Crisi, ristrutturazione                        e risanamento delle impreseRoma, 1 dicembre 2012Prof. Simone Terzani
Agenda della giornata  Programma della mattina:    L’approccio di conservazione della continuità aziendale:        il p...
La riforma delle procedure concorsuali•    La legge 80 del 2005 ha significativamente riformato la normativa     del dirit...
Crisi e risanamento aziendaleIl complesso caso di “Risanamento”                                     4
I piani attestati di risanamento•  Si tratta dei piani di risanamento ex art. 67 comma 3   lettera d della Legge Falliment...
I piani attestati di risanamento•  La veridicità dei dati aziendali e la fattibilità del piano (non   più ragionevolezza),...
I piani attestati di risanamento  La legge non prevede che il piano sia reso noto ai creditori   ed ai terzi  Esso è des...
La struttura dell’attestazione  Finalità e contenuto del piano e dell’attestazione  L’indipendenza del professionista at...
Il piano attestato di gruppo  Nel silenzio della norma in materia si ritiene che il piano   attestato debba essere predis...
Il piano attestato (novità L. 134/2012)  Oggetto dell’attestazione:     veridicità dei dati aziendali     fattibilità d...
Il piano attestato (novità L. 134/2012)  Requisiti dell’attestatore:     che sia iscritto nel registro dei revisori lega...
Gli accordi di ristrutturazione del debito         Il caso Delta                                       12
Gli accordi di ristrutturazione del debito    La Riforma del diritto fallimentare del 2005 ha introdotto l’istituto degli...
Gli accordi di ristrutturazione del debito  L’accordo ha efficacia dal giorno della sua pubblicazione nel   registro dell...
Gli accordi di ristrutturazione del debito  Si tratta di uno strumento introdotto per risolvere le crisi di   natura stre...
Gli accordi di ristrutturazione del debito  Le principali novità introdotte dal D.L. 83/2012 riguardano:     ruolo del p...
Gli accordi di ristrutturazione del debito    La proposta ai creditori  di ristrutturazione dei debiti                    ...
Agenda della giornata  Programma della mattina:    L’approccio di conservazione della continuità aziendale:        il p...
La transazione fiscale  L’art. 146 D.Lgs 9.01.2006 n. 5, modificando la Legge   Fallimentare, ha introdotto l’istituto de...
La transazione fiscale  L’accesso alla transazione è riservata al debitore   nell’ambito:  o  del piano di cui all’art. 1...
La transazione fiscale  Ai sensi dell’art. 182-ter L.F. possono essere oggetto di   accordo transattivo:  “i tributi ammi...
La transazione fiscale – la procedura  L’iniziativa è rimessa al debitore  L’attivazione avviene mediante domanda da pre...
Agenda della giornata  Programma della mattina:    L’approccio di conservazione della continuità aziendale:        il p...
Crisi e risanamentoUn esempio di piano attestato:        IL CASO ALFA                                 24
I piani attestati di risanamento         Un modello di attestazione             di ragionevolezza delpiano di risanamento ...
Agenda della giornata  Programma della mattina:    L’approccio di conservazione della continuità aziendale:        il p...
Le diverse tipologie di concordato  Concordato preventivo vuole evitare che la crisi sfoci nelfallimento:    concordato ...
Il concordato preventivo (art. 161 L.F.)  Il concordato preventivo, a differenza del fallimento,presenta una natura ibrid...
Il concordato preventivo (art. 161 L.F.)  Le novità più rilevanti rispetto alla vecchia versione sono:    non è più prev...
Il concordato preventivo (art. 161 L.F.)  Il Decreto Sviluppo ha modificato la disciplina delconcordato preventivo renden...
Il concordato preventivo (art. 161 L.F.)  Il piano deve contenere:    l’indicazione della percentuale di pagamento dei  ...
Il concordato preventivo (art. 161 L.F.)  Il piano, anche nel concordato preventivo, deve essere attestatoda un professio...
Il concordato anticipato (art. 161, co. 6)“L’imprenditore può depositare il ricorso contenente la domanda diconcordato uni...
Il concordato anticipato (art. 161, co. 6)  Tale fattispecie prende spunto dall’automatic stay previsto dalChapter 11 del...
Il concordato anticipato (art. 161, co. 6)  La riforma attribuisce un ruolo chiave nell’operazione alla figuradel debitor...
Agenda della giornata  Programma della mattina:    L’approccio di conservazione della continuità aziendale:        il p...
Crisi e risanamento aziendale  Il caso Mariella Burani                                37
L’A.S. grandi imprese in crisi  E’ una procedura introdotta alla fine degli anni ‘70 (Legge   Prodi) per fornire uno stru...
L’A.S. grandi imprese in crisi  Possono accedervi le imprese insolventi che presentino   congiuntamente i seguenti requis...
L’A.S. grandi imprese in crisi  La procedura si apre con la dichiarazione di insolvenza da   parte del Tribunale che nomi...
L’A.S. grandi imprese in crisiLa relazione del Commissario Straordinario             Prof. A. Fantozzi           Gruppo Al...
L’A.S. grandi imprese in crisi  Il commissario assume la gestione dell’impresa senza la   necessità di autorizzazione per...
L’A.S. grandi imprese in crisi  Gli organi della procedura sono:     commissario straordinario     comitato di sorvegli...
L’A.S. grandi imprese in crisi Il programma di cessione  Gruppo Alitalia in A.S.                                 44
L’A.S. grandi imprese in crisi  Nei dieci giorni successivi alla scadenza il Commissario   presenta una relazione sull’op...
L’A.S. grandi imprese in crisi  Una disciplina speciale è stata introdotta con il D.L. 347 del   2003 (Parmalat) e poi mo...
Agenda della giornata  Programma della mattina:    L’approccio di conservazione della continuità aziendale:        il p...
La domanda di concordatopreventivo: il caso T                           48
Informazioni di carattere generale  Si tratta di un gruppo di imprese  Il Tribunale ha optato, comunque, per l’ammission...
Il settore  Il gruppo T opera nel settore del pannello truciolare  Si tratta di pannelli ottenuti mediante la pressatura...
La storia del gruppo  La società fa parte di un gruppo integrato impegnato nelle   varie fasi produttive che vanno dalla ...
La storia del gruppo  L’idea di creare il gruppo nasce dalla volontà di due   diverse famiglie di imprenditori di unire l...
I principali dati economici                              53
La crisi del gruppo  Poco dopo l’avvio del processo di concentrazione   cominciano a manifestarsi le avvisaglie della cri...
La crisi del gruppo  Per far fronte alle difficoltà il gruppo decide di realizzare un   importante investimento con l’acq...
L’affitto d’azienda  L’advisor ritiene che la soluzione migliore ai fini del   soddisfacimento dei creditori consista nel...
L’affitto d’azienda  Di seguito riportiamo le caratteristiche del contratto   di affitto d’azienda:  o  canone di affitto...
La domanda di concordato preventivo  La natura del passivo è tale per cui non è   ipotizzabile ricorrere a soluzioni stra...
La situazione debitoria (migliaia di €)                                      59
La struttura dell’attivo (migliaia di €)                                       60
La domanda di concordato preventivo  Attraverso il ricorso alla procedura di concordato   preventivo ai creditori chirogr...
La situazione al 30.06.02(dopo l’ammissione eprima dell’omologa)                                    62
Lo svolgimento dei concordati•  Nel giugno del 2001 il Tribunale ammette le cinque società   alla procedura di concordato ...
Riepilogo a della giornata  Programma della mattina:    L’approccio di conservazione della continuità aziendale:       ...
Alcuni riferimenti bibliografici  G. Buffelli, P. D’Andrea, Le crisi d’impresa, Il Sole 24Ore, 2012  AA.VV., Salvataggio...
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Crisi,ristrutturazione, risanamento delle imprese

822 views

Published on

Published in: Business
0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
822
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
31
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Crisi,ristrutturazione, risanamento delle imprese

  1. 1. Crisi, ristrutturazione e risanamento delle impreseRoma, 1 dicembre 2012Prof. Simone Terzani
  2. 2. Agenda della giornata  Programma della mattina:   L’approccio di conservazione della continuità aziendale:   il piano attestato ex art. 67   gli accordi di ristrutturazione del debito ex art. 182 bis   La transazione fiscale   Un caso di piano attestato: il piano Alfa  Programma del pomeriggio:   Il concordato preventivo   L’amministrazione straordinaria   Un caso di concordato preventivo: il caso T 2
  3. 3. La riforma delle procedure concorsuali•  La legge 80 del 2005 ha significativamente riformato la normativa del diritto fallimentare risalente al Regio Decreto del 1942•  La finalità principale della nuova normativa è quella di prediligere un approccio conservativo del bene impresa (ottica aziendale) rispetto al precedente, innegabile, approccio liquidatorio (ottica giuridica)•  In questo ambito sono stati inseriti due istituti, entrambi lasciati all’iniziativa dell’imprenditore, che sono: •  il piano di risanamento, di totale natura privatistica, mancando qualsiasi controllo giurisdizionale, se non a posteriori, in caso di successiva eventuale procedura concorsuale •  gli accordi di ristrutturazione del debito, di natura privatistica sia nella fase ante-omologa che in quella dell’esecuzione 3
  4. 4. Crisi e risanamento aziendaleIl complesso caso di “Risanamento” 4
  5. 5. I piani attestati di risanamento•  Si tratta dei piani di risanamento ex art. 67 comma 3 lettera d della Legge Fallimentare inseriti dal legislatore nell’ambito della riforma dell’azione revocatoria•  Il legislatore prevede l’esclusione dalla revocabilità per gli atti, pagamenti e garanzie posti in essere dal debitore in esecuzione di un piano potenzialmente in grado di risanare l’azienda•  Il piano attestato si distingue dalle procedure concorsuali propriamente dette per la sua natura strettamente privatistica e sostanzialmente unilaterale 5
  6. 6. I piani attestati di risanamento•  La veridicità dei dati aziendali e la fattibilità del piano (non più ragionevolezza), volto a consentire il risanamento dell’esposizione debitoria dell’impresa e ad assicurare il riequilibrio della sua situazione finanziaria, deve essere attestata da un esperto•  L’esperto in questione deve essere iscritto all’albo dei revisori contabili ed essere in possesso dei requisiti previsti per la nomina a curatore fallimentare•  Il vantaggio del piano attestato riguarda, principalmente, la tutela del terzo che sia a conoscenza dello stato di crisi e che potrebbe essere restio a porre in essere azioni, anche volte al risanamento, per timore delle successive possibili azioni revocatorie. 6
  7. 7. I piani attestati di risanamento  La legge non prevede che il piano sia reso noto ai creditori ed ai terzi  Esso è destinato a produrre i suoi effetti unicamente nel caso di evoluzione negativa della situazione con conseguente dichiarazione di fallimento ed eventuale assoggettamento a revocatoria  In tal caso il piano potrà emergere come scudo contro l’iniziativa “recuperatoria” degli organi della procedura fallimentare  E’ evidente, comunque, l’importanza di fornire data certa al piano in questione 7
  8. 8. La struttura dell’attestazione  Finalità e contenuto del piano e dell’attestazione  L’indipendenza del professionista attestatore  Breve presentazione dell’impresa  Situazione patrimoniale, finanziaria ed economica  Le verifiche compiute e le informazioni assunte  Il piano industriale ed il piano finanziario  I negozi attuativi  Il giudizio professionale sul piano  L’asseverazione 8
  9. 9. Il piano attestato di gruppo  Nel silenzio della norma in materia si ritiene che il piano attestato debba essere predisposto dalla capogruppo  Esso verrà redatto sulla base di documenti consolidati e così, ugualmente, i connessi indici di bilancio  Il piano dovrà essere approvato da parte dei consigli di amministrazione della capogruppo e delle società partecipate 9
  10. 10. Il piano attestato (novità L. 134/2012)  Oggetto dell’attestazione:   veridicità dei dati aziendali   fattibilità del piano  Possibilità di pubblicate il piano presso il registro delle imprese, necessario per dare data certa al documento al fine di fissare il confine per gli attivi revocabili e non  Il professionista attestatore:   è specificato che la nomina è di spettanza del debitore   sono specificati i requisiti 10
  11. 11. Il piano attestato (novità L. 134/2012)  Requisiti dell’attestatore:   che sia iscritto nel registro dei revisori legali   che sia in possesso dei requisiti per la nomina a curatore fallimentare   che sia indipendente ovvero:   non legato all’impresa né a coloro che hanno interesse nell’operazione di risanamento da rapporti di natura personale o professionale tali da comprometterne l’indipendenza   in possesso dei requisiti previsti dal 2399 c.c. (no coniuge, parente, affine, interdetto, inabilitato, fallito)   negli ultimi 5 anni non ha prestato attività di lavoro a favore del debitore ne ha partecipato a organi di amministrazione e di controllo dello stesso 11
  12. 12. Gli accordi di ristrutturazione del debito Il caso Delta 12
  13. 13. Gli accordi di ristrutturazione del debito  La Riforma del diritto fallimentare del 2005 ha introdotto l’istituto degli accordi di ristrutturazione del debito (ex art. 182 bis LF): si tratta di uno o più accordi di natura privatistica tra l’imprenditore in stato di crisi ed i suoi creditori  Si tratta di “accordi” perché l’imprenditore in crisi può stipulare più accordi specifici con i singoli creditori senza essere vincolato dal riconoscimento di privilegi o dal rispetto della par condicio creditorum  L’accordo deve riguardare almeno il 60% dei crediti (senza la specifica di quali crediti si tratti); l’idoneità ad assicurare il pagamento integrale dei restanti creditori deve essere attestata da un esperto in una apposita relazione  L’accordo ha natura privatistica per cui è giuridicamente vincolante solo per coloro che lo hanno sottoscritto 13
  14. 14. Gli accordi di ristrutturazione del debito  L’accordo ha efficacia dal giorno della sua pubblicazione nel registro delle imprese  Entro 30 giorni i creditori interessati possono presentare opposizione in Tribunale; questo deciderà in merito e procederà con l’omologa in camera di consiglio anche avvalendosi di una CTU  Con tale accordo sono sospese per 60 gg le eventuali azioni cautelari o esecutive sul patrimonio dell’imprenditore  Inoltre, gli atti conseguenti a tale accordo sono al riparo da revocatoria fallimentare nonché sono tutelati gli eventuali pagamenti che potrebbero essere ritenuti preferenziali 14
  15. 15. Gli accordi di ristrutturazione del debito  Si tratta di uno strumento introdotto per risolvere le crisi di natura strettamente finanziaria  L’iter di tali accordi è, dunque, il seguente: o  stipulazione dell’accordo, anche in via individuale con ogni creditore interessato; o  deposito dell’accordo con una relazione, redatta da un esperto, circa l’attuabilità dell’accordo e la sua idoneità a soddisfare i creditori che non lo hanno sottoscritto; o  pubblicazione dell’accordo presso il Registro delle Imprese; o  decisione sulle eventuali opposizioni e conseguente omologazione da parte del Tribunale. 15
  16. 16. Gli accordi di ristrutturazione del debito  Le principali novità introdotte dal D.L. 83/2012 riguardano:   ruolo del professionista (designato dal debitore ed attestatore della veridicità dei dati aziendali oltre che dell’attuabilità del piano)   previsione di un termine preciso (120gg dall’omologazione per i crediti già scaduti e 120 gg dalla data di scadenza per gli altri) per il pagamento dei creditori non aderenti all’accordo   previsione che i 60 gg di protezione riguardi anche l’eventuale acquisizione di titoli di prelazione, se non concordati   possibilità espressa di contrarre finanziamenti non prededucibili se il professionista attesta che tali finanziamenti sono funzionali alla miglior soddisfazione dei creditori 16
  17. 17. Gli accordi di ristrutturazione del debito La proposta ai creditori di ristrutturazione dei debiti 17
  18. 18. Agenda della giornata  Programma della mattina:   L’approccio di conservazione della continuità aziendale:   il piano attestato ex art. 67   gli accordi di ristrutturazione del debito ex art. 182 bis   La transazione fiscale   Un caso di piano attestato: il piano Alfa  Programma del pomeriggio:   Il concordato preventivo   L’amministrazione straordinaria   Un caso di concordato preventivo: il caso T 18
  19. 19. La transazione fiscale  L’art. 146 D.Lgs 9.01.2006 n. 5, modificando la Legge Fallimentare, ha introdotto l’istituto della transazione fiscale (art. 182 ter L.F.)  L’istituto ha un notevole rilievo in quanto consente di abbattere o, comunque, dilazionare il debito erariale allo scopo di evitare il definitivo stato di insolvenza, presupposto per dichiarare il fallimento  Lo Stato così concorre a “salvare” l’impresa riducendo od evitando le conseguenze socio-economiche che un fallimento comporterebbe 19
  20. 20. La transazione fiscale  L’accesso alla transazione è riservata al debitore nell’ambito: o  del piano di cui all’art. 160, quindi nel contesto della domanda per l’ammissione al concordato preventivo o  delle trattative che precedono la stipula dell’accordo di ristrutturazione di cui all’art. 182-bis  Si applica solo agli imprenditori: o  commerciali soggetti alle norme sul fallimento e sul concordato preventivo o  agricoli ex art. 2135 c.c. 20
  21. 21. La transazione fiscale  Ai sensi dell’art. 182-ter L.F. possono essere oggetto di accordo transattivo: “i tributi amministrati dalle agenzie fiscali e … i relativi accessori” (transazione tributaria) “nonché i contributi amministrati dagli enti gestori di forme di previdenza e assistenza obbligatoria e … i relativi accessori” (transazione contributivo/previdenziale) “limitatamente alla quota di debito avente natura chirografaria anche se non iscritti a ruolo, ad eccezione dei tributi costituenti risorse proprie dell’Unione europea” 21
  22. 22. La transazione fiscale – la procedura  L’iniziativa è rimessa al debitore  L’attivazione avviene mediante domanda da presentare nell’ambito del piano di cui all’art. 160 o delle trattative di cui all’art. 182-bis L.F.  Entro 30 gg l’Amministrazione notifica all’imprenditore la quantificazione del debito  Il voto favorevole all’adunanza dei creditori (concordato preventivo) o l’assenso nell’ambito dell’ accordo di ristrutturazione evidenziano il perfezionarsi della transazione 22
  23. 23. Agenda della giornata  Programma della mattina:   L’approccio di conservazione della continuità aziendale:   il piano attestato ex art. 67   gli accordi di ristrutturazione del debito ex art. 182 bis   La transazione fiscale   Un caso di piano attestato: il piano Alfa  Programma del pomeriggio:   Il concordato preventivo   L’amministrazione straordinaria   Un caso di concordato preventivo: il caso T 23
  24. 24. Crisi e risanamentoUn esempio di piano attestato: IL CASO ALFA 24
  25. 25. I piani attestati di risanamento Un modello di attestazione di ragionevolezza delpiano di risanamento e di riequilibrio finanziario ex art. 67 L.F. 25
  26. 26. Agenda della giornata  Programma della mattina:   L’approccio di conservazione della continuità aziendale:   il piano attestato ex art. 67   gli accordi di ristrutturazione del debito ex art. 182 bis   La transazione fiscale   Un caso di piano attestato: il piano Alfa  Programma del pomeriggio:   Il concordato preventivo   L’amministrazione straordinaria   Un caso di concordato preventivo: il caso T 26
  27. 27. Le diverse tipologie di concordato  Concordato preventivo vuole evitare che la crisi sfoci nelfallimento:   concordato con cessione di beni   concordato garantito   concordato con continuità aziendale   concordato anticipato  Concordato fallimentare vuole rimuovere gli effettipregiudizievoli del fallimento già dichiarato; la proposta puòessere presentata anche da un creditore 27
  28. 28. Il concordato preventivo (art. 161 L.F.)  Il concordato preventivo, a differenza del fallimento,presenta una natura ibrida in quanto può avere un utilizzoliquidatorio o un utilizzo risanatorio  Da un punto di vista economico si presenta come unaccordo proposto dal debitore ai creditori per un parzialesoddisfacimento dell’insolvenza  L’ammisione al concordato preventivo non determinaautomaticamente lo scioglimento della società 28
  29. 29. Il concordato preventivo (art. 161 L.F.)  Le novità più rilevanti rispetto alla vecchia versione sono:   non è più prevista alcuna percentuale minima per il pagamento dei creditori chirografari   non è necessario integrare quanto spettante ai privilegiati   non è più espressamente previsto il vincolo della “regolare tenuta della contabilità”   vengono meno I limiti connessi all’assoggettamewnto nei 5 anni precedenti a fallimento, concordato o alla condanna per bancarotta 29
  30. 30. Il concordato preventivo (art. 161 L.F.)  Il Decreto Sviluppo ha modificato la disciplina delconcordato preventivo rendendo la procedura piùpreventiva ed anticipatoria della crisi aziendale  L’attuale procedura prevede che, insieme al ricorso, ildebitore presenti un piano contenente la decrizioneanalitica delle modalità e dei tempi di adempimento dellaproposta  La previsione giova soprattutto ai creditori non qualificatio non assistiti professionalmente 30
  31. 31. Il concordato preventivo (art. 161 L.F.)  Il piano deve contenere:   l’indicazione della percentuale di pagamento dei creditori   l’iter di svolgimento della procedura   una previsione sui tempi di realizzazione della proposta  La presenza di un termine per l’esecuzione dellaproposta è centrale nella scelta del voto del creditore(pochi, maledetti e subito…) 31
  32. 32. Il concordato preventivo (art. 161 L.F.)  Il piano, anche nel concordato preventivo, deve essere attestatoda un professionista designato dal debitore  In caso di modifiche sostanziali alla proposta, una nuovaattestazione deve essere presentata  La relazione integrativa deve essere presentata quando:   la percentuale di pagamento dei creditori viene modificata (in senso migliorativo o peggiorativo)   si alterano i presupposti del piano  Se, invece, cambiano i numeri ma non le modalità con cui inumeri si realizzano (eventi sopravvenuti ma esterni) una nuovaattestazione non è necessaria. 32
  33. 33. Il concordato anticipato (art. 161, co. 6)“L’imprenditore può depositare il ricorso contenente la domanda diconcordato unitamente ai bilanci relativi agli ultimi tre esercizi,riservandosi di presentare la proposta, il piano e ladocumentazione di cui ai commi secondo e terzo entro un terminefisato dal giudice compreso fra sessanta e cento venti giorni eprorogabile, in presenza di giustificabili motivi, di non oltresessanta giorni” 33
  34. 34. Il concordato anticipato (art. 161, co. 6)  Tale fattispecie prende spunto dall’automatic stay previsto dalChapter 11 della Bankruptcy Law statunitense  Prevede la possibilità per il debitore di impedire ai creditori diiniziare o proseguire azioni cautelari o esecutive con il depositodella documentazione attestante che sono in corso trattative per unaccordo con i creditori (almeno il 60% dei crediti)  Il concordato anticipato rientra a pieno tra gli strumentianticipatori della crisi, in linea con la progressiva privatizzazionedelle procedure concorsuali attualmente in corso  Il contenuto minimo del ricorso è molto scarno 34
  35. 35. Il concordato anticipato (art. 161, co. 6)  La riforma attribuisce un ruolo chiave nell’operazione alla figuradel debitore-imprenditore  L’azienda non viene valorizzata quale bene contendibile  Non si tratta di un vero processo di turnaround aziendale  La possibilità di presentare la vera proposta di concordato solosuccessivamente rischia di ritardare i tempi di emersione dellacrisi  “Nello stesso termine, in alternativa e con conservazione deglieffetti prodotti dal ricorso, il debitore può depositare domanda aisensi dell’art. 182 bis. In mancanza, cessano gli effetti del ricorsoa far data dal deposito” 35
  36. 36. Agenda della giornata  Programma della mattina:   L’approccio di conservazione della continuità aziendale:   il piano attestato ex art. 67   gli accordi di ristrutturazione del debito ex art. 182 bis   La transazione fiscale   Un caso di piano attestato: il piano Alfa  Programma del pomeriggio:   Il concordato preventivo   L’amministrazione straordinaria   Un caso di concordato preventivo: il caso T 36
  37. 37. Crisi e risanamento aziendale Il caso Mariella Burani 37
  38. 38. L’A.S. grandi imprese in crisi  E’ una procedura introdotta alla fine degli anni ‘70 (Legge Prodi) per fornire uno strumento di gestione più adatto per le situazioni di crisi di maggiore dimensione  La normativa è stata poi oggetto di osservazioni e di modifiche nel 1999  Di fatto si tratta di una procedura volta non solo a tutelare i creditori ma anche a tener conto dell’impatto di politica economica (in termini occupazioni e di salvaguardia dei complessi produttivi) derivanti da tali crisi 38
  39. 39. L’A.S. grandi imprese in crisi  Possono accedervi le imprese insolventi che presentino congiuntamente i seguenti requisiti: o  almeno 200 lavoratori subordinati; o  debiti non inferiori ai 2/3 dell’attivo di bilancio e dei ricavi o  concrete prospettive di recupero da realizzarsi in uno dei due modi: -  cessione a terzi dei complessi aziendali sulla base di un programma di prosecuzione dell’esercizio del’impresa di durata non superiore a un anno; -  ristrutturazione economico finanziaria sulla base di un piano biennale di risanamento. 39
  40. 40. L’A.S. grandi imprese in crisi  La procedura si apre con la dichiarazione di insolvenza da parte del Tribunale che nomina da 1 a 3 commissari giudiziali  Entro 30 giorni essi presentano una relazione sulle cause dello stato di insolvenza e sulle prospettive di risanamento o cessione  Sulla relazione si esprimono il Ministero dello Sviluppo Economico ed il Tribunale che, entro 30 gg, dispone l’ammissione alla procedura o il fallimento (doppio binario)  Il Ministero nomina da 1 a 3 commissari straordinari che dovranno predisporre il programma di ristrutturazione o cessione (relazione del commissario) 40
  41. 41. L’A.S. grandi imprese in crisiLa relazione del Commissario Straordinario Prof. A. Fantozzi Gruppo Alitalia in A.S. 41
  42. 42. L’A.S. grandi imprese in crisi  Il commissario assume la gestione dell’impresa senza la necessità di autorizzazione per le attività della gestione ordinaria  Devono essere autorizzate le cessioni di attività che sono soggette anche a idonea pubblicità nonché alla valutazione di esperti in materia  In particolare, la valutazione dei complessi aziendali “deve tener conto della redditività, anche se negativa, all’epoca della stima e nel biennio successivo” indicando il metodo reddituale quale riferimento per la valutazione  Nel caso di aiuti pubblici è necessaria l’autorizzazione dell’Unione Europea 42
  43. 43. L’A.S. grandi imprese in crisi  Gli organi della procedura sono:   commissario straordinario   comitato di sorveglianza   giudice delegato  La fase di accertamento dei crediti si svolge secondo le modalità previste per il fallimento, dato che si tratta comunque di una situazione di insolvenza  Le fasi principali della procedura riguardano, dunque:   accertamento del passivo   definizione ed esecuzione del programma   ripartizione dell’attivo 43
  44. 44. L’A.S. grandi imprese in crisi Il programma di cessione Gruppo Alitalia in A.S. 44
  45. 45. L’A.S. grandi imprese in crisi  Nei dieci giorni successivi alla scadenza il Commissario presenta una relazione sull’operato  Se gli obiettivi non sono stati raggiunti il Tribunale dichiara il fallimento  Vi è sempre, tuttavia, la possibilità di ricorrere a forme di concordato  L’amministrazione straordinaria può essere estesa a tutte le società del gruppo, anche a quelle già fallite qualora dalla gestione unitaria ne derivi un vantaggio complessivo per la procedura. 45
  46. 46. L’A.S. grandi imprese in crisi  Una disciplina speciale è stata introdotta con il D.L. 347 del 2003 (Parmalat) e poi modificata con il D.L. 134 del 2008 (Alitalia) che trova applicazione per le imprese soggette alla disciplina del fallimento e che presentano congiuntamente:   un numero di dipendenti non inferiore a 500 (a livello di gruppo)   un indebitamento non inferiore a 300 milioni €  E’ stata prevista anche la cessione dei complessi aziendali, la valutazione dei requisiti per l’ammissione è demandata al ministero ed i termini sono più brevi 46
  47. 47. Agenda della giornata  Programma della mattina:   L’approccio di conservazione della continuità aziendale:   il piano attestato ex art. 67   gli accordi di ristrutturazione del debito ex art. 182 bis   La transazione fiscale   Un caso di piano attestato: il piano Alfa  Programma del pomeriggio:   Il concordato preventivo   L’amministrazione straordinaria   Un caso di concordato preventivo: il caso T 47
  48. 48. La domanda di concordatopreventivo: il caso T 48
  49. 49. Informazioni di carattere generale  Si tratta di un gruppo di imprese  Il Tribunale ha optato, comunque, per l’ammissione a distinte procedure nominando però un unico giudice delegato  Il caso in questione costituisce uno dei concordati più rilevanti degli ultimi anni per la dimensione del gruppo coinvolto: il terzo nel suo settore in Italia 49
  50. 50. Il settore  Il gruppo T opera nel settore del pannello truciolare  Si tratta di pannelli ottenuti mediante la pressatura a caldo di particelle legnose di scarto  Tali pannelli devono essere poi nobilitati in modo da conferire loro le caratteristiche visive del legno  Per far fronte alla elevata concorrenza, le imprese del settore presentano una forte integrazione interna o, comunque, a livello di gruppo come è accaduto per la società T 50
  51. 51. La storia del gruppo  La società fa parte di un gruppo integrato impegnato nelle varie fasi produttive che vanno dalla produzione di colle e resine alla nobilitazione e commercializzazione del pannello  La data di nascita del gruppo va fatta risalire al maggio 1999 quando viene costituita la V spa (capitale sociale 5 milioni di €)  Nell’ottobre del 1999 V spa delibera un aumento di capitale da 5 a 60 milioni di € mediante conferimento dei rami aziendali relativi alla produzione di pannelli grezzi da parte di società preesistenti tra cui T Spa  In seguito al conferimento T Spa esercita esclusivamente attività di commercializzazione 51
  52. 52. La storia del gruppo  L’idea di creare il gruppo nasce dalla volontà di due diverse famiglie di imprenditori di unire le loro forze per fronteggiare meglio l’accresciuta concorrenza presente nel settore  La creazione del gruppo dovrebbe essere prodromica alla realizzazione di nuovi e più significativi investimenti 52
  53. 53. I principali dati economici 53
  54. 54. La crisi del gruppo  Poco dopo l’avvio del processo di concentrazione cominciano a manifestarsi le avvisaglie della crisi del settore  L’acuirsi della crisi comporta una riduzione dei prezzi pari a circa il 30% a seguito della pressione concorrenziale; tale riduzione non è fronteggiabile dal gruppo senza la creazione di nuovi impianti 54
  55. 55. La crisi del gruppo  Per far fronte alle difficoltà il gruppo decide di realizzare un importante investimento con l’acquisto di una particolare tipologia di pressa in grado di ridurre in modo significativo i costi di produzione  Per realizzare l’investimento al gruppo servono 25 milioni di € in tempi rapidi  I ritardi nell’ottenimento del prestito e la sua solo parziale erogazione fanno sì che il gruppo non riesca più a rispettare i tempi previsti così da vanificare lo sforzo effettuato  L’aggravarsi della situazione innesca una crisi di liquidità; nel febbraio del 2001 le società del gruppo deliberano la messa in liquidazione volontaria  Contestualmente è stipulato un contratto di affitto d’azienda per non interrompere l’attività produttiva 55
  56. 56. L’affitto d’azienda  L’advisor ritiene che la soluzione migliore ai fini del soddisfacimento dei creditori consista nel dare in affitto la parte industriale ancora sana  Dopo lunghe trattativa viene raggiunto l’accordo di affitto d’azienda a favore di una società già operante nel settore che propone l’acquisto dell’azienda dopo un periodo di affitto di due anni  Soluzioni analoghe vengono realizzate anche dalle altre società del gruppo 56
  57. 57. L’affitto d’azienda  Di seguito riportiamo le caratteristiche del contratto di affitto d’azienda: o  canone di affitto dell’azienda (costituita essenzialmente dai contratti con gli agenti, dal portafoglio clienti e dalla rete di vendita) fissato in 9.000 € al mese; o  assunzione di 5 dipendenti con accollo del TFR; o  obbligo di acquisto del ramo d’azienda, al termine del contratto di affitto, al prezzo già stabilito di 2,5 milioni di €. 57
  58. 58. La domanda di concordato preventivo  La natura del passivo è tale per cui non è ipotizzabile ricorrere a soluzioni stragiudiziali  Il passo successivo è, dunque, quello di presentare domanda per l’accesso alla procedura di concordato preventivo  Nella domanda di concordato la società offre per il pagamento dei suoi debiti la cessione integrale di tutti i beni presenti nel suo patrimonio (concordato per cessione dei beni) 58
  59. 59. La situazione debitoria (migliaia di €) 59
  60. 60. La struttura dell’attivo (migliaia di €) 60
  61. 61. La domanda di concordato preventivo  Attraverso il ricorso alla procedura di concordato preventivo ai creditori chirografari di T viene garantito il pagamento del 62% dei loro crediti in un tempo stimato di 36 mesi dall’omologa, con previsione di interessi sui crediti dilazionati  Attenzione! La nuova versione del concordato preventivo non richiede più il pagamento del 40% minimo dei crediti chirografari  I vantaggi rispetto al fallimento: o  valorizzazione ai prezzi di mercato dei beni ceduti; o  nessuna possibilità di esperire azioni revocatorie. 61
  62. 62. La situazione al 30.06.02(dopo l’ammissione eprima dell’omologa) 62
  63. 63. Lo svolgimento dei concordati•  Nel giugno del 2001 il Tribunale ammette le cinque società alla procedura di concordato preventivo nominando un unico giudice delegato e cinque commissari•  In sede di adunanza dei creditori il commissario giudica positivamente la soluzione concordataria che viene approvata anche dalla maggioranza dei creditori•  Si ritiene che, pur in presenza di un notevole incremento del debito chirografario, il concordato sarà in grado di pagare almeno il 55% dei chirografari•  Il concordato è finalmente omologato nel 2003 e nominato il liquidatore 63
  64. 64. Riepilogo a della giornata  Programma della mattina:   L’approccio di conservazione della continuità aziendale:   il piano attestato ex art. 67   gli accordi di ristrutturazione del debito ex art. 182 bis   La transazione fiscale   Un caso di piano attestato: il piano Alfa  Programma del pomeriggio:   Il concordato preventivo   L’amministrazione straordinaria   Un caso di concordato preventivo: il caso T 64
  65. 65. Alcuni riferimenti bibliografici  G. Buffelli, P. D’Andrea, Le crisi d’impresa, Il Sole 24Ore, 2012  AA.VV., Salvataggio delle imprese in crisi. Le nuoveregole, Il Sole 24 Ore, 2012  CNDC, Crisi d’impresa: strumenti per l’individuazione diuna procedura d’allerta, 2005 CNDC, Amministrazione straordinaria, impatto dellariforma fallimentare e scenari di armonizzazione, 2010 E.mail simone.terzani@unipg.it 65

×