• Share
  • Email
  • Embed
  • Like
  • Save
  • Private Content
Hacking e cinema
 

Hacking e cinema

on

  • 3,254 views

Lezione del 16 marzo 2012 sui rapporti tra la figura dell'hacker e le rappresentazioni cinematografiche.

Lezione del 16 marzo 2012 sui rapporti tra la figura dell'hacker e le rappresentazioni cinematografiche.

Statistics

Views

Total Views
3,254
Views on SlideShare
847
Embed Views
2,407

Actions

Likes
0
Downloads
0
Comments
0

1 Embed 2,407

http://cyberspacelaw.wordpress.com 2407

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Microsoft PowerPoint

Usage Rights

CC Attribution-NonCommercial-ShareAlike LicenseCC Attribution-NonCommercial-ShareAlike LicenseCC Attribution-NonCommercial-ShareAlike License

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

    Hacking e cinema Hacking e cinema Presentation Transcript

    • Hacker cultureProf. Pierluigi PerriUniversità degli Studi di Milano – 15 marzo 2012
    • L‟hackingLa figura dell‟hacker e dell‟hacking ha sempresuscitato un certo fascino da “ribelle”Per questo motivo, l‟industria culturale si èsempre dedicata con attenzione aglihacker, nelle sue diverse forme Hacker movies Hacker books Hacker games Hacker art
    • Hacker movies
    • Hollywood incontra il computer
    • DistinguoFilm che trattano di hacking e cyberpunkFilm creati da hackerFilm che raccontano storie di hacker
    • La “madre” di tutti i film hacker
    • La storiaDavid è molto bravo coi computerRiesce ad accedere ai computer della scuola e a“truccare” i voti suoi e della sua amica del cuoreJenniferUn giorno, però, riesce ad entrare in un computerdella difesa americano: il NORAD
    • Il NORAD
    • I modem degli anni „80
    • Vuoi giocare?
    • Guerra termonucleare globale
    • Le conclusioni del computer
    • La “mamma” di tutti i film cyberpunk
    • La storiaKevin Flynn è un programmatore di software per videogame in lotta contro laEncom, una potente società di informatica il cui direttore, Dillinger, anni primaha fatto carriera facendo passare per suoi alcuni videogiochi in realtà creati dalgiovane tecnicoLe prove di tale truffa sono nascoste nel sistema informatico della Encom e ilMaster Control Program (MCP), un sofisticato software di intelligenzaartificiale,protegge i dati grazie a un avanzatissimo sistema anti-intrusione, che impedisce a Flynn di infiltrarsi nel sistema per recuperare leprove del furto delle proprie creazioni.Per riuscirci vi infiltra una propria "utility di sembianza codificata" (CodedLikeliness Utility, CLU), ossia un suo alter egoUna volta allinterno del sistema, Flynn scopre con sua grande sorpresa che iprogrammi realizzati da lui e dai suoi colleghi formano un universo parallelo, lacui esistenza consiste nelleseguire i comandi che vengono impartiti dalprogramma in funzione.Nel caso dei videogame, ad esempio, questi esseri virtuali devono combatteresenza sosta, giocandosi lesistenza in base alle sfide proposte dal giocostesso.
    • Il discobolo dell‟era modena
    • Tron fan
    • Hackers
    • La storiaL‟hacker “zero cool” viene arrestato in quanto accusato diaver violato 1.507 sistemi in un giorno, compreso il New YorkStock ExchangeGli viene impedito di possedere o utilizzare computer fino alcompimento del 18 annoAppena compie 18 anni, zero cool chiama una televisionelocale e, tramite tecniche di social engineering, riesce aintrufolarsi nel loro sistema informatico e a cambiare ilprogramma TV in ondaNel corso di questa operazione viene “attaccato” dall‟hackerAcid Burn e si presenta a questa con il suo nuovo nick: CrashOverrideCostituiscono una crew che, tra varie vicende, scopre il virus“Da Vinci” incaricato di sottrarre denaro da transazionifinanziarie mediante la “salami tecnique”.
    • I signori della truffa
    • Truffe mediatiche“Questo microfono LTX71 è identico a quello cheusò la NASA quando mandarono in onda i falsiallunaggi dellApollo. Trasmisero le immaginidegli astronauti in mondovisione da un hangardella base aerea Norton di San Bernardino inCalifornia. Se ha funzionato per loro, funzioneràanche per noi”.
    • La storiaMartin Bishop è a capo di un‟agenzia che si occupa di pen-testI suoi dipendenti sono tutti pregiudicati per reati informaticiLui è l‟unico che non è mai stato identificato e catturatoViene incaricato dalla NSA di trasportare in maniera sicura uncongegno in grado di decifrare tutte i codici crittografici denominato“SETEC Astronomy”Il ricercatore inventore del congegno viene assassinato, e si scopreche gli agenti della NSA sono in realtà spie di una potenza stranieraIl suo vecchio compagno di scorribande, Cosmo, denuncia Bishoprivelandone l‟identità, per cui l‟unico modo per evitare il carcere èquello di riprendere il congegno superando i meccanismi di sicurezzaideati da Cosmo
    • Nirvana
    • La storiaStoria che risente molto di influssi gibsonianiUn virus infetta una copia di un videogame e faprendere coscienza della propria esistenza alpersonaggio principale del gioco (Diego Abatantuono)Il personaggio principale chiede di essere distruttoperché la consapevolezza della sua condizione gli èinsopportabilePer far questo, bisogna introdursi nei computer dellaOkosama Star al fine di cancellare la copia masterdel giocoPer entrare in questo computer, però, bisogna“volare”Concezione quasi antropomorfa delle macchine
    • Christopher Lambert
    • Matrix
    • La storiaUn tranquillo programmatore è, in realtà, un temibilehacker di nome NeoViene contattato da un altro famoso hacker, Morpheus, ilquale gli mostra che la realtà non è quella che vede, mache si sta combattendo una sanguinosa guerra tra lemacchine e gli esseri umani ancora “scollegati”, ovvero glihackerLa leggenda dice che un hacker, detto “l‟Eletto”, possamodificare Matrix a proprio piacimentoMorpheus, quindi, addestra Neo convinto che sia l‟ElettoNeo acquisice quella consapevolezza necessaria perprogrammare Matrix
    • Il codice
    • Il codice “creatore”
    • La filosofia“Non cercare di piegare il cucchiaio. È impossibile.Cerca invece di fare l‟unica cosa saggia: giungerealla verità”.Riferimento al mito della caverna di Platone: gliumani assuefatti dal sistema sono gli uominiincatenati che percepiscono il mondo sulla base delleombre proiettate sul muro, gli abitanti del mondoreale sono quelli che si sono liberati e, con dolore,hanno sopportato la luce del sole.Tutti i “liberati”, però, vogliono liberare i “prigionieri”,seppur da questi vengano derisi.
    • Ubiquità della tecnologia“Matrix è ovunque. È intorno a noi. Ancheadesso, nella stanza in cui siamo. È quello chevedi quando ti affacci alla finestra, o quandoaccendi il televisore. L‟avverti quando vai alavoro, quando vai in chiesa, quando paghi letasse. È il mondo che ti è stato messo davantiagli occhi per nasconderti la verità”.
    • La scelta dell‟hackerPillola rossa o pillola blu?
    • The Net
    • La storiaAngela Bennett è unesperta informatica in gradodi localizzare virus ed errori nellaprogrammazione dei software.Un giorno per aiutare un collega scopre qualcosadi sconcertante in rete, e da quel momento verràperseguitata da un gruppo di hacker, chiamati"Pretoriani", che le renderanno la vita un incubo.
    • Il problema dell‟identitàvirtuale che supera l‟identità realeTutto il film ruota intorno al tema dell‟identità edei possibili utilizzi che si possono fare nelmomento in cui alteri l‟identità di una persona.Difficoltà per il soggetto reale di “sconfiggere”l‟identità virtuale.Problema della fiducia cieca nelle tecnologie.E ora che i social network diventano il nostro“passepartout identificativo”?
    • Miti da sfatareCorretto inquadramento della tecnologia e dellasua complessitàProspettive di lavoro per chi “buca” i sistemiProspettive di conquista di potenziali partner
    • Tecnologia e complessità
    • Hacking e lavoro
    • A meno che non siate…
    • Prospettive “sentimentali” veicolate dai film…
    • Aspetti comuniRibellione verso il “sistema”Circolo chiusoRicerca spasmodica della verità
    • E i cartoons?