibilità di creare interrogazioni semplici di localizzazione attraverso un indirizzo, interrogazioni spaziali e la capacità di creare report di alta qualità, offrendo il massimo beneficio dai dati operativi esistenti.
  • Transcript

    • 1. Soluzioni Geospaziali integrate per il controllo dei reati ambientali Massimo Zotti
    • 2. 07/08/14 ©2014 Intergraph Corporation 2 Aumentare la sicurezza ambientale Lotta Lotta allealle
    • 3. Sistema Integrato diSistema Integrato di GeospatialGeospatial IntelligenceIntelligence
    • 4. 07/08/14 ©2014 Intergraph Corporation 4 Come funziona? Integrazione di fonti informative
    • 5. 07/08/14 ©2014 Intergraph Corporation 5 La soluzione : Sistema Integrato di Monitoraggio e Prevenzione SegnalazioneSegnalazione SegnalazioneSegnalazione SegnalazioneSegnalazione     « Fascicolo »
    • 6. 07/08/14 ©2014 Intergraph Corporation 6 Il «fascicolo» ambientale
    • 7. 07/08/14 ©2014 Intergraph Corporation 7 Gli interventi
    • 8. 07/08/14 ©2014 Intergraph Corporation 8 La mappa situazionale
    • 9. 07/08/14 ©2014 Intergraph Corporation 9 Perché un sistema integrato? Piattaforma interoperabile Struttura modulare Web collaborativo
    • 10. Questions ? SMARTERDECISIONS 07/08/14 10©2014 Intergraph Corporation