MEDICINA CINESE
•I testi più antichi risalgono al 3500 a.C.
•La malattia e la salute sono determinate dall’armonia o meno ...
MEDICINA INDIANA
                  (2500a.C.-1500 a.C.)
Antichi testi sacri (i Veda): la loro completezza ed organicità ha...
MEDICINA EGIZIANA
                      (3000 a.C.-1000 a.C.)
Si passa da una fase teurgica-magica ad un empirismo estrema...
MEDICINA MESOPOTAMICA
       (3000 a.C.-2000 a.C.)
– Medicina magico-teurgica dotata di un certo grado di empirismo
  inte...
MEDICINA EBRAICA
                  (1200 a.C.-550 a.C.)

Migliore esempio del concetto assolutamente teurgico della
medici...
MEDICINA ASSIRO-BABILONESE
                    (1792 a.C.-323 a.C.)
  –Passaggio tra il concetto teurgico e quello magico:...
MEDICINA PRE-CLASSICA
• MEDICINA TEURGICA, MAGICA. Salute e malattia
  sono mandate dagli dèi: la malattia è la punizione ...
MEDICINA PRE-CLASSICA
             Testi omerici (XII al IX-VIII sec)
Iliade: “Disse così pregando; e Febo Apollo l’udì, ...
Medicina in epoca post-omerica
                          VII-VI sec
Il culto di Asklepio/Esculapio.
I poteri terapeutici o...
LUOGHI DI CURA
• TEMPIO: struttura sacra costituita dal santuario del dio-medico
  (Asclepio in Grecia, Esclulapio o Apoll...
SCUOLA di CNIDO e SCUOLA di KOS (V sec a.C)

•Scuola di Cnido: la malattia
   •   classificare il processo di malattia, ca...
Ippocrate di Cos
              (460-370 a.C.)

• appartiene a una famiglia di medici che, secondo la
  tradizione, discend...
Corpus Hippocraticum
53 opere per un totale di 72 libri raccolti dai bibliotecari
alessandrini nel III sec. a.C., stile in...
Il medico
E’ l’unione del perfetto uomo con il perfetto studioso: calma
nell’azione, serenità nel giudizio, moralità, ones...
La clinica
Studio dei segni e dei sintomi osservabili sul paziente.
•L’esame effettuato dal medico doveva essere approfond...
La patologia
Quattro umori e qualità: sangue (caldo umido) che proveniva dal cuore, una sorta di
muco detto flegma (freddo...
L’anatomia

Conoscenze anatomiche scarse e rudimentali:
• Ippocrate era più indirizzato verso il lato pratico della
medici...
La chirurgia
La scuola di Ippocrate disponeva di uno strumentario abbastanza
fornito comprendente coltelli e bisturi di va...
La terapia
Varie erano le piante usate come farmaci: l’elleboro nero e la scilla (cardiotonici e
diuretici), la coloquinti...
SCUOLA ALESSANDRINA
                  (300-250 a.C.)
            Quantità e Misura prima di Galileo

•   Museo e Bibliotec...
La Medicina nell’Antica Roma

•Medicina autoctona: di antica origine italica

•Fase di transizione: coesistenza elemento a...
Condizioni igienico-sanitarie nell’epoca romana


Norme igieniche allo scopo di formare buoni soldati e proteggere la
salu...
L'ospedalità a Roma

Presenza dei valetudinaria, cioè infermerie private dove i
patrizi erano soliti curare i propri famig...
L'insegnamento della medicina (1)

Medicina autoctona: istruzione affidata al pater familias;
periodo di transizione: appr...
L'insegnamento della medicina (2)

L'imperatore Vespasiano istituisce uno stipendio per gli insegnanti

Adriano in seguito...
La medicina militare

Nell'esercito romano c'era un medico per ogni coorte e due per quella
in prima linea.

Dipendevano d...
Galeno di Pergamo (129-199 d.C.)

Interpretò razionalmente le forme anatomiche
collegando la morfologia alla fisiologia: a...
Il sistema fisiologico di Galeno
• Lo pneuma entra nel corpo attraverso la trachea, passa
  nei polmoni e raggiunge il ven...
La scuola salernitana

•   E' considerata la più antica ed illustre istituzione medievale medica del mondo
    occidentale...
Le pestilenze
A partire dal XII secolo si può fare in Europa un conto approssimativo di una
  pestilenza in media ogni 10-...
Le pestilenze
Le difese adottate dai vari comuni contro le pestilenze furono
    inizialmente dettate dal bisogno immediat...
LAZZARETTI
•   Nel 1403 furono istituiti particolari luoghi di ricovero, costruiti a spese dello stato e grazie a
    dona...
L’ospedalità medioevale

    Dopo la nascita della religione cristiana iniziò la pratica dell’assistenza
    caritativa ag...
L’Islam Medievale
   Nel IX secolo, gli Arabi operarono una vivificazione del sapere
medico-scientifico antico tramite la ...
Il Bimaristan ‫ﺍﻝﺏﻱﻡﺍﺭﺱﺕﺍﻥ‬


    Diviso in reparti specializzati, con personale medico e infermieristico
 stipendiato, co...
Mondino dei Liuzzi
All’inizio del 1300 il testo canonico dell’anatomia era stato il testo di
   Mondino dei Liuzzi.

Il me...
Vesalio (1514–1564),
•   Andrea Vesalio era fiammingo, Andreas Van Wesel, la sua
    formazione fondamentale la riceve a P...
Con Vesalio si attua il passaggio definitivo della didattica dell’anatomia dal
    libro al cadavere.

•   1538, Tabulae a...
Fabrici d’Acquapendente 1594:
                    Teatro anatomico a Padova
L’ambiente stesso della dissezione è un anfite...
Secolo XVII


Il 500 aveva lavorato sulla struttura del corpo umano, il secolo successivo
    si impegna alla descrizione ...
William Harvey (1578-1657)
    A lui si deve la scoperta della circolazione del sangue (emodinamica)

•     Studiò, comeVe...
Santorio Santori (1561-1636)
Fu il primo misuratore in campo medico.

Parte dalle tesi ippocratica della salute come equil...
Giovanni Battista Morgagni
Giovanni Battista Morgagni (1682-1771),
  professore di anatomia all’Università di
  Padova.
• ...
De sedibus….
Molto vicino ad un trattato di patologia speciale
Indici con 4 tipi di riferimenti crociati
In forma di ep...
LA CEROPLASTICA ANATOMICA

• Le aumentate esigenze didattico-divulgative, la persistente
  scarsa disponibilità di materia...
LA CEROPLASTICA ANATOMICA
•   Gaetano Giulio Zumbo, o Zummo (1656–1701), composizioni a carattere morfo-
    patologico: L...
STORIA DELLA CHIRURGIA


     Il termine chirurgia deriva dal greco cheir (mano) e da ergon
                     (lavoro) ...
CHIRURGIA PRESCIENTIFICA E
               PRIMITIVA

Il tentativo di alleviare problemi quotidiani con interventi manuali ...
CHIRURGIA PRESCIENTIFICA E
               PRIMITIVA
              Come veniva eseguita una trapanazione?


1) Raschiare un...
CHIRURGIA EGIZIANA
   La maggior parte delle conoscenze della chirurgia egiziana ci viene
   fornita da vari antichi papir...
LA CHIRURGIA EGIZIANA

Il chirurgo egiziano possedeva una conoscenza pratica nel campo
dell’anatomia umana grazie all’uso ...
LA CHIRURGIA GRECA
Nei testi omerici si ritrovano le prime documentazioni di pratiche
chirurgiche.
 L’Iliade presenta uno...
LA CHIRURGIA GRECA
Ippocrate (460-370 a.C.) padre della medicina moderna separa la medicina
dal misticismo religioso.
Nel ...
CHIRURGIA ROMANA
  La chirurgia romana fu fortemente influenzata dalla medicina
  greca


  Celso (25 a.C.-50 d.C.) nel De...
CHIRURGIA ROMANA

Galeno (129-199 d.C.) come primario medico-chirurgo dei
gladiatori ha molteplici opportunità per la prat...
CHIRURGIA ROMANA


Antillo (II sec d.C.) primo chirurgo vascolare.
“Metodo di Antillo”: legatura della arteria sopra e sot...
XVI secolo

Agli inizi del XVI secolo esiste un divario abissale fra medici e chirurghi. I primi
molto eruditi (dettami da...
XVI secolo

 Evoluzione della figura di chirurgo


Chirurgia vista come coesistenza tra abilità manuale e capacità intel...
Nella Francia del XIV e XV secolo la cura dei malati era affidata a tre
gruppi di persone in scala gerarchica
I medici ,...
La Chirurgia di Guerra

Maggiore importanza alla delicatezza nel trattare i tessuti
introdotta in contesto di guerra


O...
La Chirurgia di Guerra

Giovanni da Vigo autore di “Practica copiosa”studiò e
approfondì la traumatologia bellica All’iniz...
La Chirurgia di Guerra
Ambroise Paré nacque nel 1510 nella cittadina di Laval. Il suo primo
insegnante fu un cappellano, p...
Ambroise Paré
Con questa esperienza Paré diede vita al principio della delicatezza nella
cura delle ferite
Lavorare sul ...
Ambroise Paré

 Durante la battaglia di Hedin fu catturato ma fu rilasciato curando
un’ulcerazione sulla gamba di un colo...
Ambroise Paré
Paré lascio una serie di scritti che avrebbero costituito una sorta di bibbia della
chirurgia per i secoli a...
Ambroise Paré

Paré scrisse tutte le sue opere in francese colloquiale e questo permise di
tradurle in altre lingue parla...
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Storia Della Medicina

8,307 views
8,119 views

Published on

Published in: Travel, Business
0 Comments
3 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
8,307
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
2
Actions
Shares
0
Downloads
127
Comments
0
Likes
3
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Storia Della Medicina

  1. 1. MEDICINA CINESE •I testi più antichi risalgono al 3500 a.C. •La malattia e la salute sono determinate dall’armonia o meno dei due principi fondamentali: lo Yang (il principio maschile) e lo Yin (quello femminile). •I medici cinesi introdussero per primi la rilevazione del polso: ne conoscevano 200 tipi differenti tra cui 21 erano considerati indice di esito letale; la farmacologia è senza dubbio la più avanzata tra tutte le medicine antiche: comprende oltre 2000 farmaci e ne include molti ufficialmente usati nella moderna terapia occidentale (ferro contro l’anemia, l’oppio, il solfato di sodio come purgante ecc.). •Primo tentativo di immunizzazione attiva contro il vaiolo insufflando polvere di croste disseccate nelle narici dei pazienti. •Chirurgia era praticata a un buon livello: caratteristici gli interventi di castrazione e quelli per limitare gli effetti della deformazione dei piedi. •Agopuntura: è l’arte di penetrare con aghi di diversi materiali determinati canali che sono in contatto con gli organi interni al fine di ottenere particolari benefici. Essa fu introdotta nel 2700 a.C. ed è ancora in auge ai giorni nostri.
  2. 2. MEDICINA INDIANA (2500a.C.-1500 a.C.) Antichi testi sacri (i Veda): la loro completezza ed organicità ha fatto sopravvivere questa concezione fino ai giorni nostri. Trattano molto accuratamente di grande e piccola chirurgia, della cura delle malattie del corpo, di demonologia (è presente una certa sfumatura di magia e religiosità), della cura delle malattie infantili, della tossicologia, della preparazione di elisir e di afrodisiaci. Notevoli la perfezione e la varietà dello strumentario chirurgico, le tecniche di medicazione, l’attenzione negli esami diagnostici e la particolare abilità negli interventi di litotomia e rinoplastica.
  3. 3. MEDICINA EGIZIANA (3000 a.C.-1000 a.C.) Si passa da una fase teurgica-magica ad un empirismo estremamente illuminato. Gli elementi che costituiscono la sapienza medico empirica vengono trattati solo in libri sacri accessibili unicamente agli iniziati. • Papiro di Ebers (1550 a.C.): lista di disturbi e raccolta di ricette mediche, (sono menzionati 500 diversi medicamenti) ed alle sue varie forme di confezionamento e di somministrazione: polveri, tisane, decotti, macerazioni, pastiglie erano perfettamente conosciuti. incantesimi e canti religiosi. • Papiro di Smith (1600 a.C.): manuale di istruzioni chirurgiche, raccolta di rappresentazione di quadri clinici (titolo del caso, esame, diagnosi, trattamento). Il chirurgo egiziano possedeva una conoscenza pratica nel campo dell’anatomia umana grazie all’uso diffuso della mummificazione. Presenza di medici specialisti nelle malattie urinarie, nelle patologie delle orecchie, degli occhi e della pelle. Gli strumenti chirurgici egiziani fatti in bronzo avevano una forma particolare per scopi specifici (forcipi, aghi, uncini). La chirurgia in Egitto fu lentamente assorbita negli esorcismi religiosi e mistici.
  4. 4. MEDICINA MESOPOTAMICA (3000 a.C.-2000 a.C.) – Medicina magico-teurgica dotata di un certo grado di empirismo interpretato però sempre in senso mistico ed occulto. – La malattia è sinonimo ed effetto di impurità per cui le cure consistono in lavacri e abluzioni, oltre che in sacrifici espiatori. – Accenni riguardo al medico che cura con le piante (Aura Mazda, la divinità del bene, ha creato almeno una pianta per guarire ogni malattia) e a quello che cura con il "ferro".
  5. 5. MEDICINA EBRAICA (1200 a.C.-550 a.C.) Migliore esempio del concetto assolutamente teurgico della medicina: Dio è l’unica fonte di malattia e di risanamento, per cui solo il sacerdote, cioè l’uomo scelto dal Signore, è considerato strumento di guarigione. Il medico viene tenuto in grande considerazione, ma alla base di tutto sta il fatto che è la divinità ad aver creato le piante e tutti i medicamenti (fiele di pesce, il cuore, il fegato ecc.).
  6. 6. MEDICINA ASSIRO-BABILONESE (1792 a.C.-323 a.C.) –Passaggio tra il concetto teurgico e quello magico: la parte religiosa sta essenzialmente nell’eziologia in quanto l’ira di una divinità verso una persona permette ai demoni maligni di aggredirla causando in tal modo la malattia (c’è un demone per ogni patologia); il concetto magico ha invece risalto nella parte terapeutica, nell’attuazione cioè degli esorcismi –Nella fase diagnostica le due concezioni vanno di pari passo e un ruolo preponderante è giocato dall’ispezione del fegato, ritenuto l’organo più importante in quanto fonte di sangue. –Conoscenze di anatomia animale nelle istruzioni per la pratica della divinazione con fegato di pecora in una scuola del tempio di Babilonia (circa 2000 a.C.). –Cognizioni anatomiche nelle procedure chirurgiche descritte nel codice di Hammurabi (circa 1950 a.C.).
  7. 7. MEDICINA PRE-CLASSICA • MEDICINA TEURGICA, MAGICA. Salute e malattia sono mandate dagli dèi: la malattia è la punizione per dei comportamenti umani contrari al volere degli dèi. • CONCETTO ONTOLOGICO DI MALATTIA. La malattia è un entità indipendente dal corpo, dotata di una propria autonomia: – OGGETTO IMMATERIALE (concezione corpuscolare) – ESSERE VIVENTE (concezione parassitaria)
  8. 8. MEDICINA PRE-CLASSICA Testi omerici (XII al IX-VIII sec) Iliade: “Disse così pregando; e Febo Apollo l’udì, e scese giù dalle cime d’Olimpo, irato in cuore, l’arco avendo in spalla e la faretra chiusa sopra e sotto: le frecce sonavano sulle spalle…i muli colpiva in principio ed i cani veloci, ma poi mirando sugli uomini la freccia acuta lanciava, e di continuo ardevano le pire dei morti, fitte…” resoconto letterario di ferite riportate in guerra (ferite da lancia, spada, freccia, fionda)  Odissea: “Con una benda fasciarono il ginocchio di Ulisse, poi, intonando delle melodie mistiche, la ferita rimarginata mostrò la potenza di quella sacra melodia”  miscela di elementi razionali ed irrazionali
  9. 9. Medicina in epoca post-omerica VII-VI sec Il culto di Asklepio/Esculapio. I poteri terapeutici originariamente attribuiti ad alcuni dèi principali (Apollo, Artemide) furono trasferiti a divinità minori quali Asklepio/Esculapio figlio di Apollo e della ninfa Coronide La medicina si esercita nei templi/Asklepeia, luoghi sacri. Le guarigioni miracolose avvenivano grazie a visioni che apparivano all’ammalato mentre dormiva in un tempio dedicato al dio stesso (teoterapia,ludoterapia, musicoterapia) Filosofia teurgica della malattia. L’infermità era causata da ignote forze sovrannaturali e quindi la guarigione doveva arrivare da quelle stesse forze.
  10. 10. LUOGHI DI CURA • TEMPIO: struttura sacra costituita dal santuario del dio-medico (Asclepio in Grecia, Esclulapio o Apollo a Roma) nel quale si svolgevano riti di guarigione. Il malato dopo essersi purificato nella fontana sacra ed aver versato un’offerta ai sacerdoti, veniva ammesso al sonno sacro nell’abaton. In questa zona, da cui erano rigorosamente esclusi malati molto gravi e partorienti (morte e nascita dovevano avvenire fuori dal tempio), i sacerdoti inducevano il sonno sacro, forse tramite preparati a base di erbe soporifere, il dio in persona o il serpente che ne è l’incarnazione visitavano il malato e gli indicavano la cura dei suoi mali. • IATREION: dal greco iatròs (medico) è la bottega del medico laica, anche del medico ippocratico, posta al centro delle vie di comunicazione cittadine più frequentate. Nello iatreion ci sono allievi del medico. A Roma corrisponde alla taberna medica, come testimoniato da Celso (I sec d.C.)
  11. 11. SCUOLA di CNIDO e SCUOLA di KOS (V sec a.C) •Scuola di Cnido: la malattia • classificare il processo di malattia, catalogare i sintomi • formulare una diagnosi precisa •Scuola di Kos: il malato la malattia come evento che si verifica nel contesto della • vita del paziente la terapia volta a ristabilire l’equilibrio tra il paziente stesso • e l’ambiente circostante
  12. 12. Ippocrate di Cos (460-370 a.C.) • appartiene a una famiglia di medici che, secondo la tradizione, discendeva direttamente da Esculapio • trascorre la giovinezza viaggiando allo scopo di approfondire le conoscenze e perfezionare la sua istruzione soprattutto in campo medico • torna in patria per dedicarsi all’insegnamento e per mettere a frutto tutto ciò che aveva appreso
  13. 13. Corpus Hippocraticum 53 opere per un totale di 72 libri raccolti dai bibliotecari alessandrini nel III sec. a.C., stile incisivo e diretto La questione sulla genuinità delle opere di Ippocrate appassionò da subito i critici e i cultori dell’antica medicina: Eroziano e Galeno compilarono un glossario delle voci ippocratiche che venne riesaminato poi in epoca umanistica e anche da autori del nostro secolo. Le opere del Corpus possono essere divise a seconda del loro contenuto in: * libri a contenuto etico * libri di clinica e patologia * libri di chirurgia * libri di ostetricia, ginecologia e pediatria * libri di anatomia e fisiologia * libri di terapeutica e dietetica
  14. 14. Il medico E’ l’unione del perfetto uomo con il perfetto studioso: calma nell’azione, serenità nel giudizio, moralità, onestà, amore per la propria arte e per il malato. Non è un essere superiore ed infallibile come i sacerdoti degli antichi templi, ma deve sopperire alla sua fallacità con il massimo dell’impegno in modo da commettere solo errori di lieve entità. Il suo abito deve essere decoroso ed il suo aspetto denotare salute. Con il passare dei secoli questa concezione rimase sostanzialmente immutata al punto che il Papa Clemente VII (Pontefice dal 1523 al 1534), in una sua bolla, stabilì che il laureato in medicina si impegnasse solennemente ad osservare il testo del giuramento ippocratico.
  15. 15. La clinica Studio dei segni e dei sintomi osservabili sul paziente. •L’esame effettuato dal medico doveva essere approfondito, comprendeva ascoltazione, palpazione e (forse)percussione. •Indizi utili per la diagnosi: sfumature di colore, variazioni di comportamento, insolite contrazioni muscolari, quantità e qualità di qualsiasi escrezione e secrezione (l’urina valutata come quantità, colore, sedimento e torbidità). •L’anamnesi particolareggiata e minuziosa (pur essendo rivolta essenzialmente a conoscere solo la situazione presente del malato). •La prognosi si basava sullo studio degli esiti delle varie patologie: essa era considerata infausta se si notavano fattori quali disturbi visivi, sudore freddo, anemizzazione delle mani, cianosi delle unghie e stato di agitazione.
  16. 16. La patologia Quattro umori e qualità: sangue (caldo umido) che proveniva dal cuore, una sorta di muco detto flegma (freddo umido) dal cervello, bile gialla (caldo secco) dal fegato, bile nera (freddo secco) dalla milza. Lo stato di salute si aveva quando questi umori erano perfettamente bilanciati tra loro; se invece la crasi era alterata per l’eccesso, la corruzione o la putrefazione anche di un solo componente, allora insorgeva la malattia. La natura stessa con la sua capacità curativa interviene per ristabilire l’equilibrio. Il calore innato, energia che produce gli umori e li mantiene in equilibrio, permette l’espulsione degli umori in eccesso. Per poter essere eliminati gli umori, dovevano prima essere modificati con un processo definito di "cottura-pepsi-cozione”. L’espulsione del prodotto finale (urina, sudore, pus, espettorato, diarrea)poteva essere rapida ed evidente (crisi) o graduale (lisi). Se la malattia risultava più forte del processo autoriparativo dell’organismo il paziente moriva. Motivi dell’alterazione degli umori potevano essere le intemperie, la dieta o cause fisiche correlate all’ambiente di vita, la costituzione del paziente. Patologie come fenomeni generali per l’organismo : la polmonite, la pleurite, la rinite, la laringite, la diarrea, alcune malattie del sistema nervoso, l’epilessia.
  17. 17. L’anatomia Conoscenze anatomiche scarse e rudimentali: • Ippocrate era più indirizzato verso il lato pratico della medicina, maggiore propensione per la clinica; • la cultura greca aveva un rispetto assoluto per i corpi dei morti, quindi non c’era la possibilità di studiare l’anatomia esercitandosi direttamente sui cadaveri. Corpus Hippocraticum: trattati chirurgici; trattati embriologici. • Descrizioni anatomiche di: occhio (tre tuniche, interna, media ed esterna), cuore (valvola aortica e polmonare), cervello (diviso in due metà simmetriche), vasi sanguigni (due di grosso calibro dal fegato e dalla milza), struttura delle ossa (capo, vertebre e costole). • Ipotesi anatomico-fisiologiche: teoria della sensazione (udito avviene per mezzo del vuoto nello orecchie).
  18. 18. La chirurgia La scuola di Ippocrate disponeva di uno strumentario abbastanza fornito comprendente coltelli e bisturi di varie forme e dimensioni. Gli interventi più frequentemente eseguiti erano la riduzione di lussazioni (con particolari macchine) e di fratture (con stecche e fasciature), la trapanazione del cranio in seguito a fratture delle ossa del capo e la cura dei piedi torti. Particolareggiata era la tecnica delle fasciature. Nella cura delle ferite era raccomandato il riposo e l’applicazione di calore. •Corpus Hippocraticum: i libri di chirurgia su Ferite ed Ulcere, Emorroidi, Fistole, Ferite del cranio, Fratture, Articolazioni “Le cose inerenti la chirurgia sono: il paziente, il chirurgo, gli assistenti, gli strumenti, la luce, il dove ed il come, quante cose ed in che modo, dove va posto il corpo dove vanno posti gli strumenti, il tempo il modo ed il posto”
  19. 19. La terapia Varie erano le piante usate come farmaci: l’elleboro nero e la scilla (cardiotonici e diuretici), la coloquintide (purgante), il veratro bianco (antireumatico, ipotensivo, contro le affezioni cutanee), l’issopo (espettorante), il giusquiamo (antidolorifico, sedativo), l’oppio, la mandragora e la belladonna (narcotici, analgesici locali), la ruta (abortivo), la menta (stomachico). Venivano praticati salassi, cure idroterapiche, inalazioni, irrigazioni vaginali. Notevole l’uso di ventose come antiflogistico: creando una depressione nella zona infiammata si provoca una vasocostrizione da suzione che riduce la quantità di essudato e trasudato. Il principio terapeutico seguito varia: similia similibus (provocare fenomeni simili alla sintomatologia del paziente) contraria contrariis (avvalersi di mezzi ritenuti contrari alla causa della patologia) La febbre è un ottimo mezzo per raggiungere la guarigione: il suo calore facilita infatti l’evacuazione degli umori in eccesso accelerandone la "cottura". Epidemie (I, II) “Aiutare,o quantomeno, non nuocere”
  20. 20. SCUOLA ALESSANDRINA (300-250 a.C.) Quantità e Misura prima di Galileo • Museo e Biblioteca: studio di opere scientifiche precedenti e Biblioteca dissezione di cadaveri. • La Scuola di Alessandria introduce la misura dei fenomeni, con fenomeni applicazione di matematica e fisica: si pensa la realtà come costituita anche di quantità (non più solo di qualità), che possono essere misurate con appositi strumenti. • I nomi di Erofilo ed Erasistrato sono legati alla pratica della vivisezione sugli uomini (Celso De Medicina, Proemium, 23; Claude Bernard Introduzione allo studio della medicina sperimentale).
  21. 21. La Medicina nell’Antica Roma •Medicina autoctona: di antica origine italica •Fase di transizione: coesistenza elemento autoctono e elemento greco •Periodo della scuole: trapianto della medicina greca nel mondo romano
  22. 22. Condizioni igienico-sanitarie nell’epoca romana Norme igieniche allo scopo di formare buoni soldati e proteggere la salute di tutti i cittadini Esercizio fisico Igiene mortuaria Igiene alimentare Altre norme Acqua
  23. 23. L'ospedalità a Roma Presenza dei valetudinaria, cioè infermerie private dove i patrizi erano soliti curare i propri famigliari e gli schiavi e in cui trovavano impiego sia medici che infermieri (servi a valetudinario) Famose le medicatrinae adiacenti al tempio di Esculapio, sull'isola Tiberina, dove gli ammalati erano tenuti sotto la diretta osservazione di medici e dei loro discepoli
  24. 24. L'insegnamento della medicina (1) Medicina autoctona: istruzione affidata al pater familias; periodo di transizione: apprendimento per imitazione nelle tabernae; periodo imperiale: scuole private. Abilitazione alla professione veniva attestata dal giudizio insindacabile del maestro In seguito introduzione dell'ordinamento degli studi, con una parte di insegnamento teorica ed una pratica Teoria trattata nelle biblioteche e nelle scholae medicorum Lezioni pratiche (su semeiotica, clinica e chirurgia) impartite nei valetudinari e durante le visite private che il maestro faceva nelle case dei suoi clienti
  25. 25. L'insegnamento della medicina (2) L'imperatore Vespasiano istituisce uno stipendio per gli insegnanti Adriano in seguito decise che spettava loro anche una sorta di liquidazione una volta cessata l'attività didattica. Quest'ultimo fece inoltre costruire un grande edificio scolastico (atheneum) dove si tenevano pubbliche lezioni, probabilmente anche di medicina. Prima testimonianza di una cattedra statale di medicina sotto Alessandro Severo nel III° sec. d.C. Giuliano l'apostata decretò nel IV° sec. d.C. la legge sull'idoneità dei medici stabilendo un programma di studi comprensivo di frequenze obbligatorie.
  26. 26. La medicina militare Nell'esercito romano c'era un medico per ogni coorte e due per quella in prima linea. Dipendevano dal praefectus castrensis e da un medico capo che spesso era anche il medico personale dell'imperatore, ma non potevano passare al rango di ufficiali in quanto non partecipavano direttamente alle battaglie. L'assistenza ai feriti prestata direttamente sul campo, all'aperto; per i casi più gravi c'era il valetudinarium in castris, una sorta di ospedale da campo che poteva contenere fino a 200 pazienti e in cui trovavano impiego anche infermieri, massaggiatori ed inservienti.
  27. 27. Galeno di Pergamo (129-199 d.C.) Interpretò razionalmente le forme anatomiche collegando la morfologia alla fisiologia: anatomo- fisiologia galenica. •Tradizione: teoria umorale ippocratica •Osservazione: dissezione e vivisezione di animali (anatomia di radice alessandrine).
  28. 28. Il sistema fisiologico di Galeno • Lo pneuma entra nel corpo attraverso la trachea, passa nei polmoni e raggiunge il ventricolo sinistro. • Il sangue origina nel fegato, viene arricchito da uno spirito naturale,attraverso il circolo venoso giunge al ventricolo destro. • Qui viene ridistribuito al circolo venoso ed in parte giunge al ventricolo sinistro dove incontra lo pneuma e diviene spirito vitale. • Lo spirito vitale è distribuito dalle arterie, alcune delle quali raggiungono il cervello dando luogo allo spirito animale che si distribuisce nei nervi.
  29. 29. La scuola salernitana • E' considerata la più antica ed illustre istituzione medievale medica del mondo occidentale; in essa confluirono tutte le grandi correnti del pensiero medico fino ad allora conosciuto: la leggenda narra infatti che nacque dall'incontro di un medico romano, uno greco, uno ebreo ed uno arabo. • Le prime testimonianze storiche certe risalgono all'inizio del IX° sec. in quel tempo lo studio della medicina a Salerno era principalmente pratico e, anche se la tendenza di questa scuola è spiccatamente laica, erano i monaci che tramandavano oralmente gli insegnamenti. • Alla base del concetto di medicina della scuola di Salerno stanno approfonditi studi anatomici sul corpo umano, l'importanza dell'armonia psico-fisica e il valore di una dieta corretta ed equilibrata. • I maestri salernitani sono disposti a scendere dalla cattedra per avvicinarsi al letto del paziente e discutere con gli allievi degli aspetti clinici delle malattie.
  30. 30. Le pestilenze A partire dal XII secolo si può fare in Europa un conto approssimativo di una pestilenza in media ogni 10-15 anni. Le patologie che più frequentemente causavano queste morie erano: la lebbra, la malaria, il vaiolo, il tifo, lo scorbuto e soprattutto la peste bubbonica. La peste bubbonica raggiunse il massimo della mortalità nel 1348 manifestandosi nella forma polmonare. Il contagio cominciò nel 1333 in Asia, si diffuse verso l’India, colpì anche la Crimea e altre zone intorno al Mar Nero, la Mesopotamia, l’Arabia e l’Egitto. Nel 1347 arrivò in Italia penetrando attraverso la Sicilia e le repubbliche marinare; si diffuse poi in Olanda, in Inghilterra, in Germania, in Polonia ed in Russia per estinguersi nel 1353 sulle rive del Mar Nero. In Italia morirono 60000 persone a Napoli, 40000 a Genova, 100000 a Venezia, 96000 a Firenze e 70000 a Siena: tenuto conto di queste cifre e dei decessi in tutte le altre città, complessivamente la nostra penisola perse la metà della sua popolazione totale. Nel resto dell’Europa, in soli tre anni (dal 1347 al 1350) si ebbero ben 43 milioni di vittime a causa dell’epidemia.
  31. 31. Le pestilenze Le difese adottate dai vari comuni contro le pestilenze furono inizialmente dettate dal bisogno immediato, poi vennero codificate in leggi da applicarsi nei casi di necessità: •i malati di peste venivano espulsi dalle città; •venne impedita l’usanza di accompagnare i funerali e tutto ciò che comportava un eccessivo agglomerato di gente; •venne fatto obbligo di seppellire i cadaveri fuori dalla città anziché nelle chiese come era consuetudine; •vennero stabiliti cordoni sanitari tra le città colpite dalla pestilenza e quelle limitrofe che ancora ne erano immuni; •le persone che avevano assistito i malati dovevano stare lontano dalla città per almeno dieci giorni senza avere rapporti con nessuno; •le case e le suppellettili degli appestati dovevano essere distrutte; •i sacerdoti avevano l’obbligo di denunciare tutti i malati di cui avevano conoscenza; • si obbligarono le navi che provenivano da regioni sospette a trascorrere un periodo di 40 giorni fuori dai porti prima di permettere loro l’attracco.
  32. 32. LAZZARETTI • Nel 1403 furono istituiti particolari luoghi di ricovero, costruiti a spese dello stato e grazie a donazioni private, dove si potevano isolare i malati di peste (lazzaretti): la prima città a dotarsi di tali strutture fu Venezia, in particolare sull’isola di S. Maria di Nazareth dove i frati dell’ordine di S. Agostino avevano edificato un monastero. • Altre città seguirono l’esempio di Venezia seguendo particolari norme: anzitutto un’adeguata distanza dal centro abitato per impedire il contagio, ma non eccessiva lontananza perché non fosse troppo disagevole il trasporto degli ammalati; poi una cura particolare era riservata all’orientamento al fine di evitare l’esposizione ai venti occidentali ritenuti nocivi (erano detti anche “putridi”); era infine consigliata la separazione dei lazzaretti dai centri abitati tramite acqua di mare dove possibile, di fiume (come a Roma per quello istituito sull’isola Tiberina) o di fossato (come a Milano). • I lazzaretti più funzionali erano quelli per la quarantena portuale che consistevano di quattro edifici isolati tra loro: uno serviva per il personale superiore (ispettori, commissari, medici, speziali, sacerdoti ed ufficiali), uno per il deposito di merci non sospette, per i malati comuni e per gli infermieri, un terzo per i malati sospetti e per la merce proveniente da luoghi infetti, l’ultimo, che era costruito ben più lontano dagli altri tre, per coloro che venivano colpiti manifestamente dalla malattia in questione.
  33. 33. L’ospedalità medioevale Dopo la nascita della religione cristiana iniziò la pratica dell’assistenza caritativa agli ammalati e ai poveri in appositi ospizi e ricoveri: xenodochia quelli riservati agli stranieri, ptochia quelli per i poveri, gerontocomi erano dette le strutture per gli anziani, brefitrofi erano i luoghi dove si curavano i bambini e orfanotrofi quelli destinati a chi aveva perso i genitori. • Sorsero praticamente allo stesso tempo delle associazioni dette ordini ospedalieri. La situazione di questo genere di strutture non era rosea sotto il profilo del rispetto delle norme igieniche o della qualità dell’assistenza prestata. Anche il tipo di costruzione, sebbene impreziosito da sculture, pitture ed opere d’arte, non appariva certo funzionale alle reali esigenze. • Il primo ospedale sorto in Italia fu quello di S. Spirito in Sassia, fatto costruire dal papa Innocenzo III nel 1201 a Roma. A questo seguirono poi gli ospedali di Pistoia (1271), quello di Firenze (1288) epoi via via tutti gli altri nelle maggiori città della penisola.
  34. 34. L’Islam Medievale Nel IX secolo, gli Arabi operarono una vivificazione del sapere medico-scientifico antico tramite la traduzione dei testi classici, da greco e siriaco, patrocinata dai califfi abbasidi (750-1258 apogeo, califfato di al Ma’mun 813-33), presso il Bayt al-Hikma, ‘casa della sapienza’, biblioteca califfale e cenacolo di dotti. A Bagdad, nasce il bimaristan, l’ospedale, inteso nell’accezione moderna di luogo specificamente adibito alla cura del malato, e non al ricovero di deboli e bisognosi (ospizio altomedievale e xenodocheion bizantino). Gli Arabi non furono solo custodi e intermediari della cultura medica classica, ma apportarono innovazioni in clinica e chirurgia.
  35. 35. Il Bimaristan ‫ﺍﻝﺏﻱﻡﺍﺭﺱﺕﺍﻥ‬ Diviso in reparti specializzati, con personale medico e infermieristico stipendiato, con una farmacia (sharabkhane ‫‘ ﺵﺭﺍﺏﺥﺍﻥﻩ‬casa delle bevande’), è luogo di cura e sede di insegnamento medico: gli allievi praticano tirocinio in corsia e studiano medicina teorica nella biblioteca. Bimaristan (Nuri di Damasco, nella foto): struttura esclusivamente medica, dedita alla cura dei malati, e non al generico sollievo dei bisognosi, che vi restano “finché è largita loro la guarigione e non si trova per la malattia rimedio.” Pratica clinica basata su medicina scientifica, gestione laica secondo criteri di economicità e razionalità. Reparti per i malati di mente dal sec. IX: la pazzia, sottratta alla categoria del soprannaturale e del religioso, è curata secondo la medicina galenica.
  36. 36. Mondino dei Liuzzi All’inizio del 1300 il testo canonico dell’anatomia era stato il testo di Mondino dei Liuzzi. Il metodo di Mondino è articolato nell’intervento di tre figure: • sulla cattedra sta il maestro che le legge il testo di Galeno, • sulla destra sta il cerusico, il barbiere, il dissettore che prepare il cadavere • e il dimostratore, non sporcandosi le mani con il corpo, stabilisce le evidenze sul corpo e ciò che legge il maestro dal testo di Galeno.
  37. 37. Vesalio (1514–1564), • Andrea Vesalio era fiammingo, Andreas Van Wesel, la sua formazione fondamentale la riceve a Padova dal 1537 al 1543, professore di Chirurgia ed Anatomia all’Università di Padova . • A Padova compie un’intensa attività di dissezione, grazie anche alla grande disponibilità di cadaveri consentita dalla legislazione molto liberistica della Repubblica Veneziana che favoriva molto le ricerche. • Il lavoro di dissezione convince Vesalio che Galeno ha scritto i propri testi non dissezionando i corpi dell’uomo ma, probabilmente, solo quelli degli animali.
  38. 38. Con Vesalio si attua il passaggio definitivo della didattica dell’anatomia dal libro al cadavere. • 1538, Tabulae anatomicae sex (tre figure dello scheletro e tre dedicate al sistema della vena cava-fegato-rene destro, al cuore-aorta, ai reni con i vasi). • 1543, De humani corporis fabrica, libri septem, i vari sistemi sono raffigurati astraendoli di volta in volta da tutto il resto dell’organismo (“uomo delle vene, “uomo dei mervi”, “uomo dei muscoli”)
  39. 39. Fabrici d’Acquapendente 1594: Teatro anatomico a Padova L’ambiente stesso della dissezione è un anfiteatro, un luogo solenne, degno dell’attenzione di uomini di cultura. I teatri anatomici si cominciarono a costruire nel 1594 a Padova progettato da un grande anatomista Fabrici di Acquapendente. Tutte le università europee se ne dotarono progressivamente. Il teatro è anche il luogo dell’affermazione del primato della vista sul primato dell’orecchio. Nella pratica medievale il maestro legge, veicola le informazioni attraverso l’orecchio di chi ascolta nella nuova pratica della rivoluzione scientifica il maestro mostra agli astanti le evidenze che viene via, via dimostrando.
  40. 40. Secolo XVII Il 500 aveva lavorato sulla struttura del corpo umano, il secolo successivo si impegna alla descrizione dei meccanismi che presiedono al funzionamento della macchina umana: si passa dall’anatomia alla fisiologia. Entrano in scena che fisica e chimica che procurano un ricorso sistematico alla misurazione quantitativa dei fenomeni utilizzando strumenti sempre più precisi.
  41. 41. William Harvey (1578-1657) A lui si deve la scoperta della circolazione del sangue (emodinamica) • Studiò, comeVesalio, a Padova dove soggiornò dal 1598 al 1602. • Parte da presupposti teorici e filosofiche di tipo aristotelico. Aristotele era stato il sostenitore del primato del cuore sugli altri organi del corpo umanoe Padova era la roccaforte del pensiero aristotelico e esercitò una forte influenza nei confronti di Harvey. • E’ autore di un’opera fondamentale del pensiero scientifico occidentale: Esercitatio Anatomica de motus cordis et sanguinis in animalibus (esercitazioni anatomiche sul moto del sangue negli animali) pubblicata a Francoforte nel 1628, composto essenzialmente da testi (72 pagine), vi era una sola immagine che metteva in evidenza come l’azione meccanica sulle vene spiegasse il concetto di flusso sanguigno.
  42. 42. Santorio Santori (1561-1636) Fu il primo misuratore in campo medico. Parte dalle tesi ippocratica della salute come equilibrio e della malattia come squilibrio misurabile attraverso lo squilibrio del metabolismo. Condusse approfonditi studi sul metabolismo ed elabora strumenti nuovi per misurare l’equilibrio metabolico: con a una bilancia di straordinarie dimensioni calcolava la variazione del peso del corpo dovuta non solo alle normali attività di vita, ma anche alla perdita dei materiali eliminati attraverso cute e polmoni (perspiratio insensibilis). Introdusse l’uso di strumenti utili al medico nella formulazione della diagnosi. Il pulsilogio, che misurava il ritmo e la frequenza del polso, concepito nel 1602, consiste di un peso sospeso ad un filo, il peso oscilla accanto ad una scala graduata e la lunghezza del filo viene regolata in modo da farla corrispondere alla battuta del polso del paziente. Un rudimentale termometro e l’igrometro composto da una corda sospesa tra due pesi con il quale si misurava l’escursione del peso verticale.
  43. 43. Giovanni Battista Morgagni Giovanni Battista Morgagni (1682-1771), professore di anatomia all’Università di Padova. • 1761, De sedibus et causis morborum per anatomen indagatis: 5 libri, 700 casi clinici di ciascuno dei quali vengono accuratamente riportati la storia e i sintomi del paziente, l’evoluzione della malattia, il quadro anatomo-patologico. • Stabilire attraverso la correlazione anatomo- clinica l’eziopatogenesi della malattia per favorire la diagnosi di casi futuri.
  44. 44. De sedibus…. Molto vicino ad un trattato di patologia speciale Indici con 4 tipi di riferimenti crociati In forma di epistolario, circa 700 casi descritti Descrizione dell’evoluzione dei sintomi, di età, sesso, occupazione, fattori ‘ereditari’, incidenza stagionale di malattia di precedenti patologie del paziente Descrizione dell’avvenuto esame obiettivo del corpo, attraverso palpazione ed auscultazione per rilevare la presenza di liquidi in torace o in addome Conferma delle osservazioni attraverso esperienze su animali Valutazione ‘statistica’ attraverso la letteratura e l’esperienza ”fra le malattie…quelle che più gravemente e più di frequente infieriscono”
  45. 45. LA CEROPLASTICA ANATOMICA • Le aumentate esigenze didattico-divulgative, la persistente scarsa disponibilità di materiale cadaverico, lo scadente risultato ottenuto con le preparazioni naturali determinarono lo sviluppo dell’arte di riprodurre le parti in avorio, bronzo, gesso, legno e soprattutto cera. • L’uomo dell’epoca dell’anatomia non è ancora “macchina“ ma “quadro” ed anche “spettacolo” .
  46. 46. LA CEROPLASTICA ANATOMICA • Gaetano Giulio Zumbo, o Zummo (1656–1701), composizioni a carattere morfo- patologico: La peste, (in ricordo dell’epidemia napoletana del 1656), la Corruzione dei corpi, gli Effetti della sifilide, Testa di vecchio (Firenze nel 1691). • Ercole Lelli (1702–1766): formare, scolpire e colorire statue, di grandezza naturale, e tavole per arredare una delle sale dell’Accademia delle Scienze di Bologna (Teatro Anatomico). • Felice Fontana (1730-1805), prima officina ceroplastica, dalla quale per opera di valenti dissettori e modellatori, uscirono a profusione, riproduzioni anatomiche che andarono ad arricchire il patrimonio museografico dei maggiori istituti anatomici di Europa.
  47. 47. STORIA DELLA CHIRURGIA Il termine chirurgia deriva dal greco cheir (mano) e da ergon (lavoro) e dal latino chirurgia La chirurgia viene definita come “cura di mali, ferite o deformità per mezzo di operazioni manuali o strumentali ed anche come rimozioni del tessuto interessato tramite la sua incisione”
  48. 48. CHIRURGIA PRESCIENTIFICA E PRIMITIVA Il tentativo di alleviare problemi quotidiani con interventi manuali fa parte degli sforzi evolutivi della specie umana. I primi esperimenti chirurgici furono mirati alla cura di ferite ed inclusero tecniche per alleviare determinati fastidi (rimuovere schegge, forare vesciche, curare ustioni). La trapanazione è uno dei primissimi esempi di chirurgia: primi tentativi di trapanazioni risalgono al mesolitico (10.000-5.000 a.C.); la trapanazione è ampiamente diffusa nel neolitico (3.000-2.000 a.C.). Perché gli uomini dell’età della pietra ricorrevano alla trapanazione? Per curare malattie del cranio (osteomielite), malattie mentali (epilessia o cefalea), per ragioni spirituali o magiche.
  49. 49. CHIRURGIA PRESCIENTIFICA E PRIMITIVA Come veniva eseguita una trapanazione? 1) Raschiare un foro nel cranio con una pietra o una scheggia affilata; 2) Eseguire un taglio circolare nell’osso con un coltello di ossidiana; 3) Fare una serie di buchi e tagliare successivamente le parti di separazione con un primitivo martello o scalpello. Probabilmente i chirurghi neolitici eseguivano anche altre operazioni (raffigurazioni in caverne preistoriche in Europa mostrano mani prive di dita).
  50. 50. CHIRURGIA EGIZIANA La maggior parte delle conoscenze della chirurgia egiziana ci viene fornita da vari antichi papiri.  Il papiro di Ebers (1550 a.C.): lista di disturbi e raccolta di ricette mediche per delle cure unite ad incantesimi e canti religiosi.  Il papiro di Smith (1600 a.C.): manuale di istruzioni chirurgiche, contiene poche invocazioni magiche ed ha un carattere più naturalistico, può essere paragonato ad una raccolta di rappresentazione di quadri clinici (titolo del caso, esame, diagnosi, trattamento).
  51. 51. LA CHIRURGIA EGIZIANA Il chirurgo egiziano possedeva una conoscenza pratica nel campo dell’anatomia umana grazie all’uso diffuso della mummificazione. Gli strumenti chirurgici egiziani fatti in bronzo avevano una forma particolare per scopi specifici (forcipi, aghi, uncini). La chirurgia in Egitto fu lentamente assorbita negli esorcismi religiosi e mistici
  52. 52. LA CHIRURGIA GRECA Nei testi omerici si ritrovano le prime documentazioni di pratiche chirurgiche.  L’Iliade presenta uno dei primi resoconti letterari di ferite riportate in guerra (ferite da lancia, spada, freccia, fionda).  Nell’Odissea la chirurgia pre-Ippocratica fa ricorso ad una miscela di elementi razionali ed irrazionali. Le forze militari greche erano esperte nell’estrarre armi dalle ferite, nell’arrestare le emorragie e nell’alleviare il dolore. E’ comunque presente una necessità psicologica di riti mistico-religiosi. “Con una benda fasciarono il ginocchio di Ulisse, poi, intonando delle melodie mistiche, la ferita rimarginata mostrò la potenza di quella sacra melodia” (Odissea).
  53. 53. LA CHIRURGIA GRECA Ippocrate (460-370 a.C.) padre della medicina moderna separa la medicina dal misticismo religioso. Nel Corpus Hippocraticum sono presenti volumi di medicina generale e di chirurgia operatoria. I libri di chirurgia comprendono titoli come: Ferite ed Ulcere, Emorroidi, Fistole, Ferite del cranio, Fratture e Articolazioni. Inoltre vengono discussi molti aspetti sull’esecuzione di un intervento: “Le cose inerenti la chirurgia sono: il paziente, il chirurgo, gli assistenti, gli strumenti, la luce, il dove ed il come, quante cose ed in che modo, dove va posto il corpo dove vanno posti gli strumenti, il tempo il modo ed il posto”.
  54. 54. CHIRURGIA ROMANA La chirurgia romana fu fortemente influenzata dalla medicina greca Celso (25 a.C.-50 d.C.) nel De Medicina raccoglie una visione complessiva delle conoscenze mediche e chirurgiche dai tempi di Ippocrate fino agli albori dell’era cristiana. Tratta di lussazioni articolari, fistole, ferite traumatiche, ascessi, mali di occhi, orecchie e naso, ernia, vene varicose, infezioni del tratto urinario e fratture. Celso descrive le caratteristiche dell’infiammazione (rubor, tumor, calor e dolor) e l’armamentario chirurgico romano.
  55. 55. CHIRURGIA ROMANA Galeno (129-199 d.C.) come primario medico-chirurgo dei gladiatori ha molteplici opportunità per la pratica di chirurgia ortopedica ricostruttiva e traumatologica. Ottiene i suoi maggiori successi nella patologia, fisiologia e medicina generale, ma non nella chirurgia: credeva ed affermava che la suppurazione fosse un processo fondamentale per la rimarginazione di una ferita. Per 15 secoli la medicina europea fu dominata dalle sue teorie.
  56. 56. CHIRURGIA ROMANA Antillo (II sec d.C.) primo chirurgo vascolare. “Metodo di Antillo”: legatura della arteria sopra e sotto un aneurisma, incisione e svuotamento dello stesso Leonida di Alessandria (ca II sec d.C.) incluse tra le tecniche operatorie l’amputazione e la preparazione dei tessuti per il trapianto.
  57. 57. XVI secolo Agli inizi del XVI secolo esiste un divario abissale fra medici e chirurghi. I primi molto eruditi (dettami da Ippocrate, Aristotele e Galeno) detengono la cosiddetta dominanza. La visita medica non esiste, non c’è il contatto fisico del medico con il paziente, la diagnosi e la prognosi si basano sulla uroscopia Intorno alla metà del XVI sec. Tre importanti avvenimenti predispongono l’Europa alla grande rinascita del pensiero scientifico:  l’invenzione della polvere da sparo  la scoperta della carta e della stampatrice  i viaggi e la scoperta di nuovi mondi.
  58. 58. XVI secolo  Evoluzione della figura di chirurgo Chirurgia vista come coesistenza tra abilità manuale e capacità intellettive  “La precisione apparentemente meccanica del tagliare, cucire e annodare dipende da un processo di sintesi intellettuale e di logica che costituisce uno dei più alti risultati conseguiti insieme da cervello e psiche” “L’operazione è il momento nel quale le mente del medico fa eseguire alle mani degli ordini basati sull’intelligente comprensione del modo in cui il corpo umano dovrebbe funzionare e del modo in cui esso non funziona”
  59. 59. Nella Francia del XIV e XV secolo la cura dei malati era affidata a tre gruppi di persone in scala gerarchica I medici , membri della facoltà di Medicina dell’Università: essi erano preparati in latino e greco, venivano considerati molto colti e curavano con farmaci e consigli I barbieri i quali praticavano litotomie, salassi, scarnificazioni , curavano le piaghe meno gravi Confraternita di Saint Côme, confraternita di chirurghi che praticavano gli interventi chirurgici più complicati disdegnati dai medici Successivamente nel XVI secolo la posizione di barbieri venne legittimata e divennero noti come corpo dei cerusici. I cerusici dovevano frequentare le lezioni di anatomia umana e di chirurgia tenute all’università. Dopodichè dovevano essere ammessi al collegio di Saint Côme
  60. 60. La Chirurgia di Guerra Maggiore importanza alla delicatezza nel trattare i tessuti introdotta in contesto di guerra Ogni nuova guerra richiede miglioramenti nella terapia medica poiché essa porta con sé nuove tecniche di distruzione Ferite sempre più complesse per essere curate esigono una conoscenza più raffinata del corpo umano
  61. 61. La Chirurgia di Guerra Giovanni da Vigo autore di “Practica copiosa”studiò e approfondì la traumatologia bellica All’inizio del 1500 sostiene la velenosità della palla o della polvere da sparo. Il mezzo proposto da Vigo per eliminare gli effetti del veleno consisteva nel cauterizzare la ferita con olio bollente
  62. 62. La Chirurgia di Guerra Ambroise Paré nacque nel 1510 nella cittadina di Laval. Il suo primo insegnante fu un cappellano, poi segui l’apprendistato da cerusico e, nel giro di poco ottenne il posto di compagnon chirurgien all’ Hôtel Diue, dal quale, quattro anni dopo, partì per la guerra con il maresciallo de Montejan. Qui nasce in lui l’interesse per la cura delle ferite di archibugio (sostituisce l’olio bollente con giallo d’uovo, olio rosato e trementina) “Mentre mi trovavo a Torino conobbi un chirurgo famoso per il suo metodo di trattare le ferite a archibugio, nelle cui grazie mi insinuai per avere la ricetta che egli chiamava il suo balsamo con il quale curava le ferite”
  63. 63. Ambroise Paré Con questa esperienza Paré diede vita al principio della delicatezza nella cura delle ferite Lavorare sul campo di battaglia diede a Paré l’opportunità di sperimentare nuove tecniche di cura Durante le battaglie di Danvilliers per la prima volta utilizza la tecnica di legare i vasi sanguigni per bloccare le emorragie nelle amputazioni al posto del ferro rovente  Alla disfatta dei francesi a Hedin, nel 1553, curò una ferita aperta attraverso la quale veniva risucchiata aria nel torace attraverso un’impacco con una spugna imbevuta d’olio “per arrestare il flusso di sangue e per impedire che l’aria esterna penetrasse nel petto”. Aveva quindi un tampone che fungeva da valvola a senso unico consentendo intanto di prepare i bendaggi per la ferita
  64. 64. Ambroise Paré  Durante la battaglia di Hedin fu catturato ma fu rilasciato curando un’ulcerazione sulla gamba di un colonello dell’imperatore  Egli mostrò ai medici del colonnello che l’ulcera era associata con una “grande vena varicosa che la alimentava in continuazione”. La sua terapia consistette nella asportazione dell’ulcera e nell’applicazione di uno stivaletto di pasta molle fino al ginocchio proprio come farebbe un chirurgo vascolare nel ventesimo secolo  L’unico accenno di Paré a una qualche forma di anestesia lo si trova nel capitolo dedicato alle battaglie nelle Fiandre, dove raccomanda di ricorrere all’oppio e al giusquiamo per consentire al paziente ferito di guarire
  65. 65. Ambroise Paré Paré lascio una serie di scritti che avrebbero costituito una sorta di bibbia della chirurgia per i secoli a venire  1545 “Trattato sulle ferite di archibugio e da armi da fuoco”. Parè sostiene che bisogna badare non alla velenosità della palla, ma alla contusione, alle fratture ossee, alle lesioni tendinee, è l’aria che se corrotta sarà in grado di ammorbare i tessuti con i quali entrerà in contatto.  1547 “Metodi di cura delle ferite”: produzione della suppurazione della ferita; detersione della ferita.  1561 “Anatomia universale del corpo umano”. La conoscenza dell’anatomia è un requisito necessario per un chirurgo 1954 “Dieci libri di chirurgia con illustrazioni degli strumenti necessari”  1575 “L’Opera Completa”
  66. 66. Ambroise Paré Paré scrisse tutte le sue opere in francese colloquiale e questo permise di tradurle in altre lingue parlate da medici di tutt’Europa. L’Opera completa fu tradotta in inglese da Thomas Johnson, un farmacista londinese Nell’approccio alla valutazione delle prove è evidente la grandezza di Paré. Egli inizio da un’estesa conoscenza dell’opera dei suoi predecessori La sua autorevolezza deriva dalla sua ampia conoscenza dell’opera di Ippocrate, di Galeno e di più recenti scrittori di chirurgia

×