IL COUNSELLING NEL DISAGIO
LAVORATIVO
SIAB NAPOLI, domenica 23 febbraio 2014
Pietro Trentin
Le origini del Counseling
• Choosing a vocation, scritto da Frank Parsons
nel 1908 e pubblicato postumo un anno dopo,
rapp...
Definizione di Counseling accreditata (1)
Il compito del counselor è quello di favorire
lo sviluppo e l'utilizzazione dell...
Definizione accreditata (2)
“Il Counselling è un processo
relazionale tra Counsellor e uno o più
Clienti, che intende forn...
Il contesto macro-sociale che esprime la
domanda di counseling
• La società moderna ha delegato la
produzione di massa all...
Il mondo del lavoro nell’era
post-moderna: quali criticità esprime
• Il modello fordista (modernità solida) consisteva
nel...
L’identità di un individuo si struttura in
due componenti diverse:
• quella strettamente soggettiva, relativa
alla propria...
Cosa porta le persone a chiedere un servizio
di counselling:
• Stress:
Le aziende si aspettano molto di più
dai loro dipen...
.. Ma lo stress o l’ansia da insicurezza non sono
solo un problema dei dipendenti ..
«Una giornata lavorativa senza limiti...
Burn-outNelle “professioni di aiuto”, come risultato
della particolare tensione emozionale
cronica lavorativa e come mecca...
Il Mobbing
in Italia: 1,5 milioni (4-
6% degli occupati, di
cui al Nord 65%)
MOBBING :
comportamento ripetuto, immotivato,...
Quindi il Counselling è utile:
 La tipologia di problemi
può essere molto vasta,
ma associabile a tre
macro-aree
fondamen...
Il Counselling in azienda
Può essere utilizzato attraverso 2
modalità principali:
1. Counselling informale = abilità
di co...
COACHING & COUNSELLING SONO SIMILI?
COACHING COUNSELING:
 più clienti di pari livello
(azienda + coachee)
 potenziamento...
Quali risultati può dare il counseling
nelle organizzazioni:
• Dare valore e potere alla persona
• Facilitare la comunicaz...
Il Counsellor ha discrezionalità nell’accettare i clienti
E’ responsabilità del Counsellor operare
nell’ambito delle compe...
La struttura del processo di
counseling
1. Analisi della domanda: serve il
counseling per questa persona?
2. Redazione del...
L’Analisi della Domanda rappresenta il passo
fondamentale per definire i confini della relazione
Con l’AdD il counsellor a...
I risultati prodotti da un buon servizio di
counselling:
 Rafforzamento dell’autostima
 Maggiori competenze nella
risolu...
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Presentazione counselin gdisagiolavoro-trentin

119

Published on

Counseling as a way to prevent job-related uneasiness and to foster personal empowerment

Published in: Self Improvement
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
119
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
6
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Presentazione counselin gdisagiolavoro-trentin

  1. 1. IL COUNSELLING NEL DISAGIO LAVORATIVO SIAB NAPOLI, domenica 23 febbraio 2014 Pietro Trentin
  2. 2. Le origini del Counseling • Choosing a vocation, scritto da Frank Parsons nel 1908 e pubblicato postumo un anno dopo, rappresenta la nascita del counseling come servizio di supporto alle persone con disagio sociale. • L’approccio di Parsons era pioneristico e scontava una carenza di strumenti oggi imprescindibili, ma il suo modello socio- formativo, per quanto informato di direttività, ancora mantiene una sua sostanziale validità. • Negli anni ’50 C. Rogers e R. May ricondurrano il counseling epistemologicamente nell’ambito psicologico e metodologicamente nell’approccio centrato sul cliente.
  3. 3. Definizione di Counseling accreditata (1) Il compito del counselor è quello di favorire lo sviluppo e l'utilizzazione delle potenzialità del cliente, aiutandolo a superare quei problemi di natura personale che gli impediscono di esprimersi pienamente e liberamente nel mondo esterno. Il superamento del problema, la vera trasformazione, comunque, spetta solamente al cliente: il counselor può solo guidarlo, con empatia e rispetto, a ritrovare la libertà di essere se stesso". (Da "L'arte del Counseling" di Rollo May)
  4. 4. Definizione accreditata (2) “Il Counselling è un processo relazionale tra Counsellor e uno o più Clienti, che intende fornire un sostegno allo sviluppo delle proprie risorse e al raggiungimento di un benessere soggettivo nei diversi cicli della vita. ..La relazione di Counselling ha il suo fondamento nella richiesta del Cliente e nel rispetto reciproco definito da precisi confini professionali.» Definizione ufficiale data dal CNCP (Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti) e trasmessa al C.N.E.L. (Consiglio Nazionale dell’Economia e del Lavoro) per il riconoscimento della professione. Oggi il counselling è disciplinato dalla Legge n. 4 del 2013
  5. 5. Il contesto macro-sociale che esprime la domanda di counseling • La società moderna ha delegato la produzione di massa alle fabbriche asiatiche e ha conservato la gestione dei servizi in Occidente, riducendo al massimo il personale e concentrandosi sul valore aggiunto offerto dalla rivoluzione dell’I.C.T. • La scarsità di posti di lavoro che si è prodotta, induce a una competizione esasperata, sia nell’accesso al lavoro, sia nella conservazione del posto.
  6. 6. Il mondo del lavoro nell’era post-moderna: quali criticità esprime • Il modello fordista (modernità solida) consisteva nel fondere capitale e lavoro in un’unione forte e stabile. • Il modello post-fordista/post-industriale (modernità liquida) si caratterizza per la scissione tra capitale e lavoro e per la spinta individualizzatrice. Zygmunt Bauman, Modernità liquida  La persona sperimenta un disagio nuovo, post- moderno; il disagio di chi non possiede più riferimenti collettivi.  L’individuo cerca un riferimento dentro di sé, ma non sempre sa come esplorare le proprie risorse.  La tecnica non è più nelle mani dell’uomo; non è più un mezzo, ma un unico scopo: tende al suo autopotenziamento  Il nichilismo è oggi «mancata sostituzione di valori» (Galimberti)
  7. 7. L’identità di un individuo si struttura in due componenti diverse: • quella strettamente soggettiva, relativa alla propria essenza peculiare fatta di esperienze personali e caratteri distintivi della propria specificità, e • quella sociale, discendente, invece, dalle appartenenze sociali particolari del singolo (“sono uno studente”, “sono un lavoratore” ecc..). L’identità sociale permette all’individuo di derivare la propria immagine di sé anche attraverso la consapevolezza di appartenere ad un certo gruppo o ad una certa categoria sociale, che ne definiscono alcuni dei tratti caratteristici. Turner e Tajfel (1979) L’identità sociale è quella parte del concetto di sé di un individuo che deriva dalla consapevolezza di appartenere ad un gruppo sociale, unita al valore e al significato emotivo attribuito a tale appartenenza. • gli individui sono motivati a mantenere o a raggiungere per sé un’identità positiva • l’identità sociale rappresenta il motore delle azioni dell’individuo anche in contesto intergruppo S.Sacchi, 2009
  8. 8. Cosa porta le persone a chiedere un servizio di counselling: • Stress: Le aziende si aspettano molto di più dai loro dipendenti in questo periodo. In un articolo dell’8 maggio 2011, il Wall Street Journal intitolava, “Superjobs: Why You Work More, Enjoy It Less,” oltre il 50% dei dipendenti afferma che hanno dovuto assumere ruoli extra nel loro lavoro da quando è iniziata la recessione. I lavoratori si sentono spesso intrappolati e impotenti. 8 È il come noi affrontiamo l’evento che determina o meno lo stress
  9. 9. .. Ma lo stress o l’ansia da insicurezza non sono solo un problema dei dipendenti .. «Una giornata lavorativa senza limiti non è la sola differenza nella percezione del tempo di lavoro tra salariati e indipendenti. Una seconda differenza riguarda la percezione del tempo inserita nella progettualità dell'esistenza. Il rischio immanente di fallimento è costitutivo dello statuto del lavoro autonomo, la sensazione di camminare sul filo del rasoio, con la possibilità di passare rapidamente da benessere del ceto medio all'indigenza, il cosiddetto "rischio povertà" dei lavoratori indipendenti, producono un abito socialpsichico incapace di progettare a lungo termine.» Sergio Bologna e Dario Banfi, Vita da freelance, Feltrinelli, 2011
  10. 10. Burn-outNelle “professioni di aiuto”, come risultato della particolare tensione emozionale cronica lavorativa e come meccanismo di autodifesa, spesso inconsapevole, si producono: • progressiva perdita d’idealismo, di energia e di scopi • perdita di interesse e di entusiasmo • ritiro psicologico con esaurimento emotivo è un processo in cui lo stress si trasforma in un meccanismo di difesa e di risposta alla tensione, con conseguenti comportamenti di distacco emozionale ed evitamento 10
  11. 11. Il Mobbing in Italia: 1,5 milioni (4- 6% degli occupati, di cui al Nord 65%) MOBBING : comportamento ripetuto, immotivato, rivolto contro un dipendente o un gruppo di dipendenti, tale da creare un rischio per la salute e sicurezza • “…si intende per violenza o persecuzione psicologica ogni atto o comportamento adottato dal datore di lavoro, dal committente, da superiori, o colleghi di pari grado o di grado inferiore, con carattere sistematico, intenso, duraturo, finalizzati a danneggiare l’integrità psico-fisica della lavoratrice o del lavoratore”. 11 Maggiore è la nostra autostima, minore è la possibilità di essere mobbizzati.
  12. 12. Quindi il Counselling è utile:  La tipologia di problemi può essere molto vasta, ma associabile a tre macro-aree fondamentali: o stress da eccessivo carico di lavoro; o disconoscimento del proprio valore professionale; o problemi di relazione con colleghi e/o capi.  Quando una persona sta sperimentando una situazione di sofferenza, di non riconoscimento della sua identità come lavoratore e quindi, in parte sostanziale, anche come persona.  Quando la persona sente insoddisfazione per quello che fa
  13. 13. Il Counselling in azienda Può essere utilizzato attraverso 2 modalità principali: 1. Counselling informale = abilità di counselling agite da personale interno all’azienda 2. Counselling formale = relazione d’aiuto guidata da un counsellor professionista esterno all’azienda
  14. 14. COACHING & COUNSELLING SONO SIMILI? COACHING COUNSELING:  più clienti di pari livello (azienda + coachee)  potenziamento su obiettivi aziendali  competenze sui sistemi organizzativi  focus del processo sull’obiettivo (la prestazione)  c’è un Piano d’Azione.  un cliente prioritario (la persona)  su bisogni individuali  competenze sui sistemi sociali  focus sul problema (così come sperimentato dal cliente) per raggiungere il benessere  non c’è un piano d’azione 14 I due strumenti non sono in conflitto, anzi sono perfettamente integrabili
  15. 15. Quali risultati può dare il counseling nelle organizzazioni: • Dare valore e potere alla persona • Facilitare la comunicazione • Far crescere la motivazione • Migliorare la qualità del lavoro • Offrire sostegno in situazioni conflittuali e di stress elevato • Ridurre l’assenteismo • Creare un clima più sereno Far aumentare produttività & benessere insieme C. Iorio, 2011
  16. 16. Il Counsellor ha discrezionalità nell’accettare i clienti E’ responsabilità del Counsellor operare nell’ambito delle competenze che gli sono proprie e per le quali ha avuto una formazione adeguata e certificata utilizzando strumenti efficaci ed adeguati all’obiettivo che intende raggiungere. Il Counsellor accetta Clienti che presentino problemi dei quali ha esperienza e competenza; sa riconoscere quelle situazioni per le quali richiedere consulenza e/o supervisione o effettuare un invio ad altro professionista competente. (art. 7 Statuto CNCP)
  17. 17. La struttura del processo di counseling 1. Analisi della domanda: serve il counseling per questa persona? 2. Redazione del contratto: definizione congiunta di come si svolgerà la relazione d’aiuto. 3. Serie concordata di incontri di 60 minuti (da 3 a 10): lo svolgimento dinamico del processo relazionale 4. Conclusione della sessione di counseling: il cliente assume consapevolezza dell’esperienza
  18. 18. L’Analisi della Domanda rappresenta il passo fondamentale per definire i confini della relazione Con l’AdD il counsellor aiuta il cliente a : 1. focalizzarsi sul problema che lo ha spinto a chiedere l’incontro; 2. rendere possibile la chiarificazione dei bisogni collegati e l’esplicitazione delle aspettative riguardo al servizio; 3. valutare accuratamente le condizioni esterne che possono, o meno, ostacolare il processo di cambiamento. (Borgioni, 2007)
  19. 19. I risultati prodotti da un buon servizio di counselling:  Rafforzamento dell’autostima  Maggiori competenze nella risoluzione dei problemi  Aumento dell’assertività  Recupero delle relazioni sociali  Ridefinizione degli obiettivi personali in linea con la propria autenticità  Maggior benessere complessivo
  1. A particular slide catching your eye?

    Clipping is a handy way to collect important slides you want to go back to later.

×