Abc prevenzione dell'infarto

1,054 views
890 views

Published on

Published in: Health & Medicine
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
1,054
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
2
Actions
Shares
0
Downloads
11
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Abc prevenzione dell'infarto

  1. 1. Kann ein Herzinfarkt verhindert werden? Andreas Erlicher
  2. 2. AGENDA <ul><li>Cosa porta all’infarto cardiaco ? </li></ul><ul><li>Quali sono le cause (fattori di rischio) della aterosclerosi coronarica ? </li></ul><ul><li>Che cosa possiamo fare per evitare la malattia coronarica ? </li></ul><ul><li>Che cosa possiamo fare per evitare l’incidente acuto ? </li></ul>
  3. 3. Aufbau <ul><li>Welche Krankheit liegt einem Herzinfarkt zugrunde? </li></ul><ul><li>Welches sind die Ursachen (Risikofaktoren) für eine Koronarsklerose? </li></ul><ul><li>Warum und wann kommt es plötzlich zu einem akuten Ereignis? </li></ul><ul><li>Was können wir tun, um die koronare Herzerkrankung zu vermeiden? </li></ul><ul><li>Wie können wir das akute Ereignis, den Herzinfarkt, vermeiden? </li></ul><ul><li>Wie wird der Infarkt behandelt? </li></ul><ul><li>Was müssen/können wir NACH einem Herzinfarkt tun, um einen neuen Herzinfarkt zu vermeiden? </li></ul> di 38
  4. 4. Grunderkrankung : Atherosklerose der Herzkranzgefäße
  5. 5. Die Atherosklerose di 38
  6. 6. Die Atherosklerose di 38
  7. 7. Welche Verläufe gibt es ? <ul><li>Entwicklung der Krankheit ? </li></ul><ul><li>Schneller Verschluss ? </li></ul><ul><li>Wie groß ist die Arterie ? </li></ul><ul><li>Wo verschließt sie sich ? </li></ul><ul><li>Kein Symptom </li></ul><ul><li>Angina pectoris </li></ul><ul><li>Herzinfarkt </li></ul><ul><li>Plötzlicher Herztod </li></ul> di 38
  8. 8. Grunderkrankung : Atherosklerose der Herzkranzgefäße <ul><li>Es handelt sich um eine chronische Erkrankung, von der es keine Heilung gibt </li></ul><ul><li>Langsame Entwicklung im Verlauf von Jahren </li></ul><ul><li>Wenn sie sich äußert, dann of plötzlich mit schweren und unvorherbaren Zeichen </li></ul> di 38
  9. 9. Il processo aterosclerotico
  10. 10. AGENDA <ul><li>Cosa porta all’infarto cardiaco ? </li></ul><ul><li>Quali sono le cause (fattori di rischio) della aterosclerosi delle coronarie ? </li></ul><ul><li>Che cosa possiamo fare per evitare la malattia coronarica ? </li></ul><ul><li>Che cosa possiamo fare per evitare l’incidente acuto ? </li></ul>
  11. 11. Fattori di rischio <ul><li>La ricerca clinica e studi statistici hanno identificato una serie di fattori che aumentano il rischio di sviluppare malattie delle coronarie ed infarto miocardico. </li></ul><ul><li>I fattori di rischio maggiori sono quelli che queste ricerche hanno mostrato incrementare significativamente il rischio di sviluppare malattie cardiovascolari </li></ul><ul><li>Altri fattori sono associati ad un aumento di rischio però senza che il loro contributo sia stato precisamente quantificati </li></ul><ul><li>Alcuni fattori di rischio sono modificabili , possono quindi essere eliminato o controllati, altri no. </li></ul>
  12. 12. Fattori di rischio che non puoi modificare <ul><li>  I seguenti fattori di rischio sono quelli con cui sei nato e che non possono essere modificati. </li></ul><ul><li>Maggiore è il numero di fattori di rischio a cui sei esposto maggiore è la probabilità che hai di sviluppare una malattia delle coronarie. </li></ul><ul><li>Poiché non puoi fare nulla per questi fattori è ancora più importante per te intervenore sui fattori di rischio che si possono modificare. </li></ul>
  13. 13. l’invecchiamento <ul><li>L’ 82 percento circa delle persone che muoiono per una malattia delle coronarie hanno più di 65 anni. Alle età più avanzate le donne che hanno un infarto muoiono più frequentemente nelle prime settimane dall’attacco. </li></ul>
  14. 14. Il sesso maschile <ul><li>  Gli uomini hanno un rischio maggiore di avere un infarto delle donne e lo hanno ad una età più giovanile. </li></ul><ul><li>Anche dopo la menopausa quando l’incidenza di morte nelle donne per malattie cardiache, questa non è così alata comen negli uomini. </li></ul>
  15. 15. Ereditarietà <ul><li>  Figli di genitori che abbiano avuto un infarto hanno una maggior probabilità di averlo essi stessi. </li></ul><ul><li>Molte persone con una importante familiarità per malattia delle coronarie hanno uno o più fattori di rischio modificabili. </li></ul><ul><li>Così come non puoi modificare la tua età il sesso non puoi modificare la tua storia familiare. </li></ul><ul><li>Per questo è ancora più importante per te intervenire sui fattori di rischio che si possono modificare. </li></ul>
  16. 16. AGENDA <ul><li>Qual è la malattia che può portare all’infarto cardiaco ? </li></ul><ul><li>Quali sono le cause (fattori di rischio) della aterosclerosi? </li></ul><ul><li>Che cosa possiamo fare per evitare la malattia coronarica ? </li></ul><ul><li>Che cosa possiamo fare per evitare l’incidente acuto ? </li></ul>
  17. 17. <ul><li>Suona semplice no? </li></ul><ul><li>Perché la malattia coronarica è la singola maggior causa di morte e l’ictus è il killer numero 3? </li></ul><ul><li>Una ragione è senza dubbio lo scarso impegno a tenere uno stile di vita sano </li></ul><ul><li>Il vostro stile di vita non è solo la miglior difesa contro infarto ed ictus ma è anche una vostra precisa responsabilità </li></ul><ul><li>Seguendo questi puoi ridurre tutti i fattori di rischio modificabili </li></ul>
  18. 19. Stop fumo <ul><li>Se fumi, smetti. Se qualcuno a casa fuma incoraggialo a smettere. </li></ul><ul><li>Sappiamo tutti che è difficile, ma ancora più difficile è guarire completamente da un infarto o da un ictus. </li></ul><ul><li>Impegnati a smettere. Il servizio sanitario è quiper aiutarti se ne hai bisogno </li></ul>
  19. 20. Scegli una alimentazione sana <ul><li>Una dieta sana è l’arma migliore che hai per combattere le malattie cardiovascolari. </li></ul><ul><li>Il cibo che consumi ( e la quantità) influenza altri fattori di rischio: colesterolo, pressione, diabete e sovrappeso. </li></ul><ul><li>Scegli alimenti ricchi di vitamine, minerali, fibre ed altri nutrienti ma che siano poveri di calorie piuttosto che alimenti poveri di fattori nutritivi. </li></ul><ul><li>La chiave è una dieta ricca di verdure, frutta, cereali integrali, proteine magre, fibre e latticini senza o con pochi grassi. </li></ul><ul><li>Per mantenere un peso forma adatta la dieta al tuo livello di attività fisica in modo di bruciare tante calorie quanto ne hai introdotte. </li></ul>
  20. 21. Riduci grassi <ul><li>Il grassi che si depositano nelle vostre arterie sono una catastrofe annunciata. Prima o poi possono innescare un infarto o un ictus. </li></ul><ul><li>Dovete cercare di ridurre l’introduzione di grassi saturi, idrogenati e colesterolo e tenervi in movimento. </li></ul><ul><li>Se la dieta e la attività fisica non bastano, allora occorrono le medicine. Prendetele quando e come ve lo prescrive il vostro medico. </li></ul>
  21. 22. Riduci il tuo colesterolo <ul><li>Il Colesterolo:  dovrebbe essere meno di 200 mg/dL </li></ul><ul><li>Il Colesterolo LDL (cattivo) : </li></ul><ul><ul><li>Se il tuo rischio coronarico è basso: l’ LDL dovrebbe essere meno di 160 mg/dL </li></ul></ul><ul><ul><li>Se il tuo rischio coronarico è intermedio: l’ LDL dovrebbe essere meno di 130 mg/dL </li></ul></ul><ul><ul><li>Se il tuo rischio coronarico è alto ( compresi coloro che sono diabetici o già cardiopatici coronarici): l’ LDL dovrebbe essere meno di 100mg/dL </li></ul></ul><ul><li>Il Colesterolo HDL (buono):  dovrebbe essere almeno 40 mg/dL per i maschi o almeno 50 mg/dL per le femmine </li></ul><ul><li>I trigliceridi :   dovrebbero essere meno di 150 mg/dL </li></ul>
  22. 23. Tieni bassa la pressione <ul><li>E’ il fattori di rischio più importante per l’ictus il killer numero 3. La guarigione dall’ictus è difficile e potrebbe portare ad una disabilità permanente. </li></ul><ul><li>Togliti quell’abitudine a salare troppo, prendi le medicine prescritte dal tuo medico e rimani in movimento. </li></ul><ul><li>Quei valori devono scendere e rimanere bassi. Il tuo obiettivo è 120/80 mmHg . </li></ul>
  23. 24. Fai attività fisica tutti i giorni <ul><li>La ricerca ha dimostrato che 30 min di attività fisica al giorno per 5 giorni in settimana aiuta a ridurre la pressione ed il colesterolo e a mantenere un peso forma. </li></ul><ul><li>Anche meno è meglio di niente. </li></ul><ul><li>Se non stai facendo alcuna attività, inizia lentamente, anche 10 min al giorno possono dare un beneficio. </li></ul><ul><li>Alcuni studi dimostrano che le persone che hanno raggiunto un moderato livello di allenamento hanno meno probabilità di morire precocemente di di quelli non allenati. </li></ul>
  24. 25. Cerca un peso forma <ul><li>L’obesità è una specie di epidemia non solo negli adulti ma anche nei bambini </li></ul><ul><li>Si definisce un epidemia un problema di salute fuori dal controllo con molte persone colpite. </li></ul><ul><li>Diete “alla moda” ed integratori non sono la risposta giusta </li></ul><ul><li>Una buona alimentazione, il controllo delle calorie introdotte e l’attività fisica sono l’unico mezzo per mantenere un peso ideale </li></ul><ul><li>L’obesità vi mette rischio di un colesterolo elevato di ipertensione, resistenza insulinica che è un precursore del diabete. Tutti fattori che innalzano il vostro rischio di malattie vascolari. </li></ul><ul><li>Il calcolo del vostro indice di massa corporea vi aiuta a capire se il vostro peso è nei limiti.. </li></ul>
  25. 26. Riduci lo stress <ul><li>Alcuni ricercatori hanno osservato un relazione tra il rischio di malattie coronariche e lo stress a cui è sottoposta una persona nella vita in quanto questo determina un aumento dei fattori di rischio. </li></ul><ul><li>I soggetti sottoposti a stress tendono ad esempio a mangiare eccessivamente ad iniziare a fumare o a fumare più di quello che farebbero altrimenti. </li></ul><ul><li>La ricerca ha evidenziato inoltre che le reazioni allo stress predicono nei giovani adulti l’ipertensione nell’età media. </li></ul>
  26. 27. Limita il consumo di alcol <ul><li>Bere alcolici in eccesso può elevare la pressione e così portare a scompenso cardiaco o ictus. </li></ul><ul><li>Può portare all’obesità all’alcolismo al suicidio e a incidenti </li></ul><ul><li>Il rischio di malattie coronariche nei modesti bevitori ( un bicchiere di vino al giorno per le donne due per gli uomini) è più basso che nei non bevitori. </li></ul><ul><li>Ciò nonostante non è da raccomandabile iniziare a bere per gli astemi o aumentare il consumo per i bevitori. </li></ul>
  27. 28. AGENDA <ul><li>Cosa porta all’infarto cardiaco ? </li></ul><ul><li>Quali sono le cause (fattori di rischio) della aterosclerosi coronarica ? </li></ul><ul><li>Che cosa possiamo fare per evitare la malattia coronarica ? </li></ul><ul><li>Che cosa possiamo fare per evitare l’incidente acuto ? </li></ul>
  28. 29. Si può prevedere un incidente cardiovascolare? <ul><li>IMPOSSIBILE </li></ul><ul><ul><li>prevedere SE e QUANDO un singolo paziente avrà un incidente coronarico </li></ul></ul><ul><li>FACILE </li></ul><ul><ul><li>identificare i GRUPPI di persone “a rischio” di incidente coronarico </li></ul></ul><ul><li>POSSIBILE </li></ul><ul><ul><li>stimare con approssimazione il RISCHIO di incidente in una singola persona </li></ul></ul>
  29. 30. Carta del rischio per non diabetici entità del rischio a 10 anni Atherosclerosis 1998 Non fumat rice Fumatr ice Non fumat ore Fumat ore Donne Uomini 70-79 anni 60-69 anni 50-59 anni 40-49 anni 30-39 anni Pressione arteriosa sistolica (mmHg) 180 160 140 120 180 160 140 120 180 160 140 120 180 160 140 120 180 160 140 120 150 200 250 300 150 200 250 300 (mg/dL) 70-79 anni 60-69 anni 50-59 anni 40-49 anni 30-39 anni 180 160 140 120 180 160 140 120 180 160 140 120 180 160 140 120 180 160 140 120 150 200 250 300 150 200 250 300 (mg/dL) 4 (mmol/l) (mmol/l) 5 6 7 8 4 5 6 7 8 4 5 6 7 8 4 5 6 7 8 Colesterolo totale: livelli percentuali di rischio Basso <5% Lieve 5-10% Moderato 10-20% Alto 20-40% Molto Alto >40%
  30. 31. PERCHE’ è successo proprio a me? Studi clinico-patologici hanno dimostrato una associazione tra i tradizionali fattori di rischio ed estensione e severità della malattia aterosclerotica. Tuttavia, a parità di esposizione ad un determinato livello di fattore(i) di rischio, vi è un’ampia variabilità della prevalenza, e della gravità della malattia. Ciò è probabilmente dovuto a varie condizioni, tra cui : suscettibilità genetica, combinazione ed interazione con altri fattori di rischio, durata dell’esposizione a specifici livelli di fattori di rischio, variabilità biologica, ecc.
  31. 32. Distribuzione del colesterolo totale: Pazienti con e senza eventi coronarici Castelli WP. Atherosclerosis. 1996;124(suppl):S1-S9. Il 35% degli eventi coronarici si verifica in pazienti con TC < 200 mg/dL 150 200 Colesterolemia totale (mg/dL) 250 300 Senza eventi Con eventi Framingham Heart Study—26 anni di Follow-up
  32. 33. Sachdeva et al. AHJ, Vol 157, 111-117 Jan 2009 Of 136,905 patients hospitalized with CAD, more than 75% had LDL levels below 130 mg/dl Heart attack with normal LDL Lipid levels in patients hospitalized with coronary artery disease: An analysis of 136,905 hospitalizations in Get With The Guidelines
  33. 34. Sachdeva et al. AHJ, Vol 157, 111-117 Jan 2009 HDL levels in patients hospitalized with coronary artery disease: An analysis of 136,905 hospitalizations in Get With The Guidelines Of 136,905 patients hospitalized with CAD, more than 45% had HDL levels above 40 mg/dl Heart attack with normal HDL
  34. 35. “ Ho smesso di fumare vivrò una settimana in più e in quella settimana pioverà a dirotto” Woody Allen
  35. 36. E’ possibile sapere in modo incruento se e a che livello si è stabilita l’aterosclerosi nelle nostre coronarie ? La possibilità di identificare la malattia aterosclerotica in fase subclinica potrebbe permettere di migliorare la stratificazione del rischio cardiovascolare ed attuare strategie di prevenzione (più) efficaci.
  36. 38. <ul><li>http://www.anmco.it/perIlTuoCuore/ </li></ul>Nessuno si accontenterebbe di scarpe di una misura media, ma ne vorrebbe un paio che si adattasse alla sua calzata. Ogni malato ha diritto ad una terapia personalizzata. Oggi la ricerca dei Cardiologi italiani affronta questa sfida&quot;. Attilio Maseri
  37. 39. Il sito: www.fondazionecuore.org
  38. 40. Ogni minuto di ritardo è muscolo cardiaco perso per sempre /39 60’ 120’ 180’ 240’ 300’ 360’ Tempo dalla occlusione della coronaria 20’ 100% 60% 40% 20%
  39. 41. Riconoscere i sintomi e non perdere tempo !! <ul><li>Arrivare al più presto in un ambiente “sicuro” </li></ul><ul><ul><li>Mortalità elevata “fuori dall’ospedale” , stimata ancora attorno al 30% </li></ul></ul><ul><li>Terapia più efficace se tempestiva </li></ul><ul><ul><li>Riaprire l’arteria occlusa con i farmaci o con l’angioplastica </li></ul></ul><ul><ul><li>Gestire le complicanze </li></ul></ul>Dolore toracico 118 Pronto Soccorso Angioplastica / Trombolisi Perdita progressiva di tessuto miocardico

×