Distribuzione acqua sulla terra di Cistaro
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Distribuzione acqua sulla terra di Cistaro

on

  • 3,630 views

 

Statistics

Views

Total Views
3,630
Views on SlideShare
2,474
Embed Views
1,156

Actions

Likes
0
Downloads
4
Comments
0

1 Embed 1,156

http://www.ilpitagora.it 1156

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Microsoft PowerPoint

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Distribuzione acqua sulla terra di Cistaro Distribuzione acqua sulla terra di Cistaro Presentation Transcript

  • LA DISTRIBUZIONE DELL’ ACQUA SULLA TERRA L'ACQUA
    • Il nostro pianeta visto dallo spazio, appare formato per la maggior parte di acqua, infatti il 71% della sua superficie è occupata da mari e oceani e solo il  29% dalle terre emerse. Tutta l'acqua presente sulla terra costituisce l' IDROSFERA .
  • Le acque presenti sulla Terra si potrebbero distinguere in “acque dolci” e “acque salate”. In realtà tutte le acque hanno un minimo contenuto di sali minerali che prende il nome di  residuo fisso  e corrisponde alla quantità di sali, espressa in grammi, che si deposita in seguito all’evaporazione di un litro di acqua. L’IDROSFERA:  circa il 97% delle acque sono  salate  e si trovano negli oceani e nei mari; il rimanente 3% è costituito da acque  dolci  e si trova prevalentemente nelle calotte polari e nei ghiacciai, nei corsi d’acqua superficiali, nei laghi e in quantità minore, nel sottosuolo. ACQUE DOLCI E SALATE
  • Le acque del mare
    • La parte più ingente dell’acqua dell’idrosfera è rappresentata dall’acqua dei mari e degli oceani.  Le acque   marine  hanno una salinità elevata, pari a 35g di sale per litro, una densità più elevata dell’acqua dolce e una temperatura superficiale che varia dai 27°C ai Tropici ai -2°C ai Poli. Sono trasparenti, cioè consentono alla luce solare di penetrare fino a 200 m di profondità. Le acque marine inoltre sono soggette a moti, come il moto ondoso responsabile del modellamento delle coste, e alle correnti che distribuiscono il calore sulla superficie terrestre.
  • Le acque dolci superficiali
    • Le acque dolci sono rappresentate dai corsi d’acqua e dai laghi. I corsi d’acqua si formano in seguito all’incanalamento in alvei delle acque cadute con le precipitazioni atmosferiche. Le caratteristiche che definiscono un corso d’acqua sono la lunghezza, la larghezza,la pendenza,la portata e il regime idrico. In base al loro regime, i corsi d’acqua si distinguono in  fiumi  e  torrenti . I  laghi  sono masse d’acqua che occupano cavità della crosta terrestre, prive di comunicazione diretta con il mare.
  • Le acque dolci sotterranee
    • Le acque delle precipitazioni atmosferiche in parte penetrano nel sottosuolo e continuano, per effetto della forza di gravità, nel loro movimento di discesa attraverso strati rocciosi permeabili, finché non incontrano strati rocciosi impermeabili, e qui si depositano formando le  falde acquifere  o  freatiche . Se lo strato superiore della falda è costituito anch’esso da materiali rocciosi impermeabili, la falda prende il nome di  falda artesiana .