• Share
  • Email
  • Embed
  • Like
  • Save
  • Private Content
La Riforma Gelmini   2 A PNI
 

La Riforma Gelmini 2 A PNI

on

  • 1,880 views

 

Statistics

Views

Total Views
1,880
Views on SlideShare
1,880
Embed Views
0

Actions

Likes
0
Downloads
7
Comments
0

0 Embeds 0

No embeds

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

    La Riforma Gelmini   2 A PNI La Riforma Gelmini 2 A PNI Presentation Transcript

    • Breve resoconto sulle modifiche apportatedalla Riforma Gelmini nel sistema scolastico italiano,e,in particolare, nei licei scientifici. Questo lavoro è nato dalla necessità della classe di rispondere alle critiche dei rappresentanti d’ istituto sulla disinformazione degli studenti a proposito della nuova riforma. A cura della classe 2° A pni, sotto la supervisione della professoressa Caretta
    • Le modifiche apportate alla I pareri degli • Interviste ad alcuni professori •Gli Istituti Tecnici del liceo Morin •I Licei •Il Liceo Scientifico •Il Liceo Scientifico Morin Alcuni recenti interventi sulla scuola:Le testate di •Moratti •Berlinguer •Decreto Fioroni Autonomia scolastica I pareri degli • Interviste ai rappresentanti d’ istituto•Cosa ne pensiamo • Le manifestazioni contro la riforma
    • Le modifiche apportate alla
    • Le modifiche apportate alla - Una nuova articolazione del percorso di 5 anni: 2+2+1 Gli apprendimenti sono suddivisi in: un’area di insegnamento generale comune e aree di indirizzo specifiche. - Rafforzamento della cultura scientifica e tecnica attraverso: + Matematica + Scienze e Tecnologia + Lingua Inglese - L’orario settimanale è di 30 ore di 60 minuti anziché 36 di 50 minuti per un complessivo aumento dell’orario annuale da 990 a 1.056 ore
    • Le modifiche apportate alla - Liceo linguistico rafforzamento lingue straniere con particolare riferimento alla terza lingua (che inizia già dal primo anno) - Liceo musicale coreutico è di nuovo istituzione. - Liceo delle scienze umane è la trasformazione degli ex istituti magistrali e delle numerose sperimentazioni. Studio della sociologia, antropia, filosofia e le altre scienze umanistiche. - Liceo artistico 3 indirizzi: arti figurative (pittura grafica e scultura), design e architettura, multimedia scenografica (new media). - Liceo classico sono rafforzati la lingua inglese che prosegue per tutti i cinque anni (prima era solo per il biennio) e lo studio delle materie scientifiche. - Liceo scientifico è rafforzato l’insegnamento delle materie dell’area scientifica. Più matematica e materie scientifiche ( vedi Scienze Applicate e indirizzo linguistico )
    • Le modifiche apportate alla -L’introduzione di un nuovo indirizzo: SCIENZE APPLICATE. -La riduzione delle ore settimanali di alcune materie. MENO ORE DI: latino, storia e geografia, inglese. PIU’ ORE DI : materie scientifiche -Eliminazione delle sperimentazioni -Introduzione nuovi indirizzi
    • Le modifiche apportate alla NUOVO INDIRIZZO: “SCIENZE APPLICATE” ALCUNE CLASSI DA 30 ALUNNI: SOVRAFFOLLAMENTO prima IL MORIN e LA RIFORMA Dopo
    • Le modifiche apportate alla “TRADIZIONALE” prima e Dopo
    • Le modifiche apportate alla “TRADIZIONALE” e Dopo
    • Le modifiche apportate alla “LINGUISTICO” prima
    • Le modifiche apportate alla “LINGUISTICO” e Dopo
    • Le modifiche apportate alla PNI e SCIENZE APPLICATE prima
    • Le modifiche apportate alla PNI e SCIENZE APPLICATE e Dopo
    • I pareri degli Le domande poste: • Cosa ne sa della riforma in particolare riguardo al liceo scientifico? • Quali punti ritiene positivi? • Quali negativi e perché? • Ritiene che ci siano stati dei cambiamenti in positivo o negativo per quanto riguarda le programmazioni dei docenti, le competenze che i ragazzi devono acquisire (biennio/triennio), e le competenze che devono avere in uscita dal biennio (obiettivi minimi)? • e cosa ne pensa dei programmi disciplinari?
    • I pareri degli Risposte dei professori Ci son stati 2 pareri, uno positivo: • “La riforma ha alcuni aspetti positivi come il fatto che elimina gli sprechi universitari” Uno negativo: • “La riforma in realtà è un riordino, poiché non apporta profonde modifiche ed è principalmente una riforma economica” • “ I tagli provocano una riduzione di orario che influisce sulla qualità dell’ istruzione” • “I maestri di sostegno sono stati ridotti e questo impedisce il normale svolgimento del programma in classi che hanno alunni diversamente abili”
    • I pareri degli RAPPRESENTANTI D’ ISTITUTO Risposte degli Studenti:• “LA RIFORMA è ORMAI EFFETTIVA”• “SI VUOL FAR PASSARE L’AMARO DEI TAGLI CON IL MIELE DELLA PSEUDO RAZIONALIZZAZIONE DEL NOSTRO SISTEMA SCOLASTICO”• “LA RIFORMA ABBRACCIA PIU’ CAMPI,MA PRINCIPALMENTE INTERESSA QUELLO ECONOMICO”• “CI SONO ENORMI SPRECHI UNIVERSITARI (INDIRIZZI CON POCHE ISCRIZIONI ANNUE) A CUI LA RIFORMA PONE FINALMENTE DEI TAGLI.”
    • VARIE SONO STATE LE PROTESTECONTRO LA RIFORMA E CONTRO I TAGLI ALL ‘ ISTRUZIONE
    • Le testate diCorriere della Sera 12 giugno 2009Il governo approva la riforma dei liceiDue new entry e latino obbligatorio Oltre a classico, scientifico, artistico e linguistico, ci saranno il liceo musicale e quello delle scienze umaneNell’ articolo del Corriere si parla di latino obbligatorio in tutti i licei. Osserviamo peròche nella nostra scuola è nato il nuovo indirizzo delle scienze applicate , che nonprevede lo studio del latino.
    • Le altre Breve sguardo all’ indietro tra i punti più importanti delle riforme della scuola negli ultimi decenni • Nel 1995 gli ESAMI DI RIPARAZIONE vennero aboliti dal Ministro Francesco d’ Onofrio ( SI POTEVA COSI’ACCEDERE ALLA CLASSE SUCCESSIVA CON IL « DEBITO» )
    • Le altre • Legge del 10 Febbraio 2000 (abrogata dalla Riforma Moratti nel 2003) 7 ANNI Ciclo Primario ( 6-13 anni) • RIORDINO DEI CICLI 5 ANNI Ciclo secondario ( 13-18) Aree: umanistica tecnica musicale scientifica artistica • OBBLIGO DI STUDIO FINO A 15 ANNI • 3+2 UNIVERSITA’
    • Le altre • Accesso alla scuola elementare a 6 anni (eliminazione «primina») • Riorganizzazione superiori: 3 anni diploma di qualifica Liceo: • Artistico 4 anni qualifica quadriennale • Classico 5 anni + esame stato accesso all’università • Economico • Linguistico • Musicale • Valutazione conoscenze e abilita alunni • Scientifico • Valutazione offerta formativa singole scuole • Tecnologico • Scienze umane
    • Le altre Scompare la promozione con debito ( non si parla di promozione con debito ma di sospensione del giudizio finale) I debiti devono essere recuperati entro la fine dell’ anno scolastico attraverso:• interventi dopo gli scrutini del I quadrimestre• interventi dopo gli scrutini conclusivi ( entro il 31 agosto) • Docenti interni e/o esterni • Aggregazioni di alunni anche di classi MANCANZA diverse FONDI • FONDO IDEI (interventi.didattici.educativi.intregativi)
    • • 1997 ( Berlinguer) AUTONOMIA SCOLASTICA AMMINISTRATIVA, DIDATTICA E ORGANIZZATIVA  Le scuole ricevono fondi da: • STATO • COMUNI • PROVINCE • REGIONI • ENTI PRIVATI• Con le riforme Moratti e Gelmini l’ autonomia scolastica consente una flessibilità del 20% del monte ore annuale delle discipline di insegnamento (le materie)
    • “Conoscere la nuova Riforma ci consente di formulare dei pareri FONDATI su di essa” “ E’ stata una riforma di tipo economico, poco volta a migliorare l’ istruzione italiana” “ Nessuno è pienamente d’ accordo. E’ anche vero che una riforma “ C’era certamente la di questa portata non può accontentare tutti. necessità di riformare la Questa riforma potrebbe scuola. “ essere invece un punto di partenza, suscettibile di “La continuità fra la scuola ulteriori e futuri primaria e secondaria, in miglioramenti.” particolare tra biennio e triennio della secondaria superiore, è stata in parte favorita da questa riforma.”
    • “Conoscere la nuova Riforma ci consente di formulare dei pareri FONDATI su di essa” “ Certamente tagliare alla scuola è stato necessario, soprattutto in “Indubbiamente alcuni tagli un contesto economico come apportati soprattutto a facoltà quello attuale; ciò tuttavia ha universitarie con pochissimi significato tagliare alla cultura, iscritti hanno eliminato inutili alla formazione e all’ istruzione sprechi” di quella che sarà la società del domani. E’ auspicabile che in un futuro prossimo gli investimenti sulla scuola, indispensabili, “ L’ uomo si è migliorato vengano incrementati per osando qualcosa e garantire anche la formazione di rischiando, anche attraverso una futura classe dirigente errori che poi sono stati consapevole e preparata.” corretti.”