Verifica, è proprio obbligatoria?

198
-1

Published on

La verifica nel gruppo, perché si, in che modo.. idee e spunti

Published in: Spiritual
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
198
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
2
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Verifica, è proprio obbligatoria?

  1. 1. proue di gruppo di Elena Giordano . uenf ica: ÀAbbiamo tutti un cervello che pensa? Bene, facciamolo funzionare. i, hanno ragio- gione. Pensandoci con un ne. Sono in- attimo di calma in più, an- sopportabile. che a me lidea non di- Mi rompo e spiace. Come ricordasem- mi lamento pre Cario, «Inomtramrion ogni volta che deve mai essere unabitu- e proprio la parola «ve- dine e stop. Deve 1) esse- rifica» fa capolino in mez- re ogni volta un bel tro- zo al gruppo, per bocca varsi insieme; 2) essere degli educatori. Io mi di- sempre una scoperta», E co: siamo tutti felici e con- allora, verificiliamoci. Sa- obbligatoria? tenti, ci troviamo, abbiamo rah vuole partire con un te- Periodicamente, ecco spuntare la un mondo di impegni e di st per controllare il «tasso appuntamenti. Che senso di attaccamento al grup- trafila della verifica di gruppo: ha impostare Una verifica po». Tonimi propone di in- dove siamo, perché ci troviamo, a metà anno? Non si po- vitare un esperto che ci trebbe semplicemente la- spieghi meglio cosa vuoi dove stiamo andando... E davvero sciare passare il tempo, e dire «fare gruppo». Mari- necessario tutto questo? arrivare a giugno senza na, invece, sempre piena troppi pensieri? di idee stravaganti, ha but- scussione. Io non ho ancora rei che ci impegnassimo tato lì lidea di un me- deciso, ma mi piacerebbe di più. Niente da fare: tutti so- gaincontro di mezza gior- che questo momento di- no daccordo per la ve- nata, con tanto di momento ventasse qualcosa di serio In fondo, passiamo in- rifica. E forse hanno ra- di preghiera, merenda, j3i- per il nostro gruppo. Vor- sieme buona parte del D i m e n s i o n i N u o v e 5 0 G e n n a i o 2 0 0 2
  2. 2. 3 O O £ o i e u u * Q j_C^ 3 Ao n N ! u o ) s Da 4 d 10 punti: ld verifica proponetela... a un altro. •oddruS ip B Niente da fare, posizione rigida la vostra. Preferite continuare come sempre piut- EJJSOU B| tosto che controllare se state andando bene. Perché avete paura di un momento 9 91U9ISUI 9JB}S BJ p di pausa? La verifica non serve a creare problemi, piuttosto a risolverli. È un modo per crescere insieme, non per giudicare il gruppo nella sua anima. 9ip auojzeji.dsij osjed OlUBiqqB 9S 9JldBD J9J Da 11 a 15 punti: Non ci fate perdere troppo tempo. Se proprio bisogna farla, ok, ma che sia una cosa rapida, perché non avete tempo 9SOD 9}I|OS 9||Bp ISJBD da perdere. Siete troppo indaffarati. Il vostro atteggiamento è operativo, e quindi -DBis 9A9jq un oddruS va bene. Ma ritagliatevi sempre uno spazio di analisi: vi aiuterà a crescere in armo- nia con le mille realtà che incontrate ogni giorno. |l J9d 9 BDIJU9A Da 16 a 20: Sì alla verifica, ne abbiamo bisogno. •ODOI§ Uj (SS9LU OLU Accettare di avere necessità di un momento di stacco e di verifica è segno di maturità e vuoi dire che il gruppo desidera essere dawero una piccola comunità. -BIS O 9S OJJSOU OJU91U Avere lessenziale sempre davanti agli occhi: il mondo e le sue sfide sono il terre- 9tpUBBJBS g 9JB!qtUBD no su cui essere realmente gruppo. oddmS i; 9J9p9A ip 9U S I • fr -OIZOLU9J IBLJU OUJ9J9A £ S £ -Ojd UOU 49JBpJBn§ B I £ 3 £ I I BJJS9UI) B||B OUJBJJS 9$ ^ q v 3 VIAIIAIOS VI IVd Bljppn| 9BZZ9|OA9dBS -UOD nid UOD BpBJJS B| 9J J8CÌ IUOIZ9AI}OIU 9DJ9D O ui aj9JOi|8iuu ip 9DJ8D pq ourosep ip o|om |ns auoissrosip epp o -m§9SOjd 9 ISJBAIJOUJ 9| UOD OU91UOD l OSJad ei 9 pi^B|e§ iìU9iuiduuoj lap q -U BDIjluSjS OpU9DBJ IUOIZBAUOIU aipp OM04UOD iap *e dw3$ n a mwuvmp odui^ // B OUUBIJS 9L|D OUJLUUUBD |l oddm§ ui dois oun e^uasaiej o piale ip oddmS un PD lAonu ajeeD jad euoiSBDDO^n ^ pq jisiuid|e ip oddmS un -q8uoisu9uuip eudojd ei ajudoDS e etnie * 9un *B oqo BJ^od uou osiooaad ip 0 :vpji-oou ia <odmhd» vjouod vj OUBS Un 8SJOJ " -opu^suad ipg -BOUBIU iu§o oip rad UT BTOJBUI ID pB OUBUI BUU BJBp p BDIJUGA B| asjo^ -ajB^uoooBj aiBzztjBai 9J -tp Bp osco Tp opuoui un ouiBiq -qy •OUTUIUIBO oj^sou pp BO!d-J9n -JOOO 9J 9JBiqiUBO 9J9p9AB é -snosip ui ojsodsip eiuoo -BUOIZUnj OJOUIBpOBJ 9U9g ^BS -U9d 9i|o oj|9AJ90 un p;n^ ouiBiq :i}BZZoqqB -OOg TOO BOTJXI9A BUn BTS 9t[0 « -9ld» OT CBOTJTJ9A B^9p9U9q B^S -9nb *9JBj ouiBTqqop B| oudoid 9<3 "-md Tp 9 o;)n; Tp ouiBpzzra -B§JO OUUB^ O^n; OUIBT}U9nb 03016 -9J p

×