Verifica, è proprio obbligatoria?
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Like this? Share it with your network

Share

Verifica, è proprio obbligatoria?

  • 340 views
Uploaded on

La verifica nel gruppo, perché si, in che modo.. idee e spunti

La verifica nel gruppo, perché si, in che modo.. idee e spunti

More in: Spiritual
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
340
On Slideshare
336
From Embeds
4
Number of Embeds
2

Actions

Shares
Downloads
1
Comments
0
Likes
0

Embeds 4

http://religionereligioni.blogspot.com 3
http://www.slideshare.net 1

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. proue di gruppo di Elena Giordano . uenf ica: ÀAbbiamo tutti un cervello che pensa? Bene, facciamolo funzionare. i, hanno ragio- gione. Pensandoci con un ne. Sono in- attimo di calma in più, an- sopportabile. che a me lidea non di- Mi rompo e spiace. Come ricordasem- mi lamento pre Cario, «Inomtramrion ogni volta che deve mai essere unabitu- e proprio la parola «ve- dine e stop. Deve 1) esse- rifica» fa capolino in mez- re ogni volta un bel tro- zo al gruppo, per bocca varsi insieme; 2) essere degli educatori. Io mi di- sempre una scoperta», E co: siamo tutti felici e con- allora, verificiliamoci. Sa- obbligatoria? tenti, ci troviamo, abbiamo rah vuole partire con un te- Periodicamente, ecco spuntare la un mondo di impegni e di st per controllare il «tasso appuntamenti. Che senso di attaccamento al grup- trafila della verifica di gruppo: ha impostare Una verifica po». Tonimi propone di in- dove siamo, perché ci troviamo, a metà anno? Non si po- vitare un esperto che ci trebbe semplicemente la- spieghi meglio cosa vuoi dove stiamo andando... E davvero sciare passare il tempo, e dire «fare gruppo». Mari- necessario tutto questo? arrivare a giugno senza na, invece, sempre piena troppi pensieri? di idee stravaganti, ha but- scussione. Io non ho ancora rei che ci impegnassimo tato lì lidea di un me- deciso, ma mi piacerebbe di più. Niente da fare: tutti so- gaincontro di mezza gior- che questo momento di- no daccordo per la ve- nata, con tanto di momento ventasse qualcosa di serio In fondo, passiamo in- rifica. E forse hanno ra- di preghiera, merenda, j3i- per il nostro gruppo. Vor- sieme buona parte del D i m e n s i o n i N u o v e 5 0 G e n n a i o 2 0 0 2
  • 2. 3 O O £ o i e u u * Q j_C^ 3 Ao n N ! u o ) s Da 4 d 10 punti: ld verifica proponetela... a un altro. •oddruS ip B Niente da fare, posizione rigida la vostra. Preferite continuare come sempre piut- EJJSOU B| tosto che controllare se state andando bene. Perché avete paura di un momento 9 91U9ISUI 9JB}S BJ p di pausa? La verifica non serve a creare problemi, piuttosto a risolverli. È un modo per crescere insieme, non per giudicare il gruppo nella sua anima. 9ip auojzeji.dsij osjed OlUBiqqB 9S 9JldBD J9J Da 11 a 15 punti: Non ci fate perdere troppo tempo. Se proprio bisogna farla, ok, ma che sia una cosa rapida, perché non avete tempo 9SOD 9}I|OS 9||Bp ISJBD da perdere. Siete troppo indaffarati. Il vostro atteggiamento è operativo, e quindi -DBis 9A9jq un oddruS va bene. Ma ritagliatevi sempre uno spazio di analisi: vi aiuterà a crescere in armo- nia con le mille realtà che incontrate ogni giorno. |l J9d 9 BDIJU9A Da 16 a 20: Sì alla verifica, ne abbiamo bisogno. •ODOI§ Uj (SS9LU OLU Accettare di avere necessità di un momento di stacco e di verifica è segno di maturità e vuoi dire che il gruppo desidera essere dawero una piccola comunità. -BIS O 9S OJJSOU OJU91U Avere lessenziale sempre davanti agli occhi: il mondo e le sue sfide sono il terre- 9tpUBBJBS g 9JB!qtUBD no su cui essere realmente gruppo. oddmS i; 9J9p9A ip 9U S I • fr -OIZOLU9J IBLJU OUJ9J9A £ S £ -Ojd UOU 49JBpJBn§ B I £ 3 £ I I BJJS9UI) B||B OUJBJJS 9$ ^ q v 3 VIAIIAIOS VI IVd Bljppn| 9BZZ9|OA9dBS -UOD nid UOD BpBJJS B| 9J J8CÌ IUOIZ9AI}OIU 9DJ9D O ui aj9JOi|8iuu ip 9DJ8D pq ourosep ip o|om |ns auoissrosip epp o -m§9SOjd 9 ISJBAIJOUJ 9| UOD OU91UOD l OSJad ei 9 pi^B|e§ iìU9iuiduuoj lap q -U BDIjluSjS OpU9DBJ IUOIZBAUOIU aipp OM04UOD iap *e dw3$ n a mwuvmp odui^ // B OUUBIJS 9L|D OUJLUUUBD |l oddm§ ui dois oun e^uasaiej o piale ip oddmS un PD lAonu ajeeD jad euoiSBDDO^n ^ pq jisiuid|e ip oddmS un -q8uoisu9uuip eudojd ei ajudoDS e etnie * 9un *B oqo BJ^od uou osiooaad ip 0 :vpji-oou ia <odmhd» vjouod vj OUBS Un 8SJOJ " -opu^suad ipg -BOUBIU iu§o oip rad UT BTOJBUI ID pB OUBUI BUU BJBp p BDIJUGA B| asjo^ -ajB^uoooBj aiBzztjBai 9J -tp Bp osco Tp opuoui un ouiBiq -qy •OUTUIUIBO oj^sou pp BO!d-J9n -JOOO 9J 9JBiqiUBO 9J9p9AB é -snosip ui ojsodsip eiuoo -BUOIZUnj OJOUIBpOBJ 9U9g ^BS -U9d 9i|o oj|9AJ90 un p;n^ ouiBiq :i}BZZoqqB -OOg TOO BOTJXI9A BUn BTS 9t[0 « -9ld» OT CBOTJTJ9A B^9p9U9q B^S -9nb *9JBj ouiBTqqop B| oudoid 9<3 "-md Tp 9 o;)n; Tp ouiBpzzra -B§JO OUUB^ O^n; OUIBT}U9nb 03016 -9J p