La dissoluzione dell’etica nell’età della tecnica
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

La dissoluzione dell’etica nell’età della tecnica

on

  • 264 views

 

Statistics

Views

Total Views
264
Views on SlideShare
264
Embed Views
0

Actions

Likes
0
Downloads
0
Comments
0

0 Embeds 0

No embeds

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

    La dissoluzione dell’etica nell’età della tecnica La dissoluzione dell’etica nell’età della tecnica Presentation Transcript

    • La dissoluzione dell’Etica nell’età della Tecnica Impossibilità e necessità dell’etica nel Regno della quantità Società Italiana di Chirurgia nell’Ospedalità Privata XII Congresso SICOP Chirurgia Privata Accreditata Realtà ed Eccellenze Medaglia di Rappresentanza Presidente della Repubblica Italiana Giorgio Napolitano Presidente del Congresso Daniele Enrico Maria Maggiore 8-9-10 settembre 2011 Varese, ATA Hotel mercoledì 6 novembre 2013 In collaborazione con WWW.XIICONGRESSOSICOP.IT Pier Paolo Dal Monte Bologna, Italia
    • La vita della comunità è retta dall’immaginazione. L’intero maestoso spiegamento di ordine e stabilità è compaginato da un delicatissimo velo di sogni. Una trama di archetipi lo eresse e incessantemente lo regge Elemire Zolla mercoledì 6 novembre 2013
    • mercoledì 6 novembre 2013
    • Quale etica per quale società? Libertà-uguaglianza-fraternità? Etica kantiana? Etica liberale? I dieci comandamenti? Shar’ia? “Mano invisibile del mercato”/ lassaiz faire? Etica capitalistica e “ascesi mondana”? mercoledì 6 novembre 2013
    • “Edificare il regno dei cieli sulla terra” presuppone che si sappia in cosa esso debba consistere mercoledì 6 novembre 2013
    • Benessere e “felicità” PIL e indicatori alternativi di benessere Il Genuine Progress Indicator (GPI), Human Development Index Better Lives Dashboard (OECD) Buthan: FIL Gross National Nappiness (Felicità interna lorda) mercoledì 6 novembre 2013
    • Benessere? Felicità? mercoledì 6 novembre 2013 Salute Prosperità Famiglia felice Lavoro sicuro Carriera Viaggi Donne Serenità Tempo libero Sicurezza Lunghe vacanze etc etc etc
    • Reggente del Buthan: Dharmaraja “Governatore del Dharma” mercoledì 6 novembre 2013
    • Dharma: indoiranico dhar- "tenere assieme, sostenere" indoiranico Dhe- “stabilire” Dharma: “ciò che sostiene, ciò che è stabilito” Mahabarata: “ciò che mantiene l’universo e sostiene i popoli” Dhe- gr. themis: “legge divina” (nomos basileus) Religione: Re-Legere: riunire, raccogliere Re-ligare: legare assieme , tenere uniti mercoledì 6 novembre 2013
    • Dharma: “Ordine cosmico” Ordo Kosmos “Esiste nel mondo un ordine ontologico reale, non solo come ordinamento estraneo alla natura delle cose,ma come sua struttura ontica fondamentale” Raimon Panikkar Questo ordine regola la vita del cosmo, nonchè quella dell’individuo e della società mercoledì 6 novembre 2013
    • L’obbligo dell’individuo consiste nel seguire il proprio Dharma (Svadharma) cioè la legge che regola il corso della sua esistenza nell’armonia del cosmo e della società (destino) Chi esce dal proprio destino senza farvi ritorno vedrà morta la propria anima Chuang Tzu mercoledì 6 novembre 2013
    • Etica mercoledì 6 novembre 2013
    • Etica L’idea del bene è quella scienza suprema in riferimento alla quale le cose giuste e le altre diventano utili e giovevoli. E se noi non conosciamo questa scienza, anche se conoscessimo esattamente tutte le altre cose, non ne deriverebbe alcun vantaggio. Platone, Repubblica VI.505a-b mercoledì 6 novembre 2013
    • Etica Il possesso di molte scienze, quando non è accompagnato dalla scienza di ciò che è meglio, poche volte è utile e il più delle volte danneggia Platone, Alcibiade II mercoledì 6 novembre 2013
    • Etica e epistemologia Epi-steme: ciò che sta sopra Primato della Theoria sulla praxis (della contemplazione sull’azione) L’azione doveva essere guidata dai Principi Primato dell’etica sulla tecnica mercoledì 6 novembre 2013
    • mercoledì 6 novembre 2013
    • Anzi, Dio sa che quando voi ne mangiaste, si aprirebbero i vostri occhi e diventereste come Dio, conoscendo il bene e il male" Genesi, 3.5 Il Signore Dio disse allora: "Ecco l'uomo è diventato come uno di noi, per la conoscenza del bene e del male. Ora, egli non stenda più la mano e non prenda anche dell'albero della vita, che ne mangi e viva sempre!" Genesi, 3.22 mercoledì 6 novembre 2013
    • Ma lo scaltro Prometeo l’ingannò quando nascose in una canna cava la scintilla del fuoco esuberante che si accende e riluce di lontano Zeus grande tuono si sdegnò nel cuore quando vide brillare tra i mortali il fuoco che si vede di lontano. Esiodo: Teogonia 905-915 CORO: Non sei forse trascorso ad altro eccesso? Promèteo: Dal fissare il destin distolsi gli uomini. CORO: Quale farmaco a tal morbo trovasti? Promèteo: Nei lor petti albergai cieche speranze. CORO: Gran beneficio fu questo per gli uomini. Promèteo: Ed oltre a questo, il fuoco a lor donai. CORO: Il fuoco, occhio di fiamma, ora posseggono? Promèteo: E molte arti dal fuoco apprenderanno. CORO: E Giove, dunque, per queste ragioni... Eschilo: Prometeo incatenato mercoledì 6 novembre 2013
    • Tecnica e etica “L’arte è molto più debole della necessità” (La tecnica è molto più debole della natura) Eschilo: Prometeo incatenato, v.514 Sfera della technè: neutrale dal punto di vista etico, L’uomo era troppo piccolo rispetto agli elementi Le imprese dell’uomo non potevano influenzare il caratere immutabile della natura mercoledì 6 novembre 2013
    • L’avvento dell’età moderna (rivoluzione scientifica, cartesianesimo) ha cambiato i modi di pensare dell’uomo. Mutamento della visione del mondo, della concezione e del metodo della conoscenza mercoledì 6 novembre 2013
    • Età Moderna Perdita del primato della Vita contemplativa sulla vita attiva Galileo, Bacone, Keplero, Newton: Moderne scienze sperimentali La conoscenza deriva dall’esperimento effettuato mediante strumenti tecnici Bacone Scienza: mercoledì 6 novembre 2013 “Dissezione della natura” -> Isolamento delle sue parti Prescinde da tutti gli aspetti della natura che non sono “quantitativi”
    • Età Moderna Moderna concezione scientifica L’uso degli esperimenti a fini conoscitivi venne a significare che si può conoscere solo ciò che si fa Verità e Conoscenza potevano essere raggiunte solo dall’azione e non dalla contemplazione La natura poteva essere conosciuta solo se scomposta in “processi”che l’uomo poteva riprodurre in esperimenti Hannah Arendt mercoledì 6 novembre 2013
    • Età Moderna Moderna concezione scientifica Galileo (Qualità “primarie e qualità “secondarie”): Carattere quantitativo della realtà naturale. La conoscenza vera della realtà naturale è la conoscenza della quantità La conoscenza matematica, è la conoscenza della natura mercoledì 6 novembre 2013
    • Età Moderna Moderna concezione scientifica Cartesio: Res cogitans e res extensa: Natura come “meccanismo” Scissione tra “Mondo dello spirito” e mondo della materia (estensione) Conoscenza scientifica della rex extensa: geometria, calcolo matematico ” Dopo che l’ordine oggettivo della natura si è liquidato come mito e pregiudizio, rimane la natura come massa di materia” T.W.Adorno, M. Horkeimer: Dialettica dell’illuminismo mercoledì 6 novembre 2013
    • Età Moderna Moderna concezione scientifica o “Metafisica della scienza” La natura è priva di significato e tendenza finalistica Non esistono teleologie ma solo schemi meccanicistici Meccanicismo: azione e reazione L’istante che segue è determinato soltanto da quello precedente (vis a tergo) Ciò significa che la natura è indifferente alle distinzioni di valore Se non assegna valori, allora permette tutto mercoledì 6 novembre 2013
    • Età Moderna Moderna concezione scientifica o “Metafisica della scienza” Non diversamente dal resto della natura l’uomo è l risultato di un’evoluzione casuale La sua spinta ad agire è motivata da impulsi e istinti Fenomeni sociali e politici determinati dalla “legge di natura” (Hobbes, Adam Smith, Jevons, Bentham, Quesnay, Malthus, Helvetius, Mandeville, Ricardo) mercoledì 6 novembre 2013
    • Età Moderna Natura come “materia” da dominare Bacone: La scienza è capacità di dominio della natura, “questa pubblica meretrice” Il valore della scienza è la sua capacità di condurre l’uomo al dominio del mondo Cartesio La scienza deve condurre l’uomo a divenire “dominator et possessor mundi” ” Dopo che l’ordine oggettivo della natura si è liquidato come mito e pregiudizio, rimane la natura come massa di materia” T.W.Adorno, M. Horkeimer: Dialettica dell’illuminismo mercoledì 6 novembre 2013
    • Età Moderna Natura come “materia” da dominare Il mondo, dopo essere diventato l’oggetto della conoscenza dell’uomo, diventa l’oggetto dell sua volontà “i cieli non proclamano più la gloria di Dio, ma il materiale fornito dalla natura è lì per essere usato dall’uomo” Hans Jonas mercoledì 6 novembre 2013
    • Tecnica Volontà di potenza Volontà di imporsi al tutto Mezzo per tutti i fini La tecnica è la condizione universale per realizzare qualsiasi scopo La tecnica non è più un mezzo, ma il primo scopo perché senza il possesso della tecnica nessuno scopo è realizzabile mercoledì 6 novembre 2013
    • Mezzi e fini Il “dominio del mondo” è uno scopo in continuo divenire ed è considerato una sorta di predeterminazione “ontologica” insita nella condizione umana Non essendovi limite al fine, non può esservene neppure alla volontà di moltiplicare i mezzi per perseguire questo irraggiungibile fine mercoledì 6 novembre 2013
    • La tecnica è giunta ad ad un punto tale che si trasforma e progredisce senza un intervento “decisivo” dell’uomo, grazie ad una sorta di forza interna che la spinge a crescere […] Non accade come conseguenza delle azioni umane, ma come risultato cumulativo delle proprie procedure, dove li effetti si addizionano in modo tale che gli esiti finali non sono più riconducibili agli agenti iniziali” Jacques Ellul mercoledì 6 novembre 2013
    • Tecnica e etica La tecnica non è la semplice articolazione di giudizi di fatto ma è il supremo “giudizio di valore” Efficienza: criterio di successo della tecnica mercoledì 6 novembre 2013
    • Cause delle azioni Aristotele: Fisica, Metafisica Causa Formale: Causa finale: Causa materiale: Causa efficiente: idea o principio archetipico che governa un evento scopo o fine cui l’azione tende ciò su cui si agisce e che viene modificato dall’azione ciò che materialemente provoca l’azione Statua Idea dell’oggetto: Causa formale Bell’oggetto: Causa finale o scopo Marmo: Causa materiale Scultore: Causa efficiente mercoledì 6 novembre 2013
    • Cause delle azioni Età moderna Le cause finali sono superflue per la spiegazione causale Autosufficienza delle cause efficienti mercoledì 6 novembre 2013
    • Il mito dell’efficienza La causa efficiente fa si che le azioni avvengano Quando si considera come unica causa, non importa cosa avviene o per quale scopo avviene I mezzi diventano fini: il fare qualcosa diventa l’unica giustificazione indipendentemente da quello che si fa mercoledì 6 novembre 2013
    • Efficienza “Generalmente lavoravo nel mio ufficio fino alle 11 - c’era molto lavoro d’ufficio. Poi facevo un altra ispezione. A quell’ora erano già molto avanti col lavoro [..] A mezzogiorno pranzavo, poi un altro giro e altro lavoro d’ufficio” “Ma lei non poteva cambiare tutto questo?” chiesi io. Non poteva far cessare quelle nudità, quegli orrori?” “No, no, no! quello era il sistema. Funzionava. E dal momento che funzionava era irreversibile” Gitta Sereny: In quelle tenebre mercoledì 6 novembre 2013
    • Efficienza Non era stupido, era semplicemente senza idee. Era semplicemente una persona completamente calata nella realtà che aveva davanti: lavorare, cercare una promozione, riordinare numeri sulle statistiche, etc. Più che lʼintelligenza gli mancava la capacità di immaginare cosa stesse facendo. Hannah Arendt: La banalità del male mercoledì 6 novembre 2013
    • Efficienza L’età della tecnica delimita la competenza. L’opera si è ridotta a professionalità, a perfetta esecuzione tecnica: schiacciare il bottone giusto al momento giusto. Ciascuno è responsabile soltanto della buona esecuzione del proprio segmento di processo. mercoledì 6 novembre 2013
    • Siamo persuasi che la tecnica sia un mezzo nelle mani dell’uomo e che quindi l’uomo abbia un governo sulla tecnica? mercoledì 6 novembre 2013
    • Tecnica e etica Il livello di competenza dei prodotti tecnico-scientifici è tale che non si è più all'altezza della decisione, perché il problema che ci si pone è aldilà della nostra competenza Noi disponiamo di un'etica all'altezza dell'età della tecnica, per cui l'etica diventa impotente Può solo implorare la tecnica di non fare ciò che può fare. Ciò che appare inquietante è l’immenso divario tra i poteri di azione della tecnica sviluppati attraverso la scienza e l’incapacità degli scienziati di criticare questo potere, a dominarlo in maniera efficace Jacques Ellul mercoledì 6 novembre 2013
    • Tecnologia e etica I legge della tecnologia: Bisogna fare tutto quelo che si può fare II legge della tecnologia: Si deve impiegare tutto ciò di cui si dispone Dennis Gabor 30.815 testate nucleari nel mondo (BBC,2005) Clonazione umana OGM Controllo mentale Nanotecnologie mercoledì 6 novembre 2013
    • ...Tuttavia... L’agire cumulativo tecnologico è di tipo nuovo per quanto riguarda gli oggetti e le dimensioni, e non è più neutrale sotto il profilo etico mercoledì 6 novembre 2013
    • Nella storia non esiste il baloccarsi con esperimenti perché tutto ciò che si annuncia, affermando modestamente di svolgersi soltanto in veste di esperimento, avviene immediatamente “una volta per tutte” […] perché ciò che è stato provato diventa destino, ciò che è stato diventa una indelebile porzione di storia Gunther Anders Non si può disinventare la bomba atomica mercoledì 6 novembre 2013
    • Necessità dell’etica Non appena si presentano il potere di fare e il suo impiego entra in gioco l’etica Ogni azione deve sottostare a limitazioni morali (e giuridiche) La neutralità etica non esiste quando sono in gioco soggetti umani mercoledì 6 novembre 2013
    • Arte medica Arti o tecniche: dirette allo sfruttamento e al dominio dell’ambiente Arte (technè) medica: diretta al bene del suo oggetto “Arte di guarire” Non creare, ma ripristinare lo stato “naturale” di salute Il bene del paziente è definito dalla natura: Integrità di tutte le funzioni organiche mercoledì 6 novembre 2013
    • Etica e arte medica Siccome il suo scopo è guarire, curare e alleviare le sofferenze, l’arte medica è stata sempre eticamente indiscutibile Tuttavia, dato il progresso tecnico, può compiere atti e si può prefiggere scopi che esulano dalla dal compito specifico dell’arte medica e dalla neutralità etica mercoledì 6 novembre 2013
    • Etica e “nuovi bisogni” L’evoluzione tecnologica stessa crea fini e bisogni nuovi (Non vi sarebbe stato bisogno della definizione di Harvard di “morte cerebrale” se la tecnica non fosse stata in grado di prolungare “indefinitamente” la sopravvivenza cellulare ) mercoledì 6 novembre 2013
    • Arte medica Ripristinare lo stato di natura Sterilizzazione chirurgica (nil nocere?) Interruzione gravidanza Contraccezione Espianto organi Chirurgia estetica Motivazioni diverse: Bene comune/stato di necessità individuale Sovrappopolazione Miseria Gravidanze età infantile Desiderata/sensu communis (pazienti) Condizioni di scarsità malthusiana Pazienti in attesa di trapianto Costi (triage) mercoledì 6 novembre 2013
    • Implicazioni della tecnologia Inizio e fine dell’esistenza Estensione della sopravvivenza Clonazione Selezione genetica Immagine del corpo Bonum humanum Senso della vita e della morte Dignità e integrità della persona Imago hominis mercoledì 6 novembre 2013
    • Implicazioni della tecnologia La morte non appare più come una necessità insita nella natura, ma come una prestazione organica disfunzionale a cui si può porre rimedio mercoledì 6 novembre 2013
    • Che cos’è la vita? Quello della vita è un concetto caratterizzato da convinzioni antiche e consolidate quanto da incertezze recenti e crescenti La determinazione dell'inizio e della fine della vita è sempre più problematica, con ripercussioni etiche ed epistemologiche evidenti L’ individuazione cognitiva dell' idea stessa di vita sembra ormai esser divenuta evanescente. mercoledì 6 novembre 2013
    • Che cos’è la vita? Pensiero “tradizionale”: la vita possiede una dimensione sia immanente che trascendente Non di solo pane vivrà l’uomo Matteo,4.4 Aristotele: vita buona Infatti non in quanto uomo egli vivrà in tal maniera, ma in quanto in lui v’è qualcosa di divino Etica Nicomachea, 1177 Uomo: corpo, anima e spirito (intelletto) mercoledì 6 novembre 2013
    • Che cos’è la vita? Età moderna Uomo: composto da res cogitans e res extensa Inesplicabile combinazione tra mente e corpo Scissione tra facoltà di pensiero (ragione) e funzioni corporee Cartesio Uomo: automa provvisto di anima mercoledì 6 novembre 2013
    • Che cos’è la vita? Età moderna Scienza meccanicista: Vita come funzione meccanica Termodinamica: Ludwig Boltzmann: “La vita è la lotta per l’energia disponibile.. ”. Alfred Lotka: Sforzo egoistico di qualunque organismo e specie di accaparrarsi il massimo possibile di energia disponibile Erwin Schroedinger: Gli organismi mantengono costante la propria entropia traendo dall’ambiente bassa entropia per compensare l’aumento di entropia cui sono costantemente soggetti mercoledì 6 novembre 2013
    • Vita: Bios e Zoè La lingua greca esprime in diversi modi il concetto di vita Zoé: vita qua vivimus; Bios: vita quam vivimus Zoé indica la vita come fenomeno fisico; la vitalità che si esprime e si manifesta in tutti gli esseri organici Bios esprime il vivente nella sua individualità Il principio della sua individualità è dato dalla sua connessione con la psyché (lat. anima) mercoledì 6 novembre 2013
    • Vita: Bios e Zoè Tra bios e psyché il vincolo è ontologico, non biologico Solo ontologicamente si può percepire in un uomo vivente una unità superiore alla mera somma delle cellule che compongono il suo corpo. Ma ciò non comporta che bios sia destituito di ogni valore, perché è l'unico luogo in cui può manifestarsi la vita come psyché. mercoledì 6 novembre 2013
    • Vita: Bios e Zoè Al riguardo, è opportuno ricordare che esiste una sola "morte della persona", consistente nella totale dis-integrazione di quel complesso unitario ed integrato che la persona in se stessa è, come conseguenza della separazione del principio vitale, o anima, della persona dalla sua corporeità. La morte della persona, intesa in questo senso radicale, è un evento che non può essere direttamente individuato da nessuna tecnica scientifica o metodica empirica DISCORSO DI PAPA GIOVANNI PAOLO II AL 18° CONGRESSO INTERNAZIONALE DELLA SOCIETÀ DEI TRAPIANTI. 29 Agosto 2000 mercoledì 6 novembre 2013
    • Etica e pratica medica ...la conclusione sembra semplice. La mera manipolazione del bios non è intrinsecamente condannabile, è condannabile solo quando dalla sua manipolazione si rescinde il vincolo di senso che lo unisce alla psyché (e non è più distinguibile dalla zoè). Ogni pratica medica è eticamente giustificata non perché benefica sempre e comunque per il bios, ma in quanto orientata comunque a quel bene della persona, per la cui percezione il riferimento alla psyché è essenziale. mercoledì 6 novembre 2013
    • Se si giudica permanente una profonda perdita di coscienza, allora i mezzi straordinari per l’ulteriore mantenimento della sopravvivenza non sono obbligatori. Si possono sospendere e consentire al paziente di morire Papa Pio XIII: Allocutio ad participantes XI Congressum Societatis Italicae de anaesthesiologia, die 24 febr. 1957 Allocutio circa queestionem de “reanimatione”, die 24 nov. 1957 Nell’imminenza di una morte inevitabile nonostante i mezzi usati, è lecito in coscienza prendere la decisione di rinunciare a trattamenti che procurerebbero soltanto un prolungamento precario e penoso della vita, senza tuttavia interrompere le cure normali dovute all’ammalato in simili casi. Sacra Congregazione per la Dottrina della Fede,Dichiarazone sull’eutanasia, il 5 maggio 1980.”Jura et bona” mercoledì 6 novembre 2013
    • Definizione di morte Maggio 1968: Definizione di Harvard: morte = “morte cerebrale” A Definition of Irreversible Coma: Report of Ad Hoc Committee of The Harvard Medical School to Examine the Definition of Brain Death. JAMA, 205,1968. PP.337-340 3 dicembre 1967: primo trapianto di cuore mercoledì 6 novembre 2013
    • Definizione di Harvard La necessità di una definizione si impone per due ragioni: (1) il miglioramento delle misure di rianimazione e di prolungamento della vita ha prodotto un impegno sempre maggiore per salvare persone affette da lesioni disperatamente gravi. A volte questi sforzi hanno un successo soltanto parziale e quello che ci troviamo di fronte è un individuo il cui cuore continua a battere, pur in presenza di un cervello irrimediabilmente danneggiato. Il peso di questa situazione è enorme non solo per i pazienti, ormai totalmente privi di intelletto, Riguarda il paziente (il paziente è il fine): decisione medica ma anche per le loro famiglie, per gli ospedali e per tutti coloro che hanno bisogno di posti letto già occupati da pazienti in coma. (2) L'uso di criteri obsoleti per la definizione di morte cerebrale può ingenerare controversie nel reperimento degli organi per i trapianti Non riguarda il paziente (il paziente è un mezzo ): decisione non medica ma “sociale” (bene comune) mercoledì 6 novembre 2013
    • Alcune aporie Hans Jonas Il cervello è “morto”, abbiamo un organismo con “tutto meno il cervello”, mantenuto in stato di vita parziale e artificiale: che fare di lui ? (è un paziente o no?) Se un paziente in coma è morto, non è più un paziente ma un cadavere al quale poter fare tutto ciò che è consentito dalla legge Perché non tenere a disposizione il corpo come banca di organi vivi o come fabbrica di sangue, ormoni o cellule o altro, perchè non usarlo per sperimentazioni tossicologiche, immunologiche, infettivologiche, o di farmacologiche? Non si può rispondere a questa domanda con una definizione di morte, ma con una definizione dell’uomo e di che cos’è la vita umana mercoledì 6 novembre 2013
    • Conclusioni Il movimento del sapere moderno, che si basa sul “pensiero calcolante” (Heiddegger) o autosufficienza delle cause efficienti, ha eroso i fondamenti (che possono soltanto essere ontologici) dai quali dovrebbero derivare le norme, anzi, ha distrutto l’idea stessa di norma Autosufficienza delle cause efficienti •La tortura è efficace ed efficiente per ottenere informazioni •La pena di morte è efficace ed efficiente come pena dissuasiva •L’accanimento terapeutico è efficace per prolungare la sopravvivenza •La castrazione è efficace ed efficiente per ottenere cantanti dalla bella voce •La crudeltà è efficace come strumento di dominio •L’esecuzione capitale è efficace per ottenere organi da trapiantare mercoledì 6 novembre 2013
    • Conclusioni In molti casi nemmeno il pensiero finalistico è in grado di discernere come vada tutelata l’imago hominis: sarebbe necessaria una coraggiosa affermazione ontologica, per evitare che l’etica si perda nelle antinomie insolubili dell'esperienza empirica. mercoledì 6 novembre 2013
    • Ciò che è veramente inquietante non è che il mondo si trasformi in un completo dominio della tecnica. Di gran lunga più inqietante è che l’uomo non è affatto preparato a questo radicale mutamento del Mondo. Di gran lunga più inquietante è non siamo capaci di raggiungere, attraverso un pensiero meditante, un confronto adeguato con ciò che sta realmente emergendo nella nostra epoca. […] E allora l’uomo avrebbe rinnegato, avrebbe gettato via il suo carattere più proprio: la sua essenza pensante Martin Heidegger, L’abbandonoo mercoledì 6 novembre 2013
    • Non ti ho fatto né celeste né terreno, né mortale né immortale, perché di te stesso quasi libero e sovrano artefice ti plasmassi e ti scolpissi nella forma che avresti prescelto. Tu potrai degenerare nelle cose inferiori che sono i bruti; tu potrai, secondo il tuo volere, rigenerarti nelle cose superiori che sono divine. Giovanni Pico della Mirandola, Oratio de hominis dignitate mercoledì 6 novembre 2013
    • Grazie per l’attenzione Grazie per l’attenzione Grazie per Grazie per l’attenzione l’attenzione mercoledì 6 novembre 2013