Week End Giovanissimi Marzo 2009

  • 235 views
Uploaded on

 

  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
No Downloads

Views

Total Views
235
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0

Actions

Shares
Downloads
3
Comments
0
Likes
1

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. Week-end giovanissimi 14 – 15 marzo 2009 Tema: Bene Comune Passo biblico: La casa sulla roccia
  • 2. Con questo week-end vogliamo far scaturire nel giovanissimo la voglia di sentirsi parte attiva di un disegno che va oltre il suo orizzonte per mischiarsi con altri orizzonti
  • 3. il giovanissimo si deve attivare Passando da “ Non mi interessa e non dipende da me” a “ Mi intersessa e dipende anche da me”
  • 4. COME?
  • 5. Riscoprendo la propria identità
  • 6. Il giovanissimo si forma in un contesto quale quello della famiglia, della scuola e delle amicizie di paese o di quartiere …
  • 7. … sa chi è, è sicuro di quello che vuole nel suo mondo, nella sua “riserva”, ma quando passa il recinto?
  • 8. Il giovanissimo quando entra in contatto con il mondo si deve porre due domande: chi sono io? cosa sono io per il mondo?
  • 9. Anche il mondo fa la stessa domanda al giovanissimo … Chi sei?
  • 10. Il giovanissimo è portato a rispondere con una storia, la sua storia: un susseguirsi di fatti che hanno caratterizzato in poche tappe il suo percorso!
  • 11. questa può essere u na storia come tutte le altre , che al mondo non interessa o ignora perché è massa, è la storia di tutti, è la classica storia che non fa ascolti!
  • 12. Un’altra domanda molto più importante che ci viene posta dal mondo è: Cosa sei?
  • 13. Il ragazzo è chiamato a parlare di se, della sua diversità e per far questo deve scavarsi dentro, deve illuminare anche le parti più remote del suo essere, deve far capire che lui non è solo un susseguirsi di eventi, ma dentro a quel corpo c’è un anima, c’è qualcosa di più, c’è Una Storia
  • 14. Dopo aver posto l’attenzione sulla propria storia e sulla propria vita il giovanissimo deve portare lo sguardo su qualcosa di più grande, il mondo, e deve chiedersi come prima cosa:
  • 15. che ci faccio qui?
  • 16. il giovanissimo deve capire il perché del suo essere nel mondo, deve capire che lui è stato chiamato ad abitare quella parte di mondo, su cui deve costruire qualcosa, la sua vita
  • 17. Si chiede prima di tutto come va? (Il mondo)
  • 18. Si chiede se questo mondo gli piace?
  • 19. E soprattutto si chiede se si può cambiare qualcosa?
  • 20. Il mondo va guardato da un’altra prospettiva quella del “ contenere ”
  • 21. è il mondo che abito, che devo valorizzare e migliorare che è chiamato a contenermi, a sostenermi, ad aiutarmi in una ulteriore crescita a farmi prendere definitivamente il volo.
  • 22. come si comporta il mondo nei miei confronti?
  • 23. Mi vede? Mi ascolta? Mi fa esprimere?
  • 24. Io cerco il mio spazio, ma il mondo questo spazio me lo concede? E se non me lo concedesse come dovrei reagire? Quale tecniche adottare?
  • 25. Lo stile che si propone è quello della sobrietà
  • 26. Noi nel mondo non dobbiamo cercare la ribalta ma dobbiamo crescere in modo armonioso. Il nostro sviluppo, deve coincidere con lo sviluppo degli altri
  • 27. È vero anche che ognuno deve seguire la sua strada, ma ci sono modi e modi per raggiungere i propri obiettivi
  • 28. Alla fine di tutto il giovanissimo è invitato a capire che prima di arrivare alla costruzione delle pareti, bisogna mettere solide fondamenta altrimenti alla prima tempesta la nostra casa (il mondo e i nostri progetti) cadranno.
  • 29. Quindi il raggiungimento del bene comune non è altro che:  
  • 30. Capire la mia storia Valorizzare il mio essere Darmi uno stile (sobrietà) Mettere la mia storia e il mio Essere in condivisione Essere protagonista Accompagnare e non spingere